Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 164

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.parrocchiasantafamiglia.net/home/components/com_fsf/helper/glossary.php on line 241

domeniche precedenti

 

 

DOMENICA II DEL NATALE

 

PRIMA LETTURA                                Sir 24,1-4.12-16 (NV) [gr. 24,1-2.8-12]

 

Dal libro del Siràcide

 

La sapienza fa il proprio elogio,

in Dio trova il proprio vanto,

in mezzo al suo popolo proclama la sua gloria.

Nell’assemblea dell’Altissimo apre la bocca,

dinanzi alle sue schiere proclama la sua gloria,

in mezzo al suo popolo viene esaltata,

nella santa assemblea viene ammirata,

nella moltitudine degli eletti trova la sua lode

e tra i benedetti è benedetta, mentre dice:

 

«Allora il creatore dell’universo mi diede un ordine,

colui che mi ha creato mi fece piantare la tenda

e mi disse: “Fissa la tenda in Giacobbe

e prendi eredità in Israele,

affonda le tue radici tra i miei eletti” .

 

Prima dei secoli, fin dal principio, egli mi ha creato,

per tutta l’eternità non verrò meno.

Nella tenda santa davanti a lui ho officiato

e così mi sono stabilita in Sion.

 

Nella città che egli ama mi ha fatto abitare

e in Gerusalemme è il mio potere.

Ho posto le radici in mezzo a un popolo glorioso,

nella porzione del Signore è la mia eredità,

nell’assemblea dei santi ho preso dimora».

 

testo precedente 1 La sapienza loda se stessa,

si vanta in mezzo al suo popolo.

 

L’autore sacro ci presenta la sapienza come persona. Nel primo impatto con il testo noi percepiamo una forma letteraria. Tuttavia alla luce della piena rivelazione noi ascoltiamo queste parole nello Spirito e «siamo rapiti alla contemplazione delle realtà invisibili» (prefazio del Natale) per cui la parola pronunciata lungo il cammino storico della rivelazione traluce della pienezza del mistero. Questo mistero è la Sapienza di Dio (cfr. 1Cor 1,24: ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, predichiamo Cristo potenza di Dio e sapienza di Dio).

Quando mai la sapienza si loda e si vanta in mezzo al suo popolo? Quando rivela se stessa. Così nell’evangelo secondo Giovanni Gesù loda se stesso nel momento in cui rivela il suo rapporto con il Padre sia nel parlare che nel compiere le sue opere. Il testo del Siracide non lascia intravedere l’impatto drammatico di questa rivelazione come invece ci è narrato negli scritti evangelici.

 

2 Nell'assemblea dell'Altissimo apre la (+ sua) bocca,

si glorifica davanti alla sua potenza:

 

L’assemblea dell’Altissimo è il popolo di Dio, Israele. Questo è il luogo dove essa apre la sua bocca, cioè si fa conoscere attraverso la Legge, i profeti e i saggi. Quindi chi la cerca deve cercarla in seno a Israele perché solo qui l’ascolta. Per questo il Signore Gesù ha parlato solo in seno a Israele.

Lo stesso verbo (si glorifica presente nel v. precedente e là tradotto con si vanta) mette in parallelo il suo popolo con la sua potenza. La potenza di Dio è quindi il suo popolo. Il popolo di Dio è chiamato tale perché è attraverso di esso che Dio manifesta la sua potenza contro i suoi avversari. Infatti noi siamo deboli cioè noi abbiamo questo tesoro in vasi di creta, perché appaia che questa potenza straordinaria viene da Dio e non da noi (2 Cor 4,7). Tuttavia gli eletti sono la sua potenza, come sempre insegna l’Apostolo: In realtà, noi viviamo nella carne ma non militiamo secondo la carne. Infatti le armi della nostra battaglia non sono carnali, ma hanno da Dio la potenza di abbattere le fortezze, distruggendo i ragionamenti e ogni baluardo che si leva contro la conoscenza di Dio, e rendendo ogni intelligenza soggetta all'obbedienza al Cristo (2 Cor 10,3-5).

Nel mistero infatti la sua Chiesa è contemplata come vittoriosa nella celebre visione della donna nell’Apocalisse (cfr. 12,1: Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle).

 

3 «Io sono uscita dalla bocca dell'Altissimo

e ho ricoperto come nube la terra.

 

La Sapienza dichiara di essere uscita dalla bocca dell’Altissimo. Queste parole si riferiscono sia alla sua origine che alla sua missione. Ella è uscita quando Dio all’inizio disse: «Sia la luce» infatti lodino tutti il nome del Signore, perché egli disse e furono creati (Sal 148,5). Tutto è stato creato mediante la Sapienza e tutto ne porta l’impronta. Lirano afferma: «Bocca dell’Altissimo è detta la potenza generativa del Padre, con cui è prodotto il verbo spirituale come mediante la bocca è prodotto il verbo sensibile» (cit. in C. A Lapide, p. 536). Nell’atto di uscire per la sua missione la Sapienza non abbandona Colui da cui proviene; come infatti la nostra parola da noi uscita nell’atto di entrare nell’altro non ci abbandona così «molto più la Parola uscita da Dio Padre non può abbandonare il seno del Padre. Infatti lo stesso Figlio dice: “Io sono venuto dal cuore del Padre” (Sir 24) e il Padre dice: Ha proferito il mio cuore il Verbo buono (Sal 44)» (Agnello di Ravenna cit. in C. A Lapide p. 537).

E ho ricoperto come nube la terra. La nube è segno della presenza di Dio e nello stesso tempo lo nasconde (cfr. Es 33,9). Allo stesso modo la Sapienza rivela e nasconde Dio.

Si può riferire anche al momento iniziale: la Sapienza ricopriva di tenebre la terra prima che in essa splendessero le operazioni che in forza della luce primigenia l’avrebbero ornata e resa abitabile e feconda (cfr. Gn 1,2).

Queste tenebre quindi non indicano una situazione di caos ma una situazione simile alla creatura racchiusa nel grembo materno e che sta per essere partorita.

Come lo Spirito aleggiava sull’acqua per dare vita, così la Sapienza ricopriva la terra per dare forma alle sue creature fino al momento culminante della creazione dell’uomo. Qui sulla creta la Sapienza ha impresso la sua immagine e lo Spirito ha infuso la sua stessa vita mentre stupivano gli angeli contemplando l’uomo  di poco loro inferiore, coronato di gloria e di maestà (cfr. Sal 8,6).

 

4 Ho posto la mia dimora lassù,

il mio trono era su una colonna di nubi.

 

Lassù lett.: nelle altezze. Qui vi è la dimora di Dio come è detto nel Sal 112,4-6 LXX: Eccelso su tutte le genti il Signore, sopra i cieli la sua gloria. Chi come il Signore nostro Dio che abita nelle altezze e guarda su ciò che è piccolo nel cielo e sulla terra? La Sapienza ha quindi la sua dimora dov’è Dio al di sopra perciò di tutte le creature.

L’espressione su una colonna di nubi ricorre nel Salterio; essa indica il luogo di Dio stesso. È scritto infatti nel Sal 98,7: parlava a loro nella colonna di nubi. La rivelazione di Dio e quindi della stessa Sapienza avviene attraverso la colonna di nubi che ha sempre guidato il suo popolo non solo nel deserto ma anche lungo tutto il suo cammino. Si legge in Is 19,1: Ecco, il Signore cavalca una nube leggera ed entra in Egitto.

 

8 Allora il creatore dell'universo mi diede un ordine,

il mio creatore mi fece posare la tenda

e mi disse: Fissa la tenda in Giacobbe

e prendi in eredità Israele.

 

Dall’intimo mistero di Dio alle sue operazioni nella creazione la Sapienza ora riceve un ordine da parte del creatore dell’universo. La Sapienza lo chiama suo creatore. Se riferiamo queste parole alla pienezza della rivelazione, cioè al Verbo del Padre, il Signore nostro Gesù Cristo noi possiamo allora percepire che questa tenda posta e fissata in Giacobbe è la sua Incarnazione come leggiamo nel prologo di Giovanni: E il Verbo si fece carne e venne ad abitare(lett.: fissò la sua tenda) in mezzo a noi. Tuttavia dalla pienezza noi cogliamo la luce su quanto precede per cui possiamo dire che la Sapienza ha fissato la sua tenda in Giacobbe e ha preso in eredità Israele quando si consegnò nella Legge, nei profeti e nei saggi. Prima di divenire Carne la Sapienza divenne Parola. Ella si rese presente nel linguaggio umano del popolo d’Israele mentre negli altri popoli mandò deboli luci (cfr. At 17,27: perché cercassero Dio, se mai arrivino a trovarlo andando come a tentoni, benché non sia lontano da ciascuno di noi).

 

9 Prima dei secoli, fin dal principio, egli mi creò;

per tutta l'eternità non verrò meno.

 

Prima dei secoli, per tutta l’eternità è quanto precede e segue il tempo concepito come un segmento ben definito per l’uomo dalla nascita e dalla morte e per tutte le creature dall’atto creativo e dalla loro cessazione essendo dominate dalla vanità, come insegna il Qoelet. La Sapienza quindi è oltre il limite e i condizionamenti del tempo, non è quindi soggetta al variare come lo è la sapienza dell’uomo che non può varcare il limite di ciò che è sotto il cielo. Questa è pertanto una sapienza empirica condizionata dal mutare delle cose e degli avvenimenti e che è utile per vivere sotto il cielo. L’atto costitutivo della Sapienza è perciò collocato prima del ritmo del tempo, cioè nel principio e si estende senza alterazione fino all’eternità. Essendo in Dio, cioè nello stesso principio senza principio di giorni né fine di vita (Eb 7,3), noi dobbiamo accogliere il verbo creare nell’accezione di dare origine. Infatti essendo originata nell’eternità la Sapienza non è creata ma generata, come c’insegna la rivelazione piena.

Il verbo greco, che abitualmente traduciamo con creare (ktizein), ha un significato più ampio, cioè quello di dare origine. «Ma questo significato era stato lentamente dimenticato a partire dal IV secolo: la crisi ariana aveva portato a restringere il senso di ktizein e a fare di questo verbo un sinonimo di poiein (fare) che evocava la creazione in senso stretto» (M. Fedou, La sagesse et le monde, Paris 1995, p. 284). Perciò i padri precedenti a Nicea non si stupivano di trovare questo verbo applicato sia qui che in Prov 8,22 alla Sapienza divina.

 

10 Ho officiato nella tenda santa davanti a lui,

e così mi sono stabilita in Sion.

 

Il culto nella tenda santa e nel tempio (Sion) era guidato dalla Sapienza cioè rifletteva le realtà celesti e future, come c’insegna la Lettera agli ebrei (cfr. 8,5: «Questi però attendono a un servizio che è una copia e un'ombra delle realtà celesti, secondo quanto fu detto da Dio a Mosè, quando stava per costruire la Tenda: Guarda, disse, di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte»; 9,23: Era dunque necessario che i simboli delle realtà celesti fossero purificati con tali mezzi; le realtà celesti poi dovevano esserlo con sacrifici superiori a questi).

 

11 Nella città amata mi ha fatto abitare;

in Gerusalemme è il mio potere.

 

La Sapienza non solo abita nella tenda santa quindi tra i sacerdoti che officiano il culto secondo la Legge ma anche nella città amata là dove convengono i saggi, i giudici e i re per esercitare il potere. È lei stessa che attraverso loro lo esercita.

 

12 Ho posto le radici in mezzo a un popolo glorioso,

nella porzione del Signore, sua eredità.

 

Non solo i sacerdoti e i grandi del popolo sono il luogo della Sapienza ma anche tutto il popolo che viene glorificato perché segue la Sapienza ed è porzione del Signore scelta da tutti i popoli ed è la sua eredità cioè in mezzo al suo popolo Dio viene onorato. La Sapienza prepara così a Dio il suo popolo perché lo riceva come sua eredità.

Questo è stato pure il compito del Signore, la Sapienza del Padre, che ha voluto preparare non solo il popolo d’Israele ad essere l’eredità del Signore ma anche tutti i popoli della terra unificandoli in sé.

 

SALMO RESPONSORIALE                                                     Sal 147

 

R/.  Il Verbo si è fatto carne

      e ha posto la sua dimora in mezzo a noi.

 

Celebra il Signore, Gerusalemme,

loda il tuo Dio, Sion,

perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte,

in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli.                                                  R/.

 

Egli mette pace nei tuoi confini

e ti sazia con fiore di frumento.

Manda sulla terra il suo messaggio:

la sua parola corre veloce.                                                                    R/.

 

Annuncia a Giacobbe la sua parola,

i suoi decreti e i suoi giudizi a Israele.

Così non ha fatto con nessun’altra nazione,

non ha fatto conoscere loro i suoi giudizi.                                            R/.

 

SECONDA LETTURA                                                   Ef 1,3-6.15-18

 

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

 

1 Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo,

che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo.

 

La benedizione è ascendente (Benedetto) e discendente (che ci ha benedetto). Essa sale perché è discesa.

1) è presenza personale di Dio nel suo intimo mistero Padre, Figlio e Spirito Santo.

«Questo capitolo mi scoraggia sempre, tuttavia sottolineo alcune parole: ogni benedizione spirituale nei cieli: sento più di altre volte l'aggettivo spirituale, che viene dallo Spirito Santo; la benedizione è il dono dello Spirito che ci fa trascendere la nostra natura umana e ci fa essere nelle regioni celesti. Vedi 2,6: Con lui ci ha anche risuscitati e ci ha fatto sedere nei cieli, in Cristo Gesù, molto importante; dunque benedizione che consiste nell'infusione dello Spirito Santo che ci con/vivifica e ci fa ascendere nelle regioni celesti; tutto questo avviene in Cristo. Questi è scaturigine e termine di questa operazione» (d. Giuseppe Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 7.11.1973)).

2) è il dono dello Spirito Santo (benedizione spirituale). Ed è quindi ogni benedizione. Non è un dono parziale ma completo.

«Con ogni benedizione. Che cosa ci manca, infatti? Sei divenuto immortale, sei divenuto libero; sei divenuto figlio, sei divenuto giusto; sei divenuto fratello; sei divenuto coerede: con lui regni, con lui sei glorificato. Tutto è stato donato e - come sta scritto - come non vi donerà anche, con lui, ogni cosa? (Rm 8,32). La tua primizia (cf. 1Cor 15,20.23) è adorata dagli angeli, dai cherubini, dai serafini: che cosa ti manca ormai?

In Cristo. Questa benedizione, cioè, è stata data mediante Cristo Gesù, non mediante Mosè: siamo quindi superiori non soltanto per la qualità della benedizione, ma anche - come dice nella lettera agli Ebrei - a motivo del mediatore (cf. Eb 3,5s)» (Crisostomo).

«Con ogni benedizione spirituale. Chi ha donato i carismi del divino Spirito, ci ha dato la speranza della risurrezione, le promesse dell'immortalità, l'assicurazione del regno dei cieli, la dignità dell'adozione filiale: ecco ciò che chiama benedizioni spirituali» (Teodoreto).

3) è forza dinamica della vita: benedetti, siamo sempre più benedetti e cresciamo in forza della benedizione fino alla forma perfetta (4,7-16).

4) ci colloca nello spazio celeste, che è Cristo.

L'essere di Cristo: "è lo spazio". Collocati in Cristo nelle regioni celesti, già abbiamo la "caparra" dei beni futuri e attendiamo il loro pieno manifestarsi.

«nei cieli, cioè, i beni dei quali parteciperemo abitando nel cielo. Intende infatti dire dei beni futuri, come la risurrezione e l'immortalità che ci sarà allora, e che non potremo più peccare, ma resteremo immutabili nel bene (Teodoro).

Tra noi e le creature celesti la differenza non è più abissale, ma è solo questione del compiersi del tempo.

 

4 In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo

per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità,

 

ci ha scelto prima della creazione del mondo. «Vedi parallelo: Gv 17,24: Padre, voglio che anche quelli che mi hai dato siano con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che mi hai dato; poiché tu mi hai amato prima della creazione del mondo. Ora fa molta impressione che di noi si dica ciò che Cristo dice di sé, questo rafforza l’espressione precedente: in Cristo. Cristo è amato dal Padre prima della creazione e in Lui noi pure siamo stati chiamati. La creazione è subordinata a questa scelta di Dio; quindi la creazione dipende da questo disegno di Dio; tutta la storia universale è dipendente dall'amore preveniente che Dio ha per uno dei suoi piccoli» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 7.11.1973).

Per essere santi e immacolati. «Santi in modo radicale, dinanzi a Lui in quella luce che svela le macchie dei suoi santi. Quanto è esigente! È santità luminosa che resiste alla sua luce; nell'amore, elemento positivo e dinamico di questa santità e immacolatezza» (idem). La carità è infatti il luogo e il clima in cui noi siamo chiamati a vivere.

Il disegno originale di Dio non è stato annientato dal peccato, infatti la nostra elezione non è dopo il peccato di Adamo ma prima della creazione del mondo. Ogni uomo, che appare sulla faccia della terra, fa parte di questo disegno originale di Dio. A tutti è annunciata la salvezza.

 

5 predestinandoci a essere per lui figli adottivi

mediante Gesù Cristo,

secondo il disegno d’amore della sua volontà,

 

Non solo ci ha chiamati a essere santi e immacolati, ma ci ha predestinati all'adozione filiale; e qui si rivela a noi il cuore grande del Padre, la sua gioia intima nel portare in tal modo a compimento la sua opera mediante il suo Cristo.

 

6 a lode dello splendore della sua grazia,

di cui ci ha gratificati nel Figlio amato.

 

L’elargizione del dono non è proporzionata a noi ma è finalizzata alla lode dello splendore della sua grazia, che essendo tale è gratuita.

In Cristo, che è il Diletto, noi compiamo questo itinerario: il riscatto attraverso il suo sacrificio che è la remissione dei peccati. Questo avviene non tanto in rapporto ai nostri sforzi quanto piuttosto in rapporto alla sua grazia (7). Questa sovrabbonda in noi e si rivela nel dono di ogni forma di sapienza e d’intelligenza (8) che ci rendono capaci di conoscere il mistero della sua volontà. Questo è la rivelazione del suo beneplacito, stabilito fin dall'eternità in Cristo (9) e che si realizza ora, cioè nella pienezza dei tempi. Questo disegno è di riportare tutto sotto la sovranità di Cristo, in modo che non vi sia nulla sulla terra e nei cieli che non sia in rapporto a Cristo e con Lui armonizzato (10).

 

15 Perciò anch’io [Paolo], avendo avuto notizia della vostra fede nel Signore Gesù e dell’amore che avete verso tutti i santi, 16 continuamente rendo grazie per voi ricordandovi nelle mie preghiere,

 

La fede è qualcosa di visibile che si ode. È nel cuore ed è professata con le labbra. La voce che una Chiesa fa udire è quella della sua fede in Gesù. Coloro che hanno udito la parola della verità, l'Evangelo della salvezza loro, fanno ora udire la loro fede. Infatti la fede è frutto dello Spirito (Gal 5,22) con il quale sono stati sigillati in Cristo (1,12s) quando hanno creduto. L'Apostolo è in incessante azione di grazie perché vede fiorire l'Evangelo che ha annunciato.

Anche l'amore è frutto dello Spirito (Gal 5,22). L'amore, agape, è tale se si rivolge verso tutti i santi. L'amore umano va per esclusione, l’agape per inclusione: infatti dice l'apostolo ai Romani (5,5): l'amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.

Lo Spirito dilata il nostro cuore, lo purifica e lo rende capace di amare tutti i santi di tutte le generazioni. Lo stesso discorso l'Apostolo lo fa ai Colossesi (1,3 s.)

Questa è l'opera dell'Evangelo: là dove c'erano le opere della carne, ora c'è il frutto dello Spirito e questo frutto dello Spirito è il cuore dell'Eucaristia dell'Apostolo,

La presenza delle due virtù di base della vita cristiana, strettamente collegate tra loro, porta l’apostolo al continuo rendimento di grazie unito al ricordo orante.

 

17 affinché il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; 18 illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi.

 

«v. 17-18. Questo spirito di sapienza cristiana in che consiste? Deve produrre la conoscenza di Lui, il Dio di Cristo: deve portare la conoscenza del Dio di Cristo come Padre della gloria: l'oggetto di ogni sapienza e rivelazione non è Dio più tante cose, ma Dio in quanto Dio di Cristo e Padre della Gloria. Sento molto come lo sforzo di conoscenza su tanti oggetti sia pure nell'intenzione di condurli a Dio, qui la cosa è più assoluta, si tratta di conoscere Lui come dice il Signore: Cercate prima di tutto ecc. e poi avremo una scienza più grande di Salomone. In vista di che? Mi colpisce come questa illuminazione dei cuori sia data per vivere la speranza della nostra chiamata. Conoscere il Dio di Cristo produce in noi quel fatto esistenziale che viviamo la speranza della nostra vocazione: se uno conoscendo il Dio di Cristo intravede la ricchezza della Gloria di Dio intravede quell'infinita potenza che ha risuscitato Cristo e lo ha posto in alto e vede che anche noi siamo posti al di sopra di tutte le creature nella stessa grandezza del Dio di Cristo che ha generato questo trascendimento. Non è tanto che esista nell'oggetto in sé di questa rivelazione ma nell'oggetto esistenziale di essa di essere così assorbiti da questa speranza di vivere come vive il Cristo e di trovarvi anche noi tutte le cose assoggettate ai nostri piedi. Anche questo esistenzialmente - Conoscere il Dio di Cristo: mi ha colpito molto» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 10.11.1973).

 

CANTO AL VANGELO                                                Cf. 1 Tm 3, 16

 

R/.                                                                                 Alleluia, alleluia.

 

Gloria a te, o Cristo, annunziato a tutte le genti;

gloria a te, o Cristo, creduto nel mondo.

 

R/.                                                                                               Alleluia.

 

VANGELO                                                                              Gv 1,1-18

 

 Dal vangelo secondo Giovanni

 

[In principio era il Verbo,

e il Verbo era presso Dio

e il Verbo era Dio.

 

In principio era il Verbo. In principio Dio creò il cielo e la terra (Gn 1,1). Creò nel suo Verbo. Creando lo manifestò. Lo rivelò come Colui che in principio era, che non ha principio di giorni né fine di vita (Eb 7,3): non è misurabile dal tempo e non è contenuto nello spazio. Egli è il principio della creazione di Dio (Ap 3,14), Egli è l'alfa e l’omega, il principio e la fine (ivi, 21,6). Egli appare separato dalla creazione perché in principio era il Verbo.

Il Verbo, la Parola. Così è chiamato il Figlio di Dio nel suo essere rivelato dal Padre. Egli è chiamato il Verbo della vita (1 Gv 1,1) e il Verbo di Dio (Ap 19,13). Egli è la Parola che appartiene a Dio e ha in sé la vita. Giovanni lo contempla nel suo pieno rivelarsi: Il Verbo si fa Carne. Da questa rivelazione risale al suo rivelarsi nel principio della creazione. Dio non si rivela in altro modo se non in Lui. Egli non è attributo di Dio o un'espressione della sua potenza; è Lui, Gesù, distinto dal Padre e Uno con Lui (10,30). Infatti il Verbo era presso Dio. Presso o con, indica relazione. Quando la creazione iniziò, il Verbo era presso Dio. Colui che abbiamo conosciuto come vero uomo, era presso Dio. Giunta la sua ora, egli così prega: «E ora glorificami tu, Padre, presso di te, con la gloria che avevo, prima che il mondo fosse, presso di te» (17,5). Perché non appaia che il Verbo nella sua relazione con il Padre sia creatura, anche la più sublime, subito aggiunge: E il Verbo era Dio.

 

Egli era, in principio, presso Dio:

 

L'evangelista fa una sintesi di quanto ha precedentemente detto. Costui, il Verbo, era, da sempre, in principio, al momento del suo manifestarsi nella creazione, presso Dio. A questo vertice della contemplazione era pure rapito il Salmista quando cantava al Cristo le parole paterne dell’ineffabile generazione: Con te è il principio nel giorno della tua potenza tra gli splendori dei tuoi santi; dal seno prima della stella del mattino ti ho generato (Sal 109,3 LXX). L'Evangelo ha la sua origine in Dio, là dove il Verbo è presso Dio.

 

tutto è stato fatto per mezzo di lui

e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.

 

Tutte le cose, sia quelle visibili che quelle invisibili, quelle nei cieli e quelle sulla terra (cfr. Col 1,16). Nel contemplare il Figlio, l'autore sacro così si esprime: in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose e per mezzo del quale ha fatto anche il mondo (Eb 1,2). Benché il saggio affermi che tutte le cose sono vanità (Qo 1,1), tuttavia dobbiamo affermare che tutte le cose per mezzo di Lui furono fatte. La vanità è il velo di morte che il peccato ha steso su tutta la creazione e che solo il Cristo può togliere, come è detto in Is 25,7: Egli strapperà su questo monte il velo che copriva la faccia di tutti i popoli e la coltre che copriva tutte le genti.

Per mezzo di Lui, cioè del suo Verbo. L'Evangelista contempla l'opera della Redenzione che il Padre ha operato per mezzo del suo Cristo, il suo Verbo e per analogia risale al principio della creazione. Come Egli è il Verbo che, mediante la sua Carne, ha operato la Redenzione, così Egli è il Verbo che, vibrato dal Padre, in principio ha dato origine a tutte le cose. Attraverso di Lui il Padre ha dato vita a tutto come attraverso di Lui ha ricuperato ciò che era perduto. Egli può redimere perché ha creato.

Rafforza quanto ha detto con una frase negativa: e senza di Lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste. Senza di Lui, cioè fuori di Lui: nessuna creatura può dichiarare di aver origine senza il Verbo. Allo stesso modo nessuno può essere salvo senza di Lui. Nessuno può affermare di esistere senza di Lui: «L'Evangelista lo afferma per insegnare che tutte le cose permangono nell'essere mediante il Verbo e nel Verbo, secondo l'espressione paolina: Tutto sostiene con la potenza del suo Verbo (Eb 1,13)» (S. Tommaso). Egli stesso dice: «Senza di me non potete fare nulla» (15,5). Come siamo continuamente creati per mezzo di Lui così siamo continuamente redenti per mezzo di Lui, cioè siamo graziati. Ricevere grazia significa essere chiamati incessantemente all'esistenza non solo quella secondo natura ma anche secondo l'essere figli di Dio.

L'immutabile volontà del Padre, che fa essere tutte le cose mediante il suo Verbo, fa sì che tutte siano stabilmente costituite nell'essere al punto da ritenere questo una proprietà della natura anziché un dono della sua grazia.

Tuttavia ogni uomo, che riesce a vedere in se stesso il suo pensiero libero dalle passioni, può contemplare in sé il riflesso del Verbo divino, perché la sua mente tende a cercare Colui che la illumina.

Allo stesso modo nel suo corpo egli non tende alla morte ma alla vita e all’immortalità.

Questo perché in ogni uomo il Verbo ha posto le sue “ragioni” cioè le energie benefiche e ristoratrici che riconducono l’uomo alla sua origine.

 

In lui era la vita

e la vita era la luce degli uomini;

 

La tradizione ci ha trasmesso due letture.

La prima così legge: ciò che esiste in Lui era vita. Questa è la lettura che segue anche Agostino che così la spiega: «la sapienza di Dio, per mezzo della quale tutte le cose sono state fatte, contiene l'idea di tutte le cose prima ancora che esse siano fatte; da ciò deriva che quanto è stato fatto, è vita in lui» (I, 17). Tommaso così commenta Agostino: «In Dio l'intendere è anche la sua vita e la sua essenza, perciò tutto quello che si trova in Dio, non soltanto vive, ma è la sua stessa vita, perché tutto ciò che è in lui è la sua essenza. In Dio quindi la creatura è l'essenza creatrice. Perciò se si considerano le cose come esistono nel Verbo, esse sono vita» (91).

La seconda lettura dà inizio alla frase così: In Lui era la vita. Nel Verbo, per mezzo del quale tutto ha avuto origine, era la vita, come egli stesso dice: «Come il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso» (5,26). Egli è il Verbo della vita (1 Gv 1,2). La vita, che è in lui, è la vita stessa di Dio, che a noi è data, come è detto nella 1 Gv: E la testimonianza è questa: Dio ci ha dato la vita eterna e questa vita è nel suo Figlio (5,11). L'Evangelo non ci fa più volgere lo sguardo al Paradiso di Eden nel quale era l'albero della vita (cfr. Gn 3,9), ma ci fa vedere il Verbo nel quale era la vita.

E la vita era la luce degli uomini. Come la luce fu creata all'inizio, come segno della vita e della gioia (Gn 1,9), così ora per gli uomini risplende il Verbo come luce che dà la vita. In che modo il Verbo risplende tra gli uomini? In Gesù che dice: «Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita» (8,12). La vita si manifesta come luce per gli uomini per condurli a partecipare di se stesso. Gli uomini ascoltando il Verbo, che si è fatto Carne, vedono la luce. Le loro menti sono illuminate dalla conoscenza della verità. Credendo hanno la vita.

Il cammino della fede è quindi la restaurazione delle facoltà naturali dell’uomo, che finalmente libere da inganno e da inclinazione al male, per la forza inerente del peccato, possono rivolgersi a Colui dal quale provengono e nel quale hanno la loro connaturale abitazione.

Noi contempliamo nel Verbo il disegno originante la creazione per poi vedere in Gesù, il Verbo fatto Carne, la sua restaurazione, soprattutto nei confronti di noi uomini.

 

la luce splende nelle tenebre

e le tenebre non l’hanno vinta.]

 

La luce splende nelle tenebre. All'inizio Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre (Gn 1,4). Dicendo che la luce splende nelle tenebre afferma che il Verbo di Dio, in quanto luce degli uomini, risplende in mezzo a noi che giacevamo nelle tenebre e nell'ombra di morte (cfr. Is 1,9). Come la luce è separata dalle tenebre, così egli è separato dai peccatori (cfr. Eb 7,26), tuttavia Egli risplende nelle tenebre. La luce naturale, al suo comparire dissipa le tenebre, il Verbo risplende nelle tenebre. Questo tempo è ancora caratterizzato dal fatto che la luce coesiste con le tenebre. Gli uomini infatti se vogliono la luce devono accoglierla, come è detto più avanti: E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio (3,19-21). Essi devono aprire gli occhi interiori per cogliere la luce del Verbo che già risplende.

Risplende la luce nelle tenebre ma le tenebre non l'hanno accolta. Con questa traduzione si rivela il rifiuto che le tenebre fanno della luce. Nel verbo tuttavia si può cogliere anche il significato di “afferrare, vincere”. Le tenebre non possono afferrare e vincere le luce, cioè rivendicare in essa qualcosa di proprio perché Dio è luce e tenebra alcuna in Lui non c'è (1 Gv 1,5). Infatti egli dichiara che il principe di questo mondo non ha nessun potere su di Lui (14,30).

 

Venne (lett.: Ci fu) un uomo mandato da Dio:

il suo nome era Giovanni.

 

Ci fu un uomo. Il Verbo era, costui fu fatto: era una creatura. Anch'egli fu fatto per mezzo del Verbo. Quando fu concepito nel seno materno, egli ricevette la sua missione. Questo accadde al profeta Geremia (Ger 1,5) e all'Apostolo Paolo (Gal 1,15); questo accade a ogni uomo plasmato a immagine e somiglianza di Dio. Cosa significa infatti essere immagine e somiglianza di Dio se non riflettere nella propria creaturalità un raggio dell'infinita bellezza e santità di Dio? Questo proprio che ciascun uomo ha in rapporto all'unico Dio è la sua missione.

Fu mandato da Dio. Costui dice di sé: «Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua» (1,33) e altrove dice: «Non sono io il Cristo, ma io sono stato mandato innanzi a Lui» (3,28). Egli ha coscienza che Dio lo ha inviato. Il Verbo, che lo ha plasmato, è la luce che lo illumina e gli comunica la vita perché egli sia testimone.

Nell'Evangelo di Luca si dice che la parola di Dio fu su Giovanni, figlio di Zaccaria nel deserto (3,2). Il Verbo di Dio, come fu nei profeti, fu pure su Giovanni e si rivelò a lui come già presente in mezzo al suo popolo. Mentre i profeti precedenti cercavano di indagare a quale momento o a quale circostanza accennasse lo Spirito di Cristo che era in loro, quando prediceva le sofferenze destinate a Cristo e le glorie che dovevano seguirle (1 Pt 1,11), Giovanni è inviato perché la luce già risplende nelle tenebre.

Non a caso l'evangelo dà molto risalto al nome: e il suo nome era Giovanni. Questo nome è stato scelto da Dio (Lc 1,13). «L'Evangelista conferma tutto questo mediante il verbo che usa: dice infatti era, appunto perché si riferisce alla predisposizione divina» (Tommaso). Nel nome poi è rivelata la missione: “Dio fa grazia”; preannuncia l'Evangelo che sta per essere annunciato. È apparsa infatti la grazia di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli uomini (Tt 2,11).

 

Egli venne come testimone

per dare testimonianza alla luce,

perché tutti credessero per mezzo di lui.

 

Costui venne per la testimonianza. Poiché era profeta, dette testimonianza a quello che aveva udito e visto. Infatti la testimonianza di Gesù è lo spirito di profezia (Ap 19,10). Essendo un vero profeta rese testimonianza alla luce, dichiarò che Gesù era la luce. Udì la voce del Padre, vide scendere e rimanere sul Cristo lo Spirito, udì la voce dello Sposo e dichiarò di essere amico dello Sposo. Avendo in sé lo Spirito della profezia, Giovanni fu illuminato dalla luce e riconobbe in Gesù quella luce che lo illuminava, e come vedendola per primo, non più in modo debole ma chiaro, dichiarò a tutti chi era la luce. L'interiore illuminazione, di cui Giovanni godette, testimoniava che la luce era sorta e già risplendeva nelle tenebre. È scritto: La tua parola nel rivelarsi illumina, dona saggezza ai semplici (Sal 119,139). Non solo in virtù dello Spirito di profezia ma anche con la propria vita Giovanni dette testimonianza alla luce. Illuminato dal Verbo che si rivelava come la vera luce, Giovanni lo accolse in sé perché in lui non c'erano le tenebre. Gli uomini poi, vedendo la santità della sua vita e ascoltando la testimonianza della sua parola, avrebbero dovuto credere per mezzo di lui. Giovanni, essendo una lampada che arde e risplende (5,35), doveva preparare gradatamente gli uomini ad accogliere la luce vera. Gli occhi, che sono abituati alle tenebre, non possono cogliere l'improvviso apparire della luce, benché questa si sia presentata agli uomini già adombrata dalla nube della carne.

In lui la Parola si manifesta con tale efficacia da volersi rallegrare alla sua luce (cfr. 5,35). Per questo aggiunge subito:

 

Non era lui la luce,

ma doveva dare testimonianza alla luce.

 

Egli non era la luce. Per quanto sublime sia la profezia, essa è pur sempre testimonianza e bisogna sempre saper cogliere all'interno della parola profetica la luce stessa. Mosé e i Profeti non sono la luce ma rendono testimonianza alla luce che risplende nella loro stessa parola perché questa è Parola di Dio. L'unica Parola risplende nella Legge e nei Profeti. Avendo conosciuto il Cristo, abbiamo visto la Luce; noi sappiamo che la Legge e i Profeti non sono la luce ma in loro la luce si rivela in virtù della conoscenza evangelica. Perciò Giovanni e tutti i profeti danno testimonianza alla luce.

 

[Veniva nel mondo la luce vera,

quella che illumina ogni uomo.

 

La vera luce. Dopo aver affermato che Giovanni non era la luce, ora dichiara ancora chi sia la luce, quella che finora risplendeva solo nella creazione, nella Legge, nei profeti di cui il più grande è Giovanni il Battista. La novità ora consiste in questo che la luce ha iniziato a risplendere in se stessa non più mediata dalle creature: per questo la chiama vera.

Gesù afferma: «Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre ma avrà la luce della vita» (8,12). Egli illumina ogni uomo perché è la luce del mondo. Ogni uomo è illuminato da Cristo, la vera luce, ma è libero di accettare o rifiutare la luce, come dice altrove: gli uomini hanno amato le tenebre più della luce (3,19). Per essere non solo colpiti dalla luce, ma illuminati, Gesù ci comanda di seguirlo. La sequela si esprime nel comando nuovo in virtù del quale le tenebre se ne vanno e la luce vera già risplende (cfr. 1 Gv 2,8). La luce vera ora illumina ogni uomo attraverso l'annuncio evangelico e l'amore fraterno dei discepoli di Gesù.

 

Era nel mondo

e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;

eppure il mondo non lo ha riconosciuto.

 

Il Verbo era nel mondo, «c'era in quanto Dio, vi è venuto in quanto uomo» (Agostino). In principio il Verbo era presso Dio ed era nel mondo. Era presso Dio perché Dio ed era nel mondo perché l'uomo fu fatto a sua immagine e somiglianza. Ora dov'è l'immagine ivi è pure l'archetipo: dov'è l'uomo ivi è pure il Verbo di Dio. Questi era dunque presente nel mondo attraverso l'uomo.

Il mondo fu fatto per mezzo di lui. Come un'opera porta impressa in sé l'impronta del suo artefice, così l'uomo e con lui tutte le creature riflettono in se stessi la sua immagine. Ma, mentre l'artefice si distacca dalla sua opera, il Verbo non si allontana dalle sue creature perché queste non possono esistere senza di Lui. «È con la presenza della sua maestà che crea ciò che fa; è la sua presenza che governa ciò che ha fatto» (Agostino). Soprattutto è presente in noi uomini che possiamo conoscerlo e deliziarci della sua presenza ma, constata amaramente l'evangelista, il mondo non lo conobbe. Poiché la porta del mondo è l'uomo e questi si è lasciato dominare da ciò che è nel mondo, il Verbo è stato rifiutato nella sua stessa casa. Preferendo la conoscenza delle cose mondane alla conoscenza del Verbo, gli uomini hanno come trascinato in questo rifiuto la stessa creazione che, a causa del peccato dell'uomo, è stata assoggettata alla vanità (Rm 8,20).

 

Venne fra i suoi,

e i suoi non lo hanno accolto.

 

Il Verbo venne nella sua proprietà, Israele, come Egli stesso dice: «Io sono venuto nel nome del Padre mio e non mi accogliete» (5,43).

Israele è la sua proprietà, come è detto nel Siracide: «Allora il creatore dell'universo mi diede un ordine, il mio creatore mi fece posare la tenda e mi disse: Fissa la tenda in Giacobbe e prendi in eredità Israele» (24,8).

Ma i suoi non l'hanno accolto, come dice Stefano alla conclusione del suo discorso: «O gente testarda e pagana nel cuore e nelle orecchie, voi sempre opponete resistenza allo Spirito Santo; come i vostri padri, così anche voi. Quale dei profeti i vostri padri non hanno perseguitato? Essi uccisero quelli che preannunciavano la venuta del Giusto, del quale voi ora siete divenuti traditori e uccisori; voi che avete ricevuto la legge per mano degli angeli e non l'avete osservata» (At 7,51-53). Egli è stato rifiutato prima in Mosè e nei profeti e poi in se stesso.

 

A quanti però lo hanno accolto

ha dato potere di diventare figli di Dio:

a quelli che credono nel suo nome,

i quali, non da sangue

né da volere di carne

né da volere di uomo,

ma da Dio sono stati generati.

 

A quanti però l'hanno accolto, sia tra quelli che erano nel mondo sia tra i suoi che erano nella sua proprietà, ha dato potere di diventare figli di Dio. Quelli che lo hanno accolto non sono solo coloro che vivono nella pienezza dei tempi, ma sono anche coloro che sono vissuti nelle generazioni precedenti e lo hanno accolto con fede nel suo rivelarsi nelle promesse, nelle figure della Legge, nei misteri delle profezie e negli enigmi dei saggi.

A quanti lo hanno accolto, in tutte le generazioni, ha dato potere di diventare  figli di Dio, quando si è fatto Figlio dell'uomo. Nelle precedenti generazioni hanno ricevuto la promessa di essere figli e quindi eredi, ora hanno ricevuto il potere di diventarlo.

Nella parola potere si esprime sia la grazia del diventare figli come pure la libertà di scelta, come afferma Agostino: «Diciamo che esiste questo potere quando alla volontà è unita la facoltà di fare. Per cui si dice che ha potere colui che, se vuole, fa e, se non vuole, non fa» (De Spiritu et litera, cap. 31). Ci è dato il potere di diventare per la presenza del Figlio di Dio che a noi si rivela nel suo Evangelo. Diventano infatti figli coloro che credono nel suo nome. Non c'è fede senza evangelo, non c'è evangelo senza annuncio e non c'è annunzio senza rivelazione. Coloro che credono nel suo nome, che si rivela nell'annuncio evangelico, diventano figli di Dio. Essendo il suo nome oggetto della fede, vuol dire che è il nome stesso di Dio. Accogliere Gesù significa credere che in Lui si rivela il Nome come suo Nome personale.

A coloro che hanno creduto al suo Nome, il Verbo ha dato il potere di diventare figli di Dio, cioè di essere in una tale comunione con Lui da diventare in Lui, il Figlio, essi pure figli. La fede quindi è l'incessante passaggio dal non essere all'essere in forza della comunione con Gesù. Passare dal non essere all'essere significa diventare figli di Dio. Noi uomini non possiamo essere se non essere figli nel Figlio di Dio. Fuori di Lui non siamo.

La generazione dei figli di Dio non è da sangue, letteralmente vi è il plurale: i sangui: esso può indicare sia il sangue del padre che quello della madre che, fondendosi, generano una nuova vita (cfr. Sap 7,1-2). Quanto al plurale, esso si trova ancora in Gn 4,10: i sangui di tuo fratello e Sanhedrin (4,5) commenta: «il suo sangue e il sangue della sua discendenza». Dopo aver escluso il sangue dalla generazione, l'evangelista esclude ora il volere della carne. È molto avvincente la lettura di S. Agostino che interpreta carne come donna. Dice infatti: «la donna qui è chiamata carne; perché ecco cosa disse Adamo, non appena la donna fu fatta con una sua costola: “Questa volta è carne dalla mia carne, è osso dalle mie ossa” (Gn 2,23). E l'Apostolo a sua volta: chi ama la donna sua, se stesso ama. E nessuno ebbe mai in odio la propria carne (Ef 5,28-29)». Altri preferiscono interpretare carne come «la sfera del naturale, dell'impotente, del superficiale, contrapposto a spirito, che è la sfera del celeste del reale (3, 6; 6, 63; 8, 15)» (Brown). La generazione dei figli di Dio non avviene pertanto dal grembo materno, come si domandava stupito Nicodèmo: «Come può un uomo nascere quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?» (3,4) e nemmeno ha il suo inizio nel desiderio, insito nella natura umana, che porta a generare. Essa quindi non è da volere di uomo. I figli di Dio, in quanto tali, non hanno un padre terreno, dal cui volere abbiano avuto origine.

Dopo aver escluso ogni apporto generativo della natura umana, ora afferma che da Dio sono stati generati.

Non l'uomo ma Dio è il principio di questa generazione. Essa avviene da Dio in virtù della Carne del Verbo. Ha come segno sacramentale l'acqua e come potenza generante lo Spirito (3,5: da acqua e da Spirito). Questa ineffabile generazione fa parte del disegno di Dio, dice infatti l'Apostolo Giacomo: Di sua volontà egli li ha generati con una parola di verità (1,18). Questo è il seme immortale, è la parola del Vangelo che ci è stata annunziato (cfr. 1 Pt 1,23-25). Noi siamo quindi incessantemente generati da Dio nell'annuncio; il battesimo ci fa essere figli perché ci rapporta alla parola evangelica: è questa infatti la forza generante di Dio. È nell'evangelo che si rivela la potenza di Dio (Rm 1,16).

 

E il Verbo si fece carne

e venne ad abitare in mezzo a noi;

e noi abbiamo contemplato la sua gloria,

gloria come del Figlio unigenito

che viene dal Padre,

pieno di grazia e di verità.

 

E il Verbo divenne carne. Il Verbo, che era in principio, divenne ciò che non era: carne. Egli si manifestò nella carne (1 Tm 3,16). Quando il Verbo di Dio apparve tra noi, si manifestò come uomo, nel corpo della sua carne (cfr. Col 1,22) e quindi soggetto alla morte. Infatti Dio mandò il proprio Figlio in una carne simile a quella del peccato (cfr. Rm 8,3).

E si attendò tra noi. Il Verbo fissò la tenda della sua carne tra noi uomini. La carne, che egli ha assunto, è la Tenda della divina presenza, il Tempio di Dio, come è detto in seguito: Egli parlava del Tempio del suo corpo (2, 21). Anche nella lettera agli Ebrei si parla di questa tenda e del velo, cioè della sua carne (10, 20). Attraverso le stimmate della sua morte in Croce, Cristo ha inaugurato la via nuova e vivente che noi possiamo percorrere per giungere a Dio. In Lui il Tempio è diventato a tutti accessibile.

In Lui, nel Cristo, noi contempliamo il Verbo non come uno da Lui diverso, perché Lui, Gesù di Nazareth, è il Verbo, il Figlio di Dio. S. Tommaso riassume l'insegnamento dei Padri che nel verbo abitare hanno colto la distinzione delle due nature e l'unica divina persona del Figlio: «Guardando alla natura, troviamo in Cristo la distinzione di due nature; se invece consideriamo la persona, troviamo che essa è una sola, identica nelle due nature; perché in Cristo la natura umana fu assunta nell'unità della persona. Quindi quando i santi parlano d’inabitazione, dobbiamo riferire questo termine alla natura, di cui si può dire che abitò tra noi; ma non si può riferire all'ipostasi, o persona, essendo questa identica per le due nature» (175).

E abbiamo visto la sua gloria, come lo stesso Giovanni afferma nella prima lettera: ciò che abbiamo visto con i nostri occhi, ciò che abbiamo contemplato (1 Gv 1,1). Poiché il Verbo si è fatto Carne, gli Apostoli non solo hanno visto la sua umiliazione ma anche la sua gloria.

La gloria, che Egli ha manifestato nei segni e nelle parole, esige ancora la fede. È necessario che gli occhi interiori siano illuminati perché possano vedere la sua gloria. Non tutti quelli che videro il Signore, videro la sua gloria, ma solo coloro che, nel vedere i segni che compiva e nell'udire le sue parole, credettero in Lui. Allo stesso modo anche oggi non tutti quelli che odono la sua Parola e ne contemplano i segni sacramentali possono vedere la sua gloria, ma solo coloro che, credendo, sono illuminati dallo Spirito Santo.

Gloria come di Unigenito dal Padre, la gloria del Cristo è quella dell'Unigenito dal Padre. «La particella come, secondo S. Gregorio (Moral.,1. 18, c. 6), vuol essere qui assertiva; e secondo il Crisostomo (In Jo., hom. 12, 1) ha significato modale» (S. Tommaso, 185). «La sua gloria, non è come quella degli angeli, o di Mosè, o di Elia, o di Eliseo o di qualsiasi altro, bensì come quella dell'Unigenito; perché come dice l'apostolo agli Ebrei (3,3): Egli è stato reputato degno di una gloria tanto maggiore in confronto di Mosé. E il salmista proclama: Chi è simile a Dio tra i figli di Dio? (Sal 88,7)» (id., 184).

La sua gloria non è tanto paragonabile a quella dell'unigenito ma è proprio quella che in Lui si rivela e lo rivela tale. «La particella come afferma che egli è veramente l'Unigenito di Dio oppure designa l'adeguato rapporto tra la persona dell'Unigenito Figlio di Dio e la gloria che gli conviene» (Natalis Alexander).

Il Verbo rivela la sua gloria come grazia e verità; Egli, divenendo Carne, si presenta a noi come Dio pieno di grazia e di verità. Egli non ha trovato grazia come è detto dei giusti, ma è pieno di grazia perché è l'Unigenito, infatti in Lui il Padre si compiace. Ed è pieno di verità «in quanto attuò le figure dell'Antico Testamento e le promesse fatte ai patriarchi. Lo ricorda S. Paolo: Dico infatti che Cristo si è fatto servitore dei circoncisi in favore della veracità di Dio, per compiere le promesse dei padri (Rm 15,8); e in 2 Cor 1,20: Tutte le promesse di Dio hanno trovato in lui il loro sì» (S. Tommaso, 190). Nelle parole grazia e verità rivela la sua missione e nell'aggettivo pieno il suo rapporto con il Padre e come Egli sia il compimento di tutto.

 

Giovanni gli dà testimonianza e proclama:

«Era di lui che io dissi:

Colui che viene dopo di me

è avanti a me,

perché era prima di me».

 

Giovanni grida. perché così è scritto di lui e questo afferma di se stesso: «Io sono voce di colui che grida nel deserto» (1,23). «Il termine gridare indica che lo faceva liberamente, senza paura. Isaia infatti esclama: Sali su un alto monte, tu che rechi liete notizie in Sion; alza la voce con forza, tu che rechi liete notizie in Gerusalemme. Alza la voce, non temere; annunzia alle città di Giuda: Ecco il vostro Dio! (40,9)... E in Isaia si legge, che i serafini gridavano l'uno all'altro (6,3), per esprimere così il fervore più intimo dello spirito» (S. Tommaso). Dopo il lungo silenzio della profezia è bastata questa iniziale rivelazione del Verbo divenuto Carne per fare gridare Giovanni. La sentinella, posta di vedetta, lo vede arrivare e dice: Chi è costui che viene da Edom, da Bozra con le vesti tinte di rosso? Costui, splendido nella sua veste, che avanza nella pienezza della sua forza? (Is 63,1). Lo vede, dà testimonianza e grida: «Questi era colui di cui ho detto». Dice era perché in principio era il Verbo e nello stesso tempo lo indica: questi.

Giovanni dunque ha detto questo: «Colui che viene dopo di me è stato posto davanti a me», si è rivelato più grande di me.

Gesù viene quindi dopo di lui come il Signore viene dopo il suo servo che lo annuncia. Da dove Giovanni fa derivare questa sua affermazione? Dal fatto che «era prima di me». Viene dopo come uomo ma è stato posto sopra di lui perché era prima di lui. In tal modo Giovanni apre la porta sulla divinità di Gesù. Nessun uomo, che viene dopo in ordine di tempo, può essere prima di un altro. Poiché era prima di Giovanni, Egli è prima di qualsiasi uomo; infatti la sua preesistenza non si colloca all'interno della generazione umana ma di quella divina.

 

Dalla sua pienezza

noi tutti abbiamo ricevuto:

grazia su grazia.

 

Alla voce degli apostoli e a quella di Giovanni si unisce la voce stessa della comunità dei credenti che può testimoniare che Gesù è il Verbo di Dio, l'Unico dal Padre, perché dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia di fronte a grazia. Egli è apparso in mezzo a noi pieno di grazia e di verità (v. 14) per donare a quanto lo hanno accolto dalla sua pienezza e grazia di fronte a grazia.

L'espressione e grazia di fronte a grazia è variamente interpretata. Essa può indicare le due economie, quella della Legge e quella dell'Evangelo. Anche la Legge ha una grazia dispensata dalla pienezza del Verbo. Questa grazia consiste, come dice l'apostolo Paolo, nella conoscenza del peccato (Rm 3,20). A questa grazia iniziale e imperfetta è stata aggiunta la grazia evangelica come remissione dei peccati e partecipazione alla vita divina.

In modo mirabile così commenta Crisostomo: «Vi è una duplice alleanza, un duplice battesimo, un duplice sacrificio, un duplice tempio e una duplice circoncisione. Vi sono così due specie di grazie, l'unica dell'Antico Testamento e l'altra del Nuovo. Ma all'Antico Testamento appartengono le figure, al Nuovo invece la verità che era stata figurata».

  1. Agostino invece vede nelle due grazie quella della fede e quella della vita immortale: «la stessa fede è grazia e la vita stessa è grazia su grazia».

 

Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,

la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.

 

Perché si collega a quanto precede e lo spiega. Noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia a differenza dei giusti dell'antica alleanza perché la Legge è stata data attraverso Mosè. In verità Mosè fu fedele in tutta la casa di lui come servitore, per rendere testimonianza di ciò che doveva essere annunziato più tardi; Cristo, invece, lo fu in qualità di Figlio costituito sopra la propria casa (Eb 3,5-6). Pur provenendo dal Verbo, la Legge è stata data attraverso il servo e tutti furono battezzati in Mosè nella nube e nel mare (1 Cor 10,2). Anche gli anziani ricevettero lo Spirito da Mosè (cfr. Nm 11,25). Il mediatore non è solo colui tramite il quale Dio fa il dono ma segna anche i limiti del dono stesso. Essendo egli servo, attraverso la Legge, dà testimonianza al Figlio attraverso norme e riti che sono simboli e figure di ciò che doveva essere annunziato più tardi.

Diversa è la situazione in cui la mediazione è quella del Verbo fatto Carne che è Gesù Cristo. L'Evangelo finalmente ne pronuncia il Nome: Gesù è il Cristo, il Verbo divenuto Carne. Egli è mediatore della grazia e della verità. Prima che divenisse uomo la grazia e la verità erano adombrate e profetizzate; facendosi visibile in mezzo a noi, Gesù Cristo ha fatto la grazia e la verità, le ha fatte passare dall'ombra delle figure e dalla profezia alla realtà. Attraverso di Lui è apparsa la grazia di Dio, apportatrice di salvezza di tutti gli uomini (Tt 2,11). Attraverso di lui Dio ha mostrato la fedeltà alle sue promesse e quindi la loro verità.

 

Dio, nessuno lo ha mai visto:

il Figlio unigenito, che è Dio

ed è nel seno del Padre,

è lui che lo ha rivelato.]

 

La fondamentale differenza tra Mosè e Gesù in rapporto alla rivelazione sta in questo: Mosè, essendo uomo, non ha mai visto Dio, Gesù invece, essendo l'Unigenito Dio, è nel seno del Padre.

Nessuno ha mai visto Dio: coloro infatti di cui la Scrittura afferma che hanno visto Dio, hanno visto «simboli figurativi del Signore, ma non la realtà della sua presenza» (S. Agostino).

Nessuno può dunque vedere Dio se non per la mediazione del Cristo perché questi è l'Unigenito Dio che è nel seno del Padre. Infatti solo dopo la sua glorificazione è possibile contemplare il Padre ma solo attraverso la sua Carne glorificata. Tutti contempleranno la natura divina attraverso la natura umana del Cristo. Questi, al contrario, vede Dio senza alcuna mediazione perché è l'Unigenito Dio. Divenendo uomo, non cessa di essere quello che è da sempre, cioè l'Unico del Padre, quindi Lui pure Dio, non separato dal Padre, è infatti nel suo seno.

Solo Lui quindi poteva parlarci di Dio. Alla domanda del Siracide: Chi lo ha visto e ne può riferire? (43,31), risponde l'Evangelo: Egli ha rivelato perché lo ha visto e continuamente lo vede.

Qui sta la fondamentale differenza tra Mosè e Gesù Cristo che si riflette nel rapporto Legge ed Evangelo. La rivelazione della Legge avviene nei simboli e nelle figure, quella dell'Evangelo nella grazia e nella verità. La conoscenza che la Legge dà di Dio è nell'oscurità della nube, la rivelazione evangelica è nell'intimità della natura divina della quale sono diventati partecipi i credenti in quanto generati da Dio.

 

 

Alla fine del prologo del quarto vangelo – il testo che oggi la chiesa ci propone quale approfondimento del mistero dell’incarnazione, dell’umanizzazione di Dio in Gesù Cristo – si legge un’affermazione che costituisce una vera e propria sintesi della fede cristiana: «Dio nessuno l’ha mai visto, ma il Figlio unigenito ce lo ha raccontato (exeghésato)». Exeghésato: verbo che può essere tradotto con «raccontare», «narrare», «fare l’esegesi», «spiegare», «rivelare»; parola che racchiude in sé tutto il cristianesimo....

Giovanni afferma innanzitutto una verità semplicissima, che appartiene all’esperienza comune di ogni essere umano: «Dio nessuno l’ha mai visto», oppure, come dirà nella sua Prima lettera, «Dio nessuno l’ha mai contemplato» (1Gv 4,12). Finché noi uomini siamo in vita Dio resta invisibile, inaccessibile (cfr. 1Tm 6,16), poiché «chi vede Dio muore» (cfr. Es 33,20), come recita l’adagio biblico. Da sempre – secondo l’espressione utilizzata da Paolo nel suo discorso all’Areopago – «gli uomini hanno cercato Dio, come a tentoni, se mai potessero giungere a trovarlo» (At 17,27). Ebbene, l’uomo cercava Dio a tentoni, ma non poteva conoscerlo pienamente, restava nell’ignoranza (cfr. At 17,30); proprio per questo Dio ha alzato il velo su di sé, ha scelto di rivelarsi agli uomini da Abramo (cfr. Gen 12) in poi, ponendosi in alleanza con Israele, discendenza di Abramo e popolo verso il quale Dio si è impegnato mediante delle promesse.

E così «Dio ha parlato per mezzo dei profeti», da Abramo fino a Giovanni il Battezzatore; infine lo ha fatto attraverso Gesù, che non solo è stato «profeta potente in azioni e in parole» (Lc 24,19), non solo è stato riconosciuto quale Cristo, Messia, ma si è rivelato l’ultima e definitiva Parola di Dio agli uomini, il compimento di «tutte le promesse fatte ad Abramo e alla sua discendenza per sempre» (cfr. Lc 1,55): è Gesù che ci ha raccontato e spiegato compiutamente Dio. In altre parole, dal momento in cui Dio si è umanizzato in Gesù, quest’uomo ha aperto un sentiero unico per andare a Dio, al punto che egli stesso ha potuto affermare nel quarto vangelo: «Nessuno può andare al Padre se non attraverso di me» (Gv 14,6). Per conoscere in pienezza Dio si deve conoscere Gesù, per credere in Dio si deve credere in Gesù. Con Gesù si è operato di fatto un mutamento, sul quale noi non riflettiamo a sufficienza: prima di lui occorreva credere in Dio, nel «Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe» (Es 3,6; Lc 20,37), e questa fede poteva anche condurre a credere al Messia, fino a riconoscerlo in un uomo venuto sulla terra. Dal giorno della glorificazione di Gesù, della sua morte e resurrezione, occorre innanzitutto credere in Gesù, conoscerlo, amarlo e seguirlo: ed è in questo cammino che si rivela in pienezza Dio, ben al di là di come gli uomini lo avevano cercato e immaginato!

È conoscendo l’esistenza umana di Gesù che noi possiamo essere condotti a Dio stesso, accedere al Dio vivente e vero: si tratta di un capovolgimento importantissimo, che in questi due millenni di cristianesimo non abbiamo ancora realmente assunto: basti pensare al fatto che, all’interno della nostra catechesi, si parte ancora da Dio per giungere a Gesù solo in un secondo momento, mentre sarebbe necessario percorrere l’itinerario opposto! Possiamo trovare sintetizzato questo cammino nella

testimonianza fornita dal centurione romano che, sotto la croce, «vedendo Gesù morire in quel modo, disse: “Veramente quest’uomo era Figlio di Dio!”» (Mc 15,39). È un pagano che, vedendo tutta la vita di Gesù sintetizzata nell’atto della sua morte, ha avuto la rivelazione del Dio vivente professato da Israele e cercato dalle genti...

Sì, noi cristiani andiamo a Dio attraverso Gesù, «l’immagine del Dio invisibile» (Col 1,15): narrando Dio con la sua vita, Gesù ha giudicato tutte le immagini e i volti di Dio che gli uomini si fabbricano con le proprie mani, ha giudicato tutte le proiezioni umane che sovente attribuiscono a Dio il volto di un Dio «perverso»: un Dio-con-noi e contro-gli-altri quando facciamo le guerre, un Dio vendicativo capace di mettere paura ai non credenti, un Dio che abbatte i nemici che noi definiamo tali. Ormai ciò che di Dio può essere conosciuto e predicato è quanto è stato vissuto e predicato da Gesù; e ciò che di Dio Gesù non ha narrato, non possiamo più in alcun modo possibile proiettarlo su Dio stesso.

 

domeniche precedenti

 

 

EPIFANIA DEL SIGNORE

 

 

PRIMA LETTURA                                                                   Is 60,1-6

 

Dal libro del profeta Isaìa

 

Il c. 60 presenta lo splendore di Gerusalemme. In essa brilla una grande luce, che è la gloria del Signore (1-2). In essa si radunano gli esiliati mentre la ricchezza dei popoli confluisce verso Gerusalemme (4-9). Le Genti ricostruiranno Gerusalemme (10-16). Il c. si conclude con promesse di consolazione, di benedizione e di sovrabbondanza di beni per Israele e per la città santa.

 

1 Àlzati, rivestiti di luce, perché viene la tua luce,

la gloria del Signore brilla sopra di te.

 

Alzati dallo stato di prostrazione e di tenebre perché priva della gloria del Signore e abbandonata dai tuoi figli.

Rivestiti di luce, perché viene la tua luce. La luce, qui chiamata tua, è la salvezza stessa che proviene dalla gloria del Signore.

La gloria del Signore è la sua presenza che in Gerusalemme si manifesta come luce.

Il profeta Ezechiele contempla la gloria del Signore, che ritorna dall’esilio nel tempio: ed ecco che la gloria del Dio d'Israele giungeva dalla via orientale e il suo rumore era come il rumore delle grandi acque e la terra risplendeva della sua gloria (Ez 43,2).

Di essa risplende la luce prima, che è fondamento di tutta la creazione e distinzione di tutte le sue opere (cfr. Gn 1,3).

Questa luce è densa di misteri e ne è rivelatrice; è infatti la luce che promana dal Verbo, luce che illumina ogni uomo (Gv 1,9).

 

2 Poiché, ecco, la tenebra ricopre la terra,

nebbia fitta avvolge i popoli;

ma su di te risplende il Signore,

la sua gloria appare su di te.

 

Le tenebre, la nebbia fitta (o caligine), luce sono tutti elementi della Gloria del Signore (cfr. Es 16,10; 4,11).

Essa è tenebre e caligine per i popoli ed è luce per Gerusalemme ed Israele.

In quanto illuminata dalla gloria del Signore, Gerusalemme ha un’esperienza luminosa del Signore; i popoli invece hanno una conoscenza «caliginosa».

Sono due gradi e due qualificazioni diversi di conoscenza dovuti al diverso manifestarsi della Gloria del Signore.

In Gerusalemme essa si manifesta come luce purissima (cfr. 1 Gv 1,5: Dio è luce e in lui non vi è tenebra alcuna).

Questa luce si manifesta pienamente in Gesù nella sua stessa umanità, che non offusca la sua divinità ma al contrario la manifesta, come Egli stesso dichiara: «Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita» (Gv 8,12).

 

3 Cammineranno le genti alla tua luce,

i re allo splendore del tuo sorgere.

 

I popoli abbandonano la loro conoscenza «caliginosa» e s’incamminano verso quella luminosa che risplende in Gerusalemme.

Dalla conoscenza di Dio «andando come a tentoni» (At 17,27) essi giungono a quella piena in virtù dell’Incarnazione del Signore e del suo mistero pasquale.

Del tuo sorgere, cioè di quello che sorge in te, che è la Gloria del Signore.

I re confluiscono verso Gerusalemme. Anche le autorità dei popoli, che incarnano le tradizioni e il sapere, si muovono dalla loro conoscenza (simile a caligine) verso la luce della gloria del Signore, che è in Gerusalemme. Di questo sono esempio i magi, come ci fa comprendere l’evangelo secondo Matteo.

La Parola di Dio si evidenzia nella sua verità e si relaziona come luce a tenebre in rapporto alla conoscenza presente tra i popoli.

 

4 Alza gli occhi intorno e guarda:

tutti costoro si sono radunati, vengono a te.

I tuoi figli vengono da lontano,

le tue figlie sono portate in braccio.

 

Ora il profeta invita Gerusalemme, dopo che si è alzata dalla sua prostrazione, ad alzare gli occhi e volgerli da ogni lato.

I suoi figli, che erano stati dispersi, sono ora di nuovo radunati per muoversi verso Gerusalemme. I popoli riportano in lei i suoi figli e le sue figlie con l’affetto e la delicatezza di una madre (in braccio).

Punto di attrazione in Gerusalemme è l’Innalzato, come dichiara il sommo sacerdote Caifa nella lettura che ne fa l’evangelista: Questo però non lo disse da se stesso, ma essendo sommo sacerdote profetizzò che Gesù doveva morire per la nazione e non per la nazione soltanto, ma anche per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi (Gv 11,51-52).

 

5 Allora guarderai e sarai raggiante,

palpiterà e si dilaterà il tuo cuore,

perché l’abbondanza del mare si riverserà su di te,

verrà a te la ricchezza delle genti.

 

Il lutto si tramuta in gioia. La gioia intensa nel vedere i propri figli ritornare farà palpitare il cuore, questo batterà forte, forte per la gioia e poi si dilaterà riprendendo coraggio perché il periodo dell’umiliazione è terminato.

Gerusalemme vedrà confluire in lei le ricchezze dei popoli che stanno a occidente, quelli delle isole, perché anche là si erano dispersi i suoi figli. Così pure da tutti i popoli confluiranno grandi ricchezze portate da coloro che riconducono a Gerusalemme i figli d’Israele.

In che modo ora sta avvenendo questo?

La risposta non è immediata. Perché tutto passa attraverso il rovesciamento dei criteri della sapienza umana e il manifestarsi della Gloria di Dio avviene nei modi che non sono propri neppure del pensare religioso.

Anche questa visione d’Isaia deve passare attraverso lo scandalo della Croce, che viene piantata in Gerusalemme, operando un restringimento della visione che si concentra appunto nel Signore crocifisso, proprio perché anche Gerusalemme stessa in quel momento della sua morte partecipa del mistero di Sodoma, come dice l’Apocalisse: I loro cadaveri rimarranno esposti sulla piazza della grande città, che simbolicamente si chiama Sòdoma ed Egitto, dove appunto il loro Signore fu crocifisso (Ap 11,8).

La nostra ingenuità spirituale si potrebbe facilmente abbandonare a delle fantasie, mentre la visione emerge dallo Spirito Santo e si comunica al nostro spirito facendogli contemplare questo movimento di convergenza universale più che come continuità nella storia proprio come rottura provocata dallo scandalo della Croce. Solo a prezzo di questa rottura avviene la riunificazione di tutti e di tutto.

 

6 Uno stuolo di cammelli ti invaderà,

dromedari di Màdian e di Efa,

tutti verranno da Saba, portando oro e incenso

e proclamando le glorie del Signore.

 

Dopo aver contemplato l’arrivo dal mare (da occidente) ora la profezia contempla l’arrivo dal deserto (cioè da sud e da oriente).

Cammelli e navi rappresentano civiltà diverse in cui sono dispersi i figli di Gerusalemme.

Essi portano gli stessi doni che portò la regina di Saba a Salomone (cfr. 1 Re 10,2) e mentre camminano verso Gerusalemme tutti proclamano le glorie del Signore. Tutti proclamano tutto quello che il Signore ha compiuto per redimere tutti i popoli e unificarli con Israele in un sol popolo.

 

SALMO RESPONSORIALE                                                       Sal 71

 

R/.  Ti adoreranno, Signore, tutti i popoli della terra.

 

O Dio, affida al re il tuo diritto,

al figlio di re la tua giustizia;

egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia

e i tuoi poveri secondo il diritto.      R/.

 

Nei suoi giorni fiorisca il giusto

e abbondi la pace,

finché non si spenga la luna.

E dòmini da mare a mare,

dal fiume sino ai confini della terra. R/.

 

I re di Tarsis e delle isole portino tributi,

i re di Saba e di Seba offrano doni.

Tutti i re si prostrino a lui,

lo servano tutte le genti.         R/.

 

Perché egli libererà il misero che invoca

e il povero che non trova aiuto.

Abbia pietà del debole e del misero

e salvi la vita dei  miseri.        R/.

 

SECONDA LETTURA                                                       Ef 3,2-3.5-6

 

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesini

 

Fratelli, penso che abbiate sentito parlare del ministero della grazia di Dio, a me affidato a vostro favore:

 

Con la prima venuta di Gesù siamo entrati nella pienezza dei tempi e nella loro relativa economia: economia che è rivelazione del mistero tenuto nascosto e che a noi è comunicato come grazia del Padre, per mezzo della quale siamo stati salvati e della quale Paolo è stato amministratore e ministro secondo il dono della grazia di Dio che gli è stata data.

 

3 per rivelazione mi è stato fatto conoscere il mistero.

 

L'espressione ricorre in Rm 16,25: secondo la rivelazione del mistero taciuto nei tempi eterni, manifestato ora mediante le Scritture profetiche. Questo mistero rivelato è l'Evangelo di Paolo ed è la predicazione di Gesù Cristo. Ora Paolo lo ha ricevuto secondo rivelazione da parte di Dio: non gli è stato trasmesso dagli altri Apostoli ma gli è stato reso noto da Dio. Così esplicitamente afferma in Gal 1,12:.

Come ho scritto prima in breve. La benedizione iniziale è una summa del mistero rivelato a Paolo.

 

4 Dalla lettura di ciò che ho scritto potete ben capire la mia comprensione del mistero di Cristo.

 

Da questa lettura della lettera apostolica siamo resi partecipi della intelligenza del mistero di Cristo.

 

5 Esso non è stato manifestato agli uomini delle precedenti generazioni come ora è stato rivelato ai suoi santi apostoli e profeti per mezzo dello Spirito:

 

Il mistero è rivelato a coloro che sono il fondamento della Chiesa: i santi Apostoli e i profeti attraverso di loro è fatto conoscere ai figli degli uomini.

 

6 che le genti sono chiamate, in Cristo Gesù, a condividere la stessa eredità, a formare lo stesso corpo e ad essere partecipi della stessa promessa per mezzo del Vangelo.

 

Enunciato del mistero: i gentili, sono in Cristo coeredi, formano lo stesso corpo, e sono partecipi della promessa. Facendo parte con un unico corpo con Israele, il Corpo di Cristo, in virtù del battesimo i Gentili partecipano della stessa eredità e della stessa promessa.

 

 

CANTO AL VANGELO               Cf Mt 2, 2

 

R/.     Alleluia, alleluia.

 

Abbiamo visto la sua stella in oriente

e siamo venuti per adorare il Signore.

 

R/.     Alleluia.

VANGELO                                                                              Mt 2,1-12

 

 Dal vangelo secondo Matteo

 

1 Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei?

 

Ora l’Evangelo precisa il luogo della nascita del Cristo: è Betlemme, secondo la profezia. Definisce pure il tempo: nei giorni di Erode il re. Il titolo che è proprio di Davide (1,6) è usurpato da uno straniero che, a costo di stragi, tiene come un tesoro geloso questo titolo. In questa situazione viene proclamata la regalità di Cristo. Ecco, sottolinea un’apparizione improvvisa e inaspettata simile a quella in cui si annuncia la Vergine.

Dei magi, personaggi misteriosi, potenti perché in contatto con la sfera del divino. «Qui è uno che è in possesso di un sapere particolare (segreto) riguardante specialmente il significato del corso delle stelle e le sue corrispondenze nella storia del mondo» (Delling, GLNT). Dalla loro sapienza «terrena, carnale, diabolica» (Gc 3,15) sono condotti alla sapienza spirituale, celeste.

Giungendo a Gerusalemme essi giungono a questa sapienza. L’itinerario dalla loro terra alla città santa è un itinerario di conversione che li spoglia della loro sapienza terrena. Infatti essi che abitualmente sono consultati, interrogano. Insegna infatti l’Apostolo: «Nessuno inganni se stesso; se qualcuno crede di essere sapiente tra voi in questo mondo, divenga stolto per divenire sapiente» (1 Cor 3,18). Abbandonata la loro sapienza essi cercano.

 

2 Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo».

 

La sua stella nel suo sorgere. Il Messia è l’Oriente dall’alto e mentre appare sulla terra, nel cielo appare la sua stella. Nella divina Scrittura, seguendo l’insegnamento dei Padri, noi ci riferiamo a Nm 24,17: «Lo vedo ma non ora, lo contemplo ma non è vicino, è salita una stella da Giacobbe ed è sorto uno scettro (= un dominatore) da Israele». La stella che sorge è simbolo del Cristo, che in Ap 22,16 così si definisce: «Io sono la radice e la progenie di Davide, la stella splendente del mattino». La stella che sorge nel cielo ha quindi le caratteristiche del Cristo. Essa «sorge» alla sua nascita e quindi non fa parte del sistema stellare, certamente risplende della luce che fu creata il primo giorno e la sua luce le è data dalla gloria del Cristo. È difficile riconoscerne la natura. Come la colonna di fuoco era segno della presenza divina, così questa stella, assai diversa da tutte le altre per splendore e per il suo corso, è segno della nascita del Cristo. Come sempre all’umiliazione del Cristo corrisponde la sua glorificazione. I magi infatti vengono per adorare il Nato Re dei Giudei, per riconoscere la sovranità sopra di loro. Essi lo chiamano il re dei Giudei, questo titolo è messianico e si leggerà sulla sua croce.

 

3 All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme.

 

Volutamente l’evangelista contrappone il re dei Giudei al re Erode per contrapporre due regalità, quella messianica e quella di Cesare, come avverrà durante la Passione. Assieme al re Erode è turbata tutta Gerusalemme. Questo turbamento è il segno della presenza divina. L’annuncio dei magi comunica gli effetti dell’evento che si è compiuto e che è presente in mezzo al popolo: il Messia è nato! Allo stesso modo sono turbati i discepoli contemplando il Signore che passeggia sul mare (14,26). Erode cerca subito di reagire e si nasconde sotto il manto della falsa pietà. Ma come egli agisce non fa altro che mettere in risalto quanto si è compiuto. Tutto è dominato dalla signoria del Cristo che si rivela per bocca dei magi, nel turbamento di Erode e di Gerusalemme e infine nel momento solenne in cui i saggi d’Israele consultano le divine Scritture.

 

4 Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo.

 

Erode fa una convocazione ufficiale sia dei sommi sacerdoti che degli scribi del popolo. Nei capi dei sacerdoti risiede l’autorità religiosa e negli scribi, che ammaestrano il popolo, si trova la conoscenza delle divine Scritture. Essendo sommi sacerdoti e scribi del popolo, spetta loro riconoscere il Cristo mediante le divine Scritture e indicare la via che conduce al luogo della sua natività. Anche la stella nasconde il suo splendore in Sion «perché da Sion uscirà la legge e la Parola del Signore da Gerusalemme» (Is 2,3). Le Genti, rappresentate dai Magi, chiedono a Israele le prove di autenticità del Cristo mediante le Scritture

 

5 Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta:

6 “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”».

 

I sommi sacerdoti e gli scribi, a una sola voce, danno ad Erode la risposta. Il Cristo deve nascere in Betlemme di Giudea. Tutto di Lui è scritto fin nei minimi particolari. I saggi d’Israele citano sia Mi 5,1.3 che 2 Sm 5,2. La citazione composita unisce in modo inscindibile Betlemme alle origini del Cristo. Infatti la grandezza di Betlemme è di dare origine al Pastore d’Israele (cfr. 2 Sm 7,7). Inoltre, nella profezia, si definisce come «pastorale» il governo del Cristo secondo la profezia di Ezechiele che contrappone ai cattivi pastori «un pastore che le pascerà, Davide mio servo. Egli le condurrà al pascolo, sarà il loro pastore; io, il Signore, sarò il loro Dio e Davide mio servo sarà principe in mezzo a loro, io il Signore, ho parlato» (Ez 34, 22-24).

 

7 Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella

 

Di fronte alle Scritture che parlano con evidenza del Cristo e alla stella che ha condotto i Magi, Erode non si piega; fa un calcolo che lo porterà alla strage dei bimbi di Betlemme. Il suo cuore è talmente indurito entro la logica del potere che nessun segno soprannaturale lo smuove dalla sua durezza. Dopo essere stato sconvolto dalla situazione, egli ha già in animo di uccidere il Cristo. Egli appartiene alla stirpe del drago, che, stando davanti alla partoriente, ne vuol divorare il figlio (cfr. Ap 12,4). Per compiere questo, egli si nasconde sotto le vesti della pietà, simile al satana che si traveste in angelo di luce, come ci insegna l’Apostolo (cfr. 2 Cor 11,14).

 

8 e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».

 

Il veleno mortale dell’aspide si nasconde sotto il miele della pietà e le sue parole traggono in inganno anche i magi. Del resto è pur vero che anche Erode deve sottomettersi alla regalità del Cristo. Ora egli «ha la parvenza della pietà, mentre ne ha rinnegata la forza interiore» (cfr. 2 Tm 3,5).

Il Cristo svela quello che c’è nei cuori. Tutti si muovono alla sua nascita: la creazione celeste con l’astro che rivela ai magi e con gli angeli che annunciano ai pastori; le divine Scritture lo rivelano. Egli opera il giudizio: Erode è turbato, Gerusalemme è sconvolta, i sommi sacerdoti e gli scribi leggono le divine Scritture, i magi corrono con doni. Nessuno può restare indifferente davanti a Lui

 

9 Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino.

 

Ricevuta in Gerusalemme l’esatta indicazione della città della natività, i magi escono dalla città santa, ed ecco riappare la stella che fa loro da guida e sosta sul luogo dove era il bambino. Qui si conclude il suo itinerario e qui scompare riassorbita dalla gloria del Cristo. Infatti è scritto: «Le stelle brillano dalle loro vedette e gioiscono; egli le chiama e rispondono: “Eccoci!” e brillano di gioia per colui che le ha create» (Bar 3,34-35). Essa ha compiuto con gioia la sua missione e, attratta dal Cristo, che l’ha richiamata a sé, ha obbedito con tremore (cfr. ivi, 33). Tutta la creazione riconosce la sua signoria. Non c’è da stupirsi se anche le stelle gli obbediscono dal momento che anche il vento e il mare gli obbediscono. Arrestandosi sopra dove era il Bambino dobbiamo pensare che la sua luce si è collegata con il Cristo. I magi hanno colto un rapporto di luce tra la stella e il Bimbo. Infatti di Lui è scritto: «Il suo splendore è come la luce, bagliori di folgore escono dalle sue mani; là si cela la sua potenza» (Ab 3,4). Nella sua umanità si cela la sua potenza, mentre dalle sue mani esce la luce della stella e il suo splendore, pur nella piccolezza della natura, è come la luce. Tutto è estremamente normale e nascosto, ma illuminati nella loro fede i magi contemplano la gloria del Cristo. Essi non si stupiscono di non vedere un Bimbo nelle vesti di una regalità terrena, perché lo contemplano nei segni della sua gloria celeste.

 

10 Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima.

 

È la gioia del Cristo che si comunica nei suoi segni e che è vissuta solo da coloro che credono. Dopo la fatica della ricerca vi è una gioia incommensurabile che è simile a quella di colui che ha trovato un tesoro in un campo. Essi procedono di luce in luce, di gloria in gloria fino a che giungono al Cristo.

Prima la stella non aveva loro procurato questa grandissima gioia, ora, al termine del cammino, la infonde.

 

11 Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra.

 

Entrati nella casa videro quanto la profezia aveva annunciato: il Bambino e la madre sua sigillata nella sua verginità. Infatti il silenzio su Giuseppe vuole mettere davanti allo sguardo il mistero della Vergine e del Bimbo, quest’unica maternità annunciata dal profeta. E prostratisi lo adorarono per adempiere la profezia: «E lo adoreranno tutti i re della terra, tutti i popoli lo serviranno» (Sal 71,11). Essi cadono davanti al Cristo come dice di sé Balaam: «Oracolo … di chi vede la visione dell’Onnipotente, e cade ed è tolto il velo dai suoi occhi» (Nm 24,4). I magi cadono perché è tolto il velo dai loro occhi. Colui che avevano contemplato nel segno della stella ora lo vedono soprattutto con gli occhi dell’interiore visione e gli offrono doni, come i principi d’Israele offrirono doni per la dedicazione dell’altare (cfr. Nm 7,10). I doni sono profetizzati nelle divine Scritture. Dell’oro è detto: «Gli sarà dato dell’oro di Arabia» (Sal 71,15). Isaia poi dice: «Portando oro e incenso» (60,6).

La mirra poi è parte integrante dell’olio per l’unzione sacra, come è detto in Es 30,22-25: «Procurati balsami pregiati: mirra vergine per il peso di cinquecento sicli» (23).

Nei doni è espresso il mistero. S. Girolamo dice: «In modo bellissimo Gioveneo presbitero riassume i simboli mistici dei doni in un solo versetto: con l’incenso, l’oro e la mirra fecero doni al re, all’uomo e a Dio».

In questi doni è designata la persona stessa del Cristo come Sapienza del Padre e sposo della Chiesa. «Il suo capo infatti è oro puro» (Ct 5,11); «le sue vesti sono tutte mirra, aloe e cassia» (Sal 44,9); la Sapienza si definisce simile «a nuvola d’incenso nella tenda» (Sir 24,15) e dice «come mirra scelta ho sparso buon odore» (ibid.) La sposa lo celebra dicendo: «Le sue labbra sono gigli, che stillano fluida mirra» (Ct 5,13) e ancora: «le sue mani sono anelli d’oro… Le sue gambe, come di alabastro, posate su vasi d’oro puro» (ivi, 14,15). Alla sposa è comunicato il mistero dello sposo: «Che cos’è che sale dal deserto come una colonna di fumo, esalando profumo di mirra e d’incenso e d’ogni polvere aromatica?» (Ct 3,6). Nei doni dei magi sono quindi racchiusi grandi misteri; in essi il Cristo si rivela e manifesta pure il suo mistero sponsale con la Chiesa.

 

12 Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

 

Avendo contemplato il Signore nei suoi misteri e adoratolo nella sua carne mortale, non sono più guidati dalla stella, ma ricevono da Dio la rivelazione. Egli parla loro come a Giuseppe (2,22). Fanno parte del popolo di Dio e vengono quindi liberati dalle trame subdole di Erode.

 

Note

 

«Sappiamo che Matteo ci racconta un grande evento messo in luce da Isaia e dagli Efesini: il re Messia di Israele è nato e i grandi non lo sanno, genti lontane sono guidate dalla luce di Dio ma non possono trovarlo senza la mediazione d’Israele. Si commuovono dice il testo ma non si muovono e i magi vanno a cercare e trovano: trovano per convergenza della sapienza di Israele con una mozione divina: Israele possiede il tesoro delle Scritture, lo offre per gli altri, non lo adopera per sé. Israele è estraneo all’incontro col Cristo nato: Questa estraniazione durerà fino alla fine dei secoli. Gli altri trovano si consegnano e donano. Questo, dice Paolo, della salvezza di tutte le Genti, è il mistero nascosto in Dio e rivelato solo nella nuova economia. Paolo esulta perché è stata rivelata a lui questa grazia e di essere lui il servo di questa espansione dell’Evangelo: egli predica in base dell’energia che ha risuscitato Cristo e che dalla Chiesa in lui passa. Questo annuncio è risurrezione dai morti, ogni volta che l’apostolo annuncia alle genti compie una risurrezione dai morti e il dono dello Spirito che è la Pentecoste. La ricchezza stessa di Gerusalemme è incompleta fino a che tutte le Genti non abbiano portato in Gerusalemme i loro tesori.

Tutto il mondo e tutte le genti devono essere salvate in Cristo perché egli è l’unico salvatore: tutte le rivelazioni precedenti si fermano prima di questa rivelazione: tutte le Genti si salvano in Cristo che è l’unico salvatore e capo come è l’unico mediatore.

È quindi impossibile non occuparsi della salvezza di tutte le Genti se veramente crediamo in Cristo e abbiamo ricevuto la sua energia vivificante siamo costretti a spendere questa energia per gli altri perché abbiamo la vita: infatti sono atei e senza vita. E se siamo stati dotati della potenza di risuscitare i morti e di sigillare gli altri con la caparra dello Spirito perché non lo adoperiamo?

Siamo chiamati a operare per la salvezza delle Genti. Le vie sono moltissime.

Questo è il nostro potere e questo è il nostro dovere per l’energia dataci dal Padre nel Cristo morto.

La ricchezza delle Genti deve entrare dentro alla Gerusalemme. Non si tratta di dissolvere il cristianesimo e l’annuncio: ma si tratta di muoversi e lasciarsi muovere dalla conoscenza del Signore e dal suo Spirito nelle Scritture per andare ad annunciare la salvezza fino a che le Genti scoprano i loro tesori e li offrano. Non è questo dissolvere ma ricapitolazione, i magi offrono i loro doni e sono in tal modo inseriti come realtà significative ed essi ricevono la salvezza.

Questo è il significato della pagina di Isaia. Sappiamo già tutto ma ora vogliamo pregare perché Lui faccia tutto.

I magi fanno una sola cosa si incamminano, giungono e adorano.

Tutto questo per la sua gloria e la nostra e per quella di tutti gli uomini, perché tutti vuole, perché tutti vuole radiosi in Cristo suo Figlio»

 

(d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerusalemme, Epifania, 1980).

domeniche precedenti

 

 

BATTESIMO DEL SIGNORE - C –

 

 

Scintillio di luce

sull’acqua viva,

il corpo immacolato

tutto s’immerge.

 

Ecco il principio

della creazione:

soffio dello Spirito,

la voce sull’acqua.

 

Cristo viene ai miseri,

pace in cielo e in terra,

speranza che fiorisce

al calore dell’amore.

 

Rigenerati dallo Spirito

dal grembo verginale

della Madre Chiesa,

cantiamo l’alleluia.

 

Vivendo puri e umili,

con grazia evangelica,

siano bianche le vesti

nel sangue dell’Agnello.

 

 

PRIMA LETTURA                     Is 40,1-5.9-11

 

Dal libro del profeta Isaìa

 

1 «Consolate, consolate il mio popolo –

dice il vostro Dio.

 

Non si dice chi ha questo compito. L’azione deve essere intensa. Il comando è infatti ripetuto.

Dicendo il mio popolo, il Signore afferma che già si è riconciliato con lui, come altrove dice esprimendosi nel rapporto sponsale. Inoltre l’espressione «il mio popolo, il vostro Dio» Sono i termini tipici dell’alleanza che si rinnova e, secondo la profezia di Gr 31, diviene eterna. Cfr. Zc 13,9: Farò passare questo terzo per il fuoco e lo purificherò come si purifica l'argento; lo proverò come si prova l'oro. Invocherà il mio nome e io l'ascolterò; dirò: «Questo è il mio popolo». Esso dirà: «Il Signore è il mio Dio».

 

2 Parlate al cuore di Gerusalemme

e gridatele che la sua tribolazione è compiuta

la sua colpa è scontata,

perché ha ricevuto dalla mano del Signore

il doppio per tutti i suoi peccati».

 

Parlate al cuore di Gerusalemme, l’espressione parlare al cuore è lo stesso che consolare (cfr. Gn 50,21: Così li consolò e parlò al loro cuore). Là nel cuore dove il popolo, personificato da Gerusalemme, ha sofferto strettezza e angoscia, là deve scendere la parola della consolazione.

e gridatele è un proclama solenne.

che la sua tribolazione è compiuta, cioè i giorni, in cui dev’essere nella tribolazione, sono giunti al compimento. Vi è un tempo per tutto: il tempo della tribolazione e il tempo della redenzione e quindi della consolazione.

la sua colpa è stata scontata, secondo quanto comanda la Legge (Lv 26,42).

il doppio è la punizione tipica del ladro (cfr. Es 22,2-3: Il ladro dovrà dare l'indennizzo: se non avrà di che pagare, sarà venduto in compenso dell'oggetto rubato. Se si trova ancora in vita e in suo possesso ciò che è stato rubato, si tratti di bue, di asino o di montone, restituirà il doppio).

 

3 Una voce grida:

«Nel deserto preparate la via al Signore,

spianate nella steppa la strada per il nostro Dio.

 

Nel deserto che separa Babilonia da Gerusalemme, preparate la via al Signore perché il Signore è con il suo popolo e come pastore lo riconduce alla sua terra.

Con la redenzione si rinnovano i prodigi dell’Esodo, la via amara dell’esilio si trasforma nella via piena di gioia del ritorno. In questo linguaggio simbolico si nasconde la situazione della nostra vita. Il cammino compiuto nell’amarezza a causa del peccato e della sua espiazione si trasforma con la conversione e la redenzione in un cammino di gioia sotto la guida del Signore come buon pastore.

 

4 Ogni valle sia innalzata,

ogni monte e ogni colle siano abbassati;

il terreno accidentato si trasformi in piano

e quello scosceso in vallata.

 

Tutto diviene piano e di facile cammino. Nessuno potrà più porre ostacolo al cammino del popolo verso la sua terra.

Allo stesso modo nel profondo movimento dei popoli verso la salvezza tutto si trasforma in un luogo sereno e pianeggiante a indicare la vittoria del Cristo su quanti ostacolano l’affermarsi dell’Evangelo in seno ai popoli, come subito dice. Con il Cristo è iniziato il cammino del ritorno e quindi dello scioglimento di tutte le situazioni amare e di grave ingiustizia e di sconvolgimento della stessa creazione. Tutto ritorna alla sua origine per giungere alla sua pienezza in Cristo. Nulla va perduto nell’azione redentrice del Cristo.

 

5 Allora si rivelerà la gloria del Signore

e tutti gli uomini insieme la vedranno,

perché la bocca del Signore ha parlato».

 

Questo esodo dei redenti sarà manifesto a tutti gli uomini perché sarà la rivelazione della gloria del Signore, cioè del compimento della redenzione dove cesserà il gemito della creazione, il nostro gemito e quello dello stesso Spirito che intercede con gemiti inesprimibili (cfr. Rm 8). Il futuro non è tanto da immaginare quanto da credere nell’ascolto della Parola del Signore.

 

9 Sali su un alto monte,

tu che annunci liete notizie a Sion!

Alza la tua voce con forza,

tu che annunci liete notizie a Gerusalemme.

Alza la voce, non temere;

annuncia alle città di Giuda:

«Ecco il vostro Dio!

 

Questa è la quarta voce (9-11). Essa vede già Gerusalemme e le grida l’immediata venuta del Signore con tutto il popolo che sta per entrare in Sion. Chi annuncia a Gerusalemme è una donna (nella traduzione italiana non si coglie il femminile) oppure sono cori di donne come vediamo nei momento della vittoria del Signore. Così in Es 15,20 Maria, la profetessa, sorella di Aronne, prese in mano un timpano: dietro a lei uscirono le donne con i timpani, formando cori di danze. Le donne precedono il Signore alla testa del popolo per annunciare a Gerusalemme il lieto annunzio e alla guida di esse vi è colei che reca liete notizie in Sion. Essa alza forte la voce e le altre donne in coro le rispondono come è scritto: Il Signore annunzia una notizia, le messaggere di vittoria sono grande schiera (Sal 67,12).

Il profeta comanda al coro delle donne mediante colei che le guida di alzare la voce e di non temere più la presenza dell’oppressore perché questi ha perso la sua forza alla presenza del Signore: Ecco il vostro Dio. La donna ne indica la presenza alla guida del popolo che sale dalla sua schiavitù verso Gerusalemme. Lei per prima lo vede e lo annuncia. La Scrittura fa trasparire nella lettera il mistero della pienezza del tempo quando Dio mandò il suo Figlio nato da Donna, nato sotto la legge (Gal 4,4).

 

10 Ecco, il Signore Dio viene con potenza,

il suo braccio esercita il dominio.

Ecco, egli ha con sé il premio

e la sua ricompensa lo precede.

 

La messaggera di Sion ora dice in modo dettagliato quanto ha espresso in precedenza. Il Signore Dio viene con potenza, che Egli ha manifestato nello sconfiggere i suoi nemici e nella redenzione del suo popolo. Il Signore ha operato la salvezza con il suo braccio e ora Egli detiene il dominio sui suoi nemici, mentre per i suoi Egli ha con sé il premo, li ricompensa per le fatiche e le umiliazioni che hanno subito e la sua ricompensa lo precede, come è scritto: «Per questo sta scritto: Ascendendo in cielo ha portato con sé prigionieri, ha distribuito doni agli uomini» (Ef 4,8); e altrove: avendo privato della loro forza i Principati e le Potestà ne ha fatto pubblico spettacolo dietro al corteo trionfale di Cristo (Col 2,15).

 

11 Come un pastore egli fa pascolare il gregge

e con il suo braccio lo raduna;

porta gli agnellini sul petto

e conduce dolcemente le pecore madri».

 

Come per i suoi nemici il Signore è il vincitore che li abbatte e trionfa su di loro così per il suo popolo Egli è il pastore che li guida con forza e con dolcezza; con quel braccio con cui ha sconfitto i suoi nemici il Signore ora raduna il suo gregge, che era disperso, e lo conduce al pascolo e per non perdere gli agnellini li porta sul petto e conduce dolcemente le pecore madri cioè le aiuta nel cammino.

 

Note

Quale significato ha il fatto che Gerusalemme ha pagato perfettamente il suo debito con il Signore, anzi, simile a un ladro, ha restituito il doppio? La Legge conserva tutto il suo rigore, non può essere annullata, essa è infatti spirituale ed è espressione della giustizia divina.

Solo il Signore dichiara quando il tempo giunge a compimento e comanda di consolare. È Lui solo quindi che, per imperscrutabile disegno e decreto, stabilisce la cessazione del tempo dell’espiazione e l’inizio di quello della consolazione.

L’inizio di questo tempo è l’Evangelo che annuncia il tempo compiuto, il regno che si è avvicinato e quindi invita alla conversione e a credere al Vangelo, come è scritto in Marco.

Il rovesciamento della situazione è in rapporto alla presenza del Signore nella duplice veste di guerriero vittorioso che sconfigge i suoi nemici e in quella di pastore che conduce il suo popolo.

Questi tratti sono pure presenti nel NT: la vittoria del Cristo sui nemici dell’uomo e il suo essere pastore del suo popolo da Lui redento.

 

 

SALMO RESPONSORIALE          Sal 103

 

R/.  Benedici il Signore, anima mia.

 

Sei tanto grande, Signore, mio Dio!

Sei rivestito di maestà e di splendore,

avvolto di luce come di un manto,

tu che distendi i cieli come una tenda.       R/.

 

Costruisci sulle acque le tue alte dimore,

fai delle nubi il tuo carro,

cammini sulle ali del vento,

fai dei venti i tuoi messaggeri

e dei fulmini i tuoi ministri.              R/.

 

Quante sono le tue opere, Signore!

Le hai fatte tutte con saggezza;

la terra è piena delle tue creature.

Ecco il mare spazioso e vasto:

là rettili e pesci senza numero,

animali piccoli e grandi.                   R/.

 

Tutti da te aspettano

che tu dia loro cibo a tempo opportuno.

Tu lo provvedi, essi lo raccolgono;

apri la tua mano, si saziano di beni.          R/.

 

Nascondi il tuo volto: li assale il terrore;

togli loro il respiro: muoiono,

e ritornano nella loro polvere.

Mandi il tuo spirito, sono creati,

e rinnovi la faccia della terra.           R/.

SECONDA LETTURA            Tt 2,11-14; 3,4-7

 

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Tito

 

Figlio mio, 11 è apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini

 

È apparsa infatti, il testo si collega al precedente e ne dà la motivazione: tutti coloro che sono nella Chiesa sono chiamati a vivere così perché è apparsa la grazia di Dio (Girolamo).

È apparsa, come è detto: per illuminare quelli che sono nella tenebra e nell'ombra di morte (Lc 1,79) e altrove: il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce (Mt 4,16)

La grazia di Dio è apparsa in Cristo, pieno di grazia e di verità (Gv 1,14), e quindi è apportatrice di salvezza perché Gesù è il nostro salvatore, dalla cui pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia.

Gesù è ora presente in mezzo a noi nella sua grazia che dona salvezza. Egli si fa presente a tutti gli uomini perché è la luce che illumina ogni uomo (Gv 1,9). Ognuno, secondo il suo proprio è illuminato dalla luce del Verbo e incontra la grazia del Cristo.

 

e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà,

 

C’insegna, quello che, nell’A.T. è compito della Legge, nel N.T. lo è della grazia: la Legge forma dall'esterno, la grazia educa e istruisce dall'interno, per questo è chiamata salvatrice. In essa opera lo Spirito Santo. Chi è nella grazia di Dio è avvolto e penetrato dallo Spirito Santo, che lo istruisce, lo ammonisce e lo consola.

A rinnegare, come c’insegna il Signore: «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua» (Mt 16,24).

L’empietà è l'idolatria, che c’impedisce di credere in Dio; è la durezza di cuore di chi non Lo vuole riconoscere e accogliere; è la caparbietà nel ribellarsi alla sua legge e nella durezza di pensiero e di azione con tutte le creature..

I desideri mondani sono elencati in 1Gv 2,16: La concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita. Questi sono la molla dell’agire secondo il mondo e quindi del ribellarsi a Dio e del fare violenza alle sue creature.

sobriamente verso noi stessi

giustamente verso gli altri

piamente verso Dio (s. Bernardo).

 

13 nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo.

 

Essa è pure grazia che ci fa attendere la manifestazione del Signore.

La beata speranza, è la beatitudine sperata. La speranza infatti è ora nell'attesa e giunge al suo compimento nella beatitudine.

Così preghiamo durante l’Eucaristia: nell'attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo.

La beata speranza ha come oggetto la manifestazione della gloria (ora si manifesta la grazia) del grande Dio e Salvatore nostro Gesù Cristo.

Egli si manifesta come il grande Dio, il Dio degli dei, davanti al quale si prostrano tutte le potenze spirituali, come è scritto: e lo adorino tutti gli dei (Sal 96,7).

Per noi Egli è il salvatore, per cui lo attendiamo con gioia.

 

14 Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone.

 

Questa beata speranza è in noi perché Cristo ha dato se stesso per noi; Egli ci ha tanto amato che ha dato se stesso, come Egli dice: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15,13).

Egli consegnò se stesso accettando liberamente la volontà del Padre per noi (cfr Gv 3,16).

per riscattarci dalla schiavitù del peccato, della morte e del diavolo.

da ogni iniquità, ciò che è contrario alla Legge: infatti non potevamo osservare la Legge a causa delle nostre passioni, della legge del peccato, che è nelle nostre membra (cfr. Rm 7,23).

un popolo puro che gli appartenga, cioè eletto cfr. Es 19,15: caratteristica dell'alleanza.

pieno di zelo, bramoso di fare le opere buone (cfr. v. 7).

 

3:4 Ma quando apparvero la bontà di Dio, salvatore nostro,

e il suo amore per gli uomini,

 

In questo inno vi un'attribuzione del titolo di salvatore sia a Dio che a Gesù Cristo.

Dio è salvatore manifestando la sua bontà e il suo amore per gli uomini. Egli va oltre la sua stessa giustizia, che lo porterebbe a condannarci e si manifesta con segni di bontà e di amore verso di noi perché Egli vuole tutti salvi e non vuole che alcuno perisca (cfr. 1Tm 2,4).

 

5 egli ci ha salvati,

non per opere giuste da noi compiute,

ma per la sua misericordia,

con un’acqua che rigenera e rinnova nello Spirito Santo,

 

Per salvarci Dio non si è basato sulle eventuali opere di giustizia da noi fatte ma ci ha salvati secondo la sua misericordia mediante il lavacro della rigenerazione e il rinnovamento dello Spirito Santo.

Il lavacro della rigenerazione e la costante azione di rinnovamento costituiscono la nostra salvezza.

«Per ciascuno di noi c'è qualcosa di simmetrico a quello che è per tutti l'incarnazione: cioè il nostro lavacro di palingenesi e di rinnovamento nello Spirito Santo. Come l'iniziativa di Dio, rispetto a tutto il mondo, sta nell'incarnazione, così l'iniziativa di Dio rispetto a ciascuno di noi sta nel battesimo, il lavacro che ci rigenera. […]

È nel battesimo che Iddio ci attira, che opera la nostra nuova generazione, senza rapporto con quello che noi possiamo avere fatto prima nella generazione secondo la carne» (G. Dossetti, o.c., p. 48).

 

6 che Dio ha effuso su di noi in abbondanza

per mezzo di Gesù Cristo, salvatore nostro,

 

Questa abbondante effusione dello Spirito non può passare inosservata, deve essere da noi recepita e sentita. È necessario tuttavia precisare dove lo Spirito è accolto in noi ed è accolto precisamente dal nostro spirito.

 

7 affinché, giustificati per la sua grazia,

diventassimo, nella speranza, eredi della vita eterna.

 

Afferrati dalla sua grazia, noi non sentiamo più la tensione tra quello che dobbiamo fare e quello che possiamo perché il nostro operare è credere in Gesù (cfr. Gv 6,29: «Questa è l'opera di Dio: credere in colui che egli ha mandato»).

Ora la fede è la stessa energia dello Spirito Santo riversata in noi abbondantemente.

«Se, invece, ci sentiamo esuberantemente lavati, rigenerati dallo Spirito Santo e travolti da questo fiume, non abbiamo più da fare opere, perché, quando una piena ci prende, ci porta; e noi non abbiamo altro che da lasciarci prendere dalla corrente di questo fiume di Spirito Santo» (G. Dossetti, o.c., p. 49).

 

 

CANTO AL VANGELO              Cf Lc 3, 16

 

R/.     Alleluia, alleluia.

 

Viene colui che è più forte di me, disse Giovanni;

egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco.

 

R/.     Alleluia.

 

 

VANGELO                               Lc 3,15-16.21-22

 

 Dal vangelo secondo Luca

 

In quel tempo, 15 poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo,

 

Poiché il popolo era in attesa. La venuta del Cristo era attesa dal popolo dell'Antica Alleanza. Giovanni ha reso più forte questa attesa con la sua predicazione che ha raggiunto tutti e ha radunato Israele disperso in un solo popolo. Ma ora l'attesa è finita, non bisogna attendere nessun altro (cfr. 7,18-23).

Inizierà, però, un'altra attesa, nel tempo in cui il servo dovrà stare attento perché il padrone giungerà in un giorno in cui non attende e in un'ora che non sa (12,46). È il tempo dell'attesa della venuta del giorno di Dio (2Pt 3,12), il momento in cui alla comunità cristiana è chiesto di essere senza macchia e irreprensibili davanti a Dio, in pace (2Pt 3,14). L’annuncio evangelico tiene desta in noi l’attesa del Signore.

Se non fosse lui il Cristo: Non viene il Cristo dalla casa di Davide? È forse presente la tradizione del messia di stirpe sacerdotale?

 

16 Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco».

 

L’acqua appartiene ancora a questa creazione. Giovani battezza ancora stando dentro all’antica economia della legge. Gesù appartiene a un’altra realtà che Giovanni esprime con il dichiararsi indegno a compiere nei suoi confronti persino i servizi più umili quali quelli di uno schiavo. Infatti il battesimo del Cristo appartiene alla nuova creazione perché ha come principio lo Spirito Santo e il fuoco. Lo Spirito appare come fuoco nella Pentecoste (At 2,3): qui il fuoco è legato alla Parola (come lingue di fuoco). Lo Spirito è legato all’acqua nel battesimo cristiano (Gv 3). Lo Spirito è il vero autore del battesimo: nell’acqua purifica e con il fuoco dà la forza della Parola e della testimonianza.

 

[Egli ha in mano il ventilabro per ripulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel granaio; ma la pula, la brucerà con fuoco inestinguibile».

Con molte altre esortazioni annunziava al popolo la buona novella.

Ma il tetrarca Erode, biasimato da lui a causa di Erodìade, moglie di suo fratello, e per tutte le scelleratezze che aveva commesso, aggiunse alle altre anche questa: fece rinchiudere Giovanni in prigione.]

 

21 Ed ecco, mentre tutto il popolo veniva battezzato e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera,

 

Ed ecco (lett.: avvenne): questa formula d’introduzione serve nel corpo del vangelo a distinguere le grandi unità letterarie.

Tutto il popolo veniva battezzato: con il battesimo di Gesù la missione del Battista è terminata: ormai tutto il popolo è stato preparato per accogliere il ministero di Gesù; è quello stesso popolo in attesa di cui si parla al versetto 15.

Gesù, ricevuto anche lui il battesimo. Gesù è confuso ai peccatori, come l'Agnello di Dio che toglie il peccato dal mondo (Gv 1,29): «il battesimo di Gesù nel Giordano annunzia e prepara il suo battesimo nella morte (Lc 12,50). Due battesimi aprono e chiudono l'ufficio pubblico di Gesù» (F. Amiot). L’assenza del Battista mette in luce come la sua missione sia conclusa: tutto il popolo è con Gesù, pronto ad ascoltarlo, dopo averne accolto la manifestazione.

Stava in preghiera: questo elemento della preghiera di Gesù è tipico di Luca: infatti non viene riportato nella narrazione del battesimo né da Marco né da Matteo. Importantissima è la preghiera del Signore: nel Vangelo di Luca più volte si parla di Gesù che prega (5,16; 9,18) specialmente nei momenti forti come il battesimo (3,21), la scelta degli apostoli (6,12), la trasfigurazione (9,28-29), tanto che il Signore dice una parabola sulla necessità di pregare sempre (18,1-8) e dopo aver lui stesso pregato insegna ai discepoli come pregare (11,1-5; cfr. anche 18,9-14).

Qui la preghiera di Gesù apre i cieli e non questi cieli come fece Elia che li chiuse e li aprì per donare la pioggia, ma quelli nuovi dai quali scende lo Spirito, come subito dice.

Egli prega e la sua preghiera attraversa le nubi (Eccl 35,16-24) e fa scendere su di Lui lo Spirito perché squarcia i cieli e si ode la voce del Padre che lo rivela ad Israele che, essendo stato purificato, può ascoltare questa testimonianza.

 

il cielo si aprì 22 e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

 

Il cielo si aprì. Nella Scrittura è sempre il preludio a una manifestazione divina (cfr. Is 63,19b; Ez 1,1).

La teologia ebraica concepisce la storia salvifica in due momenti: l'allontanamento della Shekinah (= la Presenza di Dio tra gli uomini) e il suo ritornare con il Messia: l'aprirsi dei cieli ristabilisce la comunione tra Dio e l'uomo (d. U. Neri) e rivela il Messia che, pur essendo concepito dallo Spirito perché Figlio di Dio, viene ora consacrato dando inizio alla sua missione. Il testo che sta nel sottofondo è Is 61,1sg che Gesù citerà nella sinagoga di Nazaret.

Lo Spirito Santo in forma corporea. Nel racconto del battesimo, rispetto a Mt e a Mc, Luca aggiunge che lo Spirito discese in forma corporea: in questa variante si manifesta la volontà di Luca di mostrare il fatto non solo come oggetto della percezione di Gesù (così fanno Mt e Mc) ma anche di rimarcare l'oggettività di questa discesa dello Spirito. Più che il simbolo della colomba, l’evangelo sottolinea in questo luogo l’aspetto corporeo, il fatto cioè che lo Spirito diviene a tutti visibile. Lo stesso dicasi quando sottolinea le manifestazioni visibili avvenute nel giorno di Pentecoste quali le fiamme, il rombo e il vento (At 2,2-3) (cfr. Schweizer GLNT e Rengstorf).

E venne una voce dal cielo: La teofania culmina nella voce: Dio dichiara Gesù il suo Figlio. All’inizio dell’Evangelo, che Gesù proclama, stanno la manifestazione visibile dello Spirito e la voce del Padre, che tutto il popolo vede e ode, ottenendo risposta riguardo alla sua domanda su Giovanni (3,15). Questa teofania, dando inizio al ministero pubblico di Gesù, lo caratterizza come rivelazione in lui del Padre e come effusione dello Spirito sui credenti. La rivelazione procede verso la sua piena manifestazione che avverrà sulla croce e nella rivelazione che ha nella trasfigurazione il suo momento intermedio.

 

«Distinguiamo il momento del battesimo e gli avvenimenti successivi: il cielo che si apre, lo Spirito, la Voce. Tutti e tre hanno una chiara portata escatologica: si ha una svolta decisiva nella storia della salvezza. Questo è importante e decisivo se no non usciamo dalla costruzione immaginativa del battesimo. I fatti hanno un valore teologico e non «miracoloso» nel senso che si dà comunemente al termine. Questi tre fatti vogliono sottolineare che inizia il tempo della fine.

I cieli si aprono (Is 63,19: Se tu squarciassi i cieli e scendessi! Davanti a te sussulterebbero i monti.). Si squarcia il velario, il muro di separazione tra Dio e l’uomo. Gregorio di Nazianzo dice: «salendo dall’acqua porta in alto il cosmo». Quei cieli che rappresentavano per l’uomo l’oggetto dei suoi desideri si aprono.

La discesa dello Spirito è un fatto escatologico. Lo Spirito non era più presente. Lo Spirito si era estinto, era cessata la profezia. Il fatto che lo Spirito discenda su Gesù è nuovissimo ed eccezionale tale da indicare che inizia la fine.

La voce del Padre.La frase che il Padre pronuncia congiunge diversi testi: Sal 2 e Is 42. È la riposta a Giovanni: il Cristo verrà con lo Spirito e con il fuoco. La risposta del Padre è giudizio sì ma con mitezza: non spezza la canna incrinata. Tutto questo è importante: noi ci troviamo di fronte a un segno che può essere colto solo dalla fede, per questo è oggetto di testimonianza. Non è segno facile perché è il segno del Servo sofferente, del Crocifisso. Il Battesimo è segreto e palese negli evangelisti: è segreto per chi non ha fede ed è palese per chi è credente» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerusalemme 13.1.1980)

 

Note

«Il battesimo di Gesù pone a ciascuno di noi una domanda e un invito. Invito a sentirci coinvolti da questo sacrificio che il battesimo adombra: «Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?» (Mc 10,38). Chiede di seguirlo. «Siete disposti a venire dietro di me? Per venire dietro di me accettate il mio calice e il mio battesimo in quel che riguarda il compimento della volontà del Padre»; solo così avremo parte ai cieli nuovi che Gesù inaugura con il suo battesimo» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerusalemme, 13.1.1980).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell’esperienza vocazionale del Battesimo di Gesù Dio sta in fondo alla vita e all’opera di Gesù, come Padre che suscita e accompagna l’esistenza di suo Figlio. Non dovrà intervenire esteriormente nel corso del racconto: ascolteremo la sua voce rivelatrice (epifania) solo nella trasfigurazione (9,7), per accogliere la grazia della sua nuova nascita nel messaggio di pasqua (16,8). In tutti gli altri momenti Dio sembra silenzioso. Il suo silenzio però è un modo molto forte di manifestarsi: si è espresso (incarnato) in suo Figlio; per questo lascia che Gesù agisca, facendo sì che noi possiamo trovare il regno nel suo messaggio.

Dio si dice e si esprime come Padre, chiamando Gesù «Tu sei il Figlio mio». Questa è una parola performativa, che realizza quanto dice; è parola di gioia, che porta Dio stesso al suo riposo («in te mi sono compiaciuto»).

 

 

PREGHIERA DEI FEDELI

 

  1. Immersi nella grazia del Battesimo e resi in tutto fratelli del Cristo, eleviamo con filiale la fiducia la nostra preghiera al Padre:

Padre, fonte della vita, ascoltaci!

 

  • Perché la professione di fede iniziata con il battesimo porti tutti i credenti sempre più nel cuore del Vangelo, creduto, amato e testimoniato, preghiamo.

 

  • Perché il dono dello Spirito conducai tutti i discepoli di Gesù a seguirlo nel dono totale della propria vita accettando il suo calice e il suo battesimo come compimento della volontà del Padre, preghiamo.

 

  • Perché tutti i popoli siano immersi nelle acque del battesimo e l’adesione al Vangelo dia inizio ai nuovi cieli e alla nuova terra, preghiamo.

 

  1. Padre onnipotente ed eterno, che dopo il battesimo nel fiume Giordano proclamasti il Cristo tuo diletto Figlio, dona ai tuoi figli di ascoltare sempre la tua voce perché seguendo il tuo Figlio diventiamo testimoni luminosi della tua gloria.

Per Cristo nostro Signore.

Amen

 

LODE A DIO

 

domeniche precedenti

 

 

SOLENNITÀ DI MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

 

Pienezza dei tempi,

doglie di Partoriente,

segno grande in cielo,

e attesa sulla terra.

 

Gioisci, o Donna,

il Bimbo da te nato,

sotto la Legge,

è il Primogenito.

 

Il suo Nome è pace,

benedizione colma,

profumo riversato,

che a sé ci attira.

 

Il tuo Evangelo è pace,

si effonde e dona vita

a quanti sono avvolti

da tenebre di morte.

 

PRIMA LETTURA                                                              Nm 6,22-27

 

Dal libro dei Numeri

 

22 Il Signore parlò a Mosè e disse: 23 «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo: “Così benedirete gli Israeliti: direte loro:

 

La benedizione crea un rapporto tra Dio e colui che viene benedetto. Qui essa ha come centro il Nome del Signore ripetuto tre volte. Questa benedizione pone quindi il Nome rivelato sui figli d’Israele «in modo che questi vivano nella forza direttiva e santificante del Nome» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).

La benedizione ha pertanto una forza intrinseca, che è legata all’elezione (cfr. Nm 22,12: Dio disse a Balaam: «Tu non andrai con loro, non maledirai quel popolo, perché esso è benedetto»). Essa non è pertanto annullata perché è costitutiva del popolo di Dio ed è la ragion d’essere della Chiesa, come c’insegna l’apostolo Paolo: Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, diventando lui stesso maledizione per noi, come sta scritto: Maledetto chi pende dal legno, perché in Cristo Gesù la benedizione di Abramo passasse alle genti e noi ricevessimo la promessa dello Spirito mediante la fede (Gal 3,13-14).

 

24 Ti benedica il Signore

e ti custodisca.

 

La ricchezza del Nome divino è a noi comunicata attraverso la benedizione.

In Dt 28,3-6 è indicato l’ambito della benedizione: Sarai benedetto nella città e benedetto nella campagna. Benedetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto del tuo suolo e il frutto del tuo bestiame; benedetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Benedette saranno la tua cesta e la tua madia. Sarai benedetto quando entri e benedetto quando esci. Il Signore lascerà sconfiggere davanti a te i tuoi nemici, che insorgeranno contro di te: per una sola via verranno contro di te e per sette vie fuggiranno davanti a te. Il Signore ordinerà alla benedizione di essere con te nei tuoi granai e in tutto ciò a cui metterai mano; ti benedirà nel paese che il Signore tuo Dio sta per darti.

La benedizione avvolge tutta la persona e tutta l’esistenza. In essa si esprime la pienezza della pace. Essere benedetti quindi equivale a trovare grazia presso Dio.

In essa siamo protetti e custoditi come la pupilla dei suoi occhi (cfr. Dt 32,10). Infatti più volte il Signore è paragonato alla roccia di riparo e alla grande Aquila che porta i suoi nati sulle ali o alla chioccia che li difende sotto le sue ali. Tutto esprime la profonda tenerezza di Dio e la commozione di chi si sente protetto da Lui. Per tutti i passi valga il seguente tratto dal Sal 18, 2-3: Ti amo, Signore, mia forza, Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore; mio Dio, mia rupe, in cui trovo riparo; mio scudo e baluardo, mia potente salvezza.

 

25 Il Signore faccia risplendere per te il suo volto

e ti faccia grazia.

 

Il Signore faccia risplendere per te il suo volto, chi invoca il suo Nome rende luminoso il volto di Dio su di sé come un figlio nei confronti del proprio padre. «Rialzaci, Signore, nostro Dio, fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi. (Sal 80,4.8.20) questa invocazione è molto bella perché noi siamo dei bimbi sempre in terra» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1973).

E ti faccia grazia cioè abbia di te compassione nella sua tenerezza e ti visiti con la redenzione del Figlio suo.

 

26 Il Signore rivolga a te il suo volto

e ti conceda pace”.

 

Il Signore rivolga su di te il suo volto lett.: innalzi su di te il suo volto. È il contrario di nascondere adirato il suo volto (cfr. Dt 31,17: In quel giorno, la mia ira si accenderà contro di lui; io li abbandonerò, nasconderò loro il volto e saranno divorati).

E ti conceda pace. La pace sta al vertice della benedizione come è scritto: Il Signore darà forza al suo popolo, benedirà il suo popolo con la pace (Sal 28,11). Essa è quindi elargita da Dio come benedizione e in quanto benedetti gli uomini possono vivere nella pace ed esserne operatori. La pace è annunciata a Betlemme dagli angeli ed è attuata da Gesù sulla Croce, come insegna l’Apostolo: Egli infatti è la nostra pace, colui che ha fatto dei due un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che era frammezzo, cioè l’inimicizia (Ef 2,14),

 

27 Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

 

I sacerdoti sono coloro che conoscono il Nome del Signore e che quindi hanno in sé il potere di porre il Nome su coloro che benedicono e il Nome è garanzia di presenza, protezione e comunione. Gesù, il cui nome è esaltato al di sopra di ogni altro nome (Fil  2,9), compie le stesse funzioni del nome divino soprattutto come garante del bene supremo che è il dono dello Spirito Santo (cfr. Gv 14,26: Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli v’insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto).

«Il verbo porre si trova in Gn 2,8 per la prima volta: Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi pose l’uomo che aveva plasmato.

Quando il Signore pone il nome sopra di noi ci riporta di nuovo nella condizione dell’Eden nella forza e innocenza e gioia. Questo avviene soprattutto nell’Eucaristia; quando poi noi lo benediciamo non facciamo altro che aumentare questo flusso di vita che ci è dato nella comunione con l’Unigenito come è detto in Gal» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 1.1.1973).

 

Note

 

Come i comandamenti designano il confine tra il bene e il male, così la benedizione copre l’area del bene. È nella benedizione quindi colui che osserva la Legge del Signore.

Purtroppo tutti sono corrotti, fanno cose abominevoli: nessuno più agisce bene (Sal 13,1). Tutti quindi sono sotto la maledizione perché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Rm 3,23).

Noi siamo ricollocati nella benedizione solo per Gesù nel quale è stata annullata la nostra maledizione e siamo stati trasferiti nella benedizione.

Posti in essa e quindi nel Nome del Signore, noi partiamo da una situazione di grazia così sovrabbondante da essere già collocati nei cieli, in Cristo, come c’insegna l’Apostolo: Benedetto sia Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo (Ef 1,3).

Noi recepiamo quindi la benedizione anche come situazione interiore nella quale sono annullate quelle energie distruttive (espresse nel peccato e nella morte) che tentano di assorbirci contrapponendo alla fermezza della fede lo stato interiore di angoscia e quindi di disperazione.

La benedizione non è quindi un vanto o un privilegio ma è uno stato, che, se recepito, riempie di gratitudine e di lode coloro che sono benedetti.

Per questo l’Apostolo conosce sia la benedizione discensionale (da Dio a noi) che ascensionale (da noi a Dio).

 

SALMO RESPONSORIALE                                                       Sal 66

 

R/.                                                    Dio abbia pietà di noi e ci benedica.

 

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,

su di noi faccia splendere il suo volto;

perché si conosca sulla terra la tua via,

la tua salvezza fra tutte le genti.                                                           R/.

 

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,

perché tu giudichi i popoli con rettitudine,

governi le nazioni sulla terra.                                                               R/.

 

Ti lodino i popoli, o Dio,

ti lodino i popoli tutti.

Ci benedica Dio e lo temano

tutti i confini della terra.                                                                       R/.

 

SECONDA LETTURA                                                           Gal 4,4-7

 

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

 

Fratelli, 4 quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge,

 

Quando il tempo, nel suo fisico scandirsi, giunse alla sua pienezza, cioè a quel termine che Dio gli aveva stabilito e aveva nascosto dentro le parole oscure della profezia, allora Egli mandò il suo Figlio. Il Figlio stesso era fin allora nascosto nel seno del Padre, nell’arcano disegno, che non fu rivelato ai profeti, ma solo nel Figlio fu rivelato in questi ultimi tempi.

Ma perché solo la fede in Dio scoprisse il Figlio ed Egli rimanesse nascosto a quanti non vollero accogliere e neppure credere in Lui, questi nacque da donna e nacque sotto la legge. Nascosto dalla sua generazione umana e dalla legge agli occhi degli uomini, Gesù operò all’interno della stirpe umana e della situazione di maledizione creata dalla legge.

 

5 per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli.

 

Collocatosi all’interno della legge, il Figlio riscattò dalla legge quanti questa teneva oppressi sotto il suo giogo e sotto la maledizione. Non solo li riscattò ma li fece figli adottivi. L’adozione è una reale partecipazione alla natura divina in modo tale che nella nostra natura noi recepiamo l’energia dello Spirito Santo, come subito dice.

 

6 E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre!

 

Nell’intimo nostro, nel proprio di noi stessi, come persona, capacità di scelta e di libertà, in una parola nel cuore, Dio mandò lo Spirito del suo Figlio. Per noi è solo questione di lasciare agire lo Spirito Santo, che ci porta al grido da lui ispirato verso il Padre: Abbà! Padre! La crescita spirituale consiste nel far tacere ogni voce e lasciare che lo Spirito gridi. Il silenzio è assenza di parola da noi pronunciata per udire quella dello Spirito e unirsi ad essa in un unico grido di amore al Padre assieme a tutta l’assemblea dei redenti, la Chiesa.

 

7 Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

 

Da questa operazione di Dio e dalla presenza dello Spirito deriva a ciascuno di noi il fatto di essere figli ed eredi. Tutto questo avviene per l’azione del Padre che opera in noi mediante lo Spirito.

 

Note

Nella nascita del Figlio nato da donna, nato sotto la legge avviene un passaggio radicale: il Nome non è più sopra di noi ma nello Spirito è dentro di noi e il nome è quello stesso che il Figlio pronuncia: Abbà, Padre. Tutto questo è compiuto dallo Spirito.

La nostra eredità non è quindi la terra d’Israele ma quella patria alla quale Egli ci attira e dove ha preparato per noi delle dimore.

 

CANTO AL VANGELO                                                          Eb 1,1-2

 

R/.                                                                                 Alleluia, alleluia.

 

Molte volte e in diversi modi nei tempi antichi

Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti;

ultimamente, in questi giorni,

ha parlato a noi per mezzo del Figlio.

 

R/.                                                                                               Alleluia.

 

VANGELO                                    Lc 2,16-21

 

 Dal vangelo secondo Luca

 

16 In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia.

 

Senza indugio. Dopo aver accolto la parola non indugiano e quindi trovano il Cristo come avviene pure ai Magi. Se l’attesa di Lui è stata lunga, sofferta e paziente, non più così deve essere la ricerca quando Egli viene.

 

17 E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. 18 Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. 19 Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.

 

Riferirono, [lett.: fecero conoscere]. L’Evangelo si dilata e viene in tal modo trasmesso Tutta la pericope è incentrata sull’annuncio dell’Evangelo, della grande gioia che scaturisce dalla nascita regale del Cristo.

L’Evangelo, trasmesso dagli angeli, è accolto dai pastori e da loro annunciato davanti al Bimbo. In tutti provoca stupore (18) e infine termina nel cuore di Maria dove trova il suo riposo, infatti Maria da parte sua, custodiva tutte queste cose meditandole nel suo cuore (19). Maria diviene il modello di come vada accolto l’Evangelo. Meditando tutte queste cose, le metteva a confronto le une con le altre e sentiva in esse l’adempimento delle parole profetiche. In tal modo Maria è beata perché ha creduto e perché medita la Legge del Signore giorno e notte (cfr. Sal 1,2). In questo diviene modello di ogni discepolo nell’accogliere la Parola di Dio, meditarla e metterla in pratica.

 

20 I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.

 

I pastori se ne tornarono al loro gregge. La fede nel Messia conosciuto non li toglie dal loro lavoro, ma li impegna a conservarla e a testimoniarla dove si trovano.

Glorificando e lodando Dio come avevano imparato dagli angeli.

 

21 Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

 

Con la circoncisione Gesù viene inserito nel popolo di Dio come dice l’Apostolo: Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l’adozione a figli (Gal 4,4s).

Riceve quel nome che è stato rivelato dall’Angelo e inserendosi con questo nome, inizia a operare la salvezza. Con questo rito la sua divinità e la verginità della madre vengono nascosti sotto la paternità legale di Giuseppe.

Il centro di questo versetto è il nome di Gesù e si parla della circoncisione in rapporto al nome. È importante che il nome sia legato alla circoncisione. Come la nascita a Betlemme lo rivela figlio di Davide così la circoncisione lo rivela figlio di Abramo: Libro della generazione di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo (Mt 1,1), come è detto d’Isacco (cfr. Gn 21,4). Che rapporto c’è tra la circoncisione d’Isacco e quella di Gesù? La circoncisione del Signore porta a compimento quella di Isacco: di questi è detto: aveva otto giorni, di Gesù: quando furono compiuti gli otto giorni. Ciò che sembra importante sottolineare è il sangue versato da Isacco, da ogni bimbo d’Israele e dal Signore stesso. La circoncisione è il segno, nella carne, del patto tra Dio e Abramo: e ogni patto è suggellato nel sangue. Il sangue versato dal Signore, nella circoncisione, porta a compimento il patto di Abramo. Inoltre, come il sangue versato da Isacco preannunciava il suo sacrificio sul Moria, così il sangue versato dal Signore preannuncia il suo sacrificio sul Calvario. In quello stesso tempo circa erano stati circoncisi anche i santi Innocenti.

La legislazione della circoncisione è contenuta in Lv 12,1-4: il testo unisce intimamente la circoncisione del bimbo con la purificazione della madre. Al v. 4 è detto: Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione. Colpisce questo sangue sparso nella maternità soprattutto se pensiamo a quello della Vergine. Infatti la sua purificazione dal sangue coincide con l’offerta del suo Primogenito (vedi Lv 12, 6-8 e Lc 2,22-24).

 

Note

 

«Inizio dell’omelia: Lc 2,16-21; riunisce due sezioni. I pastori vanno e riscontrano che quanto è annunciato, è vero. Viene sottolineato l’aspetto umilmente umano del Figlio di Dio; però in questo nulla i pastori riconoscono il Figlio di Dio. E divengono talmente servi della Parola che annunciano non solo meraviglie ma comunicano lo stesso trasporto che li ha presi. Maria, percepisce e ne viene presa e custodisce queste cose e le riscontra nel suo cuore. Non basta che lo Spirito si posi su di noi ma occorre custodire lo Spirito e confrontarlo con la Scrittura che non fa altro che comunicarlo sempre più.

  1. Gesù viene circonciso. Il nome è Gesù. La benedizione è comunicata dalla presenza di Gesù nel seno dell’umanità: Lui è la grande benedizione ed è il Nome posto sui figli di Dio.

Oggi celebriamo la Maternità di Maria. Questa maternità gloriosa, strumento di salvezza, non possiamo disgiungerla dall’Incarnazione, dalla Circoncisione e dal Nome. Entrando in contatto con questa maternità, iniziamo a essere partecipi della benedizione in Gesù».

 

Conclusione dell’omelia: «I vari elementi in parte richiamati ci chiarificano il mistero del nostro nascere in Lui in quanto Lui si fa presente: nasce, cresce raggiunge la sua pienezza in ciascuno di noi e in tutto il suo popolo perché noi possiamo essere per Lui e in Lui figli di Dio come Lui. Questa rinascita per la deificazione avviene nella misura in cui il Padre manda in ognuno di noi il Figlio e lo Spirito Santo. Manda la pienezza dell’essere  di Gesù: carne, sangue, anima, Spirito. Tutto questo è legato alla comprensione del battesimo, che invera la circoncisione, cui Gesù si è assoggettato. Il mistero della sua natività, dell’adorazione dei pastori, di Maria, della circoncisione, del Nome è legato fin dal principio a un segno di sangue. Qual è il punto di vincente tra la devozione imperfetta con Maria e il vero rapporto con lei? È accettare che la rinascita avvenga attraverso il sangue. Maria più ci è madre e più siamo figli non può e non vuole dispensarci, da un rapporto di sangue. Questo non l’ha fatto con Gesù e, non può farlo con noi perché custodisce nel cuore tutto il disegno di Dio. Tanto più è intimo il rapporto con Dio, Maria non si frappone al disegno di Dio, ma ci aiuta a realizzarlo. Ci accompagna e ci ottiene lo spirito della fortezza per realizzare il disegno di Dio. A Maria dobbiamo chiedere che non ci eviti il martirio, ma che ci conforti a sostenerlo. Questo lo fa non solo nei confronti di ciascuno ma in rapporto alla Chiesa: non evita alla Chiesa il martirio ma ottiene alla Chiesa la Pentecoste dove lo Spirito ci è dato perché possiamo testimoniare il nome di Gesù. Maria assistendo gli Apostoli non ottiene che siano tolti dal martirio ma che siano segnati dal fuoco dello Spirito. Non ha evitato al Cristo la morte ma lo ha consolato con la sua presenza».

(d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).

 

(NB questi sono appunti tratti allora durante l’omelia. Chi volesse leggere il testo integrale di questa omelia può trovarlo in G. Dossetti, Omelie del tempo di Natale, ed. Paoline, pg. 67-76).

 

PREGHIERA DEI FEDELI

 

Con l’animo pieno di trepidazione, ma fiduciosi nella protezione della Madre di Dio, innalziamo al Padre la nostra filiale e unanime preghiera.

Accogli, o Padre, le preghiere dei tuoi figli.

 

  • Perché ovunque nella Chiesa fioriscano scuole di preghiera e di ascolto della Parola di Dio. Accanto a Maria, nel silenzio della meditazione, ogni uomo si apra alla comprensione della volontà del Padre, preghiamo.

 

  • Perché ogni bimbo e bimba abbia la sua famiglia in cui possa sentire nel calore umano dei suoi il tenero abbraccio di Dio, preghiamo.

 

  • Perché cessino la violenza e l’odio, rabbia dei forti contro i deboli, inizio di estenuanti miserie ed esili, preghiamo.

 

  • Dona, Padre, sollievo ai più deboli e ai più piccoli, perché il loro tenue respiro si rafforzi in un grido di gioia, preghiamo.

 

  • Perché siano riscattate le lacrime di ogni donna e i suoi gemiti siano doglie di parto per una nuova umanità in nuovi cieli e nuova terra, preghiamo.

 

  • Perché nel nuovo anno appaiano i segni della redenzione nel cessare delle guerre e dell’odio e in rapporti di vera solidarietà tra tutti i popoli.
  • Manda, o Padre, il tuo Cristo e il suo Evangelo di pace sia accolto da tutti gli uomini, noi ti preghiamo.

 

O Dio, principio e fine di tutto il creato, accogli dalle mani di Maria, vergine e madre, le preghiere filiali del tuo popolo; infondi in noi lo Spirito Santo perché nella concordia dell’amore e della pace, si elevi un’unica lode e un unico canto da tutti i tuoi figli sparsi in ogni popolo.

Per Cristo nostro Signore.

Amen.

 

 

domeniche precedenti

 

 

Santa Famiglia anno C

 

PRIMA LETTURA                                                 1Sam 1,20-22.24-28

 

Dal primo libro di Samuèle

 

20 Al finir dell’anno Anna concepì e partorì un figlio e lo chiamò Samuèle, «perché - diceva - al Signore l’ho richiesto».

 

Il nome di Samuele contiene in sé due letture: il suo nome è Dio e chiesto a Dio. Anna sceglie e interpreta questo nome in rapporto a quanto è accaduto. Il nome, legato intimamente alla persona, è ricordo, promessa e benedizione. Esso è dato in rapporto a Dio.

 

21 Quando poi Elkanà andò con tutta la famiglia a offrire il sacrificio di ogni anno al Signore e a soddisfare il suo voto, 22 Anna non andò, perché disse al marito: «Non verrò, finché il bambino non sia svezzato e io possa condurlo a vedere il volto del Signore; poi resterà là per sempre».

 

Il suo voto, secondo quanto prescrive la Legge (cfr. Dt 12,11).

La prima volta che Samuele salirà alla casa del Signore per vedere il volto del Signore (cfr. Es 34,23-24) resterà là per sempre, a differenza dei leviti che vi restano solo fino a cinquant’anni (cfr. Nm 8,25).

La consacrazione di Samuele al Signore è perenne, per cui gli antichi hanno pensato che Anna lo avesse consacrato come nazireo (cfr. Rotolo di Samuele di Qumran: e resterà davanti al Signore là per sempre perché l’ho dato come nazireo per sempre per tutti i giorni della sua vita). Nella LXX il voto di Anna è che il bimbo sia nazireo (cfr 1Re 1,11: e lo darò davanti a te donato fino al giorno della sua morte, e non berrà vino e bevanda inebriante, e il rasoio non passerà sul suo capo).

 

24 Dopo averlo svezzato, lo portò con sé, con un giovenco di tre anni, un’efa di farina e un otre di vino, e lo introdusse nel tempio del Signore a Silo: era ancora un fanciullo.

 

Dopo lo svezzamento, durante il pellegrinaggio annuale, Anna sale con tutta la famiglia e porta il bimbo a Silo per offrirlo al Signore. L’offerta al Signore di Samuele è accompagnata da un sacrificio assai abbondante come segno di gratitudine al Signore; l’offerta dei tre giovenchi è accompagnata dalla farina e dal vino, come prescrive la Legge (cfr. Nm 15,9).

E il fanciullo era con loro. Lett.: e come servo <del Signore Samuele> era fanciullo. Il testo ci vuol insegnare che Samuele iniziò il servizio al Signore in modo eccezionale che era ancora un fanciullo.

 

25 Immolato il giovenco, presentarono il fanciullo a Eli

 

Dopo aver immolato il giovenco come ringraziamento per il dono del figlio e per consacrarlo con il sacrificio al Signore, Elkanà e Anna presentarono il fanciullo a Eli. Lo offrirono al Signore attraverso il sommo sacerdote che aveva benedetto Anna  perché fosse istruito nella Legge del Signore e imparasse a servirlo là dove era l’arca. Eli avrebbe così constatato che si era avverata la sua profezia e avrebbe così accolto il fanciullo come dono di Dio.

 

26 e lei disse: «Perdona, mio signore. Per la tua vita, mio signore, io sono quella donna che era stata qui presso di te a pregare il Signore.

27 Per questo fanciullo ho pregato e il Signore mi ha concesso la grazia che gli ho richiesto.

 

Il racconto ci ha già dato notizia di questa preghiera (9-17). Ora Anna presenta al sommo sacerdote il frutto della sua preghiera, il bimbo che sta per essere offerto al Signore.

 

28 Anch’io lascio che il Signore lo richieda: per tutti i giorni della sua vita egli è richiesto per il Signore». E si prostrarono là davanti al Signore.

 

Anna offre la primizia del suo grembo al Signore. Non per sé ella lo vuol tenere ma vuole che sia tutto del Signore. In questo dono Anna diviene una delle madri d’Israele. Ella vede nello spirito della profezia, testimoniato dal cantico che immediatamente segue, come il suo fanciullo sia destinato dal Signore a compiere grandi imprese per la salvezza del suo popolo. Per questo come ella lo ha ricevuto in dono così lo offre di nuovo in dono al Signore perché questi, prima attraverso il suo sacerdote e poi direttamente, operi nel fanciullo facendogli conoscere se stesso nella sua parola. La Scrittura c’insegna quale stretto rapporto vi sia tra la madre e il figlio e come la madre intuisca nel dono dello Spirito la sorte del figlio. Il nome scaturisce così come prima determinazione della sorte del bambino. Esso è un costante richiamo di quella vocazione che si renderà esplicita con il tempo.

E si prostrarono. Nel testo ebraico (a differenza della vulgata che ha il plurale) oggi è registrato il singolare: e si prostrò; i commentatori sono divisi; essendo il verbo al maschile è esclusa Anna per cui si opta o per Elkana, Samuele o Eli stesso che vede realizzata la sua profezia.

Se la prostrazione è propria di Samuele questo significa che con questo gesto egli acconsente e accoglie in sé l’offerta della madre ed è disposto a restare nella casa del Signore per imparare a servirlo.

 

SALMO RESPONSORIALE                                                       Sal 83

 

È un testo dolcissimo, pervaso da un anelito irresistibile verso il Dio della vita, celebrato dall’inizio alla fine col titolo di “Yahwè degli eserciti”, cioè il Signore delle armate stellari e del cosmo, palladio delle vittorie d’Israele. Centro della celebrazione è il tempio verso cui si indirizza il pellegrinaggio. La stagione è quella della “prima pioggia” autunnale che copre di verde la campagna bruciata dalla calura estiva (v. 7). La festa è probabilmente quella autunnale delle capanne, legata alla vendemmia e al ricordo della peregrinazione di Israele nel deserto.

Questo cantico esalta due aspetti del tempio:

  1. Da una parte, c’è la staticità del tempio, esso è visto come il segno di una residenza 
spirituale, quella dell’intimità con Dio. Solo nel tempio c’è vita, c’è il sole, c’è lo scudo do protezione contro il male, c’è la beatitudine suprema. L’orante contempla i voli felici degli uccelli che hanno i loro nidi nel santuario, simbolo della fortuna dei ministri del tempio che hanno una residenza perpetua e non temporanea (come il pellegrino) nel tempio. 

  2. Dall’altra c’è l’accento sul pellegrinaggio, al centro del Salmo si snoda la processione del pellegrino: egli viene dal lontano nord, attraversa la valle libanese della Baka’ (che significa “la valle del pianto”) avanza di villaggio in villaggio; la pioggia che tutto rinfresca gli sembra un’anticipazione delle gioiose benedizioni che lo avvolgeranno (“ammantare” nell’originale). All’orizzonte si intravede il profilo della città santa, la sede del Dio degli déi. Il viaggio faticoso, simbolo delle sofferenze della vita, porta all’incontro gioioso con Dio.

R/.  Beato chi abita nella tua casa, Signore.

Quanto sono amabili le tue dimore,

Signore degli eserciti!

L’anima mia anela

e desidera gli atri del Signore.

Il mio cuore e la mia carne

esultano nel Dio vivente.       R/.

 

Beato chi abita nella tua casa:

senza fine canta le tue lodi.

Beato l’uomo che trova in te il suo rifugio

e ha le tue vie nel suo cuore.           R/.

 

Signore, Dio degli eserciti, ascolta la mia preghiera,

porgi l’orecchio, Dio di Giacobbe.

Guarda, o Dio, colui che è il nostro scudo,

guarda il volto del tuo consacrato.          R/.

 

SECONDA LETTURA                                                 1Gv 3,1-2.21-24

 

Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo

 

Carissimi, vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui.

 

Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è.

 

Carissimi, se il nostro cuore non ci rimprovera nulla, abbiamo fiducia in Dio, e qualunque cosa chiediamo, la riceviamo da lui, perché osserviamo i suoi comandamenti e facciamo quello che gli è gradito.

 

Questo è il suo comandamento: che crediamo nel nome del Figlio suo Gesù Cristo e ci amiamo gli uni gli altri, secondo il precetto che ci ha dato. Chi osserva i suoi comandamenti rimane in Dio e Dio in lui. In questo conosciamo che egli rimane in noi: dallo Spirito che ci ha dato.

 

«Guardate quale grande (potapós) amore ci ha dato (dídômi) il Padre»: l’Apostolo invita i lettori alla meraviglia, alla contemplazione estatica: considerate bene la grandezza infinita dell’amore del Padre, un amore gratuito, donato a tutti i fedeli! Abbiamo tradotto quale grande, ma il greco letteralmente dice: da quale terra (potapós), per far capire che davvero si tratta di una cosa dell’altro mondo! Il dono è avvenuto nel passato e continua al presente (ci ha dato: in greco vi è il perfetto). L’Apostolo lo ammira in tutta la sua estensione temporale: dagli inizi fino al suo compimento, nel passato (ha dato), nel presente (lo siamo) e nel futuro (saremo: 3,2). E lo apprezza in tutta la sua grandezza qualitativa: essere figli del Padre, partecipi della sua natura che è amore.

«Cosicché siamo chiamati figli di Dio, e lo siamo!»: siamo di nome e di fatto veri figli di Dio Padre, viventi della sua stessa vita! (Gv 1,12). Naturalmente questo vale per chi, amato da Dio, corrisponde con impegno al suo amore infinito. L’Amore richiede amore.

«Per questo il mondo non ci conosce, perché non ha conosciuto lui»: la meravigliosa realtà della filiazione divina dei redenti è conosciuta e stimata solo da coloro che hanno lo Spirito Santo (il Crisma); è invece completamente ignorata dal mondo il quale, accecato dalle tenebre dell’orgoglio, non sa vedere ed apprezzare né Dio, né la sua opera santificatrice, né i suoi figli (Cfr. Gv 1,10; 14,17; 16,3; 17,25: Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto!).Giovanni introduce il ricordo dell’indifferenza e dell’ostilità del mondo per esaltare ancor più il valore della filiazione divina, donata ai credenti (è nel suo stile metter in risalto il bene opponendolo al male), ma anche per ammonire indirettamente il cristiano a non sottovalutare, proprio lui, la ricchezza straordinaria che possiede. In 4,5-6 l’Autore ricorderà che coloro che sono dal mondo parlano un linguaggio diverso (avendo, diciamo noi, una logica diversa), che il mondo apprezza e condivide. Non capiscono la sapienza della croce: 1Cor 2,14 L’uomo naturale però non comprende le cose dello Spirito di Dio; esse sono follia per lui, e non è capace di intenderle, perché se ne può giudicare solo per mezzo dello Spirito. Non capiscono e non cercano minimamente di capire: alzano subito un polverone per non vedere. Sono cose che non rientrano assolutamente nei loro interessi. Il discepolo non deve temere questa incomprensione diffusa e generale: se gli altri sono ciechi, a lui dispiace, ma non si cava certo gli occhi per essere come loro; in altre parole, continua ad andare controcorrente, a pensare ed agire diversamente, senza scendere a compromessi.

«Carissimi, adesso siamo figli di Dio»: anche l’Apostolo sente nel cuore un grande amore per i suoi fedeli, perciò li chiama amatissimi, diletti miei... Ribadisce con entusiasmo la verità principale e centrale, che tutti accomuna (siamo figli di Dio!). Non fa distinzione tra apostolo, profeta, credente progredito, fedele principiante. L’importante per tutti è essere figli di Dio fin dal presente (adesso).

«Ma non ancora si è manifestato ciò che saremo»: ciò che in realtà sono i figli di Dio è sconosciuto per il mondo ma, per ora, non si manifesta in modo completo neppure per il credente. La stessa cosa valse per gli apostoli nei confronti di Gesù, fintantoché egli non si trasfigurò sul monte Tabor o non risuscitò dai morti e salì al cielo. Attualmente non possiamo nemmeno immaginare quale sia la bellezza di un’anima in grazia di Dio e tanto meno quale sarà lo splendore della gloria futura dei corpi risorti.

«Carissimi, se il [nostro] cuore non ci rimprovera»: (II caso) se stiamo realmente aiutando i fratelli nel bisogno con concreti interventi a loro favore senza paura di spendere noi stessi per loro (il nostro tempo, la salute, i soldi, le nostre cose...) possiamo incominciare ad avere il cuore tranquillo (Rom 5,1; Ebr 4,16). L’Apostolo chiama carissimi quelli il cui cuore non muove accuse, perché essi non si sentono in colpa, avendo fatto tutto il possibile per essere perfetti nell’amore.

«Abbiamo fiducia (parresía) davanti a Dio»: se dopo un esame serio e veritiero, il fedele sente che la sua coscienza è a posto, perché ama i fratelli con amore sincero (cfr. Agostino, Meditazioni...), sperimenta un senso di serena confidenza (parresía), di sicurezza filiale davanti agli occhi e al cuore di Dio, che non possiamo ingannare. Di parresía Giovanni aveva già parlato in 2,28 (per quanto riguarda il momento della parusìa), ora ne parla come di un sentimento attuale, che anticipa quello futuro.

«Se chiediamo qualcosa, la riceviamo da lui (Mc 11,24)»: è bello notare come il concetto di fiducia filiale induce con naturalezza Giovanni a parlare di preghiera rivolta al Padre. La parresía diventa dialogo con Dio. Tale preghiera, dunque, è sempre efficace quando c’è la carità fattiva: Gv 14,13 Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Cfr. anche Gv 15,16. Gv 16,23 In verità, in verità vi dico: Se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. 24 Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena. Pregando il Padre nel suo nome (cioè, con la forza divina di Gesù, perché a lui uniti e conformi nell’amore), siamo sicuri di avere i doni più importanti: la gioia vera e la vita eterna (cfr. 5,14). Agostino si domanda: Chi non è ascoltato, non possiede la carità? E risponde: I buoni talvolta non vengono esauditi secondo la loro volontà, ma sono ascoltati in tutto in vista della salvezza: «Non avviene ciò che tu voi, ma avviene ciò che per te è bene» (cfr.Agostino, Meditazioni...). Chiediamo al Padre soprattutto il dono di un perfetto amore spirituale.

«Poiché osserviamo i suoi comandamenti e facciamo le cose gradite (’arestós da ’aréskô) davanti a lui»: il motivo dell’esaudimento sta dunque nel fatto che Dio vede che noi mettiamo in pratica il comandamento dell’amore, che è quello che maggiormente egli gradisce. Perfino il cieco nato sapeva queste cose: Gv 9,31 Ora, noi sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma se uno è timorato di Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta (cfr. anche Gv 8,29). L’osservanza dei comandamenti da parte nostra non crea dei diritti, ma sicuramente pone una delle condizioni necessarie per l’esaudimento. D’altra parte, se noi siamo abituati a fare le cose che piacciono al Padre, pregheremo con naturalezza anche nel modo a lui gradito. Risulterebbe interessante esaminare il tema neotestamentario del piacere che Dio ha (cfr. Rom 12,1-2; 1Cor 7,32; Ef 5,10; Fil 4,18; Col 1,10; 1Ts 4,1; Ebr 12,28; 13,16.21). Il Padre si è compiaciuto in modo speciale di Cristo, suo Figlio (Mt 3,17). Il nostro Dio è il Dio della gioia vera, è il Dio che prova piacere per tutto ciò che è bello e buono.

CANTO AL VANGELO                                                   Cf At 16,14b

 

R/.     Alleluia, alleluia.

 

Apri, Signore, il nostro cuore

e accoglieremo le parole del Figlio tuo.

 

R/.     Alleluia.

 

VANGELO                                                                             Lc 2,41-52

 

 Dal vangelo secondo Luca

 

41 I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua.

 

Le feste più importanti sono la Pasqua, Pentecoste e la festa delle Capanne (Es 23,14-19; 34,18-23; Dt 16,1-17). Queste feste venivano celebrate a Gerusalemme da ogni adulto. «Il comportamento dei genitori di Gesù dimostra ancora una volta (2,21s. 39) che nella loro casa la legge era osservata con cura» (Rengstorf).

Si calcola che Gerusalemme avesse sui 50.000 abitanti e che per la festa di Pasqua ne ospitasse un 125.000 (Jeremias).

 

42 Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa.

 

Dodici anni: è l’età anche della figlia di Giairo (8,42). All’età dobbiamo prima di tutto dare un valore storico. Se entriamo nel mistero e ci chiediamo perché mai accadde a dodici anni certamente nella dispensazione divina vi è una risposta. Noi sappiamo che a "a tredici anni e un giorno" comincia per il ragazzo l’obbligo dell’osservanza responsabile dei precetti della Legge tra cui è incluso pure il precetto pasquale (cfr. Strack-Billerbeck II 146). Gesù si manifesta un anno prima del momento in cui Egli è obbligato a osservare la Legge. In questo fattore temporale sta la caratteristica dell’episodio. Egli non si manifesta in occasione del rito in cui sottostà al comando ma un anno prima. Gesù insegna prima di sottomettersi ufficialmente alla Legge. In tal modo appare chiaro il suo rapporto con la Legge. Egli ne è il Maestro che si sottopone all’economia della Legge per adempierla e soddisfare in se stesso, come nuovo Adamo, tutti i precetti che nessun uomo poteva pienamente adempiere.

 

43 Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero.

 

Terminati i giorni della festa, cioè i sette giorni degli azzimi (cfr. Dt 16,1-8). «Non era prescritto di rimanere a Gerusalemme tutta la settimana festiva. Era però proibito partire prima del secondo giorno» (Schmid).

Il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme per sua scelta in modo che si evidenzi il suo rapporto con la città e il suo tempio. Gerusalemme è il luogo verso cui tende tutta la sua vita.

Senza che i genitori lo sapessero: c’è molta insistenza sul non conoscere: Non sapevate? (49); non compresero (50). Questo sottolinea come l’azione del fanciullo Gesù sia nel mistero.

 

44 Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti;

 

Carovana: si viaggiava per gruppi numerosi per difendersi da briganti e nemici. Quindi un bimbo poteva essere con i parenti o i conoscenti.

Si misero a cercarlo. Termine assai frequente (45: in cerca di lui; 48: ti cercavamo; 49: perché mi cercavate?) e quindi caratterizza tutto il brano. Gesù si sottrae e si nasconde per rivelarsi nel Tempio, la casa del Padre suo, a coloro che lo cercano.

 

45 non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme.

46 Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava.

 

Dopo tre giorni. Sono i giorni del viaggio di Abramo verso la regione di Moria per sacrificarvi suo figlio Isacco (Gn 22,4). Sono i tre momenti del fidanzamento di Dio con il suo popolo come è scritto in Osea (2,21s: Ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto (il patto del Sinai), nella benevolenza e nell’amore (la nuova alleanza nel suo sangue), ti fidanzerò con me nella fedeltà (le nozze della Chiesa con l’Agnello) e tu conoscerai il Signore). In questi tre giorni della ricerca del Signore è racchiuso tutto il tempo dell’attesa della Chiesa e di ciascuno di noi.

Lo trovarono nel tempio. Nel loro bimbo trovano il Signore seduto tra i dottori del suo popolo come è scritto nel Deuteronomio (33,3): Certo egli ama i popoli, tutti i tuoi santi sono nelle tue mani, mentre essi, accampati ai tuoi piedi, ricevono le tue parole. Il Verbo, che ha donato la Legge sul Sinai, appare ora nel Tempio per spiegarla e portarla a compimento.

Seduto in mezzo ai dottori: «precisamente in una delle sale del cortile esterno del Tempio, dove i rabbini tenevano le loro lezioni, forse nella sinagoga annessa al tempio stesso» (Schmid).

Mentre li ascoltava e li interrogava. Entra in dialogo con loro come Maestro che ascolta in che modo espongono la Legge e li interroga per portarli a un ulteriore approfondimento.

Con questo dialogo l’Evangelo mette in luce quale rapporto esiste tra Gesù e le scuole rabbiniche: Egli non dipende da esse, non si collega a nessun Rabbi e a nessuna tradizione perché non è mai stato discepolo di nessuno se non del Padre suo come è scritto in Isaia: Ogni mattina fa attento il mio orecchio perché io ascolti come gli iniziati  (50,4). E gli stessi giudei affermano: Come mai costui conosce le Scritture senza aver studiato? (Gv 7,15).

 

47 E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte.

 

Il primo confronto di Gesù con i maestri d’Israele riempie tutti di stupore benché Egli sia ancora dodicenne e appartenga alla Galilea e non è figlio né discepolo di nessun rabbi. Questo ragazzo, a nessuno noto, colpisce per la sua intelligenza e le sue risposte. Gesù manifesta la sua intelligenza in rapporto alla Legge (cfr. Dt 4,6) che Egli non solo conosce ma mette in pratica (cfr. Ps 110,10 e Pr 1,7: Hanno intelligenza buona quelli che la praticano) e in questo si manifesta pieno di grazia (cfr. Pr 13,15: un’intelligenza buona dona grazia). Dalla ricchezza della sua intelligenza provengono le risposte che Egli dà ai maestri. Questi lo scrutano con i loro enigmi e le loro problematiche e Gesù a tutti risponde senza lasciarsi confondere né rimandare a un ulteriore momento di approfondimento. La sua sapienza non ha limite. Benché in giovane età Egli appare ben più di Salomone; in Lui la sapienza del re d’Israele, suo antenato, viene come offuscata proprio in quel Tempio dove si radunano i grandi maestri d’Israele.

 

48 Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo».

49 Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?».

 

Maria e Giuseppe al vederlo rimasero stupefatti come davanti a una rivelazione. Sembra che anch’essi Lo ascoltino per la prima volta. Altre volte in questo vangelo si registra un simile stupore (4,32: ed erano stupefatti per il suo insegnamento perché con potenza era la sua parola; l’insegnamento è confermato dai segni, cfr. At 13,12: allora vedendo l’accaduto il proconsole credette stupefatto per la dottrina del Signore). Questa prima rivelazione è segnata dalla sofferenza (angosciati ti cercavano): Gesù infatti si è nascosto agli occhi dei suoi genitori per rivelarsi nella Casa del Padre suo perché qui è il suo posto.  Essere angosciati ricorre ancora nella parabola del povero Lazzaro per esprimere le sofferenze del ricco contrapposte alla consolazione del povero (16,24.25). il verbo esprime quindi un dolore molto forte che sconvolge tutto l’animo fino a esprimersi fisicamente.

Davanti ai dottori e a tutti coloro che lo ascoltano, ripieni di stupore, si svolge il dialogo tra la Madre e il Figlio. L’Evangelo non fa emergere nessuna delle parole dette da Gesù con i dottori ma solo queste con la Madre; pone qui il culmine del racconto e quindi l’apice della rivelazione. La sapienza di Gesù non ha nessuna origine umana ma scaturisce dal suo rapporto peculiare con Dio. Infatti il dialogo contrappone le due famiglie: quella umana (tuo padre e io) e quella divina (il Padre mio).

Questa parola «Non sapevate che devo essere nelle cose del Padre mio?», è la prima di Gesù registrata dai Vangeli ed è la conclusione della sua rivelazione nel Tempio ai dottori. Alla fine della sua missione Gesù porrà una domanda sul Cristo, nello stesso tempo figlio e Signore di Davide (cfr. 20,41-44). La risposta alla Madre, espressa in forma di domanda retorica, si appella al fatto che essi devono sapere che il Padre suo non è terreno e che è necessario che Egli sia là dove massimamente il Padre è presente, cioè nel suo Tempio.

50 Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.

 

Non compresero, in quel momento. Ma il custodirle nel cuore e meditarle darà come frutto di capirle. Se Maria, che è il modello di coloro che accolgono la Parola, non la comprende subito, vuol dire che anche noi non potremo comprenderla subito, ma solo dopo aver cercato con dolore, custodito e meditato. La conoscenza di Gesù, che corrisponde alla  sua rivelazione, risulta sempre nuova e nessuno può dichiarare nei suoi confronti di conoscerlo.

 

51 Scese dunque con loro e venne a Nazaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore.

 

Scese. Allude alla sua divina discesa nel farsi uomo. Come nell’Incarnazione il Verbo facendosi Carne ha nascosto la sua gloria nell’umanità così, dopo la sua manifestazione come Sapienza del Padre, scende e si nasconde a Nazaret diventando il figlio del carpentiere e lui stesso il carpentiere. Continua dicendo: e stava loro sottomesso. In nulla Gesù lascia trasparire il suo rapporto con il Padre.

Sua madre serbava tutte queste parole nel suo cuore. Questa espressione richiama quella di Gn 37,11: suo padre serbò la parola (si riferisce ai sogni di Giuseppe che annunciano la sua futura egemonia). Qui si pone l’accento sulla madre come prima custode del segreto messianico e dell’origine divina del suo Figlio. Ella custodisce tutte le parole. L’imperfetto e la forma composta del verbo greco (esso è infatti rafforzato dalla preposizione greca dià) esprimono «la cura e la durata della memoria» (H. Riesenfeld, GLNT, XIII, 1223).

 

52 E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini.

 

Gesù progrediva secondo il proprio della natura umana, come insegna l’apostolo: quand’ero bambino parlavo da bambino, ragionavo da bambino, pensavo da bambino; quando sono divenuto uomo ho smesso le cose da bambino (1Cor 13,11). Gli ambiti in cui Gesù progredisce sono la sapienza, l’età e la grazia.

La sapienza è la prima ad essere ricordata in conformità a tutto l’insegnamento riguardante la Legge, i profeti e i saggi. Di questa sua conoscenza Gesù ha dato prova nel suo dodicesimo anno. Questo ci permette di pensare che Egli viveva immerso nell’acquisizione della sapienza contenuta nelle divine Scritture e nella Tradizione del suo popolo. I vangeli ci danno testimonianza che Gesù sapeva leggere in ebraico (cfr. 4,17) e sapeva scrivere (cfr. Gv 8,6). Il lavoro manuale non lo distoglieva dal progredire in questa sapienza. In Lui tutto si armonizzava. Pur essendo il Figlio di Dio, Gesù non forzava la sua natura umana nell’acquisizione della sapienza ma la sua persona divina assecondava la fatica umana del progredire in modo che tale progresso apparisse veramente umano.

Gesù progrediva pure in età. Attraversando le varie età della vita Gesù viveva il proprio di ciascuna di esse come una pianta che estende i suoi rami, rami di maestà e bellezza (Sir 24,16) e dà prima foglie, poi fiori e frutti  di gloria e ricchezza (ivi, 17).

Infine Gesù progrediva nella grazia davanti a Dio e agli uomini. Precedentemente ha detto: e la grazia di Dio era su di lui (2,40) ora afferma che Gesù progrediva nella grazia. Potremmo intendere che la grazia di Dio si espandeva beneficamente in Gesù conferendo alla sua crescita un’armonia in cui si esprimevano bellezza, piacevolezza e un modo di fare gradito sia a Dio che agli uomini. La mirabile unione della divinità con la sua natura umana si espandeva in Gesù come un buon profumo (quello della sua consacrazione messianica) che si esprimeva secondo il proprio di ciascuna età rendendo amabile lo stare con Lui perché in Lui tutto era grazia (cfr. Pr 3,4: otterrai favore e buon successo agli occhi di Dio e degli uomini).

 

Nel tempo che va dalla notte di Natale fino alla festa dell’Epifania noi ascoltiamo brani evangelici che ci narrano la nascita di Gesù a Betlemme e l’andare verso di lui da parte dei pastori, i poveri di Israele (cf. Lc 2,15-20), e dei magi, i sapienti delle genti (cf. Mt 2,1-12). In questa domenica, però, sostiamo su un altro aspetto del mistero della venuta di Gesù nella carne: la chiesa ci chiede di fare memoria dei genitori di Gesù, di questa famiglia in cui Gesù è nato, è stato allevato ed è cresciuto.

Va detto con chiarezza che questa famiglia è di fatto una realtà unica e non ripetibile nella storia: c’è una donna, Maria, che diviene madre di un figlio nonostante la sua verginità e lo concepisce nella forza dello Spirito santo (cf. Lc 1,31-35); c’è Giuseppe che è padre di Gesù secondo la Legge, è suo padre perché lo ha educato; c’è Gesù, questo Figlio che solo Dio, il Padre, poteva dare agli uomini, un Figlio unico in tutti i sensi… Siamo dunque di fronte a una famiglia unica, non certo imitabile nella sua vicenda! Ma che cosa da essa si può cogliere di esemplare per le nostre famiglie, le quali, soprattutto oggi, vivono una situazione di crisi, contraddette come sono dalla cultura, dai comportamenti, dai «modelli» della vita odierna? C’è un messaggio per le nostre famiglie in questo brano del vangelo? Sì, perché, a prescindere dall’assoluta singolarità della sua vicenda, le gioie e le sofferenze sperimentate dalla famiglia di Nazaret sono umanissime, e quindi riguardano ogni forma di famiglia e di vita comune…

Certo, siamo di fronte a una famiglia ebrea, a una famiglia credente che cerca di essere obbediente alle esigenze della Legge: per questo Maria e Giuseppe educano Gesù nella fede dei padri, gli trasmettono la conoscenza del «Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe» (Es 3,6; Lc 20,37) e gli insegnano a pregare questo Dio invisibile eppure presente nella fede. In tale opera di trasmissione della fede, quando Gesù compie dodici anni e diventa «figlio del comandamento» (bar mizwah) essi lo portano al tempio di Gerusalemme, durante la festa di Pasqua. Nel viaggio di andata tutto va per il meglio, ma mentre stanno tornando a Nazaret i genitori si accorgono che Gesù è scomparso. È fuggito? L’hanno perso? Chi dei due doveva fare più attenzione? È così che Maria e Giuseppe, angosciati per l’accaduto, fanno ritorno a Gerusalemme, nella speranza di trovarlo. Per tre lunghissimi giorni ha luogo la ricerca di Gesù, una ricerca che poteva dar luogo a incomprensioni e ad accuse reciproche tra i due coniugi. Quando infatti siamo angosciati e la sofferenza ci assale, siamo anche tentati di opporci tra di noi e di riversare le colpe su chi ci sta accanto: non è forse questo il dramma di tanti coniugi?

Ed ecco finalmente il ritrovamento: Gesù è nel tempio, seduto in mezzo ai rabbini, intento ad ascoltarli e a porre loro domande. E si faccia attenzione: Gesù non è qui per insegnare, è semplicemente un ragazzo già capace di essere discepolo, grazie all’ascolto di quelli che, per la loro assiduità alla Parola di Dio contenuta nella Scrittura, sono «dottori», maestri nell’interpretazione della Legge. I suoi genitori, al vederlo, sono colti da stupore e Maria gli dice con tono di rimprovero: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo!». Ma Gesù le risponde: «Non sapevate che io devo stare presso il Padre mio?», ovvero: non sapevate che la mia casa è il Tempio, là dove abita la Presenza di Dio, e che io devo stare presso il Padre? Maria e Giuseppe, però, non comprendono tale affermazione e, pur lieti di aver ritrovato Gesù, portano nel cuore l’oscurità di queste sue parole, che li obbligano ad accettare anche l’enigma nella vita del loro figlio, ad ammettere di non conoscerlo pienamente. Luca annota in ogni caso che Maria, come suo solito, «conservava tutti questi eventi nel suo cuore» (cf. Lc 2,19), cercando di leggerli nella fede…

In questa famiglia Gesù «cresce in età, sapienza e grazia davanti a Dio e agli uomini» (cf. 1Sam 2,26) e, come tutti i ragazzi, conosce il cammino verso la maturità e la pienezza della vita. I suoi genitori, responsabili in parte della sua crescita, dovranno un giorno accettare la separazione di Gesù da loro, la rottura (cf. Lc 8,19-21): saranno ore dolorose e difficili da comprendere, eppure ore pasquali… Sì, la famiglia di Gesù è unica e non assomiglia a nessuna famiglia umana, ma ciò che essa ha vissuto è umano, umanissimo, e in quanto tale riguarda ogni tipo di famiglia e di vita comune!

 

Enzo Bianchi

domeniche precedenti

 

Natale - Messa della Notte

 

Ave Maria, umile Ancella del Signore.

La Parola viva ed efficace in te è penetrata

e da te ha assunto la nostra natura mortale.

Ave, o Piena di grazia, il Signore è con te.

 

PRIMA LETTURA                                                                     Is 9,1-6

 

Dal libro del profeta Isaia

 

Questa pericope conclude una sezione (7,1-9,6) consacrata alla difficile situazione contemporanea. A causa della stolta politica del re Acaz e di tutta la Casa di Davide, il piccolo regno di Giuda sarà invaso dall’esercito del re di Assiria, ma non al punto da scomparire, perché il Signore è fedele alle sue promesse riguardo a Gerusalemme e alla discendenza davidica.

La sezione è attraversata dalla nascita di tre bimbi: l’Emmanuele, Mahèr-salàl-cash-baz (Presto saccheggia, lesto depreda) e infine il rampollo della stirpe regale.

La sua nascita dà origine al riscatto del popolo dalla dura schiavitù dell’oppressore.

La lettura messianica si evidenzia soprattutto nei quattro titoli del Bimbo regale che non sono recepiti né dalla Settanta e neppure dall’esegesi ebraica, che attribuisce al Messia solo il primo titolo «Consigliere ammirabile» mentre attribuisce gli altri tre a Dio.

Per la Settanta valga questa osservazione di d. G. Dossetti: «Mi pare che non sia senza senso il fatto che la traduzione greca dei Settanta non abbia avuto il coraggio di conservare questi titoli e li ha abbreviati, riducendoli a uno solo: «Angelo del gran consiglio». Non c'è «Padre per sempre» e non c'è «Dio forte». Hanno avuto un po' di pudore, forse hanno pensato che poteva fare sospettare di politeismo chiamare un bimbo «Dio forte» (Omelie del tempo di Natale, p. 36).

Le varianti tra la versione CEI e il testo ebraico sono evidenziate nel commento.

 

9,1 Il popolo che camminava nelle tenebre

ha visto una grande luce;

su coloro che abitavano in terra tenebrosa

una luce rifulse.

Lett.: Il popolo, quelli che camminavano nelle tenebre videro una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse.

 

Il popolo, quelli che camminavano nelle tenebre; le tenebre appartengono al caos iniziale (cfr. Gn 1,3) e rappresentano una grande tribolazione; camminare in esse significa non saper dove andare e vivere senza speranza di uscirne (cfr. 1 Gv 2,11: chi odia suo fratello è nelle tenebre, cammina nelle tenebre e non sa dove va, perché le tenebre hanno accecato i suoi occhi).

Il passaggio dal singolare al plurale (camminavano videro) mostra come la Scrittura non veda il popolo come una massa informe e senza volto ma al contrario come formato da singoli che all’interno del popolo fanno l’esperienza, prima delle tenebre e poi della luce.

Al popolo appare improvvisa la grande luce. Con questa immagine è espressa la redenzione. La luce è infatti parte integrante della Gloria del Signore al punto da essere una definizione stessa di Dio (cfr. 1Gv 1,5: Questo è il messaggio che abbiamo udito da lui e che ora vi annunziamo: Dio è luce e in lui non ci sono tenebre).

Nel Sal 112,4 si dice: Spunta nelle tenebre come luce per i giusti, buono, misericordioso e giusto. Dio è la luce dei redenti e con la sua presenza tutto si trasforma in luce. Il salmista, che vorrebbe essere avvolto dalle tenebre, esclama: Se dico: «Almeno l'oscurità mi copra e intorno a me sia la notte»; nemmeno le tenebre per te sono oscure, e la notte è chiara come il giorno; per te le tenebre sono come luce (Sal 139,11-12). Anche alla legge è attribuito il dono di essere luce: il comando è una lampada e l'insegnamento una luce (Prov 6,23).

Immersi in una tenebra priva di speranza, all’improvviso essi vedono la grande luce, che emana da Dio e che illumina le loro menti: questa luce è la Parola, che prima essi avevano disprezzata e che ora accolgono. Questa Parola si è mostrata vera nel Bimbo regale.

Questa è la luce piena che non può più essere definita tenebre (cfr. 5,20: cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre).

Non solo a quanti camminavano nelle tenebre ma anche a coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Essi vi abitavano senza speranza, non cercavano di fuggire lontano dalle tenebre ma vi avevano stabile dimora e quindi non si aspettavano la luce.

La terra tenebrosa è probabilmente il soggiorno dei morti. Anche in questa regione di morte giunge la luce della redenzione. Il ministero del Cristo non si ferma solo a coloro che camminano sulla terra ma anche a coloro che abitano nello Sheol privi completamente della luce (cfr. 1 Pt 3,18-19: E in spirito andò ad annunziare la salvezza anche agli spiriti che attendevano in prigione).

 

2 Hai moltiplicato la gioia,

hai aumentato la letizia.

Gioiscono davanti a te

come si gioisce quando si miete

e come si esulta quando si divide la preda.

Lett.: Hai moltiplicato la gente, hai aumentato la gioia. Gioiscono davanti a te come si gioisce quando si miete e come si gioisce quando si spartisce la preda

 

Hai moltiplicato la gente; nonostante che camminasse nelle tenebre e fosse già come morta, il Signore ha moltiplicato la gente e le ha aumentato la gioia. Come accadde in Egitto che il popolo cresceva e dopo l’oppressione fu liberato e per la gioia cantò il canto di Mosè, così accade ora. Il Signore ha ricolmato il suo popolo di una gioia così grande da fargli dimenticare la sofferenza precedente. Infatti è la stessa gioia di chi miete, come è detto nel salmo 126,5: Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo. È la stessa gioia di chi divide il bottino del nemico sconfitto, come è detto nel salmo 119,162: Io gioisco per la tua promessa, come uno che trova una grande preda. La gioia è propria di chi ha vinto il nemico che finora li aveva dominati, come dice il Signore: «Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, tutti i suoi beni stanno al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via l'armatura nella quale confidava e ne distribuisce il bottino» (Lc 11,21-22).

 

3 Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,

la sbarra sulle sue spalle,

e il bastone del suo aguzzino,

come nel giorno di Màdian.

Lett.: Poiché il giogo che gli pesava e la sbarra sulle sue spalle, il bastone del suo aguzzino tu hai spezzato come nel giorno di Madian.

 

Giogo e sbarra indicano schiavitù e lavori pesanti sotto la sorveglianza dell’aguzzino facile a colpire. Il Signore ha spezzato questo giogo di oppressione, come fece nella schiavitù egiziana (cfr. Es 5,14: Bastonarono gli scribi degli Israeliti, quelli che i sorveglianti del faraone avevano costituiti loro capi). Il popolo era ridotto al rango di bestie da lavoro e di schiavi su cui l’oppressore gravava con la sua autorità espressa nei termini sbarra (lett.: verga) e bastone. Il profeta ricorda la liberazione che il popolo ottenne al tempo di Gedeone (Gdc 7-8), celebrata anche nei salmi (cfr. Sal 83).

 

4 Perché ogni calzatura di soldato che marciava rimbombando

e ogni mantello intriso di sangue

saranno bruciati, dati in pasto al fuoco.

Lett.: Poiché ogni calzatura di chi calza con fracasso e ogni vestito insozzato di sangue saranno bruciati, esca del fuoco.

 

L’esercito oppressore è visto nell’angolatura del fracasso delle sue calzature e i vestiti insozzati di sangue stanno a indicare le molte stragi compiute.

Ma questo esercito sarà ridotto all’impotenza e calzature e vesti inutilizzabili saranno bruciati, esca del fuoco; invece forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell’arte della guerra (2,4).

La profezia volge lo sguardo a questa visione di pace verso la quale converge tutta l’umanità, l’insieme di tutti i popoli).

 

5 Perché un bambino è nato per noi,

ci è stato dato un figlio.

Sulle sue spalle è il potere

e il suo nome sarà:

Consigliere mirabile, Dio potente,

Padre per sempre, Principe della pace.

Lett.: Poiché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il principato ed è chiamato: Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace;

 

Egli non ha un nome proprio perché egli emerge dal mistero di Dio e nello stesso tempo è figlio del suo popolo.

Invano lo si può far coincidere con un personaggio storico, quale ad esempio Ezechia, perché egli ha appellativi divini.

Nell’Emmanuele era annunciato il suo concepimento verginale, qui è indicata la sua nascita nel tempo.

Perché il profeta usa il passato? Perché nella profezia gli avvenimenti sono visti nel loro adempimento e il profeta annuncia la redenzione come già in atto e quindi l’evento centrale di essa è salutato come presente.

È anche vero che la nascita del Bimbo regale può trovare sue parziali realizzazioni in attesa del suo pieno rivelarsi.

Il Bimbo ha sulle sue spalle il principato davidico e quindi messianico, perciò egli è in grado di rompere il giogo che pesa sul popolo e la sbarra che è sulle sue spalle (v. 3).

Egli è chiamato: Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace.

Questi sono i quattro appellativi con cui il Bimbo è chiamato e che ne rivelano l’intima natura.

Consigliere ammirabile. In lui il consiglio desta meraviglie perché il Figlio da sé non può fare nulla se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa (Gv 5,19). In Lui abbiamo la rivelazione del Padre e la sua manifestazione di potenza, come dice poco oltre: «Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati» (ivi,20).

Dio valoroso, In Lui si manifesta la stessa forza di Dio nel salvare il suo popolo. Il suo nome infatti è Gesù, che significa Dio salva. Ed Egli stesso si paragona al più forte che strappa la preda al forte (cfr. Lc  11,21-22).

Padre per sempre. Il Messia è padre dei piccoli e dei deboli per sempre; Egli non li abbandona mai. Infatti durante la cena Gesù chiama i suoi discepoli figliolini (Gv 13,33; 21,5).

Principe della pace. Il suo regno porterà la pace al suo popolo, come subito dice. Questa è la pace che Gesù comunica a coloro che accettano la regalità di Dio su di loro, come più volte Egli dice (cfr. Gv 14,27: Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore).

 

6 Grande sarà il suo potere

e la pace non avrà fine

sul trono di Davide e sul suo regno,

che egli viene a consolidare e rafforzare

con il diritto e la giustizia, ora e per sempre.

Questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.

Lett.: grande diverrà il suo principato e la pace non avrà fine sul trono di Davide e sul suo regno, che egli viene a consolidare e rafforzare con il giudizio e la giustizia, ora e sempre; questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.

 

Essendo il principe della pace il suo principato si farà sempre più esteso e la pace non avrà fine. Il suo regno quindi non sarà soggetto alla variazione delle guerre, alla diminuzione del potere ma al contrario esso sempre più si affermerà secondo le parole dell’angelo alla vergine Maria: «il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine» (Lc 1,32-33). L’apostolo commenta: Bisogna infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L'ultimo nemico ad essere annientato sarà la morte, perché ogni cosa ha posto sotto i suoi piedi (1 Cor 15,25-27).

Il Cristo regna sul trono di Davide e sul suo regno. Vi è la continuità e vi è la novità. Egli è nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, è costituito Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santificazione mediante la risurrezione dai morti (Rm 1,3-4). Egli regna quindi su Israele; Egli è Gesù il Nazoreo, il re dei giudei (Gv 19,19) e da Israele il suo regno si estende su tutti i popoli (cfr. At 1,8).

Il suo regno si consolida e si rafforza non attraverso le armi ma con il giudizio e la giustizia. Il re messia esercita il giudizio con giustizia come dirà in seguito e in questo vi è un ricordo di Davide (cfr. 2 Sam 8,15: Davide regnò su tutto Israele e pronunziava giudizi e faceva giustizia a tutto il suo popolo).

Dalla nascita del Bimbo tutto è cambiato: il diritto e la giustizia hanno il sopravvento fino a giungere alla pienezza nella manifestazione gloriosa del Cristo.

Tutto questo è opera dello zelo del Signore degli eserciti. Nonostante l’infedeltà del suo popolo, il Signore è mosso da gelosia, che in Lui arde come fuoco puro (cfr. Gio 2,18; Zac 1,14). Questo è il fuoco che il Signore Gesù è venuto a portare sulla terra e che vuole sia acceso (cfr. Lc 12,49).

 

Nota

 

Il bimbo e figlio è presentato con titoli divini «Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace». In questi titoli si condensa la sua origine divina e nello stesso tempo umana, la sua missione e quindi egli solo sarà in grado di portare la pace promessa come frutto della giustizia.

Gesù, il Cristo e Figlio di Dio, esprime perfettamente in sé questi titoli in parte divini e in parte messianici. Noi non abbiamo bisogno di spartirli tra Dio e il suo Cristo – come fa l’esegesi ebraica -, ma possiamo tutti attribuirli al Cristo, come insegna s. Giustino:

«Prima di essere crocifisso proclamò infatti: Il figlio dell'uomo deve molto soffrire ed essere riprovato dagli scribi e dai farisei, essere crocifisso e risorgere il terzo giorno (Mc 8,31; cfr. Mt 16,21). E Davide ha annunciato che egli sarebbe stato generato dal grembo prima del sole e della luna (Sal 110,3 + 72,5.17) secondo il volere del Padre, ed ha manifestato che, in quanto Cristo, e Dio potente (cfr. Is 9,5) è degno di adorazione (cfr. Sal 45,13; 72,11)».

 

 

SALMO RESPONSORIALE                                                       Sal 95

 

R/.  Oggi è nato per noi il Salvatore.

 

Cantate al Signore un canto nuovo,

cantate al Signore, uomini di tutta la terra.

Cantate al Signore, benedite il suo nome.  R/.

 

Annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.

In mezzo alle genti narrate la sua gloria,

a tutti i popoli dite le sue meraviglie.        R/.

 

Gioiscano i cieli, esulti la terra,

risuoni il mare e quanto racchiude;

sia in festa la campagna e quanto contiene,

acclamino tutti gli alberi della foresta.       R/.

 

Davanti al Signore che viene:

sì, egli viene a giudicare la terra;

giudicherà il mondo con giustizia

e nella sua fedeltà i popoli.     R/.

 

 

SECONDA LETTURA                                                         Tt 2,11-14

 

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Tito

 

Figlio mio, 11 è apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini

 

È apparsa infatti, il testo si collega al precedente e ne dà la motivazione: tutti coloro che sono nella Chiesa sono chiamati a vivere così perché è apparsa la grazia di Dio (Girolamo).

È apparsa, come è detto: per illuminare quelli che sono nella tenebra e nell'ombra di morte (Lc 1,79) e altrove: il popolo che cammina nelle tenebre vide una grande luce (Mt 4,16)

La grazia di Dio è apparsa in Cristo, pieno di grazia e di verità (Gv 1,14), e quindi è apportatrice di salvezza perché Gesù è il nostro salvatore, dalla cui pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia.

Gesù è ora presente in mezzo a noi nella sua grazia che dona salvezza. Egli si fa presente a tutti gli uomini perché è la luce che illumina ogni uomo (Gv 1,9). Ognuno, secondo il suo proprio è illuminato dalla luce del Verbo e incontra la grazia del Cristo.

 

12 e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà,

 

C’insegna, quello che, nell'A.T, è compito della Legge, nel N.T lo è della grazia: la Legge forma dall'esterno, la grazia educa e istruisce dall'interno, per questo è chiamata salvatrice.

A rinnegare, come c’insegna il Signore: «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua» (Mt 16,24).

L’empietà è l'idolatria, che c’impedisce di credere in Dio.

I desideri mondani sono elencati in 1 Gv 2,16: La concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita.

sobriamente verso noi stessi

giustamente verso gli altri

piamente verso Dio (s. Bernardo).

 

13 nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo.

 

Essa è pure grazia che ci fa attendere la manifestazione del Signore.

La beata speranza, è la beatitudine sperata. La speranza infatti è ora nell'attesa e giunge al suo compimento nella beatitudine.

Così preghiamo durante l’Eucaristia: nell'attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo.

La beata speranza ha come oggetto la manifestazione della gloria (ora si manifesta la grazia) del grande Dio e Salvatore nostro Gesù Cristo.

Egli si manifesta come il grande Dio, il Dio degli dei, davanti al quale si prostrano tutte le potenze spirituali, come è scritto: e lo adorino tutti gli dei (Sal  96,7).

Per noi Egli è il salvatore, per cui lo attendiamo con gioia.

 

14 Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone.

 

Questa beata speranza è in noi perché Cristo ha dato se stesso per noi; Egli ci ha tanto amato che ha dato se stesso, come Egli stesso dice: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15,13).

Egli consegnò se stesso accettando liberamente la volontà del Padre per noi (cfr Gv 3,16).

per riscattarci dalla schiavitù del peccato, della morte e del diavolo.

da ogni iniquità, ciò che è contrario alla Legge: infatti non potevamo osservare la Legge a causa delle nostre passioni, della legge del peccato che è nelle nostre membra (cfr. Rm 7,23).

puro che gli appartenga, cioè eletto cfr. Es 19,15: caratteristica dell'alleanza.

zelante, bramoso di fare le opere buone cfr. v. 7.

 

Nota.

 

Il primo testo della lettera a Tito è nel contesto dell'insegnamento sul modo di comportarsi delle singole categorie ecclesiali.

In queste si è infatti manifestata a tutti gli uomini la grazia salvatrice di Dio. Il battesimo è la manifestazione di questa grazia salvatrice, che diventa un invito a tutti gli uomini ad accoglierla.

Infatti è proprio del battesimo rinnegare l'empietà e le bramosie mondane.

L'empietà è propria di chi disprezza Dio ed è arrogante nei suoi confronti. Il termine è greco e sta ad indicare la mancata venerazione verso la divinità. Questa è accompagnata dall'arroganza e dalla sfida a Dio.

Le bramosie mondane sono il morboso attaccamento alle creature elevate al rango divino oppure sfruttate per il proprio piacere. Cfr. 1 Gv . La grazia battesimale trasforma questa situazione d'ira e di bramosia in un vivere prudente, giusto e pio.

La prudenza implica un comportamento sapiente nelle scelte, nella parola e nel comportamento.

La giustizia è l'effetto del battesimo ed implica una rottura con la vita precedente al battesimo.

La pietà è l'abbandono di quel comportamento violento contro Dio per sottometterci a Lui e per temerlo.

In che modo si vive questo? l'apostolo lo insegna immediatamente: attendendo la beata speranza e la manifestazione del grande Dio e salvatore Gesù Cristo (v. 13). Solo questa tensione verso la manifestazione di Gesù può distaccarci dal mondo e dalle sue bramosie. Gesù è il grande Dio, il salvatore e il Cristo: il riconoscerlo tale fa parte della nostra fede battesimale.

Essere battezzati è entrare nel respiro dell'attesa ed è sollecitare questa manifestazione della gloria di Dio e il compimento della salvezza.

La redenzione è ricordata al v. 14 come dono di se stesso e come riscatto da ogni trasgressione della legge per diventare il popolo suo proprio zelante per le opere buone.

         Ci si può fare due domande:

Quale relazione ha questo testo con la nostra vita cristiana e come lettura natalizia come deve essere letto.

         Il nostro battesimo rimane un po' in ombra perché siamo più colpiti da quei sacramenti in cui abbiamo partecipato con consapevolezza.

Anche se fossimo stati battezzati da adulti, la nostra rigenerazione è oltre la nostra stessa percezione e si manifesta in noi più con i suoi effetti che nella sua stessa natura.

Il primo effetto del battesimo è quello di rinnegare l'empietà e le bramosie mondane. Il battesimo ci rende capaci di sottrarci da questo dominio perché trasferiti sotto la signoria del Cristo.

Mentre la Legge è diagnosi l'Evangelo è terapia.

In che modo l'Evangelo cura? Qui s'inserisce il discorso del Natale.

Il Natale è la memoria della manifestazione visibile di Dio entro i confini della natura umana.

Il Figlio di Dio si è racchiuso entro i limiti della nostra esistenza subendo soprattutto il rapporto con  la morte per distruggerla. Noi subiamo soprattutto il dominio di questa.

         La nascita di Gesù è il suo entrare nella morte per distruggerla, il battesimo è il nostro ingresso nella sua morte perché la nostra morte sia distrutta.

La sua nascita è pertanto il meraviglioso scambio, che si fa sacramento nel nostro battesimo.

 

CANTO AL VANGELO               Lc 2,10-11

 

R/.     Alleluia, alleluia.

 

Vi annuncio una grande gioia:

oggi è nato per voi un Salvatore, Cristo Signore.

 

R/.     Alleluia.

 

VANGELO                                     Lc 2,1-14

 

 Dal vangelo secondo Luca

 

1 In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria.

 

Il Censimento. Sono nominati l'imperatore e il governatore della Siria. Per la nascita di Giovanni è nominato solo Erode, re della Giudea. Giovanni infatti è inviato solo a Israele, Gesù il Cristo anche a tutte le Genti.

Il nome di Gesù viene scritto nell'elenco degli uomini di tutta la terra perché, Figlio dell'uomo, a tutti porta la salvezza (cfr. Mt 24,14: Sarà predicato questo evangelo del regno in tutta la terra in testimonianza a tutte le genti e allora giungerà la fine).

Sul valore universale del censimento così si esprime Origene: «Era necessario che Cristo fosse censito in quel censimento universale perché, iscritto tra gli altri uomini, santificasse tutti e, menzionato nel registro del censimento con tutto il mondo offrisse la sua comunione e, dopo questo censimento, censisse insieme a sé tutti gli uomini nel Libro dei viventi (Ap 20,15) e chiunque in seguito avesse creduto in Lui venisse iscritto nei cieli».

Con tono più giuridico Ambrogio annota: «Se i consoli si registrano nei documenti di acquisto, quanto più è necessario registrare la data dell'universale riscatto! Qui hai tutti i dati che normalmente si trovano nei contratti: il nome della somma autorità, la data, il luogo, il motivo» (in Lc. n. 33). Inoltre sono contrapposti da una parte Cesare, che qui è Augusto e dall'altra il Cristo, figlio di Davide, il Primogenito tra i re della terra (Sal 89,28). Il ceppo di Iesse ha un virgulto, l’impero romano è un albero che copre tutta la terra (cfr. Dn 4,6-9).

Questa contrapposizione ritornerà durante il processo davanti a Pilato e il popolo sarà chiamato a scegliere (Gv 19,12-16; At 17,7). Ora Gesù appare assoggettato all'autorità romana; non solo si è assoggettato alla legge d'Israele ma anche a quella delle Genti per condurre tutti alla redenzione evangelica.

 

3 Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.

4 Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide.

 

Giuseppe sale con Maria sua sposa a Betlemme per adempiere le Scritture. L'Evangelo rivela il vero significato di questo movimento creato dall'imperatore. Nella storia degli uomini si nasconde la storia di Dio come il lievito che, nascosto nella farina, fermenta tutta la pasta (cfr. Lc 13,20s).

Betlemme. Gesù non solo nasce dalla stirpe di Davide ma nella sua stessa città. Le città acquistano la loro impronta dai personaggi che le caratterizzano (Gerusalemme città del gran Re; Ebron, città dell’amico: Abramo). Betlemme è caratterizzata da Davide, come è detto in Gv 7,42: La Scrittura dice che il Cristo verrà dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide. (cfr. Mi 5,1-3). Nasce nel villaggio d'origine perché con lui tutto ricomincia in un modo nuovo per non terminare mai più: Regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno e il suo regno non avrà fine (1,33).

Infatti Egli è colui del quale il profeta, dopo aver detto la sua origine da Betlemme, aggiunge: Le sue origini dal principio, dai giorni eterni e Girolamo commenta:  «L'assunzione della carne non impedisce in Lui la divina maestà; dice il Padre: “da me infatti è nato prima di tutti i secoli e colui che ha fondato i tempi non è contenuto nel tempo. Egli è colui al quale in un altro salmo ho detto: Prima della stella del mattino ti ho generato (Ps 109,3). In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio, e Dio era il Verbo (Gv 1,1). Ecco come le sue origini sono dal principio, dai giorni eterni».

 

5 Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.

 

Questo appare lo scopo principale della presenza di Giuseppe con la sua sposa incinta a Betlemme. L'avvenimento che segna la pienezza dei tempi (Gal 4,4) è nascosto all'interno di un atto di amministrazione romana.

6 Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto.

7 Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

 

La nascita di Gesù è a noi annunciata più con il silenzio che con la parola a differenza di quella di Giovanni il precursore. L'evangelo fa accenni rapidi ai luoghi: , la mangiatoia, la stanza di soggiorno o l'albergo. Dopo un fugace accenno a Giuseppe ricordato con Maria (si trovavano là) tutta l'attenzione è sulla madre: dopo aver partorito il suo figlio, il primogenito, ella compie due gesti: lo avvolse in fasce e lo depose nella mangiatoia. Sembra quasi che l'evangelista metta nell'ombra tutto l'ambiente e illumini solo la madre che tutto compie da sola e infine conduca il nostro sguardo sul bimbo avvolto in fasce che giace in una mangiatoia, come subito dice l'angelo ai pastori; e questo è il segno per loro che il bimbo nato a Betlemme è il Messia (v. 12). La madre compie gesti che hanno valore di segno. Bisogna quindi leggere questi gesti alla luce del segno, cioè come gesti rivelatori di questo Bimbo nato a Betlemme.

I due gesti, che la madre compie, hanno colpito i nostri padri; infatti da nessuno fu aiutata nel parto ed ella da sola lo avvolge in fasce e lo depone nella mangiatoia. Basti per tutti la testimonianza di Girolamo che così scrive nella sua opera Contro Elvidio: «Non ci fu nessuna levatrice, non intervenne nessuna sollecitudine di donnicciole; da sola ella avvolse il bimbo nelle fasce: solo lei fu e madre e levatrice» (8).

Per cogliere il valore di segno i nostri padri hanno fatto ricorso al carattere simbolico. Nel primo gesto, quello di avvolgerlo in fasce, possiamo vedere la sua perfetta umanità, come è testimoniato (cfr. Sap 7,4; Ez 16,4). Egli è davvero uomo pur non cessando di essere Dio. Nell’inizio è già annunciata la fine: altre fasce avvolgeranno il suo corpo deposto dalla croce e come quelle della natività danno testimonianza della sua messianità così quelle del sepolcro daranno testimonianza della sua risurrezione (cfr. Gv 20,26-27).

Riguardo alla mangiatoia essa è percepita come un simbolo del nutrimento che Egli costituisce per Israele (il bue) e le Genti (l’asino) come è scritto: Il bue conosce il proprietario e l'asino la greppia del suo padrone ma Israele non conosce e il mio popolo non comprende (Is 1,3), e in Abacuc: in mezzo ai due animali tu ti manifesterai; quando gli anni saranno vicini, tu sarai conosciuto; quando sarà venuto il tempo tu apparirai (3,2 LXX).

Il Bimbo nel presepe esprime quindi la regalità messianica per un rovesciamento delle prospettive come avverrà sulla croce: nella povertà del presepe e nell’umiliazione della croce Gesù è rivelato come il Cristo. La sua povertà è quindi parte integrante del suo mistero, è (assurdamente per le categorie umane) il luogo in cui Egli si manifesta. Nella prospettiva di Dio tutto è rovesciato e per chi crede tutto appare nella sua verità e benedice Dio.

La motivazione per cui il Bimbo giace nella mangiatoia è la seguente: perché non c'era posto per loro nell'albergo o nella stanza. L’albergo, era il luogo di sosta e quindi non era un luogo conveniente per partorire. Per questo secondo la tradizione accolta fin dai primi secoli, Giuseppe e Maria scelsero una grotta appartata e l'apprestarono in modo conveniente al parto. Giustino nel Dialogo con Trifone scrive: «Poiché Giuseppe non sapeva dove alloggiare in quel villaggio, riparò in una grotta nelle vicinanze. E mentre erano là, Maria diede alla luce il Cristo e lo depose in una mangiatoia» (78,5).

Oggi si propende a tradurre il termine katàlima con stanza (22,11; 1 Sm 9,22) e «può indicare uno spazio in una casa privata destinato ad accogliere e ospitare i forestieri … La casa della piccola gente al tempo di Gesù consisteva in genere in un vano unico, nel quale si svolgeva tutta la vita (cfr. 11,7; Mt 5,15), e che spesso doveva riparare anche gli animali domestici (Ps 50,9). Per l'inevitabile confusione la sosta in un simile locale portava pericolo per la madre e per il bambino. Perciò si deve presumere che la nascita sia avvenuta fuori da questo vano, ad esempio in una stalla subito contigua o, secondo la tradizione, in una grotta nelle vicinanze, che spesso allora si usava come stalla. Qui anche la mangiatoia (fissata al muro?) trova il suo pieno significato. Essa offriva il riparo perché il bambino inerme non fosse calpestato dagli animali, o soffrisse danno per il continuo movimento» (Rengstorf). Potremmo anche supporre che la grotta fuori del villaggio appartenesse al clan davidico di Giuseppe.

Per rilevare la nascita verginale di Gesù l'evangelo dice: Il suo figlio, il primogenito. Nell’A.T. Israele è chiamato da Dio suo figlio primogenito (Es 4,22; Sir 36,11).

Gesù è figlio di Maria ed è chiamato il primogenito in rapporto al Padre suo. Così pure è chiamato il re (Sal 89,28). Questo sottolinea il particolare rapporto che lo lega a Dio.

L'Apostolo Paolo approfondisce i significati del termine primogenito riferito a Cristo.

In Rm 8,29 lo chiama il primogenito tra molti fratelli. I molti fratelli sono coloro che con la risurrezione sono trasformati nella sua immagine gloriosa di Figlio di Dio.

In Col 1,18 è chiamato primogenito dai morti. Egli è il primo risorto fra i morti ed è quindi il fondamento della speranza della nostra risurrezione.

In Col 1,15 è definito primogenito di ogni creazione, «Cristo è il mediatore della creazione, al quale tutte le cose create senza eccezione sono debitrici del loro essere» (Micaelis). Vedi inoltre Eb 1,6.

Egli si manifesta come tutti gli uomini; cfr. Sap 7,3: Anch'io appena nato ho respirato l'aria comune e sono caduto su una terra uguale per tutti, levando nel pianto, uguale a tutti, il mio primo grido. Questo pianto è l'inizio di quella oblazione sacrificale che ha caratterizzato i giorni della sua vita terrena (cfr. Eb 5,7).

Prima di proseguire sostiamo davanti al presepe con la preghiera ammirata di Ambrogio:

«Da ricco che era, sta scritto, si è fatto povero per voi, affinché voi diventaste ricchi della sua povertà (2 Cor 8,9). Quella indigenza è dunque la mia ricchezza, e la debolezza del Signore è la mia forza. Ha preferito per sé le privazioni, per aver da donare in abbondanza a tutti. Il pianto della sua infanzia in vagiti è un lavacro per me, quelle lacrime hanno lavato i miei peccati. O Signore Gesù sono più debitore ai tuoi oltraggi per la mia redenzione, che non alla tua potenza per la mia creazione. Sarebbe stato inutile per noi nascere, se non ci avesse giovato venire redenti».

 

8 C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge.

 

Alcuni pastori. Gente umile e disprezzata: essi sono scelti come primi testimoni della nascita di Gesù, che in loro si rivela come il Messia dei poveri. Da loro inoltre ha pure avuto origine Davide, antenato di Gesù. Egli nasce nel loro ambiente: la grotta - stalla, la mangiatoia.

Questi pastori vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. Al contrario, i pastori d'Israele dormivano e non si sono accorti della venuta del Signore pur conoscendo le Scritture. Qui a Betlemme i pastori vegliano e a Gerusalemme, nel Tempio, Anna pure veglia in digiuni e preghiere e Simeone attende la salvezza d'Israele, Gesù.

Essi divengono simbolo dei pastori della Chiesa: «I pastori vegliano perché lo stesso buon Pastore è il loro modello di vita. Pertanto il gregge è il popolo, la notte il mondo, i pastori sono i vescovi» (S. Ambrogio).

 

9 Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore,

 

Gli angeli sono presenti nella vita del Signore, sia nel Natale che nella Risurrezione, come testimonianza della presenza del Regno dei cieli in Gesù. Il loro servizio e il loro annuncio ha come oggetto il Cristo.

«Un angelo informa Maria, un angelo informa Giuseppe, un angelo i pastori. Non bastava inviarli una sola volta: davvero ogni parola si fonda su due o tre testimoni» (S. Ambrogio).

Mentre l'Angelo si presenta, la gloria del Signore li avvolge di luce. Questa luce è celeste e fa vedere le realtà celesti. Agli uomini viene partecipata quella luce inaccessibile dove Dio abita.

Essi furono presi da grande spavento, infatti la visione degli esseri celesti suscita il timore della morte in coloro che li vedono (cfr. Gdc 13,22). L’apparizione dell’angelo è improvvisa, come immediato è lo splendore della Gloria. Vi sono già le caratteristiche della manifestazione finale del Cristo assieme ai suoi angeli.

 

10 ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo:

 

Io vi annunzio una grande gioia: dal grande timore per la visione alla grande gioia dell'annunzio.

Vi annunzio (lett.: vi evangelizzo). Il termine evangelo, evangelizzare «è caro a Luca (1,19; 3,18; 4,18.14 ecc.; frequente in Atti) che anche lettori non ebrei comprendevano nel suo speciale significato. Allora era usato tra l'altro per la proclamazione di un sovrano.

Così l'evangelo dell'angelo, per orecchie greche, significa la proclamazione del Bambino appena nato come re d'Israele da parte di Dio stesso, cioè come Cristo Messia. Per questo la gioia annunziata vale per tutto il popolo benché dovesse venire il tempo dello scoprimento per ogni orecchio e ogni occhio» (Rengstorf).

L'Evangelo è la grande gioia: solo il suo annuncio la comunica, fuori di esso è la tenebra e la tristezza mortale.

 

11 oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore.

 

Oggi, è l'adempimento delle promesse. Inizia l'oggi di Dio (vedi Eb 3,7-4,13) che è tempo di salvezza. Inoltre queste parole dell'Angelo, che costituiscono l'evangelo della grande gioia, richiamano il Sal 2,7: Tu sei mio Figlio, Io oggi ti ho generato. Le parole, che il Padre rivolge al Figlio dal suo seno, prima della stella del mattino (Sal 109, 3 LXX), divengono l'Evangelo dato a tutto il popolo. L'oggi della generazione divina entra nella storia mediante la generazione umana del Cristo. Il Natale diventa il momento in cui il Cristo è intronizzato nella città di Davide.

Egli è il Salvatore (è il suo nome personale, Gesù, che significa: Dio salva) e ha come trono la mangiatoia. Essa preannuncia l'altro trono che lo attende, la croce.

Cristo Signore: «la formula si presenta come un condensato della confessione di fede cristiana: Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso! (At 2,36)» (Rossé, o.c., p. 90).

 

12 Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».

 

Il segno: essendo segno richiede la fede.

Il Messia si manifesta umile agli umili ed essi non si stupiscono ma lo accolgono con gioia.

Il segno delle fasce e della mangiatoia manifesta il Cristo che, essendo di natura divina non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo (Fil 2,6ss). Alla sua nascita le fasce lo avvolgono ed è questo il segno della sua umanità.

 

13 E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:

 

E subito: appena è annunciata l'umiltà del segno, per confortare la fede viene lodato Dio. 

Essendosi il Verbo fatto Carne, la lode angelica è udita sulla terra.

Una moltitudine dell'esercito celeste. Quando Dio poneva le fondamenta della terra e ne fissava le basi e la pietra angolare gioivano in coro le stelle del mattino e applaudivano tutti i figli di Dio (Gb 38,7). Quando Giacobbe tornò alla terra dei padri gli si fecero incontro gli angeli di Dio (Gn 32,2).  E di nuovo quando introduce il primogenito nel mondo, dice: lo adorino tutti gli angeli di Dio (Eb 1,6).

 

14 «Gloria a Dio nel più alto dei cieli

e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

 

Questo è un inno messianico che ha il suo corrispondente in 19,38: Benedetto Colui che viene, il re, nel nome del Signore. Pace in cielo, e gloria nel più alto dei cieli.

Un angelo ha annunciato l'Evangelo della nascita, una moltitudine dell'esercito celeste lo commenta con la lode.

Nel più alto dei cieli (lett.: Le zone altissime): esse sono il luogo della dimora divina, che è ripiena della gloria di Dio. Ad essa si contrappone la terra. Alla gloria, che si rivela là, dove Dio dimora, corrisponde sulla terra la pace. Infatti la pace è il manifestarsi della gloria sulla terra: è il secolo futuro che si rende presente nell’oggi e lo pervade della sua energia portandolo alla sua consumazione. La gloria, che è nel più alto dei cieli, è scesa sulla terra e quindi ha portato la pace agli uomini del beneplacito divino. «La gloria di Dio non consiste anzitutto nel fatto che Egli venga glorificato dagli angeli, ma nel fatto che, inviando il Messia, Dio glorifica il suo nome, manifesta cioè la sua potenza e la sua misericordia dinanzi alla sua corte celeste formata dagli angeli» (Schmid).

Quando il Messia scende sulla terra è glorificato dagli Angeli, quando sale al Padre dagli uomini (19,38).

Agli uomini che egli ama, (lett.: del beneplacito). L'acclamazione del canto angelico è l'annuncio di un evento divino. I cieli glorificano Dio per aver inviato il Cristo, la cui venuta è apportatrice di pace per gli uomini del beneplacito.

Beneplacito: atto sovrano di Dio che si compiace e fa grazia: «È la decisione misericordiosa di Dio, il quale si rivolge al popolo dei suoi eletti nella sua libera, gratuita benignità» (Schrenk).

La gloria che è nei cieli avvolge i pastori (9) e in tal modo la terra è congiunta al cielo. Questo inno dà inizio alla redenzione; gli inni dell'Apocalisse (12,10; 11,15; 19,1-6) la contemplano già attuata.

 

 

PREGHIERA DEI FEDELI

 

  1. Nella gioia soavemente diffusa nei nostri cuori esprimiamo con purezza di mente e d’intenzione la nostra preghiera. Diciamo insieme:

O Figlio di Dio, Gesù, e Figlio dell’uomo, ascoltaci.

 

  • Per la Chiesa santa e cattolica, che in seno a tutti i popoli canta con gli angeli la nascita del suo Signore, perché la gioia del suo annunzio raggiunga ogni uomo e accenda in ognuno la speranza della redenzione, preghiamo.

 

  • Per i cuori spezzati dal dolore perché si rianimino di fiducia contemplando nel presepe il nostro Redentore, preghiamo.

 

  • Perché tutti i discepoli del Cristo siano pervasi nell’intimo dalla vera Luce e nell’umiltà dei segni, contemplino la gloria del loro Signore e credano con amore vivo e riconoscente nel suo Nome, preghiamo.

 

  • Perché la nostra comunità cristiana, unita al canto degli angeli, sappia annunciare ai più piccoli e agli umili la nascita del Messia, preghiamo.

 

  • Perché tutti gli uomini sappiano accogliere il Signore nascosto e presente nei bimbi di tutto il mondo, preghiamo.

 

  • Perché tutti noi, che formiamo questa assemblea santa, ci stringiamo attorno al Signore, fondamento della nostra speranza, gioia della nostra attesa, forza del nostro amare e pace nel nostro cammino, preghiamo.

 

  1. Signore Gesù, che oggi nella tua nascita, sei venuto a condividere le nostre fatiche e le nostre speranze, rivelati a ogni uomo perché ti conosca e in te conosca il Padre e ripieno del tuo Santo Spirito esulti e si rallegri per la redenzione che tu ci doni. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

 

 

domeniche precedenti

 

SOLENNITÀ DI MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Pienezza dei tempi,
doglie di Partoriente,
segno grande in cielo,
e attesa sulla terra.
Gioisci, o Donna,
il Bimbo da te nato,
sotto la Legge,
è il Primogenito.
Il suo Nome è pace,
benedizione colma,
profumo riversato,
che a sé ci attira.
Il tuo Evangelo è pace,
si effonde e dona vita
a quanti sono avvolti
da tenebre di morte.

PRIMA LETTURA Nm 6,22-27
Dal libro dei Numeri

22 Il Signore parlò a Mosè e disse: 23 «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo:
“Così benedirete gli Israeliti: direte loro:

La benedizione crea un rapporto tra Dio e colui che viene benedetto. Qui essa ha come centro il Nome del Signore ripetuto tre volte. Questa benedizione pone quindi il Nome rivelato sui figli d’Israele «in modo che questi vivano nella forza direttiva e santificante del Nome» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).
La benedizione ha pertanto una forza intrinseca, che è legata all’elezione (cfr. Nm 22,12: Dio disse a Balaam: «Tu non andrai con loro, non maledirai quel popolo, perché esso è benedetto»). Essa non è pertanto annullata perché è costitutiva del popolo di Dio ed è la ragion d’essere della Chiesa, come c’insegna l’apostolo Paolo: Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, diventando lui stesso maledizione per noi, come sta scritto: Maledetto chi pende dal legno, perché in Cristo Gesù la benedizione di Abramo passasse alle genti e noi ricevessimo la promessa dello Spirito mediante la fede (Gal 3,13-14).

24 Ti benedica il Signore
e ti custodisca.

La ricchezza del Nome divino è a noi comunicata attraverso la benedizione. In Dt 28,3-6 è indicato l’ambito della benedizione: Sarai benedetto nella città e benedetto nella campagna. Benedetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto del tuo suolo e il frutto del tuo bestiame; benedetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Benedette saranno la tua cesta e la tua madia. Sarai benedetto quando entri e benedetto quando esci. Il Signore lascerà sconfiggere davanti a te i tuoi nemici, che insorgeranno contro di te: per una sola via verranno contro di te e per sette vie fuggiranno davanti a te. Il Signore ordinerà alla benedizione di essere con te nei tuoi granai e in tutto ciò a cui metterai mano; ti benedirà nel paese che il Signore tuo Dio sta per darti.
La benedizione avvolge tutta la persona e tutta l’esistenza. In essa si esprime la pienezza della pace. Essere benedetti quindi equivale a trovare grazia presso Dio. In essa siamo protetti e custoditi come la pupilla dei suoi occhi (cfr. Dt 32,10). Infatti più volte il Signore è paragonato alla roccia di riparo e alla grande Aquila che porta i suoi nati sulle ali o alla chioccia che li difende sotto le sue ali. Tutto esprime la profonda tenerezza di Dio e la commozione di chi si sente protetto da Lui. Per tutti i passi valga il seguente tratto dal Sal 18, 2-3: Ti amo, Signore, mia forza, Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore; mio Dio, mia rupe, in cui trovo riparo; mio scudo e baluardo, mia potente salvezza.

25 Il Signore faccia risplendere per te il suo volto
e ti faccia grazia.

Il Signore faccia risplendere per te il suo volto, chi invoca il suo Nome rende luminoso il volto di Dio su di sé come un figlio nei confronti del proprio padre. «Rialzaci, Signore, nostro Dio, fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi. (Sal 80,4.8.20) questa invocazione è molto bella perché noi siamo dei bimbi sempre in terra» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1973). E ti faccia grazia cioè abbia di te compassione nella sua tenerezza e ti visiti con la redenzione del Figlio suo.

26 Il Signore rivolga a te il suo volto
e ti conceda pace”.

Il Signore rivolga su di te il suo volto lett.: innalzi su di te il suo volto. È il contrario di nascondere adirato il suo volto (cfr. Dt 31,17: In quel giorno, la mia ira si accenderà contro di lui; io li abbandonerò, nasconderò loro il volto e saranno divorati).
E ti conceda pace. La pace sta al vertice della benedizione come è scritto: Il Signore darà forza al suo popolo, benedirà il suo popolo con la pace (Sal 28,11). Essa è quindi elargita da Dio come benedizione e in quanto benedetti gli uomini possono vivere nella pace ed esserne operatori. La pace è annunciata a Betlemme dagli angeli ed è attuata da Gesù sulla Croce, come insegna l’Apostolo: Egli infatti è la nostra pace, colui che ha fatto dei due un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che era frammezzo, cioè l’inimicizia (Ef 2,14),

27 Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

I sacerdoti sono coloro che conoscono il Nome del Signore e che quindi hanno in sé il potere di porre il Nome su coloro che benedicono e il Nome è garanzia di presenza, protezione e comunione. Gesù, il cui nome è esaltato al di sopra di ogni altro nome (Fil 2,9), compie le stesse funzioni del nome divino soprattutto come garante del bene supremo che è il dono dello Spirito
Santo (cfr. Gv 14,26: Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli v’insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto).
«Il verbo porre si trova in Gn 2,8 per la prima volta: Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi pose l’uomo che aveva plasmato. Quando il Signore pone il nome sopra di noi ci riporta di nuovo nella condizione dell’Eden nella forza e innocenza e gioia. Questo avviene soprattutto nell’Eucaristia; quando poi noi lo benediciamo non facciamo altro che aumentare questo flusso di vita che ci è dato nella comunione con l’Unigenito come è detto in Gal» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 1.1.1973).

Note
Come i comandamenti designano il confine tra il bene e il male, così la benedizione copre l’area del bene. È nella benedizione quindi colui che osserva la Legge del Signore. Purtroppo tutti sono corrotti, fanno cose abominevoli: nessuno più agisce bene (Sal 13,1). Tutti quindi sono sotto la maledizione perché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Rm 3,23).
Noi siamo ricollocati nella benedizione solo per Gesù nel quale è stata annullata la nostra maledizione e siamo stati trasferiti nella benedizione.
Posti in essa e quindi nel Nome del Signore, noi partiamo da una situazione di grazia così sovrabbondante da essere già collocati nei cieli, in Cristo, come c’insegna l’Apostolo: Benedetto sia Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo (Ef 1,3).
Noi recepiamo quindi la benedizione anche come situazione interiore nella quale sono annullate quelle energie distruttive (espresse nel peccato e nella morte) che tentano di assorbirci contrapponendo alla fermezza della fede lo stato interiore di angoscia e quindi di disperazione.
La benedizione non è quindi un vanto o un privilegio ma è uno stato, che, se recepito, riempie di gratitudine e di lode coloro che sono benedetti. Per questo l’Apostolo conosce sia la benedizione discensionale (da Dio a noi) che ascensionale (da noi a Dio).

SALMO RESPONSORIALE Sal 66

La sigla interpretativa di questo Salmo di ringraziamento agile, entusiasta, orientato a una celebrazione agricola di gratitudine per l’ottimo raccolto, è da ricercare nell’espressione: “La terra ha dato il suo frutto” (v. 7). Ma, come sempre nella Bibbia, il motivo naturale e cosmico è reinterpretato alla luce della storia della salvezza: ecco, allora, il tema “missionario”: “Perché si conosca sulla terra la tua via” (v. 3), ecco la gioia per il giudizio divino: “Giudichi i popoli con giustizia” (v. 5), ecco l’elemento della fede (“temere”) che deve coinvolgere tutto l’orizzonte dell’umanità: “Lo temano tutti i confini della terra” (v. 8).
La benedizione divina, sperimentabile in Israele come in Oriente nella fertilità dei campi e nella fecondità delle greggi e delle donne, si trasforma in questo Salmo in un segno universalistico della fede in YHWH. Anzi, essendo l’eccezionale prosperità agricola uno degli schemi tradizionali per tratteggiare l’era messianica, il nostro inno è stato successivamente riletto come preludio del nuovo e perfetto ordine cosmico, inaugurato dal messia nell’era escatologica.
In realtà questo dato “agricolo” è secondario a livello quantitativo del Salmo. Esso affiora solo nei vv. 7-8 ove è intimamente intrecciato, come si è detto, a quello della benedizione. Il primato va alla grazia di Dio che offre col dono il segno della sua presenza e del suo amore. Il donatore è centrale non il dono, nel culto israelitico, infatti, non è celebrata la benedizione dei campi (come nei riti cananei della fertilità) ma l’opera divina.
L’apertura universalistica che percorre tutto il Salmo (vv. 3-6.8), la sua insolita larghezza di vedute, la serenità con cui è dipinto il giusto giudizio di Dio rispecchiano il clima dell’epoca persiana (dal 538 a.C. al IV sec a.C.), periodo in cui, dopo aver sperimentato i grandi orizzonti dell’esilio e nella diaspora in mezzo a nazioni straniere, l’Israele profetico interiorizza la sua fede e apre i suoi confini spirituali nonostante i tentativi di integralismo e di auto-apartheid dell’Israele politico. Il nostro Salmo è espressione luminosa di questo clima.
Il coro universale dei popoli è invitato ad associarsi a quello che si eleva da Israele. Infatti, anche le nazioni pagane possono conoscere la “via” di Dio, cioè il suo progetto salvifico; anche ad esse è rivelato il regno divino che giudica e governa tutta l’umanità conducendola verso orizzonti di luce e di pace. La benedizione israelitica è vista come un seme deposto nel terreno della storia, pronto a germogliare e a ramificarsi in un albero gigantesco e universale.
Prendendo come spunto simbolico il muro di separazione tra i cortili degli ebrei e quello dei pagani nel tempio di Gerusalemme, muro che non poteva essere valicato pena la condanna a morte per il pagano, Paolo esalta in un piccolo inno agli Efesini (2, 13-14.19) il nuovo popolo a cui tutta l’umanità partecipa, nello spirito delle intuizioni di questo Salmo: “In Cristo Gesù voi che un tempo eravate lontani siete diventati vicini...”.

R/. Dio abbia pietà di noi e ci benedica.
Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
la tua salvezza fra tutte le genti. R/.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra. R/.

Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra. R/.

SECONDA LETTURA Gal 4,4-7
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

Fratelli, 4 quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio,
nato da donna, nato sotto la Legge,

Quando il tempo, nel suo fisico scandirsi, giunse alla sua pienezza, cioè a quel termine che Dio gli aveva stabilito e aveva nascosto dentro le parole oscure della profezia, allora Egli mandò il suo Figlio. Il Figlio stesso era fin allora nascosto nel seno del Padre, nell’arcano disegno, che non fu rivelato ai profeti, ma solo nel Figlio fu rivelato in questi ultimi tempi.
Ma perché solo la fede in Dio scoprisse il Figlio ed Egli rimanesse nascosto a quanti non vollero accogliere e neppure credere in Lui, questi nacque da donna e nacque sotto la legge. Nascosto dalla sua generazione umana e dalla legge agli occhi degli uomini, Gesù operò all’interno della stirpe umana e della situazione di maledizione creata dalla legge.

5 per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli.

Collocatosi all’interno della legge, il Figlio riscattò dalla legge quanti questa teneva oppressi sotto il suo giogo e sotto la maledizione. Non solo li riscattò ma li fece figli adottivi. L’adozione è una reale partecipazione alla natura divina in modo tale che nella nostra natura noi recepiamo l’energia dello Spirito Santo, come subito dice.

6 E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre!

Nell’intimo nostro, nel proprio di noi stessi, come persona, capacità di scelta e di libertà, in una parola nel cuore, Dio mandò lo Spirito del suo Figlio. Per noi è solo questione di lasciare agire lo Spirito Santo, che ci porta al grido da lui ispirato verso il Padre: Abbà! Padre! La crescita spirituale consiste nel far tacere ogni voce e lasciare che lo Spirito gridi. Il silenzio è assenza di parola da noi pronunciata per udire quella dello Spirito e unirsi ad essa in un unico grido di amore al Padre assieme a tutta l’assemblea dei redenti, la Chiesa.

7 Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

Da questa operazione di Dio e dalla presenza dello Spirito deriva a ciascuno di noi il fatto di essere figli ed eredi. Tutto questo avviene per l’azione del Padre che opera in noi mediante lo Spirito.

Note
Nella nascita del Figlio nato da donna, nato sotto la legge avviene un passaggio radicale: il Nome non è più sopra di noi ma nello Spirito è dentro di noi e il nome è quello stesso che il Figlio pronuncia: Abbà, Padre. Tutto questo è compiuto dallo Spirito.
La nostra eredità non è quindi la terra d’Israele ma quella patria alla quale Egli ci attira e dove ha preparato per noi delle dimore.

CANTO AL VANGELO Eb 1,1-2

R/. Alleluia, alleluia.
Molte volte e in diversi modi nei tempi antichi
Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti;
ultimamente, in questi giorni,
ha parlato a noi per mezzo del Figlio.
R/. Alleluia.

VANGELO Lc 2,16-21
Dal vangelo secondo Luca

16 In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia.

Senza indugio. Dopo aver accolto la parola non indugiano e quindi trovano il Cristo come avviene pure ai Magi. Se l’attesa di Lui è stata lunga, sofferta e paziente, non più così deve essere la ricerca quando Egli viene.

17 E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
18 Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori.
19 Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.

Riferirono, [lett.: fecero conoscere]. L’Evangelo si dilata e viene in tal modo trasmesso Tutta la pericope è incentrata sull’annuncio dell’Evangelo, della grande gioia che scaturisce dalla nascita regale del Cristo. L’Evangelo, trasmesso dagli angeli, è accolto dai pastori e da loro annunciato davanti al Bimbo. In tutti provoca stupore (18) e infine termina nel cuore di Maria dove trova il suo riposo, infatti Maria da parte sua, custodiva tutte queste cose meditandole nel suo cuore (19). Maria diviene il modello di come vada accolto l’Evangelo. Meditando tutte queste cose, le metteva a confronto le une con le altre e sentiva in esse l’adempimento delle parole profetiche. In tal modo Maria è beata perché ha creduto e perché medita la Legge del Signore giorno e notte (cfr. Sal 1,2). In questo diviene modello di ogni discepolo nell’accogliere la Parola di Dio, meditarla e metterla in pratica.

20 I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.

I pastori se ne tornarono al loro gregge. La fede nel Messia conosciuto non li toglie dal loro lavoro, ma li impegna a conservarla e a testimoniarla dove si trovano. Glorificando e lodando Dio come avevano imparato dagli angeli.

21 Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Con la circoncisione Gesù viene inserito nel popolo di Dio come dice l’Apostolo: Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l’adozione a figli (Gal 4,4s).
Riceve quel nome che è stato rivelato dall’Angelo e inserendosi con questo nome, inizia a operare la salvezza. Con questo rito la sua divinità e la verginità della madre vengono nascosti sotto la paternità legale di Giuseppe.
Il centro di questo versetto è il nome di Gesù e si parla della circoncisione in rapporto al nome. È importante che il nome sia legato alla circoncisione.
Come la nascita a Betlemme lo rivela figlio di Davide così la circoncisione lo rivela figlio di Abramo: Libro della generazione di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo (Mt 1,1), come è detto d’Isacco (cfr. Gn 21,4).
Che rapporto c’è tra la circoncisione d’Isacco e quella di Gesù? La circoncisione del Signore porta a compimento quella di Isacco: di questi è detto: aveva otto giorni, di Gesù: quando furono compiuti gli otto giorni. Ciò che sembra importante sottolineare è il sangue versato da Isacco, da ogni bimbo d’Israele e dal Signore stesso. La circoncisione è il segno, nella carne, del patto tra Dio e Abramo: e ogni patto è suggellato nel sangue. Il sangue versato dal Signore, nella circoncisione, porta a compimento il patto di
Abramo. Inoltre, come il sangue versato da Isacco preannunciava il suo sacrificio sul Moria, così il sangue versato dal Signore preannuncia il suo sacrificio sul Calvario. In quello stesso tempo circa erano stati circoncisi anche i santi Innocenti.
La legislazione della circoncisione è contenuta in Lv 12,1-4: il testo unisce intimamente la circoncisione del bimbo con la purificazione della madre.
Al v. 4 è detto: Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione. Colpisce questo sangue sparso nella maternità soprattutto se pensiamo a quello della Vergine.
Infatti la sua purificazione dal sangue coincide con l’offerta del suo Primogenito (vedi Lv 12, 6-8 e Lc 2,22-24).

Note
«Inizio dell’omelia: Lc 2,16-21; riunisce due sezioni. I pastori vanno e riscontrano che quanto è annunciato, è vero. Viene sottolineato l’aspetto umilmente umano del Figlio di Dio; però in questo nulla i pastori riconoscono il Figlio di Dio. E divengono talmente servi della Parola che annunciano non solo meraviglie ma comunicano lo stesso trasporto che li ha presi.
Maria, percepisce e ne viene presa e custodisce queste cose e le riscontra nel suo cuore. Non basta che lo Spirito si posi su di noi ma occorre custodire lo Spirito e confrontarlo con la Scrittura che non fa altro che comunicarlo
sempre più.
21. Gesù viene circonciso. Il nome è Gesù. La benedizione è comunicata dalla presenza di Gesù nel seno dell’umanità: Lui è la grande benedizione ed è il Nome posto sui figli di Dio.
Oggi celebriamo la Maternità di Maria. Questa maternità gloriosa, strumento di salvezza, non possiamo disgiungerla dall’Incarnazione, dalla Circoncisione e dal Nome. Entrando in contatto con questa maternità, iniziamo a essere partecipi della benedizione in Gesù».
Conclusione dell’omelia: «I vari elementi in parte richiamati ci chiarificano il mistero del nostro nascere in Lui in quanto Lui si fa presente: nasce, cresce raggiunge la sua pienezza in ciascuno di noi e in tutto il suo popolo perché noi possiamo essere per Lui e in Lui figli di Dio come Lui. Questa rinascita per la deificazione avviene nella misura in cui il Padre manda in ognuno di noi il Figlio e lo Spirito Santo. Manda la pienezza dell’essere di Gesù: carne, sangue, anima, Spirito. Tutto questo è legato alla comprensione del battesimo, che invera la circoncisione, cui Gesù si è assoggettato. Il mistero della sua natività, dell’adorazione dei pastori, di Maria, della circoncisione, del Nome è legato fin dal principio a un segno di sangue. Qual è il punto di vincente tra la devozione imperfetta con Maria e il vero rapporto con lei? È accettare che la rinascita avvenga attraverso il sangue. Maria più ci è madre e più siamo figli non può e non vuole dispensarci, da un rapporto di sangue. Questo non l’ha fatto con Gesù e, non può farlo con noi perché custodisce nel cuore tutto il disegno di Dio. Tanto più è intimo il rapporto con Dio, Maria non si frappone al disegno di Dio, ma ci aiuta a realizzarlo. Ci accompagna e ci ottiene lo spirito della fortezza per realizzare il disegno di Dio. A Maria dobbiamo chiedere che non ci eviti il martirio, ma che ci conforti a sostenerlo. Questo lo fa non solo nei confronti di ciascuno ma in rapporto alla Chiesa: non evita alla Chiesa il martirio ma ottiene alla Chiesa la Pentecoste dove lo Spirito ci è dato perché possiamo testimoniare il nome di Gesù. Maria assistendo gli Apostoli non ottiene che siano tolti dal martirio ma che siano segnati dal fuoco dello Spirito. Non ha evitato al Cristo la morte ma lo ha consolato con la sua presenza».
(d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).

(NB questi sono appunti tratti allora durante l’omelia. Chi volesse leggere il testo integrale di questa omelia può trovarlo in G. Dossetti, Omelie del tempo di Natale, ed. Paoline, pg. 67-76).

PREGHIERA DEI FEDELI
Con l’animo pieno di trepidazione, ma fiduciosi nella protezione della Madre di Dio, innalziamo al Padre la nostra filiale e unanime preghiera.

Accogli, o Padre, le preghiere dei tuoi figli.

• Perché ovunque nella Chiesa fioriscano scuole di preghiera e di ascolto della Parola di Dio. Accanto a Maria, nel silenzio della meditazione, ogni uomo si apra alla comprensione della volontà del Padre, preghiamo.
• Perché ogni bimbo e bimba abbia la sua famiglia in cui possa sentire nel calore umano dei suoi il tenero abbraccio di Dio, preghiamo.
• Perché cessino la violenza e l’odio, rabbia dei forti contro i deboli, inizio di estenuanti miserie ed esili, preghiamo.
• Dona, Padre, sollievo ai più deboli e ai più piccoli, perché il loro tenue respiro si rafforzi in un grido di gioia, preghiamo.
• Perché siano riscattate le lacrime di ogni donna e i suoi gemiti siano doglie di parto per una nuova umanità in nuovi cieli e nuova terra, preghiamo.
• Perché nel nuovo anno appaiano i segni della redenzione nel cessare delle guerre e dell’odio e in rapporti di vera solidarietà tra tutti i popoli.
• Manda, o Padre, il tuo Cristo e il suo Evangelo di pace sia accolto da tutti gli uomini, noi ti preghiamo.

O Dio, principio e fine di tutto il creato, accogli dalle mani di Maria, vergine
e madre, le preghiere filiali del tuo popolo; infondi in noi lo Spirito Santo
perché nella concordia dell’amore e della pace, si elevi un’unica lode e
un unico canto da tutti i tuoi figli sparsi in ogni popolo.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


 

Presepe vivente
giorno 28 e giorno 6 Gennaio sarà replicato il presepe nel centro storico di Castrolibero, organizzato dalle due parrocchie, Santa famiglia e SS. Salvatore.

 

Giornata Mondiale dell’Infanzia Missionaria
Giorno 06, Epifania del Signore, ricorre la Giornata Mondiale dell’Infanzia Missionaria, le collette di quel giorno saranno devoluto ai bambini delle missioni. I nostri bambini hanno ricevuto doni in questi giorni, i bambini delle missioni aspettano la nostra generosità per ricevere in dono cibo per le loro tavole. È Natale quando doniamo un sorriso ad un bambino povero.

 

31 Dicembre
Mercoledì 31 c.m. ci troveremo alle ore 18 per celebrare, durante la S. Messa prefestiva, l’inno del Te Deum, per ringraziare il Signore dell’anno appena trascorso. È annessa a questa celebrazione l’indulgenza plenaria. Si ricorda che la messa è di precetto per chi prevede di non partecipare giorno 01. Giorno 01 gennaio, invece, non sarà celebrata la messa delle 8,30, ma saranno celebrate le messe delle 10; 11,30; 18.

 

Millenium Young
Domenica 04 Gennaio alle ore 19 si terrà la tradizionale festa organizzata dall’Azione Cattolica parrocchiale. Sarà un momento di festa ma anche di riflessione. Ci ritroveremo dunque nel nostro auditorium dopo la messa delle 18.

 

1° Venerdì e 1° Sabato
Venerdì 2 ricorre il primo venerdì del mese dedicato al Cuore Sacratissimo di Gesù. Sabato 3 invece, primo sabato del mese, è il giorno dedicato al Cuore Immacolato di Maria.

 

Una tessera per essere nella storia
Alla nostra chiesa manca la vetrata centrale; abbiamo deciso di lanciare un’operazione per realizzarla. Chi, con generosità, vuole contribuire si può rivolgere al nostro economo il sig. Capizzano.

 

Capodanno in parrocchia
Il 31 dicembre, come ogni anno, si sta organizzando per trascorrere l’ultimo dell’anno insieme. Chi è interessato si può rivolgere al sig. Tonino Buono o a Silvana Alò.

 

Buon Anno
I parroci, i diaconi, i catechisti e tutti i collaboratori parrocchiali augurano a tutta la comunità un sereno 2015. Che il Nuovo Anno posso portare a tutti pace e gioia.

 

domeniche precedenti

 

Carissimi,
abbiamo appena ieri adagiato nella mangiatoia il Dio-Bambino, avvolto in fasce, cantato dagli angeli e onorato dai pastori, e oggi la Chiesa ci conduce a Nazaret, nella “santa e dolce dimora, dove Gesù fan-ciullo nasconde la sua gloria! Giuseppe addestra all’umile arte del falegname il figlio dell’Altissimo. Accanto a lui Maria fa lieta la sua casa di una limpida gioia” (LH. Inno).
Qui, a Nazaret “si impara ad osservare, ad ascoltare, a meditare, a penetrare il significato così pro-fondo e così misterioso di questa manifestazione del figlio di Dio tanto semplice, umile e bella. […] Qui tutto ha una voce, tutto ha un significato. Qui impariamo il metodo che ci permette di conoscere chi è il Cristo” (Paolo VI, Dal Discorso tenuto a Nazaret il 5 gennaio 1964).

1. Anche noi, questa sera, vogliamo entrare quasi in punta di piedi in questa casa facendoci investire dall’eco della Parola appena risuonata.
Varcando la soglia e addentrandoci in essa, apprendiamo che la gioia di una famiglia è piena, quando ogni membro non cerca la propria gioia, ma pensa a procurarla agli altri, perché la dedizione al bene di tutti è la condizione della felicità, quella vera, quella che viene da Dio.
Avete ascoltato, con quanta generosità Giuseppe dimentica sé stesso per cercare solo il bene del Bambino e di sua madre, il bene di queste persone care che il Signore gli ha affidato. Tutta la sua esi-stenza è guidata soltanto da questa premura.
Il Bambino è in pericolo e il Signore lo avverte: “Alzati, prendi il Bambino e sua madre” (Mt 2,13). Subito, Giuseppe si alza e, di notte, fugge, senza porsi domande, né fare obiezioni. Fuggendo, egli per-de il lavoro, la casa, tutto. E pur nella lacerazione del cuore, Giuseppe è felice, perché non pensa a sé stesso ma è tutto intento e proteso a proteggere la vita di questo Bambino.
E ciò non per un improvviso gesto di amore. Anche perché, più tardi, egli regolerà le cose non per la propria sicurezza, ma per il Bambino e sua madre: egli infatti non andrà in Giudea, dove regnava il figlio di Erode, ma in Galilea, in una oscura borgata, perché si adempissero le Scritture che dicevano: “Sarà chiamato Nazareno” (Mt 2,23). Commuove davvero la disponibilità di Giuseppe, il Redemptoris custos!
All’interno del racconto di Gesù profugo in Egitto, si è ripetuta quattro volte la frase “Prendi con te il Bambino e sua madre”. E lui, prontamente, alzatosi, prese con sé il Bambino e sua madre (Mt 2,14). “La casa di Nazaret è davvero la scuola dove si è iniziati a comprendere la vita
di Gesù, cioè la scuola del Vangelo” (Paolo VI, Dal Discorso tenuto a Nazaret, cit.).
Sì, da questa umile cattedra di vita apprendiamo che Gesù, Maria e Giuseppe sono dei profughi ap-partenenti a quella catena illimitata di vittime che percorreranno città straniere e ostili. Essi sono fratelli di tutti gli esuli e di tutti gli immigrati del terzo mondo che si aggirano per le nostre strade e nelle nostre contrade.
E di questa immensa schiera di uomini e donne, esuli e profughi, Gesù è uno di loro: un Dio debole che pianta la sua tenda nei campi dove la miseria è totale, un Dio che sceglie di essere più povero delle sue stesse creature perché “gli uccelli del cielo hanno i loro nidi, le volpi le loro tane, ma il Figlio dell’Uomo non ha dove posare il capo” (Mt 8,20); un Dio che condivide l’annosa sorte di ogni esule e a cui le porte blindate delle case ricche restano proibite!
Le vicende di Gesù e della sua famiglia costituiscono allora la prima grande lezione che ci viene da Nazaret, la lezione di un Dio solidale, sì da diventare lui stesso straniero e pellegrino, provando fame e inospitalità.

Da questo momento e da questa scuola di Nazaret, ognuno di noi sappia dove incontrare Dio: sulla strada dei tanti poveri cristi che si aggirano nelle nostre strade, stazionano nelle nostre piazze, si rifu-giano nei nostri casolari diroccati di campagna.
Sia sempre davanti a noi, carissimi fratelli e sorelle, questa dura lezione di vita. Essa è la strada si-cura per incontrare Cristo, il Cristo della incarnazione e dell’abiezione.
2. Ma noi, questa sera, desideriamo che la famiglia di Nazaret diventi anche modello di vita delle nostre famiglie, famiglie nelle quali dovrebbero fiorire le stesse virtù e lo stesso amore (cfr. MR/OC) che fiorirono in casa di papà Giuseppe, mamma Maria e del loro figlio Gesù, non immuni ed esenti da ansie e disagi. Ricordando che la famiglia di Nazaret è santa perché ha messo Gesù al centro.

La vita di questo infante non solo viene salvata, ma sta al centro di tutta la missione dei suoi geni-tori, i quali si rivelano come veri primi fedeli discepoli alla scuola del loro figlio Gesù. Per amore di Lui, Maria e Giuseppe fanno ogni cosa, condividendo con lui gioie e dolori e aiutandolo a farlo crescere e a farlo diventare quello che dovrà essere nella sua vita privata e pubblica.
Accettare di lasciarsi guidare dall’amore per Gesù e non dalla logica dei diritti e dei doveri, signifi-cherà allora “rivestirsi” di lui quale costante e abituale abbigliamento di vita, in cui le virtù sono le varie modalità, le pieghe, i colori del vestito e la carità è come la cintura - il vincolo - che unisce armoni-camente tutte le parti dell’abito, come ci è stato detto da Paolo nella seconda lettura.
Cinque infatti sono le virtù che costituiscono come il corredo nel guardaroba di ogni famiglia e di ogni chiamato al ministero ordinato:
1. misericordia,
2. bontà,
3. umiltà,
4. mansuetudine,
5. pazienza.

Ma tutte sono chiamate a convergere verso l’amore agapico che ha come radice Dio stesso. Solo questo amore potrà trasformare la vita dei singoli membri e di ogni consacrato, e farla tendere verso nuovi orizzonti, da Paolo ricordati come veri appelli alla santità familiare e presbiterale.

“La pace di Cristo regni nei vostri cuori” (Col 3,15): è il primo imperativo. Ossia Cristo, nostra pace (Ef 2,14), dovrà essere lui ad animare la vita familiare cancellando egoismi e crisi che erodono le nostre case e fare di ogni chiamato un araldo di pace.
La Parola di Cristo dimori tra voi (Col 3,16): è il secondo imperativo che si traduce nell’ascoltare e nel far abitare l’evangelo all’interno della casa. Certo, una famiglia che fa dimorare al suo interno la Parola di Dio godrà di una freschezza e di una vitalità sorprendenti.
“Tutto quello che fate in parole e opere, tutto si compia nel nome del Signore” (Col 3,17): è il terzo imperativo che riguarda l’azione. Oh, voglia il cielo che tutta l’esistenza cristiana, personale e familiare, possa essere vissuta sotto il segno di Cristo con la logica di quell’amore che si abbassa e si riconcilia, che abbatte le barriere e rende tutti solidali.
Se questo è richiesto dalle nostre famiglie cristiane, da te è esigito in sommo grado, Saverio mio carissimo. Sii pura trasparenza dell’agire di Cristo nella tua vita. E nulla adombri il tuo essere presenza di Cristo tra la gente!
O famiglia di Nazaret, tu che sei limpida, vivente immagine della Chiesa, guida e sostieni nell’ora della prova tutte le nostre famiglie e fa’ che in esse regni quell’amore gratuito del figlio Gesù, l’unico capace di generare speranza, concordia e pace.

† don Felice, Vescovo

 

domeniche precedenti

 

IV DOMENICA DI AVVENTO anno B

PRIMA LETTURA 2Sam 7,1-5.8-12.14.16

Dal secondo libro di Samuele

Costruzione della casa del Signore e Regno della casa di Davide
Davide chiede di costruire una casa al Signore (1-3)

1 Il re, quando si fu stabilito nella sua casa, e il Signore gli ebbe dato riposo da tutti i suoi nemici all’intorno,

La presenza dell’arca, che in Sion trova il luogo del suo riposo, dà riposo al re che non deve più uscire a combattere contro i suoi nemici. È giunto il tempo in cui si realizzino le parole della Legge: Ma quando avrete passato il Giordano e abiterete nel paese che il Signore vostro Dio vi dà in eredità ed egli vi avrà messo al sicuro da tutti i vostri nemici che vi circondano e abiterete tranquilli, allora, presenterete al luogo che il Signore vostro Dio avrà scelto per fissarvi la sede del suo nome, quanto vi comando (Dt 12,10-12); il luogo è stato scelto e ora perché Israele possa venire ad adorare Dio come è comandato, il re vuole costruire la Casa al Signore

2 disse al profeta Natan: «Vedi, io abito in una casa di cedro, mentre l’arca di Dio sta sotto i teli di una tenda».

Inoltre egli ha una casa pregiata costruitagli da Hiram re di Tiro ed egli vuole costruire al Signore, per la sua gloria, una casa. Tuttavia il re non esprime subito la sua intenzione perché attende il responso del profeta.

3 Natan rispose al re: «Va’, fa’ quanto hai in cuor tuo, perché il Signore è con te».

Il profeta condivide questo sentimento di Davide e lo approva perché pensa che venga da Dio. Qui i padri ci ammaestrano che anche i profeti, senza lo Spirito della profezia, ragionano come tutti gli uomini e pensano che il bene da fare, poiché è bene, sia sempre voluto da Dio. Da qui comprendiamo quale attenzione e cura ci voglia per conoscere la volontà di Dio, infatti il profeta Isaia ci fa sentire la voce divina che dice: i miei pensieri non sono i vostri pensieri ecc (Is 55,8s).

Visione di Natan (4-17)
4 Ma quella stessa notte fu rivolta a Natan questa parola del Signore:

La Parola divina si rivela in una visione notturna, modo assai usato con i profeti. cfr. Nm 12,6-8: Il Signore disse: «Ascoltate le mie parole! Se ci sarà un vostro profeta, io, il Signore, in visione a lui mi rivelerò, in sogno parlerò con lui. Non così per il mio servo Mosè: egli è l’uomo di fiducia in tutta la mia casa. Bocca a bocca parlo con lui, in visione e non con enigmi ed egli guarda l’immagine del Signore». Vi è differenza tra Mosé e i profeti.

5 «Va’ e di’ al mio servo Davide: “Così dice il Signore: Forse tu mi costruirai una casa, perché io vi abiti?

Al mio servo a Davide «fa precedere il mio servo a Davide come titolo di gloria perché egli è servo fedele al Signore e lo vuole quindi assicurare che non perché non è gradito al Signore gli proibisce di costruirgli una casa» (Qil). Anche Mosé é definito: il mio servo Mosè (Nm 12,8)
La proibizione è precisata in 1Cron 22,8 e 28,3: egli ha sparso sangue.

6 Ma io non ho abitato in una casa da quando ho fatto uscire gli Israeliti dall’Egitto fino ad oggi; sono andato vagando sotto una tenda, in un padiglione.

L’oracolo divino ricorda, come fino a questo momento, il Signore se ne sia andato vagando sotto una tenda, in un padiglione (cfr. Lv 26,11s: Stabilirò la mia dimora in mezzo a voi e io non vi respingerò. Camminerò in mezzo a voi, sarò vostro Dio e voi sarete il mio popolo). Questo si è attuato in Gesù non solo nella sua Incarnazione ma anche nella sua vita terrena; Egli non ha voluto avere un luogo dove posare il capo (cfr. Mt 8,20) ma in Lui Dio se ne è andato vagando sotto la tenda della sua carne per raccogliere le pecore perdute della Casa d’Israele.

7 Finché ho camminato, ora qua, ora là, in mezzo a tutti gli Israeliti, ho forse mai detto ad alcuno dei Giudici, a cui avevo comandato di pascere il mio popolo Israele: Perché non mi edificate una casa di cedro?

Mai c’è stato questo comando in passato. Infatti nessuno dei giudici è stato scelto in modo definitivo. Se Davide può costruire una casa al Signore vuol dire che Dio lo ha scelto in modo definitivo.

8 Ora dunque riferirai al mio servo Davide: Così dice il Signore degli eserciti: Io ti ho preso dal pascolo, mentre seguivi il gregge, perché tu fossi capo del mio popolo Israele.

Ricorda la sua elezione gratuita e da umile condizione, alla quale è contrapposto il nome grande tra i grandi della terra. Rashi: come Abramo, Isacco e Giacobbe.
Al mio servo Davide mentre il Signore sta per fargli la promessa gli ricorda quale legame profondo unisca Davide a Lui. L’elezione è avvenuta proprio nel momento in cui Davide stava pascolando il gregge, come ricorda 1Sm 16,11: Samuele chiese a Iesse: «Sono qui tutti i giovani?». Rispose Iesse: «Rimane ancora il più piccolo che ora sta a pascolare il gregge». Samuele ordinò a Iesse: «Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui».

9 Sono stato con te dovunque sei andato, ho distrutto tutti i tuoi nemici davanti a te e renderò il tuo nome grande come quello dei grandi che sono sulla terra.

Il testo italiano passa da un passato a un futuro mentre il testo ebraico è tutto al passato. L’oracolo divino ricorda quello che il Signore ha fatto per Davide. Come Davide stesso aveva dichiarato, i suoi nemici erano già tutti distrutti e il suo nome era già noto tra i popoli, come è scritto: Il nome di Davide si diffuse in tutti i paesi, mentre il Signore lo rendeva terribile fra tutte le genti (1Cr 14,17).

10 Fisserò un luogo per Israele, mio popolo, e ve lo pianterò perché vi abiti e non tremi più e i malfattori non lo opprimano come in passato

Davide è re ed è grande per amore d’Israele che in tal modo viene piantato nella sua terra e si attuano le parole del canto del mare (Es 15,17: Lo fai entrare e lo pianti sul monte della tua eredità, luogo che per tua sede, Signore, hai preparato, santuario che le tue mani, Signore, hanno fondato). Per rendere ancora più stabile il popolo è necessario, secondo il pensiero di Davide, rendere salda la Casa del Signore.

11 e come dal giorno in cui avevo stabilito dei giudici sul mio popolo Israele. Ti darò riposo da tutti i tuoi nemici. Il Signore ti annuncia che farà a te una casa.

Ricorda la differenza tra il tempo dei Giudici e questo: esso è caratterizzato dal riposo. Nessuno dei giudici aveva mai dato un riposo definitivo come ha fatto Davide con Israele; la loro era una salvezza temporanea, quella di Davide è definitiva. Il popolo la perderà a causa delle sue colpe e di quelle dei suoi capi.
Ed ecco la promessa: il Signore ti farà una casa, è la casa messianica, è il Cristo.

12 Quando i tuoi giorni saranno compiuti e tu dormirai con i tuoi padri, io susciterò un tuo discendente dopo di te, uscito dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno.

Il discendente di Davide ha il trono reso stabile a differenza del figlio di Saul. Questa stabilità si fonda sulla promessa divina a Davide.

13 Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile per sempre il trono del suo regno.

A lui spetta di costruire la casa e sarà reso stabile per sempre il suo trono. Ecco la stretta connessione che avviene tra il figlio di Davide e il Tempio. Questa connessione non potrà più essere spezzata e giungerà al suo compimento in Gesù il Cristo. In Lui tutto si unisce in un’unica realtà: a Lui spetta il trono di Davide e il suo Corpo è il Tempio.

14 Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio.
Se farà il male, lo castigherò con verga d’uomo e con i colpi che danno i figli d’uomo,

Questa elezione e filiazione deve essere compresa nel mistero. Poiché il Cristo è della stirpe di Davide, il re messia viene assunto in questa filiazione. Con verga d’uomo «la verga con la quale il padre punisce il figlio (cfr. Pr 13,24). Essa si contrappone alla verga di ferro Sal 2,9» (Qil). I colpi che danno i figli dell’uomo ai loro figli (Sal 89,31-33).

15 ma non ritirerò da lui il mio favore, come l’ho ritirato da Saul, che ho rimosso dal trono dinanzi a te.

La misericordia è stabile per sempre. Nel termine ebraico hesed vi è una connotazione anche di fedeltà. La misericordia di Dio è fedeltà al suo patto, oltre la risposta dell’uomo. Quindi la fede diventa un atto certo in base a questa fedeltà misericordiosa verso coloro che sono legati a Dio con il patto. Nel Sal 89,29-38 ricorrono accanto a misericordia, i termini fedeltà e patto a indicare la vicinanza di significato tra questi termini. Infatti il verbo “infrangere, rompere” che si usa in rapporto al patto è pure usato per il termine misericordia - fedeltà (cfr. Sal 89,34: non romperò la mia fedeltà).

16 La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a me, il tuo trono sarà reso stabile per sempre”».

Sono stabili la casa, il regno e il trono di Davide per sempre. Dice: davanti al tuo volto perché Davide vede profeticamente in Cristo questa stabilità eterna come dice l’Apostolo in At 2,30: «Poiché però era profeta e sapeva che Dio gli aveva giurato solennemente di far sedere sul suo trono un suo discendente, previde la risurrezione di Cristo e ne parlò».

NOTE

In questo testo costituivo della monarchia messianica e dell’elezione di Gerusalemme, come la città del Tempio e sede regale, noi avvertiamo delle tensioni che, a Dio piacendo, cercheremo di mettere in luce.
La situazione di stabilità, che si è creata, fa pensare a Davide che è giunto il momento di porre l’arca del Signore all’interno di una casa stabile, togliendola dalla tenda. È il tempo in cui, come si è accasato Davide si accasi anche il Signore.
Ormai la promessa di Abramo si è attuata: Israele è nella sua terra, al sicuro dai suoi nemici; esso è numeroso e il suo nome, come quello di Davide, è noto in tutti i popoli.
Giunto a questo riposo, Davide vuole onorare il Signore.Ma il Signore rifiuta: Egli non ha bisogno di una casa, non può racchiudersi all’interno di essa, quasi che solo in quel luogo Egli faccia sentire la sua presenza. Egli è il pastore d’Israele e tutti devono sentirlo vicino.
Davide è stato eletto gratuitamente dal Signore e mai Davide potrà dare qualcosa al Signore. Essendo tutto grazia e libera iniziativa di Dio, non esiste da parte nostra nessuna possibilità di dono a Dio.Per questo il Signore ribadisce le sue promesse: la stabilità eterna del patto e un castigo paterno a quanti tra i suoi discendenti trasgrediranno la sua legge.
Una volta chiarito il rapporto, potrà esser costruita anche la Casa perché si comprenderà il valore relativo di essa, come dice Salomone nella preghiera in cui la Casa è dedicata al Signore.
Il Signore vuole che si eviti ogni assolutizzazione; infatti il Tempio andrà distrutto senza più che si dia la possibilità di un nuovo Tempio, fatto da mani d’uomo.
SALMO RESPONSORIALE Sal 88

Al centro del Salmo c’è la promessa divina a Davide descritta in 2Sam 7. Il profeta Natan in quel testo assicurava al grande re la presenza divina all’interno della sua dinastia: “Egli mi invocherà: Mio padre sei tu” (v. 27). Dopo una solenne introduzione (vv. 2-5) in cui si esaltala perpetua fedeltà di Dio alla promessa di Davide, il carme si espande in un inno cosmico (vv. 6-9). Il fondamento dell’alleanza storica con Davide è cercato nell’alleanza cosmica, cioè nella signoria creatrice di Dio sul mondo. YHWH nell’inno trionfale appare come il sovrano dell’universo che domina il caos e piega i monti come il Tabor e l’Hermon.
Al centro del Salmo, come dicevamo all’inizio, si sviluppa l’oracolo davidico (vv. 20-38) distinto in due sezioni: la prima riguarda direttamente, la sua elezione-consacrazione, la protezione e la paternità divina (vv. 20-29); la seconda riguarda invece la discendenza di Davide (vv. 30-38). E qui scatta il dramma dell’infedeltà dei discendenti davidici che hanno “abbandonato la mia legge, violato i miei statuti, non osservato i miei comandi”. Dio deve punire la violazione, ma non spezza la sua fedeltà e la sua alleanza.
Nella parte finale del Salmo (vv. 39-52) c’è una lamentazione sul tragico presente che spinge l’orante a chiedersi: “La promessa divina è, allora, smentita? La fedeltà di YHWH è cessata?”. Il Salmo non trova risposta a questi interrogativi. C’è però un filo di speranza: dalla concreta linea dinastica davidica la promessa può indirizzarsi verso un altro perfetto “consacrato”, il messia.
Il Salmo si conclude su un orizzonte tenebroso, ma l’ultima parola è messia (v. 52), una parola che genera speranza: il “consacrato” del Signore è l’erede della promessa divina, una promessa che non può spegnersi, perché nasce da Dio stesso e si potrà attuare attraverso strade inattese e sorprendenti. Forse anche attraverso questa via oscura del dolore, forse anche attraverso una genealogia non più biologica e dinastica ma spirituale e teologica.
R/. Canterò per sempre l’amore del Signore.

Canterò in eterno l’amore del Signore,
di generazione in generazione
farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà,
perché ho detto: «È un amore edificato per sempre;
nel cielo rendi stabile la tua fedeltà». R/.

«Ho stretto un’alleanza con il mio eletto,
ho giurato a Davide, mio servo.
Stabilirò per sempre la tua discendenza,
di generazione in generazione edificherò il tuo trono». R/.

«Egli mi invocherà: “Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza”.
Gli conserverò sempre il mio amore,
la mia alleanza gli sarà fedele». R/.

SECONDA LETTURA Rm 16,25-27

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli,
25 a colui che ha il potere di confermarvi
nel mio vangelo, che annuncia Gesù Cristo,
secondo la rivelazione del mistero,
avvolto nel silenzio per secoli eterni,

La lode è innalzata a Dio che ha il potere di confermarci. Nelle tentazioni si è scossi e si può venire meno per cui nell’accogliere l’Evangelo si è resi saldi. Il potere, che Dio ha nel confermare, lo comunica a coloro che annunciano l’Evangelo come Simone che deve confermare i fratelli perché non vengano meno nella fede (cfr. Lc 22,32) e Timoteo che conferma e conforta i Tessalonicesi nel momento delle tribolazioni (cfr. 1Ts 3,2). Dio ha comunicato il suo potere di confermare nell’Evangelo, che Paolo annuncia, e da lui è definito la predicazione di Gesù Cristo (tradotto: che annuncia Gesù Cristo). In esso il Cristo predica, annuncia il suo Evangelo. Non è solo il contenuto dell’Evangelo ma è anche colui che lo annuncia. In Paolo, che annuncia l’Evangelo, risuona la voce di Cristo. Il contenuto dell’Evangelo è la rivelazione del mistero avvolto nel silenzio per secoli eterni. Questo mistero è Dio stesso. «Il mistero di Dio avvolto in un impenetrabile silenzio è reso noto attraverso Gesù Cristo; ciò che è più inesprimibile in sé è reso presente. Agli eoni eterni - è il presente e il futuro, tutto ciò che è ed esiste - il mistero di Dio resta impenetrabile. Nel prima e nel dopo c’è un istante, un presente che è Gesù nel quale tutto si rivela. A prescindere da Cristo non c’è un tempo futuro diverso dal passato. Solo in Gesù Dio dice la Parola eterna che è lui stesso. Al di fuori di Cristo, nel passato e nel futuro, Dio è impenetrabile ed è silenzio» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Betania, 28.6.1975).

26 ma ora manifestato mediante le scritture dei Profeti,
per ordine dell’eterno Dio,
annunciato a tutte le genti
perché giungano all’obbedienza della fede,

Ora è il tempo dell’Evangelo e quindi della rivelazione di quanto è contenuto nelle scritture dei Profeti. Infatti solo ora Le Scritture profetiche, illuminate dall’Evangelo, rivelano il loro contenuto cioè, il mistero di Dio. Senza la predicazione di Cristo esse non rivelano quanto contengono. Anche i profeti, che le hanno scritte, hanno potuto conoscere in virtù del Cristo, che si rivelava loro. Questa manifestazione è avvenuta per ordine dell’eterno Dio.
L’eterno Dio ha ora comandato che fosse rivelato il mistero mediante la manifestazione del Salvatore nostro Gesù Cristo (2Tm 1,10). «L’eterno. Con questo attributo Dio è qualificato come il Dio dei tempi primordiali e dei tempi finali, il Dio di tutte le epoche, che tutte le sovrasta» (Schlier, o.c., p. 725).
Esso è stato annunciato (lett.: è stato reso noto) a tutte le Genti perché obbediscano alla fede. Rendere noto, far conoscere, è abbinato a rivelare, manifestare anche in Col 1,26-27: (Il mistero) è stato manifestato ai suoi santi, ai quali Dio ha voluto far conoscere quale sia la ricchezza della gloria di questo mistero tra le Genti, cioè Cristo in noi, la speranza della gloria. Far conoscere è comunicare la scienza, come manifestare è illuminare l’intelligenza. Quando la luce della rivelazione illumina la mente noi apprendiamo il mistero, incominciamo a conoscerlo.
Tutte le Genti conoscono la ricchezza della gloria di questo mistero perché giungono all’obbedienza della fede. L’Evangelo è quindi rivelazione che porta alla conoscenza del mistero, che è ripieno della gloria di Dio. Il manifestarsi della gloria dell’Evangelo porta alla fede. Ora la fede si esprime nell’obbedienza.

27 a Dio, che solo è sapiente,
per mezzo di Gesù Cristo,
la gloria nei secoli. Amen.

Dio è l’unico veramente sapiente, tutti gli altri partecipano alla sua sapienza. Egli è «autore e genitore della sapienza ... la sapienza procede dal sapiente Dio» (Origene, II, p. 212). A Dio, che solo è sapiente, che ha rivelato la sua sapienza nel suo mistero racchiuso nelle Scritture profetiche e predicato nell’Evangelo e che quindi rivela come si stia muovendo tutta la storia in forza dell’Evangelo, a Lui la gloria per mezzo di Gesù Cristo. Come Gesù è l’unico che lo rivela, così è l’unico che lo glorifica. Come il mistero ci è rivelato solo attraverso la sapienza di Dio, che è il Cristo, così la gloria, che proviene dall’obbedienza delle Genti, sale al Padre per mezzo di Gesù Cristo. E come il silenzio aveva caratterizzato i tempi secolari, così ora la glorificazione riempie i secoli dei secoli cioè i tempi che d’ora in avanti non avranno fine.
La dossologia e la lettera sono sigillate dall’Amen. È il sì di chi proclama il mistero e di chi lo conosce, è il si gioioso della fede a quanto è qui contenuto e che accolto e conosciuto si trasforma in una lode senza fine.
Alla conclusione del commento, lo Schlier dice che il modo come la Lettera termina ci fa ricordare che «noi viviamo di frammenti» e d. Giuseppe alla conclusione del commento comunitario del 1975 diceva: «Nel terminare questa lettera ci può essere un rimpianto a non averla compresa, ma basta questo briciolo di anelito che le cose restano in noi».

NOTE

L’apostolo ha voluto concludere la lettera ai Romani con questa dossologia, nella quale ricapitola tutto il messaggio della lettera.
Il mistero di Dio è avvolto dal silenzio e inaccessibile, esso si è rivelato ai profeti in modo frammentario ed enigmatico. La chiave interpretativa di esso è solo l’Evangelo. Al di fuori di esso Dio è silenzio ed è nascosto. Noi non possiamo conoscerlo perché Egli è Uno ed è unico, per cui non lo si può paragonare a nulla. L’unica porta è la sua rivelazione. Questa non è continua, ma sono istanti eterni che appaiono frammenti nel tempo. Così l’Evangelo risuona nel succedersi delle parole, ma il suo rivelarsi avviene ora, l’istante eterno squarcia il tempo, il silenzio diviene l’unica Parola, il Verbo di Dio, che esce dal silenzio del Padre e si fa Carne.
Non è più una rivelazione che stupisce, come quella che la creazione fa di alcune proprietà divine, ma è una rivelazione che paradossalmente, proprio per la intensità di presenza e di amore, può portare allo scandalo. Ma qui sta il proprio della fede, la cui essenza è l’amore accolto e dato.
L’Evangelo quindi è la pienezza della rivelazione e quindi della consegna di Dio a noi. Nelle profezie Dio si è consegnato a Israele nell’alleanza del Sinai oggi si consegna nella pienezza in Gesù, nel suo Evangelo. E questa consegna non è solo per Israele ma anche per tutte le Genti.
Qual è la nostra risposta a una simile iniziativa di Dio? L’obbedienza della fede.
Per questo tutto il mistero di Dio suscita la lode commossa dell’apostolo, che Dio ha scelto per annunciare l’Evangelo di Gesù Cristo, e non può non suscitare la lode gioiosa di ogni credente e di coloro che Dio ha scelto per annunciare l’Evangelo del suo Figlio.

ACCLAMAZIONE AL VANGELO

R/. Alleluia, alleluia.

Ecco la serva del Signore:
avvenga per me secondo la tua parola.

R/. Alleluia.

VANGELO Lc 1,26-38

Dal vangelo secondo Luca

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, 27 a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.

In quel tempo 26 (lett.: Nel mese sesto) l’angelo Gabriele fu mandato: l’Angelo precede il Verbo e ne svela il Mistero. Gabriele precede il Figlio di Dio dalle regioni celesti alla terra, Giovanni lo precede nel suo manifestarsi a Israele come è detto in 7,27, gli Apostoli e i discepoli lo precedono come messaggeri nella sua salita a Gerusalemme (9,52).
In una città della Galilea chiamata Nazaret. Il mistero del Cristo viene in tal modo velato: Forse che dalla Galilea viene il Cristo? (Gv 7,41); Forse che anche tu sei dalla Galilea? Scruta e vedi che dalla Galilea non sorge alcun profeta (ivi, 52). Egli entra in Gerusalemme acclamato: Il profeta Gesù da Nazaret di Galilea (Mt 21,11). Perché il Signore sceglie per il suo Messia quel ramo della stirpe di Davide che è nella Galilea? È lì che fiorisce Giuseppe lo sposo di Maria dalla quale è nato Gesù detto Cristo (Mt 1,16). Il disegno di Dio va al di là del pensiero teologico elaborato nel Tempio e adempie le Scritture in tutta la loro economia e non parzialmente come fa sempre ogni elaborato umano del dato rivelato e scritturistico.
A una vergine. Il termine richiama la profezia d’Isaia (7,14) citata dall’evangelista Matteo (1,23) come adempiuta in Maria.
L’attenzione dell’evangelista è incentrata su Maria: lei stessa fa parte della nuova economia. Tutto il prologo converge nel nome di Maria: il suo nome era Maria.

28 Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».

Rallegrati. Così Gesù saluta le donne dopo la risurrezione (Mt 28,9). Come saluto ipocrita è sulle labbra di Giuda (Mt 26,49) e dei soldati (ivi, 27,29) verso Gesù. Nell’AT cosi è salutata Sion (Sof 3,14) formata da un popolo umile e povero, il resto di Israele (ivi, 12,13); lo stesso saluto è a lei rivolto quando sta per accogliere il Messia (Zac 9,9). In Maria, la madre di Gesù il Cristo, questa gioia raggiunge il suo compimento.
Rallegrati, la gioia annunciata come futura alla nascita di Giovanni, ora è presente.
Piena di grazia, cioè che ha trovato grazia (30). Lo stesso termine ricorre in Sir 18,17: Ecco forse che la parola non è superiore al dono buono? E ambedue sono presso l’uomo pieno di grazia (cioè che ha trovato grazia). In Maria, piena di grazia, si trovano la parola e il dono buono: la parola è il suo sì, il dono buono, il frutto del suo grembo.
Il Signore è con te. È il saluto dato dall’Angelo a Gedeone (Gdc 6,12); è la parola rivolta dal Signore a Giosuè (Gs 1,5), a Geremia (Gv 1,8) e a Paolo (At 18,10). È una parola rivolta quindi prima di una missione.
Il Signore è con te (= Emanuele): è formula messianica, il saluto contiene la realtà nuova per cui Maria chiede la spiegazione di questo saluto perché contiene tutta la realtà salvifica del Messia; dopo, l’Angelo spiega dettagliatamente il contenuto di grazia racchiuso in quella formula.

29 A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo.

Si domandava (lett.: pensava, rifletteva, ponderava, cfr. 12,17). Il verbo è usato per indicare quelle riflessioni che ciascuno fa e che possono restare dentro al cuore o esprimersi al di fuori con altri. Rivela quello che ciascuno veramente pensa (cfr. 5,21). Eccetto questo caso della Vergine, in genere queste riflessioni sono cattive per cui il termine si è caricato di un’accezione negativa, come gli altri: carne, uomo.
Un saluto come questo. Nel N.T. il saluto è di grande importanza. Crea comunione: il Signore vuole che salutiamo anche i nemici e «che dichiariamo apertamente che per noi l’inimicizia non esiste (Mt 5,47)» (Windisch). Comunica la pace che è potenza di Spirito Santo: infatti come lo Spirito, così la pace riposa su ogni figlio di pace (cfr. Lc 10,6). È annuncio di “eventi che richiedono silenzio”. Maria, con questo saluto è introdotta nel mistero e quindi tace.

30 L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31 Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32 Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo;

Hai trovato grazia presso Dio. L’espressione è usata per Noè (Gn 6,8) nel quale l’umanità fu salva nel diluvio; per Abrahamo (Gn 18,3) che, ospitando Dio, divenne suo amico; per Mosè (Es 33,12-16) che vide Dio di spalla. Questa è la grazia trovata dai padri; quella trovata da Maria è nelle parole che seguono.
Sarà grande. È detto in assoluto a differenza di Giovanni che sarà grande davanti al Signore (1,15). Gesù è il Signore davanti al quale Giovanni è grande.
Figlio dell’Altissimo, quanto alla sua natura divina; Davide è suo padre quanto alla natura umana. Cfr. Rm 1,3-4: il Figlio suo nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con la potenza secondo lo Spirito di santificazione....

il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33 e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

È descritto il regno del Messia nei suoi elementi caratteristici: il trono di Davide, la casa di Giacobbe, il tempo che non conosce fine.
Il trono di Davide si fonda sulla profezia di Natan (2Sm 7,12ss) sull’eterno perdurare della sua dinastia. In Is 9,5ss è attribuito definitivamente al Messia chiamato Meraviglia, Consigliere, Dio, Eroe, Padre del secolo, Principe della pace, (cfr. At 2,30). «La prova scritturale addotta in Eb 1,8 a conferma della superiorità del Figlio sugli angeli è tratta dal Sal 45,7a, parla del trono del re escatologico. Vi si allude alla sovranità di colui che siede sul trono accanto a Dio (cfr. 1,3) e nel quale l’idea del regno davidico perviene alla sua conclusiva attuazione» (Schmith).
Per questo regna nei secoli e il suo regno non avrà fine. Infatti il trono di Davide con il Cristo equivale al trono della gloria dal quale giudicherà le genti (Mt 25,31ss).
La casa di Giacobbe, (cfr. At 7,46) indica Israele secondo la carne (cfr. Rm 11,26). Questo non esclude il regno universale del Messia come è detto: È poco che tu mi sia servo per rialzare le tribù di Giacobbe e far tornare i superstiti d’Israele; io ti ho chiamato come luce delle genti perché tu sia la mia salvezza fino ai confini della terra (Is 49,6).

34 Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?».

Parole dense di mistero. Come la Vergine è piena di stupore di fronte a questo annuncio, così anche noi stupiti esclamiamo: «Ave tu, che hai ricongiunto verginità e maternità» (Inno Acatistos).
«L’incarnazione si compie in virtù della Parola di Dio - ossia attraverso un processo inafferrabile dalla ragione umana - e perciò si sottrae, fin dal concepimento, alle leggi naturali della generazione e dell’appartenenza a un determinato gruppo etnico» (Grundmann).

35 Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio.

Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra: le due frasi sono in parallelo. Lo Spirito Santo è chiamato Potenza dell’Altissimo. Lo Spirito viene su Maria per adombrarla. Il concepimento verginale di Gesù in Maria avviene da Spirito Santo (quello che in lei è generato è da Spirito Santo Mt 1,20) che è chiamato Potenza dell’Altissimo perché in virtù della Parola che le è rivolta le è comunicato come forza che opera in lei la gravidanza.
È detto che lo Spirito adombra. In Es 40,34ss è usato il termine in rapporto alla nube che copriva la Tenda della Testimonianza e la Tenda fu riempita della Gloria. Così Maria è la nuova Tenda su cui viene lo Spirito Santo e la riempie della sua gloria; e come Mosè non poteva entrare perché la nube adombrava la Tenda così nessuno può penetrare con la sua mente la divina operazione del concepimento del Cristo nella Vergine.
Sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Gesù è chiamato Figlio di Dio anche riguardo alla sua umanità per il modo con cui la sua umanità entra nel mondo. «Penso che un’obliterazione della nascita verginale del Cristo metterebbe fortemente in crisi tutta la sua figliolanza divina» (d. U. Neri, omelia). Santo perché consacrato al Signore fin dal grembo materno e perché è il primogenito (1,23). Ma soprattutto è santo perché è il Figlio di Dio.

36 Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37 nulla è impossibile a Dio».

Nulla (lett.: Nessuna parola) è impossibile a Dio: sono le parole rivolte a Sara per il concepimento di Isacco (Gn 18,14), il cui prodigio si è rinnovato in Elisabetta. Questo è il segno che viene dato a Maria.

38Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Ecco la serva (lett.: schiava) del Signore, avvenga per me secondo la tua parola, quella parola per la quale nulla è impossibile (37 ).
La schiava del Signore: con questo titolo Maria dichiara di assumere il ruolo che l’angelo Gabriele le ha indicato di Madre del Messia e di essere a totale disposizione di Dio perché attui il suo disegno. L’adesione di fede alla Parola di Dio si tramuta in gratitudine per l’elezione divina; il magnificat è la risposta gioiosa e stupita di fronte a questa elezione.

NOTE

La pagina evangelica è posta in relazione con la promessa davidica. Questa è la prospettiva in cui si legge oggi questa pagina dell’annuncio a Maria dell’Incarnazione. In essa vi è l’esegesi del testo della promessa.
Dopo un lungo tempo di silenzio in cui, come appare anche dal Sal 89, vi è come una delusione perché il patto con la casa di Davide si è rotto, ora esso riappare nelle parole dell’Angelo e nella risposta della Figlia di Sion.
Nel concepimento verginale di Gesù, il Figlio di Dio, questa promessa riemerge con la verità di ciò che giunge al suo compimento.
La verginità di Maria è segno che il concepimento e la nascita del Cristo avvengono per rivelare in Lui il nuovo Adamo: Maria è la terra vergine dalla quale è plasmato il nuovo e vero Adamo.
Come Adamo fu plasmato direttamente da Dio, così in modo ancora più mirabile è plasmato il Cristo senza concorso dell’uomo.
Come la terra fu la madre dell’Adamo terreno, così Maria nella sua verginità è la Madre dell’Adamo celeste.
Maria dice il suo sì all’operazione divina nell’obbedienza della fede, quella stessa che, come ci ha insegnato l’apostolo nella lettera ai romani, deve caratterizzare ogni credente.
Chi, come la vergine, si dichiara schiavo del Signore, è investito dalla potenza deificante dell’amore divino. È il mirabile scambio avvenuto nell’incarnazione, che ciascuno di noi accoglie nella sua esistenza con l’obbedienza di una fede traboccante di amore.

Appendice su 2Samuele 7

L’elemento più importante della storia del re David non è costituito dalle sue imprese, dal suo valore militare o dalla sua chiaroveggenza politica, bensì dalla promessa che egli riceve da Dio. In 2Sam 7 la parola di Dio, con tutta la sua forza creatrice, diventa la vera protagonista della storia. Non è, quindi, esagerato affermare che questo capitolo costituisce il vero centro della storia di David (Alonso Schökel), il culmine teologico di 1 e 2Sam (Lanfranchi) o, addirittura, di tutta la storia deuteronomistica (Birch).

1. Introduzione

A prima vista 2Sam 7 si presenta come una continuazione logica di 2Sam 6. Dopo aver trasportato l’arca a Gerusalemme, David comincia a preoccuparsi del luogo in cui fissarne la dimora. A questo si aggiunge la sterilità di sua moglie Mikal. Essendo la prima moglie del re, avrebbe dovuto dargli il primogenito, erede del trono e delle future promesse messianiche. Quindi, il «tempio» (la casa di Jhwh) e la «dinastia» (la casa di David) sono i due temi centrali del capitolo che si intrecciano in maniera piuttosto intricata, tortuosa secondo alcuni.
Dal punto di vista letterario è da notare il gioco di parole che coinvolge i diversi significati della parola «casa» (in ebraico, bayit). Dipendendo dal contesto, bayit può significare casa, dimora, palazzo, tempio, famiglia, casato, discendenza o dinastia. Nel v. 5 David intende costruire una «casa» (tempio) al Signore. Nei vv. 11-12 il Signore promette a David di dare la stabilità alla sua «casa» (discendenza). Nel v. 13 Salomone avrà il permesso di edificare una «casa» (cioè un tempio) al nome del Signore. Nel v. 16 è rinnovata la promessa divina riguardo alla «casa» (dinastia) di David. Nei vv. 18.19.25.26.27.29 David risponde al Signore per la promessa fatta alla sua «casa» (casato, dinastia). A questo sono da aggiungere altre espressioni importanti che si ripetono nel testo: «trono-regno» (vv. 12-16), «per sempre» (vv. 13.16.14.15.16.19), «servo» (vv. 5.8.19.20.21.25.26.27.28.29).
Per quanto riguarda la struttura del brano, 2Sam 7 si sdoppia in due parti ben delimitate: la profezia di Natan (vv. 1-17) e la preghiera di David (vv. 18-29).

2. La profezia di Natan (2Sam 7,1-17)

La profezia di Natan o la magna charta della monarchia e della dinastia davidica , è introdotta da tre versetti che presentano le circostanze in cui si svolge la promessa divina. Per la prima volta nella sua carriera David può godersi un po’ di riposo. I nemici sono spariti e i due regni (Israele e Giuda) da lui governati sono, almeno per il momento, in situazione di pace (v. 1). Seduto nella «casa di cedro» che il re di Tiro gli fece costruire (5,11), David pensa che non è giusto vivere in mezzo al lusso mentre il suo Dio «sta sotto una tenda», cioè non ha una dimora stabile. Benché non sia detto esplicitamente nel testo, si capisce che il re voleva costruire un tempio per il Signore suo Dio (v. 2). David confida la sua idea a Natan, profeta e membro influente nella corte (questa è la sua prima apparizione nella storia). La prima reazione di Natan alle parole del re è positiva, anzi entusiasta. Infatti, egli incoraggia David a mettere in pratica il suo progetto: «Va’, fa quanto hai in mente di fare» e lo benedice con la formula deuteronomistica: «Il Signore è con te» (v. 3).
Natan però ha parlato troppo in fretta, perché in quella stessa notte, probabilmente per mezzo di un sogno, il Signore gli rivela la sua parola e una doppia missione da compiere: «Va’ e riferisci al mio servo David» (cf. Is 6,9; Ger 1,7). Il messaggio incomincia con la tradizionale formula profetica: «Così dice il Signore» (v. 5). Il Signore rifiuta apertamente l’idea di David di costruirgli un tempio considerandola una grave offesa. Quando mai si è visto che un servo debba prendersi cura della dimora del suo padrone! David non è colui che deve costruire una casa per il Signore (cf., per contrasto, il v. 13a). Il Signore non ha mai voluto una casa e non ha mai avuto bisogno di essa sin dall’uscita dall’Egitto (v. 6). Per lunghi anni egli è vissuto in una tenda che si spostava continuamente da un luogo all’altro e mai ha chiesto alle guide di Israele di costruirgli una «casa di cedro» (v. 7).
A questo punto l’oracolo divino annunzia che qualcosa sta per cambiare. Il Signore ricorda tutti i favori concessi a David nel passato (specialmente quando lo prese dai greggi per destinarlo a una grande missione, cf. 1Sam 16 e Sal 78,80) e anticipa quelli che il re riceverà nel futuro. Di conseguenza, il fatto che il Signore abbia rifiutato la proposta di David non significa che abbia ritirato da lui il suo favore. Il Signore è stato sempre accanto a David e così sarà anche nel futuro. Questa fedeltà incondizionata da parte del Signore verso il suo servo è sottolineata, in maniera molto bilanciata, da tre azioni riferite al passato: «Io ti presi dai pascoli» (v. 8); «Sono stato con te dovunque sei andato» (v. 9a); «Ho distrutto davanti a te tutti i tuoi nemici» (v. 9b); e da altre tre riferite al futuro: «Renderò il tuo nome grande» (v. 9b); «Fisserò un luogo a Israele mio popolo» (v. 10); «Gli darò riposo liberandolo da tutti i suoi nemici» (v. 11).
Nel v. 11b incomincia una nuova sezione della promessa divina: «Inoltre il Signore ti annunzia che stabilirà una casa [dinastia] per te». Questa dichiarazione (non in prima, ma in terza persona singolare) indica il centro teologico e letterario dell’oracolo. All’inizio il Signore si era opposto con fermezza al progetto di David: David non poteva assolutamente costruire una casa per il suo Signore, perché questa impresa era riservata a un altro. Adesso il Signore annuncia – con fine ironia – che egli stesso costruirà una casa per David. Giocando con i significati del termine ebraico bayit, possiamo dire che il Signore rifiuta il «tempio» e promette la «dinastia». Il favore divino verso David, dunque, si stende anche alla sua discendenza.
La conseguenza immediata di questa promessa ricade su Salomone, il figlio di David e suo immediato successore nel trono (v. 12). Salomone, il cui nome non è menzionato nella storia, sarà colui che, dice il Signore, «edificherà una casa al mio nome» (v. 13a). Questa promessa però non si ferma a Salomone. Va oltre e lascia intravedere l’apparizione di un discendente ideale che porterà a compimento tutte le aspirazioni della dinastia davidica (Is 7,10-25; 9,1-6; 11,1-9; Mi 4,14; cf. Lc 1,31-33). La promessa del Signore sarà una promessa per sempre (‘ad ‘ôlam). Abigail aveva già predetto una «casa duratura» per David (1Sam 25,28) e adesso il Signore promette una «dinastia eterna» per la casa di Israele: «Io renderò stabile per sempre il trono del suo regno» (v. 13b).
Questa promessa stabilisce un rapporto intimo tra Dio e il re: «Io gli sarò padre ed egli mi sarà figlio» (cf. Sal 2,7; 89,26-27). Per di più, questo rapporto sarà senza condizioni. Può darsi che il re trasgredisca l’alleanza. In questo caso, Dio lo castigherà duramente «con verga d’uomo e con colpi che danno i figli d’uomo» (v. 14), però la sua disubbidienza non potrà mai far cessare il favore divino. Se questo è accaduto con Saul (il Signore stesso lo depose dal trono, cf. 1Sam 13,14; 15,28), non potrà mai accadere con David e la sua dinastia: «La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a me e il tuo trono sarà reso stabile per sempre» (v. 16). Lo stesso David qualifica questa promessa divina come un patto di alleanza (2Sam 23,5). In linea con quella di Abramo (Gn 15), l’alleanza davidica sarà un’àncora di salvezza che servirà a mantenere alto il morale del popolo e fargli vivere la sua speranza nei momenti difficili. Finché la «lampada di David» continui a brillare, ci sarà speranza (1Re 11,36; 15,4; 2Re 8,19). Infine, il v. 17 conferma che il profeta Natan ha effettivamente riferito a David quanto il Signore gli ha detto.

3. La preghiera di David (2Sam 7,18-29)

David risponde all’oracolo di Natan con una preghiera piuttosto formale che alcuni hanno paragonato al cantico di Anna e al salmo di 2Sam 22. È probabile che questa preghiera abbia avuto origine dai testi liturgici che si utilizzavano nelle feste e nelle celebrazioni regali (cf. la festa dell’intronizzazione), negli oracoli o nei dialoghi liturgici che si scambiavano il sacerdote e il re in alcune cerimonie cultuali.
Dal punto di vista tematico, la preghiera è completamente dominata dalla preoccupazione per la dinastia. Sorprende il fatto che il tempio non venga più menzionato, il che significa che la costruzione della casa di Jhwh è stata giudicata dall’autore meno importante della persona ad essa collegata.
Quanto alla struttura, la preghiera si articola in tre parti: all’inizio David mostra un atteggiamento umile e riverente verso il Signore (vv. 18-21), poi ringrazia il Signore per aver scelto Israele come suo popolo prediletto (vv. 22-24) e, infine, supplica insistentemente il Signore, affinché si degni di confermare la promessa dinastica. Secondo Brueggemann, le tre parti appena accennate potrebbero riassumersi sotto i titoli seguenti: «deferenza», «dossologia» (lode) e «supplica». La preghiera si conclude con due domande che David rivolge al Signore: «La parola che hai pronunciato riguardo al tuo servo e alla sua casa, confermala per sempre e fa’ come hai detto» (v. 25) e un po’ più avanti: «Degnati dunque di benedire ora la casa del tuo servo» (v. 29).

a) Deferenza (vv. 18-21). David inizia la sua preghiera con una formula di cortesia che di solito si usa per rivolgersi ai superiori: «Chi sono io, Signore Dio...», e poi continua con lo stesso tono di umile sottomissione (v. 18). David chiama se stesso con il titolo di «servo» (‘ebed) che equivale a vassallo, sottomesso al sovrano, e si rivolge a Dio quattro volte con l’espressione «Signore Dio» (vv. 18-20). David riconosce che i favori ricevuti da Dio non riguardano soltanto la sua persona, ma anche la sua dinastia. Il fatto che la dinastia davidica regni sul trono d’Israele «per un lontano avvenire» (per sempre) diventa, secondo David, «una legge per l’uomo», cioè una legge uscita dalle mani di Dio, una decisione stabile. Tutto quello che David, pur senza meritarlo, gratuitamente ha ricevuto è dovuto alla parola e alla volontà di Dio (v. 21).

b) Dossologia (vv. 22-24). Questi versetti, considerati dagli studiosi come un’antologia di motivi deuteronomistici, sono interamente dedicati alla lode di Dio. In questo canto di lode l’accento cade sulla incomparabile magnificenza di Dio: «Nessuno è come te e non vi è altro Dio fuori dei te» (v. 22), la quale si manifesta nel destino privilegiato di Israele sugli altri popoli (v. 23). La dossologia conclude con una versione dell’antica formula di alleanza con cui Israele diventò il popolo di Jhwh e Jhwh divenne il Dio di Israele: «Io sarò il loro Dio ed essi saranno mio popolo» (Es 6,7; Lv 26,12; Ez 11,20; 37,27; Os 2,23). In questo modo, la lode di Dio rimane strettamente legata al futuro della dinastia davidica come sottolinea l’espressione «per sempre» riferita all’alleanza col popolo: «Tu hai stabilito il tuo popolo Israele perché fosse tuo popolo per sempre; tu Signore sei divenuto suo Dio» (v. 24).

c) Supplica (vv. 25-29). L’ultima parte della preghiera è segnata dalla espressione «e ora» (we’attâ). Questo avverbio, frequente nei trattati di alleanza per indicare il passaggio da un ricordo del passato a un’azione presente, generalmente veniva utilizzato dalla parte più forte per chiedere un impegno concreto alla parte più debole. Nel nostro testo questo avverbio appare per ben tre volte (vv. 25.28.29) nelle labbra di David, il che conferisce alla preghiera un tono tremendamente audace: niente di meno, il re esige che Dio stesso sia fedele al patto stabilito.
Dopo aver ricordato a Dio le sue proprie parole (l’oracolo di Natan), David gli chiede di confermarle «per sempre» (v. 25). Se nel v. 24 il «per sempre» era riferito al popolo di Dio, adesso esso si applica alla promessa dinastica fatta a David. Nel v. 26 David menziona la glorificazione del nome di Dio e nel v. 27 egli ripete e conferma la promessa centrale dell’oracolo divino: «Io ti edificherò una casa». Secondo David, il ricordo di questa promessa gli ha dato il coraggio di rivolgersi a Dio. David riconosce che il Signore è Dio e che le sue parole sono verità, però poi, con molta audacia, collega la verità divina con «questo bene [promesso] al tuo servo» (v. 28). Il discorso di David lascia intendere che quello che in realtà sta in gioco è la veracità della parola di Dio. Prima di concludere la preghiera, David chiede una benedizione del Signore (v. 29). A questo punto è logico pensare che il re si mostri troppo esigente verso Dio. Non soddisfatto con la promessa dinastica, egli vuole assicurare la continuità della promessa (il «per sempre» si ripete qui due volte). L’audace richiesta non è altro che una conferma del «bene» che il Signore ha, sin dall’inizio, versato su David. David, dunque, desidera che la promessa dinastica si prolunghi eternamente. Facendo nostre le parole di Birch, «la preghiera, iniziata con grande deferenza, finisce con una spregiudicata richiesta».

4. A modo di conclusione

Nell’insieme della storia deuteronomistica il testo di 2Sam 7 costituisce il capitolo culminante che dà senso a tutta l’opera. Da una parte, nella storia deuteronomistica, la profezia di Natan rappresenta il «vangelo», la buona novella, che mantiene viva la speranza del popolo anche nei momenti più critici, come la distruzione di Gerusalemme e l’esilio a Babilonia. Dall’altra parte, la preghiera di David, alquanto ardita, rappresenta la preghiera di Israele: una preghiera sincera, senza scrupoli, una preghiera che lascia scoperti i sentimenti più nascosti dell’essere umano. In fin dei conti, la supplica di David sarà ascoltata e Dio sarà sempre fedele alla sua promessa, perché, come dice il salmista, «la fedeltà del Signore dura per sempre».


SCHEDA
Annuncio della nascita di Gesù (1,26-38)
La prima considerazione riguarda il contrasto fra la situazione e l’annuncio a Maria e la situazione e l’annuncio a Zaccaria. Sottoli- neo tre elementi:
• primo elemento: con Zaccaria l’autore ci porta ai centro delle istituzioni, nel Tempio di Gerusalemme; con Maria invece ci conduce a Nazaret, città sconosciuta e poco considerata, piuttosto malvista;
• secondo elemento o secondo aspetto della situazione: protagonista del primo annuncio è una donna. Non si tratta di un aspetto secondario, in un contesto che non le riconosceva grande rilievo. Luca ribadirà continuamente, lungo tutto il suo tragitto, quanto la donna venga considerata nell’azione divina;
• terzo elemento: non siamo nel Tempio, ma in una casa, dove la donna, soprattutto, lavora. Siamo nella quotidiana laicità del mondo e ciò è sottolineato anche da un altro fattore: Maria non è figlia di un sacerdote, non appartiene a una famiglia sacerdotale. È una laica, è una «partenos», una ragazza anzitutto. Il termine non designa qui tanto l’aspetto della verginità, ma sottolinea il dato che Maria ancora non vive con l’uomo a cui è stata data in sposa. Maria non possiede alcun titolo, non appartiene alla famiglia di Aronne, come invece Elisabetta, non appartiene alla discendenza davidica, è una laica.

Seconda considerazione. Sottolineo quattro elementi:
• primo elemento: il saluto dell’angelo al v. 28 chaire kecharitōmenē mette l’accento non tanto sull’identità di Maria, quanto piuttosto sull’opera che Dio fa in lei.
Il senso di questo kecharitōmenē non è tanto la pienezza di grazia di Maria, - anche questo, come effetto però dell’azione divina - ma l’azione di Dio, che ha trasformato Maria con la sua charis e ne ha fatto una «gratia piena». Ancora una volta è l’opera di Dio a essere messa in rapporto con l’uomo;
• secondo elemento: i padri della Chiesa hanno giocato molto sulla radice koilìa, che significa «ventre», e koilòn, che indica il «cielo»: è il cielo che entra nel grembo di Maria e lo feconda. Dio opera riempiendo di grazia Maria;
• terzo elemento: è costituito dai vv. 30-33 che mettono in evidenza l’evento: 30. Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33. e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine.
Il testo, anche se non in modo così esplicito come nel Vangelo di Matteo, richiama Is 7,14, che contiene l’annuncio della nascita dell’Emmanuele. Inoltre, c’è un chiaro riferimento a 2Sam 7, passo messianico per eccellenza, con la promessa fatta a Davide.
Dunque il figlio che nascerà da Maria non sarà come Giovanni. Egli sarà grande, sarà Figlio dell’Altissimo, un parallelo da tenere presente;
• quarto elemento: la domanda di Maria. Non è articolata sulla base di «che cosa», come in quella di Zaccaria, ma sul «come» (pōs); Maria non dubita, ma chiede, interroga.
È una ragazza che domanda e che, trasformata dalla charis di Dio, si rende disponibile al suo progetto. Infatti il racconto si conclude con Maria che dice: «Ecco la serva del Signore». In genere s’interpreta questa risposta come una confessione di umiltà, ma il termine ebraico sottostante non suffraga questa interpretazione. «Servo», «ebed» in ebraico, designa chi è rivestito di un compito: «ebed adonai» è certamente Abramo; anche Geremia viene chiamato servo di Dio, e così il servo descritto nei canti di Isaia. Allora «Io sono la serva (greco: doùlē) del Signore» significa «Io accetto, mi rendo disponibile a entrare in questo misterioso piano di Dio, in questo mistero del progetto divino».
Maria, dunque, non dubita, ma chiede e dopo aver chiesto e aver ottenuto e ascoltato la Parola, offre la sua disponibilità.

domeniche precedenti

 

NATALE - MESSA DELLA NOTTE 2014

Ave Maria, umile Ancella del Signore.
La Parola viva ed efficace in te è penetrata
e da te ha assunto la nostra natura mortale.
Ave, o Piena di grazia, il Signore è con te.

PRIMA LETTURA Is 9,1-6

Dal libro del profeta Isaia

Questa pericope conclude una sezione (7,1-9,6) consacrata alla difficile situazione contemporanea. A causa della stolta politica del re Acaz e di tutta la Casa di Davide, il piccolo regno di Giuda sarà invaso dall’esercito del re di Assiria, ma non al punto da scomparire, perché il Signore è fedele alle sue promesse riguardo a Gerusalemme e alla discendenza davidica.
La sezione è attraversata dalla nascita di tre bimbi: l’Emmanuele, Mahèr-salàl-cash-baz (Presto saccheggia, lesto depreda) e infine il rampollo della stirpe regale.
La sua nascita dà origine al riscatto del popolo dalla dura schiavitù dell’oppressore.
La lettura messianica si evidenzia soprattutto nei quattro titoli del Bimbo regale che non sono recepiti né dalla Settanta e neppure dall’esegesi ebraica, che attribuisce al Messia solo il primo titolo «Consigliere ammirabile» mentre attribuisce gli altri tre a Dio.
Per la Settanta valga questa osservazione di d. G. Dossetti: «Mi pare che non sia senza senso il fatto che la traduzione greca dei Settanta non abbia avuto il coraggio di conservare questi titoli e li ha abbreviati, riducendoli a uno solo: «Angelo del gran consiglio». Non c’è «Padre per sempre» e non c’è «Dio forte». Hanno avuto un po’ di pudore, forse hanno pensato che poteva fare sospettare di politeismo chiamare un bimbo «Dio forte» (Omelie del tempo di Natale, p. 36).
Le varianti tra la versione CEI e il testo ebraico sono evidenziate nel commento.

9,1 Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
Lett.: Il popolo, quelli che camminavano nelle tenebre videro una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse.

Il popolo, quelli che camminavano nelle tenebre; le tenebre appartengono al caos iniziale (cfr. Gn 1,3) e rappresentano una grande tribolazione; camminare in esse significa non saper dove andare e vivere senza speranza di uscirne (cfr. 1 Gv 2,11: chi odia suo fratello è nelle tenebre, cammina nelle tenebre e non sa dove va, perché le tenebre hanno accecato i suoi occhi).
Il passaggio dal singolare al plurale (camminavano … videro) mostra come la Scrittura non veda il popolo come una massa informe e senza volto ma al contrario come formato da singoli che all’interno del popolo fanno l’esperienza, prima delle tenebre e poi della luce.
Al popolo appare improvvisa la grande luce. Con questa immagine è espressa la redenzione. La luce è, infatti, parte integrante della Gloria del Signore al punto da essere una definizione stessa di Dio (cfr. 1Gv 1,5: Questo è il messaggio che abbiamo udito da lui e che ora vi annunziamo: Dio è luce e in lui non ci sono tenebre).
Nel Sal 112,4 si dice: Spunta nelle tenebre come luce per i giusti, buono, misericordioso e giusto. Dio è la luce dei redenti e con la sua presenza tutto si trasforma in luce. Il salmista, che vorrebbe essere avvolto dalle tenebre, esclama: Se dico: «Almeno l’oscurità mi copra e intorno a me sia la notte»; nemmeno le tenebre per te sono oscure, e la notte è chiara come il giorno; per te le tenebre sono come luce (Sal 139,11-12). Anche alla legge è attribuito il dono di essere luce: il comando è una lampada e l’insegnamento una luce (Prov 6,23).
Immersi in una tenebra priva di speranza, all’improvviso essi vedono la grande luce, che emana da Dio e che illumina le loro menti: questa luce è la Parola, che prima essi avevano disprezzata e che ora accolgono. Questa Parola si è mostrata vera nel Bimbo regale.
Questa è la luce piena che non può più essere definita tenebre (cfr. 5,20: cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre).
Non solo a quanti camminavano nelle tenebre ma anche a coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Essi vi abitavano senza speranza, non cercavano di fuggire lontano dalle tenebre ma vi avevano stabile dimora e quindi non si aspettavano la luce.
La terra tenebrosa è probabilmente il soggiorno dei morti. Anche in questa regione di morte giunge la luce della redenzione. Il ministero del Cristo non si ferma solo a coloro che camminano sulla terra ma anche a coloro che abitano nello Sheol privi completamente della luce (cfr. 1 Pt 3,18-19: E in spirito andò ad annunziare la salvezza anche agli spiriti che attendevano in prigione).

2 Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si esulta quando si divide la preda.
Lett.: Hai moltiplicato la gente, hai aumentato la gioia. Gioiscono davanti a te come si gioisce quando si miete e come si gioisce quando si spartisce la preda

Hai moltiplicato la gente; nonostante che camminasse nelle tenebre e fosse già come morta, il Signore ha moltiplicato la gente e le ha aumentato la gioia. Come accadde in Egitto che il popolo cresceva e dopo l’oppressione fu liberato e per la gioia cantò il canto di Mosè, così accade ora. Il Signore ha ricolmato il suo popolo di una gioia così grande da fargli dimenticare la sofferenza precedente. Infatti è la stessa gioia di chi miete, come è detto nel salmo 126,5: Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo. È la stessa gioia di chi divide il bottino del nemico sconfitto, come è detto nel salmo 119,162: Io gioisco per la tua promessa, come uno che trova una grande preda. La gioia è propria di chi ha vinto il nemico che finora li aveva dominati, come dice il Signore: «Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, tutti i suoi beni stanno al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via l’armatura nella quale confidava e ne distribuisce il bottino» (Lc 11,21-22).

3 Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,
la sbarra sulle sue spalle,
e il bastone del suo aguzzino,
come nel giorno di Màdian.
Lett.: Poiché il giogo che gli pesava e la sbarra sulle sue spalle, il bastone del suo aguzzino tu hai spezzato come nel giorno di Madian.

Giogo e sbarra indicano schiavitù e lavori pesanti sotto la sorveglianza dell’aguzzino facile a colpire. Il Signore ha spezzato questo giogo di oppressione, come fece nella schiavitù egiziana (cfr. Es 5,14: Bastonarono gli scribi degli Israeliti, quelli che i sorveglianti del faraone avevano costituiti loro capi). Il popolo era ridotto al rango di bestie da lavoro e di schiavi su cui l’oppressore gravava con la sua autorità espressa nei termini sbarra (lett.: verga) e bastone. Il profeta ricorda la liberazione che il popolo ottenne al tempo di Gedeone (Gdc 7-8), celebrata anche nei salmi (cfr. Sal 83).

4 Perché ogni calzatura di soldato che marciava rimbombando
e ogni mantello intriso di sangue
saranno bruciati, dati in pasto al fuoco.
Lett.: Poiché ogni calzatura di chi calza con fracasso e ogni vestito insozzato di sangue saranno bruciati, esca del fuoco.

L’esercito oppressore è visto nell’angolatura del fracasso delle sue calzature e i vestiti insozzati di sangue stanno a indicare le molte stragi compiute.
Ma questo esercito sarà ridotto all’impotenza e calzature e vesti inutilizzabili saranno bruciati, esca del fuoco; invece forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell’arte della guerra (2,4).
La profezia volge lo sguardo a questa visione di pace verso la quale converge tutta l’umanità, l’insieme di tutti i popoli).

5 Perché un bambino è nato per noi,
ci è stato dato un figlio.
Sulle sue spalle è il potere
e il suo nome sarà:
Consigliere mirabile, Dio potente,
Padre per sempre, Principe della pace.
Lett.: Poiché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il principato ed è chiamato: Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace;

Egli non ha un nome proprio perché egli emerge dal mistero di Dio e nello stesso tempo è figlio del suo popolo.
Invano lo si può far coincidere con un personaggio storico, quale ad esempio Ezechia, perché egli ha appellativi divini.
Nell’Emmanuele era annunciato il suo concepimento verginale, qui è indicata la sua nascita nel tempo.
Perché il profeta usa il passato? Perché nella profezia gli avvenimenti sono visti nel loro adempimento e il profeta annuncia la redenzione come già in atto e quindi l’evento centrale di essa è salutato come presente.
È anche vero che la nascita del Bimbo regale può trovare sue parziali realizzazioni in attesa del suo pieno rivelarsi.
Il Bimbo ha sulle sue spalle il principato davidico e quindi messianico, perciò egli è in grado di rompere il giogo che pesa sul popolo e la sbarra che è sulle sue spalle (v. 3).
Egli è chiamato: Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace.
Questi sono i quattro appellativi con cui il Bimbo è chiamato e che ne rivelano l’intima natura.
Consigliere ammirabile. In lui il consiglio desta meraviglie perché il Figlio da sé non può fare nulla se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa (Gv 5,19). In Lui abbiamo la rivelazione del Padre e la sua manifestazione di potenza, come dice poco oltre: «Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati» (ivi,20).
Dio valoroso, In Lui si manifesta la stessa forza di Dio nel salvare il suo popolo. Il suo nome infatti è Gesù, che significa Dio salva. Ed Egli stesso si paragona al più forte che strappa la preda al forte (cfr. Lc 11,21-22).
Padre per sempre. Il Messia è padre dei piccoli e dei deboli per sempre; Egli non li abbandona mai. Infatti durante la cena Gesù chiama i suoi discepoli figliolini (Gv 13,33; 21,5).
Principe della pace. Il suo regno porterà la pace al suo popolo, come subito dice. Questa è la pace che Gesù comunica a coloro che accettano la regalità di Dio su di loro, come più volte Egli dice (cfr. Gv 14,27: Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore).

6 Grande sarà il suo potere
e la pace non avrà fine
sul trono di Davide e sul suo regno,
che egli viene a consolidare e rafforzare
con il diritto e la giustizia, ora e per sempre.
Questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.
Lett.: grande diverrà il suo principato e la pace non avrà fine sul trono di Davide e sul suo regno, che egli viene a consolidare e rafforzare con il giudizio e la giustizia, ora e sempre; questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.

Essendo il principe della pace il suo principato si farà sempre più esteso e la pace non avrà fine. Il suo regno quindi non sarà soggetto alla variazione delle guerre, alla diminuzione del potere ma al contrario esso sempre più si affermerà secondo le parole dell’angelo alla vergine Maria: «il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine» (Lc 1,32-33). L’apostolo commenta: Bisogna infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L’ultimo nemico ad essere annientato sarà la morte, perché ogni cosa ha posto sotto i suoi piedi (1 Cor 15,25-27).
Il Cristo regna sul trono di Davide e sul suo regno. Vi è la continuità e vi è la novità. Egli è nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, è costituito Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santificazione mediante la risurrezione dai morti (Rm 1,3-4). Egli regna quindi su Israele; Egli è Gesù il Nazoreo, il re dei giudei (Gv 19,19) e da Israele il suo regno si estende su tutti i popoli (cfr. At 1,8).
Il suo regno si consolida e si rafforza non attraverso le armi ma con il giudizio e la giustizia. Il re messia esercita il giudizio con giustizia come dirà in seguito e in questo vi è un ricordo di Davide (cfr. 2 Sam 8,15: Davide regnò su tutto Israele e pronunziava giudizi e faceva giustizia a tutto il suo popolo).
Dalla nascita del Bimbo tutto è cambiato: il diritto e la giustizia hanno il sopravvento fino a giungere alla pienezza nella manifestazione gloriosa del Cristo.
Tutto questo è opera dello zelo del Signore degli eserciti. Nonostante l’infedeltà del suo popolo, il Signore è mosso da gelosia, che in Lui arde come fuoco puro (cfr. Gio 2,18; Zac 1,14). Questo è il fuoco che il Signore Gesù è venuto a portare sulla terra e che vuole sia acceso (cfr. Lc 12,49).

Nota

Il bimbo e figlio è presentato con titoli divini «Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace». In questi titoli si condensa la sua origine divina e nello stesso tempo umana, la sua missione e quindi egli solo sarà in grado di portare la pace promessa come frutto della giustizia.
Gesù, il Cristo e Figlio di Dio, esprime perfettamente in sé questi titoli in parte divini e in parte messianici. Noi non abbiamo bisogno di spartirli tra Dio e il suo Cristo – come fa l’esegesi ebraica -, ma possiamo tutti attribuirli al Cristo, come insegna s. Giustino:
«Prima di essere crocifisso proclamò infatti: Il figlio dell’uomo deve molto soffrire ed essere riprovato dagli scribi e dai farisei, essere crocifisso e risorgere il terzo giorno (Mc 8,31; cfr. Mt 16,21). E Davide ha annunciato che egli sarebbe stato generato dal grembo prima del sole e della luna (Sal 110,3 + 72,5.17) secondo il volere del Padre, ed ha manifestato che, in quanto Cristo, e Dio potente (cfr. Is 9,5) è degno di adorazione (cfr. Sal 45,13; 72,11)».


SALMO RESPONSORIALE Sal 95

Per l’orante biblico la natura è come una pergamena distesa tra cielo e terra e reca scritto un messaggio del suo Creatore, il Salmo appartiene al genere dei “cantici del Signore re”, a causa della tipica acclamazione rituale il Signore regna! (v. 10). Questo Salmo si presenta come cantico nuovo: una novità non cronologica ma escatologica, infatti, l’orante contempla nella lode il destino futuro e universale della storia umana, i tradizionali “cieli nuovi e terre nuove” del regno perfetto di Dio. In questo senso il cantico si definisce “nuovo”. La strofa che esprime il tono di questo “canto nuovo” e gioioso è quella centrale: Dite tra i popoli... Gioiscano i cieli esulti la terra (vv. 10-13). All’annunzio dell’avvento di YHWH, re e giudice, pronto a “governare” e a “giudicare”, tutto il mondo esplode in un canto corale e in una danza cosmica. Attori di questo concerto sono le tre componenti verticali (cieli, terra, mare-Sheol) e, a livello orizzontale, le due regioni specificate dall’uomo, creatura centrale della terra, cioè la campagna coltivata e le foreste con la loro vegetazione impenetrabile e selvaggia. Ma l’uomo deve associarsi a questo inno universale con la sua professione di fede contro gli dèi idolatri delle nazioni. L’orante è convinto che sta per sorgere un’èra in cui Dio prenderà in mano la storia e farà sì che i giusti possano partecipare in pienezza alla gioia escatologica, per cantare in eterno il “cantico nuovo” dei salvati.

R/. Oggi è nato per noi il Salvatore.

Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
Cantate al Signore, benedite il suo nome. R/.

Annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.
In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
a tutti i popoli dite le sue meraviglie. R/.

Gioiscano i cieli, esulti la terra,
risuoni il mare e quanto racchiude;
sia in festa la campagna e quanto contiene,
acclamino tutti gli alberi della foresta. R/.

Davanti al Signore che viene:
sì, egli viene a giudicare la terra;
giudicherà il mondo con giustizia
e nella sua fedeltà i popoli. R/.


SECONDA LETTURA Tt 2,11-14

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Tito

Figlio mio, 11 è apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini

È apparsa infatti, il testo si collega al precedente e ne dà la motivazione: tutti coloro che sono nella Chiesa sono chiamati a vivere così perché è apparsa la grazia di Dio (Girolamo).
È apparsa, come è detto: per illuminare quelli che sono nella tenebra e nell’ombra di morte (Lc 1,79) e altrove: il popolo che cammina nelle tenebre vide una grande luce (Mt 4,16)
La grazia di Dio è apparsa in Cristo, pieno di grazia e di verità (Gv 1,14), e quindi è apportatrice di salvezza perché Gesù è il nostro salvatore, dalla cui pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia.
Gesù è ora presente in mezzo a noi nella sua grazia che dona salvezza. Egli si fa presente a tutti gli uomini perché è la luce che illumina ogni uomo (Gv 1,9). Ognuno, secondo il suo proprio è illuminato dalla luce del Verbo e incontra la grazia del Cristo.

12 e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà,

C’insegna, quello che, nell’AT, è compito della Legge, nel N.T lo è della grazia: la Legge forma dall’esterno, la grazia educa e istruisce dall’interno, per questo è chiamata salvatrice.
A rinnegare, come c’insegna il Signore: «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua» (Mt 16,24).
L’empietà è l’idolatria, che c’impedisce di credere in Dio.
I desideri mondani sono elencati in 1 Gv 2,16: La concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita.
sobriamente verso noi stessi
giustamente verso gli altri
piamente verso Dio (s. Bernardo).

13 nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo.

Essa è pure grazia che ci fa attendere la manifestazione del Signore.
La beata speranza, è la beatitudine sperata. La speranza infatti è ora nell’attesa e giunge al suo compimento nella beatitudine.
Così preghiamo durante l’Eucaristia: nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo.
La beata speranza ha come oggetto la manifestazione della gloria (ora si manifesta la grazia) del grande Dio e Salvatore nostro Gesù Cristo.
Egli si manifesta come il grande Dio, il Dio degli dei, davanti al quale si prostrano tutte le potenze spirituali, come è scritto: e lo adorino tutti gli dei (Sal 96,7).
Per noi Egli è il salvatore, per cui lo attendiamo con gioia.

14 Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone.

Questa beata speranza è in noi perché Cristo ha dato se stesso per noi; Egli ci ha tanto amato che ha dato se stesso, come Egli stesso dice: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15,13).
Egli consegnò se stesso accettando liberamente la volontà del Padre per noi (cfr Gv 3,16).
per riscattarci dalla schiavitù del peccato, della morte e del diavolo.
da ogni iniquità, ciò che è contrario alla Legge: infatti non potevamo osservare la Legge a causa delle nostre passioni, della legge del peccato che è nelle nostre membra (cfr. Rm 7,23).
puro che gli appartenga, cioè eletto cfr. Es 19,15: caratteristica dell’alleanza.
zelante, bramoso di fare le opere buone cfr. v. 7.

Nota.

Il primo testo della lettera a Tito è nel contesto dell’insegnamento sul modo di comportarsi delle singole categorie ecclesiali.
In queste si è infatti manifestata a tutti gli uomini la grazia salvatrice di Dio. Il battesimo è la manifestazione di questa grazia salvatrice, che diventa un invito a tutti gli uomini ad accoglierla.
Infatti è proprio del battesimo rinnegare l’empietà e le bramosie mondane.
L’empietà è propria di chi disprezza Dio ed è arrogante nei suoi confronti. Il termine è greco e sta ad indicare la mancata venerazione verso la divinità. Questa è accompagnata dall’arroganza e dalla sfida a Dio.
Le bramosie mondane sono il morboso attaccamento alle creature elevate al rango divino oppure sfruttate per il proprio piacere. Cfr. 1 Gv . La grazia battesimale trasforma questa situazione d’ira e di bramosia in un vivere prudente, giusto e pio.
La prudenza implica un comportamento sapiente nelle scelte, nella parola e nel comportamento.
La giustizia è l’effetto del battesimo ed implica una rottura con la vita precedente al battesimo.
La pietà è l’abbandono di quel comportamento violento contro Dio per sottometterci a Lui e per temerlo.
In che modo si vive questo? l’apostolo lo insegna immediatamente: attendendo la beata speranza e la manifestazione del grande Dio e salvatore Gesù Cristo (v. 13). Solo questa tensione verso la manifestazione di Gesù può distaccarci dal mondo e dalle sue bramosie. Gesù è il grande Dio, il salvatore e il Cristo: il riconoscerlo tale fa parte della nostra fede battesimale.
Essere battezzati è entrare nel respiro dell’attesa ed è sollecitare questa manifestazione della gloria di Dio e il compimento della salvezza.
La redenzione è ricordata al v. 14 come dono di se stesso e come riscatto da ogni trasgressione della legge per diventare il popolo suo proprio zelante per le opere buone.
Ci si può fare due domande:
Quale relazione ha questo testo con la nostra vita cristiana e come lettura natalizia come deve essere letto.
Il nostro battesimo rimane un po’ in ombra perché siamo più colpiti da quei sacramenti in cui abbiamo partecipato con consapevolezza.
Anche se fossimo stati battezzati da adulti, la nostra rigenerazione è oltre la nostra stessa percezione e si manifesta in noi più con i suoi effetti che nella sua stessa natura.
Il primo effetto del battesimo è quello di rinnegare l’empietà e le bramosie mondane. Il battesimo ci rende capaci di sottrarci da questo dominio perché trasferiti sotto la signoria del Cristo.
Mentre la Legge è diagnosi, l’Evangelo è terapia.
In che modo l’Evangelo cura? Qui s’inserisce il discorso del Natale.
Il Natale è la memoria della manifestazione visibile di Dio entro i confini della natura umana.
Il Figlio di Dio si è racchiuso entro i limiti della nostra esistenza subendo soprattutto il rapporto con la morte per distruggerla. Noi subiamo soprattutto il dominio di questa.
La nascita di Gesù è il suo entrare nella morte per distruggerla, il battesimo è il nostro ingresso nella sua morte perché la nostra morte sia distrutta.
La sua nascita è pertanto il meraviglioso scambio, che si fa sacramento nel nostro battesimo.

CANTO AL VANGELO Lc 2,10-11

R/. Alleluia, alleluia.

Vi annuncio una grande gioia:
oggi è nato per voi un Salvatore, Cristo Signore.

R/. Alleluia.

VANGELO Lc 2,1-14

Dal vangelo secondo Luca

1 In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria.

Il Censimento. Sono nominati l’imperatore e il governatore della Siria. Per la nascita di Giovanni è nominato solo Erode, re della Giudea. Giovanni infatti è inviato solo a Israele, Gesù il Cristo anche a tutte le Genti.
Il nome di Gesù viene scritto nell’elenco degli uomini di tutta la terra perché, Figlio dell’uomo, a tutti porta la salvezza (cfr. Mt 24,14: Sarà predicato questo evangelo del regno in tutta la terra in testimonianza a tutte le genti e allora giungerà la fine).
Sul valore universale del censimento così si esprime Origene: «Era necessario che Cristo fosse censito in quel censimento universale perché, iscritto tra gli altri uomini, santificasse tutti e, menzionato nel registro del censimento con tutto il mondo offrisse la sua comunione e, dopo questo censimento, censisse insieme a sé tutti gli uomini nel Libro dei viventi (Ap 20,15) e chiunque in seguito avesse creduto in Lui venisse iscritto nei cieli».
Con tono più giuridico Ambrogio annota: «Se i consoli si registrano nei documenti di acquisto, quanto più è necessario registrare la data dell’universale riscatto! Qui hai tutti i dati che normalmente si trovano nei contratti: il nome della somma autorità, la data, il luogo, il motivo» (in Lc. n. 33). Inoltre sono contrapposti da una parte Cesare, che qui è Augusto e dall’altra il Cristo, figlio di Davide, il Primogenito tra i re della terra (Sal 89,28). Il ceppo di Iesse ha un virgulto, l’impero romano è un albero che copre tutta la terra (cfr. Dn 4,6-9).
Questa contrapposizione ritornerà durante il processo davanti a Pilato e il popolo sarà chiamato a scegliere (Gv 19,12-16; At 17,7). Ora Gesù appare assoggettato all’autorità romana; non solo si è assoggettato alla legge d’Israele ma anche a quella delle Genti per condurre tutti alla redenzione evangelica.

3 Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.
4 Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide.

Giuseppe sale con Maria sua sposa a Betlemme per adempiere le Scritture. L’Evangelo rivela il vero significato di questo movimento creato dall’imperatore. Nella storia degli uomini si nasconde la storia di Dio come il lievito che, nascosto nella farina, fermenta tutta la pasta (cfr. Lc 13,20s).
Betlemme. Gesù non solo nasce dalla stirpe di Davide ma nella sua stessa città. Le città acquistano la loro impronta dai personaggi che le caratterizzano (Gerusalemme città del gran Re; Ebron, città dell’amico: Abramo). Betlemme è caratterizzata da Davide, come è detto in Gv 7,42: La Scrittura dice che il Cristo verrà dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide. (cfr. Mi 5,1-3). Nasce nel villaggio d’origine perché con lui tutto ricomincia in un modo nuovo per non terminare mai più: Regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno e il suo regno non avrà fine (1,33).
Infatti Egli è colui del quale il profeta, dopo aver detto la sua origine da Betlemme, aggiunge: Le sue origini dal principio, dai giorni eterni e Girolamo commenta: «L’assunzione della carne non impedisce in Lui la divina maestà; dice il Padre: “da me infatti è nato prima di tutti i secoli e colui che ha fondato i tempi non è contenuto nel tempo. Egli è colui al quale in un altro salmo ho detto: Prima della stella del mattino ti ho generato (Ps 109,3). In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio, e Dio era il Verbo (Gv 1,1). Ecco come le sue origini sono dal principio, dai giorni eterni».

5 Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.

Questo appare lo scopo principale della presenza di Giuseppe con la sua sposa incinta a Betlemme. L’avvenimento che segna la pienezza dei tempi (Gal 4,4) è nascosto all’interno di un atto di amministrazione romana.
6 Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto.
7 Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

La nascita di Gesù è a noi annunciata più con il silenzio che con la parola a differenza di quella di Giovanni il precursore. L’evangelo fa accenni rapidi ai luoghi: là, la mangiatoia, la stanza di soggiorno o l’albergo. Dopo un fugace accenno a Giuseppe ricordato con Maria (si trovavano là) tutta l’attenzione è sulla madre: dopo aver partorito il suo figlio, il primogenito, ella compie due gesti: lo avvolse in fasce e lo depose nella mangiatoia. Sembra quasi che l’evangelista metta nell’ombra tutto l’ambiente e illumini solo la madre che tutto compie da sola e infine conduca il nostro sguardo sul bimbo avvolto in fasce che giace in una mangiatoia, come subito dice l’angelo ai pastori; e questo è il segno per loro che il bimbo nato a Betlemme è il Messia (v. 12). La madre compie gesti che hanno valore di segno. Bisogna quindi leggere questi gesti alla luce del segno, cioè come gesti rivelatori di questo Bimbo nato a Betlemme.
I due gesti, che la madre compie, hanno colpito i nostri padri; infatti da nessuno fu aiutata nel parto ed ella da sola lo avvolge in fasce e lo depone nella mangiatoia. Basti per tutti la testimonianza di Girolamo che così scrive nella sua opera Contro Elvidio: «Non ci fu nessuna levatrice, non intervenne nessuna sollecitudine di donicciuole; da sola ella avvolse il bimbo nelle fasce: solo lei fu e madre e levatrice» (8).
Per cogliere il valore di segno i nostri padri hanno fatto ricorso al carattere simbolico. Nel primo gesto, quello di avvolgerlo in fasce, possiamo vedere la sua perfetta umanità, come è testimoniato (cfr. Sap 7,4; Ez 16,4). Egli è davvero uomo pur non cessando di essere Dio. Nell’inizio è già annunciata la fine: altre fasce avvolgeranno il suo corpo deposto dalla croce e come quelle della natività danno testimonianza della sua messianità così quelle del sepolcro daranno testimonianza della sua risurrezione (cfr. Gv 20,26-27).
Riguardo alla mangiatoia essa è percepita come un simbolo del nutrimento che Egli costituisce per Israele (il bue) e le Genti (l’asino) come è scritto: Il bue conosce il proprietario e l’asino la greppia del suo padrone ma Israele non conosce e il mio popolo non comprende (Is 1,3), e in Abacuc: in mezzo ai due animali tu ti manifesterai; quando gli anni saranno vicini, tu sarai conosciuto; quando sarà venuto il tempo tu apparirai (3,2 LXX).
Il Bimbo nel presepe esprime quindi la regalità messianica per un rovesciamento delle prospettive come avverrà sulla croce: nella povertà del presepe e nell’umiliazione della croce Gesù è rivelato come il Cristo. La sua povertà è quindi parte integrante del suo mistero, è (assurdamente per le categorie umane) il luogo in cui Egli si manifesta. Nella prospettiva di Dio tutto è rovesciato e per chi crede tutto appare nella sua verità e benedice Dio.
La motivazione per cui il Bimbo giace nella mangiatoia è la seguente: perché non c’era posto per loro nell’albergo o nella stanza. L’albergo, era il luogo di sosta e quindi non era un luogo conveniente per partorire. Per questo secondo la tradizione accolta fin dai primi secoli, Giuseppe e Maria scelsero una grotta appartata e l’apprestarono in modo conveniente al parto. Giustino nel Dialogo con Trifone scrive: «Poiché Giuseppe non sapeva dove alloggiare in quel villaggio, riparò in una grotta nelle vicinanze. E mentre erano là, Maria diede alla luce il Cristo e lo depose in una mangiatoia» (78,5).
Oggi si propende a tradurre il termine katàlima con stanza (22,11; 1 Sm 9,22) e «può indicare uno spazio in una casa privata destinato ad accogliere e ospitare i forestieri … La casa della piccola gente al tempo di Gesù consisteva in genere in un vano unico, nel quale si svolgeva tutta la vita (cfr. 11,7; Mt 5,15), e che spesso doveva riparare anche gli animali domestici (Ps 50,9). Per l’inevitabile confusione la sosta in un simile locale portava pericolo per la madre e per il bambino. Perciò si deve presumere che la nascita sia avvenuta fuori da questo vano, ad esempio in una stalla subito contigua o, secondo la tradizione, in una grotta nelle vicinanze, che spesso allora si usava come stalla. Qui anche la mangiatoia (fissata al muro?) trova il suo pieno significato. Essa offriva il riparo perché il bambino inerme non fosse calpestato dagli animali, o soffrisse danno per il continuo movimento» (Rengstorf). Potremmo anche supporre che la grotta fuori del villaggio appartenesse al clan davidico di Giuseppe.
Per rilevare la nascita verginale di Gesù l’evangelo dice: Il suo figlio, il primogenito. Nell’A.T. Israele è chiamato da Dio suo figlio primogenito (Es 4,22; Sir 36,11).
Gesù è figlio di Maria ed è chiamato il primogenito in rapporto al Padre suo. Così pure è chiamato il re (Sal 89,28). Questo sottolinea il particolare rapporto che lo lega a Dio.
L’Apostolo Paolo approfondisce i significati del termine primogenito riferito a Cristo.
In Rm 8,29 lo chiama il primogenito tra molti fratelli. I molti fratelli sono coloro che con la risurrezione sono trasformati nella sua immagine gloriosa di Figlio di Dio.
In Col 1,18 è chiamato primogenito dai morti. Egli è il primo risorto fra i morti ed è quindi il fondamento della speranza della nostra risurrezione.
In Col 1,15 è definito primogenito di ogni creazione, «Cristo è il mediatore della creazione, al quale tutte le cose create senza eccezione sono debitrici del loro essere» (Micaelis). Vedi inoltre Eb 1,6.
Egli si manifesta come tutti gli uomini; cfr. Sap 7,3: Anch’io appena nato ho respirato l’aria comune e sono caduto su una terra uguale per tutti, levando nel pianto, uguale a tutti, il mio primo grido. Questo pianto è l’inizio di quella oblazione sacrificale che ha caratterizzato i giorni della sua vita terrena (cfr. Eb 5,7).
Prima di proseguire sostiamo davanti al presepe con la preghiera ammirata di Ambrogio:
«Da ricco che era, sta scritto, si è fatto povero per voi, affinché voi diventaste ricchi della sua povertà (2 Cor 8,9). Quella indigenza è dunque la mia ricchezza, e la debolezza del Signore è la mia forza. Ha preferito per sé le privazioni, per aver da donare in abbondanza a tutti. Il pianto della sua infanzia in vagiti è un lavacro per me, quelle lacrime hanno lavato i miei peccati. O Signore Gesù sono più debitore ai tuoi oltraggi per la mia redenzione, che non alla tua potenza per la mia creazione. Sarebbe stato inutile per noi nascere, se non ci avesse giovato venire redenti».

8 C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge.

Alcuni pastori. Gente umile e disprezzata: essi sono scelti come primi testimoni della nascita di Gesù, che in loro si rivela come il Messia dei poveri. Da loro inoltre ha pure avuto origine Davide, antenato di Gesù. Egli nasce nel loro ambiente: la grotta - stalla, la mangiatoia.
Questi pastori vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. Al contrario, i pastori d’Israele dormivano e non si sono accorti della venuta del Signore pur conoscendo le Scritture. Qui a Betlemme i pastori vegliano e a Gerusalemme, nel Tempio, Anna pure veglia in digiuni e preghiere e Simeone attende la salvezza d’Israele, Gesù.
Essi divengono simbolo dei pastori della Chiesa: «I pastori vegliano perché lo stesso buon Pastore è il loro modello di vita. Pertanto il gregge è il popolo, la notte il mondo, i pastori sono i vescovi» (S. Ambrogio).

9 Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore,

Gli angeli sono presenti nella vita del Signore, sia nel Natale che nella Risurrezione, come testimonianza della presenza del Regno dei cieli in Gesù. Il loro servizio e il loro annuncio ha come oggetto il Cristo.
«Un angelo informa Maria, un angelo informa Giuseppe, un angelo i pastori. Non bastava inviarli una sola volta: davvero ogni parola si fonda su due o tre testimoni» (S. Ambrogio).
Mentre l’Angelo si presenta, la gloria del Signore li avvolge di luce. Questa luce è celeste e fa vedere le realtà celesti. Agli uomini viene partecipata quella luce inaccessibile dove Dio abita.
Essi furono presi da grande spavento, infatti la visione degli esseri celesti suscita il timore della morte in coloro che li vedono (cfr. Gdc 13,22). L’apparizione dell’angelo è improvvisa, come immediato è lo splendore della Gloria. Vi sono già le caratteristiche della manifestazione finale del Cristo assieme ai suoi angeli.

10 ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo:

Io vi annunzio una grande gioia: dal grande timore per la visione alla grande gioia dell’annunzio.
Vi annunzio (lett.: vi evangelizzo). Il termine evangelo, evangelizzare «è caro a Luca (1,19; 3,18; 4,18.14 ecc.; frequente in Atti) che anche lettori non ebrei comprendevano nel suo speciale significato. Allora era usato tra l’altro per la proclamazione di un sovrano.
Così l’evangelo dell’angelo, per orecchie greche, significa la proclamazione del Bambino appena nato come re d’Israele da parte di Dio stesso, cioè come Cristo Messia. Per questo la gioia annunziata vale per tutto il popolo benché dovesse venire il tempo dello scoprimento per ogni orecchio e ogni occhio» (Rengstorf).
L’Evangelo è la grande gioia: solo il suo annuncio la comunica, fuori di esso è la tenebra e la tristezza mortale.

11 oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore.

Oggi, è l’adempimento delle promesse. Inizia l’oggi di Dio (vedi Eb 3,7-4,13) che è tempo di salvezza. Inoltre queste parole dell’Angelo, che costituiscono l’evangelo della grande gioia, richiamano il Sal 2,7: Tu sei mio Figlio, Io oggi ti ho generato. Le parole, che il Padre rivolge al Figlio dal suo seno, prima della stella del mattino (Sal 109, 3 LXX), divengono l’Evangelo dato a tutto il popolo. L’oggi della generazione divina entra nella storia mediante la generazione umana del Cristo. Il Natale diventa il momento in cui il Cristo è intronizzato nella città di Davide.
Egli è il Salvatore (è il suo nome personale, Gesù, che significa: Dio salva) e ha come trono la mangiatoia. Essa preannuncia l’altro trono che lo attende, la croce.
Cristo Signore: «la formula si presenta come un condensato della confessione di fede cristiana: Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso! (At 2,36)» (Rossé, o.c., p. 90).

12 Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».

Il segno: essendo segno richiede la fede.
Il Messia si manifesta umile agli umili ed essi non si stupiscono ma lo accolgono con gioia.
Il segno delle fasce e della mangiatoia manifesta il Cristo che, essendo di natura divina non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo (Fil 2,6ss). Alla sua nascita le fasce lo avvolgono ed è questo il segno della sua umanità.

13 E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:

E subito: appena è annunciata l’umiltà del segno, per confortare la fede viene lodato Dio.
Essendosi il Verbo fatto Carne, la lode angelica è udita sulla terra.
Una moltitudine dell’esercito celeste. Quando Dio poneva le fondamenta della terra e ne fissava le basi e la pietra angolare gioivano in coro le stelle del mattino e applaudivano tutti i figli di Dio (Gb 38,7). Quando Giacobbe tornò alla terra dei padri gli si fecero incontro gli angeli di Dio (Gn 32,2). E di nuovo quando introduce il primogenito nel mondo, dice: lo adorino tutti gli angeli di Dio (Eb 1,6).

14 «Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

Questo è un inno messianico che ha il suo corrispondente in 19,38: Benedetto Colui che viene, il re, nel nome del Signore. Pace in cielo, e gloria nel più alto dei cieli.
Un angelo ha annunciato l’Evangelo della nascita, una moltitudine dell’esercito celeste lo commenta con la lode.
Nel più alto dei cieli (lett.: Le zone altissime): esse sono il luogo della dimora divina, che è ripiena della gloria di Dio. Ad essa si contrappone la terra. Alla gloria, che si rivela là, dove Dio dimora, corrisponde sulla terra la pace. Infatti la pace è il manifestarsi della gloria sulla terra: è il secolo futuro che si rende presente nell’oggi e lo pervade della sua energia portandolo alla sua consumazione. La gloria, che è nel più alto dei cieli, è scesa sulla terra e quindi ha portato la pace agli uomini del beneplacito divino. «La gloria di Dio non consiste anzitutto nel fatto che Egli venga glorificato dagli angeli, ma nel fatto che, inviando il Messia, Dio glorifica il suo nome, manifesta cioè la sua potenza e la sua misericordia dinanzi alla sua corte celeste formata dagli angeli» (Schmid).
Quando il Messia scende sulla terra è glorificato dagli Angeli, quando sale al Padre dagli uomini (19,38).
Agli uomini che egli ama, (lett.: del beneplacito). L’acclamazione del canto angelico è l’annuncio di un evento divino. I cieli glorificano Dio per aver inviato il Cristo, la cui venuta è apportatrice di pace per gli uomini del beneplacito.
Beneplacito: atto sovrano di Dio che si compiace e fa grazia: «È la decisione misericordiosa di Dio, il quale si rivolge al popolo dei suoi eletti nella sua libera, gratuita benignità» (Schrenk).
La gloria che è nei cieli avvolge i pastori (9) e in tal modo la terra è congiunta al cielo. Questo inno dà inizio alla redenzione; gli inni dell’Apocalisse (12,10; 11,15; 19,1-6) la contemplano già attuata.

PREGHIERA DEI FEDELI

C. Nella gioia soavemente diffusa nei nostri cuori esprimiamo con purezza di mente e d’intenzione la nostra preghiera. Diciamo insieme:
O Figlio di Dio, Gesù, e Figlio dell’uomo, ascoltaci.

 Per la Chiesa santa e cattolica, che in seno a tutti i popoli canta con gli angeli la nascita del suo Signore, perché la gioia del suo annunzio raggiunga ogni uomo e accenda in ognuno la speranza della redenzione, preghiamo.
 Per i cuori spezzati dal dolore perché si rianimino di fiducia contemplando nel presepe il nostro Redentore, preghiamo.
 Perché tutti i discepoli del Cristo siano pervasi nell’intimo dalla vera Luce e nell’umiltà dei segni, contemplino la gloria del loro Signore e credano con amore vivo e riconoscente nel suo Nome, preghiamo.
 Perché la nostra comunità cristiana, unita al canto degli angeli, sappia annunciare ai più piccoli e agli umili la nascita del Messia, preghiamo.
 Perché tutti gli uomini sappiano accogliere il Signore nascosto e presente nei bimbi di tutto il mondo, preghiamo.
 Perché tutti noi, che formiamo questa assemblea santa, ci stringiamo attorno al Signore, fondamento della nostra speranza, gioia della nostra attesa, forza del nostro amare e pace nel nostro cammino, preghiamo.
C. Signore Gesù, che oggi nella tua nascita, sei venuto a condividere le nostre fatiche e le nostre speranze, rivelati a ogni uomo perché ti conosca e in te conosca il Padre e ripieno del tuo Santo Spirito esulti e si rallegri per la redenzione che tu ci doni. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

domeniche precedenti

 

25 dicembre: Natale del Signore
(Messa del giorno)

«TU SEI MIO FIGLIO!»

Letture: Isaia 52,7-10; Ebrei 1,1; Giovanni 1,1-18

Questa terza Messa, che la liturgia chiama la Messa «del giorno», dopo quella della notte e quella dell’au¬rora, ci presenta il messaggio più profondo della festa. Le letture bibliche si staccano dal tono narrativo; non raccontano il fatto o dettagli del fatto; si pongono invece una domanda: Chi è colui che è nato? Siamo invitati a trasferire ormai tutta l’attenzione dai personaggi al pro¬tagonista; vengono in mente quelle rappresentazioni del Natale di scuola barocca (come quella di Gherardo delle Notti), in cui si vede una schiera di personaggi - Ma¬ria, Giuseppe, i pastori, gli angeli - in cerchio, intorno alla culla con i volti illuminati da una luce forte e calda che proviene dal bambino che sta al centro. Ecco, in questo momento dobbiamo passare dai riflessi alla sor¬gente di quella luce, staccarci dai pastori e perfino da Maria che ci ha fatto da guida amorosa fin qui e contem¬plare solo Lui, Gesù.

Chi è questo Bambino? Nel Credo della Messa, noi proclameremo tra poco che egli è «l’Unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, luce da luce, Dio vero da Dio vero, generato non creato, della stessa sostanza del Padre, per mezzo del quale tutte le cose sono state create». Questa è la fede che la Chiesa proclama dal Concilio di Nicea in poi. Dove si fonda tale fede? Sulla rivelazione, sulla Parola di Dio e, in partico¬lare, proprio su quella che abbiamo appena ascoltato: In principio era il Logos e il Logos era presso Dio e il Logos era Dio. Queste parole spalancano come un sipario e ri¬velano dietro a quel Bambino nella culla un orizzonte sconfinato, a perdita di mente; egli è la Parola stessa del Padre, pronunciata prima di tutti i secoli. In principio Dio creò il cielo e la terra: così comincia la storia del mondo nella Bibbia; ebbene, ora sappiamo che quello non era il principio assoluto o dell’essere; era solo il princi¬pio del tempo. In quel momento, quando cominciava a esistere il cielo e la terra, il Verbo era già presso Dio.
Non era però una semplice parola, una forza oscura che si agitava nella mente di Dio. Era invece il Figlio Uni¬genito, che è nel seno del Padre; il Figlio... per mezzo del quale ha fatto anche il mondo (II lettura). Una per¬sona, dunque. Qui tocchiamo il fondo più sublime e mi¬sterioso della nostra fede: la Trinità. Giovanni, che scrive dopo tutti gli altri evangelisti, ha portato, così, a ter¬mine un processo di scavo e di risalita alle sorgenti della vicenda di Gesù, iniziato subito dopo la risurrezione. Nel tentativo di rispondere alla domanda: Chi è Gesù di Nazareth?, dapprima ci si accontentò di partire dalla ri¬surrezione (Rm 1,4: Costituito Figlio di Dio con po¬tenza... mediante la risurrezione dai morti); poi si risalì fino al Battesimo (Marco comincia di lì il suo Vangelo!), poi alla nascita dallo Spirito Santo e da Maria (così co-minciano i loro Vangeli Matteo e Luca). Giovanni capi¬sce che ogni risposta è insufficiente finché si resta dentro l’orizzonte del tempo e fa un grande balzo indietro nella preesistenza, trovando l’ultima spiegazione di Gesù e, per così dire, la radice della sua esistenza, nel seno del Pa¬dre. Questa è la pienezza della nostra fede e il Natale ne è la proclamazione.
La liturgia, tuttavia, non si arresta un solo istante a questa contemplazione di Gesù in sé, com’era prima e fuori del tempo, ma continuamente ci sospinge a contem¬plare chi è Gesù «per noi»: E la Parola si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi. È il secondo movimento del Credo, quello che in realtà domina la nostra assem¬blea e che oggi reciteremo in ginocchio: «Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo».
«Per noi uomini, per la nostra salvezza »: Gesù è il « Dio con noi », ma anche il Dio per noi; un Dio di uomini, ma anche un Dio per gli uomini. Dio in persona è venuto a consolarci e a salvarci, non più un angelo o un profeta (cf. Is 63,9); ecco il vero senso del mistero del Natale: Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei pro¬feti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose e per mezzo del quale ha fatto anche il mondo (II let¬tura).

Ma con la nascita di Gesù Cristo, Dio non ci ha dato soltanto la sua Parola, ma ci ha donato anche la sua Vita, cioè ci ha fatti suoi figli: A quanti l’hanno accolto, ha dato il potere di diventare figli di Dio (1Gv 1,2: La vita si è fatta visibile, noi l’abbiamo vedutai. Noi dunque non celebria¬mo solo il Natale di Gesù, ma anche il nostro Natale, perché la nascita di Gesù segna la nostra rinascita. Nella seconda lettura, abbiamo ascoltato quelle parole solennis¬sime: Tu sei mio Figlio, oggi ti ho generato! È Dio che parla; ma a chi parla e di chi parla? Del Figlio suo Gesù Cristo, non c’è dubbio; così ha inteso tutta la tradizione cristiana. Ma Gesù Cristo non è solo; è «il primogenito tra molti fratelli» (Rm 8,29); in lui anche noi siamo stati «scelti per essere figli adottivi» (Ef 1,5). È anche a ciascuno di noi, dunque, che il Padre rivolge oggi quelle sue parole: Tu sei mio figlio, oggi io ti ho generato! Questo è un riconoscimento di paternità; è adozione! Gio¬vanni esclama stupito: Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo real¬mente! (1Gv 3,1).
A qualcuno di noi questa rinascita può sembrare lon¬tana, impossibile, tanto si sente freddo, incredulo o in¬degno; tanto si sente ancora schiavo e non figlio. Forse qualcuno è reduce da esperienze di rottura e di lonta¬nanza da Dio come il figliol prodigo e ha ancora in bocca il sapore delle ghiande contese ai porci; in cuor suo, osa appena sperare di essere riammesso in casa come «uno dei servi» (cf. Lc 15,19). Ma ecco che Dio gli viene incontro e gli dice con grande forza: Tu sei mio figlio! E ai ministri della sua Parola, ordina di parlare al cuore di questo fratello e di gridargli forte: Ascolta, è Dio che ti parla e ti dice: «È finita la tua schiavitù» (cf. Is 40,2); Dio Padre ti ha già liberato dal potere delle tenebre e ti ha trasferito nel regno del suo Figlio diletto; in lui tu hai avuto la redenzione e la remissione dei peccati (cf. Col 1,13 ss.); il peccato non ha più po¬tere su di te! Devi solo accettare tutto questo, dire sì a Dio e ringraziarlo con gioia. Poi, se non lo hai ancora fatto, sentirai tu stesso il bisogno di porre il tuo fardello di reduce dal peccato nelle mani di un ministro della Chiesa perché tu possa ascoltare anche con le tue orec¬chie di carne la parola di Cristo che perdona e risana:
Coraggio, figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati (Mt 9,2).

Nessuno è escluso dalla gioia di questo giorno; non lo è il peccatore e non lo è l’anziano carico di anni e di amarezza; a chiunque l’accoglie, Gesù dà il potere di di¬ventare figlio di Dio, cioè di rinascere a vita nuova, indi¬pendentemente dall’età e dai meriti e dipendentemente solo dalla fede. L’obiezione di Nicodemo: Come può un uomo rinascere quando è vecchio?, non tiene più, perché Gesù ha spiegato che non si tratta di una nascita dalla carne, ma dallo Spirito (cf. Gv 3,5 s.) A Natale, noi abbiamo il diritto di deporre il carico dei nostri anni e dei nostri rimorsi e di sentirci «come bambini appena nati» (1Pt 2,2), capaci cioè di lasciarci andare ancora alla gioia e alla speranza, come in Natali lontani, quando eravamo ancora freschi nell’anima e nella fantasia.

Tutto quello che abbiamo ascoltato è esaltante, ma ci impone un compito preciso: non sciupare la nostra fi¬gliolanza: «Riconosci, cristiano - esclama san Leone Magno -, la tua dignità e, reso partecipe della natura divina, non volere tornare all’abiezione di un tempo con una condotta indegna. Ricordati chi è il tuo Capo, di quale corpo sei membro». Ricordati - aggiungiamo noi - di quale Padre sei figlio! Ricordati, quando ti senti tentato o avvilito o solo, di quelle parole che oggi hai ascoltato e accolto nella fede: Tu sei mio figlio: oggi io ti ho generato!


Natale del Signore - Messa del giorno Per mezzo di lui tutto
25 dicembre 2014

LETTURE: Is 52, 7-10; Sal 97; Eb 1,1-6; Gv 1,1-18

Abbiamo appena vissuto le celebrazioni della notte, con i quadri scritturistici a noi così familiari, e poi l’intermezzo - dello stesso tenore - della messa dell’aurora, ed ora la liturgia di Natale ci presenta una lettura così ardua, così imponente e maestosa, come il prologo del Vangelo secondo Giovanni. Nella notte abbiamo contemplato la mangiatoia, le luci festose e calde degli angeli, i pastori; nella messa del giorno risuona il Verbo senza tempo, e la purissima parola di Giovanni è così forte, così luminosa, quasi da accecare, da sembrare buio. Nella notte abbiamo sentito il racconto della nascita di Gesù secondo la carne; ora riecheggia l’eco della generazione eterna.
«O magnum mysterium, et admirabile sacramentum»: così canta un antico responsorio della festa di Natale. Davvero grande è il mistero che queste liturgie ci ripresentano, ogni anno, affinché sempre di nuovo, e sempre più a fondo, contempliamo l’abisso dell’amore di Dio. È il grande mistero della doppia generazione di Cristo, vero Dio e vero Uomo, generato nell’eternità dal Padre, e nel tempo dalla Vergine: Egli, come ripetevano i Padri, ha il Padre in cielo e la Madre in terra.
«In principio era il Logos»: il Vangelo secondo Giovanni comincia come il libro della Genesi - «In principio». In principio di tutto è Colui per mezzo del quale tutto è stato fatto: per mezzo di Lui, e in vista di Lui, «erede di tutte le cose e mediante il quale [Dio] ha fatto anche il mondo», come abbiamo sentito dalla Lettera agli Ebrei. È il «Logos»: nel testo greco si legge proprio così, cioè il significato, il senso di tutto, e di ciascuna cosa. In lui sono «tutti i tesori della sapienza e della scienza» (Col 2,3): quasi come in un raggio di luce bianca, purissima, semplice e chiara, che passando attraverso il prisma della creazione si rifrange nella molteplicità dei colori delle creature. «Tutto sostiene con la sua parola potente» - così sta scritto ancora nella lettera agli Ebrei che viene proclamata in questa celebrazione.
E poiché tutto viene da Lui, ogni cosa - possiamo ora dire - parla di Lui: ogni cosa, anche la più piccola, anche la più lontana. Per questo, dicevano i dottori medievali, il mondo è come un libro, scritto dal dito di Dio: chi sappia leggere questa meravigliosa scrittura, può allora riconoscere le infinite perfezioni di Dio, la sua infinita bellezza, il suo infinito amore, di cui tutto il mondo parla. Per usare un’espressione di Jean Daniélou, «ogni creatura è un segno, ossia risveglia in me la nostalgia di qualcosa che da sé non può darmi. “Il mondo è un libro, in cui tutto parla di Dio”». Ogni cosa ha allora significato, e quel significato è in ultima analisi Dio stesso, che ci si rivela nel grande libro della creazione, prima ancora che nel libro delle Scritture. Tutto ha senso.
A ben vedere, allora, questo testo evangelico, che appare a prima vista così oscuro, spiega meglio di qualsiasi altro la nostra gioia in questo giorno santissimo, e la radice della nostra speranza. In questi anni, come anche in quelli che ci sono appena alle spalle, si è sentito spesso dire che la nostra origine è il caso, e il nostro destino è il nulla. Saremmo insomma un incidente all’estrema periferia di un universo: un universo che in ultima analisi è tutto una grande periferia - non ha centro, è prodotto dal caos, informe, senza alcun significato reale. Saremmo solo un fortunato incidente del caso: un fortunato tiro, in cui i dadi si sono mischiati dando luogo a una creatura che si chiede «perché? Chi sono?»; senza che esista davvero una risposta. Un fortunato, drammatico, orribile incidente.
Eppure, di fronte a questo pensiero del nulla, basterebbe chiedersi: quando l’uomo è più uomo? Non è forse in grado egli di trarre dall’ordine del cosmo la ragione, la bellezza, e di proseguire l’opera del suo creatore? E per contro, basterebbe forse guardare ai mondi freddi e inumani che simili visioni della vita producono, per mostrare quale sia la loro consistenza, e in ultima analisi la loro falsità. Basterebbe vedere come questi parassiti del significato usino la ragione, per condurla al nulla; per condurre l’uomo al nulla.
Ciò che oggi è stato proclamato, è esattamente il contrario di queste visioni del nulla: all’inizio di tutto, in principio, c’è il «Logos», il significato, il progetto che si attua ineluttabilmente, la ragione. E questo progetto è un progetto di amore: siamo fatti dall’amore, per un destino di amore. Colui per mezzo del quale tutto è stato fatto è divenuto uno di noi, per mostrarsi, per certificarci che non ci lascia soli, ma condivide con noi la fatica, il dolore, infine la morte, affinché noi possiamo condividere con lui la pace, la gloria, l’immortalità. Eccolo che oggi infine ci appare, inaspettatamente nel mistero di un bimbo così piccolo, così indifeso, così rifiutato: questo bambino è Colui per cui l’universo è stato creato; è colui che lo regge. O magnum mysterium, et admirabile sacramentum.
È un tempo buio, questo tempo dell’anno: tempo di poco giorno, e di grande freddo; tempo in cui i lupi ai avvicinano alle case degli uomini. E tuttavia, sappiamo che in questi giorni attorno al solstizio il sole ha cominciato a rialzarsi. È il tempo in cui sorge il Sole di giustizia: accendete, cristiani, le vostre luci, perché è venuta «nel mondo la Luce vera che illumina ogni uomo», e ci dona la sua luce.
In forza della Luce del mondo, siamo chiamati a portare luce al mondo: nessuno tenga solo per sé la gioia di questo giorno.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Novena del Santo Natale
Siamo ormai vicini al giorno in cui ricordiamo l’incarnazione di Nostro Signore Gesù Cristo, fatto uomo per la nostra salvezza. Continua la Novena del Santo Natale, come ormai è di tradizione, alle ore 7. Per chi non potesse venire a messa nè la mattina nè la sera vi sarà la novena anche alle ore 20, tranne sabato e domenica, in una Liturgia della Parola. Giorno 24, vigilia del Santo Natale, ci ritroveremo poi in chiesa alle ore 24 per la messa di mezzanotte.


Natale di N.S. Gesù Cristo
“Oggi vi è nato nella città di Davide un Salvatore” proclamano gli angeli ai pastori ed un annuncio che risuona anche nelle nostre vite. Cristo si è incarnato per donarci vita e salvezza. Giovedì 25 c.m. ricorre il Natale di Gesù, le messe saranno come la domenica: 8,30; 10; 11,30; 18.


Concorso il mio presepe
Abbiamo lanciato su Facebook un piccolo concorso per dare importanza ai presepi nelle nostro case. Vi invitiamo a pubblicare le foto dei vostri presepi sul diario della Parrocchia su FaceBook.

Presepe vivente
Giorno 26 c.m. al centro storico sarà inaugurato il presepe vivente; con replica giorno 28 e giorno 6 Gennaio.

Festa Santa Famiglia
Domenica 28 ricorre la festa della Santa Famiglia, in tutte le messe anche quella di sabato, vi sarà il rinnovo delle promesse matrimoniali.

Buon Natale
I parroci, i diaconi, i catechisti e tutti gli operatori pastorali, augurano a tutta la comunità un felice Natale. La gioia e la pace che nasce dalla culla di Betlemme possa estendersi alle nostre famiglie, alla nostra comunità e al mondo intero.

Nell'era della tecnologia, il presepe rimane una delle tradizioni natalizie più care a noi cristiani.
Da oggi e fino a Natale sarà possibile pubblicare una fotografia del presepe che abbiamo fatto nella nostra casa sul profilo Facebook della nostra parrocchia. E' possibile mettere un "mi piace" sulle foto dei presepi che più ci piacciono. Il presepe che avrà ottenuto più voti sarà proclamato "il presepe dell'anno".
Il profilo Facebook della parrocchia è: parrocchia santa famiglia castrolibero.

domeniche precedenti

 

III DOMENICA DI AVVENTO - ANNO B

PRIMA LETTURA Is 61,1-2.10-11

Isaia 61,1-11. Il capitolo si presenta come una composizione redazionale nella quale sono confluite, in un processo di crescita analogo a quello del c. 60, diverse unità. La sua struttura appare così articolata:
• i vv. 1-3b contengono il racconto di una vocazione profetica;
• a essa segue l’annuncio della ricostruzione della città (vv. 3c-4),
• completato dall’aggiunta relativa agli stranieri posti al servizio della nuova comunità (vv. 5-6);
• seguono, infine, due promesse di salvezza (vv. 7-8; 9. 11),
• l’ultima delle quali racchiude un canto di lode (v. 10).

1-3b. Questi versetti all’interno dei cc. 56-66 funzionano come racconto di vocazione e missione. La profondità dell’esperienza che in essi si riflette orienta ad attribuirli a una ricca personalità profetica, che, con ogni probabilità, è da identificare con il Tritoisaia. L’affinità di questa pagina con i canti del servo di YHWH ha indotto in passato alcuni studiosi a scorgervi un quinto canto. L’autore del presente testo si è ispirato ai canti autobiografici del servo, in particolare a Is 49,1-6.
Il profeta interpreta il dono dello spirito con la categoria dell’unzione. Le persone consacrate mediante l’unzione erano il re, al tempo della monarchia, e il sommo sacerdote, il cui rituale assunse particolare rilevanza e significato nel periodo postesilico (cfr. Es 29,7; 30,22-33). A quest’ultimo allude metaforicamente il nostro profeta, come risulta dal suo richiamo alle tradizioni liturgiche, in particolare a quella del giubileo. Il riferimento all’unzione sacerdotale mostra che il Signore, con la potenza del suo spirito, orienta il profeta all’annuncio della Parola (che era appunto uno dei compiti fondamentali del sacerdozio; cfr. Dt 33,10a). Questi è mandato a proclamare il lieto annuncio ai poveri (anawim), a coloro che hanno come unica sicurezza non il potere politico o le risorse economiche, ma l’abbandono confidente nel Signore (cfr. Sof 3,12-13a). Il lieto annuncio (cfr. 40,9; 41,27; 52,7; 60,6; Sal 40,10; 96,2) raggiunge una comunità ferita nel proprio intimo, al punto che rischia di perdere la sua identità (per la metafora dei cuori spezzati cfr. 57,15; Sal 34,19; 51,19; 69,21; 147,3), e le prospetta la libertà degli schiavi e la scarcerazione dei prigionieri (v. 1). Il profeta comprende come elemento essenziale della sua missione l’annuncio della libertà a un popolo che rischia di perdere la propria autocoscienza e la propria fede sotto il peso della sua frustrazione (cfr. 58,6). La ricchezza di questa visione appare soprattutto nel v. 2 dove il profeta identifica, simbolicamente, l’obiettivo della sua missione con la proclamazione del giubileo (cfr. Lv 25,8-10). Egli, quindi, ha coscienza di essere inviato per inaugurare il tempo nel quale il Signore, nella pienezza del suo amore, guida il suo popolo a vivere i valori fondamentali dell’esodo: la fraternità e la libertà. Il carattere definitivo di questo tempo dell’amore del Signore è confermato dalla locuzione parallela giorno di vendetta per il nostro Dio. Essa connota l’intervento con cui il Signore pone fine al tempo dell’ingiustizia e della violenza e introduce il suo popolo, liberato dagli oppressori, nella nuova condizione della salvezza (cfr. Prv 6,34; Is 34,8; 63,4; Ger 46,10). Il significato esistenziale del lieto annunzio è sintetizzato, con un linguaggio ricco di assonanze, nelle antitesi del v. 3ab. L’inclusione tra lo spirito mesto dell’uomo (v. 3b) e lo spirito del Signore (v. 1) è molto significativa.
La parola del profeta scaturisce dallo Spirito di Dio; perciò essa sviluppa la potenza che libera lo spirito umano dall’oppressione e lo innalza alla gioia della lode divina. Nella lode lo spirito dell’uomo sperimenta il giubileo dell’amore fedele e misericordioso del Signore e quindi riscopre le grandi possibilità della sua libertà.
5Ci saranno estranei a pascere le vostre greggi
e figli di stranieri saranno vostri contadini e vignaioli. 6Voi sarete chiamati sacerdoti del Signore,
ministri del nostro Dio sarete detti.
Vi nutrirete delle ricchezze delle nazioni,
vi vanterete dei loro beni.

5-6. Questi versetti, probabilmente interpolati, presentano i Giudei aiutati dagli stranieri nella pastorizia e nelle loro attività agricole (i termini contadini e vignaioli ricorrono insieme anche in Gl 1,11 e 2Cr 26,10). A essi spetterà perciò il nome di sacerdoti di YHWH (v. 6). Questo titolo, come si evince dalla locuzione parallela (ministri del nostro Dio), annuncia che il popolo vivrà autenticamente l’alleanza con il Signore e per questo sarà sempre nella sua benedizione, godendo delle ricchezze delle nazioni.
7Invece della loro vergogna riceveranno il doppio, invece dell’insulto avranno in sorte grida di gioia;
per questo erediteranno il doppio nella loro terra, avranno una gioia eterna.
8Perché io sono il Signore che amo il diritto
e odio la rapina e l’ingiustizia:
io darò loro fedelmente il salario,
concluderò con loro un’alleanza eterna. 9Sarà famosa tra le genti la loro stirpe,
la loro discendenza in mezzo ai popoli. Coloro che li vedranno riconosceranno
che essi sono la stirpe benedetta dal Signore.
7-11. Riprende di nuovo il discorso che era stato interrotto al v. 4 dall’aggiunta dei vv. 5-6. Il testo conserva due annunci di salvezza che presentano la stessa struttura: promessa (v. 7 e v. 9) e motivazione (v. 8 e v. 11). Forse per enfatizzare la sicurezza della realizzazione dopo la seconda promessa e prima della sua motivazione è stato introdotto il canto di ringraziamento del v. 10.
La motivazione del v. 11 si connette al v. 9, come risulta dallo stesso vocabolario. Tuttavia, nell’attuale disposizione del testo, essa suona anche come conferma del canto di ringraziamento. Con un paragone, molto vicino per efficacia e significato a 55,10-11, il profeta conferma che il Signore farà germogliare (cfr. 4,2; 42,9; 43,19; 45,8; 58,8) la giustizia. L’esperienza salvifica del popolo avrà la sua espressione specifica nella lode, con cui proclama davanti a tutti i popoli le opere meravigliose del suo Dio.
Dal libro del profeta Isaia
[suggerisco di leggere il testo completo, dal v. 1 al v. 11]

1 Lo spirito del Signore Dio è su di me
perché il Signore mi ha consacrato con l'unzione;

Lo spirito del Signore Dio. I due termini indicanti la divinità nella lingua ebraica si riferiscono alla signoria e al nome proprio di Dio legato al suo essere. Il suo Spirito presenta pertanto queste due caratteristiche divine che investono in modo permanente colui che il Signore ha consacrato con l'unzione, il suo Messia. Lo Spirito pertanto è sul Messia per comunicargli la stessa forza della signoria di Dio e per renderlo partecipe del suo Nome, esprimente il suo stesso essere divino. Questo lo vediamo pienamente realizzato in Gesù, nel quale si manifesta la stessa signoria di Dio e il Nome divino (cfr. in Gv: Io Sono). Gesù infatti in Lc 4 applica a sé questo testo.

mi ha mandato a portare il lieto annunzio ai miseri,
a fasciare le piaghe dei cuori spezzati,
a proclamare la libertà degli schiavi,
la scarcerazione dei prigionieri,

La sua missione si esplica verso quelle categorie che tali sono a causa della schiavitù: miseri, cuori spezzati, schiavi, prigionieri.
Esaminiamo queste categorie.
I miseri o poveri. In costoro si racchiude un duplice significato, uno religioso, che nasce nell’esperienza dell’esilio e confluisce nelle pagine evangeliche; l’altro significato esprime la situazione dell’esilio. Nel significato religioso i poveri sono coloro che si abbandonano al Signore e in Lui solo pongono la propria fiducia; nell’accezione storica i miseri sono coloro che si umiliano e soffrono le tribolazioni dell’esilio in attesa della redenzione. Ad essi il Messia dona l’Evangelo, il lieto annunzio che le loro speranze si sono realizzate.
I cuori spezzati sono coloro il cui intimo è nell’afflizione e nella sofferenza per la situazione in cui il popolo di Dio si trova. Il Messia fascia le ferite del loro cuore perché li consola. Questa missione è attribuita nel Sal 147,3 al Signore stesso: Risana i cuori affranti e fascia le loro ferite.
Gli schiavi è la situazione del popolo che ha perso la sua libertà nell’esilio.
Prigionieri sono coloro che, lontani dalla loro terra, ad essa aspirano nel loro esilio. La prigionia infatti non è solo quella del carcere ma anche quella in cui si vive lontano dal proprio luogo e si è stranieri.

2 a promulgare l'anno di grazia del Signore, un giorno di vendetta per il nostro Dio, per consolare tutti gli afflitti.

L'anno di misericordia del Signore è l’anno della liberazione e della redenzione in cui il peccato è cancellato e inizia il cammino verso la propria terra. Così il Messia libera il suo popolo da questa interiore schiavitù e lo incammina verso la casa del Padre, dove ci sono molte dimore (cfr. Gv 14,2). L’anno di misericordia corrisponde al giorno di vendetta del nostro Dio. In questo giorno Egli distrugge il potere dei suoi avversari, come è scritto in Gv 12,31: Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori.

10 Io gioisco pienamente nel Signore,
la mia anima esulta nel mio Dio,
perché mi ha rivestito delle vesti della salvezza,
mi ha avvolto con il mantello della giustizia,
come uno sposo si mette il diadema
e come una sposa si adorna di gioielli.

Io gioisco pienamente nel Signore, la mia anima esulta nel mio Dio. Di fronte all’opera della redenzione compiuta dal Messia la comunità dei redenti, simile a sposa, prorompe in un canto nuziale. È davvero questo il canto della Chiesa sposa del Cristo. La gioia è piena e sovrabbondante perché è gioia nuziale. Queste parole sono pure sulle labbra della Vergine Maria che in sé interpreta tutta la gioia della Figlia di Sion che accoglie il suo Signore e il suo Redentore.
Segno della redenzione sono le vesti di salvezza di cui la Chiesa è rivestita. Queste vesti sostituiscono gli abiti propri di chi è schiavo, come c’insegna la parabola del figlio che ritorna alla casa del Padre. Secondo l’apostolo queste vesti sono indossate dopo essersi spogliati dell’uomo vecchio e significano rivestirsi di Cristo (cfr. Col 3,9-10: Vi siete infatti spogliati dell'uomo vecchio con le sue azioni e avete rivestito il nuovo, che si rinnova, per una piena conoscenza, ad immagine del suo Creatore).
Come le vesti aderiscono all’intimo così il manto avvolge all’esterno; esso è chiamato manto della giustizia. In tal modo la giustizia, che è propria del Cristo, ci avvolge e ci qualifica come suoi.
La sposa contempla lo sposo e lo vede mentre si cinge il diadema perché è giunta l’ora in cui si manifesta la sua regalità. Notiamo anche che la frase ha un timbro sacerdotale: come uno sposo che si cinge come sacerdote il diadema sacro, quello in cui vi è inciso il nome di Dio. La regalità dello sposo coincide con il suo sacerdozio, come è detto del nostro Signore che è re e sacerdote. Nello stesso momento in cui il Signore inizia a regnare anche la sua sposa si adorna dei suoi gioielli.

11 Poiché, come la terra produce i suoi germogli
e come un giardino fa germogliare i suoi semi,
così il Signore Dio farà germogliare la giustizia
e la lode davanti a tutte le genti.

Di fronte a questa visione vi è come uno sguardo all’attuale situazione di non ancora piena redenzione.
Il profeta risponde che i semi sono già gettati e all’improvviso essi spunteranno dalla terra. Questi semi sono la giustizia, di cui ha precedentemente parlato, sia come redenzione e quindi giudizio sui suoi nemici sia come eliminazione del peccato nei suoi eletti per cui essi hanno la forza di percorrere le sue vie. Semi gettati sono pure la lode che tutti i popoli innalzano al Messia e alla sua Sposa. Tutto converge verso questo momento nuziale conclusivo della storia dell’umanità, come ci è pure rivelato nell’Apocalisse.

La missione del Messia scaturisce dalla presenza dello Spirito del Signore in Lui. Ripieno dello Spirito Santo, il Messia dichiara che non è più Lui a parlare ma è Dio che in Lui parla e Lo invia.
La sua missione consiste nell’evangelizzare i poveri. Questi non attendono nessuna redenzione perché pensano che la loro sorte sia immutabile (cfr. Qo 4,1).
La sua missione risulta molto difficile: come consolare chi ha perso la speranza nella redenzione?
Qui sta la novità dell’Evangelo, far cioè coesistere la situazione di povero con quella di gioia. Infatti l’evangelizzazione consiste prima di tutto nell’essere rivestiti con le vesti della salvezza, nell’essere avvolti nel manto della giustizia e nel contemplare in modo anticipato la regalità del Cristo e della sua Sposa.
Per questo il N.T. è tutto percorso da un fremito di gioia. «Come non si è popolo di Dio se non si è poveri, così non si è popolo di Dio se non si è nella gioia» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1968).

SALMO RESPONSORIALE Lc 1,46-50.53-54

Dopo l’annuncio dell’incarnazione ricevuto dall’angelo, a cui aveva risposto: «Eccomi, sono la serva del Signore, desidero che si compia in me la sua Parola» (cf. Lc 1,38), senza alcun indugio Maria, che già porta nel suo grembo Gesù, si reca presso la cugina Elisabetta; ella è animata dal desiderio di essere vicina a una donna sterile eppure incinta per opera della misericordia di Dio, cui nulla è impossibile (cf. Lc 1,37; Gen 18,14). L’amore della giovane vergine di Nazaret riempie di Spirito Santo, cioè di amore, l’anziana Elisabetta, la quale riconosce prontamente nella fede di Maria l’origine di tale circolazione d’amore: «Beata colei che ha creduto che le parole del Signore si compiono!».
Maria risponde a quest’acclamazione intonando il Magnificat, leggendo cioè nell’oggi le meraviglie operate in lei da Dio, le grandi opere di salvezza riassunte e ricapitolate nel frammento della sua esistenza; la sua esultanza sa aprirsi al non-ancora di quella giustizia che sarà piena solo nel Regno, quando finalmente gli affamati saranno ricolmi di beni e gli ultimi saranno i primi… Tutto ciò si radica in qualcosa di concretissimo. Maria riconosce lo sguardo di amore di Dio su di lei: «Dio ha guardato l’umiltà, la piccolezza della sua serva», con quell’amore che chiede solo di essere accolto. Forse che a questo amore non sarà possibile anche richiamare tutti noi alla vita senza fine, trasfigurare i nostri corpi di miseria in corpi di gloria (cf. Fil 3,21)?
Sì, la fede di Maria e il suo amore, un amore che si fa agire concreto per gli altri perché concretamente è stato sperimentato su di sé, dicono meglio di tante parole la sua capacità di vita piena, quella vita che non può esaurirsi qui sulla terra. Questo farsi carne dell’amore di Dio e questo ingresso di ogni carne nello spazio di Dio è quanto dovremmo ricordare cantando ogni sera il Magnificat. Questo dovremmo vivere e sperare ogni giorno, per noi e per tutti.

R/. La mia anima esulta nel mio Dio.

La liturgia, nell’utilizzare il Magnificat, come salmo responsoriale, accosta la Vergine Maria alla Chiesa. La Madre di Dio anticipa profeticamente il canto dell’intera Chiesa.

46 L’anima mia magnifica il Signore

Magnifica. Questa esaltazione è suscitata dallo Spirito (vedi At 10,46: magnificando Dio) e dagli eventi salvifici (At 19,17: era magnificato il nome del Signore Gesù).
Come Maria, anche l’apostolo Paolo afferma in Fil 1,20: Come sempre, anche ora Cristo sarà magnificato nel mio corpo, sia per la vita sia per la morte. «Egli loda Cristo non solo con la vita ma anche con la morte. In questo egli ripone il significato della sua esistenza. Tale lode viene realizzata mediante il suo corpo, che egli ha posto al servizio di Cristo e che per Cristo può anche sacrificare» (Grundmann, GLNT).
L'anima di Maria è ripiena di Spirito Santo per l'evento mirabile che nel suo corpo si è compiuto e quindi magnifica il Signore.

47 e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

Esulta (lett.: Ha esultato). Il verbo indica una gioia forte, incontenibile per Dio e davanti a Dio che porta a magnificarlo. «Il motivo del giubilo è la salvezza escatologica operata da Dio e che ha in Maria il suo inizio» (Bultmann). Il passato ha esultato sembra mettere in rilievo che questa gioia è iniziata con il saluto dell'angelo: «gioisci, Piena di grazia»; e che l'esultare precede il magnificare.
In Dio mio salvatore. In queste parole è adombrato il nome del suo Figlio (Gesù significa: Dio salva). Infatti nel cantico s’incontrano gli appellativi dati al Cristo nell'annunciazione. Questa lode è quindi la risposta di Maria.

48 perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. R/.

Perché indica il motivo della sua gioia. Ha guardato. Corrisponde alle parole dell'angelo: «hai trovato grazia presso Dio» (1,30).
Lo sguardo di Dio è di misericordia e di salvezza (vedi 1Sm 9,16: Egli [Saul] libererà il mio popolo dalle mani dei Filistei, perché io ho guardato il mio popolo, essendo giunto fino a me il suo grido).
L’umiltà. Il termine non sottolinea principalmente la virtù, ma la condizione di bassezza che è propria di chi è schiavo (dice infatti: della sua schiava cfr. 1,38). «Il fatto che Dio abbia prescelto come madre del Figlio suo la povera ancella, la vergine che non gode di nessuna considerazione agli occhi del mondo, è il motivo della gioia riconoscente a Dio proclamata dall'orante (1,46s), è la causa dell'ammirazione di cui sarà oggetto (1,48). Se Dio guarda alla bassezza della sua serva, ciò fa sperare che abbia inizio il suo agire escatologico, che rovescia i potenti dai loro troni ed esalta gli umili (1,52)» (Grundmann, GLNT); (cfr. Gn 29,32: Il Signore ha visto la mia umiliazione, è Lia che così parla perché si sente trascurata da Giacobbe; Est 4,8a; Gdt 6,19). Ancora una volta si esprime la legge dell’elezione: Dio sceglie ciò che è umile perché così a lui piace.
D’ora in poi (lett.: Ecco): sottolinea ammirazione per l'evento in lei compiuto e stupore nel trovarsi improvvisamente al centro della storia salvifica.
Tutte le generazioni: passate, presenti e future di tutti i popoli mi chiameranno beata: «designa la benedizione della madre del Messia da parte di tutte le generazioni (cfr. Lc 11,27: «Beato il ventre che ti ha portato e il seno da cui hai preso il latte!»)» (Hauch, GLNT).

49 (+ Poiché) Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;

Poiché: è il motivo della benedizione da parte di tutte le generazioni.
Grandi cose: usa il plurale per il mistero dell'Incarnazione in lei compiuto perché tutti i portenti divini e le imprese grandiose di Dio trovano qui il loro significato e il loro compimento. Questo evento tutti li supera e manifesta che Egli è l’Onnipotente. Infatti il bimbo che da lei nascerà è salutato dal profeta Isaia come Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace (9,6).
E Santo è il suo nome: come è stato detto dall'Angelo: «Colui che nascerà sarà dunque Santo e chiamato Figlio di Dio» (1,35), ed è profetizzato da Daniele: Settanta settimane sono fissate... per ungere il Santo dei Santi (9,24).

50 di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono. R/.

Maria è al centro di tutte le generazioni e quindi con lei inizia quel giudizio sulla storia che da una parte si rivela come misericordia verso coloro che temono Dio, gli umili e gli affamati, cioè verso i poveri del Signore, e dall'altra come condanna verso i superbi, i potenti e i ricchi.
L'attesa dei poveri del Signore (vedi Sof 2,3) è ora appagata in Maria povera e Madre del Messia dei poveri.

[52 ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;]
53 Ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Sono contrapposti potenti - umili e affamati - ricchi.
I potenti e i ricchi hanno in mano loro il dominio sui popoli e i beni della terra. Con il Cristo avviene il totale rovesciamento di questa situazione: «i primi invitati non avranno parte al convito (14,24); gli affamati saranno colmati di beni, mentre i ricchi saranno rimandati a mani vuote (1,53); i perduti saranno salvati (19,10); chi si abbassa sarà esaltato (14,11; cfr. 18,29s)» (Hauck-Kasch, GLNT). L’affermarsi della sua regalità ha come segno questi cambiamenti. Questa è l’ultima possibilità data ai potenti e ai ricchi: anticipare essi stessi il giudizio di Dio nel condividere i loro beni con gli affamati ed esercitare la giustizia con sapienza (cfr. Sap 1,1). Al loro indurimento corrisponde il giudizio di Dio. La comunità dei credenti è formata da coloro che hanno già accettato questo giudizio e vivono nella condivisione.

54 Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia.
[55 come aveva promesso ai nostri padri,
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre»]. R/.

Ha soccorso Israele, in molti modi: attraverso Mosè, Giosuè, i Giudici, Davide ecc. e ora soprattutto donandogli il Messia promesso.
Ricordandosi della sua misericordia. Questa misericordia, iniziativa gratuita di Dio, è la promessa fatta ad Abramo (55), legata a un giuramento (1,73): in una parola è la sua santa alleanza (1,72).

Il cantico di Maria è uno sguardo su tutta la storia come passato, presente e futuro.
Tutti i popoli, tutte le generazioni vedono il segno del Figlio e della Madre. Attorno a questo segno ruotano tutti gli avvenimenti e tutte le situazioni degli uomini che subiscono un rovesciamento proprio in forza di questo segno.
La Madre del Messia è pienamente consapevole di essere con il Figlio suo al centro di questo evento che tutto ricapitola.
Ella si presenta pure come modello di ogni credente che fonda sulla Parola la sua certezza e quindi in forza della speranza ciò che ancora non si vede lo si accoglie addirittura come fosse già attuato.
L’esplicarsi della storia della salvezza attua quanto la Parola ha già annunciato.
Per il credente non esiste la possibilità ma solo la certezza dell’attuarsi di quanto Dio ha consegnato al suo popolo mediante le Sacre Scritture.
Il Cantico di Maria infatti attraversa tutte le divine Scritture e le raccoglie in questo respiro di gratitudine e di gioia verso il Signore che non lascia deluse le speranze dei suoi poveri.

SECONDA LETTURA 1Ts 5,16-24

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi

Fratelli, 16 siate sempre lieti, 17 pregate ininterrottamente,

La gioia continua e la preghiera ininterrotta sono intimamente unite: la preghiera è fonte della gioia (vedi Fil 3,1). Ininterrottamente: solo nello Spirito è possibile pregare incessantemente (vedi l'esperienza del pellegrino russo).

18 in ogni cosa rendete grazie: questa infatti è volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi.

In ogni cosa, sia nella gioia che nell'afflizione, durante il cibo, il cammino, il riposo, in ogni tempo: tutto è fonte di ringraziamento: anche le nostre prove, la misericordia che si manifesta anche quando pecchiamo. Tutto è ringraziamento perché non c'è istante in cui non si manifesti la misericordia del Padre; anche i momenti più oscuri della nostra vita sono circondati dalla sua misericordia. Tenera e soave misericordia del mio Dio sempre sei degna di ringraziamento tu che impregni la nostra stessa esistenza e ci manifesti il volto del Padre.
L'Eucaristia, in quanto rendimento di grazie, in ogni situazione è la volontà di Dio. So con certezza di adempiere la volontà di Dio quando di ogni cosa che mi capita lo ringrazio. questa volontà del Padre si manifesta in Cristo Gesù perché in Lui è ogni ringraziamento. Altrove (2,13) Paolo ha detto Proprio per questo anche noi ringraziamo Dio continuamente, perché, avendo ricevuto da noi la parola divina della predicazione, l'avete accolta non quale parola di uomini, ma, come è veramente, quale parola di Dio, che opera in voi che credete.
«Questa è la volontà di Dio: si riferisce a tutte tre e le cose precedono e particolarmente a quell'espressione di totalità che c'è in tutte e tre le espressioni. Nelle concordanze ci sono molti riscontri di questa totalità. Sento questo in rapporto alla continuità dell'Eucaristia quotidiana: non credo sia norma generale ma credo ma credo che per noi valga e che ci deve essere nella Chiesa chi fa questo. ci devono essere dei riscontri: non può essere una cosa affermata in assoluto. Se è vero che al ringraziamento continuo dobbiamo dare riscontro nella presenza dell'Eucaristia, allora ci deve essere la gioia continua e la preghiera incessante. Per chi al mattino ha ricevuto il Signore non è solo un dono, ma un dovere» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 29.12.1973).

19 Non spegnete lo Spirito,

L’apostolo si riferisce ai carismi dello Spirito, paragonato a un fuoco, che essi non devono spegnere.
«Vedi Mt 25,8: «Le nostre lampade si spengono» Ef 6,16: Tenete sempre in mano lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno. C'è una fiamma della profezia che equivale alla fede stessa e c'è una fiamma dell'incredulità del nemico che si spegne solo con lo scudo della fede» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 29.12.1973).

20 non disprezzate le profezie. 21 Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono. 22 Astenetevi da ogni specie di male.

23 Il Dio della pace vi santifichi interamente, e tutta la vostra persona, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. 24 Degno di fede è colui che vi chiama: egli farà tutto questo!

In questa lettera, che è il primo scritto del N.T., recepiamo la forte tensione verso la venuta del Signore. Il Signore che viene è al centro della vita cristiana. Attendere al Signore è amarlo ed è lasciarsi penetrare dalla sua luce trasformante nella triplice dimensione del nostro essere (spirito,anima e corpo).
Questa tensione verso il Signore che viene non è di natura psicologica ma spirituale: è il dono a noi comunicato dal Dio della pace e suscita ne credenti la gioia, la preghiera e il rendimento di grazie.
L’attesa quindi non si quantifica in giorni, anni, ore ecc., cioè non è misurata dal tempo, ma misura dell’attesa è lo Spirito Santo. È infatti nel fuoco dello Spirito che si gioisce sempre, si prega senza posa e si vive in perenne rendimento di grazie.
In virtù dello Spirito non si disprezzano le profezie, si esamina ogni cosa e si ritiene ciò che è buono.
Qui si attua il superamento di noi stessi come misura del bene e degli altri come misura del male e in questo si rivela lo Spirito. Quando sappiamo misurare il bene, che è negli altri, e il male, che è in noi, allora significa che lo Spirito è fiamma viva in noi.
Allo stesso accogliere le profezie senza disprezzarle significa accogliere nella Parola di Dio la parola nuova che distrugge ed edifica, sradica e pianta. È accogliere in noi le operazioni della Parola proclamata senza porre resistenza applicandola a noi.
In una parola è accogliere il Cristo nella gioia, nella preghiera incessante, nel rendimento di grazie, nello Spirito che in noi ravviva l’incessante rapporto con la Parola incentrata in Cristo.

ACCLAMAZIONE AL VANGELO

R/. Alleluia, alleluia.

Lo Spirito del Signore è sopra di me,
mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio.

R/. Alleluia.

VANGELO Gv 1,6-8.19-28

Dal vangelo secondo Giovanni

6 Venne (lett.: ci fu) un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.

Il Verbo era, Giovanni invece fu fatto: era una creatura. Anch'egli fu fatto per mezzo del Verbo. Quando fu concepito nel seno materno, egli ricevette la sua missione. Questo accadde al profeta Geremia (cfr. Gr 1,5) e all'Apostolo Paolo (cfr. Gal 1,15).
Giovanni dice di sé: «Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua» (1,33) e altrove dice: «Non sono io il Cristo, ma io sono stato mandato innanzi a Lui» (3,28). Egli ha coscienza che Dio lo ha inviato. Il Verbo, che lo ha plasmato, è la luce che lo illumina e gli comunica la vita perché egli sia testimone. Nell'Evangelo di Luca si dice che la parola di Dio fu su Giovanni, figlio di Zaccaria nel deserto (3,2). Il Verbo di Dio, come fu sui profeti, fu pure su Giovanni e si rivelò a lui come già presente in mezzo al suo popolo. Mentre i profeti precedenti cercavano di indagare a quale momento o a quale circostanza accennasse lo Spirito di Cristo che era in loro, quando prediceva le sofferenze destinate a Cristo e le glorie che dovevano seguirle (1Pt 1,11), Giovanni è inviato perché la luce già risplende nelle tenebre.
Non a caso l'evangelo dà molto risalto al nome: e il suo nome era Giovanni. Questo nome è stato scelto da Dio (Lc 1,13). «L'Evangelista conferma tutto questo mediante il verbo che usa: dice infatti era, appunto perché si riferisce alla predisposizione divina» (Tommaso). Nel nome poi è rivelata la missione: «Dio fa grazia»; preannuncia l'Evangelo che sta per essere annunciato. È apparsa infatti la grazia di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli uomini (Tt 2,11).

7 Egli venne come testimone (lett.: per la testimonianza)
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.

Costui venne per la testimonianza. Poiché era profeta, egli dette testimonianza a quello che aveva udito e visto. Infatti la testimonianza di Gesù è lo spirito di profezia (Ap 19,10). Essendo un vero profeta rese testimonianza alla luce, dichiarò che Gesù era la luce. Udì la voce del Padre, vide scendere e rimanere sul Cristo lo Spirito, udì la voce dello Sposo e dichiarò di essere amico dello Sposo. Avendo in sé lo Spirito della profezia, Giovanni fu illuminato dalla luce e riconobbe in Gesù quella luce che lo illuminava, e come vedendola per primo, non più in modo debole ma chiaro, dichiarò a tutti chi era la luce. L'interiore illuminazione, di cui Giovanni godette, testimoniava che la luce era sorta e già risplendeva nelle tenebre. È scritto: La tua parola nel rivelarsi illumina, dona saggezza ai semplici (Sal 119,139). Non solo in virtù dello Spirito di profezia ma anche con la propria vita Giovanni dette testimonianza alla luce. Illuminato dal Verbo, che si rivelava come la vera luce, Giovanni lo accolse in sé perché in lui non c'erano le tenebre. Gli uomini poi, vedendo la santità della sua vita e ascoltando la testimonianza della sua parola, avrebbero dovuto credere per mezzo di lui. Giovanni, essendo una lampada che arde e risplende (5,35), doveva preparare gradatamente gli uomini ad accogliere la luce vera. Gli occhi, che sono abituati alle tenebre, non possono cogliere l'improvviso apparire della luce, benché questa si sia presentata agli uomini già adombrata dalla nube della carne.
Notiamo poi, che dicendo tutti, noi impariamo che la missione di Giovanni è per sempre. Egli continua a dare testimonianza. Tutti dobbiamo passare attraverso Giovanni per accogliere l'Evangelo. Questo significa accogliere la testimonianza dei profeti dell'Antico Testamento. Giovanni è l'ultimo dei profeti ma la sua testimonianza risuona dalle pagine evangeliche. Quindi tutta la profezia in lui confluisce nell'Evangelo come testimonianza resa a Cristo.
Essendo più che profeta e messaggero, egli conferma quanto hanno testimoniato i profeti precedenti.
In lui la Parola si manifesta con tale efficacia da volersi rallegrare alla sua luce (cfr. 5,35). Per questo aggiunge subito:

8 Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.

Non era lui la luce. Per quanto sublime sia la profezia, essa è pur sempre testimonianza e bisogna sempre saper cogliere all'interno della parola profetica la luce stessa. Mosé e i Profeti non sono la luce ma rendono testimonianza alla luce, che risplende nella loro stessa parola perché questa è Parola di Dio. L'unica Parola risplende nella Legge e nei Profeti. Avendo conosciuto il Cristo, abbiamo visto la Luce; noi sappiamo che la Legge e i Profeti non sono la luce ma in loro la luce si rivela in virtù della conoscenza evangelica. Perciò Giovanni e tutti i profeti danno testimonianza alla luce.
Vi è tanta luce in Giovanni da confonderlo con la luce stessa; così nell'Antico Testamento risplende una tale luce da affermare che esso stesso è la luce e quindi si è portati a rifiutare l'Evangelo. Con altra immagine, Gesù parla del rifiuto dell'Evangelo: E nessuno che beve il vino vecchio desidera il nuovo, perché dice: Il vecchio è buono! (Lc 5,39).

19 E questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e leviti a interrogarlo: «Tu, chi sei?».

L'Evangelo precisa il ruolo della testimonianza di Giovanni.
Questa avviene davanti ai sacerdoti e ai leviti mandati dai Giudei. Appaiono già le categorie che stanno di fronte a Gesù. I Giudei sono coloro che coscientemente si oppongono al Cristo e i sacerdoti e i leviti lo immoleranno come vittima sacrificale. Quindi essi provengono da Gerusalemme, la città nella quale il Cristo darà la sua testimonianza.
I sacerdoti e i leviti devono interrogarlo: Tu chi sei? Qualificando se stesso, Giovanni dà testimonianza.
La sua testimonianza avviene nello spazio di tre giorni e cresce d'intensità. Assente il Cristo la sua testimonianza è negativa (primo giorno), alla sua presenza diventa positiva (secondo giorno) e al suo rivelarsi Giovanni manda i suoi discepoli da Gesù (terzo giorno).
Giovanni non è la luce e, assente questa, confessa di non esserlo. È questo l'ultimo giorno dell'antica economia; all'apparire della luce, Giovanni le rende testimonianza, è il primo giorno in cui risplende l'Evangelo; all'apparire dello Sposo gli consegna nei discepoli la Sposa.
Queste sono le tappe della missione di Giovanni già fissate ai vv. 6-8: «primo, Giovanni il Battista non era la luce; secondo, egli doveva rendere testimonianza alla luce (= Gesù); terzo, per mezzo di lui tutti gli uomini avrebbero dovuto credere» (Brown).

20 Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo».

La testimonianza, resa davanti agli uomini, diventa confessione davanti a Dio.
E confessò e non negò e confessò, la formula ridondante rivela l'importanza di quanto sta per dire e la fermezza della sua confessione.
Egli dichiara: «Io non sono il Cristo». Poiché la luce ancora non appare, egli confessa: «Io non sono il Cristo». La parola “io non sono” è la dichiarazione del proprio nulla e si contrappone all'altra che Gesù dice: "Io sono". Giovanni nega di essere il Cristo.
La sua prima confessione consiste nel negare di avere una missione messianica (cfr. Lc 3,15). Quello che egli dice e fa non è proprio del Messia anche se per una certa mentalità poteva già apparire come tale. L'Evangelo, riferendoci questa prima confessione di Giovanni, ci orienta a non cercare il Cristo nelle categorie veterotestamentarie colte secondo la lettera, ma ad accogliere la novità che emerge dalla stessa Scrittura nella luce dello Spirito. Anche i discepoli dovranno fare un cammino che li porterà a confessare che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio.
Giovanni, come ultima voce dell'A.T., confessa di non essere il Cristo, cioè dichiara di non avere in sé le caratteristiche proprie del Messia che invece si riveleranno in Gesù.

21 Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose.

«Chi sei (lett.: Che cosa), dunque? Sei tu Elia?», essi vogliono giungere a una conclusione, a definire la natura della missione di Giovanni. Gli chiedono pertanto se sia Elia. Desiderano sapere se egli si senta investito della stessa missione di Elia. Questa è espressa in Ml 3,23-24: egli precede la venuta del Signore e opera per la conversione. Egli nega di esserlo: «Non lo sono». Giovanni nega di essere quello che l'angelo Gabriele gli attribuisce: Gli camminerà innanzi con lo spirito e la forza di Elia, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla saggezza dei giusti e preparare al Signore un popolo ben disposto (Lc 1,17). Anche lo stesso Signore lo identifica con Elia: E se lo volete accettare, egli è quell'Elia che deve venire (Mt 11,14).
Riguardo a questo, così interpreta Agostino: «Se guardiamo alla figura di precursore, Giovanni è Elia: perché Elia sarà per il secondo avvento, ciò che Giovanni fu per il primo. Ma se badiamo alla persona in se stessa, Giovanni è Giovanni, Elia è Elia. Intendendo la significazione, dunque, il Signore ha detto giustamente: “Giovanni è Elia” mentre intendendo la persona in sé, giustamente ha detto Giovanni: “Non sono Elia” (4,6)». Dicendo: “Non sono”, ancora una volta sentiamo vibrare tutta la creaturalità di fronte a Colui che è. Negando se stesso, Giovanni Lo afferma come l'Assoluto, con il quale non si può avere nessuna relazione neppure quella di precursore. Giovanni s'inabissa nel suo nulla facendo apparire la grandezza di Colui che viene dopo di lui. All'apparire del Cristo anche la luce della lampada scompare.
Gli chiedono ancora: «Sei tu il profeta?». Vi è un riferimento a Dt 18,15: Il Signore tuo Dio susciterà per te, in mezzo a te, fra i tuoi fratelli, un profeta pari a me; a lui darete ascolto. Il titolo ha qui probabilmente un significato messianico (cfr. v. 45) oppure può indicare colui che, apparendo prima del Messia, ne annuncia la venuta. Giovanni risponde: «No». Negando di essere il profeta, egli profetizza. Se avesse affermato di esserlo, egli avrebbe avvalorato il modo che tutti avevano di attendere il Cristo; negando di esserlo purifica le loro attese e li pone di fronte al Cristo così come egli stesso si pone, cioè con il proprio nulla.

22 Gli dissero allora (lett.: dunque): «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?».

Dopo che Giovanni ha negato di essere il Cristo o una delle figure profetiche attese, i sacerdoti e i leviti, mandati da Gerusalemme, desiderano giungere a una conclusione (dunque). «Chi sei?». Sembra quasi esservi un tentativo d'isolare Giovanni dal Cristo; ma quegli costantemente parla del Cristo. La risposta che gli inviati ricevono è appunto che il Cristo è presente in mezzo a loro. Anche la stessa domanda serve a dare la stessa risposta: «Che cosa dici di te stesso?». Giovanni non dice nulla di sé se non quello che già è scritto. La sua missione, pur non esprimendosi in quella di Elia o del profeta, è tuttavia già espressa nella divina Scrittura.

23 Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaia».

Egli, infatti definisce se stesso: Ia voce di uno che grida nel deserto. Egli è la voce, colui che viene dopo di lui è la Parola, il Verbo. In questo ultimo giorno risuona la voce, il giorno dopo apparirà il Verbo. Giovanni è tutto voce di uno che grida nel deserto. È l'ultima mediazione della voce divina prima che appaia la Parola in se stessa. In lui Dio parla ancora come nell'Antico Testamento, tra pochi giorni parlerà nel Figlio.
Giovanni grida nel deserto, qui si ode la voce e non in Gerusalemme. Il Messia, infatti, viene da oriente per salire a Gerusalemme, viene perciò dal deserto. Qui Giovanni lo attende e qui si fa voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore. «Ora, comunque noi sappiamo che è perfettamente plausibile che Giovanni il Battista usasse il testo per applicarlo a sé. Gli esseni di Qumran usavano precisamente questo testo per spiegare perché sceglievano di vivere nel deserto: stavano preparando la via del Signore con lo studio e l'osservanza della legge (1QS VIII, 13-16)» (Brown, o.c., p. 67).
Bisogna fare largo al Signore che viene, rendere diritta in se stessi la sua via, come ha detto Isaia, il profeta. «Ora la via appianata per accogliere il Signore è la via della giustizia, come dice Isaia (26,7): Il sentiero del giusto è diritto ... Ed è diritto il cammino del giusto, quando l'uomo per intero è sottomesso a Dio. Quando cioè la sua intelligenza è assoggettata a Dio con la fede, la volontà è a lui sottoposta con l'amore e le opere con l'obbedienza» (S. Tommaso, 239).

24 Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei.

L'Evangelo introduce ora i farisei. Secondo il testo ufficiale i sacerdoti e i leviti sono stati inviati da parte dei Giudei, che erano della setta dei farisei, traduce infatti: quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. La Tob così traduce: Quelli che erano stati mandati erano dei farisei, i sacerdoti e i leviti erano dei farisei. Questa traduzione incontra una certa difficoltà perché la classe sacerdotale era prevalentemente sadducea.
Se gli inviati, in quanto sacerdoti e leviti, hanno chiesto a Giovanni di dare una definizione di se stesso, ora, come farisei, chiedono la motivazione del suo battesimo.
I farisei detenevano un forte potere spirituale fondato sulla stretta osservanza della Legge e sull'insegnamento dei loro maestri. L'Evangelo quindi rileva un confronto tra il loro insegnamento e quello di Giovanni. I farisei si ritenevano gli unici depositari della rivelazione contenuta sia nella Scrittura che nella Tradizione orale e quindi si ritenevano autorizzati a controllare e a verificare tutto quello che si manifestava

25 Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?».

Per i farisei la definizione che Giovanni ha dato di se stesso non è sufficiente per autorizzarlo a battezzare. Essi ritengono pertanto che il battesimo, che Giovanni amministra, sia caratteristica degli ultimi tempi perché conferito dal Cristo o da Elia o dal profeta. Dimostrano così di non aver colto nelle parole di Giovanni la sua testimonianza riguardo al Signore. Essi pensano forse che Giovanni proponga riti alternativi di purificazione a quelli che la Legge prescrive e che già si compiono nel Tempio. Perciò i sacerdoti e i leviti, come pure i farisei, temono una scissione quale è quella che ci è testimoniata dalla comunità di Qumran. Perciò essi vogliono sapere con quale autorità Giovanni battezzi, cioè come chiederà il Signore: «il battesimo di Giovanni era da Dio o dagli uomini?» (cfr. Mc 11,30).
«Si noti che essi non domandano per sapere, ma per impedire» (S. Tommaso). Il potere che si attribuiscono e il rapporto privilegiato che pensano di avere con Dio impediscono ai farisei di accogliere l'intervento divino che esuli dalla loro cerchia.
Essi sono convinti che Dio non possa far nulla senza di loro. Infatti anche ora dalla loro domanda traspare la convinzione che Giovanni battezzi di sua iniziativa senza essere inviato da Dio.
Con un sottile ragionamento, espresso sotto forma di domanda, essi hanno voluto svuotare di valore la testimonianza di Giovanni: se la missione di Giovanni non entra in una delle tre categorie sopraccitate non è vera e quindi di nessun valore è la sua testimonianza. La Scrittura, che Giovanni cita, non ha per loro valore di testimonianza perché non è interpretata secondo i loro criteri. I Giudei di Gerusalemme, espressi nei sacerdoti e leviti e farisei, formano una roccaforte che non ammette nessuna possibilità di rivelazione divina al di fuori di loro. Tutto ciò che avviene fuori di loro non è divino ma solo umano.

26 Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, 27 colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».

Giovanni battezza con acqua in rapporto al Cristo. Questi è colui che è venuto con acqua (cfr. 1Gv 5,6). Giovanni prepara quindi il primo segno della manifestazione del Cristo. Scompare il carattere di conversione (cfr. Mt 3,11) ed emerge come significato la testimonianza: il battesimo con acqua è il luogo dove Cristo comparirà il giorno seguente, il nuovo giorno.
Ora Egli sta in mezzo ai Giudei senza essere conosciuto. Essi possono conoscerlo solo dopo che Egli si è rivelato. Essi non hanno il potere di stabilire se Egli è il Cristo, ma come tutti, i farisei devono rapportarsi a Lui con la fede. Senza questa non possono conoscerlo. Credere significa accogliere il segno che Giovanni compie. Il Cristo viene infatti dopo di lui perché deve passare attraverso l'acqua battesimale. Si manifesta in essa e l'assume rendendola feconda nello Spirito e quindi capace di rigenerare dall'alto. Chi non accoglie il segno posto da Giovanni, non può accogliere nemmeno il Cristo.
Giovanni si rapporta al Cristo come colui che non è degno di sciogliere il legaccio del suo sandalo.
In rapporto a chi viene dopo di lui, Giovanni non si reputa degno neppure del più umile servizio. «Pieno di Spirito Santo, egli come servo riconobbe il Signore, e da servo meritò d'essere fatto amico» (S. Agostino). Questa parola di Giovanni è riportata anche nei sinottici, come pure in At 13,25 sulla bocca di Paolo. Essa quindi lo caratterizza. Il Signore sta per percorrere la sua via come un eroe e sull'Idumea getterà i suoi sandali (cfr. Sal 59,10). Nella visione del Sal 59 il Signore farà dei popoli confinanti i servi dediti ai servizi più umili, così Edom dovrà sciogliergli i sandali, compito riservato ai servi (vedi Ialqut avadim 1,7). Così Giovanni attribuisce a sé questo servizio che la Scrittura assegna alle genti sottomesse al Cristo.

28 Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

L'Evangelo nomina il luogo dove Giovanni ha dato testimonianza di fronte ai farisei: è Betania al di là del Giordano la cui ubicazione è sconosciuta. Essa richiama l'altra Betania, che è vicino a Gerusalemme. Possiamo dire che nella Betania al di là del Giordano Gesù si lascia togliere i sandali da Giovanni per immergersi nelle acque battesimali e a Betania vicino a Gerusalemme Maria cosparge i piedi di Gesù di olio profumato (cfr. 12,3). Qui, al di là del Giordano, riceve i servizi che sono propri delle Genti e, immergendosi nell'acqua, viene a noi; a Betania, vicino a Gerusalemme, i suoi piedi sono unti con olio profumato perché sta per immergersi nella sua Passione, nella quale viene a noi attraverso il Sangue. Nell'una e nell'altra Betania avvengono grandi misteri che toccano i piedi del Signore perché Egli è colui che viene, è il messaggero di lieti annunzi i cui piedi sono belli sui monti (cfr. Is 52,7). Questi sono i piedi che vengono forati sulla croce e che il Signore risorto mostra ai suoi discepoli (cfr. Lc 24,39).

Oltre il Verbo, l’unico a essere ricordato nel prologo è Giovanni. Questo denota la sua importanza. Nessun uomo è posto così vicino a Dio come Giovanni. Nel suo puro negarsi come non appartenente a nessuna categoria egli è il testimone più diretto della Luce increata, del Verbo fatto carne cioè del Cristo.
In tal modo Giovanni prepara tutti a credere in Gesù: in lui la preparazione dell’Antico Testamento giunge al suo compimento. Israele deve diventare il nuovo Israele in Colui che in sé ricapitola tutti i titoli e le categorie veterotestamentarie.
In tal modo Giovanni è l’esempio di ogni credente: nel suo divenire pura negazione e nel non attribuire a sé nulla egli rimanda tutta la Scrittura al Cristo. Questi è l’unica chiave interpretativa delle divine Scritture.
Ogni cristiano nel momento in cui non si appropria della Scrittura ma in rapporto ad essa si annulla e afferma il Cristo, viene da questi associato a se stesso e dal Padre è glorificato.

PREGHIERA DEI FEDELI

C. Il Signore, che viene a salvarci c’invita a riconoscere le opere del Cristo, che a noi si manifesta in modo umile.
Preghiamo nella sua pace e diciamo:
Padre, fonte della pace, ascoltaci.

 Per la pace del mondo perché tutta la Chiesa annunci l’Evangelo che dona a tutti gli uomini liberazione dalle loro schiavitù, preghiamo il Signore.
 Per quelli che amano il Cristo e ne annunciano con fedeltà la Parola e per coloro che consolano i poveri nelle loro afflizioni e si ricordano degli afflitti, dei prigionieri e di quanti hanno il cuore spezzato, preghiamo il Signore.
 Perché le nostre comunità attendano con amore il Cristo e ne annunzino l’Evangelo rendendolo presente nel servizio dei poveri e dei sofferenti, preghiamo il Signore.
C. O Dio, Padre degli umili e dei poveri, che chiami tutti gli uomini a condividere la pace e la gloria del tuo regno, mostraci la tua benevolenza e donaci un cuore puro e generoso, per preparare la via al Salvatore che viene.
Egli è Dio e vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.


La presenza di Giovanni nel IV Vangelo si caratterizza innanzitutto come quella di chi annuncia la venuta del Regno e del Messia, e questo suo ministero viene qualificato come “testimonianza”: Giovanni appare come il testimone inviato da Dio “per rendere testimonianza alla luce” (Gv 1,7) e per condurre i figli di Israele a riconoscere il Messia. Di fronte all’accoglienza della sua predicazione da parte di molti giudei, l’autorità religiosa legittima di Israele – rappresentata dai sacerdoti e dai leviti di Gerusalemme – si reca a incontrare Giovanni nel deserto e gli chiede conto della sua missione: “Chi sei tu? Sei il Cristo, il Messia che attendiamo? Sei l’Elia annunciato dal profeta Malachia per gli ultimi tempi (cf. Mal 3,23-24)? Sei il profeta escatologico uguale a Mosè che ci è stato promesso (cf. Dt 18,18; 34,10)?”. E Giovanni per tre volte risponde: «No! Non lo sono!», confessando di non essere ciò che altri pensano di lui. Egli non guarda a se stesso, non pretende attenzione alla propria persona; è soltanto uno che fa segno, un dito teso a indicare un altro.
Non a caso, quando usa l’espressione: “Io sono”, lo fa solo per definirsi “voce”: “voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore” (cf. Is 40,3), voce che deve testimoniare ciò che vede, voce che deve obbedire senza indugio, voce prestata a chi l’ha mandato. Nessun attentato alla signoria di Gesù: è lui il Messia, è lui il Profeta! Nei vangeli sinottici è Gesù stesso ad affermare che Giovanni il Battezzatore era “l’Elia venuto e non riconosciuto” (cf. Mt 17,12-13), mentre qui Giovanni non proclama di sé neppure ciò che in realtà è. Sì, Giovanni è voce obbediente alle Sante Scritture, alla profezia di Isaia che egli adempie puntualmente, tramite la richiesta della conversione (cf. Mt 3,2.8), cioè di un impegno fattivo a raddrizzare le strade per andare incontro al Signore Veniente (cf. Mc 1,3 e par.). Giovanni non ha neppure un messaggio suo: rinnova l’invito profetico e anticipa la predicazione di colui innanzi al quale è stato mandato da Dio.
E quando sacerdoti e leviti, insistendo nell’interrogarlo, gli chiedono conto del suo gesto profetico, l’immersione nell’acqua di chi vuole convertirsi, egli risponde che il suo gesto prepara la venuta ormai imminente, anzi l’apparizione, di uno che è già presente nel mondo eppure non è conosciuto. È qualcuno che sta alla sua sequela, cammina dietro a lui come un discepolo, eppure Giovanni non è degno di sciogliere il legaccio dei suoi sandali. Ecco la testimonianza di Giovanni, la rivelazione del mistero: il Messia Veniente è già presente, in modo nascosto, ma sta per essere manifestato proprio da lui, che tuttavia non è neppure degno di compiere il servizio dello schiavo; qui sta la grandezza dì Giovanni, nella sua capacità di farsi piccolo, di «diminuire affinché Cristo cresca» (cf. Gv 3,30). Ancora oggi occorre guardare all’umiltà autentica di Giovanni: a questo sono chiamati in particolare quanti, come lui, hanno la missione di annunciare Gesù Cristo: Giovanni ammonisce la chiesa e tutti gli evangelizzatori a non esigere sguardi su di loro, a non parlare di se stessi, a non trattenere presso di sé chi deve essere condotto solo a Cristo! In questo tempo di narcisismo religioso, un tempo in cui abbondano quelli che “raccontano se stessi per dare testimonianza” o che, in nome dei carismi ricevuti, ostentano senza pudore la propria persona agli occhi del mondo, Giovanni il Battezzatore è una memoria che interroga e giudica senza tregua…

ENZO BIANCHI

 

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Nel tempo di Avvento, dopo le celebrazioni delle ore 8,30 e delle 18,00 delle domeniche saranno recitate comunitariamente le preghiere delle Lodi e dei Vespri.

Novena del Santo Natale
Siamo ormai vicini al giorno in cui ricordiamo l’incarnazione di Nostro Signore Gesù Cristo, fatto uomo per la nostra salvezza. Martedì 16 c.m. inizierà la novena di Natale. Alla messa delle ore 9, che sarà anticipata, come ormai è di tradizione, alle ore 7 e durante la messa delle 18. La mattina del venerdì si aggiungerà anche quella delle 9. Per chi non potesse venire a messa nè la mattina nè la sera vi sarà la novena anche alle ore 20, tranne sabato e domenica, in una Liturgia della Parola. Giorno 24, vigilia del Santo Natale, ci ritroveremo poi in chiesa alle ore 24 per la messa di mezzanotte.

Luce della pace di Betlemme
Sabato 20 il Masci e l’Agesci portano nella nostra parrocchia la luce di Betlemme, segno di Cristo nostra luce e nostra pace.
La luce arriverà alle messa delle 18. Sia sabato 20 che domenica 21 a tutte le messe la luce verrà distribuita ai fedeli.

Roveto Ardente
Giovedì 18 c.m. alle ore 19 il Rinnovamento dello Spirito si ritroverà in chiesa per un momento di Adorazione Eucaristica. Adorare il Signore è il modo più bello per prepararsi al Santo Natale. L’iniziativa è aperta a tutta la comunità, giovani e adulti.

Penitenziale
Venerdì 19 alle ore 19,30 alcuni ragazzi della parrocchia hanno organizzato una penitenziale per tutta la comunità parrocchiale.

Confessioni
Il tempo di avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale del Signore. Importane purificare i nostri cuori per ben accogliere Gesù nella nostra vita. Si invita pertanto a provvedere alle confessioni senza aspettare gli ultimi giorni. I parroci sono presenti tutti i giorni, dalle ore 9 (tranne il lunedì) alle ore 11,30; dalle 17 alle 19,30. Per questa sarà presente dal 17 don Patrizio.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Nel tempo di Avvento, dopo le celebrazioni delle ore 8,30 e delle 18,00 delle domeniche saranno recitate comunitariamente le preghiere delle Lodi e dei Vespri.

Festa “Il Futuro siamo noi”
I bambini del “Il Futuro siamo noi”, che la domenica animano la Messa delle 11,30 cantando nel coro, hanno preparato per la comunità uno spettacolo musicale, che si terrà nel nostro Auditorium domenica 7 dicembre. Ci ritroveremo nell’Auditorium subito dopo la messa delle 18,00. Ci sarà anche la possibilità di cenare con i tradizionali “cuddrurieddri”. Una occasione importante per ritrovarsi come famiglia per festeggiare insieme.

8 Dicembre Immacolata
Lunedì c.m. 8 ricorre la solennità dell’immacolata Concezione. Gli orari delle celebrazione saranno come nei giorni festivi. Dopo la Messa delle 11,30 deporremo, a nome di tutta la comunità parrocchiale, un omaggio floreale alla madonnina che domina la piazza Giovanni Paolo II.
Alla messa delle 18,00 vi sarà, invece, l’adesione dell’AC per il nuovo anno. Dopo la messa ci si ritrova nell’Auditorium per festeggiare. Aderire all’AC significa rispondere con gioia al Signore della vita come ha fatto Maria; aderire all’AC significa dare qualità ai nostri gruppi e percorsi formativi per fare incontrare il Signore a tutti; aderire all’AC è dire a tutti che ciascuno di noi fa la chiesa, secondo il dono ricevuto, e che ciascuno vuole farsi aiutare a diventare testimone coraggioso del vangelo.

Benedizione bambinelli
Nella casa di ogni persona che si dice cristiana non può mancare la tradizione del presepe, che ci ricorda l’umiltà di un Dio che si è incarnato per la nostra salvezza. Come ogni anno nelle celebrazioni di domenica 14 ci sarà la benedizione dei bambinelli che porremo nei nostri presepi la notte di Natale. A questo scopo invitiamo le famiglie a portare in chiesa i bambinelli del proprio presepe.

Ritiro parrocchiale
Anche quest’anno gli operatori parrocchiali si ritroveranno insieme per vivere una giornata di spiritualità in preparazione al Natale. Si inizia con la celebrazione delle 8,30 e si procederà fino al pomeriggio. E’ un momento importante per prepararsi degna-mente ad accogliere il Signore che viene.

Incontro diocesano di AC
Domenica 14 alle ore 16,30 si terrà nella nostra parrocchia un incontro di spiritualità unitario di giovani e adulti della AC diocesana. A seguire ci si ritroverà nei vari settori.

Confessioni
Il tempo di avvento è un tempo di attesa e di preparazione al Natale del Signore. E’ importante purificare i nostri cuori per ben accogliere Gesù nella nostra vita. Si invita pertanto a provvedere alle confessioni senza aspettare gli ultimi giorni. I parroci sono presenti tutti i giorni, dalle ore 9,00 alle 11,30 (tranne il lunedì) e dalle 17,00 alle 19,30.

 

domeniche precedenti

 

II DOMENICA DI AVVENTO - ANNO B


Consolate, consolate il mio popolo!
Signore, i profeti di pace piangono.
Chi scalderà il cuore di chi è triste?
Eppure tu, o Dio, dici: Consolate!

All’intorno si odono parole di saggi,
grida di quanti protestano adirati,
i cieli si oscurano sotto volto triste
e la terra madre è in abbandono.

Ecco le sentinelle gridano sui monti,
risuona alto l’Evangelo di pace,
fratelli è tempo di fede luminosa,
speranza certa e carità perfetta.

Venite tutti a vedere il Signore,
che viene a capo del suo popolo,
ha come suo vincastro la croce
e i suoi lo seguono con gioia.

Isaia 40,1-11. Con Is 40,1-11 inizia la sezione dei cc. 40-55 dove, oltre la parola del profeta convenzionalmente chiamato Deuteroisaia, si percepisce l’intervento redazionale di altri tradenti che miravano sia a sviluppare il messaggio di speranza del nostro autore, sia a inserirlo organicamente nel libro che si era sviluppato a partire da Isaia e sotto l’influsso della sua straordinaria personalità profetica (cfr. l’Introduzione). La pericope non solo introduce la nuova sezione, ma ne rappresenta anche il prologo per i temi principali che essa anticipa. L’interesse intorno a cui convergono le varie parti del brano (vv. 1-2; 3-5; 6-8; 9-11) non è rappresentato dal messaggero, ma dal messaggio di liberazione e di speranza dischiuso dalla Parola del Signore. Attraverso una serie di voci la parola profetica passa di messaggero in messaggero per giungere al cuore di Gerusalemme, che diventa a sua volta, per tutte le città di Giuda, annunciatrice della venuta vittoriosa del Signore.
1-2. Risalgono probabilmente alla fase in cui i cc. 40-66 furono annessi ai cc. 1-39. Il verbo consolare, che segna l’inizio solenne del nostro testo (si noti la ripetizione stilistica dell’imperativo), è particolarmente frequente in questa seconda parte della Visione di Isaia (cfr. 49,13; 51,3.12; 52,9; 57,18; 61,2; 66,13). L’appello a consolare conserva anzitutto il suo riferimento alla ricostruzione delle mura di Gerusalemme nel 444, a opera di Neemia (cfr. 51,3; 59,2; Ne 1-4; 6,1-7,3). Oltre a questo riferimento, probabilmente originario, il tema della consolazione connota anche il messaggio di liberazione, proprio del Deuteroisaia, e la stessa prospettiva escatologica di Gerusalemme finalmente libera da ogni forma d’idolatria, perché rinnovata dall’amore del Signore.
I destinatari di quest’appello secondo il Targum sono i profeti, mentre secondo i LXX sono i sacerdoti. In realtà il testo ebraico con il suo silenzio sull’identità dei messaggeri si muove in uno spazio aperto. Tutti quelli che annunciano la parola di YHWH sono ora interpellati a parlare al cuore di Gerusalemme per assicurarla che è giunto il tempo in cui il Signore consola il suo popolo. Il vocabolario riecheggia il tema dell’alleanza, insinuato dalle espressioni mio popolo, vostro Dio (cfr. Dt 26,17-19). In particolare la locuzione parlare al cuore (cfr. Gn 34,2; Gdc 19,6; Rt 2,13; Os 2,16) prospetta la comunione sponsale che Gerusalemme è chiamata a vivere con il suo Dio. La singolare affermazione secondo cui Gerusalemme ha ricevuto doppio castigo per tutti i suoi peccati indica che la sventura abbattutasi sul popolo dal tempo dei re d’Assiria fino ad oggi (Ne 9,32) si riferisce non solo all’esilio babilonese, ma anche alla dominazione persiana, percepita negli ultimi anni come una schiavitù nel proprio paese (cfr. Ne 9,36).
3-5. Nei cc. 40-55 il deserto è simbolo di Israele che, per la sua infedeltà, ha perso la propria identità di popolo del Signore (cfr. 41,17 con Os 2,5). La parola profetica opera in questo deserto, realizzandovi la via che conduce il popolo, trasformato, all’incontro salvifico con il suo Dio. Il motivo della via attraversa l’intera Visione di Isaia, conferendole un’unità redazionale (cfr. 11,16; 18,23; 33,8; 49,11). Come rileva il v. 4, che probabilmente è un’aggiunta esplicativa, la preparazione della via comporta l’eliminazione di tutti gli ostacoli che si frappongono. Il v. 5 connette la trasformazione del popolo con la rivelazione della gloria del Signore: diversamente dagli dei delle genti, che manifestano la propria potenza nella maestosa raffigurazione delle loro statue, YHWH rivela la sua potenza nel cammino di liberazione che dischiude al suo popolo.
6-8. Nel testo ebraico segue ora un dialogo tra due voci. In esso si percepisce ancora l’eco di una chiamata al ministero profetico e tale eco risulta enfatizzata dalle versioni dei LXX e della Vulgata dove la domanda è messa in bocca a un io personale che interloquisce con la voce iniziale. La domanda di colui che è invitato a gridare, probabilmente lo stesso Deuteroisaia, esprime lo stato di smarrimento e sfiducia del popolo. La difficoltà del messaggero, però, è superata dallo stesso contenuto del messaggio che gli è affidato. Esso si riassume nella consapevolezza della debolezza di ogni uomo. Una simile coscienza mina alla radice tanto la pretesa di un impero indistruttibile quanto la paura di una schiavitù intramontabile. In contrasto con l’inconsistenza degli uomini si erge la parola che il profeta deve annunciare. Essa, in quanto Parola del Signore, non appartiene alle realtà destinate a scomparire, ma rimane per sempre con la potenza di realizzare efficacemente nella storia il disegno del Signore. La portata di tale affermazione apparirà nella parte conclusiva (cfr. Is 55,10-12a) che forma con il nostro testo una significativa inclusione.
9-11. L’annuncio ha come contenuto la manifestazione del Signore (cfr. il triplice Ecco), che viene con potenza per salvare il suo popolo. L’intervento del Signore è descritto con l’immagine del guerriero, forte e invincibile, che rievoca le narrazioni dell’esodo, e con la metafora del lavoratore, che porta a casa la ricompensa della sua fatica. Il senso di quest’ultima immagine è da ricercare in Ger 31,16 dove, con gli stessi termini, si presenta il ritorno degli esuli come compenso per le preoccupazioni di Rachele. La ricomparsa di questo vocabolo in Is 62,11, oltre che offrire un’unità tematica incentrata su Gerusalemme, conferma che il nostro testo è recente e probabilmente si riferisce alla ricostruzione delle mura ad opera di Neemia. Anche l’immagine del Signore pastore si riferisce a Gerusalemme, dove il Signore raduna tutto il suo popolo avendo particolare cura dei più deboli e bisognosi (cfr. Ez 34,11-16).

PRIMA LETTURA Is 40,1-11

Dal libro del profeta Isaia

40,1 «Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro Dio.

Il messaggio irrompe dall’interno del mistero di Dio, con un comando deciso: Consolate, consolate il mio popolo.
Questo commando, da lungo atteso, trova nei profeti un immediato ascolto e si propaga velocemente lungo la distanza che separa gli esiliati da Gerusalemme. È scritto nel libro dei Salmi: Manda sulla terra la sua parola, il suo messaggio corre veloce (Sal 147,4).
La consolazione inizia riproponendo l’alleanza che s’era spezzata con l’esilio: il mio popolo / il vostro Dio (cfr. Zac 13,9: Farò passare questo terzo per il fuoco e lo purificherò come si purifica l’argento; lo proverò come si prova l’oro. Invocherà il mio nome e io l’ascolterò; dirò: «Questo è il mio popolo». Esso dirà: «Il Signore è il mio Dio»).

2 Parlate al cuore di Gerusalemme
e gridatele che la sua tribolazione è compiuta,
la sua colpa è scontata,
perché ha ricevuto dalla mano del Signore
il doppio per tutti i suoi peccati».
Parlate al cuore di Gerusalemme, questa parola è in parallelo con consolate del verso precedente (cfr. Gn 50,21: Così li consolò e parlò al loro cuore; Rt 2,13). Quando il Signore lo vuole, allora scaturiscono le parole della consolazione e queste scendono nell’intimo e lo rafforzano; altrimenti i messaggeri di pace piangono amaramente (Is 33,7).
E gridatele con voce forte perché non vuole essere consolata in quanto ritiene simili parole come vuote, che la sua tribolazione è compiuta cioè il tempo assegnatole per essere angariata e umiliata da altri è terminato perché la sua colpa è scontata ed è giunto il tempo del suo riscatto. La consolazione è ripetuta due volte perché Gerusalemme ha ricevuto dalla mano del Signore il doppio per tutti i suoi peccati. Perché mai il doppio? Perché è la sposa e lo sdegno del Signore, mosso dalla sua gelosia, è stato durissimo con lei; ma ora il Signore la consola in maniera sovrabbondante. Il Signore non risparmia coloro, che Egli ha scelto e ama; come è severo nel punire così sovrabbonda nel consolare (cfr. Eb 12,5-6).

3 Una voce grida:
«Nel deserto preparate la via al Signore,
spianate nella steppa la strada per il nostro Dio.

Alla voce del profeta corrisponde ora un’altra voce (3-5) che comanda di appianare la via del deserto dove dovrà passare il Signore alla guida del suo popolo. Qui si attueranno le meraviglie della prima uscita, quella dall’Egitto. È Dio stesso a inviare questo messaggero che grida di preparare nel deserto la via del Signore. Il fatto che di lui si oda solo la voce e non si veda il volto questo sta a indicare l’origine divina della sua missione. Solo il Signore può far cessare la prigionia e rendere facile la via del ritorno a Sion. Lui solo può spezzare ogni forma di schiavitù, aprire le prigioni in cui l’uomo è trattenuto e appianare la via verso la pienezza della redenzione. La voce grida per comando e non per creare l’illusione di una falsa libertà.

4 Ogni valle sia innalzata,
ogni monte e ogni colle siano abbassati;
il terreno accidentato si trasformi in piano
e quello scosceso in vallata.

Tutto si trasformerà in pianura per rendere agile e sicuro il cammino. Ogni ostacolo sarà eliminato in precedenza. È questa la pura grazia; la purificazione è tale che il popolo non deve più camminare prevedendo nuove fatiche causate dalla strada del deserto o subendo incursioni dai nemici a causa delle valli scoscese o delle alte cime. Questo è il cammino di coloro che sono passati attraverso la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti rendendole candide col sangue dell’Agnello (Ap 7,14).

5 Allora si rivelerà la gloria del Signore
e tutti gli uomini insieme la vedranno,
perché la bocca del Signore ha parlato».

Nella nuova creazione, che scaturisce dalla redenzione, si rivelerà la gloria del Signore, perché «l’Agnello che sta in mezzo al trono sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti delle acque della vita. E Dio tergerà ogni lacrima dai loro occhi» (Ap 7,17).
E tutti gli uomini insieme la vedranno, non solo gli eletti perché «Ecco, viene sulle nubi e ognuno lo vedrà; anche quelli che lo trafissero e tutte le nazioni della terra si batteranno per lui il petto. Sì, Amen!» (Ap 1,7).
Sì, Amen, poiché la bocca del Signore ha parlato.
Ora alla voce di colui che grida, si associano le voci di quanti confermano che la parola del nostro Dio dura sempre (6-8).

6 Una voce dice: «Grida»
e io rispondo (lett.: e dice): «Che dovrò gridare?».
Ogni uomo è come l’erba
e tutta la sua gloria è come un fiore del campo.

Il profeta ode una voce che comanda a un altro: «Grida». E quest’altro domanda: «Che dovrò gridare?».
Chi sono mai queste voci, che il profeta ode? Egli, nello spirito della profezia, ode queste voci ma probabilmente non vede i volti. Sono queste le voci della redenzione, di coloro che insegnano al popolo da dove deve ripartire il suo cammino per tornare a Gerusalemme e godervi la pienezza della consolazione.
Ogni cammino verso la città santa parte da questo: Ogni uomo è come l’erba e tutta la sua gloria è come un fiore del campo. Chi ama il Signore e ha disposto nel suo cuore le ascensioni (Sal 84) non deve confidare negli uomini ma solo nel Signore. Ogni uomo – anche i re e i potenti – sono come l’erba, che presto avvizzisce. La loro gloria è quindi effimera; confidare nella loro amicizia è vano.

7 Secca l’erba, il fiore appassisce
quando il soffio del Signore spira su di essi.
Veramente il popolo è come l’erba.

Basta un po’ di vento - il soffio del Signore - che l’erba e il fiore appassiscono. Così per noi uomini è sufficiente qualcosa di simile a vento, che non siamo più. Da un momento all’altro possono cambiare le nostre sorti e in un soffio scomparire la nostra gloria.

8 Secca l’erba, appassisce il fiore,
ma la parola del nostro Dio dura sempre.

Di fronte allo splendore effimero dell’erba e del fiore, cioè della vita umana, sta la parola del nostro Dio. Questa mai viene meno ed essa adempie tutto perfettamente secondo quello che il Signore le ha comandato.
Questo è il fondamento della speranza della nostra redenzione.

9 Sali su un alto monte,
tu che annunci liete notizie a Sion!
Alza la tua voce con forza,
tu che annunci liete notizie a Gerusalemme.
Alza la voce, non temere;
annuncia alle città di Giuda: «Ecco il vostro Dio!

La quarta voce (9-11) vede già Gerusalemme e le grida l’immediata venuta del Signore con tutto il popolo che sta per entrare in Sion. Chi annuncia a Gerusalemme è una donna (nella traduzione italiana non si coglie il femminile) oppure sono cori di donne come vediamo nei momento della vittoria del Signore. Così in Es 15,20 Maria, la profetessa, sorella di Aronne, prese in mano un timpano: dietro a lei uscirono le donne con i timpani, formando cori di danze. Le donne precedono il Signore alla testa del popolo per annunciare a Gerusalemme il lieto annunzio e a alla guida di esse vi è colei che reca liete notizie in Sion. Essa alza forte la voce e le altre donne in coro le rispondono come è scritto: Il Signore annunzia una notizia, le messaggere di vittoria sono grande schiera (Sal 67, 12).
Il profeta comanda al coro delle donne, mediante colei che le guida, di alzare la voce e di non temere più la presenza dell’oppressore perché questi ha perso la sua forza alla presenza del Signore: Ecco il vostro Dio. La donna ne indica la presenza alla guida del popolo che sale dalla sua schiavitù verso Gerusalemme. Lei per prima lo vede e lo annuncia. La Scrittura fa trasparire nella lettera il mistero della pienezza del tempo quando Dio mandò il suo Figlio nato da Donna, nato sotto la legge (Gal 4,4).

10 Ecco, il Signore Dio viene con potenza,
il suo braccio esercita il dominio.
Ecco, egli ha con sé il premio
e la sua ricompensa lo precede.

La messaggera di Sion ora dice in modo dettagliato quanto ha espresso in precedenza. Il Signore Dio viene con potenza, che Egli ha manifestato nello sconfiggere i suoi nemici e nella redenzione del suo popolo. Il Signore ha operato la salvezza con il suo braccio e ora Egli esercita il dominio sui suoi nemici, mentre per i suoi Egli ha con sé il premio, li ricompensa per le fatiche e le umiliazioni che hanno subito e la sua ricompensa lo precede, come è scritto: «Per questo sta scritto: Ascendendo in cielo ha portato con sé prigionieri, ha distribuito doni agli uomini» (Ef 4,8); e altrove: avendo privato della loro forza i Principati e le Potestà ne ha fatto pubblico spettacolo dietro al corteo trionfale di Cristo (Col 2,15).

11 Come un pastore egli fa pascolare il gregge
e con il suo braccio lo raduna;
porta gli agnellini sul petto
e conduce dolcemente le pecore madri».

Come per i suoi nemici il Signore è il vincitore, che li abbatte e trionfa su di loro, così per il suo popolo Egli è il pastore che li guida con forza e con dolcezza; con quel braccio con cui ha sconfitto i suoi nemici il Signore ora raduna il suo gregge, che era disperso, e lo conduce al pascolo e per non perdere gli agnellini li porta sul petto e conduce dolcemente le pecore madri cioè le aiuta nel cammino.

NOTE

In che modo questo testo è oggi di consolazione? Certamente anche per noi vi è un esodo da fare, una liberazione, che pur essendo in atto, deve compiersi in modo perfetto.
L’esperienza dell’antico popolo aiuta a leggere l’attuale situazione perché noi possiamo fondare la nostra forza e speranza sulla Parola di Dio.
La liberazione, infatti, avviene prima nell’intimo dell’uomo e poi essa si attua anche nella stessa creazione, come dice l’apostolo Pietro nella seconda lettura. Qui si pone l’obiezione che la redenzione è lontana e tutto sembra andare come sempre (cfr. 2Pt 3,3-4).
Da una simile considerazione può nascere da un rifiuto della consolazione del Signore perché si è ricchi e si è già consolati, come dice il Signore: Guai a voi ricchi perché avete già la vostra consolazione (Lc 6,24). Può nascere anche dal fatto che non cerchiamo il Signore nel momento della prova ma ci affidiamo ad altre forme di consolazione. La Parola deve essere sempre seminata perché in un qualche modo porterà il suo frutto.
Ora essa non sembra portare nulla perché è anche Parola che corregge, com’è scritto nella lettera agli Ebrei (12,11): Certo, ogni correzione, sul momento, non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo però arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.
Chi si lascia ammaestrare troverà la pace, che cerca, e inizierà a sperare nella consolazione definitiva.
Il Signore, infatti, accoglie sì il peccatore ma non passa sopra il peccato. Egli purifica l’uomo da tutto il peccato, che è in lui, anche quello che l’uomo non vuole ammettere. Tutto il popolo e ciascuno in seno ad esso passa attraverso questo crogiolo perché Dio, che è il Santo d’Israele, non può ammettere alla sua presenza se non chi è santo. Per questo Egli accoglie il peccatore per ricrearlo, come dice il salmo: Crea in me, o Dio, un cuore puro (Sal 50).
Il compito dei profeti è pertanto quello di parlare al cuore del popolo di Dio e di ciascun credente. Il messaggio che il Signore dona è che Egli ascolta il cuore di tutti e consola. Egli si serve delle tribolazioni della vita per portare a tutti il messaggio della consolazione.

SALMO RESPONSORIALE Sal 84

L’atteggiamento dell’orante di questo Salmo è quello del “fedele” povero, la cui unica fiducia è in YHWH. Al centro del Salmo si snoda un inno di ringraziamento e di fede per le opere divine (vv. 8- 13), un canto di contemplazione in tono universale della azioni che ‘Adonaj (= “Signore”, vocabolo usato dagli ebrei per evitare la pronunzia del nome santissimo di YHWH) dispiega nel cosmo e nella storia. La convinzione fondamentale dell’orante è che l’irruzione di Dio nella storia comporta il trionfo del bene sul male. Si è, quindi, in presenza di un ottimismo della fede, pur in mezzo alle oscurità della storia. Nella preghiera di questo Salmo si sente già in anticipo il dialogo amoroso e confidente del Vangelo: “Chiedete e otterrete”.

R/. Mostraci, Signore, la tua misericordia e donaci la tua salvezza.

Dopo l’ascolto del messaggio della consolazione si esprime con questa supplica l’interiore certezza che il Signore sta per mostrare la sua misericordia e donarci la sua salvezza dai nostri nemici e da quanti ci odiano (cfr. Benedictus). Noi sappiamo che la sua salvezza ha il volto del suo Figlio, Gesù, il cui nome significa Dio è salvezza.

9 Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annuncia la pace
per il suo popolo, per i suoi fedeli.

La preghiera, che si fonda nell’intervento salvifico di Dio già in atto e sulla certezza della salvezza, fondata nella sua misericordia, viene esaudita perché il Signore annuncia la pace attraverso i suoi profeti. Il Signore risponde con questa parola alla preghiera del Salmista. Pace è la pienezza della benedizione come subito dice. La sua parola è rivolta al suo popolo che sono i suoi fedeli, quelli che hanno accolto il patto e vogliono restarvi fedeli.

10 Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
perché la sua gloria abiti la nostra terra. R/.

Perché la salvezza si avvicini, il Signore esige l’abbandono della stoltezza e vuole che lo si tema. Allora Egli esaudisce la richiesta di salvezza e fa abitare la sua gloria sulla terra del suo popolo. Con la sua presenza la terra e il popolo rifioriscono.

11 Amore e verità s’incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.

L’amore o misericordia è il frutto del patto che lega il Signore al suo popolo e quindi alla terra. All’amore misericordioso sono unite la verità, cioè la fermezza nel patto, e la speranza nell’avverarsi certo della Parola di Dio. Coma conseguenza sulla terra del popolo di Dio si sono baciate la giustizia e la pace, cioè la pace è fondata sulla giustizia e non sul timore.

12 Verità germoglierà dalla terra
e giustizia si affaccerà dal cielo. R/.

La verità, cioè l’avverarsi della benedizione divina, si manifesta nel frutto, che proviene dalla terra, e la giustizia, con la quale Dio risponde alla fedeltà del suo popolo, si affaccia dal cielo facendo scendere la pioggia, che feconda e fa maturare il seme. Pioggia giusta è quella che scende a suo tempo (cfr. Gio 2,23: Voi, figli di Sion, rallegratevi, gioite nel Signore vostro Dio, perché vi dà la pioggia in giusta misura, per voi fa scendere l’acqua, la pioggia d’autunno e di primavera, come in passato).

13 Certo, il Signore donerà il suo bene
e la nostra terra darà il suo frutto;

Certo, è la risposta del Signore. Donerà il suo bene (cfr. Dt 28,12). Il suo frutto (cfr. Sal 67,7); Lv 26,4; (cfr. Dt 11,17: non darà). Nel frutto della terra si manifesta la Gloria del Signore, nella sua desolazione la presenza dei nemici (Lv 26,32).

14 giustizia camminerà davanti a lui:
i suoi passi tracceranno il cammino. R/.

La giustizia è la messaggera del Signore, che ne prepara la via sui passi da lei tracciati. I suoi passi tracceranno il cammino. Il Signore si fa presente là dove c’è la giustizia.

Il tempo di avvento è il momento di tendere l’orecchio al Signore, che parla. La vera parola è pace (non semplice assenza di guerra, ma pienezza di beni). Questa parola è detta al suo popolo formato da coloro che gli sono fedeli, cioè fondano il rapporto con Lui nella reciproca fedeltà. Sono fedeli coloro che non si volgono alla stoltezza, ma lo temono.
Vicina è la salvezza a coloro che lo temono. La salvezza si avvicina come pace e come presenza della sua Gloria nella nostra terra. Pace, salvezza, gloria del Signore sono il segno della sua presenza.
Da questo scaturiscono la misericordia e la verità cui corrispondono la giustizia e la pace. La terra accoglie questi doni divini e fa germogliare da se stessa un frutto veritiero mentre accoglie dal cielo piogge giuste, che la fecondano e le danno possibilità di fruttare e nutrire i suoi figli. Questo è il bene dato dal Signore, che viene a visitare il suo popolo, preceduto dalla giustizia, cioè dalla sua benedizione.
Il salmo presenta un rapporto tra gli uomini e la terra condizionato al rapporto con Dio. La ricerca di Dio e l’obbedienza a Lui è la premessa perché la terra riceva la sua benedizione e nutra i suoi figli.

Lettura cristologica del Salmo: Gesù è la parola Pace, che il Padre ci dice, la dice al suo popolo e la dice ai suoi fedeli; Egli è la Salvezza per coloro che lo temono e ad essi rivela la sua Gloria.
Gesù è pure in rapporto alla terra e a tutta l’umanità come misericordia e verità, giustizia e pace.
La pace sta all’inizio e al termine di un processo che inizia da Gesù risorto, che dà la pace, e si conclude con la redenzione del nostro corpo, che è la pienezza della pace nei cieli nuovi e nella terra nuova.
Questo processo coinvolge quindi la terra e il cielo.
Nella terra è stato gettato il seme della verità con l’annunzio dell’Evangelo e dal cielo si affaccia la giustizia come dono pieno della salvezza (cfr. Is 45,8). La nostra esistenza è quindi inserita in un processo di pace che, pur attraverso momenti d’indicibile sofferenza, giungerà alla sua pienezza.

SECONDA LETTURA 2Pt 3,8-14

Dalla seconda lettera di s. Pietro apostolo

8 Una cosa non dovete perdere di vista, carissimi: davanti al Signore un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno.

Il versetto del sal 90,4 (Ai tuoi occhi, mille anni sono come il giorno di ieri che è passato, come un turno di veglia nella notte) è citato anche con il suo contrario: un solo giorno è come mille anni. Questo significa che il tempo non ha una misura intrinseca a sé ma è misurato dal Signore e che neppure noi possiamo misurarlo. La nostra percezione del tempo è sia personale, data dal ritmo delle stagioni della vita, che sociale, in quanto ogni società costruisce un ambiente sia fisico che temporale, che non può misurare il tempo ma è da esso misurato. Il ritmo del tempo obbedisce al Signore, in quanto esso è stato creato come dinamismo impresso alle creature, che ora, dopo la situazione creatasi dal peccato, è soggetto alla vanità, cioè al suo intrinseco dissolversi come mirabilmente insegna il Qohelet.

9 Il Signore non ritarda nel compiere la sua promessa, anche se alcuni parlano di lentezza. Egli invece è magnanimo con voi, perché non vuole che alcuno si perda, ma che tutti abbiano modo di pentirsi.

L’apostolo qualifica ora il tempo attuale rapportato a noi. Anzitutto il Signore non ritarda nel compiere la sua promessa. Egli infatti non viene meno alla sua Parola, ma il trascorrere del tempo sia personale che dell’umanità è dominato dalla sua volontà che consiste nel fatto che Egli non vuole che alcuno si perda, ma che tutti abbiano modo di pentirsi. Nella sua sapiente disposizione, il Signore guida gli avvenimenti di ciascuno verso la scelta suprema, che è eterna e che consiste o nella perdizione o nella salvezza. Egli pertanto, nella sua misericordia verso ogni uomo, dispone gli avvenimenti della nostra vita in modo tale che ciascuno di noi possa pentirsi. Il Salmo così prega: Insegnaci a contare i nostri giorni e giungeremo alla sapienza del cuore (sal 90,12). Come padre amoroso, il Signore insegna il suo linguaggio nell’esperienza della vita di ciascuno di noi.

10 Il giorno del Signore verrà come un ladro; allora i cieli spariranno in un grande boato, gli elementi, consumati dal calore, si dissolveranno e la terra, con tutte le sue opere, sarà distrutta.

Il giorno del Signore non è intrinseco alla creazione né tantomeno è segnato dal ritmo della storia, perché esso scaturisce dall’intimo di Dio e più che esser l’ultimo giorno scandito dagli astri e dal succedersi delle ore, sarà il suo farsi presente improvviso. Per questo di fronte al Signore, che verrà, i cieli spariranno in un grande boato, gli elementi, consumati dal calore, si dissolveranno. Nulla potrà reggere davanti alla sua presenza, come in più luoghi annunciano i salmi. Mentre ora il Signore modera il suo impatto con la creazione, allora invece, pur moderandolo sempre, consumerà con il fuoco della sua gloria sia i cieli che gli elementi. Anche la terra, con tutte le sue opere, sarà distrutta. Un’altra lezione dice: sarà trovata, cioè dovrà comparire davanti al tribunale di Dio, in quanto è la dimora di noi uomini ed è la nostra madre.

11 Dato che tutte queste cose dovranno finire in questo modo, quale deve essere la vostra vita nella santità della condotta e nelle preghiere, 12 mentre aspettate e affrettate la venuta del giorno di Dio, nel quale i cieli in fiamme si dissolveranno e gli elementi incendiati fonderanno!

Essendo noi in un ambiente instabile, destinato ad una fine improvvisa, è necessario vivere santamente, scandendo la nostra vita con le preghiere. Qui sta il nostro modo di attendere il Signore, non solo aspettandolo ma addirittura affrettandolo. Qui sta l’anima di tutta la Chiesa: ella è la sposa che invoca la venuta dello Sposo, come dichiara l’Apocalisse al termine della sua rivelazione: Lo Spirito e la sposa dicono: «Vieni» (22,17).

13 Noi infatti, secondo la sua promessa, aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia.

La promessa del Signore è contenuta nella profezia d’Isaia (65,17; 66,22) ed è contemplata come attuata dal veggente in Ap 21,1: Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c’era più. La lettera apostolica aggiunge che in essi abita la giustizia. Con questo termine s’intende il pieno realizzarsi del disegno salvifico del Signore non più ostacolato dall’avversario e dai suoi seguaci. La giustizia di Dio si realizza pienamente nel Mistero pasquale del Signore perché ivi Il principe di questo mondo è cacciato fuori (Gv 12,31) e Gesù innalzato attira a sé tutti (cfr. ivi,32).

14 Perciò, carissimi, nell’attesa di questi eventi, fate di tutto perché Dio vi trovi in pace, senza colpa e senza macchia.

L’attesa di questi eventi richiede l’esser pronti, cioè esser in pace, senza colpa e senza macchia. I due termini sono l’esatto contrario di quelli usati da dall’apostolo per definire i falsi maestri in 2,13: Essi stimano felicità darsi ai bagordi in pieno giorno; scandalosi e vergognosi; godono dei loro inganni mentre fan festa con voi. Essere in attesa è esser sobri e puri.

NOTA

In questo tratto della sua lettera l’apostolo affronta un’obiezione, che può essere in molti: Se Gesù ha promesso di venire, perché ritarda? Ma il ritardo non significa forse che Egli non ritorna?
Il tempo presente non ha nessun segno che c’indichi che Gesù ritornerà, anzi sta per tornare. Il mondo continua ad andare avanti come sempre; nella sua immutabilità ciclica non registra nessun turbamento.
Allo stesso modo la vita degli uomini è la stessa al punto tale che la promessa è letta come il miglioramento della vita nel mondo futuro, cioè dopo la morte.
Nulla si vede di quello che è scritto sul mutamento in atto con la venuta del Signore. Non essendo posta nel dato fenomenico, che è definito scientifico, la sua venuta è ritenta più un’opinione fondata su un sentire religioso.
Proprio qui sta la sfida della Parola di Dio contro il dato immediato della nostra esperienza.
All’annuncio della Scrittura che il suo avvento è immediato ed Egli è alle porte, si può obiettare che sono passati due millenni.
Di fronte a queste obiezioni l’autore sacro esamina le due categorie fondamentali in cui si svolge la nostra esistenza: il tempo e lo spazio.
Riguardo al tempo esso è misurato da Dio e non dall’uomo e la misura del tempo è la sua pazienza finalizzata alla nostra conversione.
Il ritmo del tempo in Dio non è segnato dallo svolgersi degli anni come per noi (Egli infatti non subisce nessun mutamento come accade per noi) ma è dato dalla sua misericordia, che ha come scopo la salvezza di tutti gli uomini. Sulla sua misericordia verso di noi, Egli misura il tempo. Ai suoi occhi infatti mille anni sono come un giorno solo in rapporto alla sua pazienza ma è anche vero il contrario che un giorno solo è come mille anni. Questo significa che in un solo istante Egli compie la sua promessa, quella in cui il giorno del Signore verrà come un ladro. Questo aveva compreso la piccola Teresa di Lisieux quando nell’atto di offerta scrive: «Tu puoi in un solo istante prepararmi a comparire davanti a Te». La sua misericordia si ritma sul nostro tempo e diventa paziente e amorevole attesa, la sua onnipotenza si esprime nell’istante in cui porta a compimento la sua opera.
Il tempo quindi non va verso la pienezza perché è già nella pienezza perché il Regno di Dio è presente ed è apparso il Verbo pieno di grazia e di verità (Gv 1,14).
Questa pienezza deve riempirsi in noi. Per questo Dio ha pazienza perché Egli non vuole vincere le nostre paure di essere come Lui se non con l’amore.
Quanti già vivono in Cristo attendono, anzi affrettano questo compimento e desiderano con tutto se stessi che ogni uomo giunga ad essere pienamente riempito di Dio.
Da questo amore, che si consuma in un desiderio ardente della venuta del Signore, scaturisce la nostra etica di cristiani.
Essa, a differenza dell’etica razionale, è fondata sull’amore per il Signore e la sua manifestazione in ogni uomo in tutti i popoli. L’etica cristiana è quindi di natura escatologica, cioè si fonda sull’attesa. Altrimenti essa è assurda e umiliante.
Riguardo allo spazio, la creazione non è così stabile come appare. Infatti essa non reggerà di fronte alla gloria del Signore e cederà il posto ai nuovi cieli e alla nuova terra.

ACCLAMAZIONE AL VANGELO

R/. Alleluia, alleluia.

Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

R/. Alleluia.

VANGELO Mc 1,1-8

L’INIZIO DELLA PREDICAZIONE DI GESÙ (Mc 1,1-15)

Articolazione del testo

Nonostante questi versetti (1,1-15) siano al centro di un vivace dibattito e le ipotesi interpretative siano moltissime, offriamo la seguente articolazione:

1,1 Titolo
1,2-13 Prologo
1,2-8 Annuncio di Giovanni il Battista
1,9-11 Battesimo di Gesù
1,12-13 Tentazioni nel deserto
1,14-15 Incipit programmatico della predicazione di Gesù

NOTE DI LETTURA

Titolo (1,1)

Il titolo è una frase nominale scritta in maniera telegrafica. In essa il narratore anticipa e concentra quanto intende dire: Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio e questo è un annuncio gioioso. Occorre però comprendere bene il senso dei termini.

• Vangelo: in italiano è il calco del termine greco euangelion. Tuttavia nella nostra lingua il termine indica il libro, cioè i quattro libretti di Mt, Mc, Lc e Gv e i c.d. apocrifi (e gnostici). Tuttavia in Mc il termine non indica il libro ma “l’annuncio araldico di una notizia che porta gioia”. Lc e Gv non usano mai questo termine; Mt parla sempre di “vangelo del Regno” (4,23; 9,35; 24,14) o “questo vangelo” (26,13). Mc lo utilizza 7x di cui 2x con una precisazione: “Vangelo di Gesù, Cristo” (1,1); “vangelo di Dio” (1,14); altrove in senso assoluto (1,15; 8,35; 10,29; 13,10; 14,9). Il riferimento è il messaggio e la persona. Più che “buona notizia” (chi insiste solo sul messaggio) possiamo rendere “annuncio gioioso” (sottolineando anche l’azione dell’annuncio).
• Gesù: il genitivo può essere oggettivo (vangelo concernente Gesù) oppure soggettivo (Vangelo annunciato da Gesù).
• Cristo: ancora una volta un calco del greco Christòs. Si tratta dell’Unto, il Messia. Lo sfondo è l’unzione data dai profeti ai re e la promessa fatta a Davide (2Sam 7). A riconoscere Gesù come "Cristo" sarà Pietro (8,29).
• Figlio di Dio: nella tradizione biblica il titolo ha un senso molto forte e deve essere compreso nel senso di una filiazione adottiva (2Sam 7,14; Sal 2,7). Due sono gli estremi da cui guardarsi: da un lato non bisogna caricare questo titolo con quanto poi la Chiesa ha voluto dire ed esprimere (natura divina, generazione); dall’altro però non bisogna ridurre questo titolo alla precomprensione dell’AT. Per il narratore Gesù è il Figlio di Dio in un modo unico; invita il suo lettore ad accogliere la radicale novità di Gesù (cfr. 15,39).
• Inizio: il termine greco (archē) ha almeno tre sensi: inizio cronologico, principio fondamentale, criterio.

Prologo (1,2-13)

Annuncio di Giovanni il Battista (1,2-8)

• Si discute se la citazione biblica (citazione complessa perché unisce Es 23,20; Ml 3,1 e Is 40,3) sia da collegare al titolo o a quanto segue. Unendo insieme tre passi della Scrittura il narratore offre un’interpretazione teologica: legge l’AT in funzione di quanto intende dire. Inscrive la persona di Giovanni Battista e la sua missione nella continuità della fede d’Israele, unendo l’annuncio gioioso alla storia secolare del popolo eletto.
• Mc non riporta la predicazione morale di Giovanni (cfr. Mt 3,7-10; Lc 3,7-9). Il battesimo è un appello a tutto il popolo perché si converta (metanoia, cambiamento del nous, cioè della mentalità).
• Il deserto richiama la ricca simbolica esodica ma profetica (Elia,1 Re 19,4).
• Il Giordano è il luogo dove s’arresta la rivelazione dell’AT (cfr. il “finale” della Torah in Dt 34; il “finale” dei Profeti in Ml 3,22-23; il “finale” degli Scritti in 2Cr 36,23), oltre alla ricca simbolica profetica (Elia: 2Re 2,7-11; Eliseo: 2Re 5).
• Il mantello di pelo richiama la tradizione profetica (cfr. Zc 13,4; cfr. 11,32); la cintura di pelle ai fianchi ricorda quella di Elia: l’Elia che deve venire alla fine dei tempi, nel quale Gesù stesso riconoscerà proprio il suo precursore (cfr. 2 Re 1,7-8 ; Sir 48,9-10; Ml 3,1.23; Mc 9,11-13).
• La dichiarazione d’indegnità (v. 7) più che un gesto di umiltà, è più comprensibile in chiave di diritto matrimoniale, in riferimento cioè al rito giuridico dello scalzamento (cfr. Dt 25,5-10; Rt 4,1-17). Il passaggio del diritto di levirato da un soggetto all’altro avveniva tramite questo rito, un’azione simbolico-giuridica che comportava lo scioglimento (e la sottrazione) del sandalo, simbolo di diritto e di proprietà. Giovanni Battista riconosce di non essere lui il Messia; egli non può vantare alcun diritto di acquisizione “sponsale” nei confronti del popolo, nonostante il proprio carisma profetico, riconosciutogli da Gesù in persona (1,9-11; 11,27-33).
• L’annuncio di Giovanni riguarda uno “più forte” che battezza in Spirito Santo. Tale dichiarazione crea nel lettore un’attesa nella forma della suspense.

Dal vangelo secondo Marco

1 Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.

Inizio.
Non solo inizio storico (qui inizia la narrazione evangelica come fondamento della fede) ma anche principio assoluto oltre il quale non se ne dà un altro; è infatti rivelazione dell’inizio (cfr. Gv 1,1: In principio era il Verbo).
Per questo i suoi discepoli sono con Lui dall’inizio (cfr. Gv 17,27) perché Lui è dall’inizio (cfr. 1Gv 1,1) e a questo inizio è rapportata la missione di Giovanni il Battista.
Dice vangelo di Gesù Cristo, l’Apostolo Paolo ci specifica che non ce n’è un altro, non c’è un’ altra buona notizia: (cfr. Gal 1,7: In realtà, però, non ce n’è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo).
Gesù Cristo è semplicemente l’evangelo ed è presente solo nell’annuncio apostolico e qui si manifesta come Figlio di Dio.

2 Come sta scritto nel profeta Isaìa:
«Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero:
egli preparerà la tua via.

Citazione mista di Es 23,20 e di Mal 3,1. È la parola del Padre al Figlio che risuona nelle divine Scritture. La missione del messaggero di Dio è di preparare la via a Gesù Cristo.
Egli preparerà la tua via. In Es 23,20 la missione del messaggero è quella di custodire il figlio primogenito, Israele, nella sua via per condurlo alla terra promessa e in Mal 3,1 il messaggero ha il compito di volgere lo sguardo alla via (guarderà verso) davanti al volto del Signore. Nel testo di Mal non si trova preparerà. Il messaggero è pensato strettamente collegato all’Inviato.
Come è scritto nel profeta Isaia. Il Vangelo è il compiersi delle profezie, il culmine di questo compimento avviene sulla croce. Su di essa Gesù dice: «Tutto è compiuto!» (Gv 19,30).
Il mio angelo: si contrappone agli angeli ribelli che non sono suoi.

3 Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri»,

Inizia la citazione d’Isaia 40,3. Essa è l’esecuzione del piano divino: a preparerà corrisponde la fedele esecuzione del comando divino: preparate e raddrizzate e colui che è inviato è chiamato Signore, dice infatti: preparate la via del Signore. Questa via è chiamata del Signore ed è preparata davanti al suo volto. Viene specificato in seguito quale sia questa via: è il Battesimo unito alla confessione dei peccati.
Voce di uno che grida, non dice «parole di uno che grida» perché sottolinea la missione del messaggero che non dice parole sue, né egli stesso è la Parola, ma egli parla le parole di Dio, egli è solo lo strumento di cui si serve Dio.
Sal 25,4: Fammi conoscere, Signore, le tue vie, insegnami i tuoi sentieri. Raddrizzare i sentieri del Signore significa mettersi alla scuola della Sapienza, infatti i sentieri del Signore sono le piccole vie che permettono a Lui di raggiungere il nostro cuore e a noi il suo.

4 vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.

Giovanni è la voce che segna l’inizio. Egli è da una parte la conclusione della profezia e nello stesso tempo sta all’inizio dell’Evangelo perché tutto quello che è scritto si attua. Al prima e al dopo succede l’oggi.
Gesù è presente ed è quindi presente il Regno di Dio e con il Regno si rivela l’unico piano di Dio che unisce l’antico al nuovo facendone un solo testamento inscindibile e inseparabile.
La voce, che è Giovanni, grida nel deserto e battezza predicando il battesimo di conversione per il perdono dei peccati. È il battesimo come segno della conversione perché siano rimessi i peccati.
In rapporto alla Legge il battesimo è nuovo perché in esso è già presente il Regno di Dio.

5 Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.

Accorrevano a lui. Accorrevano, uscendo dalla città e dai villaggi per andare da Giovanni nel deserto come è scritto nel profeta Osea: Perciò, ecco, la attirerò a me, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore (2,14). Accorre tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme, questa pienezza (tutta,tutti) sottolinea l’entrare nel tempo dell’Evangelo di cui il Battesimo di Giovanni è l’inizio.
Il luogo del Battesimo è il fiume Giordano. Questo fiume che segnò la fine dell’esodo (cessò infatti la manna e la Pasqua fu mangiata coi nuovi prodotti della terra come è scritto in Gs 3-5) segna pure la fine dell’economia antica, dominata dalla Legge, e tutti confessano i loro peccati in attesa di Colui che ha il potere di rimetterli.

6 Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico.

L’Evangelo si sofferma a descrivere il vestito e il cibo di Giovanni.
Il vestito è di peli di cammello. In Zac 13,4 si parla del mantello di pelo come distintivo del profeta. In 2Re 1,8 Elia è cinto ai fianchi della cintura di pelle.
Rivestito di questo abito profetico assai povero, Giovanni si caratterizza come uomo penitente (cfr Mt 11,8: un uomo avvolto in morbide vesti? Coloro che portano morbide vesti stanno nei palazzi dei re!).
«Locuste cotte in acqua salata e arrostite sulle braci, e miele selvatico fanno parte dell’alimentazione dell’uomo abitante del deserto. Poiché non è nominato nessun altro alimento, è caratterizzata qui la forma ascetica del Battezzatore (Mt 11,18: È venuto Giovanni che non mangia e non beve, e hanno detto: Ha un demonio)» (Gnilka, o.c., p. 47).

7 E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali.

La predicazione di Giovanni s’incentra su Cristo.
Viene perché Egli è il Veniente (cfr Mt 3,11: Colui che viene); dopo di me viene uno che è più forte di me. Il termine forte è in rapporto alla missione. La forza conferita a Giovanni è stata quella di attirare nel deserto tutti per il Battesimo. Colui che è più forte viene in seguito caratterizzato dalla natura del suo battesimo (v. 8). Giovanni si rapporta a Lui come uno schiavo al suo padrone quindi in una totale dipendenza da Lui. «Non sono degno di chinarmi, gesto che sottolinea sottomissione, per sciogliere i legacci dei suoi sandali». In senso simbolico l’amico dello Sposo non può sciogliere i legacci dei sandali al Cristo perché Egli è lo Sposo e a Lui spetta il diritto di sposare colei che il Padre gli ha dato (Cfr. Rut 4,7-8).

8 Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

Mentre Giovanni ha battezzato con acqua, Egli battezzerà in Spirito Santo. Il tempo passato (ho battezzato) sta a indicare che la sua missione è finita perché c’è il Veniente; questi tuttavia non inizia subito a battezzare con lo Spirito Santo ma solo dopo la sua risurrezione e ascensione (cfr. At 1,5) per questo usa il futuro (battezzerà).
Il battesimo di Giovanni è la preparazione indispensabile che il cuore riceve per accogliere con la remissione dei peccati il Regno di Dio.
Infatti il battesimo di Giovanni si compie quando Gesù è battezzato perché lo Spirito Santo traboccherà dal Salvatore senza misura (Gv 3,34) per ricreare l’umanità.
Tutta la grazia del Salvatore e il dono dello Spirito sono riversati nell’Evangelo, che diviene così il principio unico da cui scaturisce la nuova creazione.

PREGHIERA DEI FEDELI

C. Nella forza dello Spirito santo, che grida nei nostri cuori, rivolgiamo le nostre suppliche al Padre perché mandi presto il nostro Salvatore. Diciamo insieme:
Venga il tuo regno, Signore

 Per la Chiesa santa e cattolica, diffusa in tutto il mondo, perché attendendo con gioia il suo Signore, ne manifesti l’amore a tutti gli uomini nella povertà e nel servizio, preghiamo

 Per i popoli, in cui ancora non è risuonata la parola evangelica, perché vi sia chi doni loro la lieta notizia del Redentore e Salvatore, preghiamo.

 Per tutti i discepoli del Signore perché custodiscano integra la loro fede e santo il vincolo dell’amore fraterno, preghiamo

 Per la nostra comunità cristiana perché nella forza dell’amore, vinca gli egoismi, le chiusure e gli interessi di parte e si riveli come vera fraternità, preghiamo.

 Perché tutti noi sappiamo accogliere il Signore nascosto e presente nei segni sacramentali e nel volto dei suoi poveri, preghiamo.

 Perché l’attesa vigilante del Signore, che ci riempie di gioia sovrabbondante, ci doni la forza di convertirci e di amare tutti per quello che sono e non per quanto possiedono, preghiamo.

C. O Dio, Padre di ogni consolazione, che agli uomini pellegrini nel tempo hai promesso terra e cieli nuovi, parla oggi al cuore del tuo popolo, perché in purezza di fede e santità di vita possa camminare verso il giorno in cui manifesterai pienamente la gloria del tuo nome.
Per Cristo nostro Signore. Amen

domeniche precedenti

 

SOLENNITÀ DI MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Pienezza dei tempi,
doglie di Partoriente,
segno grande in cielo,
e attesa sulla terra.

Gioisci, o Donna,
il Bimbo da te nato,
sotto la Legge,
è il Primogenito.

Il suo Nome è pace,
benedizione colma,
profumo riversato,
che a sé ci attira.

Il tuo Evangelo è pace,
si effonde e dona vita
a quanti sono avvolti
da tenebre di morte.

PRIMA LETTURA Nm 6,22-27

Dal libro dei Numeri

22 Il Signore parlò a Mosè e disse: 23 «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo: “Così benedirete gli Israeliti: direte loro:

La benedizione crea un rapporto tra Dio e colui che viene benedetto. Qui essa ha come centro il Nome del Signore ripetuto tre volte. Questa benedizione pone quindi il Nome rivelato sui figli d’Israele «in modo che questi vivano nella forza direttiva e santificante del Nome» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).
La benedizione ha pertanto una forza intrinseca, che è legata all’elezione (cfr. Nm 22,12: Dio disse a Balaam: «Tu non andrai con loro, non maledirai quel popolo, perché esso è benedetto»). Essa non è pertanto annullata perché è costitutiva del popolo di Dio ed è la ragion d’essere della Chiesa, come c’insegna l’apostolo Paolo: Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, diventando lui stesso maledizione per noi, come sta scritto: Maledetto chi pende dal legno, perché in Cristo Gesù la benedizione di Abramo passasse alle genti e noi ricevessimo la promessa dello Spirito mediante la fede (Gal 3,13-14).

24 Ti benedica il Signore
e ti custodisca.

La ricchezza del Nome divino è a noi comunicata attraverso la be-nedizione.
In Dt 28,3-6 è indicato l’ambito della benedizione: Sarai benedetto nella città e benedetto nella campagna. Benedetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto del tuo suolo e il frutto del tuo bestiame; benedetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Benedette saranno la tua cesta e la tua madia. Sarai benedetto quando entri e benedetto quando esci. Il Signore lascerà sconfiggere davanti a te i tuoi nemici, che insorgeranno contro di te: per una sola via verranno contro di te e per sette vie fuggiranno davanti a te. Il Signore ordinerà alla benedizione di essere con te nei tuoi granai e in tutto ciò a cui metterai mano; ti benedirà nel paese che il Signore tuo Dio sta per darti.
La benedizione avvolge tutta la persona e tutta l’esistenza. In essa si esprime la pienezza della pace. Essere benedetti quindi equivale a trovare grazia presso Dio.
In essa siamo protetti e custoditi come la pupilla dei suoi occhi (cfr. Dt 32,10). Infatti più volte il Signore è paragonato alla roccia di riparo e alla grande Aquila che porta i suoi nati sulle ali o alla chioccia che li difende sotto le sue ali. Tutto esprime la profonda tenerezza di Dio e la commozione di chi si sente protetto da Lui. Per tutti i passi valga il seguente tratto dal Sal 18, 2-3: Ti amo, Signore, mia forza, Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore; mio Dio, mia rupe, in cui trovo riparo; mio scudo e baluardo, mia potente salvezza.

25 Il Signore faccia risplendere per te il suo volto
e ti faccia grazia.

Il Signore faccia risplendere per te il suo volto, chi invoca il suo Nome rende luminoso il volto di Dio su di sé come un figlio nei confronti del proprio padre. «Rialzaci, Signore, nostro Dio, fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi. (Sal 80,4.8.20) questa invocazione è molto bella perché noi siamo dei bimbi sempre in terra» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1973).
E ti faccia grazia cioè abbia di te compassione nella sua tenerezza e ti visiti con la redenzione del Figlio suo.

26 Il Signore rivolga a te il suo volto
e ti conceda pace”.

Il Signore rivolga su di te il suo volto lett.: innalzi su di te il suo volto. È il contrario di nascondere adirato il suo volto (cfr. Dt 31,17: In quel giorno, la mia ira si accenderà contro di lui; io li abbandonerò, na-sconderò loro il volto e saranno divorati).
E ti conceda pace. La pace sta al vertice della benedizione come è scritto: Il Signore darà forza al suo popolo, benedirà il suo popolo con la pace (Sal 28,11). Essa è quindi elargita da Dio come benedizione e in quanto benedetti gli uomini possono vivere nella pace ed esserne operatori. La pace è annunciata a Betlemme dagli angeli ed è attuata da Gesù sulla Croce, come insegna l’Apostolo: Egli infatti è la nostra pace, colui che ha fatto dei due un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che era frammezzo, cioè l’inimicizia (Ef 2,14),

27 Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

I sacerdoti sono coloro che conoscono il Nome del Signore e che quindi hanno in sé il potere di porre il Nome su coloro che benedicono e il Nome è garanzia di presenza, protezione e comunione. Gesù, il cui nome è esaltato al di sopra di ogni altro nome (Fil 2,9), compie le stesse funzioni del nome divino soprattutto come garante del bene supremo che è il dono dello Spirito Santo (cfr. Gv 14,26: Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli v’insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto).
«Il verbo porre si trova in Gn 2,8 per la prima volta: Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi pose l’uomo che aveva plasmato.
Quando il Signore pone il nome sopra di noi ci riporta di nuovo nella condizione dell’Eden nella forza e innocenza e gioia. Questo avviene soprattutto nell’Eucaristia; quando poi noi lo benediciamo non facciamo altro che aumentare questo flusso di vita che ci è dato nella comunione con l’Unigenito come è detto in Gal» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 1.1.1973).

Note

Come i comandamenti designano il confine tra il bene e il male, così la benedizione copre l’area del bene. È nella benedizione quindi colui che osserva la Legge del Signore.
Purtroppo tutti sono corrotti, fanno cose abominevoli: nessuno più agisce bene (Sal 13,1). Tutti quindi sono sotto la maledizione perché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Rm 3,23).
Noi siamo ricollocati nella benedizione solo per Gesù nel quale è stata annullata la nostra maledizione e siamo stati trasferiti nella benedizione.
Posti in essa e quindi nel Nome del Signore, noi partiamo da una si-tuazione di grazia così sovrabbondante da essere già collocati nei cieli, in Cristo, come c’insegna l’Apostolo: Benedetto sia Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo (Ef 1,3).
Noi recepiamo quindi la benedizione anche come situazione interiore nella quale sono annullate quelle energie distruttive (espresse nel peccato e nella morte) che tentano di assorbirci contrapponendo alla fermezza della fede lo stato interiore di angoscia e quindi di dispera-zione.
La benedizione non è quindi un vanto o un privilegio ma è uno stato, che, se recepito, riempie di gratitudine e di lode coloro che sono be-nedetti.
Per questo l’Apostolo conosce sia la benedizione discensionale (da Dio a noi) che ascensionale (da noi a Dio).

SALMO RESPONSORIALE Sal 66

R/. Dio abbia pietà di noi e ci benedica.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
la tua salvezza fra tutte le genti. R/.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra. R/.

Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra. R/.

SECONDA LETTURA Gal 4,4-7

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

Fratelli, 4 quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge,

Quando il tempo, nel suo fisico scandirsi, giunse alla sua pienezza, cioè a quel termine che Dio gli aveva stabilito e aveva nascosto dentro le parole oscure della profezia, allora Egli mandò il suo Figlio. Il Figlio stesso era fin allora nascosto nel seno del Padre, nell’arcano disegno, che non fu rivelato ai profeti, ma solo nel Figlio fu rivelato in questi ul-timi tempi.
Ma perché solo la fede in Dio scoprisse il Figlio ed Egli rimanesse nascosto a quanti non vollero accogliere e neppure credere in Lui, questi nacque da donna e nacque sotto la legge. Nascosto dalla sua generazione umana e dalla legge agli occhi degli uomini, Gesù operò all’interno della stirpe umana e della situazione di maledizione creata dalla legge.

5 per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli.

Collocatosi all’interno della legge, il Figlio riscattò dalla legge quanti questa teneva oppressi sotto il suo giogo e sotto la maledizione. Non solo li riscattò ma li fece figli adottivi. L’adozione è una reale partecipazione alla natura divina in modo tale che nella nostra natura noi recepiamo l’energia dello Spirito Santo, come subito dice.

6 E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre!

Nell’intimo nostro, nel proprio di noi stessi, come persona, capacità di scelta e di libertà, in una parola nel cuore, Dio mandò lo Spirito del suo Figlio. Per noi è solo questione di lasciare agire lo Spirito Santo, che ci porta al grido da lui ispirato verso il Padre: Abbà! Padre! La crescita spirituale consiste nel far tacere ogni voce e lasciare che lo Spirito gridi. Il silenzio è assenza di parola da noi pronunciata per udire quella dello Spirito e unirsi ad essa in un unico grido di amore al Padre assieme a tutta l’assemblea dei redenti, la Chiesa.

7 Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

Da questa operazione di Dio e dalla presenza dello Spirito deriva a ciascuno di noi il fatto di essere figli ed eredi. Tutto questo avviene per l’azione del Padre che opera in noi mediante lo Spirito.

Note
Nella nascita del Figlio nato da donna, nato sotto la legge avviene un passaggio radicale: il Nome non è più sopra di noi ma nello Spirito è dentro di noi e il nome è quello stesso che il Figlio pronuncia: Abbà, Padre. Tutto questo è compiuto dallo Spirito.
La nostra eredità non è quindi la terra d’Israele ma quella patria alla quale Egli ci attira e dove ha preparato per noi delle dimore.

CANTO AL VANGELO Eb 1,1-2

R/. Alleluia, alleluia.

Molte volte e in diversi modi nei tempi antichi
Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti;
ultimamente, in questi giorni,
ha parlato a noi per mezzo del Figlio.

R/. Alleluia.

VANGELO Lc 2,16-21

Dal vangelo secondo Luca

16 In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia.

Senza indugio. Dopo aver accolto la parola non indugiano e quindi trovano il Cristo come avviene pure ai Magi. Se l’attesa di Lui è stata lunga, sofferta e paziente, non più così deve essere la ricerca quando Egli viene.

17 E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. 18 Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. 19 Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, me-ditandole nel suo cuore.

Riferirono, [lett.: fecero conoscere]. L’Evangelo si dilata e viene in tal modo trasmesso Tutta la pericope è incentrata sull’annuncio dell’Evangelo, della grande gioia che scaturisce dalla nascita regale del Cristo.
L’Evangelo, trasmesso dagli angeli, è accolto dai pastori e da loro annunciato davanti al Bimbo. In tutti provoca stupore (18) e infine termina nel cuore di Maria dove trova il suo riposo, infatti Maria da parte sua, custodiva tutte queste cose meditandole nel suo cuore (19). Maria diviene il modello di come vada accolto l’Evangelo. Meditando tutte queste cose, le metteva a confronto le une con le altre e sentiva in esse l’adempimento delle parole profetiche. In tal modo Maria è beata perché ha creduto e perché medita la Legge del Signore giorno e notte (cfr. Sal 1,2). In questo diviene modello di ogni discepolo nell’accogliere la Parola di Dio, meditarla e metterla in pratica.

20 I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.

I pastori se ne tornarono al loro gregge. La fede nel Messia conosciuto non li toglie dal loro lavoro, ma li impegna a conservarla e a testimoniarla dove si trovano.
Glorificando e lodando Dio come avevano imparato dagli angeli.

21 Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisio-ne, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Con la circoncisione Gesù viene inserito nel popolo di Dio come dice l’Apostolo: Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l’adozione a figli (Gal 4,4s).
Riceve quel nome che è stato rivelato dall’Angelo e inserendosi con questo nome, inizia a operare la salvezza. Con questo rito la sua divinità e la verginità della madre vengono nascosti sotto la paternità legale di Giuseppe.
Il centro di questo versetto è il nome di Gesù e si parla della circon-cisione in rapporto al nome. È importante che il nome sia legato alla circoncisione. Come la nascita a Betlemme lo rivela figlio di Davide così la circoncisione lo rivela figlio di Abramo: Libro della generazione di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo (Mt 1,1), come è detto d’Isacco (cfr. Gn 21,4). Che rapporto c’è tra la circoncisione d’Isacco e quella di Gesù? La circoncisione del Signore porta a compimento quella di Isacco: di questi è detto: aveva otto giorni, di Gesù: quando furono compiuti gli otto giorni. Ciò che sembra importante sottolineare è il sangue versato da Isacco, da ogni bimbo d’Israele e dal Signore stesso. La circoncisione è il segno, nella carne, del patto tra Dio e Abramo: e ogni patto è suggellato nel sangue. Il sangue versato dal Signore, nella circoncisione, porta a compimento il patto di Abramo. Inoltre, come il sangue versato da Isacco preannunciava il suo sacrificio sul Moria, così il sangue versato dal Signore preannuncia il suo sacrificio sul Calvario. In quello stesso tempo circa erano stati circoncisi anche i santi Innocenti.
La legislazione della circoncisione è contenuta in Lv 12,1-4: il testo unisce intimamente la circoncisione del bimbo con la purificazione della madre. Al v. 4 è detto: Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione. Colpisce questo sangue sparso nella maternità soprattutto se pensiamo a quello della Vergine. Infatti la sua purificazione dal sangue coincide con l’offerta del suo Primogenito (vedi Lv 12, 6-8 e Lc 2,22-24).

Note

«Inizio dell’omelia: Lc 2,16-21; riunisce due sezioni. I pastori vanno e riscontrano che quanto è annunciato, è vero. Viene sottolineato l’aspetto umilmente umano del Figlio di Dio; però in questo nulla i pastori riconoscono il Figlio di Dio. E divengono talmente servi della Parola che annunciano non solo meraviglie ma comunicano lo stesso trasporto che li ha presi. Maria, percepisce e ne viene presa e custodisce queste cose e le riscontra nel suo cuore. Non basta che lo Spirito si posi su di noi ma occorre custodire lo Spirito e confrontarlo con la Scrittura che non fa altro che comunicarlo sempre più.
21. Gesù viene circonciso. Il nome è Gesù. La benedizione è comunicata dalla presenza di Gesù nel seno dell’umanità: Lui è la grande benedizione ed è il Nome posto sui figli di Dio.
Oggi celebriamo la Maternità di Maria. Questa maternità gloriosa, strumento di salvezza, non possiamo disgiungerla dall’Incarnazione, dalla Circoncisione e dal Nome. Entrando in contatto con questa maternità, iniziamo a essere partecipi della benedizione in Gesù».

Conclusione dell’omelia: «I vari elementi in parte richiamati ci chiari-ficano il mistero del nostro nascere in Lui in quanto Lui si fa presente: nasce, cresce raggiunge la sua pienezza in ciascuno di noi e in tutto il suo popolo perché noi possiamo essere per Lui e in Lui figli di Dio come Lui. Questa rinascita per la deificazione avviene nella misura in cui il Padre manda in ognuno di noi il Figlio e lo Spirito Santo. Manda la pienezza dell’essere di Gesù: carne, sangue, anima, Spirito. Tutto questo è legato alla comprensione del battesimo, che invera la circoncisione, cui Gesù si è assoggettato. Il mistero della sua natività, dell’adorazione dei pastori, di Maria, della circoncisione, del Nome è legato fin dal principio a un segno di sangue. Qual è il punto di vincente tra la devozione imperfetta con Maria e il vero rapporto con lei? È accettare che la rinascita avvenga attraverso il sangue. Maria più ci è madre e più siamo figli non può e non vuole dispensarci, da un rapporto di sangue. Questo non l’ha fatto con Gesù e, non può farlo con noi perché custodisce nel cuore tutto il disegno di Dio. Tanto più è intimo il rapporto con Dio, Maria non si frappone al disegno di Dio, ma ci aiuta a realizzarlo. Ci accompagna e ci ottiene lo spirito della fortezza per realizzare il disegno di Dio. A Maria dobbiamo chiedere che non ci eviti il martirio, ma che ci conforti a sostenerlo. Questo lo fa non solo nei confronti di ciascuno ma in rapporto alla Chiesa: non evita alla Chiesa il martirio ma ottiene alla Chiesa la Pentecoste dove lo Spirito ci è dato perché possiamo testimoniare il nome di Gesù. Maria assistendo gli Apostoli non ottiene che siano tolti dal martirio ma che siano segnati dal fuoco dello Spirito. Non ha evitato al Cristo la morte ma lo ha consolato con la sua presenza».
(d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).

(NB questi sono appunti tratti allora durante l’omelia. Chi volesse leggere il testo integrale di questa omelia può trovarlo in G. Dossetti, Omelie del tempo di Natale, ed. Paoline, pg. 67-76).

PREGHIERA DEI FEDELI

Con l’animo pieno di trepidazione, ma fiduciosi nella protezione della Madre di Dio, innalziamo al Padre la nostra filiale e unanime preghiera.
Accogli, o Padre, le preghiere dei tuoi figli.

• Perché ovunque nella Chiesa fioriscano scuole di preghiera e di ascolto della Parola di Dio. Accanto a Maria, nel silenzio della meditazione, ogni uomo si apra alla comprensione della volontà del Padre, preghiamo.

• Perché ogni bimbo e bimba abbia la sua famiglia in cui possa sentire nel calore umano dei suoi il tenero abbraccio di Dio, preghiamo.

• Perché cessino la violenza e l’odio, rabbia dei forti contro i deboli, inizio di estenuanti miserie ed esili, preghiamo.

• Dona, Padre, sollievo ai più deboli e ai più piccoli, perché il loro te-nue respiro si rafforzi in un grido di gioia, preghiamo.

• Perché siano riscattate le lacrime di ogni donna e i suoi gemiti siano doglie di parto per una nuova umanità in nuovi cieli e nuova terra, preghiamo.

• Perché nel nuovo anno appaiano i segni della redenzione nel cessare delle guerre e dell’odio e in rapporti di vera solidarietà tra tutti i po-poli.
• Manda, o Padre, il tuo Cristo e il suo Evangelo di pace sia accolto da tutti gli uomini, noi ti preghiamo.

O Dio, principio e fine di tutto il creato, accogli dalle mani di Maria, vergine e madre, le preghiere filiali del tuo popolo; infondi in noi lo Spirito Santo perché nella concordia dell’amore e della pace, si elevi un’unica lode e un unico canto da tutti i tuoi figli sparsi in ogni popolo.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

domeniche precedenti

 

SANTA FAMIGLIA - A -

PRIMA LETTURA Siracide 3,3-7.14-17a (NV) [gr. 3,2-6.12-14]

Dal libro di Siràcide

2 Il Signore ha glorificato il padre al di sopra dei figli
e ha stabilito il diritto della madre sulla prole.

Questa volontà del Signore è espressa nel decalogo, nel quarto comandamento. Questo principio è scritto nella nostra natura ed è patrimonio comune dei popoli.
La madre ha un rapporto particolare con i figli a tutti noto per cui Tobia così dice al figlio: «Onora tua madre e non abbandonarla per tutti i giorni della sua vita; fa’ ciò che è di suo gradimento e non procurarle nessun motivo di tristezza. Ricordati, figlio, che ha corso tanti pericoli per te, quando eri nel suo seno» (Tb 4,3-4).
La Glossa interlineare così annota: «Restituiscile quello che con dolore ti ha dato».

3 Chi onora il padre espìa i peccati e li eviterà
e la sua preghiera quotidiana sarà esaudita.
4 Chi onora sua madre è come chi accumula tesori.

Onorare significa anche dissimulare, tollerare e lenire le loro sofferenze, sopportare i loro limiti e difetti. Fare questo è come offrire il sacrifico di espiazione per i propri peccati (cfr. Lv 4) perché - annota s. Gregorio – egli immola la propria volontà come sacrificio a Dio gradito.
Il rispetto per la madre ha come effetto quello di accumulare tesori, là dove né tignola né ruggine consumano, e dove ladri non scassinano e non rubano (Mt 6,20).

5 Chi onora il padre avrà gioia dai propri figli
e sarà esaudito nel giorno della sua preghiera.

Avrà gioia dai figli perché li vedrà crescere con buoni sentimenti, sani e dotati di doni.
La sua preghiera sarà esaudita perché imita il Cristo, il Figlio diletto del Padre.

6 Chi glorifica il padre vivrà a lungo,
chi obbedisce al Signore darà consolazione alla madre.

Riverire il padre è unito strettamente a obbedire al Signore. Davanti agli occhi del figlio vi è un rapporto strettissimo tra il padre e il Signore perché il padre mutua la sua autorità da Dio. Se in Dio l’autorità del padre ha la sua forza ha pure il suo limite. È chiaro pertanto che il figlio sta in obbedienza al padre nella misura che vi è uno strettissimo rapporto altrimenti egli deve obbedire piuttosto a Dio che al padre.
Notiamo come l’obbedienza al Signore dia consolazione alla madre. Ella coglie più fortemente il rapporto tra il Signore e i figli come disse Eva dopo aver partorito Caino: «Ho acquistato un uomo dal Signore» (Gn 4,1).

12 Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia,
non contristarlo durante la sua vita.

Con uno sguardo complessivo ora il saggio considera il rapporto tra padre e figlio soprattutto nel momento in cui declinano le forze e in tutta la vita. Onorare ora si esprime nel soccorrerlo e nel non contristarlo,. Egli possa riposare in te e in te trovare gioia.

13 Sii indulgente, anche se perde il senno,
e non disprezzarlo, mentre tu sei nel pieno vigore.

Allude a Cam, che derise la nudità del padre (cfr. Gn 9,22). Egli è esempio di quei figli che divenuti forti, istruiti e ricchi disprezzano la debolezza dei loro genitori, il loro livello inferiore di cultura e la loro povertà senza pensare che in virtù dei loro sacrifici essi hanno potuto raggiungere il loro tenore di vita.

L’opera buona verso il padre non sarà dimenticata,
otterrà il perdono dei peccati, rinnoverà la tua casa.

Riprende a mo’ di conclusione quanto ha già detto in precedenza a conferma del suo insegnamento.

SALMO RESPONSORIALE Sal 127

R/. Beato chi teme il Signore e cammina nelle sue vie.

Beato chi teme il Signore
e cammina nelle sue vie.
Della fatica delle tue mani ti nutrirai,
sarai felice e avrai ogni bene. R/.

La tua sposa come vite feconda
nell’intimità della tua casa;
i tuoi figli come virgulti d’ulivo
intorno alla tua mensa. R/.

Ecco com’è benedetto
l’uomo che teme il Signore.
Ti benedica il Signore da Sion.
Possa tu vedere il bene di Gerusalemme
tutti i giorni della tua vita! R/.

SECONDA LETTURA Col 3,12-21

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossesi

Fratelli, 12 scelti da Dio, santi e amati, rivestitevi di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di magnanimità,

Il comando dell’apostolo esprime le conseguenze del battesimo (dunque). Dal momento che ci siamo rivestiti di Cristo, siamo entrati nello stesso rapporto suo con Dio . Come Egli è eletto, santo e diletto così in Lui anche noi siamo diventati eletti, santi e diletti. La nostra elezione in Cristo è prima della fondazione del mondo perché chiamati a essere santi in forza dell’amore che Dio ha per noi. Dio ci ha amati per primo ed è per questo che ci ha chiamati a essere santi. In questo consiste la scelta che Dio ha fatto di noi: chiamarci e essere santi come Egli è santo.
Partecipare alla sua santità è partecipare al suo amore, è rivestirci delle sue stesse viscere di misericordia, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di longanimità. In questo si esprime l’amore, la primaria energia divina, lo stesso Spirito Santo.
La verifica costante dell’essere amati da Dio e di amarlo è sentire in noi misericordia verso i fratelli. Quando il nostro spirito si fissa sull’amore e non ondeggia più spinto dai venti passionali allora vuol dire che siamo giunti al calmo silenzio dove le passioni non rumoreggiano più in noi con i loro pensieri ma si placano incessantemente nel loro fine ultimo, che è l’amore.
Le virtù, che Paolo elenca, si collocano nella parte più profonda di noi, nelle viscere. Con questo termine la divina Scrittura intende il sentire intimo.
Come Gesù è misericordioso, così in Lui anche noi possiamo esserlo nei confronti degli uomini.
La bontà segue immediatamente alla compassione come l’espressione dell’intimo sentire.
L’umiltà è il sentire in modo semplice non ponendo l’attenzione su di noi ma sugli altri ed essere preoccupati per gli altri (cfr. Fil 2,3s).
La mansuetudine di Gesù è offerta alla nostra imitazione in Mt 11,25-30. Essa si esprime in quella mitezza per cui non ci turbiamo mai nel nostro animo nei confronti degli altri in modo che l’ira non debba dominarci.
La longanimità è il ritmare la nostra esistenza nell’attesa sia nei confronti della nostra vita sia in rapporto agli altri. Essa è strettamente connessa con la speranza.

13 sopportandovi a vicenda e perdonandovi gli uni gli altri, se qualcuno avesse di che lamentarsi nei riguardi di un altro.
Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi.

L’apostolo ci comanda di sopportarci a vicenda e di farci grazia gli uni gli altri. Motivo di questa esortazione è un fatto assai frequente, quello di lamentarsi nei riguardi degli altri. Nello stare insieme nascono occasioni per rattristarsi per torti e ingiustizie subite. Se questo diviene preponderante ed è l’oggetto dei nostri discorsi e lamenti, ci si allontana dal sentire di Cristo e non ci si occupa più della propria crescita spirituale. Il fracasso dei risentimenti si fa così forte nel nostro animo da spegnere la voce dello Spirito perché quello che conta è il risentimento che è in noi. I nostri pensieri sono la nostra stessa prigione.
Il rimedio, che l’apostolo dona a una simile situazione, è comunicarci lo stesso perdono che abbiamo ricevuto dal Signore. Lo stesso suo perdono, che è il principio della nostra vita interiore, è da noi trasmesso nel perdono vicendevole. In questo modo i nostri rapporti sono ristabiliti in forza dell’unico sacrificio del Cristo perché quando ci perdoniamo a vicenda noi ci trasmettiamo la grazia della riconciliazione che scaturisce dall’offerta sacrificale del Signore al Padre.
Dalla gratitudine per il perdono che abbiamo ricevuto dal Signore scaturisce la nostra volontà a perdonare e ad accogliere il perdono che ci è dato.

14 Ma sopra tutte queste cose rivestitevi della carità, che le unisce in modo perfetto.

Nella lingua greca il termine carità è all’accusativo per cui sta al vertice delle altre virtù, in precedenza elencate, di cui dobbiamo rivestirci. L’amore è l’abito che dà splendore e grazia a tutte le virtù cristiane e sta sopra di esse. Come il vestito esterno è quello che più esprime la persona di chi lo porta così è l’amore. Esso esprime la persona.
La carità è definita il vincolo della perfezione. Essa è la virtù che rende perfetti i nostri rapporti. Nel fatto che ci amiamo, noi diamo testimonianza di quello che siamo, cioè un solo corpo in Cristo reso incessantemente perfetto dall’amore.
L’essere rivestiti di Cristo nel battesimo è scoprire che il legame che ci unisce gli uni agli altri è l’amore. Questa potenzialità, che è in noi, deve essere sempre attuata nella nostra disposizione ad amare tutti, persino i nostri nemici. L’amore quindi ci relaziona gli uni agli altri perfezionando il nostro rapporto perché esige che si elimini da esso tutto quello che impedisce il suo perfetto realizzarsi. Questa perfetta realizzazione esige l’amore fino al dono totale di se stessi.

15 E la pace di Cristo regni nei vostri cuori, perché ad essa siete stati chiamati in un solo corpo. E rendete grazie!

Il cammino tracciato dall’apostolo porta alla pace. Le virtù, che in precedenza ha elencato come tipicamente battesimali, hanno come frutto la pace. Questa in Fil 4,7 è detta che supera ogni intelligenza. Essa va oltre la nostra capacità di comprensione perché è a noi data dal Cristo (cfr. Gv 14,27).
L’apostolo desidera che questa pace regni nei nostri cuori. Nei Fil egli afferma che custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù. Il compito della pace, che Gesù infonde nei suoi discepoli, è quello di avere un dominio incontrastato nel nostro intimo e di custodirlo da ogni insidia esterna. Essa definisce il nostro rapporto con il Signore, chiamato Egli stesso la nostra pace (Ef 2,14) e più siamo in Lui più in noi è la pace che regna e ci custodisce nel sicuro soprattutto là dove maggiormente siamo feriti, nel nostro pensiero.
Questa pace regna prima di tutto nell’unità del corpo, che è la Chiesa. Noi viviamo nella pace quando viviamo nell’armonia dell’intero corpo. La pace quindi custodisce i nostri rapporti vicendevoli e impedisce che essi escano da quelle virtù precedentemente elencate, soprattutto dall’amore.
Questo è il dono che a noi fa il Signore risorto, che sempre rimane con noi (cfr. Gv 20,26; Mt 28,20).
Per questo l’apostolo esorta: e siate riconoscenti. La riconoscenza è l’eucaristia, che perenne si eleva nella Chiesa e che deve riempire pure i nostri cuori.
È proprio in virtù dell’eucaristia, del rendimento di grazie, che noi possiamo restare nella pace di Cristo anche nelle nostre tribolazioni.

16 La parola di Cristo abiti tra voi nella sua ricchezza. Con ogni sapienza istruitevi e ammonitevi a vicenda con salmi, inni e canti ispirati, con gratitudine, cantando a Dio nei vostri cuori.

Prima l’apostolo ha parlato della pace di Cristo, ora egli si riferisce alla parola di Cristo. Egli vuole che questa parola, che appartiene al Cristo, si faccia una casa stabile dentro di noi, prendendo posto in modo sempre più ricco nel nostro intimo. Che significa lasciare sempre più spazio alla parola di Cristo dentro di noi? In Dt 6,4-7 Mosè raccomanda che le parole della Legge riempiano ogni momento della vita del figlio d’Israele per unificarla nella professione dell’unico Signore e Dio. Qui l’apostolo vuole che sia la parola di Cristo, adempimento e pienezza della Legge, ad abitare dentro di noi con i tesori del Cristo, che essa contiene in sé (cfr. 2,3).
Questa sovrabbondante ricchezza si esprime nell’ammaestrarci e ammonirci con ogni sapienza. Questa espressione sta a indicare l’effusione dello Spirito Santo nei credenti che li porta ad accogliere in sé pienamente la volontà di Dio (1,9). L’insegnamento consiste infatti nel trasmettere questa volontà di Dio e l’esortazione nel sollecitare ciascuno ad accoglierla nella propria vita. La sapienza, nelle sue varie espressioni, rende gli annunciatori capaci d’insegnare ad ogni uomo, di ammonirlo per presentarlo perfetto in Cristo a Dio (1,28). La ricchezza sapienziale propria dell’evangelo, che è il Cristo stesso con i suoi tesori di sapienza e di conoscenza in Lui celati (2,3) ha in sé la forza di farsi presente a ogni uomo per ammonirlo ed ammaestrarlo. Più è ricca la presenza della Parola, più siamo capaci di annunciare l’evangelo ad ogni uomo e di camminare nella sapienza in rapporto a quelli di fuori (4,5).
Un simile ammaestramento ha come risposta salmi, inni e cantici spirituali. Lo Spirito Santo porta al canto a Dio. Questo canto scaturisce dal cuore e si esprime nella grazia.
Quando lo Spirito Santo abita in noi allora vi abita anche la parola di Cristo, che ci rende capaci di ammaestrarci ed esortarci a vicenda facendo traboccare dal cuore il canto spirituale, quello di cui è maestro lo Spirito Santo e che si esprime nelle sue varie forme. In questo si manifesta il nostro essere nella grazia.

17 E qualunque cosa facciate, in parole e in opere, tutto avvenga nel nome del Signore Gesù, rendendo per mezzo di lui grazie a Dio Padre.

In che modo noi possiamo parlare od operare nel nome del Signore Gesù? Se Gesù è il centro di tutto quello che esiste sia nel cosmo che nella Chiesa, tutta l’energia, che fa essere le creature, scaturisce da Lui e quindi anche noi possiamo agire o pensare in forza di Lui. Anche nel nostro essere suoi discepoli e membra del suo corpo, noi abbiamo forza solo in Lui. La forza nostra è il suo Nome: il Signore Gesù. Solo custodendo e invocando il suo nome, noi possiamo parlare e operare in conformità alla volontà del Padre. Gesù è il Signore il cui nome è posto sopra ogni altro nome e nel cui nome ogni ginocchio si piega (cfr. Fil 2). Parlare e agire in suo nome significa obbedire ai suoi comandi, adempiere quello che Egli vuole ed esperimentare in noi la forza del suo nome in quello che diciamo o facciamo. Più noi acquistiamo coscienza che Gesù è il Signore più in noi opera la forza del suo nome. Da parte nostra sia nel nostro parlare che operare siamo chiamati ad appellarci alla forza del suo nome, da noi confessato sia con l’invocazione che con la lode.
Ora questa lode non termina in Gesù ma diventa eucaristia, ringraziamento al Padre per mezzo di Lui. La nostra esistenza scaturisce dal nome del Signore Gesù e non si esaurisce in un rapporto con gli altri perché è finalizzata al rendimento di grazie al Padre.
In questo modo si rompe il cerchio del soggettivismo e dell’opinione; infatti l’efficacia del nome del Signore non consiste tanto in persuasivi discorsi della sapienza umana ma nella dimostrazione dello Spirito (cfr. 1 Cor 2,4), che pone sulle labbra dei credenti parole di grazia cui nessuno può resistere (cfr. At 6,10).
La nostra esistenza è racchiusa in questi termini: l’invocazione del nome del Signore, in cui si esprime la grazia del nostro battesimo e il rendimento di grazie al Padre, l’eucaristia, nel quale si opera e si perfezione la nostra redenzione.
I due sacramenti dell’iniziazione cristiana sono la forza viva dello Spirito per tutti i discepoli di Gesù, relazionati gli uni agli altri nell’unico corpo del Cristo.

18 Voi, mogli, state sottomesse ai mariti, come conviene nel Signore.

Il perno della frase è nel Signore. In Lui l’ordine sociale vigente è vissuto in una nuova luce, quella della sottomissione di Gesù al Padre, che costituisce l’atto finale della redenzione (cfr. 1 Cor 11,3;15,28). La sottomissione pertanto della moglie al marito non tocca la persona ma il rapporto. In quanto persona infatti non vi è distinzione tra uomo e donna perché tutti siamo uno in Cristo (cfr. Gal 3,28). La sottomissione quindi non si fonda sull’inferiorità della natura ma sulla struttura della società, che si armonizza nei rapporti trovando nella persona del marito il principio dell’unità del nucleo familiare. Ma mentre in una società un simile rapporto può diventare assoluto e dispotico, questo non può accadere nella comunità dei credenti perché il principio assoluto che regola tutti i rapporti è il Signore. Pertanto nella loro relazione fondamentale con il Signore le mogli credenti trovano le modalità proprie della loro sottomissione in modo tale che sia redenta la brama della donna nei rapporti dell’uomo, che rende questi dispotico nei confronti della donna (cfr. Gn 3,16: «Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà»). La redenzione di Cristo libera la donna da questa sua relazione fondata sulla brama dell’uomo e di assoggettamento passionale a lui.
Se il modello sociale si ripete all’interno della famiglia cristiana, tuttavia esso è svuotato delle motivazioni proprie del pensiero dominante in quella specifica società.
Allo stesso modo il cammino odierno, che sottolinea la pari dignità dell’uomo e della donna, non elimina il fatto che il rapporto della moglie con il marito è caratterizzato dalla sottomissione. Eliminare questa caratteristica del rapporto genera confusione.
Questo implica che il marito viva egli pure questo rapporto nel Signore, che come insegna l’apostolo nella Lettera agli efesini, è un rapporto di dono di sé fino a dare la propria vita (cfr. Ef 5,25: E voi, mariti, amate le vostre mogli, come Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei), per cui esso perde il proprio delle genti, che è quello di dominare sugli altri e farsi chiamare signori (cfr. Mc 10,42).
Nella Chiesa invece l’unico Signore è colui che si è fatto servo di tutti e il suo servire consiste nel dare la sua vita per i molti.

19 Voi, mariti, amate le vostre mogli e non trattatele con durezza.

Nella Lettera agli efesini, l’apostolo fonda l’amore del marito verso la moglie sull’amore di Cristo per la Chiesa (5,25), qui invece gli pone come limite il non inasprirsi con esse.
L’essere a capo della famiglia e la familiarità con la propria moglie potrebbero portare il marito a indurirsi nei suoi confronti e a trattarla con asprezza.
L’apostolo comanda quindi ai mariti di amare sempre le proprie mogli in modo tale da spegnere nella forza dell’amore l’inasprimento che sorge in loro.
Questa è una legge generale dell’amore: quando s’inaspriscono i rapporti è segno che viene meno l’amore. Bisogna far attenzione al proprio pensiero che non s‘inasprisca perché quando in noi il pensiero s’indurisce nei confronti di altri, presto o tardi un simile indurimento si manifesta esteriormente.
«Rabh († 247) ha detto: “il marito stia sempre attento a non offendere sua moglie; perché appena la moglie scoppia in lacrime, è vicina la punizione della sua offesa”» (b. Babba Mezi‘a in Strack-Billerbeck, III, 631).
L’amore pertanto è il silenzio dell’ira. I pensieri passionali, come malattie, si spengono solo nell’amore. Il silenzio non come oblio dell’altro ma come assenza del rumore passionale è il vero modo di amare, come è detto del Signore: Starà in silenzio nel suo amore (Sof 3,17).

20 Voi, figli, obbedite ai genitori in tutto; ciò è gradito al Signore.

Questo è il comando dell’apostolo dato ai figli. Questi si rapportano ai loro genitori con l’obbedienza in tutto.
Il modello di riferimento è Gesù, il Figlio, che in tutto ha obbedito al Padre fino a consegnarsi alla morte di croce; allo stesso modo Isacco, nella mirabile pagina del sacrificio (Gn 22), accettò di esser immolato dal padre per obbedire al comando del Signore.
L’obbedienza dei figli ai genitori è gradita al Signore. Come infatti Gesù è il Figlio, nel quale il Padre si compiace, così i figli quando obbediscono ai genitori sono graditi al Signore e attirano su se stessi la sua benedizione.
I figli obbediscono ai genitori quando temono Dio e non disprezzano la conoscenza di Dio in modo tale che questi non li consegni a un’intelligenza depravata che li porti a diventare ribelli ai genitori (cfr. Rm 1,28.30).
La scomparsa del timore del Signore, come principio della sapienza (cfr. Sal 110,10), sconvolge tutti i rapporti e consegna a una durezza di cuore tale da non stimare più nessun rapporto come obbligante in coscienza.
In questo modo ogni autorità perde di valore e ciascuno segue i desideri del suo cuore pensando che siano la via giusta.
Obbedire tempra il nostro spirito perché ci sottomette al giogo della disciplina, come è scritto: È bene per l'uomo portare il giogo fin dalla giovinezza (Lm 3,27).
Ogni tentativo di eliminare questo rapporto di obbedienza sostituendolo con un altro non è gradito al Signore perché non porta alla sapienza ma rafforza la stoltezza, che è legata al cuore del giovane e solo la verga può allontanarla da lui (cfr. Prov 23,12-16).
La seduzione, che un cuore giovanile può subire, è vinta solo con uno stretto rapporto con i genitori caratterizzato dall’obbedienza. Là dove questo vincolo si attenua e i figli sono lasciati soli la stoltezza, come sistema di vita basato sul proprio sentire immediato, si rafforza al punto tale da generare tristezza il fare il contrario.
I genitori devono far sentire ai loro figli che il rapporto c’è ed essi non possono vanificarsi nel nulla.

21 Voi, padri, non esasperate i vostri figli, perché non si scoraggino.

L’apostolo raccomanda ai padri di non essere duri con i loro figli al punto da esasperarli e provocarli all’ira. L’effetto è quello di scoraggiarli, togliere loro forza interiore e vitalità.
Un atteggiamento duro e incontrollato dei padri, un’incapacità di riflettere e di dialogare crea incomunicabilità per cui i figli non riescono più a trasmettere ai loro padri il loro sentire, non si sentono più compresi ma piuttosto giudicati ed eventualmente disprezzati.
I padri, alla scuola di Gesù, imparano a dominare quell’istinto di dominio sui figli che li porta ad esigere da loro che seguano la volontà paterna in tutte le loro scelte, ma si relazionano con loro cercando di entrare nel loro mondo interiore per insegnare, esortare, correggere ma non con asprezza e disprezzo.
I figli si scoraggiano non per la durezza della correzione, che essi capiscono, ma quando avvertono di essere disprezzati e tenuti in poco conto.
I padri infatti non possono deridere i loro figli per i difetti che hanno e neppure scambiarli per virtù ma devono essere attenti a correggerli in modo sapiente e prudente perché si crei nei figli il desiderio della correzione e del miglioramento e non l’abbattimento con i pensieri che ne conseguono.
Il discepolo, che si forma alla scuola di Gesù mite e umile di cuore, impara a rispettare il suo simile, così il padre non ritiene una sua proprietà il figlio ma lo accoglie come dono di Dio in cui deve completare l’opera del Creatore.
Là dove c’è il timore del Signore, ivi vi è l’esatta misura della correzione. Il rapporto ha la sua storia di gioia e di sofferenza, d’incomprensione e di profonda intesa, di amarezze e di speranze.
Anche se i figli non condividessero più il sentire cristiano dei genitori, questi non cessino di amarli, di pregare per loro e di esortarli al timore di Dio e all’amore verso di Lui. Come acqua che penetra ovunque, il loro insegnamento s’insinua nei loro cuori e porterà frutti insperati.

CANTO AL VANGELO

R/. Alleluia, alleluia.

La pace di Cristo regni nei vostri cuori;
la parola di Cristo abiti tra voi nella sua ricchezza.

R/. Alleluia.

VANGELO Mt 2,13-15.19-23

Dal vangelo secondo Matteo

13 I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».

Erode certamente ha calcolato il tempo in cui i magi avrebbero dovuto fare a lui ritorno. Nel frattempo agisce il Signore. Egli non compie nessun prodigio ma, come dice l’Apostolo, «Dio non ha forse resa stolta la sapienza del mondo?» (1 Cor 1,20). Egli vince la furbizia di Erode giocandolo nel tempo. Essendo Signore del tempo, Egli vince attraverso di esso la sapienza del mondo.
Ecco un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe, il Signore sceglie ancora questo modo per comunicare a Giuseppe la sua decisione. Dopo la manifestazione gloriosa del Cristo, nella notte, avviene l’annuncio dell’angelo. Alle gioie gustate con i magi segue ora l’amarezza dell’esilio.
Alzati, prendi il Bambino e sua madre e fuggi in Egitto. Giuseppe appare qui come servo cui è affidato in custodia il segno: il Bambino e sua madre. Questo è il segno che Erode vuole distruggere, come Acab non voleva che si realizzasse. Giuseppe, figlio di David, custodisce questo segno prendendolo in consegna e fuggendo in Egitto. Non a caso Gesù deve fuggire in Egitto dove il popolo era tenuto in schiavitù. Egli fugge come Messia perseguitato e ritorna come Salvatore per liberare il suo popolo dai suoi peccati. Come i magi erano venuti dall’oriente così il Cristo va verso l’occidente per estendere la sua signoria su tutti i popoli. È scritto infatti: «Al tuo seme io do questo paese dal fiume d’Egitto al grande fiume, il fiume Eufrate» (Gn 15, 18). Il Cristo tocca con la sua signoria i due estremi della sua eredità promessa ad Abramo. «Quell’Egitto, che un tempo sotto il dominio del Faraone era oppresso e ribelle a Dio, ora diviene rifugio e abitazione di Cristo» (Cromazio).
E resta là fino a che non te lo dirò. L’angelo porta il messaggio divino ed è lui che stabilisce il tempo della dimora in Egitto. Giuseppe vede gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell’uomo e si unisce a loro nel compiere il suo servizio al Cristo.
Erode infatti sta per mettersi in cerca del Bambino per farlo perire. Simile a leone ruggente egli va in cerca del Bambino per divorarlo. Mentre il Cristo esce dalla sua terra per prendere possesso del suo regno, nella città che gli appartiene siede in trono Erode che appartiene all’anticristo. È qui profetizzata la profanazione del luogo santo e il rivelarsi del mistero d’iniquità «che è già in atto, ma è necessario che sia tolto di mezzo chi finora lo trattiene» (2 Ts 2,7). Questo mistero d’iniquità si esprime in Erode che freme contro l’ostacolo che gli impedisce di attuare il suo disegno. Quando Dio toglie chi lo trattiene allora esso si scatena. Il Cristo si mostra indifeso nei suoi confronti, è consegnato pienamente alla volontà del Padre espressa dall’angelo e all’obbedienza di Giuseppe.

14 Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto,

Giuseppe non aspetta il mattino, subito obbedisce all’angelo e durante la notte inizia la fuga verso l’Egitto. La notte è segno del potere delle tenebre. Benché il sole di giustizia sia già sorto, essendo ancora oscurato dalla nube della sua carne mortale, le tenebre non sono dissipate e in esse Erode ha potere perché egli appartiene alla notte e alle tenebre. Ora il Cristo fugge, verrà un’altra notte nella quale si consegnerà e solo nella notte di Pasqua dissiperà pienamente le tenebre. È scritto infatti: «E la notte s’illuminerà come il giorno» (Sal 138,12). Il segno del Bambino e della madre si rende presente in Egitto, ma qui resta nascosto nelle vesti dell’esiliato e del fuggitivo. Nessuno può coglierlo perché resta nascosto agli occhi di chi non crede. Dopo il lungo periodo del nascondimento a Nazareth la luce tornerà a risplendere sulle rive del lago di Tiberìade.

15 dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Dall’Egitto ho chiamato mio figlio».

Il Bimbo se ne stette in Egitto per obbedienza al Padre. La sua obbedienza si comunica a Giuseppe che resta in Egitto fino a nuovo ordine; devono infatti adempiersi le Scritture. La profezia di Osea: «Dall’Egitto ho chiamato mio figlio» (11,1) si attua dopo la morte di Erode. La scomparsa di questo simbolo dell’anticristo, fa ritornare il Cristo dall’Egitto. Come Israele poté salire dall’Egitto alla Terra promessa dopo la morte del Faraone nel mar Rosso, allo stesso modo il Cristo risale dall’Egitto dopo la morte di Erode. La profezia dice: «Ho chiamato mio Figlio». Il Cristo non torna senza essere chiamato, così anche noi non possiamo salire senza essere chiamati. La chiamata è la forza che ci fa salire, che spezza ogni vincolo di schiavitù; è infatti chiamata dalle tenebre alla luce, dall’essere schiavi all’essere figli. Il Figlio come era il Verbo presso il Padre, così in Egitto si manifestava come colui che aveva assunto la natura dello schiavo e si era fatto obbediente fino alla morte e alla morte di croce. L’essere chiamato dall’Egitto contiene il mistero della sua Passione, Morte e Risurrezione nella sua perfetta obbedienza.

19 Morto Erode, ecco, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto
Gli avvenimenti terreni sono strettamente collegati a quelli celesti. Visibile è la morte di Erode, invisibile è l’apparizione dell’angelo a Giuseppe. Coloro che leggono solo gli avvenimenti terreni hanno una particolare valutazione della storia, chi invece viene illuminato dalla Parola di Dio (il ministero angelico è soggetto alla Parola) vede gli avvenimenti in una luce diversa, quella divina. L’obbedienza alla Parola è obbedienza a Cristo e alla sua signoria nella storia. L’Angelo appare a Giuseppe in Egitto. Perché qui dimora esule la divina Presenza. Dovunque è il Cristo ivi sono i suoi angeli come pure ovunque dove sono i suoi. Infatti gli angeli «sono tutti spiriti ministri inviati per il servizio in favore di coloro che stanno per ereditare la salvezza» (Eb 1,14).

20 e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre e va’ nella terra d’Israele; sono morti infatti quelli che cercavano di uccidere il bambino».

Come sempre, l’Angelo gli comanda di alzarsi per riprendere il cammino. Come la colonna nel deserto segnava i tempi e le tappe del popolo così accade qui. Questo verbo sottolinea il primo atto dell’obbedienza.
Prendi il Bambino e sua madre e torna in terra d’Israele. Qui il segno deve essere conosciuto e riconosciuto. Qui opera il Cristo e di qui si è inviati per tutta la terra.
Sono infatti morti coloro che cercavano l’anima del Bambino. È la stessa parola che il Signore disse a Mosè quando da Madian lo inviò in Egitto per liberare il popolo. Benché fossero morti coloro che ne insidiavano la vita, tuttavia il Faraone che sorse dopo s’indurì. Anche se Erode è morto, tuttavia non sono morti coloro che odiano il Bambino. Egli è sempre il perseguitato. Infatti fino a che il Signore non ucciderà «il drago che si trova nel mare» (Is 27,1), la sua stirpe continua sulla terra e attenta all’anima del Cristo. Anche Saulo sentì la sua voce che lo interrogava: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?» (At 9,4). La morte di Erode segna tuttavia una pausa in questa persecuzione.

21 Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d’Israele.

L’evangelo registra la sua pronta, silenziosa e puntuale obbedienza. In queste parole è rivelata ed elogiata la fede di Giuseppe. Infatti non vi è obbedienza senza fede. È scritto di Abramo: «Per fede, chiamato, Abramo ubbidì… e uscì non sapendo dove andava» (Eb 11,8). Nella sua sobrietà l’Evangelo ripete esattamente le stesse parole dell’angelo come eseguite da Giuseppe. Questo è l’elogio più grande che ne potesse fare. Il comando è eseguito senza interpretazione.

22 Ma, quando venne a sapere che nella Giudea regnava Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nella regione della Galilea

Archelao era della stessa progenie di suo padre anche se non ne aveva la scaltrezza. Infatti perse il potere toltogli da Augusto. È nel disegno di Dio che il Cristo vada ad abitare nella Galilea, in questa terra impura per la presenza delle Genti. Egli resta nascosto anche a coloro che indagano le divine Scritture. Infatti l’Evangelo ci testimonia che reagirono alla sua apparizione in quanto proveniva dalla Galilea. Egli si nasconde talmente che sembra contraddire le Scritture. Infatti l’Evangelo prosegue lasciando in un profondo imbarazzo i commentatori.

23 e andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: «Sarà chiamato Nazareno».

Nazaret compare qui per la prima volta nelle Scritture e da essa Gesù prende il nome di Nazoreo. Questo nome è testimoniato nelle profezie. I profeti lo hanno chiamato Nazoreo cioè «consacrato a Dio fin dal grembo della madre» come dice di sé Sansone in Gdc 16,17: «santo di Dio io sono fin dal grembo di mia madre» (LXX). Ora i LXX traducono «santo» il termine ebraico nazir. È chiaro che alla radice è connessa l’idea di santità e consacrazione. La città di Nazaret acquista quindi il valore di città del consacrato, del Nazoreo come Betlemme è la città del Cristo e Gerusalemme la città del grande Re. Con questo titolo Gesù appare come consacrato a Dio quindi in stato sacrificale. Il titolo riappare nell’Evangelo al momento della Passione sulle labbra di una serva che accusa Pietro: «Costui era con Gesù il Nazoreo» (26,71). Così è definito al momento in cui si compie il suo voto compiuto fin dal seno materno come c’insegna l’Apostolo in Eb 10,5-10. Cromazio commenta: «Siccome Cristo Signore è l’autore e il principe della santità e della pudicizia, tanto che dice per bocca del profeta: “Siate santi perché io sono santo, dice il Signore” (Lv 11,44) non a torto fu chiamato Nazareo, poiché veramente anche offrì per la nostra salvezza il sacrificio del suo corpo quale voto fatto a Dio conforme alla prefigurazione della Legge».

PREGHIERA DEI FEDELI

C. Fratelli e sorelle, dall'umile casa di Nazaret, la sacra Famiglia si propone come modello di preghiera, laboriosità e concordia; insegni alle nostre famiglie ad essere aperte agli autentici valori dello spirito.
Preghiamo insieme e diciamo:
Benedici, Signore, le nostre famiglie.

 Per la Santa Chiesa, famiglia di Dio radunata nel suo nome, perché nello spezzare il pane celeste, insegni ai suoi figli a condividere il pane terreno, preghiamo.

 Per ogni famiglia cristiana, perché fiduciosa nella Provvidenza, sia sempre aperta ed accogliente, preghiamo.

 Per i genitori e i figli, perché nell'evangelo del Cristo, trovino il fondamento della vicendevole comunione, preghiamo.

 Per le nostre case, perché siano ripiene della presenza di Dio e del suo silenzio che fa fiorire la vita interiore, preghiamo.

 Perché nella famiglia di Nazaret impariamo la necessità del lavoro di preparazione, dello studio, della meditazione, dell'interiorità della vita, della preghiera, che solo Dio vede nel segreto, preghiamo.

O Dio, che in Gesù, Giuseppe e Maria ci hai dato una viva immagine della tua eterna comunione d’amore, rinnova in ogni casa il vincolo del tuo amore, perché nello Spirito Santo fioriscano quelle virtù che rendono umile e gioiosa la nostra convivenza.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

domeniche precedenti

 

NATALE 2013 - LE TRE MESSE


NATALE: MESSA DELLA NOTTE

PRIMA LETTURA Is 9,1-6

Dal libro del profeta Isaia

Questa pericope conclude una sezione (7,1-9,6) consacrata alla difficile situazione contemporanea. A causa della stolta politica del re Acaz e di tutta la Casa di Davide, il piccolo regno di Giuda sarà invaso dall’esercito del re di Assiria, ma non al punto da scomparire, perché il Signore è fedele alle sue promesse riguardo a Gerusalemme e alla discendenza davidica.
La sezione è attraversata dalla nascita di tre bimbi: l’Emmanuele, Mahèr-salàl-cash-baz (Presto saccheggia, lesto depreda) e infine il rampollo della stirpe regale.
La sua nascita dà origine al riscatto del popolo dalla dura schiavitù dell’oppressore.
La lettura messianica si evidenzia soprattutto nei quattro titoli del Bimbo regale che non sono recepiti né dalla Settanta e neppure dall’esegesi ebraica, che attribuisce al Messia solo il primo titolo «Consigliere ammirabile» mentre attribuisce gli altri tre a Dio.
Per la Settanta valga questa osservazione di d. G. Dossetti: «Mi pare che non sia senza senso il fatto che la traduzione greca dei Settanta non abbia avuto il coraggio di conservare questi titoli e li ha abbreviati, riducendoli a uno solo: «Angelo del gran consiglio». Non c'è «Padre per sempre» e non c'è «Dio forte». Hanno avuto un po' di pudore, forse hanno pensato che poteva fare sospettare di politeismo chiamare un bimbo «Dio forte» (Omelie del tempo di Natale, p. 36).
Le varianti tra la versione CEI e il testo ebraico sono evidenziate nel commento.

9,1 Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
Lett.: Il popolo, quelli che camminavano nelle tenebre videro una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse.

Il popolo, quelli che camminavano nelle tenebre; le tenebre appartengono al caos iniziale (cfr. Gn 1,3) e rappresentano una grande tribolazione; camminare in esse significa non saper dove andare e vivere senza speranza di uscirne (cfr. 1 Gv 2,11: chi odia suo fratello è nelle tenebre, cammina nelle tenebre e non sa dove va, perché le tenebre hanno accecato i suoi occhi).
Il passaggio dal singolare al plurale (camminavano … videro) mostra come la Scrittura non veda il popolo come una massa informe e senza volto ma al contrario come formato da singoli che all’interno del popolo fanno l’esperienza, prima delle tenebre e poi della luce.
Al popolo appare improvvisa la grande luce. Con questa immagine è espressa la redenzione. La luce è infatti parte integrante della Gloria del Signore al punto da essere una definizione stessa di Dio (cfr. 1 Gv 1,5: Questo è il messaggio che abbiamo udito da lui e che ora vi annunziamo: Dio è luce e in lui non ci sono tenebre).
Nel Sal 112,4 si dice: Spunta nelle tenebre come luce per i giusti, buono, misericordioso e giusto. Dio è la luce dei redenti e con la sua presenza tutto si trasforma in luce. Il salmista, che vorrebbe essere avvolto dalle tenebre, esclama: Se dico: «Almeno l'oscurità mi copra e intorno a me sia la notte»; nemmeno le tenebre per te sono oscure, e la notte è chiara come il giorno; per te le tenebre sono come luce (Sal 139,11-12). Anche alla legge è attribuito il dono di essere luce: il comando è una lampada e l'insegnamento una luce (Prov 6,23).
Immersi in una tenebra priva di speranza, all’improvviso essi vedono la grande luce, che emana da Dio e che illumina le loro menti: questa luce è la Parola, che prima essi avevano disprezzata e che ora accolgono. Questa Parola si è mostrata vera nel Bimbo regale.
Questa è la luce piena che non può più essere definita tenebre (cfr. 5,20: cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre).
Non solo a quanti camminavano nelle tenebre ma anche a coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Essi vi abitavano senza speranza, non cercavano di fuggire lontano dalle tenebre ma vi avevano stabile dimora e quindi non si aspettavano la luce.
La terra tenebrosa è probabilmente il soggiorno dei morti. Anche in questa regione di morte giunge la luce della redenzione. Il ministero del Cristo non si ferma solo a coloro che camminano sulla terra ma anche a coloro che abitano nello Sheol privi completamente della luce (cfr. 1 Pt 3,18-19: E in spirito andò ad annunziare la salvezza anche agli spiriti che attendevano in prigione).

2 Hai moltiplicato la gioia,
hai aumentato la letizia.
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si esulta quando si divide la preda.
Lett.: Hai moltiplicato la gente, hai aumentato la gioia. Gioiscono davanti a te come si gioisce quando si miete e come si gioisce quando si spartisce la preda

Hai moltiplicato la gente; nonostante che camminasse nelle tenebre e fosse già come morta, il Signore ha moltiplicato la gente e le ha aumentato la gioia. Come accadde in Egitto che il popolo cresceva e dopo l’oppressione fu liberato e per la gioia cantò il canto di Mosè, così accade ora. Il Signore ha ricolmato il suo popolo di una gioia così grande da fargli dimenticare la sofferenza precedente. Infatti è la stessa gioia di chi miete, come è detto nel salmo 126,5: Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo. È la stessa gioia di chi divide il bottino del nemico sconfitto, come è detto nel salmo 119,162: Io gioisco per la tua promessa, come uno che trova una grande preda. La gioia è propria di chi ha vinto il nemico che finora li aveva dominati, come dice il Signore: «Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, tutti i suoi beni stanno al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via l'armatura nella quale confidava e ne distribuisce il bottino» (Lc 11,21-22).

3 Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,
la sbarra sulle sue spalle,
e il bastone del suo aguzzino,
come nel giorno di Màdian.
Lett.: Poiché il giogo che gli pesava e la sbarra sulle sue spalle, il bastone del suo aguzzino tu hai spezzato come nel giorno di Madian.

Giogo e sbarra indicano schiavitù e lavori pesanti sotto la sorveglianza dell’aguzzino facile a colpire. Il Signore ha spezzato questo giogo di oppressione, come fece nella schiavitù egiziana (cfr. Es 5,14: Bastonarono gli scribi degli Israeliti, quelli che i sorveglianti del faraone avevano costituiti loro capi). Il popolo era ridotto al rango di bestie da lavoro e di schiavi su cui l’oppressore gravava con la sua autorità espressa nei termini sbarra (lett.: verga) e bastone. Il profeta ricorda la liberazione che il popolo ottenne al tempo di Gedeone (Gdc 7-8), celebrata anche nei salmi (cfr. Sal 83).

4 Perché ogni calzatura di soldato che marciava rimbombando
e ogni mantello intriso di sangue
saranno bruciati, dati in pasto al fuoco.
Lett.: Poiché ogni calzatura di chi calza con fracasso e ogni vestito insozzato di sangue saranno bruciati, esca del fuoco.
L’esercito oppressore è visto nell’angolatura del fracasso delle sue calzature e i vestiti insozzati di sangue stanno a indicare le molte stragi compiute.
Ma questo esercito sarà ridotto all’impotenza e calzature e vesti inutilizzabili saranno bruciati, esca del fuoco; invece forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell’arte della guerra (2,4).
La profezia volge lo sguardo a questa visione di pace verso la quale converge tutta l’umanità, l’insieme di tutti i popoli).

5 Perché un bambino è nato per noi,
ci è stato dato un figlio.
Sulle sue spalle è il potere
e il suo nome sarà:
Consigliere mirabile, Dio potente,
Padre per sempre, Principe della pace.
Lett.: Poiché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il principato ed è chiamato: Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace;

Egli non ha un nome proprio perché egli emerge dal mistero di Dio e nello stesso tempo è figlio del suo popolo.
Invano lo si può far coincidere con un personaggio storico, quale ad esempio Ezechia, perché egli ha appellativi divini.
Nell’Emmanuele era annunciato il suo concepimento verginale, qui è indicata la sua nascita nel tempo.
Perché il profeta usa il passato? Perché nella profezia gli avvenimenti sono visti nel loro adempimento e il profeta annuncia la redenzione come già in atto e quindi l’evento centrale di essa è salutato come presente.
È anche vero che la nascita del Bimbo regale può trovare sue parziali realizzazioni in attesa del suo pieno rivelarsi.
Il Bimbo ha sulle sue spalle il principato davidico e quindi messianico, perciò egli è in grado di rompere il giogo che pesa sul popolo e la sbarra che è sulle sue spalle (v. 3).
Egli è chiamato: Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace.
Questi sono i quattro appellativi con cui il Bimbo è chiamato e che ne rivelano l’intima natura.
Consigliere ammirabile. In lui il consiglio desta meraviglie perché il Figlio da sé non può fare nulla se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa (Gv 5,19). In Lui abbiamo la rivelazione del Padre e la sua manifestazione di potenza, come dice poco oltre: «Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati» (ivi,20).
Dio valoroso, In Lui si manifesta la stessa forza di Dio nel salvare il suo popolo. Il suo nome infatti è Gesù, che significa Dio salva. Ed Egli stesso si paragona al più forte che strappa la preda al forte (cfr. Lc  11,21-22).
Padre per sempre. Il Messia è padre dei piccoli e dei deboli per sempre; Egli non li abbandona mai. Infatti durante la cena Gesù chiama i suoi discepoli figliolini (Gv 13,33; 21,5).
Principe della pace. Il suo regno porterà la pace al suo popolo, come subito dice. Questa è la pace che Gesù comunica a coloro che accettano la regalità di Dio su di loro, come più volte Egli dice (cfr. Gv 14,27: Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore).

6 Grande sarà il suo potere
e la pace non avrà fine
sul trono di Davide e sul suo regno,
che egli viene a consolidare e rafforzare
con il diritto e la giustizia, ora e per sempre.
Questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.
Lett.: grande diverrà il suo principato e la pace non avrà fine sul trono di Davide e sul suo regno, che egli viene a consolidare e rafforzare con il giudizio e la giustizia, ora e sempre; questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.

Essendo il principe della pace il suo principato si farà sempre più esteso e la pace non avrà fine. Il suo regno quindi non sarà soggetto alla variazione delle guerre, alla diminuzione del potere ma al contrario esso sempre più si affermerà secondo le parole dell’angelo alla vergine Maria: «il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine» (Lc 1,32-33). L’apostolo commenta: Bisogna infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L'ultimo nemico ad essere annientato sarà la morte, perché ogni cosa ha posto sotto i suoi piedi (1 Cor 15,25-27).
Il Cristo regna sul trono di Davide e sul suo regno. Vi è la continuità e vi è la novità. Egli è nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, è costituito Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santificazione mediante la risurrezione dai morti (Rm 1,3-4). Egli regna quindi su Israele; Egli è Gesù il Nazoreo, il re dei giudei (Gv 19,19) e da Israele il suo regno si estende su tutti i popoli (cfr. At 1,8).
Il suo regno si consolida e si rafforza non attraverso le armi ma con il giudizio e la giustizia. Il re messia esercita il giudizio con giustizia come dirà in seguito e in questo vi è un ricordo di Davide (cfr. 2 Sam 8,15: Davide regnò su tutto Israele e pronunziava giudizi e faceva giustizia a tutto il suo popolo).
Dalla nascita del Bimbo tutto è cambiato: il diritto e la giustizia hanno il sopravvento fino a giungere alla pienezza nella manifestazione gloriosa del Cristo.
Tutto questo è opera dello zelo del Signore degli eserciti. Nonostante l’infedeltà del suo popolo, il Signore è mosso da gelosia, che in Lui arde come fuoco puro (cfr. Gio 2,18; Zac 1,14). Questo è il fuoco che il Signore Gesù è venuto a portare sulla terra e che vuole sia acceso (cfr. Lc 12,49).

Nota

Il bimbo e figlio è presentato con titoli divini «Consigliere ammirabile, Dio valoroso, Padre per sempre, Principe della pace». In questi titoli si condensa la sua origine divina e nello stesso tempo umana, la sua missione e quindi egli solo sarà in grado di portare la pace promessa come frutto della giustizia.
Gesù, il Cristo e Figlio di Dio, esprime perfettamente in sé questi titoli in parte divini e in parte messianici. Noi non abbiamo bisogno di spartirli tra Dio e il suo Cristo – come fa l’esegesi ebraica -, ma possiamo tutti attribuirli al Cristo, come insegna s. Giustino:
«Prima di essere crocifisso proclamò infatti: Il figlio dell'uomo deve molto soffrire ed essere riprovato dagli scribi e dai farisei, essere crocifisso e risorgere il terzo giorno (Mc 8,31; cfr. Mt 16,21). E Davide ha annunciato che egli sarebbe stato generato dal grembo prima del sole e della luna (Sal 110,3 + 72,5.17) secondo il volere del Padre, ed ha manifestato che, in quanto Cristo, e Dio potente (cfr. Is 9,5) è degno di adorazione (cfr. Sal 45,13; 72,11)».

SALMO RESPONSORIALE Sal 95

R/.  Oggi è nato per noi il Salvatore.

Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
Cantate al Signore, benedite il suo nome. R/.

Annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.
In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
a tutti i popoli dite le sue meraviglie. R/.

Gioiscano i cieli, esulti la terra,
risuoni il mare e quanto racchiude;
sia in festa la campagna e quanto contiene,
acclamino tutti gli alberi della foresta. R/.

Davanti al Signore che viene:
sì, egli viene a giudicare la terra;
giudicherà il mondo con giustizia
e nella sua fedeltà i popoli. R/.

SECONDA LETTURA Tt 2,11-14

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Tito

Figlio mio, 11 è apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini

È apparsa infatti, il testo si collega al precedente e ne dà la motivazione: tutti coloro che sono nella Chiesa sono chiamati a vivere così perché è apparsa la grazia di Dio (Girolamo).
È apparsa, come è detto: per illuminare quelli che sono nella tenebra e nell'ombra di morte (Lc 1,79) e altrove: il popolo che cammina nelle tenebre vide una grande luce (Mt 4,16)
La grazia di Dio è apparsa in Cristo, pieno di grazia e di verità (Gv 1,14), e quindi è apportatrice di salvezza perché Gesù è il nostro salvatore, dalla cui pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia.
Gesù è ora presente in mezzo a noi nella sua grazia che dona salvezza. Egli si fa presente a tutti gli uomini perché è la luce che illumina ogni uomo (Gv 1,9). Ognuno, secondo il suo proprio è illuminato dalla luce del Verbo e incontra la grazia del Cristo.

12 e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà,

C’insegna, quello che, nell'A.T, è compito della Legge, nel N.T lo è della grazia: la Legge forma dall'esterno, la grazia educa e istruisce dall'interno, per questo è chiamata salvatrice.
A rinnegare, come c’insegna il Signore: «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua» (Mt 16,24).
L’empietà è l'idolatria, che c’impedisce di credere in Dio.
I desideri mondani sono elencati in 1 Gv 2,16: La concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita.
sobriamente verso noi stessi
giustamente verso gli altri
piamente verso Dio (s. Bernardo).

13 nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo.

Essa è pure grazia che ci fa attendere la manifestazione del Signore.
La beata speranza, è la beatitudine sperata. La speranza infatti è ora nell'attesa e giunge al suo compimento nella beatitudine.
Così preghiamo durante l’Eucaristia: nell'attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo.
La beata speranza ha come oggetto la manifestazione della gloria (ora si manifesta la grazia) del grande Dio e Salvatore nostro Gesù Cristo.
Egli si manifesta come il grande Dio, il Dio degli dei, davanti al quale si prostrano tutte le potenze spirituali, come è scritto: e lo adorino tutti gli dei (Sal  96,7).
Per noi Egli è il salvatore, per cui lo attendiamo con gioia.

14 Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone.

Questa beata speranza è in noi perché Cristo ha dato se stesso per noi; Egli ci ha tanto amato che ha dato se stesso, come Egli stesso dice: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15,13).
Egli consegnò se stesso accettando liberamente la volontà del Padre per noi (cfr Gv 3,16).
per riscattarci dalla schiavitù del peccato, della morte e del diavolo.
da ogni iniquità, ciò che è contrario alla Legge: infatti non potevamo osservare la Legge a causa delle nostre passioni, della legge del peccato che è nelle nostre membra (cfr. Rm 7,23).
puro che gli appartenga, cioè eletto cfr. Es 19,15: caratteristica dell'alleanza.
zelante, bramoso di fare le opere buone cfr. v. 7.

Nota.

Il primo testo della lettera a Tito è nel contesto dell'insegnamento sul modo di comportarsi delle singole categorie ecclesiali.
In queste si è infatti manifestata a tutti gli uomini la grazia salvatrice di Dio. Il battesimo è la manifestazione di questa grazia salvatrice, che diventa un invito a tutti gli uomini ad accoglierla.
Infatti è proprio del battesimo rinnegare l'empietà e le bramosie mondane.
L'empietà è propria di chi disprezza Dio ed è arrogante nei suoi confronti. Il termine è greco e sta ad indicare la mancata venerazione verso la divinità. Questa è accompagnata dall'arroganza e dalla sfida a Dio.
Le bramosie mondane sono il morboso attaccamento alle creature elevate al rango divino oppure sfruttate per il proprio piacere. Cfr. 1 Gv . La grazia battesimale trasforma questa situazione d'ira e di bramosia in un vivere prudente, giusto e pio.
La prudenza implica un comportamento sapiente nelle scelte, nella parola e nel comportamento.
La giustizia è l'effetto del battesimo ed implica una rottura con la vita precedente al battesimo.
La pietà è l'abbandono di quel comportamento violento contro Dio per sottometterci a Lui e per temerlo.
In che modo si vive questo? l'apostolo lo insegna immediatamente: attendendo la beata speranza e la manifestazione del grande Dio e salvatore Gesù Cristo (v. 13). Solo questa tensione verso la manifestazione di Gesù può distaccarci dal mondo e dalle sue bramosie. Gesù è il grande Dio, il salvatore e il Cristo: il riconoscerlo tale fa parte della nostra fede battesimale.
Essere battezzati è entrare nel respiro dell'attesa ed è sollecitare questa manifestazione della gloria di Dio e il compimento della salvezza.
La redenzione è ricordata al v. 14 come dono di se stesso e come riscatto da ogni trasgressione della legge per diventare il popolo suo proprio zelante per le opere buone.
Ci si può fare due domande:
Quale relazione ha questo testo con la nostra vita cristiana e come lettura natalizia come deve essere letto.
Il nostro battesimo rimane un po' in ombra perché siamo più colpiti da quei sacramenti in cui abbiamo partecipato con consapevolezza.
Anche se fossimo stati battezzati da adulti, la nostra rigenerazione è oltre la nostra stessa percezione e si manifesta in noi più con i suoi effetti che nella sua stessa natura.
Il primo effetto del battesimo è quello di rinnegare l'empietà e le bramosie mondane. Il battesimo ci rende capaci di sottrarci da questo dominio perché trasferiti sotto la signoria del Cristo.
Mentre la Legge è diagnosi l'Evangelo è terapia.
In che modo l'Evangelo cura?
Qui s'inserisce il discorso del Natale.
Il Natale è la memoria della manifestazione visibile di Dio entro i confini della natura umana.
Il Figlio di Dio si è racchiuso entro i limiti della nostra esistenza subendo soprattutto il rapporto con  la morte per distruggerla. Noi subiamo soprattutto il dominio di questa.
La nascita di Gesù è il suo entrare nella morte per distruggerla, il battesimo è il nostro ingresso nella sua morte perché la nostra morte sia distrutta.
La sua nascita è pertanto il meraviglioso scambio, che si fa sacramento nel nostro battesimo.

CANTO AL VANGELO Lc 2,10-11

R/.  Alleluia, alleluia.

Vi annuncio una grande gioia:
oggi è nato per voi un Salvatore, Cristo Signore.

R/.  Alleluia.

VANGELO Lc 2,1-14

  Dal vangelo secondo Luca

1 In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria.

Il Censimento. Sono nominati l'imperatore e il governatore della Siria.
Per la nascita di Giovanni è nominato solo Erode, re della Giudea. Giovanni infatti è inviato solo a Israele, Gesù il Cristo anche a tutte le Genti.
Il nome di Gesù viene scritto nell'elenco degli uomini di tutta la terra perché, Figlio dell'uomo, a tutti porta la salvezza (cfr. Mt 24,14: Sarà predicato questo evangelo del regno in tutta la terra in testimonianza a tutte le genti e allora giungerà la fine).
Sul valore universale del censimento così si esprime Origene: «Era necessario che Cristo fosse censito in quel censimento universale perché, iscritto tra gli altri uomini, santificasse tutti e, menzionato nel registro del censimento con tutto il mondo offrisse la sua comunione e, dopo questo censimento, censisse insieme a sé tutti gli uomini nel Libro dei viventi (Ap 20,15) e chiunque in seguito avesse creduto in Lui venisse iscritto nei cieli».
Con tono più giuridico Ambrogio annota: «Se i consoli si registrano nei documenti di acquisto, quanto più è necessario registrare la data dell'universale riscatto! Qui hai tutti i dati che normalmente si trovano nei contratti: il nome della somma autorità, la data, il luogo, il motivo» (in Lc. n. 33).
Inoltre sono contrapposti da una parte Cesare, che qui è Augusto e dall'altra il Cristo, figlio di Davide, il Primogenito tra i re della terra (Sal 89,28). Il ceppo di Iesse ha un virgulto, l’impero romano è un albero che copre tutta la terra (cfr. Dn 4,6-9).
Questa contrapposizione ritornerà durante il processo davanti a Pilato e il popolo sarà chiamato a scegliere (cfr. Gv 19,12-16; At 17,7).
Ora Gesù appare assoggettato all'autorità romana; non solo si è assoggettato alla legge d'Israele ma anche a quella delle Genti per condurre tutti alla redenzione evangelica.

3 Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.
4 Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide.

Giuseppe sale con Maria sua sposa a Betlemme per adempiere le Scritture.
L'Evangelo rivela il vero significato di questo movimento creato dall'imperatore. Nella storia degli uomini si nasconde la storia di Dio come il lievito che, nascosto nella farina, fermenta tutta la pasta (cfr. Lc 13,20s).
Betlemme. Gesù non solo nasce dalla stirpe di Davide ma nella sua stessa città. Le città acquistano la loro impronta dai personaggi che le caratterizzano (Gerusalemme città del gran Re; Ebron, città dell’amico: Abramo). Betlemme è caratterizzata da Davide, come è detto in Gv 7,42: La Scrittura dice che il Cristo verrà dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide. (cfr. Mi 5,1-3). Nasce nel villaggio d'origine perché con lui tutto ricomincia in un modo nuovo per non terminare mai più: Regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno e il suo regno non avrà fine (1,33).
Infatti Egli è colui del quale il profeta, dopo aver detto la sua origine da Betlemme, aggiunge: Le sue origini dal principio, dai giorni eterni e Girolamo commenta:  «L'assunzione della carne non impedisce in Lui la divina maestà; dice il Padre: “da me infatti è nato prima di tutti i secoli e colui che ha fondato i tempi non è contenuto nel tempo. Egli è colui al quale in un altro salmo ho detto: Prima della stella del mattino ti ho generato (Ps 109,3). In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio, e Dio era il Verbo (Gv 1,1). Ecco come le sue origini sono dal principio, dai giorni eterni».

5 Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.

Questo appare lo scopo principale della presenza di Giuseppe con la sua sposa incinta a Betlemme. L'avvenimento che segna la pienezza dei tempi (Gal 4,4) è nascosto all'interno di un atto di amministrazione romana.

6 Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto.
7 Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

La nascita di Gesù è a noi annunciata più con il silenzio che con la parola a differenza di quella di Giovanni il precursore. L'evangelo fa accenni rapidi ai luoghi: là, la mangiatoia, la stanza di soggiorno o l'albergo. Dopo un fugace accenno a Giuseppe ricordato con Maria (si trovavano là) tutta l'attenzione è sulla madre: dopo aver partorito il suo figlio, il primogenito, ella compie due gesti: lo avvolse in fasce e lo depose nella mangiatoia. Sembra quasi che l'evangelista metta nell'ombra tutto l'ambiente e illumini solo la madre che tutto compie da sola e infine conduca il nostro sguardo sul bimbo avvolto in fasce che giace in una mangiatoia, come subito dice l'angelo ai pastori; e questo è il segno per loro che il bimbo nato a Betlemme è il Messia (v. 12). La madre compie gesti che hanno valore di segno. Bisogna quindi leggere questi gesti alla luce del segno, cioè come gesti rivelatori di questo Bimbo nato a Betlemme.
I due gesti, che la madre compie, hanno colpito i nostri padri; infatti da nessuno fu aiutata nel parto ed ella da sola lo avvolge in fasce e lo depone nella mangiatoia. Basti per tutti la testimonianza di Girolamo che così scrive nella sua opera Contro Elvidio: «Non ci fu nessuna levatrice, non intervenne nessuna sollecitudine di donicciuole; da sola ella avvolse il bimbo nelle fasce: solo lei fu e madre e levatrice» (8).
Per cogliere il valore di segno i nostri padri hanno fatto ricorso al carattere simbolico. Nel primo gesto, quello di avvolgerlo in fasce, possiamo vedere la sua perfetta umanità, come è testimoniato (cfr. Sap 7,4; Ez 16,4). Egli è davvero uomo pur non cessando di essere Dio. Nell’inizio è già annunciata la fine: altre fasce avvolgeranno il suo corpo deposto dalla croce e come quelle della natività danno testimonianza della sua messianità così quelle del sepolcro daranno testimonianza della sua risurrezione (cfr. Gv 20,26-27).
Riguardo alla mangiatoia essa è percepita come un simbolo del nutrimento che Egli costituisce per Israele (il bue) e le Genti (l’asino) come è scritto: Il bue conosce il proprietario e l'asino la greppia del suo padrone ma Israele non conosce e il mio popolo non comprende (Is 1,3), e in Abacuc: in mezzo ai due animali tu ti manifesterai; quando gli anni saranno vicini, tu sarai conosciuto; quando sarà venuto il tempo tu apparirai (3,2 LXX).
Il Bimbo nel presepe esprime quindi la regalità messianica per un rovesciamento delle prospettive come avverrà sulla croce: nella povertà del presepe e nell’umiliazione della croce Gesù è rivelato come il Cristo. La sua povertà è quindi parte integrante del suo mistero, è (assurdamente per le categorie umane) il luogo in cui Egli si manifesta. Nella prospettiva di Dio tutto è rovesciato e per chi crede tutto appare nella sua verità e benedice Dio.
La motivazione per cui il Bimbo giace nella mangiatoia è la seguente: perché non c'era posto per loro nell'albergo o nella stanza. L’albergo, era il luogo di sosta e quindi non era un luogo conveniente per partorire. Per questo secondo la tradizione accolta fin dai primi secoli, Giuseppe e Maria scelsero una grotta appartata e l'apprestarono in modo conveniente al parto. Giustino nel Dialogo con Trifone scrive: «Poiché Giuseppe non sapeva dove alloggiare in quel villaggio, riparò in una grotta nelle vicinanze. E mentre erano là, Maria diede alla luce il Cristo e lo depose in una mangiatoia» (78,5).
Oggi si propende a tradurre il termine katàlima con stanza (22,11; 1 Sm 9,22) e «può indicare uno spazio in una casa privata destinato ad accogliere e ospitare i forestieri … La casa della piccola gente al tempo di Gesù consisteva in genere in un vano unico, nel quale si svolgeva tutta la vita (cfr. 11,7; Mt 5,15), e che spesso doveva riparare anche gli animali domestici (Ps 50,9). Per l'inevitabile confusione la sosta in un simile locale portava pericolo per la madre e per il bambino. Perciò si deve presumere che la nascita sia avvenuta fuori da questo vano, ad esempio in una stalla subito contigua o, secondo la tradizione, in una grotta nelle vicinanze, che spesso allora si usava come stalla. Qui anche la mangiatoia (fissata al muro?) trova il suo pieno significato. Essa offriva il riparo perché il bambino inerme non fosse calpestato dagli animali, o soffrisse danno per il continuo movimento» (Rengstorf). Potremmo anche supporre che la grotta fuori del villaggio appartenesse al clan davidico di Giuseppe.
Per rilevare la nascita verginale di Gesù l'evangelo dice: Il suo figlio, il primogenito. Nell’A.T. Israele è chiamato da Dio suo figlio primogenito (Es 4,22; Sir 36,11).
Gesù è figlio di Maria ed è chiamato il primogenito in rapporto al Padre suo. Così pure è chiamato il re (Sal 89,28). Questo sottolinea il particolare rapporto che lo lega a Dio.
L'Apostolo Paolo approfondisce i significati del termine primogenito riferito a Cristo.
In Rm 8,29 lo chiama il primogenito tra molti fratelli. I molti fratelli sono coloro che con la risurrezione sono trasformati nella sua immagine gloriosa di Figlio di Dio.
In Col 1,18 è chiamato primogenito dai morti. Egli è il primo risorto fra i morti ed è quindi il fondamento della speranza della nostra risurrezione.
In Col 1,15 è definito primogenito di ogni creazione, «Cristo è il mediatore della creazione, al quale tutte le cose create senza eccezione sono debitrici del loro essere» (Micaelis). Vedi inoltre Eb 1,6.
Egli si manifesta come tutti gli uomini; cfr. Sap 7,3: Anch'io appena nato ho respirato l'aria comune e sono caduto su una terra uguale per tutti, levando nel pianto, uguale a tutti, il mio primo grido. Questo pianto è l'inizio di quella oblazione sacrificale che ha caratterizzato i giorni della sua vita terrena (cfr. Eb 5,7).
Prima di proseguire sostiamo davanti al presepe con la preghiera ammirata di Ambrogio:
«Da ricco che era, sta scritto, si è fatto povero per voi, affinché voi diventaste ricchi della sua povertà (2 Cor 8,9). Quella indigenza è dunque la mia ricchezza, e la debolezza del Signore è la mia forza. Ha preferito per sé le privazioni, per aver da donare in abbondanza a tutti. Il pianto della sua infanzia in vagiti è un lavacro per me, quelle lacrime hanno lavato i miei peccati. O Signore Gesù sono più debitore ai tuoi oltraggi per la mia redenzione, che non alla tua potenza per la mia creazione. Sarebbe stato inutile per noi nascere, se non ci avesse giovato venire redenti».

8 C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge.

Alcuni pastori. Gente umile e disprezzata: essi sono scelti come primi testimoni della nascita di Gesù, che in loro si rivela come il Messia dei poveri. Da loro inoltre ha pure avuto origine Davide, antenato di Gesù. Egli nasce nel loro ambiente: la grotta - stalla, la mangiatoia.
Questi pastori vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. Al contrario, i pastori d'Israele dormivano e non si sono accorti della venuta del Signore pur conoscendo le Scritture. Qui a Betlemme i pastori vegliano e a Gerusalemme, nel Tempio, Anna pure veglia in digiuni e preghiere e Simeone attende la salvezza d'Israele, Gesù.
Essi divengono simbolo dei pastori della Chiesa: «I pastori vegliano perché lo stesso buon Pastore è il loro modello di vita. Pertanto il gregge è il popolo, la notte il mondo, i pastori sono i vescovi» (S. Ambrogio).

9 Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore,

Gli angeli sono presenti nella vita del Signore, sia nel Natale che nella Risurrezione, come testimonianza della presenza del Regno dei cieli in Gesù. Il loro servizio e il loro annuncio ha come oggetto il Cristo.
«Un angelo informa Maria, un angelo informa Giuseppe, un angelo i pastori. Non bastava inviarli una sola volta: davvero ogni parola si fonda su due o tre testimoni» (S. Ambrogio).
Mentre l'Angelo si presenta, la gloria del Signore li avvolge di luce. Questa luce è celeste e fa vedere le realtà celesti. Agli uomini viene partecipata quella luce inaccessibile dove Dio abita.
Essi furono presi da grande spavento, infatti la visione degli esseri celesti suscita il timore della morte in coloro che li vedono (cfr. Gdc 13,22). L’apparizione dell’angelo è improvvisa, come immediato è lo splendore della Gloria. Vi sono già le caratteristiche della manifestazione finale del Cristo assieme ai suoi angeli.

10 ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo:

Io vi annunzio una grande gioia: dal grande timore per la visione alla grande gioia dell'annunzio.
Vi annunzio (lett.: vi evangelizzo). Il termine evangelo, evangelizzare «è caro a Luca (1,19; 3,18; 4,18.14 ecc.; frequente in Atti) che anche lettori non ebrei comprendevano nel suo speciale significato. Allora era usato tra l'altro per la proclamazione di un sovrano.
Così l'evangelo dell'angelo, per orecchie greche, significa la proclamazione del Bambino appena nato come re d'Israele da parte di Dio stesso, cioè come Cristo Messia. Per questo la gioia annunziata vale per tutto il popolo benché dovesse venire il tempo dello scoprimento per ogni orecchio e ogni occhio» (Rengstorf).
L'Evangelo è la grande gioia: solo il suo annuncio la comunica, fuori di esso è la tenebra e la tristezza mortale.

11 oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore.

Oggi, è l'adempimento delle promesse. Inizia l'oggi di Dio (vedi Eb 3,7-4,13) che è tempo di salvezza.
Inoltre queste parole dell'Angelo, che costituiscono l'evangelo della grande gioia, richiamano il Sal 2,7: Tu sei mio Figlio, Io oggi ti ho generato. Le parole, che il Padre rivolge al Figlio dal suo seno, prima della stella del mattino (Sal 109, 3 LXX), divengono l'Evangelo dato a tutto il popolo.
L'oggi della generazione divina entra nella storia mediante la generazione umana del Cristo.
Il Natale diventa il momento in cui il Cristo è intronizzato nella città di Davide.
Egli è il Salvatore (è il suo nome personale, Gesù, che significa: Dio salva) e ha come trono la mangiatoia. Essa preannuncia l'altro trono che lo attende, la croce.
Cristo Signore: «la formula si presenta come un condensato della confessione di fede cristiana: Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso! (At 2,36)» (Rossé, o.c., p. 90).

12 Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».

Il segno: essendo segno richiede la fede.
Il Messia si manifesta umile agli umili ed essi non si stupiscono ma lo accolgono con gioia.
Il segno delle fasce e della mangiatoia manifesta il Cristo che, essendo di natura divina non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo (Fil 2,6ss). Alla sua nascita le fasce lo avvolgono ed è questo il segno della sua umanità.

13 E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:

E subito: appena è annunciata l'umiltà del segno, per confortare la fede viene lodato Dio. 
Essendosi il Verbo fatto Carne, la lode angelica è udita sulla terra.
Una moltitudine dell'esercito celeste. Quando Dio poneva le fondamenta della terra e ne fissava le basi e la pietra angolare gioivano in coro le stelle del mattino e applaudivano tutti i figli di Dio (cfr. Gb 38,7).
Quando Giacobbe tornò alla terra dei padri gli si fecero incontro gli angeli di Dio (cfr. Gn 32,2).
E di nuovo quando introduce il primogenito nel mondo, dice: lo adorino tutti gli angeli di Dio (Eb 1,6).

14 «Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

Questo è un inno messianico che ha il suo corrispondente in 19,38: Benedetto Colui che viene, il re, nel nome del Signore. Pace in cielo, e gloria nel più alto dei cieli.
Un angelo ha annunciato l'Evangelo della nascita, una moltitudine dell'esercito celeste lo commenta con la lode.
Nel più alto dei cieli (lett.: Le zone altissime): esse sono il luogo della dimora divina, che è ripiena della gloria di Dio. Ad essa si contrappone la terra. Alla gloria, che si rivela là, dove Dio dimora, corrisponde sulla terra la pace. Infatti la pace è il manifestarsi della gloria sulla terra: è il secolo futuro che si rende presente nell’oggi e lo pervade della sua energia portandolo alla sua consumazione. La gloria, che è nel più alto dei cieli, è scesa sulla terra e quindi ha portato la pace agli uomini del beneplacito divino. «La gloria di Dio non consiste anzitutto nel fatto che Egli venga glorificato dagli angeli, ma nel fatto che, inviando il Messia, Dio glorifica il suo nome, manifesta cioè la sua potenza e la sua misericordia dinanzi alla sua corte celeste formata dagli angeli» (Schmid).
Quando il Messia scende sulla terra è glorificato dagli Angeli, quando sale al Padre dagli uomini (19,38).
Agli uomini che egli ama, (lett.: del beneplacito). L'acclamazione del canto angelico è l'annuncio di un evento divino. I cieli glorificano Dio per aver inviato il Cristo, la cui venuta è apportatrice di pace per gli uomini del beneplacito.
Beneplacito: atto sovrano di Dio che si compiace e fa grazia: «È la decisione misericordiosa di Dio, il quale si rivolge al popolo dei suoi eletti nella sua libera, gratuita benignità» (Schrenk).
La gloria che è nei cieli avvolge i pastori (9) e in tal modo la terra è congiunta al cielo.
Questo inno dà inizio alla redenzione; gli inni dell'Apocalisse (12,10; 11,15; 19,1-6) la contemplano già attuata.


PREGHIERA DEI FEDELI

C. Nella gioia soavemente diffusa nei nostri cuori esprimiamo con purezza di mente e d’intenzione la nostra preghiera.
Diciamo insieme:
Gesù, Figlio di Dio e Figlio dell’uomo, ascoltaci.

 Per la Chiesa santa e cattolica, che in seno a tutti i popoli canta con gli angeli la nascita del suo Signore, perché la gioia del suo annunzio raggiunga ogni uomo e accenda in ognuno la speranza della redenzione, preghiamo.

 Per i cuori spezzati dal dolore perché si rianimino di fiducia contemplando nel presepe il nostro Redentore, preghiamo.

 Perché tutti i discepoli del Cristo siano pervasi nell’intimo dalla vera Luce e nell’umiltà dei segni, contemplino la gloria del loro Signore e credano con amore vivo e riconoscente nel suo Nome, preghiamo.

 Perché la nostra comunità cristiana sappia annunciare, come gli angeli, ai più piccoli e agli umili la nascita del Messia, preghiamo.

 Perché tutti gli uomini sappiano accogliere il Signore nascosto e presente nei bimbi di tutto il mondo, preghiamo.

  Perché tutti noi, che formiamo questa assemblea santa, ci stringiamo attorno al Signore, fondamento della nostra speranza, gioia della nostra attesa, forza del nostro amare e pace nel nostro cammino, preghiamo.

C. Signore Gesù, che oggi nella tua nascita, sei venuto a condividere le nostre fatiche e le nostre speranze, rivelati a ogni uomo perché ti conosca e in te conosca il Padre e ripieno del tuo Santo Spirito esulti e si rallegri per la redenzione che tu ci doni.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
Amen.



NATALE: MESSA DELL’AURORA

PRIMA LETTURA  Is 62,11-12

Dal libro del profeta Isaia

11 Ecco ciò che il Signore fa sentire
all’estremità della terra:
«Dite alla figlia di Sion:
Ecco, arriva il tuo salvatore;
ecco, egli ha con sé il premio
e la sua ricompensa lo precede.

Con molte parole e molti messaggi di consolazione il Signore ha voluto consolare Gerusalemme sia personalmente come pure attraverso i profeti. Ora fa percorrere questo annuncio tra tutti i popoli perché tutti lo proclamino alla figlia di Sion. Questa infatti, per aver avuto doppia punizione delle sue colpe dalla mano del Signore fatica a credere che è finito il tempo della sua ignominia e che sta per rivestirsi della gloria del suo Dio.
Questo testo profetizza la salvezza delle Genti, che giunte alla pienezza della redenzione, fanno un solo popolo di redenti con i figli d’Israele e insieme s’incamminano verso Sion.
Questa Gerusalemme, tutta preparata e bella, che apre le sue porte e fa entrare i suoi figli raccogliendoli dentro le sue mura, è la Gerusalemme celeste, dove si radunano tutti i popoli. Questo è il progetto di Dio.

12 Li chiameranno Popolo santo,
Redenti del Signore.
E tu sarai chiamata Ricercata,
Città non abbandonata».

Redenti dal Signore, saranno chiamati Popolo santo. Non sono più un popolo respinto e rifiutato, oggetto dell’ira divina, ma sono il suo popolo, in mezzo al quale Dio abita, perché li ha riscattati e li ha preparati ad entrare nella sua città, che non può più essere chiamata città abbandonata, ma il suo nome sarà Ricercata.
Gerusalemme è ricercata da coloro che cercano il Signore perché in essa risplende la gloria del Signore.
«Non è la città che cerca Dio, ma è la città, il popolo di questi santi riscattati, che è cercata da Dio. A me pare che la parola più forte in questo senso sia l'ultimissima, l'ultimo appellativo che il profeta dà a questa città di redenti, a questa nuova Gerusalemme nella quale Iddio viene con la sua retribuzione, e cioè: «Non abbandonata». Questo è ancora più radicale: non solo è stata ricercata, ma non è mai stata abbandonata.
Quindi, anche quando essa faceva di tutto per allontanarsi e separarsi dal suo Dio, egli non si separava da lei; quando essa agiva contro di lui, lui agiva in favore di lei; anche quando essa lo ripudiava, lui non le dava il libello di ripudio» G. Dossetti, omelie del tempo di Natale, p. 47).

SALMO RESPONSORIALE Sal 96

R/.  Oggi la luce risplende su di noi.

Il Signore regna: esulti la terra,
gioiscano le isole tutte.
Annunciano i cieli la sua giustizia
e tutti i popoli vedono la sua gloria.  R/.

Una luce è spuntata per il giusto,
una gioia per i retti di cuore.
Gioite, giusti, nel Signore,
della sua santità celebrate il ricordo. R/.

SECONDA LETTURA Tt 3,4-7

Dalla lettera di san Paolo apostolo a Tito

Figlio mio,
4 quando apparvero la bontà di Dio, salvatore nostro,
e il suo amore per gli uomini,

In questo inno vi un'attribuzione del titolo di salvatore sia a Dio che a Gesù Cristo.
Dio è salvatore manifestando la sua bontà e il suo amore per gli uomini. Egli va oltre la sua stessa giustizia, che lo porterebbe a condannarci e si manifesta con segni di bontà e di amore verso di noi perché Egli vuole tutti salvi e non vuole che alcuno perisca (cfr. 1Tm 2,4).

5 egli ci ha salvati,
non per opere giuste da noi compiute,
ma per la sua misericordia,
con un’acqua che rigenera e rinnova nello Spirito Santo,

Per salvarci Dio non si è basato sulle eventuali opere di giustizia da noi fatte ma ci ha salvati secondo la sua misericordia mediante il lavacro della rigenerazione e il rinnovamento dello Spirito Santo.
Il lavacro della rigenerazione e la costante azione di rinnovamento costituiscono la nostra salvezza.
«Per ciascuno di noi c'è qualcosa di simmetrico a quello che è per tutti l'incarnazione: cioè il nostro lavacro di palingenesi e di rinnovamento nello Spirito Santo. Come l'iniziativa di Dio, rispetto a tutto il mondo, sta nell'incarnazione, così l'iniziativa di Dio rispetto a ciascuno di noi sta nel battesimo, il lavacro che ci rigenera. (…)
È nel battesimo che Iddio ci attira, che opera la nostra nuova generazione, senza rapporto con quello che noi possiamo avere fatto prima nella generazione secondo la carne» (G. Dossetti, o.c., p. 48).

6 che Dio ha effuso su di noi in abbondanza
per mezzo di Gesù Cristo, salvatore nostro,

Questa abbondante effusione dello Spirito non può passare inosservata, deve essere da noi recepita e sentita.
È necessario tuttavia precisare dove lo Spirito è accolto in noi ed è accolto precisamente dal nostro spirito.

7 affinché, giustificati per la sua grazia,
diventassimo, nella speranza, eredi della vita eterna.

Afferrati dalla sua grazia, noi non sentiamo più la tensione tra quello che dobbiamo fare e quello che possiamo perché il nostro operare è credere in Gesù (cfr. Gv 6,29: «Questa è l'opera di Dio: credere in colui che egli ha mandato»).
Ora la fede è la stessa energia dello Spirito Santo riversata in noi abbondantemente.
«Se, invece, ci sentiamo esuberantemente lavati, rigenerati dallo Spirito Santo e travolti da questo fiume, non abbiamo più da fare opere, perché, quando una piena ci prende, ci porta; e noi non abbiamo altro che da lasciarci prendere dalla corrente di questo fiume di Spirito Santo» (G. Dossetti, o.c., p. 49).

CANTO AL VANGELO
R/.  Alleluia, alleluia.

Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama.

R/.  Alleluia.

VANGELO Lc 2,15-20

  Dal vangelo secondo Luca

15 Appena gli angeli si furono allontanati da loro, verso il cielo, i pastori dicevano l’un l’altro: «Andiamo dunque fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere».

Questo avvenimento (lett.: Questa parola) che il Signore ci fatto conoscere. La Parola di Dio infatti, nel momento in cui si rivela, diviene evento perché realizza quello che annuncia.
Il termine parola ha nella sacra Scrittura un significato più ricco che nel nostro modo di pensare. Essa è forza creatrice e rivelatrice. In questo contesto essa rivela l’evento che è accaduto e nello stesso tempo l’evento stesso può chiamarsi Parola. È infatti suscitato dalla Parola di Dio. Non vi è fatto che non abbia come origine la Parola e non sia da essa determinato lungo il suo manifestarsi. «I pastori si affrettano per vedere la Parola. Effettivamente vedendo la carne del Signore, si vede la Parola, cioè il Figlio» (S. Ambrogio).

16 Andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia.

Senza indugio. Dopo aver accolto la parola non indugiano e quindi trovano il Cristo come avviene pure ai Magi. Se l'attesa di Lui è stata lunga, sofferta e paziente, non più così deve essere la ricerca quando Egli viene.

17 E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
18 Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. 19 Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.


Riferirono, fecero conoscere. L'Evangelo si dilata e viene in tal modo trasmesso Tutta la pericope è incentrata sull'annuncio dell'Evangelo, della grande gioia che scaturisce dalla nascita regale del Cristo.
L'Evangelo, trasmesso dagli angeli, è accolto dai pastori e da loro annunciato davanti al Bimbo. In tutti provoca stupore (18) e infine termina nel cuore di Maria dove trova il suo riposo, infatti Maria da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore (19). Maria diviene il modello di come vada accolto l'Evangelo. Meditando tutte queste cose, le metteva a confronto le une con le altre e sentiva in esse l'adempimento delle parole profetiche. In tal modo Maria è beata perché ha creduto e perché medita la Legge del Signore giorno e notte (cfr. Sal 1,2). In questo diviene modello di ogni discepolo nell’accogliere la Parola di Dio, meditarla e metterla in pratica.

20 I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.

I pastori poi se ne tornarono al loro gregge. La fede nel Messia conosciuto non li toglie dal loro lavoro, ma li impegna a conservarla e a testimoniarla dove si trovano.
Glorificando e lodando Dio come avevano imparato dagli angeli.

Nota

«Che piccola cosa sono andati a vedere i pastori! Quando sono andati, gli angeli erano già scomparsi, ma hanno obbedito: sono corsi prontamente, indotti ormai a cercare non un bel bambino avvolto in fasce regali in un palazzo di re, dunque non in un grande evento esteriore della storia, ma piuttosto in un evento piccolissimo, un bambino in una mangiatoia, in una piccolissima e quasi stolta dimora.
Perciò è chiaro che per avere la luce nel cuore bisogna cercarla non nelle cose grandi, ma nelle piccole, non nelle sapienti, ma nelle stolte. Allora il cuore si illumina. Se la cerchiamo in diversa maniera, si illumina, al più, solo la mente, ma non si illumina il cuore, non c'è quella luce interiore che è il grande sbocco della gioia. L'illuminazione della mente può talvolta soddisfare, può dare una certa percezione di un principio di letizia, ma non è ancora la gioia vera e autentica; non basta, lascia sempre insoddisfatti. Invece la gioia piena, la gioia che placa, la gioia veramente messianica, che deriva dall'illuminazione del cuore, consegna alla lotta e alla ricerca» (G. Dossetti, o.c., p. 232).



NATALE: MESSA DEL GIORNO

PRIMA LETTURA  Is 52,7-10

Dal libro del profeta Isaia

7 Come sono belli sui monti
i piedi del messaggero che annuncia la pace,
del messaggero di buone notizie che annuncia la salvezza,
che dice a Sion: «Regna il tuo Dio».

I messaggeri corrono veloci da Babilonia a Gerusalemme per annunciare l’avvenuta liberazione del popolo, che sta per ritornare e ripopolare la città santa.
Egli l’annuncia dicendo a Sion: «Regna il tuo Dio». La regalità di Dio si è manifestata nella salvezza attuata per il suo popolo.
Il Signore riprende possesso di Gerusalemme soprattutto con la ricostruzione del suo Tempio.

8 Una voce! Le tue sentinelle alzano la voce,
insieme esultano,
poiché vedono con gli occhi
il ritorno del Signore a Sion.

All’annuncio del messaggero corrisponde la voce delle sentinelle, che dall’alto delle mura alzano la voce, e prese da una gioia incontenibile si abbracciano le une le altre e insieme esultano perch>è scrutando l’orizzonte vedono con gli occhi il ritorno del Signore a Sion.

9 Prorompete insieme in canti di gioia,
rovine di Gerusalemme,
perché il Signore ha consolato il suo popolo,
ha riscattato Gerusalemme.

Gerusalemme, che era stata abbandonata, ora gioisce anche nelle sue rovine perché cesseranno di essere tali perché il Signore ha consolato il suo popolo, ha riscattato Gerusalemme.
La redenzione è restaurazione di quanto ora è rovinato a causa della presenza della morte e del suuo autore il diavolo.
Il primo ad essere restaurato sarà l’uomo e in lui tutta la creazione si trasformerà in nuovi cieli e in terra nuova.
Vi è un profondo respiro di vita, che avvolge tutte le creature e che le fa esultare e prorompere in canti di gioia perché il Redentore è già in mezzo a noi e in Lui il Signore ha radunato il suo popolo.

10Il Signore ha snudato il suo santo braccio
davanti a tutte le nazioni;
tutti i confini della terra vedranno
la salvezza del nostro Dio.

La salvezza è avvenuta con l’intervento del Signore, che ha snudato il suo braccio santo. Egli lo ha snudato in Cristo nel momento della sua crocifissione e proprio nella sua debolezza ha mostrato la sua forza redentrice. In questo modo forza e mitezza si coniugano insieme. Il braccio denudato sulla croce è lo stesso che stringe gli agnellini sul petto.
Dio si fa visibile in Gesù e la sua opera è vista da tutte le nazioni sino ai confini della terra.

SALMO RESPONSORIALE Sal 97

R/.  Tutta la terra ha veduto la salvezza del nostro Dio.

Cantate al Signore un canto nuovo,
perché ha compiuto meraviglie.
Gli ha dato vittoria la sua destra
e il suo braccio santo.  R/.

Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d’Israele.  R/.

Tutti i confini della terra hanno veduto
la vittoria del nostro Dio.
Acclami il Signore tutta la terra,
gridate, esultate, cantate inni!  R/.

Cantate inni al Signore con la cetra,
con la cetra e al suono di strumenti a corde;
con le trombe e al suono del corno
acclamate davanti al re, il Signore.  R/.

SECONDA LETTURA Eb 1,1-6

Dalla lettera agli Ebrei

1 Dio, che molte volte e in diversi modi nei tempi antichi aveva parlato ai padri per mezzo dei profeti, 2 ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha stabilito erede di tutte le cose e mediante il quale ha fatto anche il mondo.

Le generazioni passate ascoltarono la Parola di Dio tramite i padri e i profeti. Essi quindi ricevettero una parola, che, pur essendo di Dio, si rifletteva nella debolezza e povertà sia di coloro ai quali Dio parlava e dei suoi destinatari.
Ultimamente, in questi giorni , che sono gli ultimi ((cfr. 2Pt 3,1-3; Gd 18; 1Gv 2,18).
Gesù l’ultimo Adamo, appare in mezzo a noi come l’ultimo, che si contrappone al primo Adamo. Pertanto vuol essere primo chi porta in sé l’immagine del primo Adamo ed è ultimo che i porta l’immagine del Cristo, come è scritto: Il primo uomo, Adamo, fu fatto anima vivente, l’ultimo Adamo spirito vivificante (1Cor 15,45).
A noi Dio ha parlato per mezzo del Figlio. Bastino alcuni testi dell’evangelo secondo Giovanni:
7,17: Chi vuol fare la sua volontà, conoscerà se questa dottrina viene da Dio, o se io parlo da me stesso.
8,28: «Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora saprete che Io Sono e non faccio nulla da me stesso, ma come mi ha insegnato il Padre, così io parlo».
12,48-50: Chi mi respinge e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho annunziato lo condannerà nell'ultimo giorno. Perché io non ho parlato da me, ma il Padre che mi ha mandato, egli stesso mi ha ordinato che cosa devo dire e annunziare. E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico come il Padre le ha dette a me.
Che ha stabilito erede di tutte le cose. Egli è l’erede di tutte le Genti (cfr. Sal 2); in Lui si attua la promessa fatta ad Abramo e alla sua stirpe di essere erede del mondo (cfr. Rm 4,13). Egli è l’erede unico (cfr. Mt 21,38 e p.).
Con lui anche noi siamo eredi (cfr. Rm 8,17).
e mediante il quale ha fatto anche il mondo (lett.:  i secoli). Come dice più avanti: mediante la fede comprendiamo che i mondi (secoli) sono stati disposti da una parola di Dio, cosicché dall’invisibile ha avuto origine il visibile (11,3). Per bocca di Paolo dice: secondo il disegno eterno(lett.: dei secoli) che ha attuato in Cristo Gesù nostro Signore (Ef 3,11). I secoli , cioè le varie ere, sono definite nel disegno del Padre in relazione al mistero nascosto da secoli in Dio. La manifestazione di questo disegno, che avviene con la rivelazione di Gesù Cristo, è il segno che siamo alla fine di queste ere. Così c’insegna l’apostolo: Tutte queste cose però accaddero a loro come esempio, e sono state scritte per ammonimento nostro, di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi (lett.: dei secoli) (1Cor 10,11).

3 Egli è irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza, e tutto sostiene con la sua parola potente. Dopo aver compiuto la purificazione dei peccati, sedette alla destra della maestà nell’alto dei cieli,

Egli è irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza. Vi è qui un riferimento a Sap 7,25-26: La sapienza è un'emanazione della potenza di Dio, un effluvio genuino della gloria dell'Onnipotente, per questo nulla di contaminato in essa s'infiltra. È un riflesso della luce perenne,
uno specchio senza macchia dell'attività di Dio e un'immagine della sua bontà. L’irradiazione della gloria del Figlio ora è il suo Evangelo: E se il nostro vangelo rimane velato, lo è per coloro che si perdono, ai quali il dio di questo mondo ha accecato la mente incredula, perché non vedano lo splendore del glorioso vangelo di Cristo che è immagine di Dio (2Cor 4,3-4).
e tutto sostiene con la sua parola potente. Egli porta tutto in forza della sua parola, che è potente perché operante nello Spirito Santo. Ogni creatura riconosce in Lui il principio vitale che la anima e da Lui riceve incessantemente il suo essere e la dinamica del suo esistere fino a raggiungere la perfezione che le è propria.
Perché tutto questo avvenga Egli ha compiuto la purificazione dei peccati. Infatti quello che toglie vita alla creazione e la immette nella circolarità della morte è il peccato. Egli lo purifica nel suo sacrificio in cui riporta tutte le creature alla pienezza della loro natura.

4 divenuto tanto superiore agli angeli quanto più eccellente del loro è il nome che ha ereditato.

La superiorità del Figlio in relazione agli angeli si esprime nella nuova economia, che è superiore a quella della Legge, promulgata per mezzo degli angeli (2,2).
La superiorità agli angeli consiste nel Nome. Esso è più eccellente, come più eccellente è il ministero, in quanto Egli è mediatore di una alleanza migliore basata su migliori promesse.

5 Infatti, a quale degli angeli Dio ha mai detto: «Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato»? e ancora: «Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio»?

Il sal 2 citato al v. 7 e che è ripreso più volte nella Lettera, sta alla base della sua figliolanza divina.
In quanto Figlio, la parola del giuramento lo costituisce sommo sacerdote in eterno (7,28) e lo rivela Figlio di Dio sia al Giordano (cfr. Mt 3,17) e nella Trasfigurazione (cfr. 2Pt 1,17).
Paolo applica questo versetto alla risurrezione di Gesù (cfr. At 13,32-33).
A Gesù si riferisce pure la parola rivolta al re davidico contenuta nella promessa di 2Sm 7.

6 Quando invece introduce il primogenito nel mondo, dice: «Lo adorino tutti gli angeli di Dio».

Gli evangeli danno testimonianza dell’adorazione degli Angeli e del loro servizio al Cristo.

CANTO AL VANGELO

R/.  Alleluia, alleluia.

Un giorno santo è spuntato per noi:
venite tutti ad adorare il Signore;
oggi una splendida luce è discesa sulla terra.

R/.  Alleluia.

VANGELO Gv 1,1-18 [forma breve 1,1-5.9-14]

  Dal vangelo secondo Giovanni

[In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.

In principio era il Verbo. In principio Dio creò il cielo e la terra (Gn 1,1). Creò nel suo Verbo. Creando lo manifestò. Lo rivelò come Colui che in principio era, che non ha principio di giorni né fine di vita (Eb 7,3): non è misurabile dal tempo e non è contenuto nello spazio. Egli è il principio della creazione di Dio (Ap 3,14), Egli è l'alfa e l’omega, il principio e la fine (ivi, 21,6). Egli appare separato dalla creazione perché in principio era il Verbo.
Il Verbo, la Parola. Così è chiamato il Figlio di Dio nel suo essere rivelato dal Padre. Egli è chiamato il Verbo della vita (1 Gv 1,1) e il Verbo di Dio (Ap 19,13). Egli è la Parola che appartiene a Dio e ha in sé la vita. Giovanni lo contempla nel suo pieno rivelarsi: Il Verbo si fa Carne. Da questa rivelazione risale al suo rivelarsi nel principio della creazione. Dio non si rivela in altro modo se non in Lui. Egli non è attributo di Dio o un'espressione della sua potenza; è Lui, Gesù, distinto dal Padre e Uno con Lui (10,30). Infatti il Verbo era presso Dio. Presso o con, indica relazione. Quando la creazione iniziò, il Verbo era presso Dio. Colui che abbiamo conosciuto come vero uomo, era presso Dio. Giunta la sua ora, egli così prega: «E ora glorificami tu, Padre, presso di te, con la gloria che avevo, prima che il mondo fosse, presso di te» (17,5). Perché non appaia che il Verbo nella sua relazione con il Padre sia creatura, anche la più sublime, subito aggiunge: E il Verbo era Dio.

Egli era, in principio, presso Dio:

L'evangelista fa una sintesi di quanto ha precedentemente detto. Costui, il Verbo, era, da sempre, in principio, al momento del suo manifestarsi nella creazione, presso Dio. A questo vertice della contemplazione era pure rapito il Salmista quando cantava al Cristo le parole paterne dell’ineffabile generazione: Con te è il principio nel giorno della tua potenza tra gli splendori dei tuoi santi; dal seno prima della stella del mattino ti ho generato (Sal 109,3 LXX). L'Evangelo ha la sua origine in Dio, là dove il Verbo è presso Dio.

tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.

Tutte le cose, sia quelle visibili che quelle invisibili, quelle nei cieli e quelle sulla terra (cfr. Col 1,16). Nel contemplare il Figlio, l'autore sacro così si esprime: in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose e per mezzo del quale ha fatto anche il mondo (Eb 1,2). Benché il saggio affermi che tutte le cose sono vanità (Qo 1,1), tuttavia dobbiamo affermare che tutte le cose per mezzo di Lui furono fatte. La vanità è il velo di morte che il peccato ha steso su tutta la creazione e che solo il Cristo può togliere, come è detto in Is 25,7: Egli strapperà su questo monte il velo che copriva la faccia di tutti i popoli e la coltre che copriva tutte le genti.
Per mezzo di Lui, cioè del suo Verbo. L'Evangelista contempla l'opera della Redenzione che il Padre ha operato per mezzo del suo Cristo, il suo Verbo e per analogia risale al principio della creazione. Come Egli è il Verbo che, mediante la sua Carne, ha operato la Redenzione, così Egli è il Verbo che, vibrato dal Padre, in principio ha dato origine a tutte le cose. Attraverso di Lui il Padre ha dato vita a tutto come attraverso di Lui ha ricuperato ciò che era perduto. Egli può redimere perché ha creato.
Rafforza quanto ha detto con una frase negativa: e senza di Lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste. Senza di Lui, cioè fuori di Lui: nessuna creatura può dichiarare di aver origine senza il Verbo. Allo stesso modo nessuno può essere salvo senza di Lui. Nessuno può affermare di esistere senza di Lui: «L'Evangelista lo afferma per insegnare che tutte le cose permangono nell'essere mediante il Verbo e nel Verbo, secondo l'espressione paolina: Tutto sostiene con la potenza del suo Verbo (Eb 1,13)» (S. Tommaso). Egli stesso dice: «Senza di me non potete fare nulla» (15,5). Come siamo continuamente creati per mezzo di Lui così siamo continuamente redenti per mezzo di Lui, cioè siamo graziati. Ricevere grazia significa essere chiamati incessantemente all'esistenza non solo quella secondo natura ma anche secondo l'essere figli di Dio.
L'immutabile volontà del Padre, che fa essere tutte le cose mediante il suo Verbo, fa sì che tutte siano stabilmente costituite nell'essere al punto da ritenere questo una proprietà della natura anziché un dono della sua grazia.
Tuttavia ogni uomo, che riesce a vedere in se stesso il suo pensiero libero dalle passioni, può contemplare in sé il riflesso del Verbo divino, perché la sua mente tende a cercare Colui che la illumina.
Allo stesso modo nel suo corpo egli non tende alla morte ma alla vita e all’immortalità.
Questo perché in ogni uomo il Verbo ha posto le sue “ragioni” cioè le energie benefiche e ristoratrici che riconducono l’uomo alla sua origine.

In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;

La tradizione ci ha trasmesso due letture.
La prima così legge: ciò che esiste in Lui era vita. Questa è la lettura che segue anche Agostino che così la spiega: «la sapienza di Dio, per mezzo della quale tutte le cose sono state fatte, contiene l'idea di tutte le cose prima ancora che esse siano fatte; da ciò deriva che quanto è stato fatto, è vita in lui» (I, 17). Tommaso così commenta Agostino: «In Dio l'intendere è anche la sua vita e la sua essenza, perciò tutto quello che si trova in Dio, non soltanto vive, ma è la sua stessa vita, perché tutto ciò che è in lui è la sua essenza. In Dio quindi la creatura è l'essenza creatrice. Perciò se si considerano le cose come esistono nel Verbo, esse sono vita» (91).
La seconda lettura dà inizio alla frase così: In Lui era la vita. Nel Verbo, per mezzo del quale tutto ha avuto origine, era la vita, come egli stesso dice: «Come il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso» (5,26). Egli è il Verbo della vita (1 Gv 1,2). La vita, che è in lui, è la vita stessa di Dio, che a noi è data, come è detto nella 1 Gv: E la testimonianza è questa: Dio ci ha dato la vita eterna e questa vita è nel suo Figlio (5,11). L'Evangelo non ci fa più volgere lo sguardo al Paradiso di Eden nel quale era l'albero della vita (cfr. Gn 3,9), ma ci fa vedere il Verbo nel quale era la vita.
E la vita era la luce degli uomini. Come la luce fu creata all'inizio, come segno della vita e della gioia (Gn 1,9), così ora per gli uomini risplende il Verbo come luce che dà la vita. In che modo il Verbo risplende tra gli uomini? In Gesù che dice: «Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita» (8,12). La vita si manifesta come luce per gli uomini per condurli a partecipare di se stesso. Gli uomini ascoltando il Verbo, che si è fatto Carne, vedono la luce. Le loro menti sono illuminate dalla conoscenza della verità. Credendo hanno la vita.
Il cammino della fede è quindi la restaurazione delle facoltà naturali dell’uomo, che finalmente libere da inganno e da inclinazione al male, per la forza inerente del peccato, possono rivolgersi a Colui dal quale provengono e nel quale hanno la loro connaturale abitazione.
Noi contempliamo nel Verbo il disegno originante la creazione per poi vedere in Gesù, il Verbo fatto Carne, la sua restaurazione, soprattutto nei confronti di noi uomini.

la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.]

La luce splende nelle tenebre. All'inizio Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre (Gn 1,4). Dicendo che la luce splende nelle tenebre afferma che il Verbo di Dio, in quanto luce degli uomini, risplende in mezzo a noi che giacevamo nelle tenebre e nell'ombra di morte (cfr. Is 1,9). Come la luce è separata dalle tenebre, così egli è separato dai peccatori (cfr. Eb 7,26), tuttavia Egli risplende nelle tenebre. La luce naturale, al suo comparire dissipa le tenebre, il Verbo risplende nelle tenebre. Questo tempo è ancora caratterizzato dal fatto che la luce coesiste con le tenebre. Gli uomini infatti se vogliono la luce devono accoglierla, come è detto più avanti: E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio (3,19-21). Essi devono aprire gli occhi interiori per cogliere la luce del Verbo che già risplende.
Risplende la luce nelle tenebre ma le tenebre non l'hanno accolta. Con questa traduzione si rivela il rifiuto che le tenebre fanno della luce. Nel verbo tuttavia si può cogliere anche il significato di “afferrare, vincere”. Le tenebre non possono afferrare e vincere le luce, cioè rivendicare in essa qualcosa di proprio perché Dio è luce e tenebra alcuna in Lui non c'è (1 Gv 1,5). Infatti egli dichiara che il principe di questo mondo non ha nessun potere su di Lui (14,30).

Venne (lett.: Ci fu) un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.

Ci fu un uomo. Il Verbo era, costui fu fatto: era una creatura. Anch'egli fu fatto per mezzo del Verbo. Quando fu concepito nel seno materno, egli ricevette la sua missione. Questo accadde al profeta Geremia (Ger 1,5) e all'Apostolo Paolo (Gal 1,15); questo accade a ogni uomo plasmato a immagine e somiglianza di Dio. Cosa significa infatti essere immagine e somiglianza di Dio se non riflettere nella propria creaturalità un raggio dell'infinita bellezza e santità di Dio? Questo proprio che ciascun uomo ha in rapporto all'unico Dio è la sua missione.
Fu mandato da Dio. Costui dice di sé: «Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua» (1,33) e altrove dice: «Non sono io il Cristo, ma io sono stato mandato innanzi a Lui» (3,28). Egli ha coscienza che Dio lo ha inviato. Il Verbo, che lo ha plasmato, è la luce che lo illumina e gli comunica la vita perché egli sia testimone.
Nell'Evangelo di Luca si dice che la parola di Dio fu su Giovanni, figlio di Zaccaria nel deserto (3,2). Il Verbo di Dio, come fu nei profeti, fu pure su Giovanni e si rivelò a lui come già presente in mezzo al suo popolo. Mentre i profeti precedenti cercavano di indagare a quale momento o a quale circostanza accennasse lo Spirito di Cristo che era in loro, quando prediceva le sofferenze destinate a Cristo e le glorie che dovevano seguirle (1 Pt 1,11), Giovanni è inviato perché la luce già risplende nelle tenebre.
Non a caso l'evangelo dà molto risalto al nome: e il suo nome era Giovanni. Questo nome è stato scelto da Dio (Lc 1,13). «L'Evangelista conferma tutto questo mediante il verbo che usa: dice infatti era, appunto perché si riferisce alla predisposizione divina» (Tommaso). Nel nome poi è rivelata la missione: “Dio fa grazia”; preannuncia l'Evangelo che sta per essere annunciato. È apparsa infatti la grazia di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli uomini (Tt 2,11).

Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.

Costui venne per la testimonianza. Poiché era profeta, dette testimonianza a quello che aveva udito e visto. Infatti la testimonianza di Gesù è lo spirito di profezia (Ap 19,10). Essendo un vero profeta rese testimonianza alla luce, dichiarò che Gesù era la luce. Udì la voce del Padre, vide scendere e rimanere sul Cristo lo Spirito, udì la voce dello Sposo e dichiarò di essere amico dello Sposo. Avendo in sé lo Spirito della profezia, Giovanni fu illuminato dalla luce e riconobbe in Gesù quella luce che lo illuminava, e come vedendola per primo, non più in modo debole ma chiaro, dichiarò a tutti chi era la luce. L'interiore illuminazione, di cui Giovanni godette, testimoniava che la luce era sorta e già risplendeva nelle tenebre. È scritto: La tua parola nel rivelarsi illumina, dona saggezza ai semplici (Sal 119,139). Non solo in virtù dello Spirito di profezia ma anche con la propria vita Giovanni dette testimonianza alla luce. Illuminato dal Verbo che si rivelava come la vera luce, Giovanni lo accolse in sé perché in lui non c'erano le tenebre. Gli uomini poi, vedendo la santità della sua vita e ascoltando la testimonianza della sua parola, avrebbero dovuto credere per mezzo di lui. Giovanni, essendo una lampada che arde e risplende (5,35), doveva preparare gradatamente gli uomini ad accogliere la luce vera. Gli occhi, che sono abituati alle tenebre, non possono cogliere l'improvviso apparire della luce, benché questa si sia presentata agli uomini già adombrata dalla nube della carne.
In lui la Parola si manifesta con tale efficacia da volersi rallegrare alla sua luce (cfr. 5,35). Per questo aggiunge subito:

Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.

Egli non era la luce. Per quanto sublime sia la profezia, essa è pur sempre testimonianza e bisogna sempre saper cogliere all'interno della parola profetica la luce stessa. Mosé e i Profeti non sono la luce ma rendono testimonianza alla luce che risplende nella loro stessa parola perché questa è Parola di Dio. L'unica Parola risplende nella Legge e nei Profeti. Avendo conosciuto il Cristo, abbiamo visto la Luce; noi sappiamo che la Legge e i Profeti non sono la luce ma in loro la luce si rivela in virtù della conoscenza evangelica. Perciò Giovanni e tutti i profeti danno testimonianza alla luce.

[Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.

La vera luce. Dopo aver affermato che Giovanni non era la luce, ora dichiara ancora chi sia la luce, quella che finora risplendeva solo nella creazione, nella Legge, nei profeti di cui il più grande è Giovanni il Battista. La novità ora consiste in questo che la luce ha iniziato a risplendere in se stessa non più mediata dalle creature: per questo la chiama vera.
Gesù afferma: «Io sono la luce del mondo; chi segue me non camminerà nelle tenebre ma avrà la luce della vita» (8,12). Egli illumina ogni uomo perché è la luce del mondo. Ogni uomo è illuminato da Cristo, la vera luce, ma è libero di accettare o rifiutare la luce, come dice altrove: gli uomini hanno amato le tenebre più della luce (3,19). Per essere non solo colpiti dalla luce, ma illuminati, Gesù ci comanda di seguirlo. La sequela si esprime nel comando nuovo in virtù del quale le tenebre se ne vanno e la luce vera già risplende (cfr. 1 Gv 2,8). La luce vera ora illumina ogni uomo attraverso l'annuncio evangelico e l'amore fraterno dei discepoli di Gesù.

Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.

Il Verbo era nel mondo, «c'era in quanto Dio, vi è venuto in quanto uomo» (Agostino). In principio il Verbo era presso Dio ed era nel mondo. Era presso Dio perché Dio ed era nel mondo perché l'uomo fu fatto a sua immagine e somiglianza. Ora dov'è l'immagine ivi è pure l'archetipo: dov'è l'uomo ivi è pure il Verbo di Dio. Questi era dunque presente nel mondo attraverso l'uomo.
Il mondo fu fatto per mezzo di lui. Come un'opera porta impressa in sé l'impronta del suo artefice, così l'uomo e con lui tutte le creature riflettono in se stessi la sua immagine. Ma, mentre l'artefice si distacca dalla sua opera, il Verbo non si allontana dalle sue creature perché queste non possono esistere senza di Lui. «È con la presenza della sua maestà che crea ciò che fa; è la sua presenza che governa ciò che ha fatto» (Agostino). Soprattutto è presente in noi uomini che possiamo conoscerlo e deliziarci della sua presenza ma, constata amaramente l'evangelista, il mondo non lo conobbe. Poiché la porta del mondo è l'uomo e questi si è lasciato dominare da ciò che è nel mondo, il Verbo è stato rifiutato nella sua stessa casa. Preferendo la conoscenza delle cose mondane alla conoscenza del Verbo, gli uomini hanno come trascinato in questo rifiuto la stessa creazione che, a causa del peccato dell'uomo, è stata assoggettata alla vanità (Rm 8,20).

Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.

Il Verbo venne nella sua proprietà, Israele, come Egli stesso dice: «Io sono venuto nel nome del Padre mio e non mi accogliete» (5,43).
Israele è la sua proprietà, come è detto nel Siracide: «Allora il creatore dell'universo mi diede un ordine, il mio creatore mi fece posare la tenda e mi disse: Fissa la tenda in Giacobbe e prendi in eredità Israele» (24,8).
Ma i suoi non l'hanno accolto, come dice Stefano alla conclusione del suo discorso: «O gente testarda e pagana nel cuore e nelle orecchie, voi sempre opponete resistenza allo Spirito Santo; come i vostri padri, così anche voi. Quale dei profeti i vostri padri non hanno perseguitato? Essi uccisero quelli che preannunciavano la venuta del Giusto, del quale voi ora siete divenuti traditori e uccisori; voi che avete ricevuto la legge per mano degli angeli e non l'avete osservata» (At 7,51-53). Egli è stato rifiutato prima in Mosè e nei profeti e poi in se stesso.

A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.

A quanti però l'hanno accolto, sia tra quelli che erano nel mondo sia tra i suoi che erano nella sua proprietà, ha dato potere di diventare figli di Dio. Quelli che lo hanno accolto non sono solo coloro che vivono nella pienezza dei tempi, ma sono anche coloro che sono vissuti nelle generazioni precedenti e lo hanno accolto con fede nel suo rivelarsi nelle promesse, nelle figure della Legge, nei misteri delle profezie e negli enigmi dei saggi.
A quanti lo hanno accolto, in tutte le generazioni, ha dato potere di diventare  figli di Dio, quando si è fatto Figlio dell'uomo. Nelle precedenti generazioni hanno ricevuto la promessa di essere figli e quindi eredi, ora hanno ricevuto il potere di diventarlo.
Nella parola potere si esprime sia la grazia del diventare figli come pure la libertà di scelta, come afferma Agostino: «Diciamo che esiste questo potere quando alla volontà è unita la facoltà di fare. Per cui si dice che ha potere colui che, se vuole, fa e, se non vuole, non fa» (De Spiritu et litera, cap. 31). Ci è dato il potere di diventare per la presenza del Figlio di Dio che a noi si rivela nel suo Evangelo. Diventano infatti figli coloro che credono nel suo nome. Non c'è fede senza evangelo, non c'è evangelo senza annuncio e non c'è annunzio senza rivelazione. Coloro che credono nel suo nome, che si rivela nell'annuncio evangelico, diventano figli di Dio. Essendo il suo nome oggetto della fede, vuol dire che è il nome stesso di Dio. Accogliere Gesù significa credere che in Lui si rivela il Nome come suo Nome personale.
A coloro che hanno creduto al suo Nome, il Verbo ha dato il potere di diventare figli di Dio, cioè di essere in una tale comunione con Lui da diventare in Lui, il Figlio, essi pure figli. La fede quindi è l'incessante passaggio dal non essere all'essere in forza della comunione con Gesù. Passare dal non essere all'essere significa diventare figli di Dio. Noi uomini non possiamo essere se non essere figli nel Figlio di Dio. Fuori di Lui non siamo.
La generazione dei figli di Dio non è da sangue, letteralmente vi è il plurale: i sangui: esso può indicare sia il sangue del padre che quello della madre che, fondendosi, generano una nuova vita (cfr. Sap 7,1-2). Quanto al plurale, esso si trova ancora in Gn 4,10: i sangui di tuo fratello e Sanhedrin (4,5) commenta: «il suo sangue e il sangue della sua discendenza». Dopo aver escluso il sangue dalla generazione, l'evangelista esclude ora il volere della carne. È molto avvincente la lettura di S. Agostino che interpreta carne come donna. Dice infatti: «la donna qui è chiamata carne; perché ecco cosa disse Adamo, non appena la donna fu fatta con una sua costola: “Questa volta è carne dalla mia carne, è osso dalle mie ossa” (Gn 2,23). E l'Apostolo a sua volta: chi ama la donna sua, se stesso ama. E nessuno ebbe mai in odio la propria carne (Ef 5,28-29)». Altri preferiscono interpretare carne come «la sfera del naturale, dell'impotente, del superficiale, contrapposto a spirito, che è la sfera del celeste del reale (3, 6; 6, 63; 8, 15)» (Brown). La generazione dei figli di Dio non avviene pertanto dal grembo materno, come si domandava stupito Nicodèmo: «Come può un uomo nascere quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?» (3,4) e nemmeno ha il suo inizio nel desiderio, insito nella natura umana, che porta a generare. Essa quindi non è da volere di uomo. I figli di Dio, in quanto tali, non hanno un padre terreno, dal cui volere abbiano avuto origine.
Dopo aver escluso ogni apporto generativo della natura umana, ora afferma che da Dio sono stati generati.
Non l'uomo ma Dio è il principio di questa generazione. Essa avviene da Dio in virtù della Carne del Verbo. Ha come segno sacramentale l'acqua e come potenza generante lo Spirito (3,5: da acqua e da Spirito). Questa ineffabile generazione fa parte del disegno di Dio, dice infatti l'Apostolo Giacomo: Di sua volontà egli li ha generati con una parola di verità (1,18). Questo è il seme immortale, è la parola del Vangelo che ci è stata annunziato (cfr. 1 Pt 1,23-25). Noi siamo quindi incessantemente generati da Dio nell'annuncio; il battesimo ci fa essere figli perché ci rapporta alla parola evangelica: è questa infatti la forza generante di Dio. È nell'evangelo che si rivela la potenza di Dio (Rm 1,16).

E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.

E il Verbo divenne carne. Il Verbo, che era in principio, divenne ciò che non era: carne. Egli si manifestò nella carne (1 Tm 3,16). Quando il Verbo di Dio apparve tra noi, si manifestò come uomo, nel corpo della sua carne (cfr. Col 1,22) e quindi soggetto alla morte. Infatti Dio mandò il proprio Figlio in una carne simile a quella del peccato (cfr. Rm 8,3).
E si attendò tra noi. Il Verbo fissò la tenda della sua carne tra noi uomini. La carne, che egli ha assunto, è la Tenda della divina presenza, il Tempio di Dio, come è detto in seguito: Egli parlava del Tempio del suo corpo (2, 21). Anche nella lettera agli Ebrei si parla di questa tenda e del velo, cioè della sua carne (10, 20). Attraverso le stimmate della sua morte in Croce, Cristo ha inaugurato la via nuova e vivente che noi possiamo percorrere per giungere a Dio. In Lui il Tempio è diventato a tutti accessibile.
In Lui, nel Cristo, noi contempliamo il Verbo non come uno da Lui diverso, perché Lui, Gesù di Nazareth, è il Verbo, il Figlio di Dio. S. Tommaso riassume l'insegnamento dei Padri che nel verbo abitare hanno colto la distinzione delle due nature e l'unica divina persona del Figlio: «Guardando alla natura, troviamo in Cristo la distinzione di due nature; se invece consideriamo la persona, troviamo che essa è una sola, identica nelle due nature; perché in Cristo la natura umana fu assunta nell'unità della persona. Quindi quando i santi parlano d’inabitazione, dobbiamo riferire questo termine alla natura, di cui si può dire che abitò tra noi; ma non si può riferire all'ipostasi, o persona, essendo questa identica per le due nature» (175).
E abbiamo visto la sua gloria, come lo stesso Giovanni afferma nella prima lettera: ciò che abbiamo visto con i nostri occhi, ciò che abbiamo contemplato (1 Gv 1,1). Poiché il Verbo si è fatto Carne, gli Apostoli non solo hanno visto la sua umiliazione ma anche la sua gloria.
La gloria, che Egli ha manifestato nei segni e nelle parole, esige ancora la fede. È necessario che gli occhi interiori siano illuminati perché possano vedere la sua gloria. Non tutti quelli che videro il Signore, videro la sua gloria, ma solo coloro che, nel vedere i segni che compiva e nell'udire le sue parole, credettero in Lui. Allo stesso modo anche oggi non tutti quelli che odono la sua Parola e ne contemplano i segni sacramentali possono vedere la sua gloria, ma solo coloro che, credendo, sono illuminati dallo Spirito Santo.
Gloria come di Unigenito dal Padre, la gloria del Cristo è quella dell'Unigenito dal Padre. «La particella come, secondo S. Gregorio (Moral.,1. 18, c. 6), vuol essere qui assertiva; e secondo il Crisostomo (In Jo., hom. 12, 1) ha significato modale» (S. Tommaso, 185). «La sua gloria, non è come quella degli angeli, o di Mosè, o di Elia, o di Eliseo o di qualsiasi altro, bensì come quella dell'Unigenito; perché come dice l'apostolo agli Ebrei (3,3): Egli è stato reputato degno di una gloria tanto maggiore in confronto di Mosé. E il salmista proclama: Chi è simile a Dio tra i figli di Dio? (Sal 88,7)» (id., 184).
La sua gloria non è tanto paragonabile a quella dell'unigenito ma è proprio quella che in Lui si rivela e lo rivela tale. «La particella come afferma che egli è veramente l'Unigenito di Dio oppure designa l'adeguato rapporto tra la persona dell'Unigenito Figlio di Dio e la gloria che gli conviene» (Natalis Alexander).
Il Verbo rivela la sua gloria come grazia e verità; Egli, divenendo Carne, si presenta a noi come Dio pieno di grazia e di verità. Egli non ha trovato grazia come è detto dei giusti, ma è pieno di grazia perché è l'Unigenito, infatti in Lui il Padre si compiace. Ed è pieno di verità «in quanto attuò le figure dell'Antico Testamento e le promesse fatte ai patriarchi. Lo ricorda S. Paolo: Dico infatti che Cristo si è fatto servitore dei circoncisi in favore della veracità di Dio, per compiere le promesse dei padri (Rm 15,8); e in 2 Cor 1,20: Tutte le promesse di Dio hanno trovato in lui il loro sì» (S. Tommaso, 190). Nelle parole grazia e verità rivela la sua missione e nell'aggettivo pieno il suo rapporto con il Padre e come Egli sia il compimento di tutto.

Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi:
Colui che viene dopo di me
è avanti a me,
perché era prima di me».

Giovanni grida. perché così è scritto di lui e questo afferma di se stesso: «Io sono voce di colui che grida nel deserto» (1,23). «Il termine gridare indica che lo faceva liberamente, senza paura. Isaia infatti esclama: Sali su un alto monte, tu che rechi liete notizie in Sion; alza la voce con forza, tu che rechi liete notizie in Gerusalemme. Alza la voce, non temere; annunzia alle città di Giuda: Ecco il vostro Dio! (40,9)... E in Isaia si legge, che i serafini gridavano l'uno all'altro (6,3), per esprimere così il fervore più intimo dello spirito» (S. Tommaso). Dopo il lungo silenzio della profezia è bastata questa iniziale rivelazione del Verbo divenuto Carne per fare gridare Giovanni. La sentinella, posta di vedetta, lo vede arrivare e dice: Chi è costui che viene da Edom, da Bozra con le vesti tinte di rosso? Costui, splendido nella sua veste, che avanza nella pienezza della sua forza? (Is 63,1). Lo vede, dà testimonianza e grida: «Questi era colui di cui ho detto». Dice era perché in principio era il Verbo e nello stesso tempo lo indica: questi.
Giovanni dunque ha detto questo: «Colui che viene dopo di me è stato posto davanti a me», si è rivelato più grande di me.
Gesù viene quindi dopo di lui come il Signore viene dopo il suo servo che lo annuncia. Da dove Giovanni fa derivare questa sua affermazione? Dal fatto che «era prima di me». Viene dopo come uomo ma è stato posto sopra di lui perché era prima di lui. In tal modo Giovanni apre la porta sulla divinità di Gesù. Nessun uomo, che viene dopo in ordine di tempo, può essere prima di un altro. Poiché era prima di Giovanni, Egli è prima di qualsiasi uomo; infatti la sua preesistenza non si colloca all'interno della generazione umana ma di quella divina.

Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.

Alla voce degli apostoli e a quella di Giovanni si unisce la voce stessa della comunità dei credenti che può testimoniare che Gesù è il Verbo di Dio, l'Unico dal Padre, perché dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia di fronte a grazia. Egli è apparso in mezzo a noi pieno di grazia e di verità (v. 14) per donare a quanto lo hanno accolto dalla sua pienezza e grazia di fronte a grazia.
L'espressione e grazia di fronte a grazia è variamente interpretata. Essa può indicare le due economie, quella della Legge e quella dell'Evangelo. Anche la Legge ha una grazia dispensata dalla pienezza del Verbo. Questa grazia consiste, come dice l'apostolo Paolo, nella conoscenza del peccato (Rm 3,20). A questa grazia iniziale e imperfetta è stata aggiunta la grazia evangelica come remissione dei peccati e partecipazione alla vita divina.
In modo mirabile così commenta Crisostomo: «Vi è una duplice alleanza, un duplice battesimo, un duplice sacrificio, un duplice tempio e una duplice circoncisione. Vi sono così due specie di grazie, l'unica dell'Antico Testamento e l'altra del Nuovo. Ma all'Antico Testamento appartengono le figure, al Nuovo invece la verità che era stata figurata».
S. Agostino invece vede nelle due grazie quella della fede e quella della vita immortale: «la stessa fede è grazia e la vita stessa è grazia su grazia».

Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.

Perché si collega a quanto precede e lo spiega. Noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia a differenza dei giusti dell'antica alleanza perché la Legge è stata data attraverso Mosè. In verità Mosè fu fedele in tutta la casa di lui come servitore, per rendere testimonianza di ciò che doveva essere annunziato più tardi; Cristo, invece, lo fu in qualità di Figlio costituito sopra la propria casa (Eb 3,5-6). Pur provenendo dal Verbo, la Legge è stata data attraverso il servo e tutti furono battezzati in Mosè nella nube e nel mare (1 Cor 10,2). Anche gli anziani ricevettero lo Spirito da Mosè (cfr. Nm 11,25). Il mediatore non è solo colui tramite il quale Dio fa il dono ma segna anche i limiti del dono stesso. Essendo egli servo, attraverso la Legge, dà testimonianza al Figlio attraverso norme e riti che sono simboli e figure di ciò che doveva essere annunziato più tardi.
Diversa è la situazione in cui la mediazione è quella del Verbo fatto Carne che è Gesù Cristo. L'Evangelo finalmente ne pronuncia il Nome: Gesù è il Cristo, il Verbo divenuto Carne. Egli è mediatore della grazia e della verità. Prima che divenisse uomo la grazia e la verità erano adombrate e profetizzate; facendosi visibile in mezzo a noi, Gesù Cristo ha fatto la grazia e la verità, le ha fatte passare dall'ombra delle figure e dalla profezia alla realtà. Attraverso di Lui è apparsa la grazia di Dio, apportatrice di salvezza di tutti gli uomini (Tt 2,11). Attraverso di lui Dio ha mostrato la fedeltà alle sue promesse e quindi la loro verità.

Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.]

La fondamentale differenza tra Mosè e Gesù in rapporto alla rivelazione sta in questo: Mosè, essendo uomo, non ha mai visto Dio, Gesù invece, essendo l'Unigenito Dio, è nel seno del Padre.
Nessuno ha mai visto Dio: coloro infatti di cui la Scrittura afferma che hanno visto Dio, hanno visto «simboli figurativi del Signore, ma non la realtà della sua presenza» (S. Agostino).
Nessuno può dunque vedere Dio se non per la mediazione del Cristo perché questi è l'Unigenito Dio che è nel seno del Padre. Infatti solo dopo la sua glorificazione è possibile contemplare il Padre ma solo attraverso la sua Carne glorificata. Tutti contempleranno la natura divina attraverso la natura umana del Cristo. Questi, al contrario, vede Dio senza alcuna mediazione perché è l'Unigenito Dio. Divenendo uomo, non cessa di essere quello che è da sempre, cioè l'Unico del Padre, quindi Lui pure Dio, non separato dal Padre, è infatti nel suo seno.
Solo Lui quindi poteva parlarci di Dio. Alla domanda del Siracide: Chi lo ha visto e ne può riferire? (43,31), risponde l'Evangelo: Egli ha rivelato perché lo ha visto e continuamente lo vede.
Qui sta la fondamentale differenza tra Mosè e Gesù Cristo che si riflette nel rapporto Legge ed Evangelo. La rivelazione della Legge avviene nei simboli e nelle figure, quella dell'Evangelo nella grazia e nella verità. La conoscenza che la Legge dà di Dio è nell'oscurità della nube, la rivelazione evangelica è nell'intimità della natura divina della quale sono diventati partecipi i credenti in quanto generati da Dio.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Novena di Natale
La Novena del Santo Natale prosegue anche questa settimana e le messe saranno celebrate alle ore 7,00 e alle 18,00, Per chi non può partecipare alle messe sarà celebrata la novena anche alle ore 20,00.

SS. Messe di Natale
Mercoledì 25, Natale di N. S. Gesù Cristo, inizieremo con le celebrazioni giorno Martedì  24 alle ore 24,00 con la messa della notte di Natale. Mercoledì 25 le messe avranno l’orario domenicale: 8,30; 10,00; 11,30; 18,00.

Luce della pace di Betlemme
Sabato 14 il Masci e l’Agesci hanno portano nella nostra parrocchia la luce di Betlemme, segno di Cristo nostra luce e nostra pace.

Confessioni
Venerdì 20 c.m. è ritornato dalla Nigeria don Patrizio e si fermerà con noi fino al 28. Aiuterà i Parroci, a confessare tutti i giorni nei seguenti orari:9,00-11,00; 16,30-19,00.

Capodanno
Il gruppo GSG il 31 ha organizzato un capodanno insieme nella sala Dodaro.

Festa della Santa Famiglia
Domenica 29 c.m. ricorre la festa della Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe nostra celesta patrona e come ogni anno durante le Messe tutte le coppie potranno rinnovare le loro promesse matrimoniali affinché il Signore possa sempre essere la roccia della loro vita.

Concerto giovanissimi
Sabato 28 c.m. a cura del gruppo musicale All Songs si terrà nell’auditorium un concerto di musiche natalizie, si esibiranno i giovanissimi della nostra parrocchia.

Presepi nelle case
Sono disponibili i modelli per richiedere che vengano fotografati i presepi nelle case. I modelli, debitamente compilati, vanno consegnati ai parroci o in segreteria. Le foto poi verranno pubblicate sul sito. parrocchiale.

Buon Natale
I parroci: don Gianni e don Vittorio e i diaconi: Nino e Gianfranco, augurano a tutta la comunità  un Santo Natale. Che il Dio bambino non nasca solo nei nostri presepi ma anche nei nostri cuori e possa portare a tutti i suoi doni di pace e gioia.

 

Per scaricare il foglietto degli Avvisi Parrocchiali clicca qui.

domeniche precedenti

 

IV DOMENICA DI AVVENTO - anno A

Vibrata dallo Spirito di Dio,
si aprono i tesori nascosti
nelle viscere della Parola.

Il grembo verginale di Sion
senza concorso di sapienti
accoglie e genera il Verbo.

Giovane Donna sei o Maria,
Tempio dello Spirito di Dio,
Vergine appari nel tuo parto.

Contemplate tutti Giuseppe:
il giusto, vedendo il prodigio,
stupito, al risveglio esclama:

Lode a te, o Dio.

PRIMA LETTURA  Is 7,10-14

Dal libro del profeta Isaia
Ecco, la vergine  e partorirà un figlio.

«Is 7, 10-16: secondo oracolo di Isaia ad Acaz. Il primo rassicura Acaz contro il re di Samaria. Solo se il popolo avrà fede non si dovrà temere.
Il secondo oracolo invita ad avere fiducia, ma il re si oppone con una risposta “teologica” che gli impedisce di chiedere il segno: la giovane donna (LXX: Vergine) darà alla luce un Figlio. Per Acaz il segno si rovescia, il segno sarà l’inizio della catastrofe: prima che il bimbo sarà cresciuto inizierà l’invasione. 2Re 16: storia di Acaz».
(d. G. Dossetti, appunti di omelia 19.12.1971)

In quei giorni, 10 In quei giorni, il Signore parlò ad Acaz: «Chiedi per te un segno dal Signore, tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure dall’alto».

Il Signore ha concluso l’oracolo precedente dicendo: «Ma se non credete, non avrete stabilità», ora vuole confermare la fede del re nel suo intervento salvifico con un segno.
Il segno è come un anticipo di quanto il Signore sta per fare; sta come tappa intermedia nella realizzazione della sua Parola.
Dal momento che Acaz non vuole credere, il Signore gli dice: «Chiedi per te un segno, per confermare la tua fiducia in me, che cioè quanto ti ho detto si avvererà». Il segno può essere in ogni spazio, anche in quello non raggiungibile dall’uomo: gli inferi e l’alto dei cieli.

12 Ma Àcaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore».

Acaz non crede alla profezia d’Isaia, perciò si riveste dell’abito dell’uomo pio e credente nel Signore per il quale chiedere un segno è tentare il Signore, come è scritto nella Legge (cfr. Dt 6,16: Non tenterete il Signore vostro Dio come lo tentaste a Massa). In tal modo egli vuole rovesciare su Isaia l’accusa di essere un falso profeta perché porta gli uomini a tentare il Signore. Rovesciate le posizioni, egli può trascurare la parola d’Isaia perché non viene dal Signore. Chi non vuole credere o cerca d’impedire i segni oppure li vuole annullare sia negandoli sia facendo tacere con minacce i testimoni.

13 Allora (Isaia) disse: «Ascoltate (+ pertanto), casa di Davide! Non vi basta di stancare gli uomini, perché ora vogliate stancare anche il mio Dio?

Il Signore rivolge la sua parola a tutta la casa di Davide, cioè a tutti gli uomini che circondano il re e che sono pertanto anche suoi consiglieri, abili nel tentativo di annullare quello che il Signore dice per portare avanti le loro scelte. Essi con la loro arroganza opprimono il popolo e con la loro astuzia tentano di sottrarsi alla Parola del Signore pronunciata attraverso i profeti al punto tale da stancare il Signore. Al v. 11 il profeta aveva detto il tuo Dio ma dopo che il re aveva dichiarato di non voler saperne del Signore lo chiama il mio Dio escludendo la casa di Davide dal rapporto con il Signore.

14 Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele».

Poiché il re rifiuta, il Signore stesso dà il segno. Nulla può impedire l’intervento del Signore. Il segno non è in cielo o negli inferi ma è nel profondo dell’uomo: è nel grembo della vergine. Sappiamo come il testo ebraico abbia un termine che si traduce con «giovane donna» per cui nel suo significato storico potrebbe essere la moglie del re oppure la moglie stessa del profeta che dà al figlio già concepito il nome di «Emmanuele» a indicare che Dio è con noi nel realizzare le sue promesse.
La parola «la vergine» proviene dalla Settanta che qui riflette un approfondimento della rivelazione e una rilettura del testo alla luce del Messia (*). «Dal II sec. a.C. e forse già prima, una parte della tradizione ebraica ha dunque visto in questa nascita eccezionale, ancora attesa, la nascita verginale del messia» (TOB).
Chi sostiene la lettura puramente storica, si fonda sui verbi che indicano un fatto già in atto. Noi tuttavia siamo ammaestrati che l’evento della nascita verginale del Messia è tale che, pur avvenendo otto secoli dopo, è tuttavia presente in modo simbolico nel bimbo del profeta o, secondo altri, del re. Questi non esaurisce in sé le caratteristiche del segno, ma vi partecipa. Per cui è vero che la liberazione piena, significata dalla cessazione del potere dei re di Siria e d’Israele, si attuerà proprio nel Messia concepito e nato dalla Vergine.
Il fatto storico, di per sé normale perché il bimbo è concepito in modo naturale, indica che è già in atto la liberazione, come prima ha annunciato che il regno di Efraim cesserà durante la vita di un bimbo che nasce in quei giorni. Se è vero che con Emmanuel si vedrà la liberazione di Giuda e la cessazione d’Israele come regno; tuttavia la redenzione avverrà con il figlio della Vergine, l’Emmanuel, il Dio con noi.

(*) «Il termine ebraico ‘almah è tradotto nei Settanta con parthénos che è la traduzione regolare di betulah. Notiamo come nel racconto del servo di Abramo Eliezer, Rebecca è chiamata betulah, ‘almah, na’rah, termini tutti tradotti nei Settanta con parthénos» (Hacam, o.c., n. 26,5, p. 83).

Note
«Acaz, a lui è dato questo segno che si verifica con la realtà della nascita dalla Vergine Maria. Egli è il tipo delle creature alle quali Egli fa il dono del Cristo. Acaz appare un debole, “teologo poco di punta” a prima vista, però ripensandoci appare il tipo dell’empietà per il suo comportamento qui: Acaz sembra caratterizzato dal terrore di perdere quello che ha già. Per l’altare, le Cronache ce ne danno il motivo: paura degli dei di Damasco e sfiducia nel suo Dio. Dio lo invita a confidare: è il rifiuto radicale di Dio questa paura. Il peccato è “non credere” (vedi particolarmente i Salmi e il Deuteronomio). Dio con grande misericordia gli vuole offrire un segno qualunque esso sia; egli rifiuta e nonostante questo Dio gli dà il segno: è una sua iniziativa che scatena il giudizio e la salvezza»
(d. UMBERTO NERI, appunti omelia 19.12.1971)

SALMO RESPONSORIALE Sal 23

R/.    Ecco, viene il Signore, re della gloria.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito. R/.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli. R/.

Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe. R/.

SECONDA LETTURA Rm 1,1-7
Gesù Cristo, dal seme di Davide, Figlio di Dio.

La lettera ai Romani è uno scritto con cui Paolo presenta ai cristiani di Roma il contenuto della sua predicazione in un momento abbastanza calmo della sua vita, ma che ha fatto seguito ad un periodo fortemente tempestoso. Il tema della giustificazione per fede, che Paolo ha dovuto affrontare d’urgenza con i Galati, meritava una riflessione più pacata e anche più approfondita. L’autore si presenta con tre titoli: servo di Cristo Gesù, apostolo per vocazione, prescelto per annunziare il Vangelo di Dio, cioè la presenza di Dio nella storia per salvare l’uomo, per mezzo di Gesù Cristo, predetto dai profeti. Cristo è nato secondo la carne dalla stirpe di Davide, realtà umana inserita nel piano della salvezza; nel momento della risurrezione è costituto con potenza Figlio di Dio, mediante lo Spirito di santificazione, che oggi opera anche in noi.
Paolo inoltre dichiara di essere apostolo (mandato, inviato) per grazia: è la presenza di Dio che lo porta ad essere apostolo e il fine di questa sua missione è l’obbedienza della fede. La fede è intesa qui da Paolo come l’ascolto e l’accoglienza della Parola di Dio rivelata in Cristo; l’ascolto accogliente determina una conseguenza concreta nella vita che si chiama obbedienza della fede a cui sono chiamate tutte le genti, indistintamente, a gloria del suo nome, per rendere presente l’opera di Gesù e la sua persona. Siamo chiamati “diletti e santi per vocazione” e questo significa essere chiamati a partecipare alla santità stessa di Dio, ad entrare cioè in comunione di vita con colui che è santo. Ecco annunciato il Natale che viene con tutta la sua sorprendente novità.
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

«Rom 1, 1-7: Paolo condensa negli indirizzi tutta una teologia. Paolo servo di Cristo, apostolo (fu chiamato da Dio). Tutto l’A.T. è una promessa in rapporto all’Evangelo, l’oggetto della promessa e ciò che costituisce il N.T.
Destinatari: i fedeli di Roma e dice loro grazia e pace. La grazia è la condiscendenza di Dio verso l’uomo peccatore; la pace è la riconciliazione dell’uomo con Dio in Gesù. Grazia e pace si condensano nell’annuncio dell’Evangelo. L’Evangelo è Gesù, figlio di David secondo la carne, uomo quindi ben individuato, è quel tale, quell’individuo; egli è costituito Figlio di Dio con potenza, già nella sua carne, per la potenza dello Spirito Santo; Egli si rivela Figlio di Dio dalla risurrezione dai morti in pienezza»
(d. G. Dossetti, appunti di omelia 19.12.1971)

1 Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per chiamata, scelto per annunciare il vangelo di Dio –

Paolo si definisce prima di tutto servo (lett.: schiavo) di Cristo Gesù. Il termine schiavo sottolinea una totale dipendenza da Cristo: da Lui infatti è stato acquistato e riscattato a caro prezzo, a Lui deve tutto e quindi è in una totale sottomissione a Cristo. Da qui ne consegue una totale libertà nei confronti degli uomini come afferma in Galati: Se ancora io piacessi agli uomini, non sarei più schiavo di Cristo (1,10) e nello stesso tempo, per guadagnare qualcuno a Cristo si fa tutto a tutti come dice nella 1Corinzi: Pur essendo libero da tutti mi son fatto schiavo di tutti per guadagnarne il maggior numero (9,19). È schiavo di Cristo Gesù, di Cristo che è Gesù che egli perseguitava. Definendosi schiavo egli si colloca pure in quella linea veterotestamentaria che caratterizza chi è dedito al Signore.
Apostolo per chiamata, chiamato da Dio a essere Apostolo. La vocazione di Paolo è di essere Apostolo. «Per la diversità della grazia si realizza ciò che sta scritto: Molti sono i chiamati ma pochi gli eletti (Mt 22,14). Tuttavia è necessario sapere che è possibile che qualcuno sia stato chiamato ad essere Apostolo o profeta o maestro ma, se avrà trascurato la grazia della sua chiamata decada da essa ... In tutte le chiese di Dio ci sono molti chiamati ad essere maestri e ministri, ma non so quanti tra loro siano stati eletti tali ... Ma anche se si percorre ciascun ordine di grazia troverai ugualmente che molti sono i chiamati, però pochi sono gli eletti» (Origene, o.c., p. 14-15).
Scelto per annunciare il vangelo di Dio. In At 13,2 è detto: Mettetemi da parte Barnaba e Saulo e Paolo dice di sé in Gal 1,15: Quando piacque a colui che mi aveva messo da parte dal ventre di mia madre e mi aveva chiamato mediante la sua grazia, di rivelare suo Figlio in me affinché lo evangelizzassi tra le genti. Chiamato a essere apostolo Paolo è messo da parte perché tutto si dedichi all’Evangelo di Dio. È proprio dell’Apostolo essere il luogo dove l’Evangelo si rivela. Paolo di questo ha piena certezza e vive e fatica in rapporto a questo, sapendo di non faticare invano. Egli è messo da parte per l’Evangelo che ha Dio per autore. «Dio è colui che mediante l’Evangelo chiama e in esso pronuncia i suoi ammonimenti, annunzia le sue richieste sovrane e dispiega la sua potenza»(Schlier, o.c., p. 59).

2 che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture

Le sante Scritture testimoniano l’Evangelo. Esse sono date mediante i profeti da Dio e hanno come contenuto l’Evangelo che è dato come profezia mentre mediante gli Apostoli è dato come compimento. Che le Scritture sante contengano in sé l’Evangelo è quanto dice lo stesso Signore dove di Lui si afferma che cominciando da Mosè e da tutti i profeti interpretò loro in tutte le Scritture le cose riguardanti se stesso (cfr. Lc 24,27).
3 e che riguarda il Figlio suo, nato dal seme di Davide secondo la carne,

La professione di fede fondamentale: il Figlio di Dio, Gesù Cristo nostro Signore è oggetto di una precisazione che indica i due modi di essere del Signore Gesù prima e dopo la risurrezione: secondo la carne, secondo lo Spirito di santità. Il Figlio di Dio è secondo la carne perché nato dal seme di Davide. Nascendo dalla famiglia di Davide non solo è il Messia ma è entrato nella realtà della carne e quindi soggetto alla morte e in tutto simile a noi fuorché nel peccato (cfr. Eb 4,5).

4 costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della risurrezione dei morti, Gesù Cristo nostro Signore;

Il Figlio di Dio, che aveva svuotato se stesso facendosi uomo, è stato costituito Figlio di Dio con potenza dal momento della sua risurrezione dai morti. Dice giustamente destinato e non predestinato. «È destinato infatti colui che già è; è predestinato invece colui che ancora non è, come quelli di cui l’apostolo dice: Quanti preconobbe li ha anche predestinati (Rm 8,29). Dunque possono essere conosciuti in precedenza e predestinati quelli che ancora non sono; invece colui che è, ed è eternamente, non è predestinato, ma destinato» (Origene, o.c., p. 21). Egli è stato quindi stabilito Figlio di Dio in potenza. «Secondo l’Evangelo di Paolo Gesù è il Figlio di Dio e quindi con la risurrezione dai morti non può essere divenuto Figlio di Dio, bensì Figlio di Dio in potenza» (Schlier, o.c., p. 64). Dalla risurrezione dei morti Cristo è costituito Figlio di Dio con potenza perché riceve il Nome che è al di sopra di ogni altro Nome e ogni lingua proclama che Gesù è il Signore (cfr. Fil 2,9-10) ed è costituito secondo lo Spirito di santità. Se il termine santità è un titolo della Gloria di Dio come è testimoniato dal confronto dei LXX con il TM (santità traduce infatti anche maestà hod ‘oz, potenza, Ps 96,6 cfr. Schlier, o.c., p. 66) significa allora che l’essere costituito Figlio di Dio in potenza è essere nella stessa gloria del Padre. «La risurrezione costituisce la fine delle sofferenze di Cristo e poiché dopo la risurrezione egli non muore più né la morte avrà, più potere su di Lui (Rm 6,9), e ancora è detto: Che anche se abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora però non lo conosciamo più (2Cor 5,16), per questo ogni cosa, che esiste in Cristo, è già ora Figlio di Dio» (Origene, o.c. p. 24). Risulta da questo che anche noi secondo la carne lo percepiamo come nato dal seme di Davide e quindi vero uomo; secondo lo Spirito, che abbiamo da Lui ricevuto, lo crediamo Figlio di Dio con potenza.

5 per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia di essere apostoli, per suscitare l’obbedienza della fede in tutte le genti, a gloria del suo nome,

Mediante Cristo, in modo diretto, infatti l’apostolo afferma in Gal 1,12: Io non l’ho ricevuto né l’ho imparato da uomini, ma per rivelazione di Gesù Cristo. Abbiamo ricevuto potrebbe, significare noi apostoli come dice in Gal 2,8: Colui che aveva agito in Pietro per farne un apostolo dei circoncisi aveva agito anche in me per i pagani. Direttamente dal Signore Paolo ha ricevuto la grazia dell’apostolato. Prima dice di aver ricevuto la grazia come è detto in Gv 1,16: Dalla sua pienezza abbiamo ricevuto e grazia su grazia; poiché la Legge fu data mediante Mosè, la grazia e la verità furono mediante Gesù Cristo (ivi, 17). L’Apostolo ha ricevuto mediante Cristo, la grazia e la verità che sono il contenuto dell’Evangelo di Dio, l’ha ricevuto dalla sua pienezza e, poiché è stato chiamato a essere apostolo, comunica la grazia di Cristo a tutte le genti perché obbediscano alla fede e sia così glorificato il Nome di Cristo.
La grazia si manifesta nell’Apostolo sia quando predica e anche nella sua vita ed è a lui incessantemente comunicata da Cristo. «Tutto ciò che è suo lo dà anche ai suoi discepoli. Si dice che la grazia è diffusa sulle sue labbra (Sal 44,3) ed egli la dà pure ai suoi apostoli, perché con essa, mentre faticano possano dire: Ho faticato più di tutti loro: non io ma la, grazia di Dio con me (1Cor 15,10)» (Origene, o.c., p. 26) La grazia e l’apostolato sono dati all’apostolo per l’obbedienza della fede in tutte le genti. L’obbedienza è in stretto rapporto con la fede. Infatti l’Evangelo viene annunziato e l’ascolto suscita la fede con la quale aderiamo all’Evangelo sottomettendoci ad esso. Poiché l’annuncio è fatto a tutti i popoli, questi sono chiamati all’obbedienza della fede e Paolo ha ricevuto, in rapporto a loro, la grazia e la dignità di Apostolo. «I gentili infatti che erano estranei all’alleanza di Dio e alla maniera di vivere d’Israele (Ef 2,I2), non avrebbero potuto credere al Vangelo se non per la grazia che era stata data agli apostoli, in virtù della quale si dice che alla predicazione degli apostoli si obbedisce in fede» (Origene, o.c., p. 26). Questo avviene per il nome di Cristo, esso è la causa e il fine della grazia e dell’apostolato ed è la forza che assoggetta tutte le genti all’obbedienza della fede.

6 e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo –,

La chiesa di Roma deriva dalle genti e quindi dà all’apostolo il grave compito di annunciarle il suo Evangelo. Egli li definisce chiamati da                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Gesù Cristo, chiamati di tra le genti ad essere di Gesù Cristo cioè ad appartenere a Lui e da Lui conosciuti e chiamati per nome all’esistenza; inoltre tutti li riconoscono come quelli che sono di Cristo.

7 a tutti quelli che sono a Roma, amati da Dio e santi per chiamata, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo!

I membri della chiesa di Roma sono chiamati diletti di Dio cioè amati da Lui. In Cristo è stata distrutta l’inimicizia, la maledizione si è volta in benedizione per cui il Padre può amare con tutte le viscere della sua misericordia quanti sono da Lui chiamati a essere santi. Infatti la nostra appartenenza a Cristo, che è il Santo, ci comunica la stessa sua santità, si è infatti chiamati dal Padre a essere in comunione con Gesù ed essere sua proprietà. Questo comporta che a tutte le sue membra Cristo comunica lo Spirito della santità che le santifica incessantemente.
Egli conclude l’indirizzo con la benedizione: grazia a voi e pace. La grazia che dalla pienezza di Cristo si è riversata sull’Apostolo ora, mediante la benedizione, si riversa su quanti ascoltano e leggono. Questa grazia è pregna della pace che il Cristo solo può dare perché Egli è la nostra pace. Infatti sorgente della grazia e della pace sono il Padre e il Signore Gesù Cristo. «L’apostolo scrive nello Spirito di Dio e benedice nello Spirito: per il medesimo Spirito ricevono quindi le benedizioni quelli che vengono da lui benedetti, purché siano trovati degni di ricevere sopra di loro la sua benedizione, altrimenti si verificherà ciò che sta scritto: Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace verrà sopra di lui; in caso contrario la vostra pace tornerà a voi (Lc 10,6.11)» (Origene, o.c. p. 27).

ACCLAMAZIONE AL VANGELO

Alleluia, alleluia!

Ecco la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele: “Dio con noi”.

Alleluia!

VANGELO Mt 1,18-24
Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, della stirpe di Davide.

  Dal vangelo secondo Matteo

«Mt 1,18-24: la comprensione sta nell’inizio: il testo. Valore dell’avversativa però (traduzione: La nascita di Gesù Cristo avvenne però così). Questa crea un rapporto tra la genealogia e la nascita di Gesù: Gesù è Figlio di Abramo e di David però è nato dallo Spirito Santo. Il senso di questo brano è di contrapporsi alla successione delle generazioni. Giuseppe per primo constata di non essere il padre di quel bimbo che sta per nascere e il messaggero di Dio gli spiega ciò che sta per avvenire: Cristo è nato da Spirito Santo (cfr. Gv 3,6); è Colui che salva il suo popolo dai loro peccati. Giuseppe deve accogliere Gesù come suo Figlio secondo la Legge e la genealogia umana. Alla fine di questo brano si ritorna sul nome che è stato dato»
(d. G. DOSSETTI, appunti di omelia 19.12.1971)

18 Così fu generato Gesù Cristo:
(La nascita di Gesù Cristo avvenne però così ) (traduzione proposta da d. G. Dossetti).

Il modo come il Cristo è generato differisce da quello di tutti gli altri. Tutti abbiamo inizio dal seme paterno, la generazione di Gesù Cristo non ebbe inizio così. L’evangelista ce ne rivela l’inizio.

sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo.

Questa è la santa e ineffabile generazione umana del Cristo. Già Maria è promessa sposa a Giuseppe: il vincolo ha le caratteristiche di quello sponsale. Non ancora le nozze sono celebrate quando la Madre di Gesù si trova pregna per l’azione dello Spirito Santo. Questo è il dato di fatto che l’evangelo di Luca ci fa penetrare nel suo intimo, nel «come» questo accade. In Matteo questo è un dato di fatto. «Ogni volta che Matteo fa menzione dello Spirito è per descrivere un’azione sovrana di Dio, che egli non vuole spiegare e neppure analizzare (3,11; 4,1; 10,20; 12,18.28.31; 28,19)» (Bonnard, ad Lc.). Lo Spirito, che è l’artefice di questo concepimento, conduce Giuseppe ad accoglierlo nell’obbedienza della fede.

19 Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Giuseppe è giusto secondo la Legge, che non vuole trasgredire, e d’altra parte non vuole esporre la sua sposa all’infamia per l’amore casto e la stima che ha per lei. La Legge e la giustizia, che ne deriva, lo gettano in questo interiore turbamento. Giunge fino alle soglie del mistero ma non può varcarlo; «egli conosce la castità della sua sposa, è stupito per ciò che è accaduto, nasconde nel silenzio il mistero di Colui che ignorava» (Girolamo). Non può conoscere il Cristo puramente dalla giustizia che deriva dalla Legge, infatti il Cristo è conosciuto solo per la rivelazione dell’Evangelo cui si aderisce mediante la fede. Dalle possibilità, che la Legge gli dà, egli accoglie quella più mite: rompere il fidanzamento rimandando in segreto, senza nessun atto pubblico, Maria, sua promessa sposa.
20 Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo;

Il suo animo, il suo intimo sentire, portava in sé il peso di questo mistero che dalla Legge non veniva illuminato e che nella sua giustizia non trovava soluzione. In questo intimo tormento, egli è preparato dallo Spirito Santo ad essere padre legale di Gesù e ad accogliere Maria sua sposa per vivere con lei l’intimità di un’unione verginale. L’Angelo del Signore gli comunica la rivelazione che Giuseppe accoglie nel silenzio obbediente della fede. Giuseppe è chiamato figlio di Davide; è un titolo messianico. Egli lo consegna a Gesù cui appartiene propriamente. Egli non deve andarsene perché è il garante della regalità messianica del Cristo Gesù.
«Non temere, cessa di temere riguardo alla Legge e alla giustizia, che ne deriva, e prendi con te Maria, tua sposa. Sia veramente tale e da te riconosciuta come tua sposa». Ed ecco l’Angelo gli rivela il mistero unico nella storia: Infatti il bambino che è generato in lei (lett.: Quello che infatti è concepito in lei) è da Spirito Santo. Credendo a queste parole dell’Angelo, confermate dalla profezia, il cuore di Giuseppe trova pace. La fede nelle parole dell’Angelo e l’obbedienza ad esse lo fanno veramente giusto. Egli accoglie l’azione dello Spirito nella sua sposa e l’accoglie in sé.

21 ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Poiché è nato dallo Spirito, Gesù è spirito: è l’Adamo spirituale e celeste. Il nome che porta, Gesù, non esprime un desiderio (che Dio salvi) ma una realtà (Dio in lui salverà). Egli libera il popolo, che gli appartiene, dalla vera schiavitù, quella dei suoi peccati. Infatti la Legge e i sacrifici dell’antica alleanza non potevano salvare da questa schiavitù. Noi percepiamo già in questa definizione del nome di Gesù la realtà sacrificale del Cristo come insegna l’Apostolo: ogni sacerdote si presenta ogni giorno a officiare e a offrire molte volte gli stessi sacrifici, che non possono mai togliere i peccati, costui invece, avendo offerto un solo sacrificio per i peccati, per sempre si è assiso alla destra di Dio (Eb 10,11s). «Egli, dunque, salvò e salva ogni giorno il suo popolo che allontana dagli idoli, che ha redento col suo sangue, cui promette la salvezza eterna» (Cromazio).

22 Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.

La parola detta dal Signore si compie e si rivela nel concepimento di Maria. Ella concepisce verginalmente perché è scritto. La fede nello scritto fa superare ogni ostacolo e dalla sofferenza fa giungere alla luce della conoscenza divina.
Il Signore parla per bocca del profeta e dà come segno il Concepimento verginale. Il termine «vergine» viene così definito. Maria è sposa ed è madre restando vergine, anzi è la vergine. Il Signore la indica: Ecco la vergine. L’Evangelo commenta: Il nome della vergine era Maria (Lc 1,27). Essa è indicata nella sua maternità: concepirà e darà alla luce un figlio. Ecco il segno nelle profondità della stirpe umana, nelle viscere della donna.
a lui sarà dato il nome di Emmanuele», tutti i popoli diranno: Con noi è Dio. In Gesù tutti percepiranno che Dio è con noi. Infatti il profeta annuncia la distruzione delle potenze terrene e la sconfitta di esse di fronte al popolo di Dio perché Dio è con noi (Is 8,9-10).

23 Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

In questo sonno, simile a quello di Adamo, Giuseppe conosce il mistero dell’incarnazione del Figlio dell’uomo. È un sonno mistico che lo inizia ai misteri e, dopo aver conosciuto, compie con docile obbedienza quanto gli è stato comandato. Dalla sofferenza in cui il suo animo è turbato egli giunge al sonno dove riceve la rivelazione. Dopo la sofferenza e il tormento, in cui l’animo lotta per restare fedele al suo Dio, succede il sonno delle potenze dell’anima che nell’assoluta e totale passività ricevono la rivelazione divina e quindi la forza per compiere quanto è stato comandato.

Note
«Il N.T. è un libro che dice quello che vuole lui e non quello che vogliamo noi. Dobbiamo prendere sul serio quello che ha detto non cercare di far dire ciò che non dicono i Vangeli dell’Incarnazione. Gli evangelisti si preoccupano poco di giustificarla. Pochissime volte viene la formula Emanuele. Detto in grande fretta che è da Spirito Santo, il dato su cui si insiste di più è il nome Gesù: questo perché il nome dice tutto e dicendo tutto è più importante del racconto. La cosa più importante è possedere questo nome. Il peccato non ha rimedio umano e nemmeno da parte di Dio: la Parola di Dio al Sinai è impotente a salvare. È perché la Parola di Dio si è fatta Carne, che salva. È la Parola di Dio fatta Carne e colpita dalla maledizione del peccato che diventa salvifica. È questa realtà del peccato che ci rivela l’Incarnazione. Non basta invocare neppure il Nome ma è con la consapevolezza di ciò che si dice, che salva dal peccato. Se siamo consci che la maledizione del nostro peccato penetra nella nostra carne solo allora possiamo invocare. Tutto il N.T. è perfettamente coordinato attorno a questo (cfr. Gv 1,12). Invocando il Nome è attualizzare il Battesimo; non basta invocare il nome come una ripetizione ma è detto credono vedi Gv 20 (conclusione: voi crediate ...). È nel nome di Lui che e credendo in Lui che noi otteniamo la vita e la salvezza. Il peccato è oggetto di fede, bisogna credere al di là della nostra stessa coscienza. Quando crediamo al peccato crediamo a Gesù. Gesù è colui che salva il suo popolo dai suoi peccati, siamo noi, popolo di Dio carichi di peccato, che abbiamo bisogno di Lui. L’Incarnazione sta in rapporto alla rivelazione del Nome e questo alla rivelazione del peccato»
(d. G. DOSSETTI, appunti di omelia 19.12.1971)


Nota riguardo all’Emmanuele:

Il secondo bimbo è Emmanuel, con noi è Dio. Già abbiamo rilevato nel commento come il termine ‘almah, significhi giovane donna e quindi la lettura storica del segno può benissimo riferirsi al figlio del profeta, che è segno per quella generazione.
Ma la Parola di Dio non si esaurisce nel primo dato storico, cioè nel senso letterale. Questo, nella sua esattezza storica, è il supporto delle altre letture di cui la principale è quella cristologica.
È giusto affermare che non è la storia a rivelare la “metastoria” (cioè il disegno che Dio realizza nella storia) ma è il contrario: è la metastoria a dare senso alla storia.
Di fronte al tentativo degli uomini di distruggere le strutture sacre della messianità davidica, il Signore pone questo segno dell’Emmanuel, che nel suo nome annuncia la presenza di Dio tra noi.
Chi si chiude entro l’orizzonte del testo ebraico non trova in queste parole nessun riferimento al Cristo; ma noi, che accogliamo con pari venerazione la versione greca dei LXX, troviamo che al termine - ‘almah corrisponde la parola παρθενος – parthenos, vergine. Questa lettura è accolta nel NT (Mt 1,18-25), che ci narra in che modo è avvenuto il concepimento verginale del Cristo, annunciato in questo testo profetico.
L’interpretazione del termine come vergine diviene così normativa nonostante l’affermazione di Delling: «Considerando l’uso linguistico dei LXX non si può andare oltre questa conclusione: παρθενος - j indica una ragazza che non ha avuto rapporti con un uomo fino al concepimento (dell’Emmanuele)» (GLNT, IX,769). Tuttavia poco dopo l’autore afferma: «Sempre in base all’uso linguistico dei LXX è perciò anche possibile che il traduttore di Is 7,14 abbia pensato ad una nascita asessuale del figlio della vergine» (ivi, 770).
Sta di fatto che l’oracolo è stato presto sganciato dal suo immediato contesto storico divenendo una testimonianza del Messia, come ci mostra l’evangelista Matteo.
A questo ha sicuramente contribuito la solennità dell’oracolo che appare riferentesi a una persona nota cui è dato questo titolo che noi traduciamo «la vergine».
La lettura storica è quindi assorbita dal mistero in essa contenuto. La lettura cristologica, che emerge nell’evangelo secondo Matteo, ci mostra quindi come la profezia si sia attuata perfettamente in Gesù. Egli, il figlio della Vergine, è il Dio con noi, che ci salva distruggendo i nostri peccati. Non dimentichiamo che il vangelo di Matteo riflette la fede dell’ambiente giudeo-cristiano e ci offre quindi una preziosa testimonianza della lettura cristologica del testo. Nel secondo secolo Giustino scrive il Dialogo con Trifone (c. 160) nel quale affronta anche la lettura del nostro testo.
In 67,1 Trifone obietta a Giustino che «la Scrittura non ha Ecco la vergine concepirà e partorirà un figlio, bensì Ecco la fanciulla concepirà e partorirà un figlio. Trifone sembra riferirsi alle recenti traduzioni del testo ebraico in greco (soprattutto Aquila) che correggono la versione dei Settanta. Giustino accusa i maestri d’Israele «i quali non riconoscono come valida la versione fatta dai settanta anziani per iniziativa di Tolomeo re d’Egitto e si provano piuttosto a fare essi stessi una traduzione» (71,1).


IN SINTESI:

Questo cammino interiore che conduce Giuseppe all’obbedienza della fede avviene tramite la sua riflessione, il suo pensare (Mt 1,20) e tramite l’accoglienza della Parola del Signore, condensata nella citazione scritturistica di Is 7,14 (Mt 1,22). Il sogno, in effetti, nel mondo biblico è mezzo di rivelazione in quanto veicolo di una Parola di Dio. L’elemento decisivo nel sogno non è la visione, ma la parola: “In sogno io parlo a lui”, dice Dio di Mosè (Nm 12,6). All’epoca di Gesù, il sogno era chiamato “piccola profezia”: al cuore della notte e del sonno simbolo della morte, il sogno sorge come una piccola luce che può rischiarare la vita.
«Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa». Questa conclusione laconica esprime tutta la grandezza di Giuseppe, che consiste nella sua fede-obbedienza: come Maria egli ha fatto totalmente spazio in sé alla volontà di Dio, accettando di compiere anche ciò che forse non comprendeva pienamente. Nessuna parola esce dalla sua bocca, eppure con il suo comportamento egli vive la buona notizia che più tardi sarà annunciata da Gesù Cristo, Figlio di Dio e secondo la legge anche figlio suo: «nulla è impossibile a chi crede» (cf. Mt 17,20).

 

questa settimana... 


• Martedì 17 ore 20,30 - Veglia di Avvento

• Mercoledì 18 ore 19,30 - Lectio Biblica

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Luce della pace di Betlemme
Sabato 14 il Masci e l’Agesci portano nella nostra parrocchia la luce di Betlemme, segno di Cristo nostra luce e nostra pace.
La luce verrà poi distribuita in tutte le messe di Domenica 15.

Novena di Natale
Lunedì 16 c.m. inizia la Novena del Santo Natale come di tradizione le messe saranno celebrate alle ore 7 e alle 18,00, il venerdì sarà celebrata anche la messa delle ore 9 con l’Adorazione. Per chi non può partecipare alle messe sarà celebrata la novena anche alle ore 20, tranne sabato e domenica.

Veglia di Avvento
Martedì 17 c.m. alle ore 20 e 30 ci prepareremo al Santo Natale con una veglia di preghiera per tutta la parrocchia animata dai giovani.

Lectio Divina
Per tutto il periodo di Avvento ogni mercoledì alle 19 e 30 don Gianni terrà una lectio per meditare sulle letture della domenica. 

Presentazione libro
Venerdì 20 C.M. alle ore 17 presso il nostro auditorium sarà presentato il libro di Orlandino Greco “Povertà e Solidarietà in Provincia di Cosenza”. I proventi della serata saranno devoluti alla Caritas Parrocchiale. Subito dopo si svolgerà un Concerto di Natale nell’aula liturgica offerto dalla Provincia.

Confessioni
Venerdì 20 c.m. ritornerà dalla Nigeria don Patrizio e si fermerà con noi fino al 28. Aiuterà i Parroci, a confessare tutti i giorni nei seguenti orari:9,00-11.00; 16,30-19,00.

Benedizione dei Bambinelli
Domenica 22 c.m. alla fine delle celebrazioni delle ore 10 e 11,30 verranno benedetti i Bambinelli Gesù da collocare nei presepi nelle nostre case. Ognuno è invitato a portare il proprio .

Presepi nelle case
Sono disponibili i modelli per richiedere che vengano fotografati i presepi nelle case. I modelli, debitamente compilati, vanno consegnati ai parroci o in segreteria. Le foto poi verranno pubblicate sul sito parrocchiale.

Tombola per bambini e famiglie
Il tempo di Natale è un tempo di preghiera e di festa per la famiglia; anche la nostra parrocchia si ritroverà  insieme come famiglie sabato 21 alle ore 19,00 per una grande tombolata con ricchi premi e intrattenimenti vari,  organizzata dai gruppi e dai catechisti parrocchiali.

 

domeniche precedenti


DOMENICA III DI AVVENTO - A

Potrà la speranza dei poveri rifiorire?
Stilleranno i monti rugiada al mattino
e le valli si ammanteranno di grano?

Là sparirà la penombra della fede,
luce agli incerti passi del credente,
in buia notte che affonda nel nulla.

Sei tu il Veniente, che passeggia
sulle alte onde flagellate dai venti?
Sei il volto di Dio, stella mattutina?

Luce gioiosa, risplendi negli occhi,
carezza che ci risana le membra,
con lampade accese ti aspettiamo.

VIENI.


PRIMA LETTURA Is 35,1-10
Ecco il vostro Dio, egli viene a salvarvi.

Scheda su Is 35,1-10
Is 35,1-10. Il c. 35, che contiene una promessa di salvezza, è stato inserito a questo punto sia per contrapporre al cupo orizzonte del c. 34 la prospettiva di un futuro luminoso, nella gioia della nuova Sion, sia per connettere la seconda parte del libro di Isaia alla prima sottolineando che il tema del giudizio di Is 1-34 è finalizzato e subordinato all'attesa della speranza. Per questo motivo l'autore del presente capitolo ha attinto espressioni e immagini dalle varie parti del libro di Isaia, specialmente da Is 40- 66. L'indole chiaramente secondaria dei riferimenti assicura, comunque, che il testo non appartiene letterariamente al Deuteroisaia, ma è opera di un redattore recente, forse del sec. IV.

1-2. Il brano inizia descrivendo la trasformazione del deserto e della steppa in un frutteto. Il trionfo della vita e della fecondità nel luogo dell'aridità e della morte segna l'irrompere della gioia che l'autore esprime sfruttando la ricca possibilità dei sinonimi: rallegrarsi, esultare, gioia, giubilo (vv. 1-2a). In tutto ciò si manifesta la gloria del Signore che ora si rivela nella sua magnificenza (v. 2).

3-4. Si richiama il messaggio della consolazione di 40,1-2. 9. L'esortazione che segue è dunque un'istruzione che il Signore dà ai suoi messaggeri. Essi sono chiamati a infondere fiducia e sicurezza (la descrizione del v. 3 si richiama a Gb 4,3-4) invitando il popolo ad essere forte e non temere (cfr. 10,24; Dt 31,6; 2 Cr 32,7). Un simile annuncio si fonda sulla presenza del Signore (ecco il vostro Dio, cfr. 40,9). La venuta del Signore per salvare (cfr. 40,10) coincide con la venuta della vendetta, cioè dell'intervento redentore che ristabilisce per il suo popolo le condizioni proprie della salvezza nella giustizia e nella libertà (cfr. 3,8a e inoltre 59,18; 66,6).

5-7. Conclusa l'istruzione divina, il redattore descrive nei vv. 5-6a la nuova condizione. La descrizione simbolica mentre orienta, con la ricchezza del suo linguaggio, ai prodigi della salvezza che trascendono le possibilità dell'uomo, offre anche una costruzione eloquente. Essa inizia con l'annuncio degli occhi che vedono e degli orecchi che ascoltano (cfr. 42,16-19; 43,8) e si conclude con il motivo della lingua che proclama con gioia le meraviglie del Signore. L'autore sviluppa il tema delle meraviglie di YHWH descrivendo nei vv. 6b-7 il prodigio delle acque, che scaturiscono nel deserto (cfr. 43,20), e della terra riarsa, che si trasforma in sorgenti d'acqua (cfr. Es 17,6; Sal 78,20; 107,33. 35). La visione e l'ascolto, insieme alla proclamazione della salvezza, costituiscono la caratteristica del popolo rinnovato dalla venuta salvifica del Signore.

8-10. La finale della piccola apocalisse è forse un'aggiunta successiva, come si evince dal fatto che non ha corrispondenti con il c. 34. Inoltre la prospettiva dei riscattati dal Signore riuniti in Sion riflette il tema del raduno in Sion dei Giudei dispersi, tema che si incontra alla fine delle grandi sezioni della Visione di Isaia: 11,11- 16; 27,12-13; 35,8-10; 56,8; 66,20. Sullo sfondo della trasformazione del deserto e del rinnovamento del popolo (cfr. vv. 5-6a) l'autore contempla una via appianata (cfr. 40,3; 43,19; 49,11; 62,19; e anche 11,16; 19,23). È la via del popolo santo (cfr. Is 62,12a) che si dirige a Sion, nella rinnovata esperienza della redenzione, che dischiude uno spazio pieno di vita, di libertà e di gioia. In un simile spazio non ci saranno più gli impuri (idolatri) e gli stolti, che impediscono lo sviluppo della vita, non ci saranno più bestie feroci, simbolo delle forze che minacciano la libertà, e scompariranno per sempre la tristezza e il pianto.

Dal libro del profeta Isaia
1 Si rallegrino il deserto e la terra arida,
esulti e fiorisca la steppa.
Come fiore di narciso fiorisca;
sì, canti con gioia e con giubilo.
Le è data la gloria del Libano,
lo splendore del Carmelo e di Saron.

Il deserto, la terra arida e la steppa sono terre prive di vita e quindi segno di morte. Essi si tramutano in terre piene di gioia e di esultanza per gli uomini per il fatto che si rivestono di piante. Infatti la ricca vegetazione sta alla terra come un abito di gioia sta all’uomo, come è detto nel salmo 64,13: Stillano i pascoli del deserto e le colline si cingono (lett.: sono rivestite) di esultanza.
Più che il narciso la pianta menzionata nel testo è il colchico i cui fiori sono di color violaceo porporino. L’arido deserto si riveste come un prato di questo fiore che cresce anche nella pianura di Saròn. Questa meravigliosa esplosione di vegetazione è simile a un canto. È la terra che si prepara ad accogliere i riscattati dal Signore che ritornano dall’esilio.
Questa improvvisa gioia della creazione scaturisce dal fatto che viene investita dalla gloria del Signore, come di essa nella terra d’Israele sono un pallido riflesso il Libano, il Carmelo e la pianura di Saròn (gloria e splendore sono attributi tipici della gloria del Signore, come subito dice.

2 Essi vedranno la gloria del Signore,
la magnificenza (oppure: splendore) del nostro Dio.

Sono usati gli stessi termini precedenti: gloria e magnificenza (in ebraico è lo stesso termine tradotto prima con splendore). La creazione riflette la gloria del Signore e il suo splendore. Questa manifestazione della gloria di Dio nella creazione, è espressa nell’insegnamento apostolico sia in Rm 8,19-21: La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio; essa infatti è stata sottomessa alla caducità - non per suo volere, ma per volere di colui che l’ha sottomessa - e nutre la speranza di essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione, per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio (cfr. 2Pt 3,13: E poi, secondo la sua promessa, noi aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali avrà stabile dimora la giustizia).

3 Irrobustite le mani fiacche,
rendete salde le ginocchia vacillanti.

Coloro ai quali il Signore dona di annunciare la sua Parola devono irrobustire le mani fiacche, cioè quanti non hanno più forza a causa della paura e della situazione di oppressione; essi non hanno il coraggio di affrontare il viaggio del ritorno, il viaggio della redenzione. Il nemico ha talmente spento in loro la speranza da scoraggiarli di fronte a ogni parola di redenzione e quindi di consolazione: essi si sono rassegnati alla loro sorte e sospirano solo alla morte.

4 Dite agli smarriti di cuore:
«Coraggio! Non temete!
Ecco il vostro Dio,
giunge la vendetta,
la ricompensa divina.
Egli viene a salvarvi».

Essi sono pure smarriti di cuore perché sono vacillanti nella loro interiore fermezza e certezza (il cuore è sede dell’interiorità, quindi del pensiero e del sentire). Essi pensano che il Signore non realizzi le sue promesse di redenzione.
Ad essi la Parola dice: «Siate forti e non abbiate paura» perché «ecco il vostro Dio»: lo indica come presente (ecco) e lo chiama «il vostro Dio» per sottolineare il legame stretto, quello dell’alleanza, tra Dio e il suo popolo. Giungendo il Signore, giunge pure la vendetta chiamata anche ricompensa divina, cioè giustizia sui nemici e riscatto del suo popolo (Egli viene a salvarvi). La forza dell’attesa è la nostra fede, come dice il Signore: E Dio non farà giustizia ai suoi eletti che gridano giorno e notte verso di lui, e li farà a lungo aspettare? Vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra? (Lc 18,7-8).
L’esperienza della fede, fondata sul dono dello Spirito Santo, dà l’interiore certezza della presenza del Signore e del suo intervento salvifico. Per questo i credenti vivono il tempo più che come attesa come il dispiegarsi dell’azione salvifica. Questa si esprime come vittoria progressiva del Cristo sulle potenze spirituali il cui dominio definitivo è segnato dalla vittoria sulla morte, come insegna l’Apostolo (cfr. 1Cor 15,24-27).

5 Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
6 Allora lo zoppo salterà come un cervo,
griderà di gioia la lingua del muto,
perché scaturiranno acque nel deserto,
scorreranno torrenti nella steppa.

Cesserà allora l’indurimento del cuore, come è detto altrove in questa profezia: «Rendi insensibile il cuore di questo popolo, fallo duro d’orecchio e acceca i suoi occhi e non veda con gli occhi né oda con gli orecchi né comprenda con il cuore né si converta in modo da esser guarito» (Is 6,10).
A differenza del primo esodo, questo sarà caratterizzato da un cammino fatto con salti di gioia e con danze e con inni prorompenti nell’esultanza verso la gloria del Signore.
Le acque daranno vita al deserto e al popolo che ritorna alla sua terra. Nella piena rivelazione del testo sono le acque che sgorgano dal Cristo, cioè il dono dello Spirito, che trasformano tutta la creazione rendendola nuova e allo stesso modo costituiscono motivo di guarigione e di esultanza dei suoi eletti (cfr. Gv 7,37-39).

[7 La terra bruciata diventerà una palude,
il suolo riarso si muterà in sorgenti d’acqua.
I luoghi dove si sdraiavano gli sciacalli (lett.: nel luogo degli
sciacalli ci si sdraierà)
diventeranno canneti e giuncaie.]

Questo versetto è espunto dalla proclamazione. L’acqua sarà così abbondante che la terra riarsa dal sole diventerà una palude e da una terra arida sgorgheranno delle sorgenti al punto che un luogo dove dimoravano gli sciacalli ora si porta il gregge al pascolo perché ivi si sdrai (cfr. Sal 22,2: Su pascoli erbosi mi fa riposare ad acque tranquille mi conduce).

8 Ci sarà un sentiero e una strada
e la chiameranno via santa;
nessun impuro la percorrerà
e gli stolti non vi si aggireranno.

Traduzione letterale:
Ci sarà una strada appianata
e la chiameranno via santa;
nessun impuro la percorrerà
ed essa sarà per loro e chi cammina per quella via
persino gli stolti non potranno sbagliarsi.

La strada sarà chiamata via santa perché conduce alla santa città e al santuario. La santità divina pervade la strada che conduce a Lui al punto che nessun impuro potrà percorrerla. Questa nel mistero è la via della santificazione, come ci esorta l’Apocalisse: Il perverso continui pure a essere perverso, l’impuro continui ad essere impuro e il giusto continui a praticare la giustizia e il santo si santifichi ancora (Ap 22,11). Questa via è solo per il suo popolo (ed essa sarà per loro). Nessuno - neppure gli stolti - si potrà sbagliare nel percorrere quella via tanto essa è talmente semplice e lineare. Così infatti è la Legge del Signore, gli stolti che camminano in essa diventano saggi e coloro che sono impuri si purificano nella scienza evangelica.

[9 Non ci sarà più il leone,
nessuna bestia feroce la percorrerà,
vi cammineranno i redenti.]

Versetto espunto dalla proclamazione. Quella via sarà sicura al punto che nessuna bestia feroce la potrà percorrere ma solo i redenti.

10 Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore
e verranno in Sion con giubilo;
felicità perenne splenderà sul loro capo;
gioia e felicità li seguiranno
e fuggiranno tristezza e pianto.

I riscattati sono diretti a Sion che essi raggiungeranno con giubilo; la gioia sarà come corona sul loro capo, simile a quella che ci si mette per danzare (cfr. Is 28,5: In quel giorno sarà il Signore degli eserciti una corona di gloria, uno splendido diadema per il resto del suo popolo).

Note
«Se ne capisce il senso pieno in rapporto col c. 40: è nell’ambito di questo messaggio: Consolate, consolate ecc. Il capitolo inizia con un preannunzio rivolto al deserto, la grande zona della morte, che impedisce ai deportati di entrare nella zona della vita. Come fu vinto nell’Esodo, ora di nuovo sarà vinto. Il deserto si trasformerà in un luogo ricco di vita.
Dopo c’è un’esortazione a quelli piegati. Vengono rialzati perché Dio si fa personalmente presente. Questo è l’annuncio. Per effetto di questa presenza nuova l’uomo verrà riconsacrato perché passerà per la via sacra che Dio stesso ha tracciato nel deserto. Di nuovo verranno intonati i cantici di gioia senza fine»
(d. G. Dossetti, appunti di omelia, 12.12.1971)

SALMO RESPONSORIALE Sal 145
R/. Vieni, Signore, a salvarci.
oppure:
R/. Alleluia, alleluia, alleluia.

Il Signore rimane fedele per sempre
rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri. R/.

Il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,
il Signore protegge i forestieri. R/.

Egli sostiene l’orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.
Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione. R/.

SECONDA LETTURA Gc 5,7-10
Rinfrancate i vostri cuori, perché la venuta del Signore è vicina.

Premessa. Questo testo fa parte di una pericope più ampia : (Dio fa grazia agli umili: 4,6-5,12) perciò, per essere salvati basta essere piccoli e umiliarsi. Non si attiene a questa umiltà salvifica chi giudica il fratello, e perciò la Legge ("chi sei tu?"); chi presume di sé con falsa sicurezza – mentre è "un soffio".
Devono perciò temere un giudizio, tremando i ricchi, che contano sulle ricchezze e opprimono i poveri; possono vivere e attendere con fiducia quanti soffrono: purché non vengano meno alla pazienza protestando, o all'umiltà giudicando.
Per non cadere sotto il giudizio, bisogna non giurare (= mancanza grave di spirito di piccolezza).
(Appunti di d. Umberto Neri)

Dalla lettera di san Giacomo apostolo
Siate costanti, fratelli miei, fino alla venuta del Signore. Guardate l’agricoltore: egli aspetta con costanza il prezioso frutto della terra finché abbia ricevuto le prime e le ultime piogge. Siate costanti anche voi, rinfrancate i vostri cuori, perché la venuta del Signore è vicina.
Non lamentatevi, fratelli, gli uni degli altri, per non essere giudicati; ecco, il giudice è alle porte. Fratelli, prendete a modello di sopportazione e di costanza i profeti che hanno parlato nel nome del Signore.

La lettera di Giacomo, attribuita dalla tradizione al fratello del Signore che porta questo nome, contiene fondamentalmente quattro sezioni: a) Costanza e fedeltà nelle prove (1,2-18); b) Ascolto e attuazione della parola (1,19 - 2,26); c) Sapienza dall'alto e sapienza terrena (3,1 - 4,12); d) Orientamenti di vita comunitaria (4,13 - 5,20). La quarta sezione si divide a sua volta in tre parti: contro i progetti arroganti dei ricchi (4,13 - 5,6); paziente attesa della parusia (5,7-11); esortazioni finali (5,12-20). Il testo liturgico coincide con la seconda di queste tre parti.

Il brano inizia con un invito alla costanza: «Siate dunque costanti, fratelli, fino alla venuta del Signore» (v. 7a). Questo invito ha come sfondo la crisi determinata dal ritardo della parusia. Dopo la prima generazione cristiana, che riteneva imminente la venuta (parousìa) di Gesù, i cristiani si rassegnano poco per volta all’idea che il Signore non ritornerà, almeno in tempi abbastanza brevi. L’autore vuole rincuorarli, esortandoli a non lasciarsi andare alla delusione e al disimpegno. Anche se non è imminente, il ritorno di Gesù è certo. Perciò i credenti devono «attenderlo con costanza» (makrothymeomai, essere pazienti).
Per dare valore alla sua esortazione, l’autore porta un esempio: «Guardate l’agricoltore: egli aspetta con costanza il prezioso frutto della terra finché abbia ricevuto le prime e le ultime piogge» (v. 7b). L’agricoltore non sa quando verranno le piogge, necessarie perché la terra produca i suoi frutti preziosi, ma aspetta senza scoraggiarsi, sapendo che al momento dato esse non mancheranno. Da questo esempio l’autore trae una conclusione per i suoi lettori: «Siate costanti anche voi, rinfrancate i vostri cuori, perché la venuta del Signore è vicina» (v. 8). Nonostante tutto, l’autore continua a ritenere che la venuta del Signore sia vicina. Questa convinzione deve quindi dare coraggio ai suoi lettori. Non si tratta però di un’attesa passiva, ma di un impegno costante per superare le prove e mettere a frutto la propria fede.
L’esortazione si orienta poi in un’altra direzione: «Non lamentatevi, fratelli, gli uni degli altri, per non essere giudicati; ecco, il giudice è alle porte» (v. 9). Il fatto che il ritorno del Signore non sia imminente non deve essere per i lettori un motivo per lamentarsi gli uni degli altri, cioè per scaricare sull’altro il proprio disagio. Questo atteggiamento porta necessariamente al rimprovero e al giudizio (cfr. Gc 4,11-12). Perciò l’autore insiste che Gesù ritornerà come giudice, e allora chi avrà giudicato gli altri sarà lui stesso sottoposto al suo giudizio. Ciò che gli sta a cuore è un’autentica vita comunitaria, che consista nella sopportazione vicendevole che è il frutto più importante dell’amore. Perché ciò avvenga l’autore propone come modello i profeti: «Fratelli, prendete a modello di sopportazione e di costanza i profeti che hanno parlato nel nome del Signore» (v. 10). Proprio perché erano investiti di una missione a favore di tutto il popolo, i profeti sono stati perseguitati, ma hanno accettato con pazienza tutte le sofferenze che erano inflitte loro. Anche per i cristiani, che hanno ricevuto una missione analoga a quella dei profeti, la pazienza nei confronti delle prove, da qualsiasi parte giungano, è un atteggiamento fondamentale per disporsi al ritorno di Gesù.

Linee interpretative
L’attesa del ritorno imminente del Signore era stata una delle molle più efficaci che avevano spinto i primi cristiani a vivere fino in fondo secondo i principi del vangelo. Il fatto di rendersi conto che questo evento conclusivo della storia umana non si sarebbe realizzato in tempi ravvicinati e prevedibili ha dato origine a una crisi molto forte. I cristiani hanno sentito la necessità di ristrutturare la propria fede a prescindere dal ritorno del Signore, interpretato ormai come un evento che si sarebbe realizzato in un futuro imprevedibile.
Pur affermando che il ritorno di Gesù è vicino, Giacomo mette in guardia i suoi lettori, facendo loro comprendere che esso può essere ancora molto lontano nel tempo. Egli perciò punta tutto sulla pazienza, che consiste nella capacità di fare fronte ai rischi di un’attesa prolungata. La pazienza consiste per lui nella capacità di stare in piedi, impegnandosi a fondo in una vita comunitaria in cui tutti si accettano vicendevolmente. In questo modo l’attesa del Signore che viene soddisfatta mediante l’incontro con lui presente nei fratelli.

Note
«Vi è una presenza del Signore, però è qui definitiva. In Isaia è ancora una presenza velata, in Giacomo svelata. Nel frattempo abbiate il cuore grande, grandi desideri. Questo è il nostro compito: quando si ha il cuore grande si ha immensa pazienza. Come il contadino che conta sul riprodursi ciclico della natura; noi invece fondiamo la nostra certezza sull’esperienza della fede. Se noi percepiamo nella fede la presenza del nostro Dio questa vale di più del ripresentarsi ciclico del sole. Il segno è nel non giudicare, nel non lamentarsi. Lamentarsi è andare contro la fede del Signore, del Giudice. È alle porte e non c’è tempo di lamentarsi»
(d. G. Dossetti, appunti di omelia, 12.12.1971)

ACCLAMAZIONE AL VANGELO
Alleluia, alleluia!
Lo Spirito del Signore è su di me,
mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annunzio.
Alleluia!

VANGELO Mt 11,2-11
Dal vangelo secondo Matteo
Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?

2 In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò
3 a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?».

La prima reazione alla missione dei dodici è quella dell’ultimo dei profeti. Qui risuona per l’ultima volta la voce di Giovanni, la voce che grida nel deserto (cfr. 3,3) e pone a Gesù la domanda ufficiale. Alla voce della profezia si unirà in seguito la voce del sacerdozio (cfr. 26,63). A queste due voci ufficiali Gesù risponde.
Giovanni nel carcere sente parlare delle opere del Cristo. Del Cristo è detto nella profezia, che egli stesso cita: Mi ha mandato a proclamare ... la scarcerazione dei prigionieri (Is 61,1). Qui cogliamo una contraddizione tra la situazione di Giovanni e la parola del Cristo. I suoi stessi testimoni subiranno la prigione (cfr. At 5,21-23; 16,26). La parola del Cristo scende con Giovanni nella prigione e ne illumina il significato. La fede in lui deve passare per lo scandalo della croce. A Giovanni in carcere giunge la notizia delle opere del Cristo. Ai suoi occhi quello che Gesù compie sono le opere del Cristo. «Egli si rivela tale nella parola (cfr. 5-7); nell’azione (cfr. 8-9); e nella missione (cfr. 10)» (Bonnard). Giovanni gli chiede se è il Veniente. Questo titolo è messianico, testimoniato nel Sal 117,26: Benedetto il veniente nel nome del Signore e in Ab 2,3: Aspettalo perché il veniente giungerà e non tarderà. Dalla risposta che Gesù darà si comprenderà se egli è il Veniente o lo sguardo deve passare oltre di lui e scrutare di nuovo l’orizzonte in un’ardente attesa.

4 Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete:
5 I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo.
6 E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

L’ascoltare è premesso al vedere. Gesù infatti si rivela nell’evangelo da lui confermato con i segni che compie. L’ascolto è sufficiente per la fede perché lo rivela come il Cristo. Infatti solo credendo a quanto egli dice si può vedere e quindi comprendere come egli adempie le divine Scritture.
Queste sei opere del Cristo sono testimoniate dalla legge e dai profeti.
Per i ciechi, storpi, sordi e muti è scritto nella profezia di Isaia: Allora si apriranno gli occhi dei ciechi e si schiuderanno gli orecchi dei sordi. Allora lo zoppo salterà come un cervo, griderà di gioia la lingua del muto (35,5-6). La purificazione del lebbroso è presentata in Lv 14,2-32. La risurrezione dei morti è annunziata di nuovo in Isaia: Di nuovo vivranno i tuoi morti, risorgeranno i loro cadaveri. Si sveglieranno ed esulteranno quelli che giacciono nella polvere (26,19) e così pure in questo profeta ci è definita la missione del Cristo come evangelizzazione dei poveri (cfr. 61,1). «Gesù compie questi segni, segnalati come messianici nella Scrittura, in un “apparato” cosi privo di potenza che questi segni possono essere occasione sia per dubitare che per credere» (Bonnard). Volutamente si colloca in questa penombra della non evidenza perché non sono queste le opere per le quali siamo in lui beati; l’opera infatti che rende beata è la fede. Essa è la settima e l’ultima opera, la più perfetta, coronamento di tutto come lo è il sabato nella creazione. Questa sola introduce nel riposo messianico e fa beneficiare delle opere spirituali del Cristo. Essa è qui espressa in negativo.
E beato colui che non si scandalizza di me percependomi come pietra di scandalo e non di salvezza. Più volte l’evangelo registra lo scandalo (cfr. 13,22: trova inciampo a causa della tribolazione e della persecuzione subita a causa della parola); di lui si scandalizzano quelli di Nazareth (cfr. 13,27), i farisei (cfr. 15,12); molti subiranno scandalo negli ultimi tempi (cfr. 24,10) e anche i discepoli lo subiranno durante la sua passione (cfr. 6,31-33). L’adesione a Lui deve passare attraverso svariate prove che costituiscono altrettanti ostacoli; solo chi sta saldo nella fede senza affatto dubitare o allontanarsi da Lui sarà veramente beato.

7 Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento?
8 Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re!

Gesù parte, nelle sue considerazioni, da un’immagine biblica. È detto infatti in 1Re 14,15: il Signore percuoterà Israele, il cui agitarsi sarà simile all’agitarsi di una canna sull’acqua quando è scossa dal vento. Israele viene umiliato da Dio a causa dei suoi peccati, Giovanni invece viene percosso dagli uomini che l’hanno trattato come hanno voluto (17,l9) ed è apparso debole come una canna. In questa immagine è espressa la sua umiliazione cui deve sottostare perché così è scritto di lui. Le folle tuttavia non hanno compreso che questa è la sorte dei profeti e sarà pure la sorte del Cristo, resosi debole come una canna, egli che durante la passione, sarà percosso sul capo con una canna e con questa sarà pure abbeverato sulla croce.
Egli ha l’abito profetico (cfr. 3,4-6) e non quello dei cortigiani della casa di Erode dove è tenuto prigioniero. L’abito che egli porta e lo rassomiglia a Elia, deve far riflettere sulla sua missione.

9 Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta.
10 Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”.

Giovanni è definito dal Cristo più che profeta perché egli stesso è annunciato dalle profezie. Egli è l’ultimo dei profeti, che sorge in Israele, e dopo di lui non sorgerà più nessun profeta perché egli è il messaggero inviato dal Padre davanti al Cristo. Con la venuta di questi, cessa l’economia provvisoria e preparatoria della legge e si spegne il carisma profetico dell’attesa perché è venuto il profeta che tutto in sé ricapitola. La missione di Giovanni non è fine a se stessa ma è in rapporto a Gesù; se è presa in sé è fallita, se riferita a Gesù, presenta caratteristiche simili a quelle del Cristo.
Nella citazione composita fatta dal Signore si fondono in un’unica voce la testimonianza della legge (Es 23,20) e della profezia (Mal 3,1) per rivelare chi è Giovanni. Egli appartiene alla schiera dei messaggeri divini e, pur essendo vero uomo, compie una missione che lo uguaglia agli angeli di Dio. È infatti santificato fin dal grembo della madre.

11 In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».

In verità (lett.: Amen) vi dico, affermazione solenne del Cristo, tra i nati da donna nell’economia della legge basata sulla carne e sul sangue e caratterizzata pertanto dalle genealogie, non è mai sorto uno più grande di Giovanni il Battista; nessuno tra i giusti, i patriarchi, i profeti e i saggi, è più grande di lui. Ma questa grandezza, legata all’economia del Vecchio Testamento, non è paragonabile a quella di chi appartiene al regno dei cieli dove il più piccolo è più grande di Giovanni. Quindi i suoi discepoli, nel momento in cui si fanno piccoli e sono tali (cfr. 18,1-4), sono più grandi di colui che è più che profeta, è il precursore del Signore. Questa affermazione serve a introdurre il discorso seguente sul regno dei cieli. Ora, dopo la cessazione della missione di Giovanni, è iniziato il tempo del regno dei cieli, il cui inizio e le cui caratteristiche coincidono con il Signore Gesù e la sua missione.

Note
«La domanda di Giovanni Battista è molto forte: Sei tu la presenza al di là della quale non si può dare altra presenza?
Gesù risponde ricapitolando le profezie e aggiunge: Beato ... nonostante i segni c’è ancora una possibilità di scandalizzarsi.
Fa l’elogio di Giovanni. Giovanni è il più grande uomo: è il mare e la convergenza finale di tutte le economie precedenti. Gesù nel dire questo, rivelando la grandezza di Giovanni, rivela la propria, non commensurabile: è il più grande, ma vi è qui chi è più piccolo, che è più grande di lui.
La parola, l’annuncio della presenza è dato da coloro che sono stati piegati. Beato colui che non si scandalizzerà: lo scandalo è possibile anche dopo i miracoli perché la Croce è lo scandalo e di fronte ad essa tutti ci scandalizziamo: Tutti vi scandalizzerete ... il problema è di andare oltre lo scandalo: in Gesù crocifisso la cosa non può passare liscia. Se guardiamo sul serio il Cristo Crocifisso, quando lo subiamo nella carne, allora è lo scandalo. È insensibilità e incomprensione non scandalizzarsi. Bisogna andare oltre lo scandalo: Beato ... Questa beatitudine va al di là dello scandalo: è in Giovanni che si realizza per prima. Questo verifica la parola ultima del Vangelo: il più piccolo: Gesù è il più piccolo perché annientato fino in fondo e noi siamo i più piccoli se accettiamo questo abbassamento»
(d. G. Dossetti, appunti omelia, 12.12.1971).

Lo scandalo è una possibilità continuamente annullata dalla fede, ma sempre presente nella nostra razionalità.
La beatitudine non è quindi una sorta di benessere intellettuale e sensibile, ma va oltre perché è collocata nella fede e la fede inizia là dove lo scandalo proposto a noi dalla nostra sensibilità, dalla nostra sapienza e dal nostro stesso vivere, di cui si cerca incessantemente la ragione e l’estetica, è incessantemente superato con il sì alla Parola di Dio.
Questo esercizio spirituale è un continuo superare la tentazione che l’anticristo ti pone innanzi, dell’inutilità del Cristo, le cui opere non sono utili perché racchiuse nella semiombra colta solo dalla fede e perché non ancora definitive in quanto rinviano alla sua venuta gloriosa.
La luce piena è infatti propria della visione, la semiombra è per colui cui è proposta la scelta.
Una volta superata la prova, si entra in quella beatitudine che corrisponde alla pace di Dio, che sorpassa ogni intelligenza, la sola capace di custodire i nostri cuori e i nostri pensieri in Cristo Gesù (cfr. Fil 4,7).

PREGHIERA DEI FEDELI
C. Il Padre, che ha inviato il suo Figlio a salvarci, c’invita a riconoscere le opere del Cristo, che a noi si manifesta in modo umile.
Preghiamo nella sua pace e diciamo:
Padre, fonte della pace, ascoltaci

! Perché la Chiesa invochi lo Spirito Santo che, nell’annuncio evangelico, trasforma i deserti di morte e di guerra in luoghi di giustizia e di pace, preghiamo:
! Per quelli che amano il Cristo e ne annunciano con fedeltà la Parola e per coloro che consolano i poveri nelle loro afflizioni e si ricordano degli stranieri e di quanti hanno il cuore impaurito, preghiamo il Signore:
! Perché le nostre comunità attendano con amore il Cristo e ne annunzino l’Evangelo accogliendolo presente nel servizio dei poveri e dei sofferenti, preghiamo il Signore:
! Perché l’abisso del mistero di Dio incontri l’abisso della nostra miseria e lo riempia della sua misericordia paterna, preghiamo il Signore:
! Perché perseveriamo nella nostra fede superando lo scandalo che ci è posto innanzi e possiamo giungere alla vera gioia nella pace che sorpassa ogni nostra capacità di comprensione, preghiamo:
Sostieni, o Padre, con la forza del tuo amore il nostro cammino incontro a colui che viene e fa’ che, perseverando nella pazienza, maturiamo in noi il frutto della fede e accogliamo con rendimento di grazie il vangelo della gioia. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Scheda su Mt 11,2-5: CHI SEI TU? (11,2-5)
Giovanni Battista ha annunciato che dopo di lui sarebbe venuto uno che era più forte di lui e che lo superava di molto in dignità. Costui battezzerà in Spirito Santo e fuoco e separerà grano e pula (3,11s). Ora il Battista è in prigione. A causa del suo atteggiamento irremovibile e delle sue parole schiette, il re Erode Antipa lo ha fatto arrestare e incatenare.
Giovanni subisce la violenza che Gesù ha annunciato ai suoi apostoli (10,16-25). Stando in prigione, sente parlare delle azioni di Gesù. Che cosa deve pensare di lui? E' realmente colui di cui ha annunciato la venuta? Dove si manifestano il suo potere e la sua forza superiori? Non dovrebbero dimostrarsi anche nel far uscire Giovanni dalla prigione? Dove agisce come giudice che separa decisamente grano e pula e assegna ad essi una sorte completamente diversa? Chi è Gesù? E' l'ultimo e definitivo Inviato di Dio, attraverso il quale viene la sua salvezza e il giudizio? Non dovrebbe allora con più forza e chiarezza parlare e agire? Non deve venire un altro, che corrisponda meglio alle profezie, alle speranze, alle attese? A partire dalla sua situazione personale e dalla sua conoscenza dell'opera di Gesù, Giovanni formula la domanda decisiva, che da allora continua a essere ripetuta innumerevoli volte: Questo è tutto? Possiamo fidarci di te? Chi sei tu?
Gesù non dà a lui una risposta chiara e diretta. Lo rinvia al punto di partenza della sua domanda. Giovanni deve desumere la risposta dalle opere di Gesù, quelle stesse che lo hanno spinto alla sua domanda (11,2). I suoi discepoli devono di nuovo testimoniargliele («Riferite a Giovanni ciò che voi udite e vedete!») e Gesù le descrive alludendo alle promesse dell'Antico Testamento. Così si dice in Is 35,5s: «Allora si apriranno gli occhi ai ciechi e si schiuderanno gli orecchi dei sordi. Allora lo zoppo salterà come un cervo, griderà di gioia la lingua del muto». Tutto ciò accade, nel momento in cui Dio viene e salva il suo popolo (Is 35,4).
Gesù rivendica la pretesa che nel suo agire è portata a compimento questa promessa e si attua l'intervento salvifico di Dio. Nel suo agire il regno dei cieli, la signoria di Dio piena di potenza e di grazia, realmente si rende vicino (4,17). Esso non si manifesta in primo luogo come superamento dei poteri umani contrari: Giovanni verrà decapitato in prigione (14,10); Gesù morirà sulla croce; i discepoli di Gesù saranno perseguitati (10,16-25). Il regno di Dio non si manifesta nemmeno come immediata separazione del grano e della pula. Il giudizio definitivo è riservato alla venuta del Figlio dell'uomo; allora saranno separati i malvagi e i giusti (13,36-43.47- 50). Il regno di Dio si rivela nell'aiuto potente per i bisognosi (8,2-9,35) e nell'annuncio, fatto con piena autorità, della Buona Notizia (5,1-7,29). Gesù comincia la sua predicazione con la beatitudine dei poveri (5,3); al centro di essa sta il messaggio sul Dio potente e benevolo, che è il Padre suo e il Padre di tutti gli uomini e che vuole donare a tutti la comunione eterna e beata con sé. Gesù viene come redentore dei bisognosi e come messaggero della beatitudine; non viene in primo luogo come uno che combatte contro la violenza e come giudice.
D'altra parte, ciascuno determina da se stesso il suo giudizio con la presa di posizione nei confronti di Gesù (cfr 11,20-24). Anche su ciò egli richiama l'attenzione: «Beato colui che non si scandalizza di me» (11,6). Il suo agire non si impone in forza di una totale evidenza. Non costringe e non si impone, ma lascia spazio per accoglienza e rifiuto, per fede e incredulità.
Non dobbiamo valutare Gesù in base a come ce l'aspetteremmo o vorremmo averlo; perciò non dobbiamo criticarlo o rifiutarlo. Dobbiamo invece vedere quale egli è realmente e che cosa opera, e dobbiamo accoglierlo con gioia e gratitudine, anche se occorre correggere e abbandonare alcune nostre idee e attese sbagliate.
Dopo questa risposta alla domanda circa la sua persona, Gesù valuta l'opera e la persona di Giovanni (11,7-15). Elogia il comportamento energico e il modo di vita senza pretese di colui che non si è piegato come una canna davanti ai potenti (cfr 14,3- 12) e che non si è presentato in morbide vesti. Già la sua fondamentale fedeltà e la sua semplicità lo rendono credibile come profeta che parla in nome di Dio (cfr 21,26.32).
Egli è anche più che profeta. Tutti quelli che sono venuti prima di lui appartengono al tempo della promessa, hanno annunciato solo da lontano la venuta potente e apportatrice di grazia del Signore (11,13). Giovanni entra in scena nel tempo del compimento e perciò è più di tutti i profeti che l'hanno preceduto. E' il messaggero che precede immediatamente il Signore e prepara la sua imminente venuta (11,10). E' l'Elia che viene davanti al Signore e prepara il popolo per lui (11,14; cfr Ml 3,23; Sir 48,10).
Con questa valutazione del Battista Gesù risponde di nuovo, indirettamente, alla sua domanda. Se Giovanni è prossimo al tempo del compimento, allora con Gesù questo tempo è venuto. E se Giovanni è il messaggero che prepara, allora in Gesù si ha la venuta del Signore da lui preparata: non esattamente nel modo in cui il Battista se l'aspettava (cfr 3,12), ma nel modo che Dio ha stabilito. A confronto con coloro che sono venuti prima di lui, Giovanni è più grande di tutti. A confronto con coloro che appartengono a Gesù e possono sperimentare nella comunione con lui la vicinanza del regno dei cieli, egli è piccolo. Grandezza e piccolezza riguardano non la salvezza o il valore morale della persona, ma il tempo e l'avvenimento di cui essa partecipa. Così i discepoli sono detti beati perfino in confronto a molti profeti e giusti (13,16s). Con ciò si sottolinea il significato unico del tempo e dell'opera di Gesù.
A questo tempo si riferiscono anche le parole sulla violenza (11,12), che possono essere interpretate in modi diversi. La prima parte può significare: il regno dei cieli soffre violenza, si procede contro di esso con violenza; oppure: il regno dei cieli usa violenza, si afferma con forza. Nella seconda parte può essere significato: uomini che procedono con violenza vogliono soffocarlo e eliminarlo; oppure: uomini che adoperano tutta la forza e l'impegno vogliono partecipare ad esso. Si tratta degli oppositori di Gesù, oppure dei suoi seguaci. I primi vogliono eliminare con brutale violenza la sua opera dal mondo e perseguitano il messaggero del regno dei cieli e i suoi inviati. Gli altri fanno violenza a se stessi, per rimanere nella sequela e corrispondere alle condizioni stabilite da Gesù (cfr 10,38s).
Secondo entrambe le interpretazioni, Gesù parla di ciò che accade nei confronti del suo messaggio e della sua opera, sia esso in linea negativa oppure positiva. In ogni caso egli rivendica la pretesa che con la sua presenza e la sua azione il regno dei cieli è diventato accessibile. «Chi ha orecchi intenda» (11,15).
Alla domanda di Giovanni Gesù dà una duplice risposta. Si riferisce alla sua opera e la caratterizza come il compiersi della promessa dell'Antico testamento. Interpreta la persona e l'opera di Giovanni e rivendica la pretesa di essere il Signore, di cui Giovanni ha preparato la venuta e con il quale ha inizio la signoria di Dio. Non dobbiamo restare nelle nostre attese, ma volgere a lui il nostro sguardo. Dobbiamo accoglierlo come realmente viene, come il redentore dei bisognosi, il messaggero della Buona Notizia, il mediatore della signoria di Dio.

Domande
1. Quali sono le nostre attese nei riguardi di Gesù? Gesù come dovrebbe essere? Che cosa dovrebbe fare per noi e per il mondo attuale?
2. Chi è Gesù e che cosa opera da se stesso? Siamo disposti a stimarlo?
3. Come nascono in Giovanni e in noi le difficoltà e le incertezze riguardo a Gesù?

domeniche precedenti


IMMACOLATA CONCEZIONE 2013
II Dom di Avvento anno A

Genesi 3,9-15.20
Salmo 97: Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto Meraviglie
Romani 15,4-9
Luca 1,26-38

La lettura di Genesi 3,9-15.20 è costituita da due parti: la prima parte è composta dal dialogo che Dio intrattiene prima con Adamo (vv. 9-12) e poi con Eva (v. 13), dopo che avevano trasgredito il comando divino di non mangiare
dell’albero posto al centro del giardino; la seconda parte è costituita dalla maledizione divina al serpente che ha tratto in inganno la donna (vv. 14-15). Va notato che non c’è dialogo tra Dio e il serpente, perché quest’ultimo non può replicare alla parola di Dio. Una breve conclusione, il v. 20, dichiara l’inizio della condizione di peccato del genere umano.
Dio cerca di dialogare con l’uomo. Il racconto della Genesi, che ci mette a contatto con la visione che gli antichi avevano dei primi passi dell’umanità, va letto con grande attenzione perché raccoglie una sapienza depositata lungo i secoli. Fin da subito la creatura più bella di Dio riesce a sottrarsi all’influenza positiva del Creatore e a lasciarsi ingannare da altre forze che fanno credere che le cose stiano in modo diverso. L’inganno infatti è il punto di partenza di ogni peccato. Dopo Adamo la verità e la realtà oggettiva delle cose diventano frutto di faticosa conquista, e solo con l’aiuto di Dio si possono raggiungere. L’uomo ingannato non rimane tuttavia da solo, ma si ritrova intercettato da Dio che lo interpella e lo pone di fronte a se stesso: gli domanda «dove sei?» (hK'Y<)a; Alß lô ´ayyeºKKâ Dove sei? cfr. v. 9). È la domanda fondamentale a cui sempre siamo chiamati a dare risposta, se vogliamo vivere con una certa coscienza in questo mondo. E la prima domanda che Dio rivolge all’uomo nella Bibbia ed è la più decisiva, perché interpella la stessa coscienza umana a mettersi allo specchio per rendere conto della propria vita. E questa domanda, afferma il grade Martin Buber, rimbalza per i secoli della storia e cerca ancora oggi una risposta.
Adamo risponde e dichiara la propria vergogna: è nudo e perciò si è nascosto. Il nascondimento è l’atteggiamento contrario al vivere alla luce del sole, senza vergogna, proprio di chi può stare davanti agli altri e davanti a Dio senza temere nulla. Nascondersi significa cercare riparo e protezione affinché qualcosa di male non ti accada. La stessa vita cristiana viene chiamata in Col 3,3 «una vita nascosta in Cristo», dove l’uomo si mette al riparo da ogni male, perché sa che in Cristo c’è salvezza. Ma per Adamo le cose si erano alterate e Dio, che è colui che dà protezione, a causa dell’inganno del serpente era diventato ai suoi occhi una minaccia da fuggire1. L’essere nudi infatti significa essere scoperti e disarmati di fronte a qualcuno che si percepisce come minaccioso. Il potere fatuo del peccato consiste proprio in questo: nel far credere che colui che ti protegge sia una minaccia.
Il dialogo tra Dio e Adamo si sposta tra Dio ed Eva, perché Adamo, ormai diventato pavido e timoroso, scoperto e senza protezione, si trova egli stesso a non avere più il coraggio di difendere la propria donna, alla quale invece attribuisce la colpa delle proprie paure. E così anche la donna nei confronti del serpente, sul quale scarica la colpa del proprio inganno.
1 «Siamo situati all'interno della natura; e dovrebbe essere posto fuori di essa il nostro inizio, la nostra origine? Viviamo nella natura, con la natura, della natura e dovremmo tuttavia non essere derivati da essa? Quale contraddizione!»
(LUDWIG FEUERBACH, Essenza della religione).

Perso il senso autentico di Dio, l’uomo si ritrova solo nel mondo, che diventa un luogo di minacce continue, dove l’unico modo di salvare se stessi è attaccare e sminuire gli altri, ritenendoli sempre colpevoli di tutte le disgrazie che ci capitano. Il testo, però, rivela qualche cosa di decisivo per la retta comprensione di Dio anche nel peccato umano. Dio non interrompe il dialogo con l’uomo, anzi, è lui che prende l’iniziativa di chiedere conto e di mettere l’uomo di fronte alla propria situazione, perché si renda conto delle sue paure e prenda coscienza a chi ha dato fiducia nella sua vita. La benevolenza divina si manifesta in questa capacità di trattare l’uomo come un partner che può stargli di fronte e anche quando sbaglia non perde mai la dignità di interlocutore
privilegiato del Dio della vita.
Al male non si deve dare possibilità di replica. Se Dio si comporta in un certo modo con Adamo ed Eva, con il serpente invece le cose cambiano. Non c’è dialogo, Dio non attende una risposta e non dà possibilità di replica. Esiste solo la maledizione e la dichiarazione di inimicizia perenne tra l’ingannatore e la stirpe umana che sarà chiamata a lottare molto per ristabilire la giustizia e l’ordine divino nelle cose.
Non deve passare inosservata questa diversa modalità di intervento: Dio dialoga con gli uomini anche quando peccano, ma con il serpente non esiste dialogo. Al male, anche quando si presenta con l’aspetto di sapienza seducente, non va data possibilità di replica, anzi non va dato proprio ascolto.
La responsabilità umana si gioca infatti nell’esercizio del discernimento, nel quale l’uomo è chiamato a esercitarsi fin dalla giovane età: a chi dai ascolto? Quali frutti ricavi dall’aver dato ascolto a quello o a quell’altro consiglio? È vero che i primi capitoli della Genesi sono un racconto che potrebbe essere definito mitico, ma ci si accorge che tale genere letterario è in funzione di una verità umana universale.
Il mito è l’antenato del pensiero filosofico. Dio non smette di dialogare con gli uomini, e al male non bisogna mai dare retta.

Da sempre siamo stati benedetti in Cristo Romani 15,4-9
Fratelli,
4Tutto ciò che è stato scritto prima di noi, è stato scritto per nostra istruzione, perché, in virtù della perseveranza e della consolazione che provengono dalle Scritture, teniamo viva la speranza.
5E il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti, sull’esempio di Cristo Gesù,
6perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo.
7Accoglietevi perciò gli uni gli altri come anche Cristo accolse voi, per la gloria di Dio.
8Dico infatti che Cristo è diventato servitore dei circoncisi per mostrare la fedeltà di Dio nel compiere le promesse dei padri;
9le genti invece glorificano Dio per la sua misericordia, come sta scritto: Per questo ti loderò fra le genti e canterò inni al tuo nome.

Le Scritture ci aiutano a perseverare, a continuare, a impegnarci concretamente nella vita di fede; le Scritture sono fonte di consolazione: esse tengono viva la nostra speranza.
Ricordare il passato serve per attendere il futuro; il passato è la nostra forza per tendere alla novità che Dio sta preparando per il futuro. Le Scritture non ci riportano a un passato nostalgico e non ci invitano a ripiegarci nel ricordo e nella nostalgia; le Scritture ci stimolano piuttosto ad andare avanti, a creare la novità, ad attendere con sicurezza l’opera di Dio.
Cristo è il modello: come Cristo ha accolto noi, così la comunità cristiana si impegna ad accogliere gli altri. Cristo a accolto noi quando non ci meritavamo nulla, quando eravamo nel peccato e ci ha accolti gratuitamente, non perché avessimo dei meriti. Egli rappresenta il modello del comportamento cristiano. “Accoglietevi gli uni gli altri come Cristo ha accolto voi”: è l’impegno fondamentale della Chiesa: l’accoglienza vicendevole, affabile, fatta sul fondamento di Cristo; è un’accoglienza che guarda l’altro senza interesse, senza l’occhio critico di chi valuta il merito o il demerito. Cristo è il modello, egli che si è fatto servitore, si è messo a disposizione.
Il problema che continua a stare a cuore a Paolo e che ritorna fino alla fine è il contrasto esistente fra i circoncisi e i pagani, fra gli ebrei e le altre genti. Ai due gruppi in cui veniva diviso il mondo, secondo la mentalità giudaica, Paolo sostituisce l’unità: il Cristo si è fatto servitore degli ebrei e si è fatto servitore dei greci, dei giudei e dei pagani. Cristo non ha cercato di piacere a se stesso, non ha seguito un proprio comodo, ma ha realizzato il progetto di Dio per riunire tutti i popoli della terra.
Cristo ha realizzato la promessa che Dio aveva fatto ai padri; in lui la promessa si realizzata, si è fatto servitore del popolo di Israele, ma si è fatto servitore anche di tutti gli altri popoli, in modo tale che “9le genti invece glorificano Dio per la sua misericordia, come sta scritto: Per questo ti loderò fra le genti e canterò inni al tuo nome”. Paolo vuole confermare questa idea, che gli sta tanto a cuore, con alcune citazioni bibliche. Cita il Salmo 17 come sta scritto: “Per questo ti celebrerò tra le nazioni pagane, e canterò inni al tuo nome”.

Vangelo: Per dialogare è necessario l’ascolto disponibile - Lc 1,26-38
Il brano dell’annunciazione della nascita di Cristo caratterizza in modo particolare il tempo di preparazione al Natale, e lo ritroveremo anche nella IV domenica di Avvento, a pochi giorni dalla celebrazione della nascita del Salvatore.
Considerando il contesto liturgico nel quale viene celebrata la solennità dell’Immacolata Concezione, vogliamo dare maggiore rilievo alla presentazione che l’evangelista Luca fa della Vergine Maria, che con la sua disponibile fiducia nell’azione di Dio determina la svolta del cammino umano fin dagli inizi segnato dal peccato (cfr. prima lettura). Per questo vorremmo dare maggior peso alle parole di Maria nel dialogo con l’arcangelo Gabriele, alla ricerca di quello spirito di fede e di disponibilità alla volontà di Dio che ha reso la Vergine di Nazaret la Madre di Dio e la Madre di ogni credente.
A una vergine promessa sposa. Un primo elemento da evidenziare è la condizione di Maria di Nazaret al momento dell’annuncio dell’angelo. Le notizie molto scarne che possediamo chiedono una speciale attenzione, perché sono state selezionate dalla memoria apostolica come indispensabili per la fede dei credenti di tutti i tempi. È detto che l’angelo Gabriele andò da una vergine promessa sposa a Giuseppe, il cui nome era Maria. L’ordine delle parole ha un suo valore. Prima di conoscere il nome personale, viene detto che Maria è una vergine promessa sposa, dando un peso preminente alla sua condizione, piuttosto che al suo nome.
Il termine vergine (parthénos parqe,noj) indica la condizione della giovane donna matura ormai per il matrimonio. La verginità, almeno nel contesto storico e religioso del tempo, non può essere considerata un valore in se stesso, poiché rimanere senza figli significa non generare vita e perciò sottrarsi alla responsabilità di partecipare al disegno della creazione voluto da Dio (cfr. Gen 1,28).
Piuttosto, la verginità era la condizione necessaria per prepararsi ad accogliere e a generare vita in questo mondo.
Perciò l’esaltazione della condizione di verginità intesa come auto-sufficienza, separazione dal mondo, imperturbabilità, non si motiva in base al testo evangelico. Tale visione corrisponde piuttosto a una certa concezione presente in alcuni ambiti della cultura greca, particolarmente affascinata dall’idea di autarchia che l’essere umano poteva vivere, senza passioni e senza legami. La condizione della vergine di Nazaret si colloca su un altro piano: la sua verginità era ordinata al matrimonio con Giuseppe, il discendente della casa di Davide, per diventare sposa e madre. Dunque una condizione previa e necessaria perché tutta la sua vita potesse fiorire nella nuova condizione di sposa.
In questo spazio e tempo di attesa bisogna imparare ad apprezzare la perseverante virtù di Maria, che sa vivere ogni momento della sua vita con la disponibilità piena di colei che vuole fare la volontà di Dio. Ecco perché, quando l’angelo arriva con il suo messaggio sorprendente, lei rimane disponibile ad accogliere quanto Dio le chiede. L’essere vergine in attesa di diventare sposa di Giuseppe era la migliore preparazione per ricevere l’inedito di Dio che viene a sconvolgere i suoi piani. Ma Dio, scegliendo proprio tale condizione, ha consacrato il suo modo di essere vergine e nello stesso tempo ha realizzato il suo desiderio di essere sposa e madre. La tumultuosa riflessione teologica nata lungo i secoli non deve far perdere di vista la semplice freschezza del vangelo che parla di Maria innanzitutto come di una vergine che attendeva di diventare sposa.
Un’eco di tale atteggiamento della vergine di Nazaret, che sa attendere il momento delle nozze, possiamo coglierlo forse in 2Cor 11,2, dove Paolo, rivolgendosi a una comunità che fatica a vivere l’affetto indiviso per il suo Signore, afferma: zhlw/ ga.r u`ma/j qeou/ zh,lw|( h`rmosa,mhn ga.r u`ma/j e`ni. avndri. parqe,non a`gnh.n parasth/sai tw/| Cristw/|\ Infatti sono geloso di voi della gelosia di Dio, perché vi ho fidanzati a un unico sposo, per presentarvi come una casta vergine a Cristo.
Paolo vorrebbe presentare la comunità stessa come una vergine casta, pronta per il suo Signore. Maria, nell’aver vissuto fino in fondo la sua verginità come attesa della promessa divina, ha segnato la via di molti credenti, che lungo i secoli hanno cercato di fare di tutta la loro vita un’offerta gradita a Dio, perché diventasse vita per il mondo.
Grazie dunque a come Maria ha vissuto il suo essere vergine, la verginità per il Regno dei cieli diventa una delle condizioni che più aiutano la persona, chiamata a tale vocazione, a prepararsi a ricevere i doni di Dio, a rimanere disponibile sempre ad accogliere una volontà più grande e migliore della propria.
Interrogarsi sul senso delle cose è un atto intrinseco alla fede. Il saluto dell’angelo provoca turbamento. Maria non risponde subito, ma lascia intuire, con il suo atteggiamento silenzioso, il senso di sorpresa sconvolgente che sta vivendo. Questa prima reazione va compresa nel giusto senso, secondo l’ordine evangelico. Infatti prima c’è il silenzioso turbamento (h` de. evpi. tw/| lo,gw| dietara,cqh kai.
dielogi,zeto potapo.j ei;h o` avspasmo.j ou-toj v. 29), poi la giusta domanda circa la sua condizione (pw/j e;stai tou/to(evpei. a;ndra ouv ginw,skwÈ v. 34), infine la disponibilità offerta (ivdou. h` dou,lh kuri,ou\ ge,noito, moi kata. to. r`h/ma, souÅ v. 38).
Sono tre momenti molto importanti, intervallati dalle parole di Gabriele, che porta la parola di Dio e dichiara una identità nuova per la vergine di Nazaret. Il silenzio è lo spazio per accogliere quanto è stato detto, lasciando che il proprio animo reagisca senza rifiutare e senza assorbire indistintamente le inevitabili ripercussioni di tale annuncio.
Il verbo “domandarsi” (dialoghízomai) si riferisce all’atto interiore della persona di mettere in dialogo parti contrapposte, di passare attraverso i vari ragionamenti per prendere una decisione. In genere viene attribuito a coloro che indugiano nel credere in Gesù perché sono presi dai loro ragionamenti; Gesù invece tenta di portarli fuori dal pericolo di trovarsi invischiati in loro stessi (cfr. Lc 5,21-22; 6,8; 12,17; vedi anche 3,15 e 20,14). Per Maria non si dice che rimase prigioniera dei suoi legittimi timori, ma semplicemente ella si interroga su quanto l’ha raggiunta, quasi a far diventare interiore un messaggio che era entrato nel suo cuore. Potremmo dire che nel turbamento e nell’interrogarsi Maria ha accettato di entrare in dialogo con le parole dell’angelo, per metterle a contatto con le proprie decisioni. Di fatto non ha lasciato fuori dal cuore il messaggio divino, ritenendolo estraneo, ma lo ha accolto come messaggio che la riguardava. L’interrogarsi riguarda il senso del saluto che le era stato rivolto: il saluto che l’aveva chiamata «piena di grazia», destinataria del favore e della benevolenza divina. Maria non prende tali parole solo come parole, ma le accoglie come portatrici della realtà che descrivono.
Credere significa rilanciare la fiducia in qualcuno di più grande. La prima parola di Maria è una domanda riguardo alla propria condizione. L’avverbio interrogativo “come” (pw/j, mentre Zaccaria ha detto kata. ti,, a motivo di che, perché e non come) viene usato in diversi contesti, non sempre facilmente paragonabili. In genere indica la domanda di chi non comprende le cose e interroga l’interlocutore sulla realtà di quanto dice (cfr. Lc 12,50.56; 20,41.44). Infatti è Gesù stesso che mette in guardia e avverte di stare attenti a come si ascoltano le sue parole (cfr. Lc 8,18). È una domanda sulla reale possibilità che qualche cosa di predetto accada, oppure è una domanda sull’atteggiamento personale di fronte a un evento. Ma la singola parola non è mai sufficiente; è necessario sempre tenere conto del contesto.
Infatti, la domanda posta da Maria, sul come accadrà quanto detto dall’angelo, viene poi spiegata con l’affermazione circa la sua condizione di donna promessa sposa, ma non ancora sposata: «Poiché non conosco uomo» (Sono vergine, cfr. Lc 1,34). Dunque il “come” non riguarda tanto le parole dell’angelo, quanto la sua condizione. Maria non mette in dubbio che quanto l’angelo le ha detto possa essere vero, ma con umiltà ella mette in luce la sua situazione di donna vergine che non può partorire, perché ancora non è sposata. È importante, per comprendere la dinamica del testo, capire la prima parola della vergine di Nazaret come un tentativo di mettere se stessa in dialogo con le proposte dell’angelo, senza sottrarsi al dono grande e tremendo che le viene fatto, ma anche senza dubitare che quanto le viene detto possa essere vero. Maria è la vera credente, perché non dubita di Dio e delle sue parole, ma non nasconde nemmeno le proprie difficoltà che sono oggettive, come per lei è oggettiva la promessa divina. La fede nel Vangelo è racchiusa dentro questa domanda della Madre di Gesù: di fronte alla proposta divina non si deve dubitare di Dio, ma non si deve neanche fare delle proprie difficoltà degli ostacoli insormontabili all’azione di Dio. Piuttosto, si è chiamati a riconoscere con sincerità la propria condizione e, a partire da essa, ad aprirsi con fiducia alla promessa divina.
Accogliere la parola di Dio significa segnare la propria carne. L’angelo la rassicura sull’efficacia dell’azione di Dio in lei (v. 35) e le indica Elisabetta, sua cugina, come esempio di quanto Dio è capace di fare (v. 36).
La risposta di Maria, dunque, si dimostra coerente con la sua storia: sempre disponibile a vivere della volontà di Dio, ella rinnova la sua fiducia in Dio dichiarandosi sua serva (v. 38) e affidando la propria vita e il proprio corpo come luogo in cui Dio possa operare. L’espressione «desidero che avvenga per me secondo la tua parola» è il compimento del mistero della fede cristiana. Sembra dire che non c’è altro luogo in cui Dio voglia agire con la potenza viva della sua Parola, se non la persona umana; il luogo della Parola di Dio è la vita dell’uomo.
Nello stesso tempo, grazie all’esempio di Maria, ogni essere umano sa che nella disponibilità piena alla Parola di Dio si compie la propria vocazione umana. Avere fede, infatti, significa segnare la propria carne con lo spirito della presenza di Dio, lasciare che Dio stesso prenda la carne dell’uomo per farlo capace di dialogare con Dio stesso, perché capace di ricevere Dio stesso. La disponibilità offerta da Maria si pone a conclusione di un itinerario interiore forse molto più travagliato di quanto è brevemente descritto dall’evangelista Luca, ma possiamo essere sicuri di possederne gli elementi essenziali: il silenzio, la domanda circa la propria condizione, l’offerta di sé con il sì della vita alla proposta divina. Si comprende come la memoria apostolica abbia voluto conservare l’episodio dell’annunciazione per affidare a tutti i credenti il modello di colei che, tra gli esseri umani, ha trovato la grazia e il favore di poter dialogare con Dio e di poterlo ricevere nella sua vita, tanto da poterne diventare Madre. Ma non meno decisivo è il ruolo di ogni credente che, attraverso il proprio atto di fede, quotidianamente rinnovato, dà luogo nella propria carne alla Parola divina, che sa indicare i sentieri per generare nel mondo l’umanità non più ingannata dal male, ma sempre disponibile all’azione benefica di Dio.

(domeniche precedenti) 


 

SOLENNITÀ DI MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO


Pienezza dei tempi,
doglie di Partoriente,
segno grande in cielo,
e attesa sulla terra.

Gioisci, o Donna,
il Bimbo da te nato,
sotto la Legge,
è il Primogenito.

Il suo Nome è pace,
benedizione colma,
profumo riversato,
che a sé ci attira.

Il tuo Evangelo è pace,
si effonde e dona vita
a quanti sono avvolti
da tenebre di morte.


PRIMA LETTURA Nm 6,22-27

Dal libro dei Numeri

22 Il Signore parlò a Mosè e disse: 23 «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo: “Così benedirete gli Israeliti: direte loro:

La benedizione crea un rapporto tra Dio e colui che viene benedetto. Qui essa ha come centro il Nome del Signore ripetuto tre volte. Questa benedizione pone quindi il Nome rivelato sui figli d’Israele «in modo che questi vivano nella forza direttiva e santificante del Nome» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).
La benedizione ha pertanto una forza intrinseca, che è legata all’elezione (cfr. Nm 22,12: Dio disse a Balaam: «Tu non andrai con loro, non maledirai quel popolo, perché esso è benedetto»). Essa non è pertanto annullata perché è costitutiva del popolo di Dio ed è la ragion d’essere della Chiesa, come c’insegna l’apostolo Paolo: Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, diventando lui stesso maledizione per noi, come sta scritto: Maledetto chi pende dal legno, perché in Cristo Gesù la benedizione di Abramo passasse alle genti e noi ricevessimo la promessa dello Spirito mediante la fede (Gal 3,13-14).

24 Ti benedica il Signore e ti custodisca.

La ricchezza del Nome divino è a noi comunicata attraverso la benedizione.
In Dt 28,3-6 è indicato l’ambito della benedizione: Sarai benedetto nella città e benedetto nella campagna. Benedetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto del tuo suolo e il frutto del tuo bestiame; benedetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Benedette saranno la tua cesta e la tua madia. Sarai benedetto quando entri e benedetto quando esci. Il Signore lascerà sconfiggere davanti a te i tuoi nemici, che insorgeranno contro di te: per una sola via verranno contro di te e per sette vie fuggiranno davanti a te. Il Signore ordinerà alla benedizione di essere con te nei tuoi granai e in tutto ciò a cui metterai mano; ti benedirà nel paese che il Signore tuo Dio sta per darti.
La benedizione avvolge tutta la persona e tutta l’esistenza. In essa si esprime la pienezza della pace. Essere benedetti quindi equivale a trovare grazia presso Dio.
In essa siamo protetti e custoditi come la pupilla dei suoi occhi (cfr. Dt 32,10). Infatti più volte il Signore è paragonato alla roccia di riparo e alla grande Aquila che porta i suoi nati sulle ali o alla chioccia che li difende sotto le sue ali. Tutto esprime la profonda tenerezza di Dio e la commozione di chi si sente protetto da Lui. Per tutti i passi valga il seguente tratto dal Sal 18, 2-3: Ti amo, Signore, mia forza, Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore; mio Dio, mia rupe, in cui trovo riparo; mio scudo e baluardo, mia potente salvezza.

25 Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia.

Il Signore faccia risplendere per te il suo volto, chi invoca il suo Nome rende luminoso il volto di Dio su di sé come un figlio nei confronti del proprio padre. «Rialzaci, Signore, nostro Dio, fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi. (Sal 80,4.8.20) questa invocazione è molto bella perché noi siamo dei bimbi sempre in terra» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1973).
E ti faccia grazia cioè abbia di te compassione nella sua tenerezza e ti visiti con la redenzione del Figlio suo.

26 Il Signore rivolga a te il suo volto
e ti conceda pace”.

Il Signore rivolga su di te il suo volto lett.: innalzi su di te il suo volto. È il contrario di nascondere adirato il suo volto (cfr. Dt 31,17: In quel giorno, la mia ira si accenderà contro di lui; io li abbandonerò, nasconderò loro il volto e saranno divorati).
E ti conceda pace. La pace sta al vertice della benedizione come è scritto: Il Signore darà forza al suo popolo, benedirà il suo popolo con la pace (Sal 28,11). Essa è quindi elargita da Dio come benedizione e in quanto benedetti gli uomini possono vivere nella pace ed esserne operatori. La pace è annunciata a Betlemme dagli angeli ed è attuata da Gesù sulla Croce, come insegna l’Apostolo: Egli infatti è la nostra pace, colui che ha fatto dei due un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che era frammezzo, cioè l'inimicizia (Ef 2,14),

27 Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

I sacerdoti sono coloro che conoscono il Nome del Signore e che quindi hanno in sé il potere di porre il Nome su coloro che benedicono e il Nome è garanzia di presenza, protezione e comunione. Gesù, il cui nome è esaltato al di sopra di ogni altro nome (Fil 2,9), compie le stesse funzioni del nome divino soprattutto come garante del bene supremo che è il dono dello Spirito Santo (cfr. Gv 14,26: Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli v'insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto).
«Il verbo porre si trova in Gn 2,8 per la prima volta: Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi pose l'uomo che aveva plasmato.
Quando il Signore pone il nome sopra di noi ci riporta di nuovo nella condizione dell'Eden nella forza e innocenza e gioia. Questo avviene soprattutto nell'Eucaristia; quando poi noi lo benediciamo non facciamo altro che aumentare questo flusso di vita che ci è dato nella comunione con l'Unigenito come è detto in Gal» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 1.1.1973).

Note

Come i comandamenti designano il confine tra il bene e il male, così la benedizione copre l’area del bene. È nella benedizione quindi colui che osserva la Legge del Signore.
Purtroppo tutti sono corrotti, fanno cose abominevoli: nessuno più agisce bene (Sal 13,1). Tutti quindi sono sotto la maledizione perché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio (Rm 3,23).
Noi siamo ricollocati nella benedizione solo per Gesù nel quale è stata annullata la nostra maledizione e siamo stati trasferiti nella benedizione.
Posti in essa e quindi nel Nome del Signore, noi partiamo da una situazione di grazia così sovrabbondante da essere già collocati nei cieli, in Cristo, come c’insegna l’Apostolo: Benedetto sia Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo (Ef 1,3).
Noi recepiamo quindi la benedizione anche come situazione interiore nella quale sono annullate quelle energie distruttive (espresse nel peccato e nella morte) che tentano di assorbirci contrapponendo alla fermezza della fede lo stato interiore di angoscia e quindi di disperazione.
La benedizione non è quindi un vanto o un privilegio ma è uno stato, che, se recepito, riempie di gratitudine e di lode coloro che sono benedetti.
Per questo l’Apostolo conosce sia la benedizione discensionale (da Dio a noi) che ascensionale (da noi a Dio).


SALMO RESPONSORIALE Sal 66

R/. Dio abbia pietà di noi e ci benedica.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
la tua salvezza fra tutte le genti. R/.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra. R/.

Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra. R/.


SECONDA LETTURA Gal 4,4-7

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

Fratelli, 4 quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge,

Quando il tempo, nel suo fisico scandirsi, giunse alla sua pienezza, cioè a quel termine che Dio gli aveva stabilito e aveva nascosto dentro le parole oscure della profezia, allora Egli mandò il suo Figlio. Il Figlio stesso era fin allora nascosto nel seno del Padre, nell’arcano disegno, che non fu rivelato ai profeti, ma solo nel Figlio fu rivelato in questi ultimi tempi.
Ma perché solo la fede in Dio scoprisse il Figlio ed Egli rimanesse nascosto a quanti non vollero accogliere e neppure credere in Lui, questi nacque da donna e nacque sotto la legge. Nascosto dalla sua generazione umana e dalla legge agli occhi degli uomini, Gesù operò all’interno della stirpe umana e della situazione di maledizione creata dalla legge.

5 per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli.

Collocatosi all’interno della legge, il Figlio riscattò dalla legge quanti questa teneva oppressi sotto il suo giogo e sotto la maledizione. Non solo li riscattò ma li fece figli adottivi. L’adozione è una reale partecipazione alla natura divina in modo tale che nella nostra natura noi recepiamo l’energia dello Spirito Santo, come subito dice.

6 E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre!

Nell’intimo nostro, nel proprio di noi stessi, come persona, capacità di scelta e di libertà, in una parola nel cuore, Dio mandò lo Spirito del suo Figlio. Per noi è solo questione di lasciare agire lo Spirito Santo, che ci porta al grido da lui ispirato verso il Padre: Abbà! Padre! La crescita spirituale consiste nel far tacere ogni voce e lasciare che lo Spirito gridi. Il silenzio è assenza di parola da noi pronunciata per udire quella dello Spirito e unirsi ad essa in un unico grido di amore al Padre assieme a tutta l’assemblea dei redenti, la Chiesa.

7 Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

Da questa operazione di Dio e dalla presenza dello Spirito deriva a ciascuno di noi il fatto di essere figli ed eredi. Tutto questo avviene per l’azione del Padre che opera in noi mediante lo Spirito.

Note
Nella nascita del Figlio nato da donna, nato sotto la legge avviene un passaggio radicale: il Nome non è più sopra di noi ma nello Spirito è dentro di noi e il nome è quello stesso che il Figlio pronuncia: Abbà, Padre. Tutto questo è compiuto dallo Spirito.
La nostra eredità non è quindi la terra d’Israele ma quella patria alla quale Egli ci attira e dove ha preparato per noi delle dimore.


CANTO AL VANGELO Eb 1,1-2

R/. Alleluia, alleluia.

Molte volte e in diversi modi nei tempi antichi
Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti;
ultimamente, in questi giorni,
ha parlato a noi per mezzo del Figlio.

R/. Alleluia.


VANGELO Lc 2,16-21


Dal vangelo secondo Luca

16 In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia.

Senza indugio. Dopo aver accolto la parola non indugiano e quindi trovano il Cristo come avviene pure ai Magi. Se l'attesa di Lui è stata lunga, sofferta e paziente, non più così deve essere la ricerca quando Egli viene.

17 E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. 18 Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. 19 Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.

Riferirono, [lett.: fecero conoscere]. L'Evangelo si dilata e viene in tal modo trasmesso Tutta la pericope è incentrata sull'annuncio dell'Evangelo, della grande gioia che scaturisce dalla nascita regale del Cristo.
L'Evangelo, trasmesso dagli angeli, è accolto dai pastori e da loro annunciato davanti al Bimbo. In tutti provoca stupore (18) e infine termina nel cuore di Maria dove trova il suo riposo, infatti Maria da parte sua, custodiva tutte queste cose meditandole nel suo cuore (19). Maria diviene il modello di come vada accolto l'Evangelo. Meditando tutte queste cose, le metteva a confronto le une con le altre e sentiva in esse l'adempimento delle parole profetiche. In tal modo Maria è beata perché ha creduto e perché medita la Legge del Signore giorno e notte (cfr. Sal 1,2). In questo diviene modello di ogni discepolo nell’accogliere la Parola di Dio, meditarla e metterla in pratica.

20 I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.

I pastori se ne tornarono al loro gregge. La fede nel Messia conosciuto non li toglie dal loro lavoro, ma li impegna a conservarla e a testimoniarla dove si trovano.
Glorificando e lodando Dio come avevano imparato dagli angeli.

21 Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Con la circoncisione Gesù viene inserito nel popolo di Dio come dice l'Apostolo: Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l'adozione a figli (Gal 4,4s).
Riceve quel nome che è stato rivelato dall'Angelo e inserendosi con questo nome, inizia a operare la salvezza. Con questo rito la sua divinità e la verginità della madre vengono nascosti sotto la paternità legale di Giuseppe.
Il centro di questo versetto è il nome di Gesù e si parla della circoncisione in rapporto al nome. È importante che il nome sia legato alla circoncisione. Come la nascita a Betlemme lo rivela figlio di Davide così la circoncisione lo rivela figlio di Abramo: Libro della generazione di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo (Mt 1,1), come è detto d’Isacco (cfr. Gn 21,4). Che rapporto c’è tra la circoncisione d’Isacco e quella di Gesù? La circoncisione del Signore porta a compimento quella di Isacco: di questi è detto: aveva otto giorni, di Gesù: quando furono compiuti gli otto giorni. Ciò che sembra importante sottolineare è il sangue versato da Isacco, da ogni bimbo d’Israele e dal Signore stesso. La circoncisione è il segno, nella carne, del patto tra Dio e Abramo: e ogni patto è suggellato nel sangue. Il sangue versato dal Signore, nella circoncisione, porta a compimento il patto di Abramo. Inoltre, come il sangue versato da Isacco preannunciava il suo sacrificio sul Moria, così il sangue versato dal Signore preannuncia il suo sacrificio sul Calvario. In quello stesso tempo circa erano stati circoncisi anche i santi Innocenti.
La legislazione della circoncisione è contenuta in Lv 12,1-4: il testo unisce intimamente la circoncisione del bimbo con la purificazione della madre. Al v. 4 è detto: Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione. Colpisce questo sangue sparso nella maternità soprattutto se pensiamo a quello della Vergine. Infatti la sua purificazione dal sangue coincide con l’offerta del suo Primogenito (vedi Lv 12, 6-8 e Lc 2,22-24).

Note

«Inizio dell’omelia: Lc 2,16-21; riunisce due sezioni. I pastori vanno e riscontrano che quanto è annunciato, è vero. Viene sottolineato l'aspetto umilmente umano del Figlio di Dio; però in questo nulla i pastori riconoscono il Figlio di Dio. E divengono talmente servi della Parola che annunciano non solo meraviglie ma comunicano lo stesso trasporto che li ha presi. Maria, percepisce e ne viene presa e custodisce queste cose e le riscontra nel suo cuore. Non basta che lo Spirito si posi su di noi ma occorre custodire lo Spirito e confrontarlo con la Scrittura che non fa altro che comunicarlo sempre più.
21. Gesù viene circonciso. Il nome è Gesù. La benedizione è comunicata dalla presenza di Gesù nel seno dell'umanità: Lui è la grande benedizione ed è il Nome posto sui figli di Dio.
Oggi celebriamo la Maternità di Maria. Questa maternità gloriosa, strumento di salvezza, non possiamo disgiungerla dall'Incarnazione, dalla Circoncisione e dal Nome. Entrando in contatto con questa maternità, iniziamo a essere partecipi della benedizione in Gesù».

Conclusione dell’omelia: «I vari elementi in parte richiamati ci chiarificano il mistero del nostro nascere in Lui in quanto Lui si fa presente: nasce, cresce raggiunge la sua pienezza in ciascuno di noi e in tutto il suo popolo perché noi possiamo essere per Lui e in Lui figli di Dio come Lui. Questa rinascita per la deificazione avviene nella misura in cui il Padre manda in ognuno di noi il Figlio e lo Spirito Santo. Manda la pienezza dell’essere di Gesù: carne, sangue, anima, Spirito. Tutto questo è legato alla comprensione del battesimo, che invera la circoncisione, cui Gesù si è assoggettato. Il mistero della sua natività, dell'adorazione dei pastori, di Maria, della circoncisione, del Nome è legato fin dal principio a un segno di sangue. Qual è il punto di vincente tra la devozione imperfetta con Maria e il vero rapporto con lei? È accettare che la rinascita avvenga attraverso il sangue. Maria più ci è madre e più siamo figli non può e non vuole dispensarci, da un rapporto di sangue. Questo non l'ha fatto con Gesù e, non può farlo con noi perché custodisce nel cuore tutto il disegno di Dio. Tanto più è intimo il rapporto con Dio, Maria non si frappone al disegno di Dio, ma ci aiuta a realizzarlo. Ci accompagna e ci ottiene lo spirito della fortezza per realizzare il disegno di Dio. A Maria dobbiamo chiedere che non ci eviti il martirio, ma che ci conforti a sostenerlo. Questo lo fa non solo nei confronti di ciascuno ma in rapporto alla Chiesa: non evita alla Chiesa il martirio ma ottiene alla Chiesa la Pentecoste dove lo Spirito ci è dato perché possiamo testimoniare il nome di Gesù. Maria assistendo gli Apostoli non ottiene che siano tolti dal martirio ma che siano segnati dal fuoco dello Spirito. Non ha evitato al Cristo la morte ma lo ha consolato con la sua presenza».
(d. G. Dossetti, appunti di omelia, 1.1.1972).

(NB questi sono appunti tratti allora durante l’omelia. Chi volesse leggere il testo integrale di questa omelia può trovarlo in G. Dossetti, Omelie del tempo di Natale, ed. Paoline, pg. 67-76).


PREGHIERA DEI FEDELI

Con l’animo pieno di trepidazione, ma fiduciosi nella protezione della Madre di Dio, innalziamo al Padre la nostra filiale e unanime preghiera.

Accogli, o Padre, le preghiere dei tuoi figli.

 Perché ovunque nella Chiesa fioriscano scuole di preghiera e di ascolto della Parola di Dio. Accanto a Maria, nel silenzio della meditazione, ogni uomo si apra alla comprensione della volontà del Padre, preghiamo.
 Perché ogni bimbo e bimba abbia la sua famiglia in cui possa sentire nel calore umano dei suoi il tenero abbraccio di Dio, preghiamo.
 Perché cessino la violenza e l’odio, rabbia dei forti contro i deboli, inizio di estenuanti miserie ed esili, preghiamo.
 Dona, Padre, sollievo ai più deboli e ai più piccoli, perché il loro tenue respiro si rafforzi in un grido di gioia, preghiamo.
 Perché siano riscattate le lacrime di ogni donna e i suoi gemiti siano doglie di parto per una nuova umanità in nuovi cieli e nuova terra, preghiamo.
 Perché nel nuovo anno appaiano i segni della redenzione nel cessare delle guerre e dell’odio e in rapporti di vera solidarietà tra tutti i popoli.
Manda, o Padre, il tuo Cristo e il suo Evangelo di pace sia accolto da tutti gli uomini, noi ti preghiamo.

O Dio, principio e fine di tutto il creato, accogli dalle mani di Maria, vergine e madre, le preghiere filiali del tuo popolo; infondi in noi lo Spirito Santo perché nella concordia dell’amore e della pace, si elevi un’unica lode e un unico canto da tutti i tuoi figli sparsi in ogni popolo. Per Cristo nostro Signore.
Amen.

di Tullio Spadafora

"Eppure abbiamo bisogno anche della catastrofe, del cataclisma imprevedibile che scompagina le carte, riapre i giochi, ridona speranza a chi era ai margini della storia, rovescia i rapporti di forza, spezza la logica precedente che sembrava invincibile. Un ciclo si compie e un tempo nuovo comincia". (La fine del mondo, Telmo Pievani)

Negli ultimi mesi, tanti sono stati gli avvenimenti politici, economici, sociali, di cui i mass media ci hanno inondato, come sempre del resto, ma fra questi ce n’è uno, che si è insinuato silenziosamente nei palinsesti televisivi e di riflesso, nelle nostre vite, assumendo una frequenza sempre più assillante e crescente fino alla data fatidica del 21 dicembre: la fine del mondo (secondo il calendario Maya). Partito tutto come un classico luogo comune, per riempire qualche puntata di programmi pseudo-scientifici, come “Mistero” o “Voyager”, col passare del tempo, “la fine del mondo”, è diventata una specie di tormentone, sfruttato sapientemente anche per trarne un’inconsueta fonte di guadagno (programmi tv, feste ad “hoc”, rivisitazione del “Gangnam Style in veste apocalittica, addirittura un canale tv dedicato).

"L'idea di una fine del mondo per una causa improvvisa è assurda", dice David Morrison, scienziato della NASA ed esperto di vita nello spazio. "La Terra ha più di quattro miliardi di anni e ne passeranno ancora un'infinità prima che il sole renda il nostro pianeta inabitabile".
Probabilmente, più che preoccuparci di catastrofi naturali, che per quanto terribilmente disastrose, sono per lo più difficili da prevedere e contrastare, dovremmo renderci conto, che forse, il pericolo più grande per la nostra civiltà, alberga nella nostra vita di tutti i giorni, nei nostri stili di vita, nel modo in cui utilizziamo le risorse naturali del nostro pianeta, che troppo spesso, diamo per scontato, siano infinite ed inesauribili.

Secondo il rapporto Global Trends 2030, pubblicato negli scorsi giorni ad opera del National Intelligence Council (Nic) degli Stati Uniti, il combinato disposto di una serie di fattori, come l’aumento demografico, il depauperamento delle fonti energetiche, il calo delle risorse idriche e alimentari, i mutamenti climatici, l’inquinamento, innescherà una sorta di big bang della civiltà.

A essere cruciale per l'avvenire del pianeta è soprattutto la questione demografica. La Terra dovrà accogliere 8,3 miliardi di abitanti nel 2030 (studio Le Monde), a fronte dei 7,1 di oggi; ma soprattutto a fronte dei due miliardi e mezzo del 1950. Cifre che non possono che avere gravi conseguenze sulla salute del nostro pianeta. La domanda di nutrimento dovrebbe aumentare del 35% da qui al 2030. La produzione agricola, anche se in via di miglioramento, non potrà mantenere questi ritmi. Insomma, si consumerà molto più di quanto si potrà produrre.
Stesso discorso per l'acqua. Si stima che nel 2030 il bisogno annuale di acqua sarà circa di 6900 miliardi di metri cubi, circa il 40% in più del fabbisogno attuale. Peggio ancora: il rapporto sottolinea che quasi la metà della popolazione mondiale vivrà in zone toccate profondamente dalla siccità, provocando dei grossi rischi di guerra per l'acqua.

Scorrendo tutte queste statistiche, al di là delle risorse necessarie per soddisfare le giuste esigenze di ogni individuo, non si può non intravedere un mondo stravolto, spinto da una continua ed esasperata tendenza ad un consumo spropositato che ormai non segue più le logiche della necessità, ma dello spreco fine a sé stesso.
Sovrappopolazione, guerra per l'acqua, mancanza di cibo, impoverimento delle risorse naturali e mancato rispetto per l’ambiente. Tra qualche anno la vita sulla Terra potrebbe essere più difficile. O addirittura impossibile.
O magari, nei prossimi anni, assisteremo a delle invenzioni straordinarie e ad un rinnovato e più cosciente spirito imprenditoriale, capaci di rendere disponibile il necessario per tutti, di garantire uno sviluppo sostenibile che non sacrifichi la salute delle persone e la salvaguardia dell’ambiente per logiche di guadagno.
Senz’altro, la miglior medicina per guarire il nostro mondo malato, potrà giungere solo da un nuovo senso civico, da un uso più responsabile delle risorse naturali, da un rispetto maggiore per tutto ciò che ci circonda: tutto dipende da ognuno di noi.

Alcuni versi dell’artista Pierangelo Bertoli, contenuti nel brano “Eppure il vento soffia ancora”, sembrano poter esemplificare perfettamente la malattia e la cura di cui parliamo; quantomeno, inducono a una consapevole, quanto doverosa riflessione: (http://www.youtube.com/watch?v=F2jv_VrjEMM):

“Un giorno il denaro ha scoperto la guerra mondiale, ha dato il suo putrido segno all'istinto bestiale,
ha ucciso, bruciato, distrutto in un triste rosario, e tutta la terra si è avvolta di un nero sudario
E presto la chiave nascosta di nuovi segreti, così copriranno di fango persino i pianeti
vorranno inquinare le stelle la guerra tra i soli, i crimini contro la vita li chiamano errori
Eppure il vento soffia ancora, spruzza l'acqua alle navi sulla prora e sussurra canzoni tra le foglie e bacia i fiori, li bacia e non li coglie”.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Presepe Vivente
Le due parrocchie di Castrolibero “SS. Salvatore” e “Santa Famiglia”, insieme alla Confraternita “SS. Sacramento e San Giovanni Battista”, all’Istituto Comprensivo Statale, all’Istituto di Istruzione Superiore, ed al “Comitato Fontanesi”, hanno organizzato il Presepe Vivente nel Centro storico di Castrolibero. Il Presepe è visitabile dalle ore 16,00 alle ore 20,30. Nei giorni 30 dicembre e 6 gennaio, dalle ore 18,00, ci saranno rappresentazioni sceniche itineranti.

Millenium Young 2013
Venerdì 4 gennaio 2013 alle ore 20,00 presso l'Auditorium Parrocchiale, si terrà la tredicesima edizione del Millenium Young dal titolo "E' la fine del mondo!...". Lo spettacolo sul tema della pace, promosso dall'Azione Cattolica parrocchiale, vede come protagonisti i giovani dei vari gruppi parrocchiali. Nel corso della serata verrà effettuata una raccolta fondi pro-Caritas.

Festa della Santa Famiglia
Domenica 30 dicembre è la festa della Santa Famiglia. Durante tutte le messe domenicali, e, in forma solenne nella messa delle ore 11,30, le coppie della comunità, e in particolare quelle che nel corso dell’anno hanno festeggiato degli anniversari speciali, potranno fare il “Rinnovo delle promesse matrimoniali”. Chiunque lo desideri segnali il proprio nominativo in parrocchia entro il 27 dicembre.

Inaugurazione “Cammino di San Raffaele”
Dopo la Celebrazione liturgica delle ore 11,30 di domenica 6 gennaio, verrà inaugurato dal sindaco Orlandino Greco, il “Cammino di San Raffaele Arcangelo”, una lingua pedonale che unisce la piazza antistante la chiesa con il lungo fiume Campagnano.

Orario Messe nel giorno di Capodanno
Si ricorda che il giorno di Capodanno la Santa Messa delle ore 8,30 è soppressa. Restano invariate tutte le altre: ore 10,00 – ore 11,30 – ore 18,00.

Spettacolo Musicale
Sabato 5 gennaio 2013 alle ore 20,00 spettacolo musicale “Io Canto… loro pure 2”, i cui protagonisti sono uomini e donne della nostra comunità parrocchiale. Presentano Franco Altomare e Alessandro Chiappetta.

Te Deum di fine anno
Durante la Santa Messa delle ore 18,00 del 31 dicembre, ultima celebrazione del 2012, reciteremo insieme il “Te Deum” (dal latino “Noi ti lodiamo”), per ringraziare il Signore per l'anno appena trascorso e per il dono della sua presenza nel tempo della nostra vita.
Si ricorda che partecipando al Te Deum si può ottenere l’indulgenza plenaria alle solite condizioni: Confessione sacramentale, Comu-nione eucaristica e Preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice.

Anche quest’anno, i ragazzi della II media del gruppo “Il Futuro Siamo Noi” di Castrolibero, hanno pensato di realizzare un presepe semplice ed essenziale scegliendo come materiale la plastica. Si sono impegnati, in questo modo, ad avere rispetto per un ambiente che si vorrebbe migliorare e a valorizzare la natura. L’idea è nata da alcuni volontari della parrocchia “Santa Famiglia”, che hanno raccolto i tappi di plastica inutilizzati dalle bottiglie usate. Il ricavato della raccolta sarà devoluto per la realizzazione di attività ricreative e di sostegno per anziani e bambini. Per dare un senso a questi principi, i ragazzi hanno pensato di creare il presepe mediante l’utilizzo di materiale di scarto.
Con questo piccolo presepe, hanno voluto rendere partecipi della loro gioia i bambini ricoverati presso il reparto di Pediatria dell’Annunziata di Cosenza e augurare loro un Natale ricco di salute e serenità.


{vsig}/stories/presepi/2012-2013{/vsig}

(domeniche precedenti) 


 

DOMENICA NELL’OTTAVA DEL NATALE FESTA DELLA SANTA FAMIGLIA C

Luca 2,41-52; 1 Sam 1,20-22.24-28; Salmo 83; 1 Gv 3,1-2.21-24

Canto all’Evangelo Cf At 16,14 Alleluia, alleluia. Apri, Signore, il nostro cuore e accoglieremo le parole del Figlio tuo. Alleluia.

Il canto all’evangelo che ci invita ad assumere una buona disposizione all’ascolto è liberamente tratto dal libro degli Atti (16,14) che racconta la conversione di una donna facoltosa di nome Lidia, commerciante di porpora, e della sua famiglia. «Il Signore le apri il cuore» è un’espressione dal richiamo «biblico» innegabile, sebbene l'espressione effettiva compare solo in 2 Mac 1,4: «Vi dia una mente aperta ad intender la sua legge». Luca usa dianoigō per l'apertura degli occhi dei discepoli dopo la risurrezione (Lc 24,33), così come per l'apertura delle Scritture (24,32) e della mente dei discepoli (24,45) da parte di Gesù risorto ai discepoli di Emmaus. «per aderire alle parole»: Il verbo prosechō («accettare») ha il significato di «essere attratto, dedicarsi, essere impegnato, aderire» a qualcuno oppure a qualcosa; cf i paralleli in At 8,6.10.11, così come 1 Tm 4,13; Eb 2,1; 2 Pt 1,9. Disponiamoci dunque all’ascolto di questa «Parola» con fede e il Signore aprirà sicuramente il nostro cuore ai tesori della Sua Grazia. La festa della Santa Famiglia che si celebra nei giorni immediatamente successivi al Natale e, più esattamente, entro la sua ottava, non è dovuta a un accostamento superficiale dell'infanzia di Gesù alla sua nascita, ma risponde a motivazioni molto profonde. La «devozione alla S. Famiglia» è tardiva e, dispiace dirlo, di momenti dottrinali in cui sì perdeva dì vista il Centro unico; mai dimenticare infatti che se si può fare memoria della «Famiglia dì Nazareth», essa non esiste più. Esiste adesso la Famiglia di Dio, che è la Comunità dei salvati, la Sposa del Figlio nello Spirito. Col mistero della nascita del Signore, secondo un'espressione assai felice dei santi Padri, il cielo s'è unito alla terra e l’umano è divenuto divino. Gesù che ha realizzato nella sua persona quest’ unione di Dio con l'uomo, appare come il mediatore di un'alleanza nuova, cioè d'una nuova relazione dell'umanità col suo creatore e restauratore, relazione nella quale tutti gli uomini sono incorporati in una sola famiglia: la famiglia dei figli di Dio, la Chiesa di Cristo. Spazzata via ogni svenevolezza e cacciate le possibili banalizzazioni, diciamo pure che questa festa fa pensare alla famiglia umana di Gesù ma le letture e le preghiere eucologiche della divina Liturgia ci invitano a vedere in quella famiglia «un vero modello di vita» (cf I Colletta) e la scuola di tutte le virtù domestiche: O Dio, nostro Padre, che nella santa Famiglia ci hai dato un vero modello di vita, fa' che nelle nostre famiglie fioriscano le stesse virtù e lo stesso amore, perché, riuniti insieme nella tua casa, possiamo godere la gioia senza fine. Per il nostro Signore Gesù Cristo….

La vita familiare, che si svolge sotto lo sguardo di Dio nella fede e nell'amore (cf II Lettura) ha dunque la sua solida base «nell’amicizia e nella pace» (cf preghiera sulle offerte): Accogli, Signore, questo sacrificio di salvezza, e per intercessione della Vergine Madre e di san Giuseppe, fa che le nostre famiglie vivano nella tua amicizia e nella tua pace. Per Cristo nostro Signore…

Le famiglie cristiane così formate sono ora segno di feconda comunione e formano insieme quella «famiglia ecclesiale» che vive nella carità e nel vincolo della perfezione. Un cammino fecondo quello ora tracciato anche se a tratti duro ed esigente; una scuola umile e sublime che prende il suo inizio con la conoscenza di Cristo e della sua missione salvifica (cf Evangelo). Esiste un criterio supremo che è la volontà salvifica di Dio; quella, è da riconoscere, da rispettare, da eseguire. Volontà difficile, umanamente parlando non logica, mai gravosa e con un solo marchio di autenticità: quello pasquale. La singolare figura di Anna (cf I Lettura) convalida il principio della gratuità e dell'appartenenza a Dio; i doni di Dio sono per tutti e non vanno nascosti ma restituiti a Lui per la salvezza comune. Tutti siamo chiamati ed operiamo nell'universale famiglia che ha Dio per Padre e tutti gli “uomini” come membri (cf II Lettura). Dall' Evangelo possiamo appena supporre, ma non immaginare totalmente, i sentimenti dì Gesù che, circonciso, è adesso diventato membro a pieno titolo del suo popolo e dell'assemblea cultuale che celebra il Signore. La pericope di oggi è avvolta come da un mistero che chiama ancora studiosi e fedeli a scrutare i suoi versetti: da una parte, infatti, è mostrata la devozione religiosa della famiglia ebraica, obbediente alla Legge santa del Signore, con tutti i suoi puntuali adempimenti, dall'altra rivela anche e soprattutto la funzione singolare, unica, del Figlio di Dio, il quale a sua volta partecipa al culto divino del popolo santo del Signore vivente. Nel tempio, grandioso segno visibile dell'invisibile Presenza divina, si rivela discretamente un contatto diverso, unico, che il Figlio ha con il Padre suo. Quando Gesù compie i 12 anni, secondo le norme rabbiniche incombe su di lui ogni obbligo dell'ebreo; diventa bar-mitzwah, «figlio del precetto», ossia è considerato adulto a tutti gli effetti ed è tenuto all'osservanza dell'intera Legge di Mose in ogni sua prescrizione. Questo fa di lui un membro idoneo a far parte del minjan, il numero minimo di 10 ebrei adulti e circoncisi che possono formare un'assemblea sinagogale liturgicamente valida.

Esaminiamo il brano vv. 41-42 - «si recavano a Gerusalemme»: Da ebrei pii ed osservanti i genitori di Gesù compiono quanto detta la Legge. Come prescrive l'antico calendario di Es 23,14-17 anche Gesù è dunque sottoposto all'obbligo delle «3 volte» l'anno in cui ogni maschio ebreo doveva «salire a Gerusalemme» per le tre feste principali. L'obbligo era posto sul maschio ebreo, ma questi era inseparabile dalla sua famiglia, che così, in un certo senso, era computata come parte solidale di lui per ogni adempimento della Legge. v. 43 - «rimase a Gerusalemme»: Completatosi questo spazio gioioso, mentre i Genitori sì avviano al ritorno a Nazareth «Gesù, il ragazzo» resta a Gerusalemme. Se accettiamo come indicazione, sia pure informa interrogativa, la risposta di Gesù alla Madre sua (cf v. 49), il "rimanere indietro è volontario e non dovuto a smarrimento. Facilmente si incorre in questo equivoco durante la confusione di feste, di carovane e di gite ma Gesù se ne stava nel tempio, dove avrebbe potuto essere avvertito della partenza. v. 44 - «credendolo nella carovana»: qui si intende il lungo codazzo con cui si snoda la carovana, per gruppi di famiglie e di villaggi, su una lunghezza che può raggiungere anche qualche chilometro. «fecero una giornata di viaggio»: non è da prendere nel senso di un giorno intero. Il primo giorno infatti si camminava solo per qualche ora, poiché tutti lasciavano senza fretta e non volentieri la città santa. Il breve cammino serviva più che altro per sgrossare i grandi raggruppamenti alla prima tappa. La tradizione indica il possibile luogo in El-Bireh (il pozzo) a circa tre ore di cammino da Gerusalemme oppure potrebbe essere anche Gibna, a quattro ore e mezza. v. 45 - «tornarono a Gerusalemme»: certamente non la stessa sera, sia perché non era costume viaggiare di notte da soli e siccome il fanciullo poteva essersi fermato in un punto qualsiasi del tragitto, presso amici, non era possibile andare di notte a cercarlo nelle varie abitazioni. v. 46 - «dopo tre giorni»: Comincia ora il culmine dell'episodio: i Genitori di Gesù, avendolo cercato presso parenti e conoscenti lo trovano dopo tre giorni nel tempio. Contando come primo giorno quello della partenza che abbiano impiegato un giorno intero per cercarlo nei luoghi possibili, cioè tra parenti ed amici, può sembrare troppo. Se teniamo presenti i costumi orientali, ci rendiamo conto che non si poteva entrare in una casa, chiedere se c'era Gesù e, avutane risposta negativa, andarsene alla svelta. Anche in queste occasioni c'è un minimo di cerimoniale, al quale non si può venir meno senza fare grave torto alle persone. E il tempo vola... In modo assai discreto il vocabolario qui allude anche alla Resurrezione dopo tre giorni, quando Gesù è trovato dalle donne fedeli. Gesù, il Tempio nuovo, la divina Sapienza eterna disceso tra gli uomini si trova «in mezzo ai maestri», i dottori della Legge, li ascolta e li interroga. «nel tempio, seduto»: il verbo greco kathézomai, stare seduto in luogo visibile richiama quello del maestro in cattedra (vedi Mt 26,55). «in mezzo ai dottori»: Gesù si trova tra i didàskalos, i dottori della Legge. I rabbini approfittavano dei grandi concorsi dì folla durante le solennità per impartire i loro insegnamenti, in stanze e sotto i portici vicino al Tempio. Essi sedevano su sgabelli, mentre i loro uditori si accoccolavano per terra, su stuoie. L'insegnamento si svolgeva secondo lo stile orientale, per domande e risposte, fatte sia dal, maestro che dagli improvvisati alunni. Qui però Luca dice chiaramente che Gesù non era in mezzo ad alunni che ascoltavano un maestro, ma in un gruppo di maestri che discutevano fra loro. L'episodio rinvia a Lc 5,17, dove si ripete la scena: ritroviamo l'allusione temporale (un giorno); Gesù che seduto insegna (didàskōn) e tutti (farisei e dottori della Legge venuti dalla Galilea, Giudea e Gerusalemme), tutti seduti (kathḗmenoi) ad ascoltare. v. 47 - «tutti... erano pieni di stupore»: Luca riporta la reazione dei presenti che ascoltavano; tutti, e non solo i dottori, erano meravigliati per due fatti: 1. la sua intelligenza della Legge santa 2. e le sue sapienti risposte ai problemi che poneva la Legge e ai quesiti che a Lui erano posti sulla Legge medesima. Già da adesso la dottrina del Signore suscita "meraviglia", in seguito questo risulterà anche da altri contesti evangelici: ad es. in Mt 7,28-29, al termine del «discorso della montagna» (cf anche Gv 7,14b-15, episodio da collegare con questo v. 47). Lo stesso verbo (existēmi) lo troviamo anche nell’episodio dei discepoli di Emmaus che raccontano la sorpresa che aveva suscitato la notizia della resurrezione portata dalle donne al gruppo di discepoli. v. 48 - Anche i genitori si meravigliano della scena, che il loro Ragazzo sia oggetto dell' ammirazione di tutti. «tuo padre ed io, angosciati, ti cercavamo»: È l'unica volta in cui Maria confessa di soffrire, ma lo fa quasi solo perché può ripararsi dietro Giuseppe. Sono ancora increduli di averlo finalmente ritrovato (cf lettura patristica di Origene). vv. 49 - 50 - «Egli rispose»: La risposta di Gesù alla domanda della Madre è pacifica, ovvia, suona come una calma spiegazione più che come una giustificazione o reazione verso la Madre. Egli si rivolge alla sensibilità e alla comprensione di ambedue i Genitori per «la Realtà di Dio» che ormai dovranno scoprire nel loro ragazzo. Comprendiamo tutti che sia i Genitori, come pure i discepoli, non possono avere di colpo, per improvvisa illuminazione, la visione chiara del Mistero del loro Figlio e Maestro. Occorrerà ancora procedere a lungo e fedelmente con Lui, fino al compimento, la visione della Croce. In un testo analogo, Gesù dirà ai discepoli: «Mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera» (Gv 4,34). Dal santuario parte il culto che ha il suo culmine indicibile nella Croce e tutto questo sta al di là dell'immediata comprensione umana e infatti i Genitori «non compresero la parola che parlò a essi». «le sue parole»: Qui sta un termine ebraico, dabar, reso in greco con to rhēē̂ ma, al singolare «la parola», che indica insieme fatto, opera, avvenimento (cf Lc 1,37: «infatti presso Dio non è impossibile nessuna parola»). v. 51 - «serbava... nel suo cuore»: Tuttavia la Madre «custodiva tutte queste parole nel cuore suo» e qui ritroviamo ta rhḗmata al plurale, parole e fatti (v. 51b, che richiama direttamente 2,19). Il verbo diatēréō indica una cura amorosa e attenta nel conservare ciò che si ritiene degno. Il tempo imperfetto poi descrive un’azione del passato non ancora finita “imperfetta” appunto. Ancora una volta il cuore verginale della Madre è l'Archivio vivente e prezioso delle realtà del Figlio e non è ardito pensare che esse furono poi comunicate ai discepoli dopo la Pentecoste. La Chiesa ancora oggi conserva queste parole, nel suo cuore attento e premuroso come quello della Madre di Dio, Maria, e le comunica di continuo ai suoi figli che genera alla fede nel battesimo e li nutre alla mensa della Divina Liturgia:

Antifona dopo la Comunione Padre misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa, donaci di seguire gli esempi della santa Famiglia, perché dopo le prove di questa vita siamo associati alla sua gloria in cielo. Per Cristo nostro Signore.

Tutta questa benevolenza divina ritorna ancora nella nostra vita, nelle nostre famiglie per quella divinizzazione che ci vuole con “ostinazione divina” tutti avvolti dalla sua misericordia e nel suo regno glorioso:

II Colletta: O Dio, nostro creatore e Padre, tu hai voluto che il tuo Figlio, generato prima dell'aurora del mondo, divenisse membro dell’umana famiglia; ravviva in noi la venerazione per il dono e il mistero della vita, perché i genitori si sentano partecipi della fecondità del tuo amore, e i figli crescano in sapienza, età e grazia, rendendo lode al tuo santo nome. Per il nostro Signore Gesù Cristo,..

... E in Gesù Cristo

Dopo aver riflettuto in queste settimane sulla figura di Dio Padre, oggi porremo la nostra attenzione sul nome di Gesù Cristo.
Noi crediamo che Gesù di Nazaret, nato ebreo a Betlemme da una figlia d'Israele al tempo del re Erode il Grande e dell'imperatore Cesare Augusto, è il Figlio eterno di Dio fatto uomo, il quale è « venuto da Dio » (Gv 13,3), « disceso dal cielo » (Gv 3,13; 6,33), venuto nella carne; infatti « il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità. [...](Gv 1,14.16). Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia ». Queste parole sono presenti nel Prologo di San Giovanni, e sono segno del nostro credere, della Parola che è diventata visibile ai nostri occhi affinché noi fossimo in grado di comprendere i suoi insegnamenti e di metterli in pratica. Infatti Gesù nel vangelo di Luca dice chiaramente: “Mentre diceva questo, una donna dalla folla alzò la voce e gli disse: «Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!». Ma egli disse: «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!»”. (Lc, 11,27-28).
Il nome Gesù, in ebraico, significa: « Dio salva ». Al momento dell'annunciazione a Maria, l'angelo Gabriele dice che il suo nome sarà Gesù, nome che esprime la sua identità e la sua missione.
Poiché nessuno « può rimettere i peccati se non Dio solo » (Mc 2,7), in Gesù, si trova compimento a questo progetto di Dio; infatti l’Arcangelo Gabriele rivela a Giuseppe che egli « salverà il suo popolo dai suoi peccati » (Mt 1,21). Così, in Gesù, Dio “ricapitola” tutta la sua storia di salvezza.
Nella storia, la liberazione d’Israele non si arresta dopo che il popolo fu reso libero dalla sottomissione degli egiziani, ma si esprime con la cancellazione del nostro peccato, che solo Dio è in grado di eliminare.
Il nome di Gesù esprime che il nome di Dio è presente nel Suo Figlio che è stato fatto uomo e disceso sulla terra per redimere i nostri peccati una volta per tutte e per tutta l’umanità.
Quindi Gesù è il Salvatore, è Colui che è sceso sulla Terra per cancellare una macchia presente sin dalle origini del mondo.
E’ importante anche comprendere il significato della parola Cristo, che viene dalla traduzione greca del termine ebraico « Messia » che significa « unto ». In Israele erano unti nel nome di Dio coloro che erano a lui consacrati per una missione che egli aveva loro affidato. Era il caso dei re, dei sacerdoti, raramente dei profeti. Tale doveva essere il caso del Messia che Dio avrebbe mandato per instaurare definitivamente il suo Regno. Il Messia doveva essere unto dallo Spirito del Signore, ad un tempo come re e sacerdote ma anche come profeta. Gesù ha realizzato la speranza di Israele nella sua triplice funzione di sacerdote, profeta e re. Che salvasse il suo popolo dalla dominazione straniera e lo rendesse libero una volta per tutte. L'angelo ha annunziato ai pastori la nascita di Gesù come quella del Messia promesso a Israele: « Oggi vi è nato nella città di Davide un Salvatore che è il Cristo Signore » (Lc 2,11). Fin da principio egli è « colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo » (Gv 10,36), concepito come « santo » nel grembo verginale di Maria.
La figura di Gesù Cristo, ha segnato la storia dell’umanità, ma nonostante questo per alcuni è soltanto un persona fatta di carne, mentre per altri è il figlio di Dio sceso sulla Terra per salvare tutti gli uomini cancellando il peccato originale; per questo si è incarnato nel seno di una donna (che non aveva conosciuto uomo), nascendo e vivendo nel mondo come uomo, soffrendo e sopportando il dolore come un uomo, ha liberato noi uomini dal nostro dolore, dai nostri peccati. Dio ha voluto liberare, nuovamente, il suo popolo dopo che nell’AT fece gli attraversare il mar Rosso; con la venuta del suo Figlio è andato oltre: ha permesso che venisse sacrificato, che venisse crocifisso come venivano giustiziati i criminali, i sovversivi, i nemici.
E Gesù, in tutto questo, quale ruolo ha avuto? E soprattutto, ha deciso in maniera autonoma oppure si è adeguato al volere di Suo Padre? Nell’orto del Getsemani, nel momento più difficile della sua vita terrena, prima che si consegnasse a coloro che andavano ad arrestarlo, in Lc (22,42) disse: « Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà ». San Paolo nella lettera ai Filippesi (2,5-11) fornisce una spiegazione, secondo il mio parere, molto chiara in merito a questo: « Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù, il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l'ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome; perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre ». Ecco, in queste parole dell’apostolo delle genti è riassunto l’intero percorso della nostra salvezza, Dio ha voluto farci attraversare nuovamente il mar Rosso; la pietra che chiuderà la tomba nel venerdì santo schiaccerà la morte e la resurrezione di Gesù sarà il segno della nuova vita che ci avrà donato.
A questo punto, elemento fondamentale è quello di comprendere la nuova vita che ci è stata data in dono. La vita che noi dobbiamo ricercare è in Cristo Gesù; infatti Lui nel Vangelo di Giovanni disse (14,6) « Io sono la via, la verità e la vita…. ». Molto probabilmente non cerchiamo Gesù Cristo in modo appassionato, con l’ardore nel cuore, ma ci fermiamo, rallentiamo con troppa facilità, troppe volte compiamo gesti in modo “automatico”, scaramantico o anche in alcuni casi, per esempio, proviamo vergogna a compiere il gesto del segno di croce; questo è soltanto un caso di come, noi cristiani, con troppa facilità dimentichiamo che siamo seguaci di Cristo, di colui che si è fatto crocifiggere per noi, mentre noi troviamo difficoltà a metterlo come centro della nostra esistenza.
Impegno
Per questa nuova settimana , vogliamo impegnarci a ricercare, a pregare, l’amore del figlio affinché ci cambi dall’interno e ci aiuti a trovare il Cristo sofferente nel fratello che ci è accanto. Dovremmo prendere esempio dalle parole che il Beato Giovanni Paolo II pronunciò nel discorso di insediamento al suo pontificato: « Aprite…. anzi Spalancate le porte a Cristo »; allora non avremo più paura e saremo capaci di abbandonarci a Lui e di riconoscere Gesù nel fratello che ci è vicino, che ci è accanto ma che noi non riusciamo a vedere.
Giuseppe Fortuna

di Maria De Luca

C’era una volta, nella parrocchia “Santa Famiglia” di Castrolibero un gruppo di amici, sempre pronti a stare insieme e divertirsi, e un’insegnante di Lettere, Aurelia Carbone, che amava scrivere e mettere in scena testi personali e opere teatrali.

Un bel giorno, la professoressa pensò di coinvolgere questo gruppo di amici in un progetto: la creazione del settore teatrale dell’oratorio “San Benedetto Abate”. In cantiere la proposizione della commedia satirica di Aldo Lo Castro “I promessi sposi”. Si decise di proporre la prima assoluta nell’auditorium parrocchiale “Giovanni Paolo II”. Subito un grande successo, replicato a Marano Principato. Sin dalle prime commedie i giovani attori misero in mostra il proprio talento, facendo breccia nel cuore del pubblico. Negli anni, il gruppo mise in scena alcuni testi inediti come “A sonata è sempre a stessa”, “A sonata è torna chira” (entrambe in vernacolo), “Carithas: la follia di Dio” (ispirato alla storia di San Francesco di Paola), firmate Aurelia Carbone, “Giulieo e Rometta”, altra commedia di Aldo Lo Castro.


Intanto, i giovani attori continuavano a crescere, rafforzando sempre di più il loro legame di amicizia. Durante le prove, ma qualche volta anche nel corso dello spettacolo, i ragazzi si dilettavano a ribaltare il copione stesso affidandosi all’improvvisazione.

Reduce dal successo ottenuto nei vari spettacoli, nell’ottobre 2011 la regista Aurelia Carbone propose la realizzazione della commedia di Eduardo De Filippo “Natale in casa Cupiello”, un testo serio e impegnativo per i ragazzi e gli adulti coinvolti, inizialmente scettici che poi decisero di cimentarsi ugualmente nella nuova avventura. Un altro successo. Seguito dalle apparizioni al “Rendano” e all’“Odeon” di Paola, e, ultima in ordine cronologico, sul palco del teatro del “1. Reggimento bersaglieri Cosenza”. In scena sempre commedie di Eduardo. Oltre a “Natale in casa Cupiello”, anche “Miseria e Nobiltà” al “Morelli” (progetto per le scuole della Guinea Bissau), per “Uomo e Galantuomo”, al “Tieri” di Castrolibero . Gli attori di “InCastrolibero” – questo il nome scelto per la compagnia castroliberese – sono stati i primi a calcare il palcoscenico dei bersaglieri dal lontanissimo 1936.

Tra i segreti dei successi del gruppo c’è il rispetto altrui. Nel corso degli anni trascorsi insieme gli attori hanno sempre collaborato con la regista, tenendo vivo lo spirito divertente che continua a contraddistinguere prove e spettacoli. Essere consapevoli di avere amici veri sui quali poter sempre contare, abbracciarsi,commuoversi con loro e con tutto lo staff al termine di ogni rappresentazione è una magia indescrivibile. Solo chi la prova riesce a comprenderla. L’armonia diventa colore, forma, suono, energia anche solo negli sguardi. Ovviamente, il cammino non è solo stato caratterizzato da “rose e fiori”. I ragazzi hanno incontrato piccoli ostacoli sul loro percorso. Niente e nessuno potrà mai spegnere la grinta degli attori di “Incastrolibero”, persone genuine cui non manca certamente la voglia di fare e soprattutto guidate dall’amore di Gesù.

Un grazie di cuore a tutte le persone che hanno sostenuto la compagnia, che l’hanno seguita ovunque. I veri protagonisti sono loro, siete voi che avete letto e condiviso una parte di questa favola straordinaria. Grazie a tutti!
“ Perché Egli si degna di nascere in ogni istante nei vostri cuori, si degna di nascere attorno a noi, in ogni attimo della nostra esistenza annuncia l’ora della buona volontà, vagisce nella povertà, nell’abbandono, nell’umiltà e nell’amore” (Padre Mario Borzaga).

Buon Natale, che la nascita del Signore ci doni la gioia vera, quella del cuore!

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Presepe Vivente
Le due parrocchie di Castrolibero “SS. Salvatore” e “Santa Famiglia”, insieme alla Confraternita “SS. Sacramento e San Giovanni Battista”, all’Istituto Comprensivo Statale, all’Istituto di Istruzione Superiore, ed al “Comitato Fontanesi”, hanno organizzato il Presepe Vivente nel Centro storico di Castrolibero. Il Presepe è visitabile dalle ore 16,00 alle ore 20,30. Nei giorni 26 e 30 dicembre e 6 gennaio, dalle ore 18,00, ci saranno rappresentazioni sceniche itineranti.

 

Presepe nelle case
Sono disponibili i modelli per richiedere che vengano fotografati i presepi realizzati nelle case in occasione del Santo Natale. I modelli, debitamente compilati vanno consegnati al Parroco o in Segreteria. Le foto dei presepi più belli verranno pubblicati sul sito parrocchiale.


Confessioni
Le confessioni in questo periodo si possono fare tutti i giorni nei seguenti orari: 9,00/11,00 e 16,30/19,00.


Serata di Musica Natalizia
Venerdì 28 dicembre alle ore 20,30 nell’Auditorium parrocchiale, “Natale in Musica” serata musicale a cura del gruppo musicale oratoriale "All Songs" e del coro "Il futuro siamo noi".
Tema della serata sarà il Natale; potremo ascoltare musica dal vivo per assaporare insieme l'atmosfera natalizia.


Festa della Santa Famiglia
Domenica 30 dicembre è la festa della Santa Famiglia. Durante la messa domenicale delle ore 11,30, le coppie della comunità, e in particolare quelle che nel corso dell’anno hanno festeggiato degli anniversari speciali, potranno fare il “Rinnovo delle promesse matrimoniali”. Chiunque lo desideri segnali il proprio nominativo in parrocchia entro il 27 dicembre.


Luce di Betlemme
Per tutto il periodo di Natale, la Luce di Betlemme sarà esposta in Chiesa. Alla fine di ogni Messa, quanti vorranno potranno accen-dere alla lampada una luce da portare a casa.


Tende di Natale AVSI 2012.
Ogni anno la fondazione AVSI, nata nel 1972 con oltre 100 progetti in 37 paesi con 4 milioni di beneficiari diretti, organizza iniziative locali per sostenere alcuni progetti e promuovere il sostegno a distanza di bambini. Nel piazzale della Chiesa i volontari dell'AVSI Point di Cosenza vi proporranno i loro cesti regalo e degli oggetti prodotti da donne ugandesi."

(domeniche precedenti) 


 

DOMENICA IV DI AVVENTO – C

 

Arca santa, dimora divina, avanzi gioiosa per i monti, e al tuo saluto, nello Spirito salta di gioia il Precursore.

Betlemme, così piccola! Una grotta hai preparato per l’umile figlia di Sion. In te nasce l’Emmanuele.

Venite, ecco il Bambino, il Figlio di Dio, carne nostra! Da Lui stillano mirra e miele, mormorio eterno di amore.

Maria, Vergine e Madre, umile e Piena di grazia, avvolto in fasce, ti posa in silenzio nel presepe.

PRIMA LETTURA Mic 5,1-4a

Dal libro del profeta Michèa

1 Così dice il Signore: «E tu, Betlemme di Èfrata, così piccola per essere fra i villaggi di Giuda,

Nonostante che sia stata la città, che ha dato origine alla monarchia davidica, Betlemme è sempre rimasta piccola. Essa è chiamata a custodire un messaggio, l’umile origine di Davide (cfr. 1Sm 16,11) e quindi del Messia. È un criterio costante di Dio quello di scegliere in contrasto con le scelte umane. Il Messia quindi obbedisce a questo criterio.

da te uscirà per me colui che deve essere il dominatore in Israele;

Il Cristo è per il Signore Dio (uscirà per me); Egli è tutto proteso a fare quello che vuole Dio. Per questo il Messia esce e non ritorna senza aver compiuto la missione da Lui ricevuta (cfr. Is 55,11). Egli deve essere il dominatore in Israele «Dio stesso costituisce Signore su Israele il suo Messia. La regalità universale del Messia si irradia dalla regalità su Israele: il Cristo innesterà tutti in Israele» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973). La dispersione d’Israele cesserà con la presenza di questo dominatore, che uscirà da Betlemme e quindi dalla casa di Davide (Cfr. Gv 7, 41-42: Altri dicevano: «Questi è il Cristo!». Altri invece dicevano: «Il Cristo viene forse dalla Galilea? Non dice forse la Scrittura che il Cristo verrà dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide?»). Gesù realizza questa parola. Egli nasce a Betlemme, è della discendenza di Davide e la sua missione è profetizzata da Caifa (Gv 11,49-52: Questo però non lo disse da se stesso, ma essendo sommo sacerdote profetizzò che Gesù doveva morire per la nazione e non per la nazione soltanto, ma anche per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi).

le sue origini sono dall’antichità, dai giorni più remoti.

Nel suono letterale il testo richiama l’origine della stirpe davidica non solo da Jesse, padre di Davide, ma anche da Giuda e dalla generazione che ne segue. Nel mistero la Parola ci porta alla compresenza del Cristo a tutte le generazioni in quanto in esse significato, profetizzato e atteso. Gesù è il Veniente che affonda le sue radici nel suo popolo, Israele (genealogia secondo Matteo) e in tutta l’umanità fino ad Adamo (genealogia secondo Luca). Il plurale inoltre richiama che in Cristo non vi è una sola origine (lett.: uscita) perché in Lui tutto è duplice: vi è un’origine celeste e una terrena. Nella sua nascita nel tempo da Betlemme vi è l’impronta della sua nascita nell’eternità dal Padre. Dall’antichità, lett.: da prima «non determinato; è sempre prima, è sempre precedente a ogni possibile determinazione» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973). Dai giorni più remoti lett.: dai giorni del secolo «vive in uno spazio, in una dimensione prima che i giorni dell’uomo fossero, in altri giorni di altra qualità» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).

2 Perciò Dio li metterà in potere altrui, fino a quando partorirà colei che deve partorire; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli d’Israele.

Il parto della Madre del Messia dà inizio alla redenzione. Questo parto è reale ed è pregno di simbolo perché sta a indicare che cessano per il popolo le doglie della tribolazione e che questa si concluderà nella gioia della salvezza (cfr. Rm 8, 22-23: Sappiamo bene infatti che tutta la creazione geme e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto; essa non è la sola, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l'adozione a figli, la redenzione del nostro corpo). Questo parto, che annuncia quello finale di tutta la creazione, dà inizio al ritorno e quindi all’unificazione d’Israele e delle Genti in Cristo (cfr. Ef 2,14-15: Egli infatti è la nostra pace, colui che ha fatto dei due un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che era frammezzo, cioè l'inimicizia, annullando, per mezzo della sua carne, la legge fatta di prescrizioni e di decreti, per creare in se stesso, dei due, un solo uomo nuovo, facendo la pace).

3 Egli si leverà e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore, suo Dio.

Egli si leverà (lett.: starà), l’espressione indica forza. Infatti nessuno può resistergli nel suo compito di pascere il gregge di nuovo radunato. In questo egli manifesterà la forza e la maestà, che è propria del nome del Signore. Nella lettura secondo il mistero, il Messia rivelerà in sé gli stessi attributi divini. La redenzione nella sua pienezza è caratterizzata dal dominio incontrastato del Cristo sui suoi nemici, vinti per sempre e dalla rivelazione della sua gloria divina ai suoi che, simili a un gregge, sono condotti ai pascoli della vita (cfr. Ap 7,1-15.17: «l'Agnello che sta in mezzo al trono sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti delle acque della vita. E Dio tergerà ogni lacrima dai loro occhi»).

Abiteranno sicuri, perché egli allora sarà grande fino agli estremi confini della terra. 4 Egli stesso sarà la pace!».

Quando il Messia starà nella sua potenza e governerà il suo popolo redento, questi abiterà sicuro perché si sentirà protetto da Lui. Infatti Egli sarà temuto fino ai confini della terra perché Egli sarà la pace. «Nel suo essere, con il suo essere sarà Lui la Pace fontale, originaria. Non realizza la pace, lo è» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).

Note

«Il tempo della partoriente segna la fine di una situazione. Come in Is 7,14 il segno è una donna che mette al mondo un bimbo. Ciò che differenzia questo bimbo dagli altri bimbi è che la sua origine è prima del principio (cfr. LXX.: le sue origini dall’inizio; Vulg.: la sua origine è dal principio, dai giorni dell’eternità). È uno di quei passi in cui l’AT sbocca direttamente nel NT. Nel VT è detto di una cosa futura, nel NT invece è detto di un fatto già avvenuto: ma il contenuto è già reso manifesto completamente» (d. G. Dossetti, appunti di omelia).

SALMO RESPONSORIALE Sal 79

R/.  Signore, fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

Tu, pastore d’Israele, ascolta, seduto sui cherubini, risplendi. Risveglia la tua potenza e vieni a salvarci. R/. Dio degli eserciti, ritorna! Guarda dal cielo e vedi e visita questa vigna, proteggi quello che la tua destra ha piantato, il figlio dell’uomo che per te hai reso forte.  R/.

Sia la tua mano sull’uomo della tua destra, sul figlio dell’uomo che per te hai reso forte. Da te mai più ci allontaneremo, facci rivivere e noi invocheremo il tuo nome.  R/.

SECONDA LETTURA Eb 10,5-10

Dalla lettera agli Ebrei

Fratelli, 5 entrando nel mondo, [Cristo] dice: «Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, un corpo invece mi hai preparato.

[Cristo] dice. Egli entra nel mondo pregando i salmi. Questi sono il suo interiore mormorio. Il salterio è un corpo unico modellato sulla carne del Cristo e respiro della sua anima e del suo spirito, spazio spirituale in cui si muove tutta la sua vita, nel suo rapporto con il Padre e con la sua Chiesa. Per questo l’integro salterio, in tutte le sue singole parti, esprime la pienezza del mistero del Cristo e della sua Chiesa. L’economia di grazia  e di parole ivi contenute, dettate dallo Spirito Santo, pur esprimendosi in un tempo e in uno spazio storico bene precisi, trae la sua intelligenza dal Cristo e non dalle singole circostanze storiche, che ne hanno dato l’origine. Un corpo invece mi hai preparato, il testo ebraico dice: mi hai forato le orecchie. Vi è una crescita della rivelazione. Il gesto di obbedienza dello schiavo, che con quel gesto appartiene per sempre al suo padrone (cfr. Es 21,6: allora il suo padrone lo condurrà davanti a Dio, lo farà accostare al battente o allo stipite della porta e gli forerà l'orecchio con la lesina; quegli sarà suo schiavo per sempre) diviene l’offerta sacrificale di tutto il corpo del Messia, come è detto nel quarto canto del Servo del Signore (cfr. Is 53).

6 Non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato.

Il Cristo enumera le specie più alte del sacrificio, l’olocausto e il sacrificio per il peccato, e si domanda se sono questi che il Signore gradisce e risponde: no. Il Signore non vuole nessuna specie di sacrificio basato sulla carne degli animali. Essi sono sempre sostitutivi del dono dell’uomo al suo Dio. Non hai gradito perché l’unico ad essere gradito è il Figlio (vedi testi del Battesimo e della Trasfigurazione). In Lui gli stessi sacrifici della legge sono trascesi perché compiuti in figura e perché traevano dal sacrificio di Gesù la loro efficacia.

7 Allora ho detto: “Ecco, io vengo – poiché di me sta scritto nel rotolo del libro – per fare, o Dio, la tua volontà”».

Non vengo con sacrifici a te non graditi ma con il rotolo del libro dove di me sta scritto. La salvezza, che tu hai operato, non ha altra risposta a te gradita se non quella di compiere quanto è scritto nel rotolo e che tu mi comandi di fare. Così infatti è scritto nel profeta Geremia: «In verità io non parlai né diedi comandi sull'olocausto e sul sacrificio ai vostri padri, quando li feci uscire dal paese d'Egitto. Ma questo comandai loro: Ascoltate la mia voce! Allora io sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo; e camminate sempre sulla strada che vi prescriverò, perché siate felici» (Gr 7,22-23). Con la sua incarnazione il Figlio di Dio non solo assume la nostra carne, ma fa sue tutte le divine Scritture per adempierle fino alle parole che parlano del suo sacrificio. A questo Egli anela fin dal momento del suo concepimento.

8 Dopo aver detto: «Tu non hai voluto e non hai gradito né sacrifici né offerte, né olocausti né sacrifici per il peccato», cose che vengono offerte secondo la Legge, 9 soggiunge: «Ecco, io vengo per fare la tua volontà». Così egli abolisce il primo sacrificio per costituire quello nuovo.

Il Cristo sa che la volontà del Padre è la sua immolazione; Egli deve passare attraverso la croce per distruggere il potere della morte. Egli deve portare se stesso nell’umanità assunta sulla via contraria a quella che ci ha allontanato da Dio fino ad affrontare la stessa morte. Egli, che abbraccia tutte le regioni dell’universo, deve giungere là dove sono i nostri nemici e sottometterli al suo potere. La Legge è terrena e non può sottomettere le potenze spirituali che ci dominano, può solo esorcizzarle. Solo Gesù, in forza della sua obbedienza sacrificale, sottomette tutti i suoi nemici, ultimo dei quali sarà la morte (cfr. 1Cor 15,26).

10 Mediante quella volontà siamo stati santificati per mezzo dell’offerta del corpo di Gesù Cristo, una volta per sempre.

La volontà di Gesù, fattosi obbediente fino alla morte di croce (cfr. Fil 2,8), è il principio della nostra santificazione. Dalla figura della Legge (il sangue delle vittime) siamo passati alla realtà evangelica (il sangue di Cristo); dalla santificazione promessa a quella realizzata. Tutto è avvenuto una volta per sempre in quanto la sua offerta è perfetta e per questo non cessa di essere sempre attuale.

Nota

La lettura di queste parole in prossimità del Natale, nella domenica dedicata alla Madre di Dio, ci porta a considerare come il sì di Gesù nel divenire uomo e il sì di Maria nell’accoglierlo nel suo grembo verginale è un sì congiunto e inscindibile alla volontà del Padre, che vuole che la Carne del suo Figlio, sigillata dalla Croce, penetri nei cieli e in tutti i mondi spirituali per portare la sua vittoria su tutte le Potenze, che, ribellatesi a Dio, hanno trascinato anche noi in questa disobbedienza. Il Padre ci ha veramente amato e non ci ha voluto in potere della morte; per questo ha dato il suo unico Figlio, ucciso dai vignaioli fuori della sua vigna, Israele. Si tratta per noi di entrare sempre più nel suo mistero, che è lo spazio della sua esistenza nel suo rapporto con il Padre e con noi e di uscire dagli spazi interiori della schiavitù in cui le varie forze spirituali avverse al Cristo ci tengono schiavi mediante il gioco illusorio dell’inganno delle fantasie passionali, di cui si servono i dominatori di questo mondo per illuderci con una libertà illusoria in modo che non diventiamo veramente liberi diventando discepoli del Cristo. La nostra lotta spirituale consiste nell’assimilare in noi la Carne del Cristo perché divenga principio della nostra vittoria spirituale. Una simile assimilazione si è avuta con il Battesimo, in cui siamo diventati con/corporei e consanguinei suoi, sue ossa e sua carne, e, nella forza dello Spirito Santo, effuso in noi, si attua nei divini Misteri in cui la Parola e la sua Carne si uniscono in unità inscindibile come rivelazione della volontà del Padre da noi accolta e attuata. Vi sono coloro che spiano la nostra libertà e con promesse ingannatrici ci vogliono togliere dal Cristo perché ricadiamo di nuovo nella schiavitù.

CANTO AL VANGELO Lc 1,38

R/.  Alleluia, alleluia.

Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola.

R/.  Alleluia.

VANGELO Lc 1,39-48

  Dal vangelo secondo Luca

39 In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.

Si alzò. Maria si alza per la potenza dello Spirito Santo, che è in lei. Tutto quindi avviene nello Spirito ed è pieno del mistero del Cristo. In fretta. Il termine sottolinea un'ardente premura che nasce dall'amore, oppure può nascere dalla brama di possedere subito qualcosa che è promesso; vedi Mc 6,25: Salome rientra subito in fretta dal re per chiedere la testa di Giovanni Battista. In tal modo due donne accorrono con sollecitudine da Giovanni: una alla sua nascita, Maria, e una alla sua morte, Salome. Maria reca la vita e il bambino esulta di gioia riconoscendo il suo Signore, l'altra reca la morte. Verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Qui avviene la prima rivelazione del Cristo attraverso la madre, come la sua nascita avverrà nella città di Betlemme, sempre in Giudea, come è scritto: Conosciuto è Dio in Giudea, in Israele è grande il suo nome (Sal 75,2 Vulg.).

40 Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta.

Come il precedente, l'Annunciazione, anche questo racconto è incentrato sul saluto. Maria, che, salutata dall'Angelo, saluta Elisabetta; di nuovo il cielo è congiunto con la terra. Maria, che è ripiena dello Spirito, comunica con il suo saluto lo Spirito al bimbo che è nel grembo di Elisabetta. Come Maria, anche il cristiano più vive la sua realtà umana (nei gesti e nelle parole) più fa fiorire lo Spirito. Nella realtà umana, purificata dalle passioni ingannatrici, si rivela e si comunica lo Spirito attraverso il modo semplice e usuale di vivere.

41 Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo 42 ed esclamò a gran voce:

Sussultò, «traduce un verbo greco che significa anche salto, balzo, tripudio, imbizzarrisco (di cavalli) e si trova pochissime volte nella traduzione greca della Bibbia, ma in contesti tutti importantissimi: Gn 25,22: sussultavano (trad.: si urtavano) i bimbi in lei. Nel seno di Rebecca, anche lei miracolosamente liberata dalla sterilità, i due gemelli Esaù e Giacobbe, si oppongono l'uno all'altro, secondo l'oracolo del Signore: «il minore dominerà il maggiore» (Gn 25,23); Sal 113,4-6: Le montagne saltellarono come arieti; Sap 17,19: l'invisibile corsa di animali scalpitanti. In questi due luoghi il contesto è di gioia delirante per la  liberazione dalla schiavitù dell'Egitto, in cui sono travolti con il popolo dei salvati tutti gli elementi fisici. Mal 3,20: Uscirete come saltellanti  vitelli di stalla. È la gioia provocata dal sorgere del sole di giustizia» (note di sr Maria Gallo, 1972). Il motivo prefigurato in Gn 25,22 e nei testi della gioia escatologica determina l'uso del vocabolo in Luca: il movimento naturale del bambino nel seno materno è la gioia escatologica per l'epifania del Cristo (GLNT, Fitzer). Elisabetta fu colmata di Spirito Santo. Il bambino riceve lo Spirito dal Signore e lo comunica alla madre, come profeta è santificato fin dal seno materno e questa santificazione si comunica anche alla madre. Di diversa opinione è d. U. Neri: «Elisabetta sente la voce, e attraverso Elisabetta giunge al battista la voce di Maria; non tanto dal Battista a Elisabetta ma da Elisabetta al Battista. Elisabetta è animata dallo Spirito Santo a interpretare il muoversi del bimbo nel suo seno» (appunti di omelia, 1973). Ed esclamò a gran voce. La voce di Maria (44) media l'effusione dello Spirito Santo, Spirito di esultanza, e in questo momento si compie la profezia dell'Angelo (v. 13). Come non si può dire il Nome di Gesù se non nello Spirito Santo, così non si può riconoscere in Maria la madre del Signore, se non nello Spirito Santo. «Le tre azioni: sussultò, fu piena di Spirito Santo, esclamò, sono tre azioni istantanee: saltò il bimbo, fu ripiena la madre di Spirito ed esclama. Si coglie in qualche modo lo sforzo della lingua umana di esprimere la semplicità dell'operazione divina che è trinitaria: è esplicita la menzione del Signore Gesù e dello Spirito, il passivo di riempire suggerisce la presenza del Padre» (note di sr Maria Gallo, 1972). «Esclamò (mandare grida, gridare). Nella Settanta (la traduzione greca) è usato in 1Cr 15,28; 16,4-5; 2Cr 5,13. Nei luoghi citati è un verbo del culto, è lo strepito degli strumenti musicali e delle voci del popolo e dei cantori stabiliti a questo ufficio che lodano Dio e particolarmente lo lodano per il trasporto dell'arca a Gerusalemme in mezzo al suo popolo: l'arca è la presenza stessa di Dio (1Cr 15,16). Il racconto delle Cronache è solo profezia della realtà che ora si compie. Non Davide, non i leviti, ma Elisabetta, di stirpe sacerdotale, ha incontrato per la prima volta la vera arca santa di Dio e l'ha riconosciuta nello Spirito Santo» (note di Sr Maria Gallo, 1972). In questo grido esplode tutta l'attesa d’Israele. La sposa esulta nell'avvicinarsi dello sposo. In Elisabetta, da sterile resa feconda, è messa fine alla sterilità della sposa causata dalla sua infedeltà a Dio: Esulta, o sterile, che non hai partorito, prorompi in grida di giubilo e di gioia, tu che non hai provato i dolori (Is 54,1).

«Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!

Benedetta tu fra le donne. Ogni donna d'Israele vedeva nella benedizione del proprio corpo un segno attivo della grazia operante di Dio; tanto più la madre del Messia è la benedetta fra le donne. Questa benedizione richiama Gdt 13,18: «Benedetta sei tu, figlia, davanti al Dio altissimo più di tutte le donne che vivono sulla terra e benedetto il Signore Dio che ha creato il cielo e la terra». Nella seconda parte della benedizione Elisabetta dice: e benedetto il frutto del tuo grembo. Il Dio altissimo, che ha creato il cielo e la terra, è diventato frutto del grembo di Maria. In tal modo si realizza la parola del Deuteronomio (28,4): Benedetto sarà il frutto del tuo seno. Vedi anche Gdc 5,24: Sia benedetta fra le donne Giaele, la moglie di Eber il Kenita, benedetta fra le donne della tenda!

44 A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?

A che cosa devo (lett.: donde). Indica l'origine divina della rivelazione. È lo Spirito Santo che le ha rivelato, in Maria, la Madre del suo Signore. Davanti a Maria, che pure si è dichiarata piccola, Elisabetta si dichiara indegna di accogliere la madre del suo Signore. Elisabetta riconosce dunque la presenza tanto attesa del Cristo e la saluta con questo forte grido che è il compimento dell’attesa.

44 Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo.

Di gioia. «Nel V.T. il termine s’incontra in contesti escatologici e messianici. Sal 44,7: ti unse Dio ... con l'olio della gioia; 15: in letizia e gioia (vedi Eb 1,9): è il Cristo che è stato unto dal Padre con l'olio dell'esultanza, con l'unzione dello Spirito (cfr. At 2,33) e l'ha effuso. Ancora questa associazione di Spirito Santo ed esultanza nel Sal 50,12: non togliermi il tuo Spirito Santo, rendimi l'esultanza della tua salvezza. Infine in molti contesti relativi al ritorno dell'esilio e la ricostituzione finale si trova questa particolare esultanza: Sal 125,2; Is 51,11» (note di sr Maria Gallo, 1972). In tal modo Elisabetta e Giovanni nel suo seno sono ripieni di questa letizia ed esultanza che si esprime con segni esterni: nel figlio con il sussultare nel grembo e nella madre con il saluto espresso in un grido grande. Non è più il tempo dell’attesa ma della Presenza.

45 E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Maria, come Abramo, è modello di fede, con la sua adesione alla Parola del Signore, accolta e creduta. Tutto il suo essere si raccoglie nella Parola in una totale adesione. In questo Maria trova la sua gioia che poi comunica alle creature.

Note

«Alzatasi, sorgendo: mi pare importante perché è sì una parola di uso comune, però non posso non vedervi il primo atto dell’universo nuovo e della risurrezione. E corre a santificare Giovanni. Ci sono sempre delle singolari simmetrie tra i racconti dell’infanzia e della passione e risurrezione. Vedi i tre «Gioisci» dell’angelo, dei soldati e di Cristo alle donne: l’incarnazione, la passione e la risurrezione. La prima parola di Elisabetta è la stessa di Pilato (donde Lc 1,43; Gv 19,9: pothen). Elisabetta ha la rivelazione piena. La fede è specificata: fede in che cosa? In quel fatto specifico dell’incarnazione» (D.G. Dossetti, appunti di omelia).

PREGHIERA DEI FEDELI

C. Preghiamo nella pace del Signore, di cui stiamo per vedere la gloria del suo Natale nella povertà del presepe, e diciamo: Signore ti preghiamo, ascoltaci.

 Per la vera pace che scende dall’alto su tutti gli uomini, che Dio ama, e per la loro salvezza, preghiamo

 Per ogni cristiano provato, che ha bisogno del soccorso e della misericordia di Dio, per il ritorno degli smarriti, la guarigione degli ammalati, la liberazione di coloro che ingiustamente sono privi della loro libertà, preghiamo.

 Perché il Signore ci visiti come sole che sorge dall’alto e ci doni la sua misericordia, preghiamo.

 Perché esaudisca la nostra preghiera e ogni uomo veda la salvezza del nostro Dio, preghiamo.

C. O Dio, che hai scelto l'umile figlia d’Israele per farne la dimora del Figlio tuo, dona alla Chiesa una totale adesione al tuo volere perché con Maria esulti per la tua salvezza in perenne cantico di lode. Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Creatore del Cielo e della Terra

Un’altra fondamentale affermazione di fede nel credo degli apostoli è che DIO è il creatore del cielo e della terra.
Il credo di Nicea-Costantinopoli esplicita che è creatore delle cose visibili ed invisibili. Nella Bibbia l’espressione “cielo e terra” significa tutto ciò che esiste cioè l’intera creazione. Ora riflettiamo su quello che ciò può significare:
la terra è il mondo degli uomini; mentre l’espressione “Il cielo” o “i cieli” può avere vari significati: può indicare il firmamento o il luogo proprio di Dio (nel “Padre nostro” diciamo: Padre Nostro che sei nei cieli) o il luogo escatologico dove saranno i salvati o il luogo delle creature spirituali cioè gli angeli che circondano Dio.
Da questo derivano altre verità di fede!
E’ verità di fede che esistono gli Angeli! La loro esistenza è chiaramente testimoniata in moltissime occasioni sia nella Bibbia dove essi annunciano il piano salvifico di Dio e la sua realizzazione, comunicano la legge, guidano il popolo di Dio, assistono i profeti, annunciano nascite e vocazioni (solo alcune, le più familiari: l’Angelo che ferma la mano di Abramo impedendogli di sacrificare suo figlio Isacco; l’Arcangelo Gabriele che annunzia a Maria il progetto di Dio; gli angeli che annunciano ai pastori la nascita di Gesù) sia dalla Tradizione Cristiana (pensate all’Angelo Custode che ognuno di noi ha, che ci accompagna, che ci protegge e che è il nostro pastore (San Basilio di Cesarea); pensate, in tempi più recenti, all’Angelo che apparendo ai tre Pastorelli di Fatima dice “Io sono l’ “Angelo del Portogallo”, facendoci capire che ogni Nazione ha il suo Angelo Custode !
Di conseguenza dobbiamo credere anche all’esistenza del Diavolo che era un angelo creato da Dio, buono come gli altri angeli, ma che liberamente si è trasformato in malvagio rifiutando “irrevocabilmente”, per invidia, il suo regno.
Ma, per nostra fortuna, la sua potenza non è infinita perché è sempre una creatura di Dio e non può impedire la realizzazione del Suo regno; però può sempre ostacolarne la realizzazione tentando gli uomini a rifiutarLo e a odiarLo.
L’azione del Diavolo causa danni di natura spirituale e a volte anche di natura fisica (ricordiamo, nei racconti Evangelici, gli esorcismi che effettua anche Gesù e gli esorcismi che ci testimonia la tradizione della Chiesa). Questa sua azione che provoca danni all’uomo e alla società è permessa da Dio, e questo è un mistero. Ma dobbiamo anche pensare che comunque è DIO che guida la storia dell’uomo e del mondo con fermezza e misericordia e quindi anche se lo permette dobbiamo abbandonarci con fiducia al suo Disegno.
Dio ha creato il mondo visibile in tutto il suo splendore, in tutta la sua varietà e in tutto il suo ordine. La Bibbia rappresenta la creazione in un susseguirsi di sei giorni di lavoro “Divino” e di un giorno “il settimo” di riposo. (Ce ne sarebbe un “ottavo” che è quello della Resurrezione di Cristo che da inizio alla nuova creazione). Noi crediamo che non esiste nulla che non debba la sua esistenza a DIO Creatore ! Il mondo ha avuto inizio quando è stato tratto dal nulla dalla Parola di Dio. Ogni creatura ha una propria bontà e una sua perfezione “e Dio vide che ciò era buono”. Le varie creature riflettono, ognuna a suo modo, un raggio dell’infinita sapienza e bontà di Dio; per questo motivo l’uomo deve rispettare ogni creatura ed evitare un uso disordinato delle cose. Riflettiamo sul dovere morale e cristiano dell’ “ecologia” vera, del rispetto della natura che viene tutti i giorni violentata e distrutta per i propri fini non pensando che questo mondo Dio ce lo ha dato in uso, per cui dobbiamo lasciarlo almeno così come è, se non migliorato, ai nostri figli ! Disprezzare la natura, oltre disprezzare Dio, comporta conseguenze nefaste anche per gli uomini e per l’ambiente perché le creature, come ha voluto Dio, sono interdipendenti tra di esse: nessuna creatura basta a se stessa, esse devono completarsi le une con le altre. Ma al vertice della creazione c’è l’uomo, anche se Dio ama tutte le sue creature ! Questo lo si capisce dal fatto che Dio ha creato l’Uomo distinguendo la sua creazione nettamente dal quella delle altre creature. “ DIO creò l’uomo a sua immagine: a immagine di Dio lo creò, maschio e femmina li creò”. L’uomo è speciale perché unisce nella sua natura il mondo spirituale e quello materiale; l’unità dell’anima e del corpo è così profonda che si deve considerare l’anima come la “ forma” del corpo e questo comporta che grazie all’anima spirituale il corpo composto di materia è un corpo umano e vivente: lo spirito e la materia, nell’uomo, non sono due nature congiunte, ma la loro unione forma un’unica natura. Ogni anima spirituale è creata direttamente da Dio, non è prodotta dai genitori, ed è immortale ! Soltanto l’uomo è capace di conoscere e amare il proprio Creatore ed è l’unica creatura che Dio ha voluto per se stessa, che ha chiamato a condividere nella conoscenza e nell’amore la vita di Dio. E’ stato creato per questo ed è la ragione fondamentale della sua dignità. L’uomo non poteva che vivere questa amicizia che come libera sottomissione a Dio: questo è il significato del divieto di mangiare dell’albero del bene e del male; l’albero della conoscenza del bene del male è il limite invalicabile che l’uomo deve riconoscere e rispettare in quanto, comunque, è creatura ! L’Uomo, quindi, dipende dal Creatore, è sottomesso alle leggi della creazione e alle leggi morali che regolano l’uso della libertà. Ma l’uomo, tentato, è vero, dal Diavolo, rifiuta questa magnificenza che gli era stata donata, spegne nel suo cuore la fiducia verso il suo Creatore e abusando della sua libertà “disobbedisce” a Dio. In questo è consistito il peccato dell’uomo (dopo quello del Diavolo): una mancanza di fiducia nella bontà di Dio. L’uomo ha preferito se stesso a Dio e quindi Lo ha disprezzato; si è ribellato alla sua condizione di creatura e non ha capito che il suo Creatore lo aveva già creato in uno stato di santità, destinato a essere divinizzato da Dio nella sua gloria. Sedotto dal Diavolo, ha voluto diventare come Dio, senza Dio e anteponendosi a Dio “non secondo Dio!” Le conseguenze come sappiamo saranno drammatiche ! Si perde immediatamente la grazia della santità originale portando nel mondo il peccato ! La morte entra nell’umanità. La natura umana è indebolita nelle sue forze, sottoposta all’ignoranza, alla sofferenza e al potere della morte; diventa incline al peccato. Questo peccato originale ci viene trasmesso insieme alla natura umana non per imitazione ma per propagazione e quindi è proprio a ciascuno. Ma Dio nella sua infinita bontà e misericordia ci ha messo rimedio mediante Gesù Cristo che con la sua passione e morte ha sconfitto il peccato ridandoci quella dignità di figli di Dio. (E’ L’ottavo giorno!)
IMPEGNO: Poiché tutti abbiamo un nostro angelo come protettore, pastore e compagno di viaggio, preghiamolo e chiediamo il suo aiuto e anche la sua protezione.


Gabriele Milano

di Luigi Filice

“Adesso è Natale!”. Solitamente ce lo ricorda qualche spot di panettoni già a fine novembre, cercando di importare qualche tradizione nordica che, per fortuna, stenta a farsi strada. Ma dall’Immacolata è un'altra cosa: le case e le strade si riempiono di luci e il salato delle ciambelle fritte diviene preludio d’Avvento più che il dolce del Pandoro.
Ma cos’è l’Avvento per un giovane, sempre preso dai mille problemi di questo ingeneroso terzo millennio, e che vede la Chiesa talvolta sganciata da quello stesso mondo in cui è costretto a barcamenarsi?

Beh, dipende! Dipende dalla predisposizione d’animo. Il giovane è capace di gesti inconsulti o di una profondità inaspettata. Lo sa bene una società a parole filo-giovanile ma nei fatti, almeno in Italia, dipinta di una gerontocrazia imbarazzante…

Allora, ci si lasci passare l’idea che la capacità di vivere l’Avvento sia proporzionale a quella di estraniarsi dalla contingenza.

Vi proponiamo una prova, che il Natale che arriva ci consente di fare, coi suoi simboli e le sue allegorie.
Concediamoci un po’ di tempo a riflettere, senza fretta e senza l’assillo degli smartphone, di fronte al presepe che abbiamo in casa. Portiamoci con la mente a quella notte magica in cui Gesù è venuto alla luce. Immaginiamo di essere lì, in compagnia dei pastori, attendendo il vagito di quel Dio che ha rotto ogni schema della storia, divenendo uguale alle sue creature.

E, nel freddo della notte di Betlemme, come i pastori, stupiamoci di questo miracolo che ha cambiato anche la nostra vita.

Non è successo nulla? Forse sentiamo un calore dentro che si diparte dal nostro cuore o forse no. Comunque il test ha avuto successo: abbiamo fatto spazio, nella nostra vita, al Signore che viene.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Novena di Natale
La Novena di Natale si terrà dal 17 al 24 dicembre con i seguenti orari:
ore 07,00 – Santa Messa con Novena
ore 08,00 - Rosario
ore 17,30 – Rosario e Vespri
ore 18,00 – Santa Messa con Novena
ore 20,30 – Novena con compieta
Durante i giorni della Novena, eccetto il venerdì, le Messe delle ore 09,00 sono sospese.

Presepe Vivente
Le due parrocchie di Castrolibero “SS. Salvatore” e “Santa Famiglia”, insieme alla Confraternita “SS. Sacramento e San Giovanni Battista”, all’Istituto Comprensivo Statale, all’Istituto di Istruzione Superiore, ed al “Comitato Fontanesi”, hanno organizzato il Presepe Vivente nel Centro storico di Castrolibero. Il Presepe è visitabile dalle ore 16,00 alle ore 20,30. Nei giorni 26 e 30 dicembre e 6 gennaio, dalle ore 18,00, ci saranno rappresentazioni sceniche itineranti.

Presepe nelle case
Sono disponibili i modelli per richiedere che vengano fotografati i presepi realizzati nelle case in occasione del Santo Natale. I modelli, debitamente compilati vanno consegnati al Parroco o in Segreteria. Le foto dei presepi più belli verranno pubblicati sul sito parrocchiale.

Scuola per catechisti
Martedì 18 alle ore 19, incontro per la scuola di catechisti, il corso di studi tenuto dal diacono Nino Dodaro. Il tema dell’incontro di questo mese è: “Il Credo: porta della fede”.

Confessioni
Giovedì 20 dicembre ritornerà dalla Nigeria don Patrick che si fermerà in mezzo a noi fino al 28 dicembre. La sua presenza sarà un ulteriore aiuto per le confessioni che vedranno don Gianni, don Vittorio e lo stesso don Patrick disponibili tutti i giorni nei seguenti orari: 9,00/11,00 e 16,30/19,00.

Luce di Betlemme
Sabato 15 dicembre, per iniziativa del gruppo Masci e dell’Agesci della nostra parrocchia, intorno alle ore 23,00, è arrivata nella nostra Parrocchia la luce di Betlemme, simbolo di Amore, Pace e Fratellanza. Per tutto il periodo di Natale, alla fine di ogni Messa, quanti vorranno potranno accendere alla lampada una luce da portare a casa.

Messa Polo Scolastico
Sabato 22 alle ore 10, presso il polo scolastico di Castrolibero, sarà celebrata la messa per gli alunni ed insegnanti. Celebrerà padre Antonio, che ritorna in mezzo a noi dopo la missione di marzo. Altri sacerdoti saranno a disposizione per le confessioni.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Novena di Natale
La Novena di Natale si terrà dal 17 al 24 dicembre con i seguenti orari:
ore 07,00 – Santa Messa con Novena
ore 08,00 - Rosario
ore 17,30 – Rosario e Vespri
ore 18,00 – Santa Messa con Novena
ore 20,30 – Novena con compieta
Durante i giorni della Novena, eccetto il venerdì, le Messe delle ore 09,00 sono sospese.


Offerta floreale a Maria
Sabato 8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione, dopo la celebrazione solenne della Santa Messa delle ore 11,30, ci sarà il tradizionale omaggio floreale alla Madonnina posta sul tetto della Chiesa. Al termine, come ringraziamento, reciteremo insieme l’Angelus Domini.

L’Angelo del Signore portò l’annuncio a Maria
Ed ella concepì per opera dello Spirito Santo
Ave Maria…
Ecco la serva del Signore
Sia fatto di me secondo la tua parola
Ave Maria…
E il verbo si è fatto carne
E abitò fra noi
Ave Maria…
Prega per noi, santa Madre di Dio
Perché siamo fatti degni
delle promesse di Cristo
Preghiamo: Infondi nel nostro spirito la tua grazia, Signore: tu che all’annuncio dell’Angelo ci hai rivelato l’incarnazione del tuo Figlio, per la sua passione e la sua croce, guidaci alla gloria della risurrezione.
Per Cristo nostro Signore. Amen.


Incontro Giovani
Domenica 9 dicembre alle ore 19,00 il Padre Arcivescovo incontrerà tutti i giovani della forania delle Serre Cosentine a Dipignano. Il Padre Arcivescovo invita caldamente tutti i giovani a partecipare all’evento.


Giornata Parrocchiale della Carità
La terza domenica del mese è dedicata alla carità. Sabato 15 e domenica 16 ci sarà la raccolta organizzata dalla Caritas Parrocchiale. Chi vuole, in modo particolare i bambini, potrà portare in Chiesa alimenti a lunga conservazione che verranno distribuiti alle persone bisognose.


Lampada di Betlemme
Sabato 15 dicembre, per iniziativa del gruppo Masci e dell’Agesci della nostra parrocchia, intorno alle ore 23,00, arriverà nella nostra Parrocchia la luce di Betlemme, simbolo di Amore, Pace e Fratellanza. Per tutto il periodo di Natale, alla fine di ogni Messa, quanti vorranno potranno accendere alla lampada una luce da portare a casa.


Adorazione Comunitaria
Giovedì 13 dicembre alle ore 19,00, guidata ed animata dal gruppo del Rinnovamento nello Spirito, ci sarà nella nostra Parrocchia un’ora di adorazione comunitaria aperta a tutti ed in modo particolare al mondo giovanile.


Messa Prefestiva del 15 Dicembre
Sabato 15 dicembre la nostra Comunità vive un momento di gioia per il matrimonio, uno al mattino ed uno nel pomeriggio, di due coppie di sposi. La messa pomeridiana del matrimonio coincide con la Messa vespertina prefestiva.

 

di Pasquale Sicilia

@Pontifex: nonostante il suono sinistro, questo è lo spazio, il cosiddetto profilo, che papa Benedetto XVI ha su Twitter, uno dei più famosi e frequentati social network presenti in rete.

Il profilo è stato messo online il 3 dicembre scorso e, nonostante sia presente in ben otto lingue, da allora nessun tweet (“cinguettio” = aggiornamento di stato = messaggio) è arrivato ai suoi “follower”, ovvero a tutti coloro che ricevono in automatico gli aggiornamenti di stato del papa, che per il solo profilo in lingua italiana sono quasi 80mila (numero destinato a crescere nelle prossime settimane).

Ma cosa significa avere il papa su Twitter? Può innanzitutto rispondere all’esigenza pratica di avere una posizione ufficiale nel social network, poiché non pochi sono i falsi profili che sono stati aperti a nome di Benedetto XVI nel corso del tempo. Parimenti, può anche e soprattutto assolvere alla funzione di evangelizzazione e probabilmente la sua giustificazione sta tutto in questo.

C’è da dire che i più grandi – ma anche i più piccoli – personaggi pubblici contemporanei hanno oramai un profilo sui social network. Esso viene spesso utilizzato per “avvicinare” il personaggio alla gente, per condividere idee, ragionamenti, ma anche momenti della vita quotidiana. E per la grande portata che una singola comunicazione può avere, raggiungendo nei casi più eclatanti anche milioni di persone, molte volte succede che dietro questi profili si celino veri e propri professionisti della comunicazione, più che la singola persona vera e propria.

Ora, non sappiamo se sarà il papa stesso in persona che, prima di andare a letto, prenderà il suo smartphone di ultima generazione e invierà un messaggio di 140 caratteri (il massimo consentito su Twitter) al mondo intero. Certo è che la cosa non poteva passare inosservata, sia per chi è cattolico, sia per chi cattolico non lo è, e sia per chi, cattolico o no, ha semplicemente voglia di porgli una domanda – più o meno scherzosa. Infatti “#faiunadomandaalpapa” è diventato uno degli hashtag (= argomenti) più utilizzati in Twitter. Si va dal «cosa fai a capodanno?», a battute ironiche, a interrogativi anche di un certo spessore a riguardo della fede (clicca qui per vedere qualche esempio https://twitter.com/search?q=%23faiunadomandaalpapa&src=tyah). Ma ad ora nessuna risposta. C’è addirittura chi ha incominciato a scommettere sul primo tweet di Benedetto XVI, sulla data, sul contenuto.

Insomma, il papa su Twitter ha suscitato un gran bell’interesse, nel bene e nel male, che secondo gli esperti di comunicazione scemerà nel tempo, per lasciare spazio a quei pochi – che probabilmente tanto pochi non saranno – che mostreranno un interesse positivo e costruttivo nei confronti della cosa. Quello che si spera è che comunque questo possa essere davvero – e semplicemente – uno strumento di evangelizzazione adatto a raggiungere persone che non verrebbero raggiunte altrimenti.

(domeniche precedenti) 


 

DOMENICA “GAUDETE” - C

Contemplato dai profeti,
ebbrezza dei giusti,
glorioso nella tua forza,
o Figlio dell’Altissimo,

in te è la pienezza di Dio,
o Sposo, che vieni a Sion,
Vergine e Madre tua,
tacito nel tuo amore.

O tutta Pura, Egli attende,
dà il tuo assenso, Sion,
Egli viene per salvare
la stirpe di Adamo e tua.

Venite, popoli, bevete
alle fonti della salvezza,
bevete con canti di gioia,
il Signore nostro è vicino.

PRIMA LETTURA Sof 3,14-18

Dal libro del profeta Sofonìa

14 Rallègrati, figlia di Sion,
grida di gioia, Israele,
esulta e acclama con tutto il cuore,
figlia di Gerusalemme!

Questa breve pericope fa parte della sezione riguardante le promesse (3,9-20): conversione dei popoli (9-10: il labbro puro per invocare il nome del Signore); il resto d’Israele, un popolo umile e povero, come un gregge (11-13); Sion (14-18); i dispersi ritornano (18b-20).
Sion - Gerusalemme rappresenta il centro di questa sezione: è il luogo dove convergono i popoli e i dispersi d’Israele. Essa sarà abitata dai poveri del Signore.
Rallegrati (lett.: canta), grida di gioia o Israele, esulta e acclama con tutto il cuore, i quattro verbi esprimono gioia piena, traboccante e non contenibile. Da Sion - Gerusalemme essa investe tutto Israele e riempie tutto l’intimo (il cuore) senza lasciare uno spazio di tristezza o di dubbio.

15 Il Signore ha revocato la tua condanna (lett.: ha allontanato i tuoi giudizi),
ha disperso il tuo nemico.
La gioia scaturisce dalla redenzione. Il primo atto della redenzione è la revoca della condanna, da parte del Signore. Essi sono giudizi di condanna che si esprimono con la presenza del nemico come oppressore e tiranno.
Nella pienezza della redenzione sono tolti quei nemici di cui parla l’apostolo nella prima lettera ai Corinzi (15,25-27): Bisogna infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L'ultimo nemico ad essere annientato sarà la morte, perché ogni cosa ha posto sotto i suoi piedi.

Re d’Israele è il Signore in mezzo a te,
tu non temerai più alcuna sventura (lett.: il male).

Al v. 5 dice: Il Signore giusto è in mezzo a te ora la chiama il Re d’Israele. Quando Egli compie il giudizio è il Signore giusto che esercita la giustizia, dopo è il Re d’Israele che manifesta la sua regalità e ne fa partecipi i suoi eletti, come in più passi dà testimonianza la divina Scrittura.
Nell’uno e nell’altro passo il Signore compie le sue operazioni stando in mezzo a Sion, cioè abitando in essa. Questa è la motivazione per cui avvengono la redenzione, il ritorno dall’esilio e la gioia piena e traboccante. Tutti ci raduniamo dove è il Signore (cfr. Mt 24,26-28). Egli è il punto di attrazione di tutto l’universo sia visibile che invisibile. La forza di attrazione è la stessa speranza e più ci avviciniamo a Lui, che già è in mezzo a noi, più il nostro cuore si riempie di pienezza di vita e quindi di gioia.
Nello stesso tempo il Cristo procede nella sua corsa vittoriosa lieto come un eroe di correre la sua via (cfr. Sal 18,6). L’apostolo insegna: E quando tutto gli sarà stato sottomesso, anche lui, il Figlio, sarà sottomesso a Colui che gli ha sottomesso ogni cosa, perché Dio sia tutto in tutti (1Cor 15,28). Questa presenza piena di Dio esclude qualsiasi male.

16 In quel giorno si dirà a Gerusalemme:
«Non temere, Sion, non lasciarti cadere le braccia!

In quel giorno il giorno del Signore, giorno del giudizio sui nemici e della redenzione per il suo popolo. Il Signore annuncia la sua grazia a Sion e quindi la sua liberazione. Questa avviene non in virtù dell’innocenza del popolo ma della misericordia del Signore.
La prima parola che il Signore dice alla sua sposa, è: Non temere, cioè cessa di avere paura di coloro che ti opprimevano e rendevano infelice la tua sorte; essi sono scomparsi; non lasciarti cadere le braccia, in segno di scoraggiamento, proprio di chi pensa che non ci sia più nulla da fare (cfr. Is 13,7).
«Nei versetti 15-16 si dice per ben tre volte che Sion non deve aver paura, questo per rafforzare il discorso» (M. Bolà) e anche perché è talmente grande la sofferenza e la rassegnazione alla propria sorte di sventura che ci vuole del tempo a cambiare il sentire dalla tristezza alla gioia.

17 Il Signore, tuo Dio, in mezzo a te
è un salvatore potente.

Il Signore tuo Dio, Egli è l’Emmanuele il Dio con noi. Nel momento stesso in cui Egli diviene il nostro Dio, cioè si relaziona con noi in forza dell’alleanza, Egli diviene il Salvatore.
Salvatore potente (lett.: eroe che salva). Di fronte al Signore non resistono i nemici e non possono più dominare perché sono vinti per sempre (cfr. Ap 20,14-15: la morte e gli inferi furono gettati nello stagno di fuoco. Questa è la seconda morte, lo stagno di fuoco. E chi non era scritto nel libro della vita fu gettato nello stagno di fuoco).

18 Gioirà per te,
ti rinnoverà con il suo amore,
esulterà per te con grida di gioia».

Gioirà per te. Alla gioia di Gerusalemme, del popolo dei poveri redenti (cfr. Sal 67,4), corrisponde la gioia del Signore che ha vinto i suoi nemici.
Ti rinnoverà con il suo amore (ti rinnoverà, secondo la Settanta; il testo ebraico dice: tacerà). L’espressione greca, accolta nella traduzione italiana, rivela come l’amore, che Dio ha per il suo popolo, sia la sorgente che rinnova incessantemente Gerusalemme e la fa essere la Sposa del Signore.
Il testo ebraico esprime una gradualità: dapprima il Signore tacerà (non vorrà ricordare i peccati d’Israele) per il grande amore e poi esploderà in grida di gioia. Sia il silenzio che il gridare di gioia, in Dio tutto è amore.
Anche oggi il silenzio di Dio non è la sua assenza ma il suo amore. Coloro che lo amano lo capiscono e lo traducono in amore verso tutti gli uomini in attesa che il suo grido di gioia trasformi tutto l’universo.
Il grido del Signore è sia di sfida contro il suo e nostro avversario ed è di gioia per la vittoria certa e per la redenzione del suo popolo.
Come nei giorni di festa, il popolo nell’esilio non conosceva più le feste. Ora le celebra con il Signore nella sua gioia traboccante e nella pienezza della redenzione.

Note

Il passaggio dagli interventi divini nella storia d’Israele e della Chiesa all’intervento ultimo della definitiva redenzione risulta evidente. Il testo vuole rilevare come questo ultimo intervento sia operato da Dio in una situazione che è caratterizzata dalla mitezza e dalla povertà (sono i poveri del Signore che vengono redenti) e dall’altra dall’incontenibile amore di Dio che non può più ritardare la piena redenzione del suo popolo.
Il brano perciò è percorso da un fremito di gioia sia nei redenti come nel Signore. Il giudizio a causa dei peccati è superato dalla misericordia, il nemico scompare e resta solo il Signore nel suo silenzio pieno di amore, quasi trepidante preludio di una parola che potrebbe essere di condanna, come nell’episodio della peccatrice davanti a Gesù in Gv 8,9-10 (Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi. Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. Alzatosi allora Gesù le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?») e che invece si trasforma in un grido incontenibile di gioia, come quello del Padre per il figlio che ritorna a casa.
Il brano non vuol certo portarci alla leggerezza di fronte al peccato, ma al contrario alla sua detestazione come assurdo, proprio perché è la negazione dell’amore incontenibile e gioioso di Dio che non attende altro che invadere la nostra esistenza per provocare in noi la sua stessa gioia.

 

SALMO RESPONSORIALE Is 12,2-6

R/. Canta ed esulta, perché grande in mezzo a te è il Santo d’Israele.

2 Ecco, Dio è la mia salvezza;
[oppure: Ecco Dio, la mia salvezza!]
io avrò fiducia, non avrò timore,
perché mia forza e mio canto è il Signore;
egli è stato la mia salvezza. R/.

Ecco Dio, la mia salvezza! Il popolo contempla Dio, che si manifesta (ecco). Egli è chiamato la mia salvezza. Il titolo è più che salvatore. Colui che salva conduce alla salvezza, qui Dio stesso essendo la salvezza conduce in se stesso.

3 Attingerete acqua con gioia
alle sorgenti della salvezza.

Dopo il canto della redenzione, gli eletti giungeranno alle sorgenti della salvezza, cioè a quelle fonti da cui scaturisce l'acqua che reca la salvezza alla terra e agli esseri viventi che sono in essa.
Strappati dall'oppressore, i redenti s'imbatteranno subito in questi fonti e da esse attingeranno acqua con gioia.
Il nostro Maestro c'istruisce su queste fonti della salvezza che noi, da Lui redenti, troviamo subito.
Alla samaritana, da Lui incontrata alla sorgente di Giacobbe, il Signore dichiara: «Chiunque beve di quest'acqua avrà ancora sete; chi invece beve dell'acqua che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla verso la vita eterna» (Gv 4,13-14). Chi crede porta in sé questa sorgente e da essa attinge con gioia sempre.
Zampillando fino alla vita eterna, questa sorgente dona la salvezza perché innalza il nostro spirito dalla schiavitù dell'attuale situazione fino alla vita eterna.
Questa sorgente, che dona la salvezza, è lo Spirito Santo, attinto con gioia nell'intimo di se stessi e comunicato perché ognuno di noi sarà sorgente di salvezza per l'altro (cfr. Gv 7,39 nella lettura patristica: dal seno del credente sgorgheranno fiumi d’acqua viva).

4 Rendete grazie al Signore e invocate il suo nome,
proclamate fra i popoli le sue opere,
fate ricordare che il suo nome è sublime (lett.: si è innalzato). R/.

Lodate il Signore, gridate il suo Nome. Esperimentando la redenzione e dissetati alle sorgenti, che danno salvezza, i redenti si solleciteranno a vicenda nella lode e nella proclamazione del Nome ricordando tutte le meraviglie compiute dal Signore nella sola forza del suo Nome. È Lui che ha liberato il suo popolo e non c'era con Lui alcun dio straniero (Dt 32,12).
Fate conoscere tra i popoli le sue imprese. «Imprese sono quelle opere grandiose e che incutono timore, scaturite da un consiglio profondo (cfr. 1Sm 2,3)» (Hacam).
Fate ricordare ai popoli che il suo Nome si è innalzato. Il popolo redento da tremendi tiranni è perenne memoriale tra i popoli della forza del Nome del Signore. Il suo Nome era stato profanato a causa dei peccati del popolo, ora invece è esaltato perché è giunta l'ora della redenzione.

5 Cantate inni al Signore, perché ha fatto cose eccelse,
le conosca tutta la terra.
6 Canta ed esulta, tu che abiti in Sion,
perché grande in mezzo a te è il Santo d’Israele. R/.

Il popolo di Dio sparso in tutta la terra, in mezzo ai popoli, fa conoscere a tutti le cose eccelse. Il centro propulsore di questa lode universale è Sion. Nella visione d’Isaia da Sion s’irradia l’annuncio in tutti i popoli. Questa visione è ripresa dall’evangelista Luca sia nel suo Evangelo che negli Atti degli apostoli.

SECONDA LETTURA Fil 4, 4-7

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi

Fratelli, 4 siate sempre lieti nel Signore, ve lo ripeto: siate lieti.

Siate sempre lieti nel Signore. Essere nel Signore, ed essendo in Lui, sentire quello che è in Lui (2,5) porta a gioire sempre, in ogni situazione sia prospera che avversa. Il Signore è la sorgente della gioia, chi è in Lui è sempre nella gioia per questo l'Apostolo insiste: ve lo ripeto: siate lieti. Essere nel Signore significa obbedire ai suoi comandamenti «È gioia nel Signore rallegrarsi per ciò che viene fatto secondo il suo comandamento. Quando dunque facciamo i comandi del Signore o soffriamo qualcosa per il suo nome, dobbiamo rallegrarci e congratularci a vicenda» (Basilio, reg. brev., 193).
Non è un invito ma un comando. La gioia dipende anche da noi perché ciò che non dipende da noi non può essere comandato. La Parola del Signore è sacramento e mistero che rigenera, perciò il suo comando crea in noi la gioia.

5 La vostra amabilità sia nota a tutti. Il Signore è vicino!

L’amabilità è legata alla gioia: non si può essere amabili e miti se non si è pieni di gioia, i due termini sono strettamente collegati.
La gioia nella mitezza diventa nota a tutti gli uomini: queste sono realtà che si verificano. Si fa nota a tutti la nostra gioia e la nostra mitezza e amabilità. In questo modo è testimoniato l'Evangelo.
La gioia ha un segno visibile, che è manifesto a tutti gli uomini: la mitezza, la bontà. La Vulgata traduce modestia cioè quella misura nell'agire e nel parlare che è manifestazione della gioia interiore.
Sia nota a tutti gli uomini, come analogamente dice il Signore: Beati i miti perché erediteranno la terra (Mt 5,5).
La mitezza è messa alla prova dagli empi, per questo diviene nota a tutti gli uomini. Dice infatti il libro della Sapienza riferendo le parole degli empi: Mettiamolo alla prova con insulti e tormenti, per conoscere la mitezza del suo carattere e saggiare la sua rassegnazione (2,19).
Nella lettera a Tito (3,2) così raccomanda l'Apostolo: non parlar male di nessuno, di evitare le contese, di esser mansueti, mostrando ogni dolcezza verso tutti gli uomini.
Il Signore è vicino: il Signore è con noi, non è assente, per questo non dovete preoccuparvi perché vi ascolta (cfr. Sal 145,8); se si ha il senso della presenza e della sua misericordia allora non ci si preoccupa di nulla e si ha un rapporto con la creazione come «se non» (cfr. 1Cor 7).
In 1Cor 10,1 l'amabilità è unita alla mitezza. Essa ha la sua sorgente nel Cristo: è infatti secondo Gc una caratteristica della sapienza dall'alto: La sapienza che viene dall'alto invece è anzitutto pura; poi pacifica, mite, arrendevole, piena di misericordia e di buoni frutti, senza parzialità, senza ipocrisia (3,17). È una caratteristica del Signore Gesù in quanto Messia dei poveri, e quindi dei poveri stessi.
Se la gioia di essere nel Signore si esprime nella mitezza e bontà come segno di moderazione nel parlare e nell'agire, il fatto che il Signore è vicino crea la tensione a perseverare fino all'ultimo senza scoraggiarsi nelle prove, ma rafforzandosi nell'attesa. Quando non siamo miti è perché vogliamo fare giustizia da soli e non attendiamo il Signore.

6 Non angustiatevi per nulla, ma in ogni circostanza fate presenti a Dio le vostre richieste con preghiere, suppliche e ringraziamenti.

Non angustiatevi per nulla. L’angustia o preoccupazione è quell'interna agitazione di fronte alle necessità e alle situazioni della vita che deve essere sostituita dal ringraziamento unito alla preghiera e alla supplica. Dice infatti: ma in ogni circostanza in cui vi trovate, con preghiere e suppliche in rapporto a quello di cui avete necessità, ringraziamenti, fate presenti a Dio le vostre richieste. «In due direzioni avviene la 'notificazione' della comunità: essa deve diventare nota agli uomini quale comunità unita nella bontà; inoltre essi devono notificare a Dio le proprie necessità» (Gnilka, o.c., p. 287).
In questo comando l'Apostolo riprende l'ordine del Signore. Infatti una sola è la nostra preoccupazione: il Regno dei cieli (cfr. Mt 6,25-34).
Preghiera e supplica devono essere sempre con rendimento di grazie. Ogni rendimento di grazie precede ogni rapporto con il Signore di preghiera e di supplica. Fa parte della struttura della preghiera cristiana e di ogni atteggiamento nei confronti del Signore lasciarci guidare dall'Eucaristia.
Il rendimento di grazie (eucaristia) è la gratitudine per quanto il Signore ha già elargito, è la fede che come ha dato così continua a dare, è l'esperienza di quel rendimento di grazie che facciamo sul Pane e sul Calice.

7 E la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù.

L'Apostolo conclude dando loro quella pace che ha già loro comunicato all'inizio della lettera (1,2). La pace di Dio, che ha Lui come artefice, supera ogni intelligenza non solo umana ma anche delle potenze spirituali perché è di Dio ed è propria dell'essere in Cristo quindi nella sua vita e nel suo essere: Essa custodirà i vostri cuori da ogni turbamento, preoccupazione e agitazione, come è scritto: il Signore è con me non temo. Cosa può farmi l'uomo? (Sal 117,6). Essa custodirà pure le vostre menti, i vostri pensieri poiché supera tutta la nostra mente, custodisce quanto la mente produce, cioè i pensieri, da ogni flessione e instabilità. In Cristo Gesù dove sono i tesori della scienza e dell'intelligenza e dove, essendo Lui la nostra pace, ci deliziamo di questa pace perenne.
Veramente solo questa pace, che supera ogni intelligenza, può spezzare le mormorazioni e i ragionamenti (cfr. 2,14) che sono in noi e quindi solo essa può custodire i cuori e le menti in Cristo Gesù, cioè tutto il nostro intimo. Signore custodiscici sempre in questa pace. Senza di essa non possiamo vivere e non possiamo essere miti verso tutti gli uomini.
«Questa gioia deve essere singolare; bisogna che in qualche modo si riveli, non per separare, ma per annunciare: proclamazione di una gioia che annuncia l’evangelo. La gente deve dire: “ma quella gente lì che cosa ha?”» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).

CANTO AL VANGELO Is 61,1 (cit. in Lc 4,18)

R/. Alleluia, alleluia.

Lo Spirito del Signore è sopra di me,
mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio.

R/. Alleluia.

VANGELO Lc 3,10-18

Dal vangelo secondo Luca

10 In quel tempo, le folle interrogavano Giovanni, dicendo: «Che cosa dobbiamo fare?». 11 Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche, ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare, faccia altrettanto».

Attorno a Giovanni si raduna come una comunità caratterizzata dalla condivisione del vestito e del cibo. Sono queste le caratteristiche della prima comunità cristiana, resa tale in forza del battesimo (cfr. At 4,32-35). In questa condivisione si rende manifesta la fede professata nell’assemblea liturgica, come è detto in Gc 2,14-17, dove il congedo “andate in pace” dà inizio alla carità. Nell’annuncio di Giovanni confluiscono pure gli insegnamenti dei profeti (cfr. Ez 18,7; Is 58,7).
Le folle, riprende le folle del v. 7. Dopo le folle ci sono le categorie.
Che cosa dobbiamo fare? è tipico del cherigma di penitenza. Dunque: sottolinea le conseguenze che si devono trarre dall’annuncio (At 2,37).
Chi ha due tuniche. La conversione si esprime con la condivisione. «Tutto ciò che uno ha più del necessario per vivere, è tenuto a darlo in beneficenza, secondo il comando del Signore, che è pure colui che ci ha dato tutto quello che abbiamo» (S. Basilio).

12 Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». 13 Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato».

I pubblicani sono lodati in Mt 21,28-32 come coloro che da ribelli sono diventati obbedienti all’annuncio di Giovanni. Allo stesso modo si comporteranno con Gesù: sono proprio dei pubblicani a dare testimonianza di miracolose ed esemplari conversioni (cfr. 18,9-14; 19,1-10). Giovanni li invita ad accogliere su di sé il giogo della legge prima di prendere quello soave dell’evangelo, così come ne darà l’esempio Zaccheo a Gerico.

14 Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe».

L'annuncio di Giovanni tocca non solo le folle del popolo eletto, o i peccatori dello stesso, ma anche i soldati romani, cioè dei pagani: la storia della salvezza, ribadisce Luca ancora una volta, esce dal territorio del popolo ebreo, per giungere ai confini della terra.
Altra interpretazione: soldati, sono gli assoldati, cioè civili ebrei chiamati a collaborare con gli esattori delle imposte (Boismard).
Non maltratterete (lett.: non scuoterete fortemente) cioè estorcere il danaro con violenza.
Non estorcete (lett.: calunniare oppure fare violenza, termine simile al precedente). Li invita a rinunciare alla violenza e a non arricchirsi con essa.

15 Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo,

Poiché il popolo era in attesa. La venuta del Cristo era attesa dal popolo dall'Antica Alleanza. Giovanni ha reso più forte questa attesa con la sua predicazione, che ha raggiunto tutti e ha radunato Israele disperso in un solo popolo. Ma ora l'attesa è finita, non bisogna attendere nessun altro (cfr. 7,18-23).
Inizierà, però, un'altra attesa, nel tempo in cui il servo dovrà stare attento perché il padrone giungerà in un giorno in cui non attende e in un’ora che non sa (12,46). È il tempo dell'attesa della venuta del giorno di Dio (2Pt 3,12), il momento in cui alla comunità cristiana è chiesto di essere senza macchia e irreprensibili davanti a Dio, in pace (2Pt 3,14). L’annuncio evangelico tiene desta in noi l’attesa del Signore.
Se non fosse lui il Cristo: Non viene il Cristo dalla casa di Davide? È forse presente la tradizione del messia di stirpe sacerdotale? È tale la grandezza di Giovanni che il popolo si domanda se egli non sia il Cristo. C'è qualcosa di misterioso in Giovanni che lo avvicina al Cristo: egli battezza ed evangelizza la remissione dei peccati.

16 Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco.

Con acqua: il suo battesimo è ancora legato a questa creazione, come lo sono tutti i sacramenti della legge antica.
Ma viene colui che è più forte di me. Con un semplice sguardo ai passi paralleli degli altri sinottici, ma colui che viene dopo di me è più potente di me (Mt 3,11) e dopo di me viene uno che è più forte di me (Mc 1,7), osserviamo che Luca tralascia il dopo di me. Tale fatto può spiegarsi con la volontà dell'evangelista di porre distanza tra Giovanni e Gesù: «benché il Battista sia, anche per Luca, il precursore del Messia, d'altra parte però ciò che importa all'Evangelista è che tra lui e Gesù ci sia un netto distacco nella storia della redenzione» (J. Schmid).
Tale volontà di Luca è sottolineata anche da 16,16: La Legge e i Profeti fino a Giovanni, da allora in poi viene annunziato il Regno di Dio ed ognuno si sforza per entrarvi: Giovanni appartiene ancora all'economia dell'Antico Testamento, poiché «costituisce la linea di demarcazione nella storia della salvezza» (Fr. Hauck).
Io non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Le parole io non sono degno servono a paragonare Giovanni al Cristo e alla sua grandezza, e a caratterizzare il potere a lui conferito per quel che esso è in definitiva, cioè come un servizio reso al Cristo.
L'ufficio, che egli ha, è paragonabile a quello dello schiavo che porta i calzari al padrone (Mt) o ne scioglie i legacci (Mc, Lc), dandosi così a conoscere per quello che è; il Battista non è l'autonomo precursore del Cristo, né il suo collega, né il Cristo stesso, ma il suo servitore, che fa soltanto ciò per cui è incaricato (cfr. K. H. Rengstorf, in GLNT).
In Spirito Santo e fuoco: «all’uomo si aprono due possibilità: un giudizio di salvezza, con riferimento allo Spirito, che Dio verserà nel cuore per rinnovarlo dal di dentro; un giudizio di condanna mediante il fuoco devastatore» (Rossé, o.c., p. 131). Lo Spirito appare come fuoco nella Pentecoste (At 2,3): qui il fuoco è legato alla Parola (come lingue di fuoco). Lo Spirito è legato all’acqua nel battesimo cristiano (Gv 3). Lo Spirito è il vero autore del battesimo: nell’acqua purifica e con il fuoco dà la forza della Parola e della testimonianza. Mosè si accostò al roveto, il discepolo del Cristo diverrà questo stesso roveto purificato e trasformato dalla presenza dello Spirito di Dio e quindi immerso nella vita di Dio.

17 Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

«L'ultima venuta del Cristo, quella del giudizio, è esemplificata da Giovanni con un'azione che doveva essere molto familiare alle popolazioni rurali della Palestina ai tempi di Gesù: il contadino getta con una pala contro il vento il grano che dopo la trebbiatura giace misto alla pula sulla sua aia. Il grano, pesante, cade a terra, la pula vola via con il vento. Così pulisce l'aia, separa il grano dalla pula e può raccogliere il frumento nel granaio. La pula viene bruciata» (Stöger).
Il fuoco è inestinguibile perché è quello della Geenna (cfr. Mc 9,43): esso brucia perennemente perché l’uomo è indistruttibile.
In tal modo il Messia giudicherà, separando i buoni dai cattivi.

18 Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.

Prepara il popolo, purificato dal battesimo e reso ben disposto, ad accogliere il Cristo.

Note

«Secondo Matteo le parole dure sono rivolte agli scribi e ai farisei. Mi paiono racconti diversi forse un po’ complementari: Luca viene ad accentuare le esigenze del Regno di fronte a tutti. Però la durezza di Giovanni Battista ha sempre come sfondo coloro che più si oppongono al Regno. In tutti gli epiloghi della salvezza il Battesimo di Giovanni Battista è l’inizio. Stando così le cose viene da dire che nel Vangelo bisogna sempre accogliere tutti i dati perché sono gradini che ci fanno salire nel mistero senza misura. Prendendo con serietà la grandezza di Giovanni esaltiamo la grandezza del Signore» (D. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 17.7.72).
«Tutta questa grandezza (di Giovanni) cede di fronte a questa economia dello Spirito: egli è l'ultimo grande. Lo Spirito è fuoco che consuma questa creazione e fa cieli nuovi e terra nuova. Nella sua economia Gesù viene e crea cieli nuovi e terra nuova. Non è più soltanto seminare delle scintille di speranza attraverso i profeti e i santi, ma è rifare tutto di nuovo.
Conclusione: fare reale conto del Battista, tenere conto di tante sue indicazioni: più o meno siamo nella sua terra: qui è il punto; ha operato in questa zona del Giordano. Dobbiamo perciò seguire molto Giovanni: la sua solitudine, il suo scomparire, soprattutto questo che è una cosa molto grossa anche per noi» (D. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 18.7.72).
La conversione, pur operando una radicale trasformazione di ciascuno, dispone opere diverse che ognuno vede davanti a sé.
La Parola non genera il dubbio e l’inquietudine di quello che si deve fare, ma suscita la richiesta cui fa seguito la risposta certa, possibile a ciascuna situazione e categoria.
Il Vangelo pone pertanto in un’interiore attività in rapporto a quello che abbiamo ricevuto e ci è quindi stato chiesto.
Il primo movimento della ferita del cuore è la domanda: «Cosa dobbiamo fare, o fratelli?»., come è detto in At 2, 37-38: All'udir tutto questo si sentirono trafiggere il cuore e dissero a Pietro e agli altri apostoli: «Che cosa dobbiamo fare, fratelli?». E Pietro disse: «Pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo, per la remissione dei vostri peccati; dopo riceverete il dono dello Spirito Santo».
PREGHIERA DEI FEDELI
C. Il Signore, che viene a salvarci, c’invita ad accogliere con gioia il dono della conversione.
Preghiamo nella sua pace e diciamo:
Padre, fonte della pace, ascoltaci.
 Per la pace del mondo e per tutta la Chiesa cattolica e apostolica perché da un’estremità all’altra della terra, sia ripiena dello Spirito Santo, principio della nuova creazione, preghiamo.
 Per quelli che portano frutto e compiono il loro servizio nelle sante Chiese: per quanti amano il Cristo e ne annunciano con fedeltà la Parola e per coloro che si ricordano dei poveri, degli stranieri e degli indigenti, preghiamo il Signore.
 Perché le nostre comunità attendano con amore il Cristo portando frutti di mitezza e di pace, preghiamo il Signore.
 Per la remissione dei nostri peccati, perché siamo liberati dalla tentazione, dall’ira, dal flagello della guerra e possiamo vivere i nostri giorni nella pace, preghiamo il Signore.

C. O Dio, fonte della vita e della gioia, rinnovaci con la potenza del tuo Spirito, perché corriamo sulla via dei tuoi comandamenti, e portiamo a tutti gli uomini il lieto annunzio del Salvatore, Gesù Cristo tuo Figlio.
Egli è Dio, e vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.

(domeniche precedenti) 


 

DOMENICA II DI AVVENTO – C

Svegliati, mio cuore, vibra il canto al Signore: Egli, trasparenza dei cieli, viene verso il suo popolo.

O Chiesa di Dio, santa Gerusalemme nuova, ecco il tuo Sposo viene, mai più ti umilieranno.

Calpestata dalle Genti, nei tuoi atri si agitano quanti cercano onori, in te ricchezze e potere.

Santuario del Dio vivo, incontaminata dimora degli adoratori del Padre, qui sei Sposa di Cristo.

Solo chi è puro di cuore può in te penetrare, là dove Dio è presente ai suoi, che lo amano.

Madre, piena d’amore a noi cara, da te generati nelle tue acque vergini, rendici degni della grazia.

PRIMA LETTURA Bar 5,1-9

Dal libro del profeta Baruc

Il libro di Baruc è solo nei LXX ; esso è del sec. II e si rifà soprattutto al secondo Isaia (cc. 40-66). Esso quindi appare come una preziosa rilettura del libro della consolazione. Il dato storico contingente (il ritorno dall’esilio di Babilonia) è trasceso per cogliere l’attuale situazione di diaspora del popolo d’Israele. Sono pertanto importanti i criteri che il libro stabilisce per la rilettura dei testi biblici e anche per l’accostamento dei vari passi tra loro che danno a prima vita l’impressione di una raccolta più che di una sintesi.

1 Deponi, o Gerusalemme, la veste del lutto e dell’afflizione, rivèstiti dello splendore della gloria che ti viene da Dio per sempre.

Vi è un richiamo al libro della consolazione d’Isaia. Possiamo affermare che il libro di Baruc rilegge il libro della consolazione facendo delle precisazioni che ci aiutano a dare un’interpretazione spirituale. Accade ad esempio in questo versetto; esso è un richiamo a Is 52,1: Svegliati, svegliati, rivestiti della tua magnificenza, Sion; indossa le vesti più belle, Gerusalemme, città santa. Le vesti più belle sono lo splendore della gloria che viene da Dio. Questa veste di gloria non le sarà mai più tolta. Notiamo pure come il comando divino sia questo: deponi la veste del lutto … rivestiti dello splendore. Vi è quindi il momento dello svestirsi di tutto quello che è debolezza, fragilità e ignominia e il momento del vestirsi delle vesti della salvezza. Percepiamo un passaggio tra la situazione di Gerusalemme, simbolo di tutto il popolo, che nell’antica alleanza è stata ripudiata da Dio, e la nuova situazione della Chiesa che non perde mai lo splendore della gloria del suo Signore e che tende quindi a rendere i suoi figli partecipi del suo stesso splendore. Questo fatto preannuncia la risurrezione che si attua con la vittoria di Cristo sulla morte e con il suo avvento glorioso, come c’insegna san Paolo in 1 Cor 15,53: È necessario infatti che questo corpo corruttibile si vesta di incorruttibilità e questo corpo mortale si vesta di immortalità. Il profeta infatti definisce l’abito di Gerusalemme come la veste del lutto. «Il lutto di Gerusalemme è il lutto per la morte dei suoi figli: la morte è realtà sconsacrante perché contraria alla benedizione di Dio. Gerusalemme è invitata a rivestire la bellezza, essere cioè informata di questa bellezza che viene dalla gloria di Dio. La bellezza di Gerusalemme è la bellezza della gloria di Dio. Per sempre. L’era di ciò che accade ad tempus e di ciò che accade per sempre» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).

2 Avvolgiti nel manto della giustizia di Dio, metti sul tuo capo il diadema di gloria dell’Eterno, perché Dio mostrerà il tuo splendore a ogni creatura sotto il cielo.

Queste parole richiamano le seguenti d’Isaia: Io gioisco pienamente nel Signore, la mia anima esulta nel mio Dio, perché mi ha rivestito delle vesti di salvezza, mi ha avvolto con il manto della giustizia, come uno sposo che si cinge il diadema e come una sposa che si adorna di gioielli (Is 61,10). La giustizia è quella di Dio ed è pertanto la sua azione salvifica (Is: le vesti della salvezza) e il diadema sponsale è il diadema di gloria dell’Eterno. Come segno del suo grande amore il Signore ha fatto giustizia salvando Gerusalemme e ridandole la sua dignità di sposa. Il profeta annuncia a Gerusalemme che sono giunte le nozze con il suo Signore perché è stata redenta ed è stata eliminato il suo peccato. Sono quindi pronte le nozze e le sue vesti regali sono preparate (cfr. Ap 19,8: le hanno dato una veste di lino puro splendente. La veste di lino sono le opere giuste dei santi). Dalle Scritture appare pertanto questa dinamica: il Cristo, che è giustizia di Dio (cfr 1 Cor 1,30), riveste la Chiesa della sua stessa giustizia e le dona il suo diadema di gloria, cioè la rende partecipe della sua regalità. Nello stesso tempo la veste della Chiesa è preparata attraverso le opere dei singoli santi, cioè degli eletti, che ne fanno parte. In questo modo, cioè attraverso le opere di giustizia dei santi, la sua gloria è rivelata a tutti i popoli ed essa realizza la sua missione è universale.

4 Sarai chiamata da Dio per sempre: «Pace di giustizia» e «Gloria di pietà».

A Gerusalemme viene dato un nuovo nome che caratterizza la sua natura di sposa dell’Eterno. La pace come frutto della giustizia (cioè della salvezza operata da Dio) è definita gloria della pietà. Il culto a Dio in Gerusalemme è pieno della gloria di Dio a tal punto da attirare a sé tutte le nazioni, come è detto nel profeta Isaia (cfr. Is 2,2: Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà eretto sulla cima dei monti e sarà più alto dei colli; ad esso affluiranno tutte le genti. Altrove (4,5): Allora verrà il Signore su ogni punto del monte Sion e su tutte le sue assemblee come una nube e come fumo di giorno, come bagliore di fuoco e fiamma di notte, perché sopra ogni cosa la gloria del Signore sarà come baldacchino).

5 Sorgi, o Gerusalemme, sta’ in piedi sull’altura e guarda verso oriente; vedi i tuoi figli riuniti, dal tramonto del sole fino al suo sorgere, alla parola del Santo, esultanti per il ricordo di Dio.

Queste parole richiamano le seguenti d’Isaia: Alzati, rivestiti di luce, perché viene la tua luce, la gloria del Signore brilla sopra di te. Poiché, ecco, le tenebre ricoprono la terra, nebbia fitta avvolge le nazioni; ma su di te risplende il Signore, la sua gloria appare su di te. Cammineranno i popoli alla tua luce, i re allo splendore del tuo sorgere (Is 60,1-3). Rivestita del nuovo splendore, Gerusalemme vede i suoi figli ritornare a sé. Essi sono stati riuniti dalla parola del Santo. Questa è la parola profetica contenuta in Geremia che stabilisce il tempo dell’esilio (cfr. Gr 25,11-12). Il Signore infatti misura la sua punizione secondo la sua misericordia. Egli tutto contiene entro termini ben precisi perché non si perda la speranza fondata sulla sua parola. Gli esuli quindi ritornano esultanti per il ricordo di Dio. Il ricordo di Dio può essere sia il suo come il nostro. In quanto è il suo la Madre di Dio canta: Si è ricordato della sua misericordia; in quanto è il nostro esso genera in noi la gioia perché ci fa contemplare le sue opere meravigliose (cfr. Sal 145,7: Diffondono il ricordo della tua bontà immensa, acclamano la tua giustizia). La purificazione, avvenuta nell’amarezza dell’esilio, ha portato il popolo a concentrarsi in Dio e quindi a celebrare solo le sue lodi.

6 Si sono allontanati da te a piedi, incalzati dai nemici; ora Dio te li riconduce in trionfo come sopra un trono regale.

Vi è un richiamo alla seguente parola d’Isaia: Ecco io farò scorrere verso di essa, come un fiume, la prosperità; come un torrente in piena la ricchezza dei popoli; i suoi bimbi saranno portati in braccio, sulle ginocchia saranno accarezzati. Come una madre consola un figlio così io vi consolerò; in Gerusalemme sarete consolati… Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutti i popoli come offerta al Signore, su cavalli, su carri, su portantine, su muli, su dromedari al mio santo monte di Gerusalemme, dice il Signore, come i figli di Israele portano l'offerta su vasi puri nel tempio del Signore (Is 66,12-13.20). La visione d’Isaia, a conclusione della sua profezia, diviene in Baruc il trono regale. Tutti i figli di Gerusalemme sono caratterizzati dalla regalità. Dall’umiliazione della schiavitù essi passano alla gloria del regno, come insegnano il libro della Legge e il Nuovo Testamento (Es 19,6: Voi sarete per me un regno di sacerdoti e una nazione santa; Ap 1,6: Gesù Cristo… ha fatto di noi un regno di sacerdoti per il suo Dio e Padre).

7 Poiché Dio ha deciso di spianare ogni alta montagna e le rupi perenni, di colmare le valli livellando il terreno, perché Israele proceda sicuro sotto la gloria di Dio.

Così è scritto in Isaia: Una voce grida: Nel deserto preparate la via al Signore, appianate nella steppa la strada per il nostro Dio. Ogni valle sia colmata, ogni monte e colle siano abbassati; il terreno accidentato si trasformi in piano e quello scosceso in pianura. Allora si rivelerà la gloria del Signore e ogni uomo la vedrà, poiché la bocca del Signore ha parlato (Is 40,3-5). La creazione è trasformata e posta a servizio del popolo che esce dalla schiavitù ed è avvolto dalla gloria di Dio. Le parole della profezia tendono al loro compimento per cui esse si prestano a successive riletture fino a esprimere la loro piena verità. In tal modo «le opere di Dio sono sempre l’una più grande dell’altra: Dio supera sempre se stesso» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).

8 Anche le selve e ogni albero odoroso hanno fatto ombra a Israele per comando di Dio.

Il ritorno a Gerusalemme sarà come attraversare il giardino di Eden. Tutto avviene in una nuova creazione. La profezia va quindi oltre il fatto storico immediato e contempla il momento finale, la piena restaurazione, annunciata sia nelle profezie che negli scritti apostolici.

9 Perché Dio ricondurrà Israele con gioia alla luce della sua gloria, con la misericordia e la giustizia che vengono da lui.

Il testo ci parla di ombra e di luce della sua gloria in riferimento alla nube e alla colonna di fuoco. Si ripetono in modo non più simbolico bensì manifesto le meraviglie dell’Esodo. Tutto è fondato non sui meriti del popolo ma sulla misericordia e la giustizia che vengono da lui. Queste sono infatti fondate sulle sue promesse. Questa parola va quindi oltre il primo esodo e anche il ritorno da Babilonia. Appare ormai la realtà nuova annunciata nel Nuovo Testamento.

Note

«Tutto avviene all’improvviso a una parola del Santo (v. 5); è tutta una cosa inaspettata senza una preparazione prossima. Si comprende perché il Signore ha permesso il male, perché apparisse la sua misericordia, come dice Paolo. Per noi l’importante è invocare la venuta del Signore e affrettarla. La seconda cosa è che non c’è più mediazione, non c’è più Mosè. Dio solo resta. Vi è la sola sua presenza. Tutto il resto scompare, trasformato dal suo essere e dal suo splendore. Questa gloria e questa luce s’identificano con la sua misericordia. È tutta la dottrina di santa Teresina che si concentra (vedi atto di consacrazione all’amore misericordioso). È bello sentirci dire che tutto il mistero di perdono del nostro peccato e del nostro pentimento è già avvenuto a una parola del Santo. E il vangelo ci dice lo scoppio di questa parola. C’è questo intervento repentino del Signore ma prima c’è la voce. È l’ultimissima preparazione e dopo c’è il Signore. Mentre Luca racconta per vie interne l’Incarnazione, dà invece un tono solenne al bando del precursore. C’è una voce che grida e poi tutto il mistero che ricompare in un attimo. L’annuncio è lo stesso come nel testo citato da Luca e presente in Baruc. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio. Come possiamo dubitare che non sia vero? In realtà scopriremo come ogni uomo avrà visto la salvezza. La Gloria di Dio è tale che non può non arrivare ad ogni occhio umano; il modo resta sotto la disposizione di Dio. La salvezza di Cristo è totale, fulminea e radiosa, ma veramente ogni occhio l’ha vista. Il che completa ciò che dicevamo prima in base a Baruc». (D. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 3.12.1973).

SALMO RESPONSORIALE Sal 125

R/.  Grandi cose ha fatto il Signore per noi.

Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion, ci sembrava di sognare.

La liberazione dalla schiavitù del peccato e della morte e quindi dell’antico avversario è simile a un sogno tanto è consolante e gioiosa. Essa è simile a un sogno perché la realtà piena sarà il riscatto del nostro corpo nella risurrezione.

Allora la nostra bocca si riempì di sorriso, la nostra lingua di gioia. R/.

Allora si diceva tra le genti: «Il Signore ha fatto grandi cose per loro». Grandi cose ha fatto il Signore per noi: eravamo pieni di gioia. R/.

Ristabilisci, Signore, la nostra sorte, come i torrenti del Negheb.

Come i torrenti del Negheb si riempiono improvvisamente d’acqua che cade sui monti, così sarà la liberazione dalla schiavitù, essa sarà improvvisa e travolgente.

Chi semina nelle lacrime mieterà nella gioia. R/.

«Come l’acqua è necessaria per far crescere la messe, così le lacrime servono alla virtù; come l’aratro è necessario per la terra, così giovano all’anima fedele le tentazioni e le afflizioni che la lacerano» (Crisostomo).

Nell’andare, se ne va piangendo, portando la semente da gettare, ma nel tornare, viene con gioia, portando i suoi covoni. R/.

Se si cerca con sincerità la pace si piange, se si sopporta con amore si piange. In questo si semina nella speranza del raccolto. La gioia ora è unita alla sofferenza. Questa non è inutile. Ha in sé un seme, che sparso, porterà un frutto di gioia.

SECONDA LETTURA Fil 1, 4-6.8-11

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippési

Fratelli, 4 sempre, quando prego per tutti voi, lo faccio con gioia

Sempre sale dall'apostolo il ringraziamento e la supplica, per voi in ogni mia preghiera, è sottolineata nella preghiera questa totalità nel tempo, sempre, e riguardo alla Chiesa: per tutti voi. L'Apostolo può dire questo nella verità dello Spirito senza esagerazione o per genere letterario perchè sia che preghi, che ringrazi come che annunzi egli è liturgo di Cristo Gesù in rapporto alle Genti, esercitando l'ufficio sacerdotale dell'Evangelo di Dio, affinché l'offerta delle Genti divenga gradita, santificata in Spirito Santo (Rm 15,16). «Glorifica Dio e supplica Dio per loro. Ringrazia per le cose passate, supplica per le future. Glorifica Dio per le buone opere compiute fin dall’inizio della conversione, supplica Dio per la loro perseveranza fino al giorno di Cristo». (Migne p. 1162 cit. di Crisostomo) con gioia, il ricordo della comunità provoca gioia all'apostolo e questa gioia scaturisce dalla partecipazione dei Filippesi all'Evangelo.

5 a motivo della vostra cooperazione per il Vangelo, dal primo giorno fino al presente.

cooperazione, partecipazione che non solo è l'ascolto ma è anche l'annuncio (4). Questa partecipazione all’Evangelo è l’oggetto del suo ringraziamento. L’Evangelo è la ragione di vita dell’Apostolo, la partecipazione ad esso fino ad accoglierne la forza penetrante nell’umanità e assecondarla è oggetto del ringraziamento e della supplica dell’Apostolo. «Chiama fede la comunione all’evangelo».(Teodoreto di Ciro) dal primo giorno fino al presente, il tempo è scandito dall'Evangelo; il primo giorno dell'annuncio - fino a ora - fino al giorno di Cristo, il termine dell'opera salvifica e che pone fine all'annunzio.

6 Sono persuaso che colui il quale ha iniziato in voi quest’opera buona, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù.

L'apostolo riprende questo pensiero in 2,13. Dal ringraziamento e dalla supplica per i Filippesi che partecipano all'Evangelo, nasce la fiducia, questo sentire la grazia operare in modo efficace nella Chiesa, grazia fondata sulla fedeltà di Dio. opera buona, il termine buono che ricorre nella creazione è quello pure che qualifica la redenzione, la nuova creazione, che ha il suo «sabato» cioè il suo riposo nel giorno di Cristo Gesù nel quale giorno tutto viene portato a compimento, come Gesù ha detto di sé e della sua opera nel momento di dare lo Spirito (Gv 19,30).

7 È giusto, del resto, che io provi questi sentimenti per tutti voi, perché vi porto nel cuore, sia quando sono in prigionia, si quando difendo e confermo il Vangelo, voi che con me siete tutti partecipi della grazia.

I Filippesi sono nel cuore dell'Apostolo, per questo egli «pensa» quanto precedentemente ha scritto. Averli nel cuore vuol dire averli là dove è il cuore dell'Apostolo cioè nell'Evangelo che è il suo tesoro, infatti prosegue specificando quanto precedentemente ha detto riguardo alla comunione, all'Evangelo da parte dei Filippesi. Essi infatti sono tutti compartecipi della grazia. Con questo termine l'Apostolo chiama le sue catene, la difesa e l'affermazione dell'Evangelo. È una nuova fase storica, già profetizzata dal Signore Gesù, dell'evangelizzazione. Infatti come tutti loro sono stati partecipi dell'Evangelo fin dal primo giorno lo sono anche ora nel quale l'Evangelo realizza nell'Apostolo la persecuzione e dove le catene, la difesa giudiziaria dell'Apostolo sono in realtà difesa dell'Evangelo e sua affermazione. Il legame tra l'Apostolo e l'Evangelo è inscindibile e nel suo cuore quello tra la sua Chiesa e l'Evangelo.

8 Infatti Dio mi è testimone del vivo desiderio che nutro per tutti voi nell’amore di Cristo Gesù.

Questa unità inscindibile tra l'Apostolo e la sua chiesa (tutti voi) e quindi tra questa e l'Evangelo avviene nell'amore, nelle viscere di Cristo , nelle quali si trova l'Apostolo e in esse brama ardentemente tutti loro e perché queste parole non appaiano vane o esagerate chiama a testimone Dio, il Padre. In tale modo possiamo cogliere una dimensione trinitaria: il Padre Dio è testimone dell'amore ardente dell'Apostolo verso tutti loro nelle viscere di Cristo, cioè in quell'effusione di amore che scaturisce dal Cristo e riempie tutto l'Apostolo e lo fa essere in Cristo e non solo genericamente in Lui ma là dove è la sorgente dell'amore in Gesù stesso; ora questa dinamica dell'amore è lo Spirito Santo. Avendoli quindi nel proprio cuore egli li ha in realtà nelle viscere di Cristo.

9 E perciò prego che la vostra carità cresca sempre più in conoscenza e in pieno discernimento, 10 perché possiate distinguere ciò che è meglio ed essere integri e irreprensibili per il giorno di Cristo,

E poiché tale é l'amore dell'Apostolo per la sua Chiesa egli prega domandando questo: che l'amore vostro ancor più e più sovrabbondi in conoscenza e in ogni discernimento. L'amore è la sorgente della vita cristiana. È lo stesso amore di Dio. L'Apostolo prega che nei Filippesi l'amore abbondi ancor più.. L'amore di Dio nelle viscere di Cristo, che Paolo esperimenta in sé, vuole che in continuazione, senza limiti sovrabbondi anche nei Filippesi. Infatti è proprio dell'amore non avere misura. Qui la preghiera dell'Apostolo nell'invocare l'amore è che esso si manifesti nella conoscenza e pienezza di discernimento. La conoscenza, riguarda il mistero di Cristo nella cui conoscenza è l'amore che fa avanzare. Il termine greco tradotto con conoscenza «riguarda la comprensione morale, il tatto, la sensibilità, il discernimento, quell'intelligenza che nella vita pratica insegna a fare ciò che è retto» (Gnilka cit. di Bauer p. 116). La forza sovrabbondante dell’amore, che porta alla conoscenza di Cristo e a questo pieno discernimento, si manifesta nel verificare con esattezza le cose migliori La scelta nel concreto della vita di ciò che è opportuno fare è la conclusione di questo processo che scaturisce dall'amore ed è guidato dalla conoscenza e dal discernimento. La seconda intenzione della sua preghiera è la seguente: che siate puri e irreprensibili per il giorno di Cristo. Questo segue a quanto l'Apostolo ha detto precedentemente. La forza dell'amore oltre a far compiere le scelte giuste porta ad essere puri e irreprensibili. Irreprensibili  è riferito alla coscienza in At 24,16 e in 1 Cor 10,32 al rapporto con i Giudei, i Greci e la Chiesa di Dio. Nel termine si avverte quel modo di comportarsi che non dia adito a rimproveri meritati a causa di un cattivo e scandaloso comportamento.

11 ricolmi di quel frutto di giustizia che si ottiene per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio.

Il termine della preghiera, che è pure il termine di questo cammino della vita cristiana segnato dall'amore, è essere ripieni del frutto di giustizia che non ci è dato come conseguenza del nostro sforzo, ma mediante Gesù Cristo. È Lui infatti il principio attivo della vita spirituale; è Lui che inizia, fa progredire e porta a compimento in noi questo progredire che ha come fine il frutto della giustizia. Il frutto è la giustizia. L'espressione è veroterotestamentaria Am 6,12; Prov 11,30 ed è ripresa in Gc 3,18. Questa giustizia, pure avendo anche il significato di «agire rettamente» (cfr Gnilka p. 118) tuttavia va sentita nel significato neotestamentario in quanto è prodotta da Cristo. Questa è la preghiera dell'Apostolo e questo è lo scopo della vita cristiana: il frutto della giustizia a lode e gloria di Dio, cfr Gv 15,8.

CANTO AL VANGELO Lc 3,4.6

R/.  Alleluia, alleluia.

Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

R/.  Alleluia. VANGELO Lc 3,1-6

  Dal vangelo secondo Luca

1 Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène,

Il versetto ci presenta la situazione della terra santa, divisa tra estranei. Giudea (Edom e Samaria), Galilea, Iturèa e Traconitide (Golan, sud di Damasco), Abilène (Ermon e Antilibano). La terra è divisa tra i potenti tra cui non c’è più la casa di Davide; il Cristo deve vivere come straniero nella sua terra.

2 sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa,

Sotto il sommo sacerdote (singolare) Anna e Caifa (l’unica autorità è condivisa da ambedue; Caifa profetizzerà la morte di Gesù).

la parola di Dio venne (lett.: fu) su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto.

Questa formula di presentazione del Battista è simile a quella dei profeti del VT e trova piena corrispondenza con la terminologia di Gr 1,1 nella versione dei LXX: La parola di Dio, che fu su Geremia, figlio di Kelkia, tra i sacerdoti, che dimoravano in Anatot, nella terra di Beniamino. Giovanni è l’ultimo dei profeti, come dice Gesù (cfr. Lc 7,26). Nel Vangelo la parola di Dio è rivolta direttamente anche a Maria e a Simeone. La Madonna dice: «Eccomi sono la serva del Signore, avvenga di me secondo la tua parola» (Lc 1,38) e il vecchio Simeone può dire: «Ora lasci, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola» (Lc 2,29). Nel deserto. Tutta la vita del Battista è vissuta nel deserto, fin dalla infanzia (cfr. Lc 1,80; 7,24), ed anche Gesù si ritirerà nel deserto per evitare la folla e pregare (cfr. Lc 4,42; 5,16) e proprio nel deserto dovrà affrontare la tentazione di Satana (Lc 4,1).

3 Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati,

La regione del Giordano: qui il popolo passò il Giordano per entrare nella terra promessa (Gs 3: figura questa del battesimo e dell’intervento del Signore che li fece entrare nella Terra Promessa). Giovanni ritorna a quel fiume per ricordare al popolo che si stanno compiendo le meraviglie promesse ai padri e per preparare al Signore un popolo ben disposto. Battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Battezzare significa “immergere, lavare”; il battesimo è quindi un’immersione nell’acqua: atto che acquista significato di purificazione in tutta la Scrittura. Già nel VT la legge prescriveva numerosi “battesimi” di purificazione ed abluzioni rituali (cfr. Nm 19) e i Farisei al tempo di Gesù li avevano moltiplicati (cfr. Mc 7,1ss). Giovanni porta, invece un significato nuovo a questo gesto abbandonando ogni ipocrisia farisaica: il Battesimo di Giovanni è unico e comporta uno sforzo definitivo per la conversione, la confessione dei peccati e il perdono di questi da parte di Dio. Giovanni non chiede una purità esteriore, ma soprattutto morale. Ma il Battesimo del Precursore non è quello dell’economia definitiva: questo sarà il battesimo di Gesù in Spirito Santo e fuoco (cfr. Lc 3,16; At 1,5; At 19,1-7). Per il perdono dei peccati. È il compimento della profezia di Zaccaria: infatti la stessa formula compare in 1,77b: nella remissione (lett.: perdono) dei suoi peccati. È un battesimo che dona la conoscenza della salvezza che sarà operata dal Cristo che solo dona la remissione dei peccati. La medesima formula è infatti presente in 24,47: in questo brano il perdono dei peccati è una delle cose annunciate dalla Scrittura che si stanno compiendo, il perdono dei peccati predicato da Giovanni nel deserto è giunto col Cristo a Gerusalemme e il Signore stesso ordina che da lì, per mezzo degli apostoli, sia irradiato in tutto il mondo.

4 com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!

La voce che grida nel deserto è quella di Giovanni che raggiunge tutti là dove sono e comanda loro di preparare la via del Signore. Riferendo l’espressione nel deserto alla voce, quanto segue perde ogni carattere locale e acquista un significato allegorico.

5 Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate.

In queste parole è racchiuso il messaggio della conversione. Via del Signore e sentieri significano spesso nelle sante Scritture la legge del Signore e la sua osservanza. I burroni, i monti e i colli  fanno riferimento alla situazione degli uomini: alterigia e orgoglio possiamo paragonarli ai monti e ai colli e la povertà e la miseria ai burroni (cfr. Is 2,11-18: abbassamento dell’uomo e glorificazione del Signore). La conversione genera l’uguaglianza come dice subito dopo: i poveri sono riempiti, i ricchi svuotati, gli umili colmati di misericordia e gli orgogliosi abbassati, come ha cantato Maria. I passi tortuosi diventano diritti  «i cuori dei malvagi resi tortuosi dall’ingiustizia diventano diritti  in virtù della regola della giustizia e i luoghi impervi diventano spianati quando gli animi ribelli e iracondi diventano miti per il dono della grazia celeste» (S. Gregorio). Il linguaggio geografico trasportato nel mondo del simbolo è un invito alla semplificazione: bisogna eliminare tutto ciò che impedisce un rapporto semplice e diretto con il Cristo.

6 Ogni uomo (lett.: carne) vedrà la salvezza di Dio!».

E vedrà ogni carne la salvezza di Dio. Tutti gli Evangelisti sono concordi nell’applicare questo testo di Isaia (c. 40) al Battista; ma è significativo il fatto che mentre gli altri tre riportano solamente Is 40,3 Luca prolunghi la sua citazione per altri due versetti, fino a: e vedrà ogni carne la salvezza di Dio (Is 40,5b). Luca più degli altri Evangelisti, vuole sottolineare l’universalità della salvezza e l’inizio di una nuova economia che porterà in tutto il mondo il messaggio del Cristo.

Note

«Dobbiamo giungere a una profonda semplicità. Per questo bisogna potare: non si può pretendere di mettere insieme dieci cose e farle anche se creiamo delle gerarchie … Bisogna prendere l’accetta e dare dei tagli: un po’ di lavoro, un po’ di preghiera, un po’ di sonno … A un certo momento l’abbracciare tutte le cose non è possibile, abbracciare tutto, l’eclettismo, non è possibile. Questo abbassare e spianare è il contrario della nostra civiltà: per questo è necessaria la rinuncia che richiede uno sforzo immenso. Per arrivare a questa parola di appianamento bisogna ridurre tante cose e combattere l’eclettismo. Anche nella Scrittura bisogna ridurre tanto eclettismo. Come sant’Agostino che sul letto di morte si fece scrivere a grandi lettere il salmo da lui preferito. Come se si abbatte la quercia e nasce il bosco ceduo (nota del trascrivente: bosco da taglio)» (D. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico, 9,12.1973).

PREGHIERA DEI FEDELI

C Preghiamo nella pace il Signore perché abbia di noi misericordia e invii a noi il Salvatore. Preghiamo insieme e diciamo: Venga il tuo regno, Signore.

 Per la Chiesa, diffusa nel mondo, perché proclami che Gesù è il Signore nella gioia della povertà evangelica e nella generosità del servizio a tutti gli uomini, preghiamo.

 Perché la gloria dell’Evangelo illumini tutti i popoli e li attiri a camminare nella luce del Signore, preghiamo.

 Perché le nazioni cerchino la giustizia e ottengano in dono da Dio la pace e le guerre cedano il posto alla fraternità universale, preghiamo.

 Perché i poveri, gli oppressi e gli sfruttati si rallegrino della loro elevazione alla venuta del Signore e i potenti comprendano, nella loro umiliazione, che sono come fiore d’erba, preghiamo.

 Perché noi qui presenti accogliamo con gioia il Signore che viene e le nostre illusorie libertà cedano il posto alla verità delle nostre interiori schiavitù, da cui solo il Redentore ci affranca, preghiamo.

C. O Dio grande nell'amore, che chiami gli umili alla luce gloriosa del tuo regno, raddrizza nei nostri cuori i tuoi sentieri, spiana le alture della superbia, e preparaci a celebrare con fede ardente la venuta del nostro salvatore, Gesù Cristo tuo Figlio, che è Dio e vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

(domeniche precedenti) 


 

DOMENICA I DI AVVENTO - C

Verranno giorni, ritmati da Dio,
nel suo Verbo buono e santo,
Splendore d’amore, Fuoco vivo,
Spirito, Dio in cieli e terra nuovi.

Scadono i ritmi di questo tempo,
scende su tutto intenso il silenzio,
è un istante, un batter d’occhi,
ed ecco prorompe il forte grido.

È il Cristo, il Signore, il Redentore!
Il mio Vindice è risorto vincitore,
la mia polvere in coro urla di gioia:
dalla mia carne, Gesù, ti vedo,

mio Signore e mio Dio!

PRIMA LETTURA Gr 33,14-16

Dal libro del profeta Geremia

Questa sezione fa parte del libro delle profezie di consolazione (30-33). Il testo è un chiaro riferimento al Messia.

14 Ecco verranno giorni - oracolo del Signore - nei quali io realizzerò le promesse di bene (lett.: la parola buona) che ho fatto alla casa di Israele e alla casa di Giuda.

Ecco verranno (lett.: vengono) giorni oracolo del Signore, espressione tipica di Geremia (ricorre 14 volte) ed indica un avvenimento che sta per accadere. La Parola rende già presente l’evento.
Oracolo del Signore. «quasi che Dio giurasse per se stesso: sono Io che lo dico. Ci sono anche nei testi dei profeti dei punti in cui maggiormente si addensa l’energia rivelante: “oracoli”» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).
le promesse di bene (lett.: la parola buona), sono le profezie della restaurazione. Queste profezie si riassumono nella parola buona. In questo singolare si percepisce la presenza del Cristo come la parola buona che il Padre invia sulla terra. Questa parola buona è il compimento di tutte le promesse fatte da Dio (cfr. Gs 21,45: Di tutte le belle promesse che il Signore aveva fatte alla casa d'Israele, non una andò a vuoto: tutto giunse a compimento).
alla casa di Israele e alla casa di Giuda, a tutto il popolo nelle sue due realtà in cui era diviso subendo una diversa sorte (Israele fu deportato dagli Assiri nel sec. VIII e Giuda dai Babilonesi nel sec. VI).
La profezia quindi si riferisce primariamente a Israele che giunge al suo pieno realizzarsi in questa parola buona, che è l’Evangelo, compimento di tutte le Scritture. La parola buona, che le Genti accolgono nell’Evangelo (il buon annunzio) si riversa su Israele che vedrà in essa il compimento di tutte le Scritture.
Che questo sia vero è testimoniato dal Resto che in Israele crede in Gesù accogliendolo come il Cristo e il Figlio di Dio.

15 In quei giorni e in quel tempo farò germogliare per Davide un germoglio giusto,

In quei giorni e in quel tempo, la ripetizione sottolinea l’importanza di quanto accadrà (cfr. Gio 4,1: Poiché, ecco, in quei giorni e in quel tempo, quando avrò fatto tornare i prigionieri di Giuda e Gerusalemme, riunirò tutte le nazioni).
Per (o: a) Davide. «Il Messia è un dono fatto al dono, un’elezione all’elezione. Cfr. Is 55,3; At 13,34» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).
un germoglio di giustizia, per germoglio s’intende un figlio (cfr. Is 11,1: Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse, un virgulto germoglierà dalle sue radici). Questo figlio di Davide avrà come caratteristica la giustizia come viene subito detto.

che eserciterà il giudizio e la giustizia sulla terra.

Allo stesso modo di Davide, come è detto 2Sm 8,15: Davide regnò su tutto Israele e pronunziava giudizi e faceva giustizia a tutto il suo popolo. Egli pertanto instaurerà il regno davidico nel quale grande era la corruzione (cfr. 22,2-3: Tu dirai: Ascolta la parola del Signore, o re di Giuda che siedi sul trono di Davide, tu, i tuoi ministri e il tuo popolo, che entrano per queste porte. Dice il Signore: Praticate il diritto e la giustizia, liberate l'oppresso dalle mani dell'oppressore, non fate violenza e non opprimete il forestiero, l'orfano e la vedova, e non spargete sangue innocente in questo luogo).
La parola buona del Messia contiene in sé la forza di esercitare il diritto e la giustizia a favore dei poveri e degli oppressi di tutta la terra. Per noi cristiani lasciarci afferrare dal Vangelo significa percepire in noi questa forza di giustizia e operare in conformità ad essa nello stesso modo in cui Gesù l’ha realizzata e la continua a realizzare, cioè attraverso l’Evangelo incentrato sulla sua croce. È lì che avviene il completo rovesciamento delle categorie di dominio e s’instaura la regalità divina secondo le dinamiche proprie della sua vittoria sulla morte espresse nel c. 15 della prima ai corinzi: Bisogna infatti che egli regni finché non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L'ultimo nemico ad essere annientato sarà la morte perché ogni cosa ha posto sotto i suoi piedi (25-27).

16 In quei giorni Giuda sarà salvato e Gerusalemme vivrà tranquilla, e sarà chiamata: Signore-nostra-giustizia.

Giuda e Gerusalemme sono nominati in riferimento alla regalità davidica.
«Il termine ebraico di salvare contiene in sé un certo dinamismo: indica il trasferimento da un rischio o da una perdizione a un’altra situazione di scampo» (d. U. Neri, appunti di omelia, 1973).
Il passivo sarà salvato indica l’intervento salvifico del Signore (cfr. Dt 33,29: Te beato, Israele! Chi è come te, popolo salvato dal Signore?) e del suo Messia (cfr. Zac 9,9: Ecco, a te viene il tuo re. Egli è giusto e vittorioso (lett.: salvatore), umile, cavalca un asino, un puledro figlio d'asina). Per questo Gerusalemme vivrà tranquilla, lett.: abiterà nella sicurezza, che è frutto della salvezza definitiva.
E sarà chiamata: Signore-nostra-giustizia, il nome, che è dato al Messia (23,6), è lo stesso della città di Gerusalemme. La giustizia del re si espande in tutta la città, che diviene il luogo dove si esercita la sua giustizia. Possiamo anche vedere in Gerusalemme l’immagine dei salvati che sono raccolti in essa e che già partecipano della stessa giustizia del Cristo. Essi sono primizia dei redenti raccolti nella sua Chiesa.

Note

«L’oracolo si presenta come la realizzazione di una parola buona che Dio realizzerà. Questo è l’Avvento: la parola buona del Padre pienamente si realizza in noi. È anche manifestazione della gloria. A Gerusalemme è dato il nome che nel c. 23 è riferito a Dio.
Conclusione: la prospettiva, che si apre nell’avvento, è far sì che il nome di Dio divenga il nome della Chiesa. È quanto speriamo: questo tempo compia in noi questo che la realtà di Dio diventi la nostra realtà: la sua giustizia sia in noi e con Lui possiamo regnare» (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico 2.12.1979).

SALMO RESPONSORIALE Sal 24

R/. A te, Signore, innalzo l’anima mia, in te confido.

Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.
Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,
perché sei tu il Dio della mia salvezza. R/.

«Scacciato da te dal paradiso ed esiliato in una lontanissima regione, da me non posso tornare, se tu non vieni incontro al mio errare; il mio ritorno infatti ha sperato nella tua misericordia per tutto il tempo della vita terrena» (Agostino)

Buono e retto è il Signore,
indica ai peccatori la via giusta;
guida i poveri secondo giustizia,
insegna ai poveri la sua via. R/.

Tutti i sentieri del Signore sono amore e fedeltà

«Tutte le vie del Signore sono i due avventi del Figlio di Dio, l’uno di misericordia, l’altro di giudizio. Giunge dunque a lui seguendo le sue vie colui che, vedendosi liberato senz’alcun merito, depone la superbia e d’ora in avanti si guarda dalla severità del giudice, perché ha conosciuto la clemenza del soccorritore» (Agostino).

per chi custodisce la sua alleanza e i suoi precetti.
Il Signore si confida con chi lo teme:
gli fa conoscere la sua alleanza. R/.

«Chi teme il Signore è introdotto a una felicità tale che lo porta a condividere la sua vita, il suo segreto, il suo mistero» (Eusebio).

SECONDA LETTURA 1Ts 3,12-4,2

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi

Fratelli, 3,12 il Signore vi faccia crescere e sovrabbondare nell’amore fra voi e verso tutti, come sovrabbonda il nostro per voi,

Vi faccia crescere e abbondare. Questa è la misura della grazia: una sovrabbondante ricchezza, che cresce fino alla sua pienezza, come subito dice: perché abbondiate maggiormente (4,1). Il luogo dove vi è questa abbondanza è l’amore vicendevole. La povertà spirituale è causata dal fatto che non vi è lo scambio dell’amore, come al contrario la ricchezza della grazia abbonda in esso.

13 per rendere saldi i vostri cuori e irreprensibili nella santità, davanti a Dio e Padre nostro, alla venuta del Signore nostro Gesù con tutti i suoi santi.

Il rapporto vicendevole, quando è caratterizzato dall’amore, rende saldi e irreprensibili i nostri cuori nella santità. La santità è l’azione trasformante, che Dio compie nei suoi eletti. Chi Dio sceglie entra nel fuoco della sua santità ed è illuminato dalla sua luce (cfr. Lv 11,45 Poiché io sono il Signore, che vi ho fatti uscire dal paese d'Egitto, per essere il vostro Dio; siate dunque santi, perché io sono santo).
L’essere saldi è in rapporto al giorno del Signore perché noi possiamo resistere davanti al Signore presente nella sua gloria (cfr. 1Cor 1,4-8; Fil 1,9-10).
Qui l’apostolo presenta il Padre, chiamato nostro, come Colui al quale noi saremo presentati..
Gesù viene con tutti i suoi santi, che probabilmente sono gli angeli che formano la sua corte celeste (cfr. Zac 14,5: Verrà allora il Signore mio Dio e con lui tutti i suoi santi).

4,1 Per il resto, fratelli, vi preghiamo e supplichiamo nel Signore Gesù affinché, come avete imparato da noi il modo di comportarvi e di piacere a Dio – e così già vi comportate –, possiate progredire ancora di più.

La frase di difficile traduzione è ampliata nella versione CEI. Proponiamo come versione più letterale la Nuova Diodati:

Per il resto dunque, fratelli, vi preghiamo ed esortiamo nel Signore Gesù che, come avete ricevuto da noi in quale modo vi conviene camminare per piacere a Dio, abbondiate molto più in questo.

Alla grazia corrisponde la nostra adesione. Per questo l’apostolo prega ed esorta a camminare in questa via dell’amore vicendevole, che è gradito a Dio, per abbondare sempre più. Questo è quanto accade ai servi, che hanno trafficato i loro talenti.

2 Voi conoscete quali regole di vita vi abbiamo dato da parte del Signore Gesù.

Le esortazioni sono date da parte del Signore Gesù. È Lui da noi professato e accolto come il Signore, la sorgente dell’autorità apostolica.

«In 1Ts 3,12 sg. ci sono date le indicazioni per questo nostro Avvento: esortazione molto forte ad abbondare e a sovrabbondare. Se l’Avvento è quello che è, qui occorre abbondare: respingere il calcolo, la parsimonia, la misura stretta. Non avere paura di spendere e spandere. Questo ci costringe a dire “basta”. Come siamo noiosi con noi stessi per paura di spenderci sempre: non siamo gente che abbondiamo, siamo dei raffinati calcolatori. Via spendiamoci. Abbiamo un’inesauribile quantità di riserve che teniamo sterilizzate.
Dice di abbondare nella carità l’uno verso l’altro e verso tutti. Abbondare, avere una visione larga gli uni verso gli altri, uscire dalla nostra piccola tana e muoverci verso l’altro. Persino il papa ha fatto il primo passo verso il patriarca ecumenico. Se il Signore ci ha fatto incontrare è certo che dobbiamo muoverci verso gli altri ed essere i primi. Uscire in anticipo verso tutti.
Cercheremo di adorare il Figlio di Dio fatto uomo e questo vuol dire amare tutti: espansione polmonare e cardiaca in modo da avere un respiro universale: grandi respiri per tirare dentro il mondo dalla testa al cuore.
Il testo, in quello che segue, fa un forte richiamo alla purezza: generale e particolare: attenzione a tutto ciò che contamina la castità del nostro corpo. C’è nello spirito dell’Avvento (in modo diverso dalla Quaresima che è purificazione e umiliazione della persona e del corpo attraverso il digiuno) una preparazione di una dimora pulita al Signore che viene. Tutto è puro in ciò che contatto con il Signore: il seno della Vergine; l’asinello su cui nessuno era montato; il sepolcro nuovo.
Forte richiamo alla purezza nella mente, nel cuore e nel corpo: estirpazione in radice dei desideri contrari perché a questo ci ha chiamato il Signore.
Il v. 8: Perciò chi disprezza queste norme non disprezza un uomo, ma Dio stesso, che vi dona il suo Santo Spirito è importante non solo nella prima parte ma nell’ultima: Dio che dà lo Spirito Santo in voi. Il Signore viene nel mondo per dare una realtà nuova albare, limpidissima che è lo Spirito Santo. Lo Spirito è lo Spirito della limpidità, della purezza e degli affetti e del corpo ben armonizzati per cui Gerusalemme riposerà in fiducia e sarà quindi il suo nome il Signore giustizia nostra (d. G. Dossetti, appunti di omelia, Gerico 2.12.1979).

CANTO AL VANGELO Sal 84,8

R/. Alleluia, alleluia.

Mostraci, Signore, la tua misericordia
e donaci la tua salvezza.

R/. Alleluia.

VANGELO Lc 21,25-28.34-36

Dal vangelo secondo Luca

25 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti,

Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, quindi nel cielo. Essi furono creati perché servissero da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni (cfr. Gn 1,14). Il tempo viene sconvolto perché si rivela il tempo della parusia, della venuta del Figlio dell'uomo.
E sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore dei mari e dei flutti. Angoscia è smarrimento completo di fronte allo sconvolgimento del cielo e del mare. Dal mare sale la bestia (cfr. Ap 13,1-10).

26 mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.

Mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Moriranno di paura perché non sanno che cosa questo voglia dire, non conoscono la potenza delle divine Scritture che tutto questo annuncia (cfr. Is 13,10; Ez 32,7; Gio 2,30s): infatti essi fondano l'interpretazione della storia su questi segni che sono sconvolti e non sulla Parola di Dio. Le potenze dei cieli, quelle che governano l'universo, saranno sconvolte per l'avvicinarsi del Figlio dell'uomo.
Come infatti i cieli narrano la gloria di Dio, così con tremore ne annunceranno la venuta.

27 Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.

Allora vedranno il Figlio dell'Uomo, Colui che hanno trafitto (cfr. Gv 19,37; Ap 1,7), venire su una nube con grande potenza e gloria. Questo e il segno. Per aver dato questo segno davanti al Sinedrio (22,69), Egli è stato trafitto. Questo era già stato annunziato da Daniele (cfr. Dn 7,13s).
Allo smarrimento di tutti i popoli si contrappone la gioiosa certezza dei discepoli che sono nella grande tribolazione (v. 12s):

28 Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.

Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi dalla miseria e dall'oppressione e alzate il capo, elevate la vostra mente verso il Regno che sta manifestandosi con potenza, perché la vostra liberazione è vicina. La liberazione profetizzata da Zaccaria, padre di Giovanni (1,68) e da Anna (2,38) ora si compie: il Figlio dell'uomo viene nella sua potenza e libera i suoi discepoli dalla persecuzione.
I segni quindi, che spaventano tutti i popoli, sono per i discepoli un motivo di gioia perché sanno che in quel momento le potenze invisibili e le creature visibili stanno sussultando davanti al Signore che viene ed essi percepiscono che Egli è vicino.
«Ogni volta che Dio si muove nella Scrittura si manifesta con sconvolgimenti cosmici. Il manifestarsi di Dio non è mai fine a se stesso: è sempre legato alla nostra salvezza, alla vocazione, alla chiamata che lui fa ad uscire dalla nostra prostrazione. E non c’è stato di prostrazione, che tenga di fronte all’invito di Cristo. Il non volere rispondere e alzarci è un volere negare la misericordia di Dio» (Diaconia).

34 State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso;

Dopo aver rivelato i misteri nascosti da secoli in Dio riguardanti la conclusione di questo secolo, ora il Signore conclude il suo discorso con l'esortazione: state attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano, come si appesantì il cuore del Faraone (cfr. Es 8,11.28; 9,7.34) che non conobbe il Signore né il suo tempo; vedi. 1Sm 6,67), in dissipazioni (lett.: crapula che, secondo Basilio, è distinta dall'ubriachezza: questa è l'uso eccessivo del vino, l'altra è l'ansia e la nausea che si prova nell'ubriachezza). Leggi Is 5,11-17: si alzano presto al mattino […] si attardano alla sera per ubriacarsi (questi due momenti sono consacrati all'attesa del Signore: Mc 13,35).
Ubriachezze, il termine, usato nel contesto escatologico, mette in rilievo un modo di reagire alla presente situazione di crisi.
Lo stesso discorso è fatto da Paolo in 1Ts 5,2-8: i cristiani appartengono al secolo che viene e quindi al giorno del Signore per questo l'apostolo esorta: non dormiamo dunque come gli altri, ma restiamo svegli e siamo sobri. Infatti quelli che si ubriacano, si ubriacano di notte.
Cercare un'altra ebbrezza che non sia quella dello Spirito (Ef 5,18) è non attendere il Signore e giungere a una vita dissoluta.
Affanni della vita, quelli che soffocano la Parola e impediscono di giungere a maturazione (cfr. 8,14).
E che quel giorno non vi piombi addosso all'improvviso, come improvvisi saranno la rovina (cfr. 1Ts 5,3) e il terrore (cfr. Sap 17,14).

35 come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra.

L'espressione richiama Is 24,17: Terrore, fossa e laccio ti sovrastano, o abitante della terra. Chi fugge al grido di terrore cadrà nella fossa, chi risale dalla fossa sarà preso dal laccio (cfr. Sal 34,8: li sorprenda un laccio che non conoscono. Sal 10,6: farà piovere lacci sui peccatori). Il termine affonda le sue radici nell'A.T., nella Settanta e fa convogliare verso il Cristo, che viene come giudice, quei testi che parlano del laccio come rovina.

36 Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

Vegliate in ogni momento, comando dato ai suoi servi che devono aspettarlo, pregando, perché non sappiamo né il giorno né l'ora. Infatti la fine di tutte le cose è vicina. Siate dunque moderati e sobri per dedicarvi alla preghiera (1Pt 4,7).
Nella preghiera si accende l'attesa e quindi viene data la forza: perché abbiate la forza di fuggire a tutto ciò che sta per accadere.
Avere la forza, «nel greco il verbo così tradotto significa anche essere superiore a qualcuno per forza, prevalere e vincere» (GLNT, Grundmann) e quindi sottintende anche una lotta per la quale è necessaria la forza di Dio come dice l'Apostolo: attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza (Ef 6,10); questa è la forza di chi sfugge al laccio perché invano si tende la rete sotto gli occhi degli uccelli (Prov 1,17).
E di comparire (lett.: stare in piedi) davanti al Figlio dell'uomo, davanti al quale tutto è scosso anche le potenze dei cieli, mentre gli eletti stanno davanti a Lui per servirlo come è detto in Sap 5,1: allora il giusto starà con grande fiducia.

Frammenti

«La manifestazione del Figlio dell'uomo spacca l'universo e per questo non bisogna lamentarsi dei segni di sconvolgimento perché è la creazione nuova. Il cosmo in cui noi siamo inseriti è una realtà unica (di dentro e di fuori): se noi siamo proiettati nell'ultimo giorno nulla ci spaventa altrimenti tutto ci scuote di fuori e di dentro. È il vivere già in Dio che permette di rendere culto a Dio con gioia, ma non si può essere in questa gioia se non si è già là». (Sr. Agnese, appunti di omelia, 1972).
«v. 32: cf. il v. 22 ritorna nella Passione del Signore; è nella sua generazione e in ogni generazione; c'è un peso per tutti gli uomini di questa angoscia degli ultimi tempi: solo i cristiani conoscono il perché e il senso di questi ultimi tempi e della prova ultima. Ai cristiani compete il compito di custodire la speranza, altrimenti veramente gli uomini verranno meno. La speranza è data ai cristiani per salvare sé e custodire gli altri» (Sr. Cecilia, appunti di omelia, 1972).
«v. 34 cfr. Lc 12,32ss : il cuore se è leggero vola e non si appesantisce. (D. Efrem, appunti di omelia, 1972).
«È la parola che tiene il cuore leggero; le preoccupazioni terrene sono quelle che appesantiscono il cuore perché soffocano la Parola (cfr. Lc 8,14). (Sr. Agnese, appunti di omelia, 1972).

PREGHIERA DEI FEDELI

C. Nell’attesa del Redentore, rivolgiamo le nostre suppliche al Padre che è nei cieli.
Diciamo insieme:
Esaudisci il tuo popolo, Signore.

 Per la Chiesa santa e cattolica, che si estende da un confine all’altro della terra, perché la sua gioiosa attesa sia luce di salvezza per tutti i popoli, preghiamo
 Perché i cuori spezzati dal dolore si rianimino di fiducia nell’attesa del Redentore, preghiamo.
 Perché tutti i discepoli del Signore custodiscano integra la loro fede e santo il loro corpo come tempio del Dio vivente, preghiamo
 Perché la nostra comunità cristiana permanga nel vincolo della carità e spezzi le catene dell’egoismo e della menzogna, preghiamo.
 Perché tutti noi sappiamo accogliere il Signore nascosto e presente nei segni sacramentali e nel volto dei suoi poveri, preghiamo.

Padre Santo, che mantieni nei secoli le tue promesse, ascolta questa preghiera e rialza il capo dell'umanità oppressa da tanti mali. Apri, Signore, i nostri cuori alla speranza, perché sappiamo attendere con gioia il ritorno glorioso del Cristo giudice e salvatore.
Egli è Dio e vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.

... Padre Onnipotente

Il linguaggio del Credo è un linguaggio biblico che ci permette di confessare Dio come l’hanno confessato migliaia di credenti prima di noi. Abbiamo definito la fede un rapporto di fiducia verso ..., l’orientamento e l’impegno della nostra vita. La prima definizione era: un solo Dio. La fede lo confessa come Padre, Onnipotente. Il fatto che Dio è l’artefice incondizionato della Creazione dimostra la sua Onnipotenza. Infatti, Egli mostra la sua onnipotenza paterna attraverso il modo con cui si prende cura dei nostri bisogni; attraverso l’adozione filiale che ci dona «Sarò per voi come un padre, e voi mi sarete come figli e figlie, dice il Signore Onnipotente»; infine attraverso la sua infinita misericordia, dal momento che Egli manifesta al massimo grado la sua potenza perdonando liberamente i peccati. La fede in Dio Padre onnipotente può essere messa alla prova dall’esperienza del male e della sofferenza. Talvolta Dio può sembrare assente ed incapace di impedire il male. Ora, Dio Padre ha rivelato nel modo più misterioso la sua onnipotenza nel volontario abbassamento e nella risurrezione del Figlio suo, per mezzo dei quali ha vinto il male. Cristo crocifisso è quindi « potenza di Dio e sapienza di Dio. Perché ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini » Nella risurrezione e nella esaltazione di Cristo il Padre ha dispiegato «l’efficacia della sua forza» e ha manifestato «la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi credenti» Soltanto la fede può aderire alle vie misteriose dell’onnipotenza di Dio. Per questa fede, ci si gloria delle proprie debolezze per attirare su di sé la potenza di Cristo. Di questa fede il modello è la Vergine Maria: Ella ha creduto che «nulla è impossibile a Dio» e ha potuto magnificare il Signore: «Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente e santo è il suo nome». Dio ama ogni uomo e non lascia da parte nessuno. E’ necessario accogliere la rivelazione che questo Dio fa di se stesso attraverso la storia e in Gesù di Nazareth, nella Chiesa.
“Io credo in Dio Padre onnipotente”, noi crediamo in Dio Padre, professiamo il Padre onnipotente. Il termine Padre cambia tutto. “Dio” non ha più il significato di prima; e nemmeno l’attributo “onnipotente”. Padre, infatti, è un essere amoroso e Dio, così, è un Dio d’amore. Nient’altro. Un Dio-Padre-Amore Onnipotente.
Dio è il tenerissimo Padre di tutti e di ciascuno, la fonte di ogni paternità e maternità in cielo e sulla terra. Parlare di Dio come Padre può sembrare quasi scontato, perché è usuale per i credenti rivolgersi a Dio con la preghiera del “Padre nostro”. “Un solo Dio Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed è presente in tutti” e Gesù ci ha insegnato a parlare con Dio chiamandolo “Padre nostro”. Eppure la novità più sconvolgente della rivelazione di Gesù riguarda proprio quella di Dio come Padre. Dio è Padre che ci ama di una tenerezza sconfinata; noi possiamo non amarlo, ma non possiamo impedirgli di amarci. La parola di Dio ci rivela il Padre e richiama la nostra esperienza di figli nei confronti dei nostri genitori. Si tratta ugualmente di entrare in una relazione d’amore, che è squilibrata per l’età, l’esperienza, il prestigio, dove il più importante accetta il piano più basso e umile dell’altro. E’ la confessione del bisogno e ci rimanda alla nostra esperienza adulta di padre e di madre nei confronti dei nostri figli: “Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio”. Possiamo notare in questa espressione che la paternità di Dio è strettamente connessa al nostro essere figli, si misura sulla fratellanza verso gli altri e riguarda in primo luogo coloro che accolgono nel Battesimo il grande dono della fede e mediante lo Spirito sono resi figli di Dio in Cristo suo Figlio. La rivelazione del Padre è qui; questa è la chiave che ci apre il mistero di Dio: Dio-Padre rimanda all’esperienza dei genitori. All’esperienza dei genitori amorosi di cui la terra è piena, all’esperienza della tenerezza paterna e materna che i figli a loro volta proveranno quando saranno diventati adulti e sentiranno ciò che prima ignoravano quasi completamente: che cosa significa essere padre o madre. Ognuno di noi può comprendere ciò che può significare essere Dio, solo quando sarà diventato padre. Dio è infinitamente più Padre di quanto lo sia il migliore dei padri tra gli uomini. L’esperienza della paternità umana ci può aiutare a intravedere ciò che può essere la paternità divina. Tuttavia il cuore paterno e materno è solo un pallido raggio dell’amore paterno di “Dio Padre onnipotente”. In verità solo Dio è padre: «Non chiamate nessuno padre sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello dei Cieli» . Inoltre Dio, come Padre, non lo si importuna mai quando le nostre richieste siano mosse da una fede spiccata e profonda e, se non provvede ad esaudirle immediatamente, significa che le sta esaudendo seguendo i suoi progetti che sono più congeniali al reale obiettivo, poiché il Padre che ama non sempre concede quello che l’amato richiede appunto perché mira a realizzare il suo amore. Il nostro impegno di cristiani è dunque quello di vivere da figli e aiutare ogni uomo ad esserlo, per cui l’unione a Cristo non esclude, ma anzi sollecita ad allargare il nostro orizzonte di impegno fraterno, senza esclusioni ma con grande disponibilità a riconoscere in ogni persona un fratello da amare e servire. È da questo comune riconoscimento di avere una responsabilità per ogni creatura di fronte al Creatore e Padre che nasce un impegno comune per promuovere la dignità di ogni persona, la fraternità umana, la giustizia e la pace; c’è infatti l’urgenza, oggi più ancora che in passato, di accogliere e operare insieme a tanti credenti di altre religioni o anche indifferenti e non credenti che però ricercano la verità di lavorare per un mondo più giusto pacifico, solidale e fraterno. Papa Benedetto XVI, nella visita ad Auschwitz, fece una profonda considerazione, affermando: «Noi non possiamo scrutare il segreto di Dio, vediamo solo frammenti e ci sbagliamo se vogliamo farci giudici di Dio e della storia. Non difendiamo in tal caso l’uomo, ma contribuiamo alla sua distruzione. No, dobbiamo rivolgere a Dio il nostro umile ma confidente grido del Salmo 44: “Destati, non ci respingere per sempre. Sorgi e vieni in nostro aiuto”. E il nostro grido, come quello di Gesù sulla croce (“Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?”), penetra nel nostro cuore, si affida comunque al suo amore di Padre perché non sia soffocato e coperto in noi dal fango dell’egoismo, della paura degli uomini, dell’indifferenza e dell’opportunismo».
Se vivessimo in ogni momento con la consapevolezza della grandezza dell’amore di Dio-Padre Onnipotente, la nostra vita cambierebbe drasticamente. Apriamo il cuore allo Spirito di Sapienza e di saggezza che ci aiuta a fidarci completamente del Padre.

Impegno
Questa settimana impegniamoci a contemplare l’amore infinito del nostro Padre Onnipotente che non si stanca mai delle nostre miserie, cambiando il nostro atteggiamento verso gli altri e soprattutto regalando un sorriso a quelle persone alle quali, di solito, non rivolgiamo neppure uno sguardo.
Recitiamo spesso:
“Padre accresci la mia fede”

Antonio Panucci

In Dio

È la prima, la più importante e fondamentale affermazione della “professione di fede”. Tutto il “Simbolo” ovvero il Credo, sia quello apostolico che recitiamo nel battesimo, nella cresima, nel tempo di Quaresima e di Pasqua, sia quello niceno-constantinopolitano che recitiamo ogni domenica e nelle festività religiose durante la santa messa, dopo l’omelia del celebrante, è impostato nell’unità e Trinità di Dio.
I dodici articoli del Credo dipendono tutti dal primo, “credo in un solo Dio” così come i dieci comandamenti sono esplicitazione del primo. I rimanenti articoli ci fanno meglio conoscere Dio quale si è rivelato progressivamente agli apostoli..
Purtroppo, e lo affermiamo con rammarico, oggi non siamo in molti a nutrirci spiritualmente del Credo, che è il compendio delle principali verità che dobbiamo credere, perché viviamo, ahimè, in un’epoca storica alquanto inquietante e conturbante in cui non pochi rifiutano Dio ch’è al centro della nostra vita e ci dà ogni giorno la gioia e la serenità di fronte alle difficoltà che non ci risparmiano. Jacques Maritain, filosofo francese e altre insigni personalità osano affermare che, dopo il diluvio universale, mai c’è stato un rifiuto così massiccio di Dio.
“Chi nega Dio fa il più grande insulto all’intelligenza dell’ uomo - diceva Paolo VI - egli spegne la luce sulla faccia umana ossia distrugge l’uomo nelle sue più alte prerogative”.
Infatti, sconvolge tutto il pensiero, tutto l’universo e annienta i principi immutabili della metafisica.
Negare Dio è come dire che c’è l’eco senza esserci il suono, che c’è l’opera senza esserci l’autore, che ci sono le tenebre senza esserci la luce, che c’è il figlio senza esserci il padre, che c’è l’ordine senza esserci l’ordinatore, insomma che c’è la creatura senza esserci il Creatore.
“Quando si nega Dio, - ammonisce Dostoievskij - ogni delitto è possibile”.
La fede in Dio sta diventando la grande questione nel nostro tempo, il tempo della postmodernità. Non a caso papa Benedetto XVI, che più di ogni altro ne avverte la densità agli effetti della storia della civiltà, non manca di evangelizzarne la realtà in tutte le occasioni possibili, ricuperando, a tal fine, anche la forza della ragione umana che si fa grido verso l’Assoluto di Dio ch’è Esistenza senza la quale tutto è assurdo, perché senza Origine non originata, non si dà origine ad ogni altra realtà.
Non si contano, purtroppo, le persone che, echeggiando Adorno, Hoerckeimer e Marcuse, gridano “Dio è morto”, oppure vivono nell’indifferenza religiosa che, per Benedetto XVI, “è il più grande insulto all’intelligenza dell’uomo”, annebbiata di tanto secolarismo, relativismo e nichilismo.
Tuttavia, a nostro conforto, noi sosteniamo di credere in Dio: è la verità del teocentrismo che tanto dispiace alla superbia dell’uomo moderno, cultore di un antropocentrismo che si giustifica nell’ateismo postulatorio di Nietzsche e di Sartre e poi si realizza come nichilismo dove lo stesso uomo che si voleva esaltare è ridotto a nulla, alla insignificanza più radicale.
Noi credenti siamo in molti, anzi moltissimi. ad essere giunti per “la dotta ignoranza” a riconoscere l’esistenza di una “Potenza nascosta”, ovvero di Dio, unico, supremo, onnipotente e perfetto, grazie alla Rivelazione fatta al popolo di Israele da Gesù di Nazareth che di sé ha detto: “Io sono la Via, la Verità, la Vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me (Gv14,1-21)”.
Come il popolo eletto di Israele ha reso molto a un Dio unico che ha autorità universale, che agisce dovunque, che è creatore di tutto, che ama il suo popolo, così, noi credenti collochiamo al centro della nostra vita il Dio unico che è indicibile, misterioso, padre di tutti gli uomini, provvidente e misericordioso.
In altri termini, noi credenti, quel Dio che, come diceva l’antico poeta Clemente nell’Inno a Zeus, è Colui in cui viviamo, ci muoviamo ed esistiamo, quel Dio che per noi è il Silenzio infinito che, con la sua Parola, ha creato cielo e terra, tutte le cose visibili e invisibili, quel Dio che è il Pensiero dal quale viene ogni pensiero, quel Dio che è l’Amore dal quale viene tutto l’amore, lo collochiamo al centro della nostra vita interiore, per viverla con semplicità e amarla con grandezza.
Dio: Egli è il solo. E’.
Mentre noi abbiamo ricevuto da Dio tutto ciò che siamo e abbiamo, Dio solo è in se stesso la pienezza dell’essere e di ogni perfezione, Egli è “Colui che è”, senza origine e senza fine. Gesù rivela che anche Egli porta il Nome divino: “Io sono”(Gv 8,28).
Noi crediamo in un solo Dio che ci ama appassionatamente e vuole essere amato “con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze” (Dt 6,8), che è misericordioso, che prova compassione per la sofferenza, che vuole la nostra conversione con la vita, che combatte per la causa della verità e della giustizia, che si china a guardare con predilezione chi giace nella miseria più profonda, nella “polvere”, nel “letamaio” inserendosi nella storia.
Crediamo in un solo Dio che è il Perdono, il dono più prezioso per noi peccatori, il mezzo per correggere i nostri pregiudizi e per vedere in noi stessi e nel prossimo solo l’amore e nient’altro.
Noi crediamo in un solo Dio che si è mosso per primo, anticipando la nostra ricerca, che si fa trovare anche da quelli che non lo cercano, che risponde anche a quelli che non lo invocano.
Noi crediamo in un solo Dio, l’invisibile evidente, presente nella tremante mano di un mendicante, nella bontà di chi assiste un malato, nella tristezza negli occhi di un morente, nella serenità di un frate, nella tenerezza di una madre che allatta, nella misericordia di un santo confessore, nel mistero nel volto di un sacerdote che celebra.
Noi crediamo in un solo Dio, ma non solitario, perché è Uno e Trino, è Amore e comunicazione infinita, perché ancora prima di crearci e di parteciparci un limitato riflesso della sua vita, Egli da sempre comunica tutta la propria perfezione al Figlio eterno e allo Spirito Santo.
Noi crediamo fermamente e confessiamo apertamente che uno solo è il vero Dio, eterno e immenso, onnipotente, immutabile, incomprensibile e ineffabile, che è nel riflesso della nostra vita interiore, che è la speranza e il coraggio di affrontare ogni giorno la vita con un sorriso sulle labbra, che si racconta, che cerca relazioni con gli uomini, che ama parlare ma anche ascoltare, che è stanco di essere frainteso, che si piega sull’umanità ferita, che ama l’amicizia e l’accoglienza, che sceglie di donarsi fino in fondo, che muore per sigillare il suo amore per ogni uomo.
Noi sentiamo che Dio, Unico e Trino, è presente in ogni uomo che ci ama, che sentiamo meritevoli, che ci accompagna e resta con noi quando cala la notte.
Impegno
Nel corso della settimana mi impegnerò a trovare molto tempo sulle ginocchia, meditando e pregando perché so che Dio ha bisogno di me, so che mi ha scelto per essere suo strumento e manifestarlo nella vita di ogni giorno non solo con atteggiamenti morali, ma soprattutto con la testimonianza, perché Egli è l’unico mio Dio.
Nino Dodaro

Io Credo

Sul vocabolario della lingua italiana il significato del verbo Credere è: Essere sicuro dell'esistenza di qualcuno o qualcosa; oppure: Avere fiducia in qualcuno o qualcosa, sinonimo di Fidarsi, Confidare.
Nel senso religioso non cambia il suo significato, ma, invece del generico “qualcosa o qualcuno”, c’è Dio.
Cosa significa allora credere? Credere vuol dire essere sicuro dell’esistenza di Dio, avere fiducia in Dio. “Chi dice: «Io credo», dice: «lo aderisco a ciò che noi crediamo» (CCC 185).
Il desiderio di Dio è insito nel cuore dell’uomo, l’uomo è alla ricerca di Dio. Le ricerche archeologiche hanno portato alla luce dei geroglifici risalenti agli uomini delle caverne che raffigurano entità superiori ai quali essi si rapportavano in maniera devozionistica e di adorazione. Gli uomini delle caverne non avevano certo una cultura tale da poter stabilire l’esistenza di un Dio, ma nonostante ciò avevano gli occhi e la mente rivolti ad un essere Creatore; il cuore li portava a credere in Dio ed avere fiducia in Lui.
Dalla fiducia deriva anche l’obbedienza. Nell’antichità l’esempio più grande ce lo da Abramo, il quale, vissuto intorno al 1800 a.C. è il prototipo dell’uomo che cerca Dio. Ed è proprio con lui che inizia la storia sacra; egli fa un atto di fede perfetto con la sua fiducia cieca, è disponibile a fare tutto ciò che gli indica Dio, tanto che, in età avanzata accetta la proposta di Dio di uscire dalla sua terra per andare verso un luogo sconosciuto senza sapere che cosa gli potesse accadere. Disposto a lasciare il suo paese, i propri orizzonti culturali, usi e costumi, gli affetti e le tradizioni. L'uomo, in genere, cerca la sicurezza e la stabilità; Abramo, invece, ascolta e obbedisce nella più totale fiducia, fino al punto che sulla base della promessa di Dio di “far diventare la sua discendenza numerosa come le stelle del cielo” (Gen 26,4), offre Isacco, suo unico figlio nato nella vecchiaia, in sacrificio a Dio.
E Dio trova in lui il primo “si” dell’uomo al Suo progetto di salvezza dopo che era decaduto in Adamo. Per questo Abramo è considerato da tutte le religioni monoteistiche il padre nella fede.
Se Abramo è il nostro padre nella fede, Maria è l’essere umano più obbediente. In Maria Dio trova la totale adesione al Suo progetto: una giovane donna che con il suo “si” ha contribuito a cambiare la storia del mondo e salvare l’uomo. Cosa poteva capire Maria nella sua giovane età della promessa dell’angelo? Eppure il suo si è stato immediato, un si ricolmo di fiducia nella Parola dell’Angelo; ha creduto dando il proprio consenso alla volontà di Dio perché si fidava ciecamente di Lui, anche dinanzi a un evento impossibile quale la nascita di un figlio in stato verginale. Oggi abbiamo la fortuna di conoscere la storia, di sapere quasi tutto su Gesù, ma Maria non sapeva nulla. Eppure ha corrisposto con fiducia alla richiesta divina.
A volte nelle mie riflessioni mi chiedo cosa abbia spinto Maria a dire il suo si, e quanto sarei stato capace io di dire il mio si. Quanti uomini e donne, oggi, si affidano ciecamente a Dio? Quanti hanno fiducia negli altri?
Un test di psicoterapia per stabilire il grado di fiducia negli altri, prevede che una persona si ponga di spalle e ad occhi chiusi davanti ad un'altra persona e si lasci cadere all’indietro per essere preso al volo prima di finire per terra. Se provassimo a farlo anche noi con i nostri familiari, chissà quale sarebbe il risultato?
Perché nelle famiglie ci sono tante divisioni? Perché tanti giovani non trovano più risposte ai loro interrogativi? Si è persa fiducia nelle istituzioni, addirittura si è persa la fiducia tra marito e moglie, tra genitori e figli. Per recuperare la fiducia nelle istituzioni, in un momento storico come quello che stiamo vivendo, è sicuramente arduo trovare delle soluzioni, ma per tutto il resto forse qualcosa si può e si deve fare.
I discepoli di Emmaus se ne tornavano delusi perché l’uomo in cui avevano riposto la loro fiducia era morto; quello che era stato il loro desiderio era svanito, la loro fede era perduta. Ma proprio nel momento di maggiore sconforto, Gesù si fa riconoscere nello spezzare il pane, e il loro cuore e i loro occhi finalmente si aprono. Ritornano a credere e ad amare nel momento in cui Gesù si dona nel pane, non quando hanno ricordi offuscati e confusi, ma quando i loro occhi vedono. Anche il discepolo Tommaso non voleva credere alla risurrezione finché non lo avesse visto con i suoi occhi. Ma dopo averlo visto, torna a credere.
Forse bisogna tornare a vedere Gesù per riacquistare la fiducia? Forse bisogna cominciare ad amare per credere? Si, dobbiamo imparare a donarci per meritare la fiducia degli altri, e perché gli altri credano in noi. Come fecero anche i santi, che abbandonarono se stessi per donarsi agli altri.
Liturgia
Atto di fede e devozione è la partecipazione alla Santa Messa, che è il memoriale della donazione di Gesù alla volontà del Padre affinché tutti gli uomini si salvino. È necessario, però, che la partecipazione sia attiva, e non come uno spettatore. Partecipare in base al proprio stato di vita. Un fedele deve partecipare alla liturgia con le risposte proprie, con gli atteggiamenti propri, e soprattutto con la fede di chi è sicuro di avere sempre qualcuno in cui confidare. La messa è il momento dell’incontro con Colui che il nostro cuore desidera incontrare.
“La comunione nella fede richiede un linguaggio comune della fede, normativo per tutti e che unisca nella medesima confessione di fede” (CCC 185). Nel corso della sua storia la Chiesa ha trasmesso la propria fede con delle brevi formule che fossero normative per tutti. Da qui la formulazione del Credo, che è una raccolta dei punti salienti, scelti da tutta la Sacra Scrittura in modo da dare una dottrina completa della fede. È una professione che è richiesta a tutti i battezzati.
Nelle celebrazioni della prima domenica di Avvento saranno distribuite ai fedeli delle immaginette raffiguranti il Cristo Pantocrator di Cefalù, e recanti, sul retro, il simbolo degli apostoli. Inoltre, per meglio assimilare i concetti della professione di fede, ogni settimana sarà sviluppato un tema riguardante uno degli articoli che compongono il Simbolo degli Apostoli. Nell’aula liturgica sarà esposto un grande quadro sul quale, ogni settimana verrà inserito un pezzo di puzzle che alla fine comporrà il volto di Cristo Pantocrator, raffigurato in un grande mosaico del Duomo di Cefalù. L’ultimo pezzo del puzzle del volto di Cristo che si svelerà pian piano, è il pezzo che riporta la bocca di Gesù, dalla quale ci è donata la Parola. 23 settimane in questo Anno della Fede in cui il Santo Padre ci invita a riscoprire con la dovuta consapevolezza la nostra professione di fede.
Impegno
Questa settimana voglio fermarmi almeno una volta al giorno a recitare la professione di fede con il simbolo degli apostoli, e voglio provare a dare un segno di fiducia in una persona che mi sta vicino.
Gianfranco Sicilia

di Daniele Tenuta

"La violenza è una menzogna, poiché è contraria alla verità della nostra fede, alla verità della nostra
umanità. La violenza distrugge ciò che sostiene di difendere: la dignità, la vita, la libertà degli esseri
umani". Così enunciava Giovanni Paolo II il 1 gennaio 2005 nel messaggio per la celebrazione della
giornata mondiale della pace. Sono parole di non facile interpretazione, ma dense di un significato
importantissimo. Libertà, dignità e altri diritti fondamentali di ogni persona sovente vengono lesi da
un male inaccettabile, la violenza, difficile ma non impossibile da debellare. Il 25 novembre l'Onu
celebra la donna. Quella sulle donne è la forma di violenza più diffusa, senza confini di ambiente,
religione, cultura e nazionalità. Sono centinaia le donne che ogni anno vengono uccise dalla
violenza ed una donna su tre subisce violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita. Nel 2012
sono state oltre 100 in Italia le donne uccise per gelosia, motivi sessuali o da violenze familiari.
Esecrabile è ogni forma di aggressione fisica contro il corpo di una donna, ma non solo. E' violenza
ogni mancanza di rispetto che offende e mortifica la dignità di una donna, che ne mina la fiducia
personale, che ne limita le potenzialità, che la isola e la esclude. E' violenza ogni forma di controllo
sull'autonomia economica di una donna. E' violenza ogni forma di comportamento o molestia
assillante non gradita dalla donna e anzi percepita da quest'ultima come in grado di suscitare
preoccupazione, timore, ansia. E' violenza ogni forma di coinvolgimento in attività sessuali senza il
consenso di una donna. Dunque, diversi tipi di violenza e coercizioni subite dal genere femminile
che devono essere eliminati. Nel 2012 è intollerabile assistere, ancora, a deprecabili comportamenti
del genere, che non possono essere considerati fatti individuali e personali, bensì devono essere
riconosciuti come responsabilità collettive. E' impensabile che una donna muoia con una coltellata
alla gola per difendere la sorella minacciata a morte dall'ex fidanzato. E' impensabile che una donna
venga uccisa a colpi di pistola dal marito geloso.

Nel corso della storia la donna ha acquisito, lottando, innumerevoli diritti che l'hanno posta,
gradualmente, in una situazione di parità con l'uomo. A partire dall'ottocento, quando l'individuo
femminile comincia faticosamente a farsi riconoscere il diritto ad essere un soggetto sociale
lavoratore e cittadino, e quindi a potersi svincolare dal potere dell'uomo, marito o padre. Per
proseguire all'alba del ventesimo secolo, quando iniziano i primi riconoscimenti dei diritti politici
alle donne. Il novecento è il secolo delle conquiste dei diritti civili, dall'uguaglianza al voto alla
possibilità di accedere a tutte le professioni di esclusiva pertinenza degli uomini. La donna della
seconda metà del '900 conquista la sua libertà e la sua indipendenza economica, giuridica, politica.

Ecco, i casi odierni di "femminicidio" richiamano, neppure lontanamente, atteggiamenti tipici di
una società settaria e troglodita antecedente il novecento. Diritti e conquiste, quelli sopra enunciati,
che devono ricevere, prima ancora della tutela da parte della legge, il rispetto da parte di tutti. Da
qui il rinnovato appello a promuovere una grande opera educativa delle coscienze, che formi tutti,
soprattutto le nuove generazioni. E allora che ben vengano manifestazioni teatrali, danze mondiali,
documentari e quant'altro, purché non siano mere ricorrenze retoriche e rituali. E' importante, infine,
combattere tale fenomeno non concentrando gli sforzi dei politici sull'aggravamento delle pene, ma
agendo alla radice del problema, ovvero focalizzando l'attenzione su due aspetti: prevenzione ed
educazione.

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.


Giornata di Preghiera vocazionale
Dalle ore 06,00 di sabato 8 alle ore 06,00 di domenica 9 dicembre, si terrà la giornata di preghiera dedicata alle vocazioni sacerdotali, religiose ed alla vita matrimoniale. Cadendo la giornata vocazionale nel giorno dell’Immacolata Concezione, ci sentiamo strettamente vicini a Maria ed in sua compagnia nella preghiera.

Offerta floreale a Maria
Sabato 8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione, dopo la celebrazione solenne della Santa Messa delle ore 11,30, ci sarà il tradizionale omaggio floreale alla Madonnina posta sul tetto della Chiesa. Al termine, come ringraziamento, reciteremo insieme l’Angelus Domini.

Ritiro giovani
Domenica 2 dicembre ritiro dei giovani a San Fili. Ritrovo alle ore 9,45 in Parrocchia e rientro in serata.

Rosario a San Giuseppe
Mercoledì 5 dicembre, primo mercoledì del mese, alle ore 17,30, recita del Rosario devozionale a San Giuseppe.

Benedizione dei Bambinelli
Domenica 9 dicembre, alla fine delle celebrazioni delle ore 10,00 ed 11,30, verranno benedetti i bambinelli Gesù da collocare nei presepi delle nostre case. Ognuno è invitato a portare il proprio.

Novena all’Immacolata
Giovedì 29 novembre è iniziata la Novena in preparazione alla festa dell’Immacolata. Durante i giorni della Novena, eccetto il venerdì, le Messe delle ore 9,00 sono soppresse. Sul retro sono riportati gli orari delle varie celebrazioni. 

Apostolato della Preghiera
Venerdì 7 dicembre, primo venerdì del mese, dedicato al Sacro Cuore di Gesù, giornata di Adorazione Eucaristica dalle ore 10,00 alle ore 18,00.

Distribuzione del Credo
Nelle celebrazioni di sabato 1 e domenica 2 dicembre, verranno distribuite a tutti i fedeli immaginette raffiguranti il volto di Cristo e recanti sul retro la preghiera del Credo. In quest’anno pastorale, tale preghiera diventi per tutti preghiera quotidiana.

 

Scarica il foglietto degli avvisi di questa settimana. Clicca qui.

Buon Natale e Felice Anno Nuovo
Don Gianni, don Vivien e don Patrick, insieme a tutti i collaboratori pastorali porgono alla comunità gli auguri per un Santo Natale e un felice Anno nuovo.

Santa Messa della Notte di Natale
E’ ormai giunto al termine il tempo dell’Avvento, che ci ha condotto alla gloriosa Messa della notte del Santo Natale. La comunità si ritroverà sabato 24 alle ore 23.50 per celebrare la nascita di Nostro Signore Gesù.
Non sarà, invece, celebrata la S. Messa delle ore 8,30 di domenica 1 gennaio.

Festa della Santa Famiglia
Rinnovo delle promesse matrimoniali
Venerdì 30 dicembre è la festa della Santa Famiglia. Per sottolinearne la devozione della nostra parrocchia, durante la messa delle ore 18.00, le coppie della comunità e, in particolare, quelle che nel corso dell’anno hanno festeggiato  degli anniversari speciali, potranno rinnovare le promesse matrimoniali.

Te Deum
Il Te Deum (dal latino "noi ti lodiamo, Dio") è l’ inno cristiano che viene tradizionalmente cantato la sera del 31 dicembre, per ringraziare il Signore dell'anno appena trascorso, per il dono della sua presenza nel tempo della nostra vita. Partecipandovi, si può ottenere l’indulgenza plenaria alle solite condizioni: Confessione sacramentale, Comunione eucaristica e Preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice, con l’animo distaccato da qualsiasi peccato. La nostra comunità si ritrova sabato 31 dicembre a conclusione della Santa Messa delle ore 18.00 per innalzare a Dio questo inno di lode.

Tombolata “Ritrovare un sorriso”
Il gruppo del mercoledì “Gioia, Sorriso e Giovinezza”, in collaborazione con il gruppo “La Domenica con Te”, organizza la tombolata di solidarietà, “Ritrovare un sorriso”, che si terrà mercoledì 28 dicembre alle ore 16.00 nella Sala “M. Dodaro” della nostra Parrocchia.
Sarà un’occasione per stare insieme con gioia, fraternità e amicizia. Ci saranno ricchissimi premi e un regalo a sorpresa per tutti i bambini presenti. Tutti sono invitati a partecipare.

Ambiente Solidale
Giovedì 29 dalle ore 20,00 nell’Auditorium parrocchiale potremo partecipare ad una serata di beneficenza per completare la casa di nonna Rosa in Kenya. Sono previste degustazioni di piatti tipici, una tombolata con premi, musica dal vivo degli anni 70-80 e balli di gruppo.

Pellegrinaggio in Terra Santa
Dal 15 al 22 giugno 2012, si terrà il pellegrinaggio parrocchiale in Terra Santa. Si visiteranno i luoghi santi di Nazareth, Betlemme e Gerusalemme. La quota di partecipazione individuale è di Euro 1.290,00. Per informazioni rivolgersi in orari serali a Gaspare ai numeri: 339-1584540 / 349-6031829 / 0984-852325

SANTA FAMIGLIA - B –


PRIMA LETTURA  Gn 15,1-6; 21,1-3

Dal libro della Genesi

5,1 In quei giorni, fu rivolta ad Abram, in visione, questa parola del Signore: «Non temere, Abram. Io sono il tuo scudo; la tua ricompensa sarà molto grande».

Visione, ricorre 4 volte: è detto di Abramo, di Balaam (Nm 24,4.16) dei falsi profeti che hanno visioni inesistenti (Ez 13,7). È importante sottolineare il fatto che è la Parola che avviene in visione, non è Dio: Abramo ha una visione della Parola Probabilmente è l’unica volta in cui ricorre questo fatto. Vedendo la Parola di Dio, vede anche l’adempimento delle promesse.
«Mi ha colpito la dialettica della fede in questo incontro di Dio con Abramo; accade dopo quelle cose dopo che cioè Abramo ha scelto Dio anziché i beni del re di Sodoma; non temere, sottolinea il fatto che nel cuore di Abramo c'è la lotta e il dramma nato dalla scelta fatta. Gli dice: «non temere, io sono tuo scudo» e lo porta a un livello di fede più alto: gli dice che da lui uscirà la discendenza: lo coglie nel suo dramma, fa appello al rapporto personale con lui, gli impedisce di soccombere e lo porta a un livello più alto e allora la sua fede è computata a giustizia. Giustizia va letto alla luce di. Rm: giustizia giustificante» (d. U. Neri, omelia, Gerico, 7.2.1973).
Io sono il tuo scudo, colui che ti difende dai tuoi nemici e che prende su di sé i loro colpi per risparmiarti. Il Signore s’impegna con noi in modo forte e coinvolgente tutto se stesso.
La tua ricompensa sarà molto grande. Questo testo pronunciato dalla Parola di Dio richiama Mt 5,12 la vostra ricompensa è grande nei cieli è la stessa ricompensa data ad Abramo e agli Apostoli  L’Evangelo aggiunge: nei cieli, perché questa è la vera terra la vera eredità. È forte il rapporto tra la Parola di Dio che parla in visione ad Abramo e la Parola di Dio, il Cristo, che parla sul monte: è lo stesso Signore, è Gesù, la Parola del Padre che parla ad Abramo e promette l’unica ricompensa a lui e ai discepoli.

2 Rispose (lett.: disse) Abram: «Signore Dio, che cosa mi darai? Io me ne vado senza figli e l’erede della mia casa è Elièzer di Damasco».
3 Soggiunse (lett.: disse) Abram: «Ecco, a me non hai dato discendenza e un mio domestico sarà mio erede».

I due versetti sono introdotti dalla parola disse. Essi indicano una sola parola di Abramo che il testo sacro divide in due forse per creare una sospensione nel discorso o per distinguere le riflessioni che Abramo fa sulla Parola di Dio. Tutto parte dalla sua domanda: «Mio Signore Dio, che mi darai?» Abramo accoglie anzitutto la signoria del suo Dio su di sé e ripensando a tutte le promesse che Dio gli ha fatto sulla discendenza e sulla terra ora constata davanti a Lui: Io me ne vado senza figli. Questa è la lotta che è nel suo cuore tra la promessa e il fatto che Abramo e Sara sono già vecchi e nulla si è realizzato. Anzi Abramo si perderà nel nulla perché l’erede non è uno che porta il suo nome, ma un estraneo, un suo domestico. La seconda parola di Abramo constata quale è la situazione e mette in luce il suo pensiero che lo fa soffrire e per il quale il Signore gli ha detto: Non temere, cessa di temere.

4 Ed ecco, gli fu rivolta questa parola dal Signore: «Non sarà costui il tuo erede, ma uno nato da te sarà il tuo erede».

In questa interiore situazione di nuovo la Parola del Signore si rivolge ad Abramo. Essa precisa che non costui sarà il tuo erede. Non lo nomina neppure perché Dio non lo ha scelto e a lui Abramo non deve guardare come fosse il suo erede, ma uno nato da te sarà il tuo erede. La Parola circoscrive con molta esattezza, non lascia indefinito. Infatti l’oggetto della fede non è mai lasciato nel vago, ma è ben preciso, circostanziato con esattezza dalla Parola.

5 Poi lo condusse fuori e gli disse: «Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contarle» e soggiunse: «Tale sarà la tua discendenza».

Le stelle. Cfr. Dt 1,10: Il Signore vostro Dio vi ha moltiplicati ed ecco oggi siete numerosi come le stelle del cielo. La promessa si è realizzata. In Eb 11,12 Abramo è definito morto; la stirpe che da lui deriva è frutto della fede; è il mistero della risurrezione che dà inizio a una vita nuova.

6 Egli credette al Signore, che glielo accreditò come giustizia.

Testo fondamentale. Nella notte dove Abramo vede solo la Parola e nella creazione il segno della sua discendenza, egli crede e questa fede gli è computata come giustizia. Questa è la sua ricompensa. L’apostolo Paolo si fonda su questo testo per dimostrare come la giustizia di Dio che si è rivelata in Gesù operi in noi in forza della fede e come questa sia la vera giustizia. Nessun uomo infatti può conseguirla tramite la Legge (cfr. Rm 4,9-11; Gal 3,6-9). La fede nel Signore implica fermezza e stabilità in Lui che è data dal credere alla sua Parola. Il pensiero, che genera sofferenza e timore, non domina nel credente ma viene vinto dalla fiducia nella Parola che il Signore ha pronunciato e che pronuncia a suo tempo per rafforzare e incoraggiare i suoi nel momento della prova.

21,1 Il Signore visitò Sara, come aveva detto, e fece a Sara come aveva promesso.

Non dice si ricordò ma visitò. Iddio visita Sara perché è Lui che apre e chiude la matrice. Il concepimento di Isacco è dovuto per un intervento diretto, personale di Dio. Infatti il verbo visitare è parallelo al verbo fare: è il Signore che opera. Vi è qui l'intimo rapporto che c'è tra la Parola e la creazione dell'uomo: Dio dice e crea l'uomo; Iddio ha parlato ad Abrahamo e Sara e ora opera. È una nuova creazione che comincia, quella del suo popolo. Nel Salmo (65,10) è detto: Visiti la terra e la irrighi.

2 Sara concepì e partorì ad Abramo un figlio nella vecchiaia, nel tempo che Dio aveva fissato.

Il termine al tempo fissato c’immette nel tempo di Dio: questo è il tempo della nascita di Isacco. È mirabile il Signore nelle opera sue.
Nella sua vecchiezza (anche al v. 7 sulle labbra di Sara). È detto anche di Giuseppe e Beniamino (Gn 37,3 e 44,20): sottolinea da una parte la nascita straordinaria d'Isacco e dall'altra l'amore tenerissimo del padre Abrahamo verso suo figlio come è detto di Giuseppe (37,3)

3 Abramo chiamò Isacco il figlio che gli era nato, che Sara gli aveva partorito.

Prima di giungere al nome d’Isacco, la Scrittura si sofferma con stupore sulla sua generazione. Allo stesso modo nel momento del sacrificio, il nome è posto per ultimo (22,2: prendi il tuo figlio, il tuo unico, colui che tu ami, Isacco).


SALMO RESPONSORIALE Sal 104

R/.  Il Signore è fedele al suo patto.

Rendete grazie al Signore e invocate il suo nome,
proclamate fra i popoli le sue opere.
A lui cantate, a lui inneggiate,
meditate tutte le sue meraviglie. R/.

Gloriatevi del suo santo nome:
gioisca il cuore di chi cerca il Signore.
Cercate il Signore e la sua potenza,
ricercate sempre il suo volto.  R/.

Ricordate le meraviglie che ha compiuto,
i suoi prodigi e i giudizi della sua bocca,
voi, stirpe di Abramo, suo servo,
figli di Giacobbe, suo eletto.  R/.

Si è sempre ricordato della sua alleanza,
parola data per mille generazioni,
dell’alleanza stabilita con Abramo
e del suo giuramento a Isacco. R/.


SECONDA LETTURA Eb 11,8.11-12.17-19

Dalla lettera agli Ebrei

Fratelli, 8 per fede, Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava.

Obbedì. È questa la caratteristica esistenziale della fede (cfr. Rm 1,5; 16,26: l’obbedienza della fede). La fede è pertanto una risposta all’iniziativa di Dio, quale Egli si degna di esprimere mediante la sua Parola. Spesso la Parola di Dio si pone in un modo così discreto e quasi nascosto che se uno non vuole obbedire può farla coincidere con qualche sua convinzione o entusiasmo o segno d’immaturità o sogno giovanile. Nel caso di Abramo e Sara si trattava di rompere un loro ritmo di vita e immetterli in una strada da loro sconosciuta … alla loro età!
Uscì. È il primo comando che Abramo riceve (cfr. Gn 12,1). La fede lo rende straniero nella terra in cui sta per andare per riceverla in eredità.

11 Per fede, anche Sara, sebbene fuori dell’età, ricevette la possibilità di diventare madre, perché ritenne degno di fede colui che glielo aveva promesso.

Con Sara è rilevato un altro aspetto della fede: la fedeltà di Dio a quello che ha promesso. Egli non può mai venir meno a se stesso. Sara crede al Signore e si dona totalmente a Lui, certa di diventare madre. Ella accetta non come se questo fosse l’ultimo tentativo ma perché crede nel suo Dio.
La promessa è riportata nel verso seguente ed è vista come già realizzata.

12 Per questo da un uomo solo, e inoltre già segnato dalla morte, nacque una discendenza numerosa come le stelle del cielo e come la sabbia che si trova lungo la spiaggia del mare e non si può contare.

Sara e Abramo devono superare l’ostacolo della loro impotenza e lo superano aderendo pienamente alla promessa dell’invisibile Dio (cfr. Rm 4,16-22).
Per giungere a dare inizio alla stirpe numerosa come le stelle del cielo e come la sabbia che non si può contare, essi devono compiere con fede la loro unione coniugale avendo la certezza interiore che la promessa di Dio si sta adempiendo. Credere è essere posti di fronte a quell’impossibile che solo la Parola di Dio può rendere evento.

17 Per fede, Abramo, messo alla prova, offrì Isacco, e proprio lui, che aveva ricevuto le promesse, offrì il suo unigenito figlio, 18 del quale era stato detto: «Mediante Isacco avrai una tua discendenza».

Il sacrificio d’Isacco è l’espressione più alta della fede di Abramo e Sara. Il termine che collega tutta l’esperienza dei patriarchi è la promessa. In Isacco, erede delle promesse, Abramo è messo alla prova. La prova consiste nell’essere all’interno di due parole di Dio che appaiono tra loro contraddittorie (la parola della promessa e il comando di sacrificare il suo figlio Isacco, che Abramo ama, l’unigenito).

19 Egli pensava infatti che Dio è capace di far risorgere anche dai morti: per questo lo riebbe anche come simbolo.

Ma Abramo supera la prova credendo che Dio è capace di far risorgere anche dai morti. In tal modo Abramo conobbe pienamente il mistero del Figlio di Dio: la sua immolazione e la sua risurrezione, espressa come simbolo nell’immolazione e restituzione del figlio Isacco. «Infatti Isacco non fu solo figura del Cristo immolato ma anche del Cristo richiamato alla vita» (Crisostomo).

Nota

Letta nella liturgia della santa famiglia, questo tratto della lettera agli ebrei ci aiuta a comprendere come si muove una famiglia che si fonda sul Signore. La divina Scrittura ci fa conoscere quante dolorose prove ha dovuto attraversare la famiglia di Abramo. Tutto ha contribuito per render salda la loro fede nel loro Dio, che è fedele alle promesse e che non muta anche quando sembra contraddirsi. La fede è il superamento di ogni logica e dialettica nostre per penetrare nella nube della conoscenza di Dio.
Questa deve esser la forza di ogni nucleo familiare che pone il suo vanto e la sua fiducia nel Signore.


CANTO AL VANGELO Eb 1,1-2

R/.  Alleluia, alleluia.

Molte volte e in diversi modi nei tempi antichi
Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti,
ultimamente, in questi giorni,
ha parlato a noi per mezzo del Figlio.

R/.  Alleluia.

 

VANGELO Lc 2,22-40 [forma breve 2,22.39-40

Dal vangelo secondo Luca

22 [Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore]

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione. Il Signore non abolisce ma compie la Legge. Infatti questa è stata plasmata sulla carne del Cristo, poiché Egli è fatto da donna, fatto sotto la Legge (Gal 4,4). Nel Levitico è scritto: quando i giorni della sua purificazione saranno compiuti (12,6), Questo compiersi assume per Maria un altro significato che quello normale per le donne,  perché avviene nella pienezza del tempo (Gal 4,4). È questo il tempo che Dio solo conosceva e in riferimento al quale dava a Mosè la Legge. Il modello visto da Mosè sul monte (Es 25,40), l'umanità del Signore Gesù, ha strutturato il Tempio e la sua Legge.
Della loro purificazione. Loro della madre e del Figlio, mentre la Legge dice solamente della sua purificazione  riferito alla madre.
Includendo in questa purificazione anche il Bambino vuole sottolineare che Dio ha mandato il proprio Figlio in una carne simile a quella del peccato (cfr. Rm 8,3).
Portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore. Questa prima salita del Signore a Gerusalemme contiene profeticamente l'altra, l'ultima. Anche la prima è sacrificale. In questa luce avviene il primo ingresso di Gesù in Gerusalemme nel Tempio: per offrirlo al Signore.

23 - come è scritto nella legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore» -

Come è scritto nella legge del Signore. Si trova spesso questa espressione: il Cristo sottomettendosi alla Legge la adempie pienamente: il riscatto di Israele, primogenito di Dio, si realizza pienamente in Cristo Gesù.
Ogni maschio primogenito sarà chiamato santo per il Signore. Sarà chiamato santo: sono le stesse parole dell'Angelo: sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio (1,35). Il termine santo sottolinea la natura sacrificale del Cristo (cfr. Gv 17,19: per loro io santifico (trad.: consacro) me stesso; Eb 10,5-10).

24 e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore.

L'offerta per la purificazione sottolinea come Giuseppe e Maria siano poveri: Se non ha mezzi da offrire un agnello, prenderà due tortore o due colombi: uno per l'olocausto e l'altro per il sacrificio espiatorio. (Lv 12,8)

25 Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele,

Timorato di Dio è colui che si riguarda con timore dalle trasgressioni della Legge, quindi è giusto e pio: è insomma un devoto osservante della Legge come Anania (At 22,12).
Che aspettava: si attende la consolazione (25), il riscatto (38), il Regno (23,51). La consolazione infatti nasce dal riscatto dalla schiavitù come dice Zaccaria nel cantico: liberati dalle mani dei nemici servirlo senza timore in santità e giustizia (1,74). Questo è il Regno; infatti è scritto: Voi sarete per me un regno di sacerdoti, una nazione santa. (Es 19,6)
La consolazione (trad.: conforto) d'Israele, annunciata dai profeti: Consolate, consolate il mio popolo, dice il nostro Dio (Is 40,1). Davvero il Signore consola (trad.: ha pietà) Sion, consola tutte le sue rovine (Is 51,3).
Il Messia dice: Lo Spirito del Signore Dio è su di me, perché il Signore mi ha consacrato con l'unzione, mi ha mandato a portare il lieto annunzio ai miseri per consolare tutti gli afflitti (Is 61,1-2). (Tutti questi testi sono tratti dal "Libro della consolazione di Israele" Is 40-55).
Lo Spirito Santo era sopra di lui. Era, indica continuità: è un riferimento alla divina presenza che abitualmente era su di lui. «L'osservazione, che egli stava sempre sotto l'influsso dello Spirito Santo, lo connota come profeta, e lo pone accanto ad Anna, esplicitamente descritta come profetessa (vv. 36ss). Perciò quanto egli dice o compie ha un peso particolare. Cosciente nello Spirito che avrebbe visto il Messia di persona, questo uomo venerando, per disposizione divina, incontra i genitori di Gesù con il Bambino nel tempio» (Rengstorf).

26 e lo Spirito Santo era su di lui. Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore.

Non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Dopo aver veduto il Cristo del Signore non si vede più la morte come prima. Dice infatti il Signore: In verità, in verità vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno (Gv 8,51). Per questo il congedo di Simeone è nella pace perché sa che non gusterà la morte in eterno in quanto è vivo come lo sono Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i giusti. (cfr. Lc 20,37: il Signore Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe. Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui).

27 Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo:

È un gesto nettamente sacerdotale, non solo lo vede, ma lo prende su di sé e lo fa oggetto della sua Eucarestia.

29 «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo
vada in pace, secondo la tua parola,

Lasci, o Signore; è adesso che secondo la Tua Parola Tu congedi: è un indicativo non un imperativo; non è tanto una invocazione della morte quanto piuttosto una constatazione che la parola di Dio detta su di lui (v. 26) si è avverata.
Servo - Signore: (lett.: schiavo - Padrone) Simeone sottolinea l'assoluta dipendenza dal Signore, così come avviene per Maria (vedi 1,38-48).

30 perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza,

Perché i miei occhi han visto la tua salvezza: come è scritto: Io spero nella Tua salvezza Signore! (Gn 49,18). Mi consumo nell'attesa della tua salvezza  (Sal 119,81). I miei occhi si consumano nell'attesa della tua salvezza (ivi, 123). Aspetto da Te la salvezza, Signore (ivi, 166). Desidero la Tua salvezza, Signore  (ivi, 174). "Rendimi la gioia della Tua salvezza"(Sal 51,4). "Rialzaci, Dio nostra salvezza … donaci la tua salvezza" (Sal 85,5-8).

31 preparata da te davanti a tutti i popoli:

La salvezza è universale come viene spiegata nel versetto seguente (cfr. Is 52,10).

32 luce per rivelarti alle genti
e gloria del tuo popolo, Israele».

Luce per illuminare le genti (lett.: luce per la rivelazione delle genti). Rivelazione delle genti  si intende: la luce viene rivelata alle genti; cfr. 1,79: per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell'ombra della morte (Is 42,6; 49,6).
E gloria del Tuo popolo Israele: come è scritto: Io dispenserò in Sion la salvezza a Israele oggetto della mia gloria (Is 46,13). La gloria del Signore brilla su di Te (ivi, 60,1). I popoli vedranno la Tua giustizia, tutti i re la Tua gloria (ivi, 62,2).
Notiamo come Simeone si muova all'interno del libro della consolazione di Isaia che vede realizzato in Gesù, il Messia atteso.

33 Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui.

Si stupivano: «Lo stupore appartiene allo stile di questi resoconti (1,63; 2,18-47; 4,22; 7,9 ecc..) e qui esiste motivo di meraviglia; poiché le parole di Simeone comprendono molto di più di quanto finora era stato detto su questo Bambino (1,32s; 1,54s; 2,19). Adesso perfino i popoli del mondo che disprezzano e opprimono Israele, entrano nella sfera della sua azione!» (Rengstorf).

34 Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione

In queste parole, rivolte alla madre, Simeone si rifà alle parole del profeta Isaia: Egli (cioè il Signore degli eserciti) sarà laccio e pietra d'inciampo e scoglio che fa cadere per le due case di Israele, laccio e trabocchetto per ch