Briciole di Pastorale per questa settimana

Liturgia
Proposta rinnovazione impegni della Cresima
P. Fratelli e sorelle, nella solennità della Pentecoste,
il Signore Gesù vi chiama a rinnovare l'offerta della
vostra vita affinché egli possa attraverso di voi diffondere
il suo Regno di pace, di giustizia, di carità e
di gioia in mezzo agli uomini. Consapevoli di tale
vocazione, esprimete il vostro “si” al Signore, rinnovando
gli impegni di vita assunti nel giorno del vostro
Battesimo e confermati nella Cresima.
P. Volete impegnarvi nell'edificazione della Chiesa
Corpo di Cristo crescendo nell'unità e nell'amore e
accogliendo con gioia e disponibilità i doni dello
Spirito Santo? T. Sì, lo voglio.
P. Volete quali membra vive della Chiesa sotto la
guida dello Spirito Santo servire i vostri fratelli come
ha fatto Cristo che non è venuto per essere servito,
ma per servire? T. Sì, lo voglio.
P. Volete essere nel mondo testimoni fedeli del Regno
di Dio annunciando agli uomini la Parola che
salva affinché da tutti i popoli della terra si formi una
sola famiglia umana e sorga un'umanità nuova in
Cristo nostro Signore? T. Sì, lo voglio.

Catechesi
Allo stadio di Amman, nella sua omelia Papa Francesco
ha parlato del suo rispetto per l’Islam e fatto
alcune affermazioni che possono diventare il
“kerigma” in questa Pentecoste: “La missione dello
Spirito Santo è di generare armonia, Egli stesso è
armonia, e di operare la pace nei differenti contesti e
tra soggetti diversi”. “La diversità di persone e di
pensiero non deve provocare rifiuto e ostacoli, perché
la varietà è sempre arricchimento. Oggi invochiamo
lo Spirito Santo chiedendogli di preparare la strada
della pace e dell'unità”. “La pace non si può comperare:
essa è un dono da ricercare pazientemente e
costruire artigianalmente mediante piccoli e grandi
gesti che coinvolgono la nostra vita quotidiana. Il
cammino della pace si consolida se riconosciamo che
tutti abbiamo lo stesso sangue e facciamo parte del
genere umano; se non dimentichiamo di avere un
unico Padre celeste e di essere tutti suoi figli, fatti a
sua immagine e somiglianza”. Ma per una pace
“vera, solida e duratura è necessario porre gesti di
umiltà, di fratellanza, di perdono, di riconciliazione”.

Carità
Se lo Spirito del Risorto si effonde su tutta la terra, è nostro compito
individuare quali sono oggi le opere che lo Spirito compie nei nostri
tempi, dentro la nostra modernità disincantata e disillusa.
Certamente, nelle vite dei santi e di tanti uomini e donne che al
soffio dello Spirito testimoniano la carità.
Pensiamo alla Carità anche nei nuovi contesti e scenari europei, dove
la lotta alla povertà e più in generale alla marginalità sociale, culturale,
economica proporrà sfide inedite alle Chiese presenti nel
Vecchio Continente. La rete delle Caritas Europa stanno portando
avanti programmi di educazione e sensibilizzazione sulla Campagna
“Cibo per tutti” in previsione anche della Esposizione Universale che
Milano ospiterà nel 2015, che avrà come tema il cibo. Accanto al
cibo, la casa; bisogno primario per tutti; il lavoro, diritto sancito
dalle Costituzioni degli Stati Europei; l’istruzione, indispensabile
fonte di crescita umana e di progresso sociale; la salute, anche come
rispetto dell’ambiente in cui viviamo; le migrazioni, grande banco di
prova per il futuro del nostro continente. Riusciremo con l’aiuto
dello Spirito di Verità a cogliere azioni singole e prassi comunitarie
che rendano le chiese europee credibili nell’annuncio del Vangelo
dentro la narrazione di questa storia? La nostra Chiesa locale sente
l’urgenza di pensare la fede in questi nuovi contesti?

 


a cura dell’ufficio per il coordinamento della pastorale della Diocesi di Chioggia

Comments are now closed for this entry